IN AUTOBUS - NON AVREI MAI PENSATO CHE MIA MOGLIE

MIA MOGLIE A VOLTE PENSAVA A CIO' CHE ERA SUCCESSO NEL VICOLO IL 13AGOSTO, SEMBRAVA CHE FOSSE FINITA A QUELLA SERA, MA NN FU COSI'.
OMAR NN SI FACEVA SENTIRE LEI SPERAVA IN UN SUO SMS ,MA NIENTE PASSARONO 3 GIORNI E RICEVETTE IN UFFICIO UN MESS. WHATSAPP DA OMAR CHE GLI DICEVA CHE AVEVA VOGLIA DI VEDERLA E ALLEGO' ALCUNE FOTO DEL SUO CAZZO IN TIRO DICENDOGLI CHE ERA DURO X LEI. ANDO' IN BAGNO X LEGGERE MESSAGGIO, GUARDO' FOTO DI QUESTO ARNESE LUNGO GROSSO CHE LEI AVEVA TENUTO TRA LE COSCE E CHE AVEVA FATTO SBORRARE TRA LE SUE GAMBE, SI TOCCA X UN PO' POI TORNA ALLA SCRIVANIA. TORNATA A CASA ALLA SERA ME NE PARLO' (ERA MERCOLEDI 16) DICENDOMI CHE OMAR SI ERA FATTO SENTIRE E CHE VOLEVA RIVEDERLA, GLI DISSI CHE NN ERA IL CASO DICENDOLE CHE IL SABATO AVEVA RISCHIATO GROSSO SE AVEVA PIU' TEMPO L'AVREBBE SCOPATA NEL VICOLO, LEI MI RISPOSE DI STARE TRANQUILLO SE UNA COSA NN VUOI CHE SUCCEDA NN SUCCEDE. MI CONVINSE DECIDEMMO X IL VENERDI' SERA IL 18 AGOSTO,LA STESSA LINEA BUS DOVE HA INCONTRATO OMAR, LEI DALLA CONTENTEZZA MI BACIO' SI INGINOCCHIO' MI ABBASSO' PANTALONI E SLIP E INIZIO' A LECCARMI ILCAZZO LO PRESE IN BOCCA LO SENTIVA CRESCERE E INIZIO' A SBOCCHINARE FINO A FARMI SBORRARE. ARRRIVO' IL VENERDI' SERA, TORNO' DALL' UFFICIO E ANDO' SUBITO A FARE LA DOCCIA CENAMMO IN FRETTA E ANDO' A PREPARARSI DOPO UN PO' VENNE DA ME GIA' VESTITA DICENDO COME STO'? IO ALLA VISTA ESCLAMAI WOW CHE GNOCCA, AVEVA UN VESTITINO NERO INTERO CON SPALLINA TIPO CANOTTIERA ELASTICIZZATO CORTO SANDALI A ZEPPA NN TANTO ALTI, SOTTO AVEVA REGGISENO PUSH UP E PERIZOMA CON IL FILO DIETRO NERO...GLI DISSI STAMMI SEMPRE VICINO XKE' SE QUALCUNO TI PRENDE SCOPA LEI SORRISE DICENDO MA VALA'.
SALIMMO IN AUTO E CI DIRIGEMMO IN CENTRO,PER STRADA MI DICEVA COSA AVREMMO FATTO, CIOE' UNA VOLTA SALITO SUL BUS IO DOVEVO STRUSCIARLA MA DOVEVO SPOSTARMI SUBITO X FARE POSTO AD ALTRI DISSE PRIMA CHE SALE OMAR VOGLIO SENTIRE ALMENO QUALCHE CAZZO DURO CHE MI STRUSCIA. ARRIVAMMO AL SOLITO PARCHEGGIO E CI AVVIAMMO A PIEDI VERSO LA FERMATA CHE DISTAVA 800METRI, QUANDO CAMMINAVA GLI SALIVA SU IL VESTITO CHE LEI TIRAVA GIU' LE DISSI LASCIALO SU E' UNA BELLA VISIONE LEI SORRISE.
