This is a print version of story Confessione by loris86set from xHamster.com

Confessione

Ero caduto sciando ed erano già trenta giorni che avevo il gesso sia sulla mano sinistra per la frattura del polso e di due dita, sia alla spalla destra per la lussazione della spalla e del polso. Per i miei bisogni quotidiani avevamo assunto Alvin un filippino che mi accudiva dal mattino fino alle otto di sera e mi faceva di tutto. Anche per studiare mi aiutava a girare le pagine.
Avevo le palle piene e avevo voglia di farmi una sega, ma non potevo. La sera tardi sentivo Lidia mia sorella dalla camera accanto che si masturbava e veniva con dei mugolii soffocati ed io ero sempre più arrapato.
Alvin ebbe una telefonata e ci chiese un permesso poiché la moglie incinta non si sentiva bene. Lidia dopo aver telefonato ai nostri genitori ebbe l’ok e disse che poteva sostituirlo finché loro non sarebbero rientrati.
Il mio aiutante se ne andò e lei mi venne a chiedere se avevo bisogno di qualcosa. Volli coinvolgerla in quel che pensavo fosse anche un suo desiderio. Da piccoli giocavamo sempre insieme e siamo cresciuti facendo di solito le stesse cose. Ho avuto sempre un debole per lei che era corrisposto ma sempre in maniera amorevole e superficiale. Le pulsioni che provavamo da qualche tempo l’uno per l’altra erano mascherate da piccoli baci e abbracci e rimanevano in maniera latente aspettando il momento propizio per venire fuori. Volli metterla alla prova per vedere che reazione avesse avuto guardandomi nudo. Osservandola negli occhi avrei subito capito quali sensazioni provasse.
Le chiesi se fosse disposta ad aiutarmi ad andare in bagno per fare pipì, altrimenti le dissi che avrei potuto aspettare nostro padre quando sarebbe tornato più tardi. Lei non esitò e mi rispose che volentieri mi avrebbe aiutato, anche se la vidi un po’ imbarazzata, però interessata.
Notai che mi guardava con quegli occhi intelligenti per scrutare cosa pensassi. Appena mi abbassò lo slip diventò subito rossa vedendo il mio cazzo eretto. Mi disse che provava un po’ di vergogna poiché era la prima volta che vedeva un uomo nudo e non immaginava che fosse così emozionante. Le dissi di prenderlo in mano e farmi urinare. Lei lo fece prendendolo con l'indice e il pollice e così rimase dopo che avevo finito di fare pipì, restò a fissarlo come si fa per un’opera d’arte. Le chiesi di scuoterlo, lei lo fece e me lo mise di nuovo a posto nello slip. Guardandomi con occhi vogliosi e deglutendo mi bisbigliò:
“Se ho finito, vado di là”.
Sapevo di averla un po’ turbata ma coinvolta in quello che anche lei desiderava. Io avevo provato un immenso piacere per quel tocco ingenuo

e voglioso sul mio cazzo. La sera la sentii di nuovo che si masturbava e sussurrava a bassa voce il mio nome. Il giorno successivo andai in ospedale e mi tolsero i gessi. Finalmente potevo riusare le mani, dovevo fare della riabilitazione sia per la spalla sia per la mano.
Lidia quando tornò da scuola, mi salutò con un bacio sulla guancia e disse: “Finalmente puoi usare di nuovo le mani, sono molto contenta per te”. Poi guardandole mi suggerì di mettere della crema poiché erano un po’ screpolate. Quando tornò con una crema idratante di nostra madre, si era cambiata ed era vestita con una camicetta colorata, aperta avanti, che faceva intravedere il suo bel seno. Subito mi complimentai con lei dicendole: “Sai Lidia attiri molto la mia attenzione e la mia immaginazione guardandoti va oltre, qualche volta sei entrata anche nei miei pensieri erotici”.
Lei mi rispose: “Sì l’ho intuito, ho visto che ieri mi guardavi con degli occhi come se mi volessi spogliare”. Intanto più la guardavo e più mi si rizzava il cazzo. Lei lo notò e mi chiese quale tecnica usassi per farlo diventare duro.
