This is a print version of story Una suocera molto comprensiva I°. by vittogross from xHamster.com

Una suocera molto comprensiva I°.

La storia è tutta vera.
Avevo 31 anni, ero sposato da circa sei mesi, la mia vita sessuale era stata, con mia moglie, molto intensa, fino a quando non rimase incinta. Dal sesto mese iniziò ad avere seri problemi con la gravidanza e quindi, vuoi per i problemi suoi, voi per la mia apprensione, non pensai più al sesso e per tutto il tempo, fino al momento successivo al parto, il mio coso non si era mai più alzato, lo usavo solo per fare la pipì.
Mia moglie partorì e per fortuna andò tutto bene, dopo qualche giorno, quando lei ancora era in ospedale, iniziò a risvegliarsi anche il mio coso e quel pomeriggio mi ritrovai con il cazzo in mano talmente duro che sembrava di ferro. Preciso, che negli ultimi tempi, mia suocera si era presa cura di casa nostra ed aveva anche le chiavi. Questa cosa mi era passata di mente, e quindi, dopo la doccia, con solo l’accappatoio addosso, preso dall’eccitazione mi misi davanti al computer a vedere qualche clip porno e totalmente rilassato iniziai a masturbarmi; non avendo tolto il sonoro alla clip, non mi accorsi che era entrato qualcuno in casa; il qualcuno era mia suocera, che dalla porta semiaperta vedeva tutta la scena fino a quando non bussò e con un mezzo sorriso disse
“hai bisogno d’aiuto?”
A quel punto mi vergognai come un ladro e coprendomi dissi per giustificarmi
“scusami, sono mesi che non ho rapporti, ed essendomi rilassato un po’, si era risvegliato qualcosa e stavo approfittando perché credevo di essere solo in casa, ti prego scusami”
Lei molto comprensiva si scusò a sua volta per avermi disturbato e disse
“scusami tu se ti ho interrotto, so bene che sei in astinenza da molto tempo, e ti ripeto, se vuoi ti aiuto”
Nel frattempo il cazzo era ritornato moscio ma sentendo quelle parole si ridrizzò, ero molto imbarazzato ed allora le chiesi
“aiutarmi in che cosa ?”
E lei
“A sessanta anni non credo di essere desiderabile e poi sono la mamma di tua moglie, ma la mia mano al posto della tua potrebbe essere più piacevole”
Rimasi esterrefatto, ma la cosa mi stava intrigando da morire, allora senza dire nulla, con un cenno della testa, accettai l’aiuto.
Rimasi seduto ed aprii meglio l’accappatoio, lei si avvicinò e stando in piedi, mi mise la mano sinistra tra i capelli e con la destra iniziò ad accarezzarmi l’uccello. Aveva una mano delicatissima e continuando ad accarezzarmi ora le palle ora l’asta e poi la cappella, fece sì che il cazzo mi ritornasse durissimo. Quando fu di nuovo al massimo dell’erezione, portò la sua bocca a circa quindici centimetri dal cazzo e fece scivolare sulla cappella una buona quantità di saliva in modo da lubrificare bene le parti per una buona masturbazione; così iniziò una lenta e piacevolissima masturbazione e disse
“Rilassati, ma dimmi quando stai per venire”
Mi stravaccai meglio sulla poltrona della scrivania, chiusi gli occhi e mi godetti quella meravigliosa sega; durai pochissimi minuti; quando stavo per venire l’avvisai e lei con le sue mani esperte indirizzo l’asta verso il mio petto dove scaricai tutta la sborra del periodo di astinenza. Lo strizzò perbene fino a far uscire tutto lo sperma poi disse
“Aspetta, non muoverti”
Andò in cucina e ritornò con della carta asciuga tutto, mi pulì perbene il petto e poi disse ancora
“Mi sono permessa di aiutarti perché sapevo di riuscirci bene, sai tuo suocero che gran puttaniere che è stato, ma mi diceva sempre che come facevo le seghe io, non le faceva nessun’altra”
Fu quello, l’approccio con mia suocera sessantenne intraprendente.



Story URL: http://xhamster.com/user/vittogross/posts/26673.html