ARRIVAMMO ALLA FERMATA ERA PRESTO IL BUS PASSAVA TRA 30 MINUTI, CI SEDEMMO A UN TAVOLINO DI UN BAR PRENDEMMO UN CAFFE', ERA AMMIRATA ANCHE IL CAMERIERE LA FISSO' TRA LE GAMBE, LEI SE ACCORSE E ACCAVALLANDOLE MALIZIOSAMENTE LE APRI' FACENDO VEDERE LA FIGA, IL CAMERIERE RIMASE STUPITO ANCHE IO LA TROIA NN AVEVA MESSO IL PERIZOMA, GLI CHIESI COME MAI NN L' AVESSE CON SORRISINO DISSE: VOGLIO SENTIRE BENE IL CAZZO STASERA SORRISI DICENDO CHE TROIA CHE SEI. ARRIVO' BUS SALIMMO NN ERA PIENO CIRCA UNA 20 PERSONE
LEI DA UNA PARTE E IO DALL' ALTRA STAVO X RAGGIUNGERLA MA STUPITO VIDI CHE OMAR ERA GIA' SUL BUS GLI ANDO' SUBITO DIETRO RIMASE STUPITA ANCHE LEI NN LO ASPETTAVA ORA. MI FERMAI RIMASI A 2-3 METRI AVEVO VISUALE LUI ERA GIA' INCOLLATO A LEI E SI SFREGAVA FACEVA MOVIMENTI CIRCOLARI CON IL BACINO LEI CORRISPONDEVA A MOVIMENTI DI LUI SPINGENDO CULO VERSO DI LUI, LUI POI SPINGEVA IL SUO CAZZO NEL SUO CULO SIMULAVA LEI A OGNI COLPO SI MORDEVA LABBRA, SALIRONO ALTRE PERSONE, LUI LA PRESSAVA INIZIAVO A PERDERE VISUALE NOTAI CHE VICINO A LORO C'ERANO 4 UOMINI DI COLORE CHE AVEVANO NOTATO CIO' CHE OMAR E MIA MOGLIE FACEVANO. LA GONNA ERA SALITA X GLI SFREGAMENTI DI OMAR GLI MISE LE BRACCIA INTORNO ALLA VITE GLI SPINGENDO IL SUO CULO VERSO IL CAZZO LEI SI DIMENAVA, SI ERANO ECCITATI ANCHE I 4 DI COLORE SI TOCCAVANO IL CAZZO MENTRE GUARDAVANO, SALIRONO ALTRE PERSONE IO NN RIUSCIVO PIU' A VEDERE NIENTE.. ERANO LE ORE 22,15 GIUNSI ALLA FERMATA SCESI (NN HO POTUTO NEANCHE VEDERE CIO' CHE FACEVANO) E MI INCAMMINAI
AVEVO 30MINUTI DI STRADA X RAGGIUNGERE IL PARCHEGGIO E ALLE ORE 23 MIA MOGLIE ARRIVAVA LI'. AL PENSIERO DI COSA STAVA FACENDO SUL BUS MI ECCITAVA IN BALIA DI QUEL RAGAZZO CON UN CAZZO ENORME PENSAVO ORA LO AVRA' TRA LE COSCIE, LO STARA ACCAREZZANDO LUI SI SARA' ACCORTO CHE ERA SENZA SLIP GLI TOCCHERA' LA FIGA INFILANDO LE DITA DENTRO ERANO TUTTI PENSIERI CHE MI FRULLAVANO X LA MENTE.