Lidia era proprio alle prime armi. Così le dissi: “Quando ti vedo come sei vestita in questo momento, con la camicetta molto scollata e il tuo bel seno che s’intravede, mi viene voglia di toccarlo e ciò mi provoca un’eccitazione enorme che ha come conseguenza l’erezione.”
Mentre mi passava la crema un po’ untuosa sulle mani, divenne rossa e mi riferì che anche alle donne quando viene la voglia succede qualcosa. Poi guardandomi negli occhi disse: “Delle volte ci troviamo bagnate nell'intimità e ora io mi sento tutta bagnata, perché te lo vedo duro e lo sto visualizzando nella mia mente”. Finì di passarmi la crema, io rimasi con le mani untuose e lei si allontanò per lavarsele, poi tornò dicendomi se hai bisogno di qualcosa, poiché Alvin è andato via per il solito permesso, io sono qui accanto.
Presi la palla al balzo e le chiesi di aiutarmi, poiché dovevo fare pipì e avevo le mani unte. Non se lo fece ripetere due volte. Subito mi prese sotto il braccio e mi disse “E’ un piacere caro fratellino” Andammo insieme nel bagno. Mi abbassò il pantalone e lo slip e questa volta prese in mano il mio cazzo e se lo mise a guardare da vicino, mi disse che le piaceva toccarlo poiché provava delle belle sensazioni e ciò le faceva venire una certa voglia. Mi fece fare pipì e poi mi accompagnò in camera. Si sedette a fianco a me ed io con il cuore in gola per l’emozione le parlai in modo molto esplicito:
“E’ molto tempo che ascolto dalla mia camera quando tu ti masturbi, le nostre camere sono confinanti e si sente quasi tutto. La nostra educazione sessuale è ferma solo alla teoria e molte cose le apprendiamo dai nostri coetanei più informati di noi. Siccome né tu né io siamo fidanzati, ho pensato che le prime nostre prime esperienze sessuali le potremmo fare assieme, quindi avere conoscenza migliore dei nostri corpi. Noi siamo fratelli e molte volte abbiamo provato le stesse sensazioni ed emozioni, di sicuro non mi sbaglio se dico che tu provi per me la stessa attrazione che io provo per te”. Rimase un po’ perplessa e poi mi rispose: “E’ vero ciò che mi hai appena detto, ieri sera quando mi sono masturbata, ho pensato al tuo cazzo, provo anch'io una forte voglia di fare le prime esperienze con te così impareremo a conoscerci meglio anche sessualmente”. Ci mettemmo d’accordo di attuare il nostro piano per sabato sera quando i nostri genitori sarebbero andati fuori con i loro amici.
Lidia non è molto alta, i suoi occhi grigioverdi brillano come smeraldi e le danno uno sguardo malizioso assieme alle sue labbra carnose e sorridenti. Il suo piccolo naso leggermente all'insù è incorniciato nel suo bel viso contornato dai capelli color castano chiaro tagliati fino all'altezza delle spalle. Ha un bel culetto sul quale molte volte avevo fatto un bel pensierino erotico. Io sono un po’ più alto di lei ed ho il fisico più atletico poiché pratico dello sport. Lidia ha scarso quindici anni mentre io ne ho sedici e mezzo.
Eravamo entrambi eccitati per la trasgressione che ci accingevamo a compiere. Dopo due giorni venne il fatidico sabato. Aspettammo che i nostri genitori uscissero per recarsi dai loro amici, mangiammo qualcosa e poi decidemmo di andare nella sua stanza poiché la sua camera aveva il bagno privato. Lei dopo che i miei genitori furono via, si era truccata e indossò una minigonna provocante. La sua stanza era sempre molto ordinata e ora era in penombra. Le pareti erano tinte di rosa mentre il soffitto era blu, sugli scaffali facevano mostra delle bamboline e qualche peluche. Una foto di quando eravamo più piccoli e stavamo abbracciati era incorniciata in un portafoto d’argento e ci fissava sorridente da una mensola.
Il suo profumo era quello che usava nostra madre, quell'odore me la faceva pensare e m’inebriava i sensi, era lei che avevo come sexi-symbol nei miei sogni erotici e per lei mi facevo molte seghe, lei era il mio chiodo fisso.
Ci mettemmo sul letto io appoggiato alla spalliera e lei seduta, tra le mie cosce rivolta verso la tv. Incominciammo a vedere un film, io ero alle sue spalle e incominciai a toccarle il seno da sopra la camicetta, lei mi prese la mano fra le sue me l’accarezzò e poi me la rimise sul suo seno. Mi disse: “Toccami piano piano sui capezzoli mi piace moltissimo”. Al primo intervallo lei si girò verso di me e si tolse la camicetta, si avvicinò e mi toccò il cazzo da sopra la tuta. Mi spogliai anch'io e rimasi a torso nudo. Le tolsi il reggiseno incominciai a baciarle il collo e poi i capezzoli. Lei sembrò quasi impazzita, mi disse: “ Com'è bello, succhiameli” lo feci subito, lei chiuse gli occhi prese la mia mano e la mise sulla sua vagina, incominciava già a fremere. Spensi la tv e ci spogliammo, lei aveva indossato un perizoma che faceva intravedere la sua tana d’amore. Quando vidi Lidia nuda con quel bel seno diritto e turgido e il triangolo peloso della sua vagina color rame scuro che era così invitante mi avvicinai e le palpai il seno. Lei incominciò delicatamente a toccarmi le palle e poi il cazzo, lo baciò e strusciò il suo capezzolo sopra. Mi disse: “Tony provo delle bellissime sensazioni mi sento molto eccitata, sono ansiosa di cosa succederà fra poco”. La sua bocca vogliosa baciò prima il mio cazzo e poi si schiuse sulle mie labbra. Lidia era caldissima e aveva molta voglia quanto me ed era curiosa di vedere come venivo. Le spiegai come doveva fare per masturbarmi. Incominciò a leccarmi la cappella del cazzo, con la mano sinistra mi accarezzava le palle e con la destra stringeva il cazzo soffiandoci il suo alito caldo sopra, poi lo mise piano piano in bocca, lo leccava velocemente come un gelato che sta per sciogliersi. La stimolazione di una mano femminile sul mio pene mi eccitava moltissimo. Mi disse: “Sto godendo moltissimo mi piace leccartelo, sono bagnatissima, sento già gli umori che scendono fra le mie gambe”. Lo introdusse per metà in bocca mentre con la mano andava velocemente su e giù. Era tutta assorta in quella frenesia e dal piacere che provava e mentre si deliziava, mi guardava negli occhi in cui leggeva la mia espressione estasiata. Sapeva che la desideravo molto e ciò per lei era uno stimolo in più per farmi godere. Continuava a leccarmi la cappella delicatamente facendo dei piccoli cerchietti con la lingua e poi lo prese piano piano tutto nella bocca aperta, sentivo il caldo della sua bocca che s’irradiava sul mio cazzo, non ce la feci più a res****re e le dissi: “Sto per venire!” Lo tolse dalla bocca e lo teneva come un microfono in mano davanti alla sua faccia ed era in attesa della mia eiaculazione. Al punto dell'orgasmo, mosse la mano destra verso la base del cazzo e quasi me lo strizzò. Ora la cappella era lucente e liscia. Gli spruzzi le arrivarono sul viso, lei chiuse gli occhi per un attimo, non si aspettava di sicuro che venissi così copiosamente, subito assaggiò lo sperma, poi prese il mio glande in bocca e ingurgitò lentamente qualche goccia, disse che le piaceva e mi continuò a leccare il cazzo, poi passandosi la lingua sulle labbra bisbigliò con una voce quasi magica e roca e con un’espressione languida dagli occhi vogliosi: “Quanta roba è uscita, è densa e calda, il suo sapore m’inebria l’odore di muschiato mi travolge i sensi, peccato che sia già finito”. Si andò a sciacquare e tornò poco dopo.
La baciai e le dissi: “Sei stata bravissima, per essere la prima volta. Ho visto che ti è piaciuto molto, anch'io sono rimasto contento mi hai fatto godere in una maniera straordinaria, Lidia ti adoro. Ora è il tuo turno. Ho un po’ di esperienza perché a casa di Marco abbiamo visto diverse volte dei film hard. Ora mi devi dire solo, mentre ti masturbo cosa ti piace di più, io ascolterò e metterò in pratica ogni tuo suggerimento”.
Lei disse: “Fa tutto quello che vuoi, desidero godere moltissimo! Ho una voglia matta addosso, muoviti non ce la faccio più, sono tutta un fuoco!”.