( ORA CIO' CHE SCRIVO ME LO HA RACCONTATO LEI )
OMAR NN SI E' SCOLLATO UN ATTIMO DA LEI LA TOCCAVA DA TUTTE LE PARTI, ACCORTESI CHE ERA SENZA SLIP A INIZIATO A MASSAGGIARGLI LA FIGA METTENDO 3 DITA DENTRO ERA TUTTA BAGNATA LUI CONTINUAVA A SPINGERE CAZZO NELLE CHIAPPE LEI GEMEVA, OMAR GLI PRESE MANO E LA MISE NEI SUOI PANTALONI LEI GLI TOCCA LA GROSSA CAPPELLA GLI STRINGE IL CAZZO DA FARGLI SFUGGIRE UN GEMITO DI PIACERE ANCHE A LUI, SI ACCORGONO CHE LI STANNO GUARDANDO, LUI NN SI MUOVE X NIENTE CONTINUA.. IL BUS SI FERMA A UNA FERMATA (NN ERA QUELLA CHE LEI DOVEVA SCENDERE) LUI GLI PRENDE BRACCIO E SCENDANO DAL BUS LEI NN SI ASPETTAVA CIO' LUI CONOSCEVA LA ZONA ERANO LE 22,45, LE TIENE UN BRACCIO SULLE SPALLE LA BACIA IN BOCCA LEI RICAMBIA LE LINGUE SI TOCCANO SE LE SUCCHIANO A VICENDA LEI FREME GLI PIACE BACIARE SI DIRIGONO IN UN PARCO CHE COME HA DETTO LEI LUI CONOSCEVA, DICE A LUI CHE E' TARDI CHE DEVE ANDARE ALL' AUTO LUI NN ASCOLTA CONTINUA A BACIARLA QUASI A FARLA TACERE LEI E' IN ESTASY LUI LA TOCCA DA TUTTE LE PARTI GEME DAL PIACERE, VANNO IN FONDO AL PARCO UNA ZONA POCO ILLUMINATA CHE LUI CONOSCEVA BENE, C'ERA UNA PANCHINA LUI SI APPOGGIA ALLA SPALLIERA TIRANDOSI MIA MOGLIE VERSO SI LUI,VERSO IL SUO CAZZO CHE ERA DURO ESAGERATAMENTE GLI ALZA LA GONNA TENENDO TRA LE MANI LE SUE CHIAPPE E SPINGE LA SUA FIGA CONTRO UCCELLO CONTINUANDO A BACIARLA LEI HA IL SUO VISO TRA LE MANI E LO BACIA INTENSAMENTE CON LA LINGUA PASSA SULLE LABBRA GLIELE SUCCHIA SON ENTRAMBI ECCITATI LE E' BAGNATA TONNA A INFILARE LE SUE DITA NELLA FIGA 3 POI 4 E SIMULA UCCELLO CHE PENETRA, LEI GLI TOCCA IL CAZZO LUI AVEVA APPENA ABBASSATO PANTALONI, LO PRENDE IN MANO CON ALTRA PRENDE LE PALLE E SCORRE FACENDOGLI UNA SEGA POI LO PRENDE CON ENTRAMBE E SE LO PORTA TRA LE GAMBE LO STROFINA SULLA FIGA LO IMPUNTA PERFINO, LEI COLA UMORI DI PIACERE GEMANO TUTTI E DUE DAL PIACERE. LA FA INGINOCCHIARE PUNTANDOGLI IL CAZZO ALLA BOCCA LEI INZIA A BACIARLO A LECCARE GLI PRENDE LA GROSSA CAPPELLA IN BOCCA E LA SUCCHIA LUI SUSSULTA DAL PIACERE PROVA A PRENDERLO IN BOCCA MA FA FATICA DALLA CIRCONFERENZA CI RIESCE MA LO PREDE IN BOCCA IL GIUSTO NN RIESCE PIU' DI TANTO LUI GEMEVA MA NN GLI BASTAVA VOLEVA CHE ANDASSE PIU' GIU' FINO ALLE PALLE MA LEI NN RIUSCIVA, GLI PRESE IL CAPO TRA LE MANI E SELVAGGIAMENTE LA SPINSE GIU' FINO A TOCCARE TOSSILLE, CONTINUAVA