La feci stendere sul letto, lei sospirando socchiuse gli occhi. Respirava lentamente a denti stretti. Io incominciai a toccarle il seno tutto intorno, sfiorando ogni tanto la parte inferiore, le toccai i capezzoli, contornati da quell'aureola color prugna, fino a che non diventarono belli turgidi, gliene succhiai uno e glielo leccai. Poi scesi su quel nido ancora inesplorato da nessun uomo. Sgrillettai il clitoride del suo dolce frutto acerbo, da cui uscirono gli umori che le bagnarono le cosce, subito glieli leccai e poi le misi un dito nella fica che lei mi strinse subito. Eravamo molto eccitati, mi avvicinai alla sua bocca e ci demmo per la prima volta un bacio con la lingua, i nostri sensi erano tutti coinvolti in questa nuova esperienza, sentivamo delle bellissime sensazioni che non avevamo mai provato, lei non stava più nella pelle, finalmente poteva condividere quei momenti di piacere molto intimi con un’altra persona. Con voce interrotta dai sospiri, m’incitava: “Si continua così, mi piace”. Scesi a leccarle la fica, le allargai piano le labbra, lei aveva le gambe allargate, la mia lingua scivolò nella sua vagina stretta, il velluto di peli che le copriva la fica era un dolce solletico sulla mia bocca, i suoi umori avevano un senso di acre dolce e delicato, la lingua era diventata il mio strumento di piacere, lei spinse il bacino verso la mia faccia e mi disse: “continua così sto godendo moltissimo, non ti fermare finché non te lo dico”. Sentii che lei fremeva ogni linguata che le davo sul clitoride, mi accarezzava la testa spingendola delicatamente verso il suo bacino, quasi pazzamente incominciò a fremere e a mugolare muovendo il bacino freneticamente. La sua vagina era gonfia e bagnata. Tuffai il mio dito nella sua figa, l’immersione fu piacevole, il caldo della sua figa mi eccitava moltissimo, lei me lo strinse in quella morsa vellutata e gemendo mi disse: “spingilo più dentro! Si così, muoviti veloce, così! ancora più veloce, ancora!” e lamentandosi di piacere con dei gridolini e spasmi di goduria “oh si, oh si, oh si Tony sto per venire, ecco, ora” e con un fremito lungo mi strinse il dito nella sua fica e gemendo mi disse: “ Godo al massimo, non togliermi il dito, è così bello averti dentro. Ecco così ora vengo vengooooooo.” Fu davvero molto bello aver fatto venire Lidia a quel modo, ero soddisfatto di me stesso. Ancora fremendo un po’, mi disse: “Mamma mia com'è stato bello! Che bell'orgasmo che ho avuto, Tony sei stato fantastico, ho provato delle sensazioni meravigliose, ti voglio bene fratellino, ho ancora i brividi addosso, sono felice e contenta di avere avuto questa bella esperienza con te, desidero averne altre sempre con te, so che sarà sempre bellissimo”. Mi diede un bacio sulle labbra, la sua bocca era ancora vogliosa, io non stavo più nella pelle. Lidia mi aveva eccitato al massimo ero di nuovo pronto per appagare la forte pulsione. Continuammo così per ore poi io mi ritirai nella mia stanza.
Passò una settimana e vennero le feste pasquali.
Tutto andò liscio fino a quando mia sorella accompagnata da mia mamma in chiesa per Pasqua e per fare la comunione si doveva confessare. Lei aveva vergogna di dire al nostro parroco tutto ciò che era successo fra di noi. Poi dietro insistenze della mamma andò a confessarsi e fortunatamente trovò un prete anziano non della nostra parrocchia che era di passaggio e non la conosceva. Riferì tutto ciò che era successo fra di noi, però a voce un po’ più alta, poiché il prete era un po’ sordo. Mia mamma che era un po’ distante dal confessionale sentì tutta la confessione, ma non disse niente a mia sorella, pensò che fosse meglio parlare direttamente con me.
Il giorno successivo, lunedì, mio padre e Lidia andarono fuori città a prendere mia nonna materna per farla trascorrere la giornata con noi. Appena si allontanarono, mia mamma venne nella mia camera e mi chiese spiegazioni di quanto stava succedendo fra me e Lidia, poiché mi spiegò di aver ascoltato, per caso, la confessione fatta al prete da mia sorella.
Mia mamma Rosy era vestita per la festa con un jeans celeste e una camicetta rossa molto attillata, aperta davanti. Le sue tette prominenti m’incutevano una certa soggezione, un tenue color viola di ombretto sulle palpebre faceva risaltare i suoi occhi verde-acqua contornati dai suoi capelli lisci biondi. Le sue labbra carnose e invitanti erano tinte con un rossetto color fragola e quando sorrideva, i suoi denti bianchi erano una delizia a guardarli. La sua pelle emanava la fragranza molto femminile del profumo “j’adore”. Rosy era per me ciò che un uomo desidera da una donna, a livello fisico. Sull’altro lato della bilancia pesava la sua lieve nevrastenia.
Mentre le parlavo di Lidia, guardando com’era vestita in maniera quasi provocante, ebbi un’erezione che non potetti contenere, vidi che lei mi guardava fortemente verso la patta e non distoglieva lo sguardo, poi assunse un tono serio ma nervoso e mi disse:
“Con tua sorella la devi smettere, me lo devi giurare di non fare più nulla con tua sorella!” Mentre parlava continuava a guardarmi fissa lì con lo sguardo impietrito. “Che cosa vi è saltato in mente a tutti e due. Me la prendo con te perché sei più grande e dovresti proteggere tua sorella e non abusare della sua ingenuità. Non so cosa fare con te, ti ho visto che mi spiavi qualche volta, ma non ti ho detto mai niente. Ho lasciato correre, so che ho potuto sfiorare qualche tuo pensiero erotico poiché qualche volta le mamme possono provocare questo tipo di pulsione nei confronti dei figli maschi, ma non avrei mai immaginato che potevi strumentalizzare Lidia per le tue esigenze sessuali, con tua sorella hai esagerato. Dimmi la verità cosa pensi di me? Anch’io sono sulla tua lista erotica?”
Mi colse alla sprovvista ero confuso, ma coinvolto dalla sua avvenenza e le risposi con una voce quasi avvolta dal rimorso:
“Mamma io con te ho meno confidenza che con Lidia, sto attraversando un periodo strano della mia vita, non conosco nessuna ragazza che desidera fare sesso con me, tu mi coinvolgi emotivamente e molte volte mi sono masturbato pensando di fare l’amore con te. Io ti desidero e non potendotelo dire mi sono accontentato di coinvolgere Lidia che somiglia molto a te, quindi ho iniziato con lei questo rapporto più intimo, però solo da una settimana”.
Pensò un attimo e poi mi disse: “Se mi giuri che con tua sorella troncherai questo rapporto. Io non mortificherò tua sorella, non le dirò niente, però me lo devi giurare ora subito!” Il suo tono era imperativo e non accettava nessuna via d’uscita. “Te lo giuro che non starò più con Lidia” le risposi “Però ti devo dire che quando sono stato con Lidia è stato bello, però negli attimi più coinvolgenti ho pensato a te, perché sei tu che desidero più di ogni altra cosa, qualche volta ho pregato affinché fosse esaudito questo mio desiderio”. Lei mi guardò fisso negli occhi. Abbassò un attimo la testa per pensare, poi vidi il suo volto estasiato. Stava organizzando mentalmente qualcosa e mi sbalordì quasi quando proferì queste parole:
“Poiché ti ho visto che mi sbirciavi qualche volta quando mi spogliavo e ti ho sentito masturbarti nel bagno dicendo a bassa voce il mio nome, finché non troverai una fidanzata”, si fermò un attimo e mi guardò fisso negli occhi. “Se davvero mi desideri tanto e ti credo, ho pensato a una soluzione che potrà soddisfare entrambi”. In quel momento guardavo mamma quasi come se fossi incantato e pendevo dalle sue labbra e dalle sue decisioni, avevo voglia di lei come si desidera un sorso d’acqua quando si ha sete. Ecco che arrivò la proposta:
“Se desideri così fortemente stare con me, perché io ti attraggo in questa maniera quasi da farti star male, voglio venirti incontro e appagherò le tue esigenze e pulsioni erotiche, però che non lo sappia nessuno, deve rimanere un segreto fra noi. Appena parlerai a Lidia e me ne darai conferma io farò in modo di organizzare i nostri incontri, perché te lo dico sinceramente anch'io ho pensato a te, ma in maniera diversa, ho sublimato questo mio desiderio idealizzandolo e ti ho accontentato in tutto e per tutto ciò che tu hai desiderato. Ora ti apro il mio cuore e ti esterno i miei desideri. Purtroppo, io sono come un vulcano, anch'io come te ho esigenza di fare l’amore spesso. Ho come una smania che mi viene e se non faccio l’amore divento sempre più nervosa. Non voglio più masturbarmi. Con te avrei risolto questo mio desiderio e necessità, non andandomi a cercare un altro uomo fuori di casa. A me farebbe molto piacere avere un rapporto d’amore con te perché sei mio figlio. Forse te ne sarai accorto che con tuo padre da tempo non andiamo più d’accordo”.