A MUOVELA LUI SU E GIU' FINO IN FONDO ALLA GOLA GLI LACRIMAVANO OCCHI MA AVEVA PIACERE DI AVERE QUESTO GROSSO CAZZO IN BOCCA. CI PRESE GUSTO POI FACEVA LEI SENZA IL SUO AIUTO SELVAGGIO FINO IN GOLA SE LO METTEVA E SUCCHIAVA E GIU' OMAR GODEVA MOLTO. RIUSCI A FARLO VENIRE GLI SPRUZZO TANTA SBORRA IN BOCCA CHE LEI FACEVA SCORRE TRA LE LABBRA (INGOIO NN GLI MAI PIACIUTO MA NE INGOIO' PARECCHIA) AVEVA MOLTA SBORRA IN BOCCA, TIRO' FUORI IL CAZZO DALLA BOCCA X FARLO SBORRARE IN FACCIA NEI CAPELLI ERA TANTA. NEL FRATTEMPO IO NN VEDENDOLA ARRIVARE INIZIAI A CHIAMARLA ERANO 23,30 MA LEI NN RISPONDEVA MANDI SMS E NIENTE INIZIAI A PREOCCUPARMI MI AVVIAI NELLA STRADINA SEMI BUIA DOVE SI FERMO' L' ALTRO SABATO MA NIENTE ERA DESERTA.. PREOCCUPATO CONTINUAI A CHIAMARLA MA NIENTE RISPOSTA, ERANO LE 23,50 RICEVO SMS DA LEI CHE DICEVA - TUTTO BENE ARRIVO TRA 1h CIRCA STAI TRANQUILLO- LI CAPII CHE AVEVA INTENZIONI DI SCOPARE QUEL CAZZO.
ERA COPERTA DI SBORRA, I CAPELLI ERA PIENI IL VISO ANCHE LUI GLIELA SPALMO'.. SI ALZA BACIANDOLO ( LEI PENSAVA CHE ERA FINITA LI) LUI L' AFFERRA E LA PREME VERSO IL SUO CAZZO ANCORA IN EREZIONE LEI ERA MERAVIGLIATA, LUI CONTINUA A SIMULARE PENETRAZIONE..SI LASCIANO SCIVOLARE SI TROVANO DISTESI SULL ERBA LEI SOTTO E LUI A FIANCO CHE LA TOCCA TRA LE GAMBE GLI INFILA 3 DITA POI 4 E MUOVE LEI E' UN LAGO DI PIACERE HA IN MANO QUELLA MAZZA DURA UMIDA DI SBORRA, LUI GLI SPOSTA REGGISENO E INIZIA A SUCCHIARLE I CAPEZZOLI,GODE OMAR LA STA FACENDO GODERE CON DITA, IN CAZZO DI LUI SEMPRE PIU' DURO, HA IL VESTITO SOLLEVATO LUI SCENDE CON LA TESTA TRA LE SUE GAMBE E INIZIA A LECCARGLI LA FIGA LA PENETRA CON LA LINGUA E' ECCITTATA, GLI SUCCHIA LE LABBRA DELLA FIGA,HA TANTO PIACERE GLI COLANO UMORI CHE LUI SUCCHIA E' LARGHISSIMA LUI SI SPOSTA E GLI VA SOPRA TENENDO IN MANO IL SUO UCCELLO LO IMPUNTA HA LA CAPPELLA TRA LE LABBRA DELLA FIGA E INIZIA A SPINGERE PIANO E' BAGNATISSIMA LEI LA CAPPELLA GLI ENTRA SENZA FARGLI MALE, LUI CONTINUA A SPINGERE MIA MOGLIE GODE DA QUELLA MAZZA CHE STA CERCANDO DI ENTRARE CONTINUA A FARLA ENTRARE DOLCEMENTE SPINGE SEMPRE DI PIU' HA LA FIGA DILATATA X IL GROSSO ARNESE, ARRIVA IN FONDO NON LO SPINGE TUTTO XKE' SI E' ACCORTO CHE GLI STAVA FACENDO MALE E INZIA A SCOPARLA GODE LA TROIA GODE VIENE UN PAIO DI VOLTE LUI ANCORA NIENTE CONTINUA A SCOPARLA GODE DA MORIRE URLA DAL PIACERE INCITANDOLO A NN FERMARSI, ALLA FINE LUI SBORRA GLI SBORRA NELLA FIGA LO TIRA FUORI E LA SPRUZZA IN FACCIA .. SI ALZANO E LUI SI SIEDE SULLA PANCHINA LA FA SALIRE A CAVALCIONI SU DI LUI INFILANDOLE DENTRO IL CAZZO ANCORA DURO LO TIENE DENTRO X UN PO' MA LEI NN SI RIESCE A MUOVERSI ANCHE CON IL SUO AIUTO, SCENDE GIRANDOSI SI SIEDE SUL CAZZO ORA DIRIGE LEI I MOVIMENTI, AFFONDA QUEL CAZZONE DENTRO DI LEI E MUOVE IL BACINO SIA LUI CHE LEI GODONO TANTO COLA LA SBORRA DI LUI E DI LEI...LEI E' AL SETTIMO CIELO NN HA MAI GODUTO COSI' SEMBRA CHE LUI NN VOGLIA SMETTERE E' ANCORA DURO E LEI CONTINUA A PRENDERLO. LUI LA FA FERMARE GLI DICE DI ALZARSI SI ALZANO E VANNO DIETRO ALLA PANCHINA, LA FA PIEGARE SULLA SPALLIERA E LA PENETRA LA FIGA DA DIETRO, URLA DI NN SMETTERE GODE MOLTO, LEI E' BLOCCATA FA TUTTO LUI INFLIGGE DEI COLPI FORTISSIMI LEI E' UN LAGO DI PIACERE NN RIESCE A RAGIONARE, E' IN BALIA DI LUI FA CIO' CHE VUOLE LEI GODE GODE TANTO, TUTTO A UN TRATTO LUI SI FERMA E TIRA FURI IL CAZZO DALLA FIGA LEI LO IMPLORA DI RIMETTERLO DENTRO, LUI PRIMA GLIELO METTE CONTRO LA FIGA MA A UN TRATTO LO SPOSTA CERCANDO DI INFILARLO NEL CULO MIA MOGLIE EMETTE UN URLO DI DOLORE ERA TALMENTE BAGNATA CHE RIUSCI A ENTRARE TUTTA LA GROSSA CAPPELLA NEL CULO AVEVA DOLORE MA NN REAGIVA, INFILATOGLI CAPPELLA NEL CULO VEDENDO CHE GLI FACEVA MALE SI FERMO' NN ANDO' OLTRE SI LIMITO' A SBORRARGLI NEL CULO..COLAVA SBORRA TRA LE GAMBE, SI RICOMPOSERO USCIRONO DAL PARCO LUI L' ACCOMPAGNO' AL VICOLO CHE PORTAVA AL PARGHEGGIO SI FERMARONO SI BACIARONO INTENSAMENTE SI SALUTARONO E LEI SI AVVIO' COLANDO SBORRA DALLE GAMBE.. ARRIVO' ALL' AUTO ERANO 1,20 ENTRO' MI DISSE SOLO.. SI E' SUCCESSO DI TUTTO,NN CHIEDERMI NIENTE ORA. AVEVA CAPELLI APPICCICOSI LA PELLE APPICICOSA ANCHE QUELLA IL VESTITO UMIDO.. LI' CAPII CHE AVEVA PRESO TANTA SBORRA DA TT LE PARTI,
Story URL: https://xhamster.com/stories/in-autobus-non-avrei-mai-pensato-che-mia-moglie-693411
Please or register to post comments
If spammers comment on your content, only you can see and manage such comments Delete all
to Frangesco: quella linea bus faro' di tt x evitarla.. no nn succedera' piu' (SPERO)
Spero di leggere altre storie! Se è una storia vera, la prossima volta al ritorno potresti fare anche qualche foto a tua moglie, senza riprenderle il viso, dopo l'incontro con Omar
1 year ago
Reply