La guardai negli occhi, mentre il mio cazzo aveva raggiunto il massimo della dimensione e le dissi: “Te lo giuro che rimarrà un segreto fra noi, ma dammi una prova subito di quanto mi hai detto e con Lidia finirà tutto”. Questo idea che le esternai mi fece impazzire di libidine. Il sangue mi pulsava nelle vene vertiginosamente e la mia mente lo indirizzava e lo concentrava sul mio cazzo.
Sospettai che mia mamma, qualche volta, mentre si spogliava, lasciava la porta aperta proprio per farsi guardare. Il desiderio, la voglia e le pulsioni sessuali erano più forti dei legami familiari, non aspettavamo ambedue che questo momento. Lei mi disse: “Oramai conosci il mio punto debole, se vuoi una prova, io sono pronta a metterla in atto subito, anch'io ho voglia di fare l’amore, con te in special modo” si spogliò in un attimo, mentre io la guardavo esterrefatto. Rosy era avvenente, la voglia matta di fare l’amore t****lava dai suoi occhi vogliosi che lasciavano intuire anche a me non esperto ciò che lei desiderava, ormai i nostri ormoni stavano lavorando al massimo e la voglia che ci aveva assalito era quasi a****lesca. Mi spogliai anch'io celermente e vidi che lei guardava estasiata il mio cazzo, mi chiese se avessi mai avuto un rapporto sessuale completo, le risposi di no. Lei fu oltremodo contenta, mi disse “Ora ti svergino io, sarà la cosa più bella della nostra vita, ho voglia di te Tony. Voglio essere scopata e strapazzata”. Mi fermai un attimo a contemplarla, ammirai a lungo le sue belle gambe, il suo viso radioso, le labbra, il suo respiro, le mani lungo il corpo, il contorno dei suoi seni. I miei sensi erano concentrati solo su di lei e avevano un unico scopo quello di veicolare tutto il mio amore e la mia libidine su Rosy. Le toccai quelle belle tette e gliele leccai, lei mi prese il cazzo in mano e se lo mise subito in bocca. Mi disse “Tony ho una voglia matta di fare l’amore, tuo padre mi trascura, ti desidero sei carne della mia carne, hai il cazzo grosso come nonno Marco. Quando facevamo con mia madre e mio padre nudismo ed io ero ragazzina, tutti guardavano il cazzo di tuo nonno. L’ho sempre desiderato, ma mia madre è stata sempre molto attenta. Ora voglio provare questa bella sensazione di sentirmi riempita la vagina dal tuo cazzo, sono tutta bagnata. Ora ti farò divertire”.
Misi a frutto quella poca esperienza che avevo fatto con Lidia e subito le andai a leccare la fica, il sapore dei suoi umori erano quasi identici a quelli di Lidia, appena le sfiorai il clitoride lei mugolò con dei versetti di piacere che mi misero un brividino di piacere addosso, mentre ero intento ad allargarle le labbra per penetrarla con il dito, lei si contorceva e si palpava le tette i cui capezzoli contornati dall'aureola brunastra erano diventati turgidi. Allargò le gambe al massimo e mi accarezzava la testa comprimendola sulla sua fica che era un po’ nascosta dai peli un po’ fatti a riccioli di un colore castano chiaro le cui labbra apparivano come d’incanto mostrando la caverna che custodivano. Non ce la feci più tolsi la testa lei vide il mio cazzo enorme lo baciò lo prese in mano, strofinò la cappella sul clitoride brevemente e poi se lo mise dentro la fica. Appena la penetrai disse: “È entrato così facilmente perché sono bagnatissima, finalmente lo sento dappertutto”, mentre io istintivamente iniziai a dimenarmi come un matto, le toccai le tette e gliele strinsi forte però poco dopo, o per il caldo che emanava la sua fica o per l’emozione o perché era la prima volta che avevo un rapporto, venni subito e la inondai del mio seme caldo. Era la prima volta che penetravo una donna e ciò che provai fu davvero bellissimo. Lei mi strinse il cazzo dentro e se lo tenne nella sua tana al calduccio, mi abbracciava e mi baciava io le inondai la bocca di baci. Rimanemmo a baciarci ed accarezzarci per un tempo che sembrò infinito. Mentre stavo dentro di lei ancora, il mio cazzo si irrigidì di nuovo, lei ora incominciò a dimenarsi ero tutto dentro e lei con un forte respiro e con la bocca aperta e gli occhi spalancati per la beatitudine che provava incominciò a muoversi forsennatamente; chiuse gli occhi e si concentrò e gemendo quasi lamentosamente mi invogliava a penetrarla sempre con più veemenza. Mi s**tenai e la penetrai quasi ossessivamente con un ritmo velocissimo, lei mi piantò le unghie nella schiena quando si sentì posseduta come desiderava. Le assestai dei colpi quasi micidiali come se le volessi sfondare la fica, lei mi urlò, ”sto venendo, sto venendo, ecco si ora spruzzami” e il mio sperma quasi a comando uscì come vulcano che eruttava, lei strinse il mio cazzo dentro la sua fica caldissima, e mi guardò estasiata. Poi mi disse: “Non hai niente da imparare mi hai soddisfatta, sono venuta come desideravo da molto tempo, ora sei diventato uomo, ti amo Tony, è stato un orgasmo che non provavo da anni, tutti i miei sensi sono stati coinvolti. Ho visto che anche tu hai goduto moltissimo. Le prossime volte sarà sempre così bello”. Lei si sentiva appagata, sembravamo due sposini la prima notte di nozze, ormai il ghiaccio era rotto, furono sensazioni bellissime.
Ci rivestimmo e ci facemmo una doccia veloce.
Mia nonna con mio padre e Lidia tornarono dopo un’ora e trovarono mia madre che cucinava. Il suo viso aveva assunto un’espressione raggiante. Si salutarono e Rosy le disse che era molto contenta di vederla e che le feste le portavano gioia nel cuore. Anch'io avevo un atteggiamento che emanava una felicità interiore.
Mia sorella mi fece cenno di andare con lei e ci appartammo nel salotto. Mi raccontò della confessione e disse che era pentita di quanto era successo fra di noi e aveva deciso di non continuare più i nostri incontri sessuali. Io feci finta che mi dispiaceva, ma condividevo la sua decisione. Le dissi che era stato piacevole stare con lei, ma era giusto così come lei aveva deciso. Linda ora si sentì tranquillizzata ed anch’io ero più contento. Mi avvicinai a mia madre e le dissi sottovoce che con Lidia era tutto sistemato.
Festeggiammo quel lunedì con tanta allegria quasi mai vista nella mia famiglia. Mio padre e Lidia la sera accompagnarono la nonna a casa.
Io e Rosy non perdemmo l’occasione per stare di nuovo insieme. Dovevamo soddisfare le nostre brame lussuriose. Mi lasciai andare ad eccessi bestiali, non soltanto senza vergognarmene, ma perfino provando un certo orgoglio, vedendo che il mio fisico poteva reggere all'abuso. Dopo circa due ore ci arrivò una telefonata da parte di mio padre che ci avvertiva che per il traffico avrebbe fatto molto tardi. Mia madre gli rispose “ Oh mi dispiace molto” e strizzandomi l’occhio proseguì: “stai senza pensiero c’è qui Tony che mi tiene buona compagnia!”
Così ci abbandonammo di nuovo nei nostri giochi amorosi che Rosy molto esperta si dedicava ad insegnarmi con maestria.


Story URL: http://xhamster.com/user/loris86set/posts/136262.html