This is a print version of story Il cugino della mia amica by zizzi87 from xHamster.com

Il cugino della mia amica

(racconto trovato in rete)

Il mio nome è Mara. Ho diciotto anni come tutti i personaggi di questa storia.
Sono una gran puttana, basta un nulla perché la mia fica vada a fuoco.
Non sono male, ho due belle tette a forma di coppa e un culetto bello tondo, una mia particolarità
è avere una fica molto pelosa.
Mi piace essere scopata da sconosciuti, in particolare da uomini maturi molto porci, che mi fanno
sentire molto troia. Amo essere vista quando mi faccio sbattere, o almeno che le mie performance
si sappiano in giro, essere additata come una baldracca mi eccita e io adoro essere eccitata.
Ho una solo amica, oltre quelle che ho conosciute nelle mie scorribande notturno, si chiama
Roberta. Le hanno insegnato che il sesso è una cosa bellissima e ognuno è libero di viverlo
liberamente e chi lo vive più liberamente di me?
Mi piace raccontarle le mie avventure: è come tenere un diario (ho provato ha tenerlo un diario,
ma scrivere le mie storie di sesso mi mandava troppo su di giri). Quando le racconto come come ho
goduto, o cosa desidero, mi dice che, in realtà, mi piace essere umiliata e dovrei farmi curare.
Una sola cosa ci divide, il suo fidanzato. Fa di tutto per tenerlo a distanza da me (ha paura che
me lo scopi, e ha proprio ragione!).
Qualche istante fa mi ha telefonato, mi ha detto che è venuta a trovarla sua cugino Giampiero, che
si fermerà da lei alcuni giorni e se vogliamo uscire tutti insieme.
Le ho chiesto suo cugino com'è, carino? Lei mi ha risposto: "Molto".
Vi ho già detto da che tipo di uomini mi piace essere scopata, ma l'idea di farmi un bel ragazzo
mi attira e attira anche la mia fichetta, che comincia a bagnarsi.
Mi vesto in maniera provocante (come sempre) il trucco è pesante come piace a me e resto
un istante nel dubbio se mettere o no le mutandine, decido per il no.
Vedo Roberta, il suo fidanzato e un tipo bonissimo. Mi precipito verso di loro, cioè verso di lui.
Giampiero, mi fa un sorriso cordiale, e, sulla macchina del fidanzato di Roberta ci avviamo verso
un boschetto fuori città. Il "bonissimo" mi parla di molte cose, soprattutto di musica. io rispondo
a monosillabi, mentre sento una calda voglia salirmi dalla fica e invadermi tutto il corpo.
Scendiamo dalla macchina e Roberta e il fidanzato si allontanano. Sono sola con Giampiero, penso:
"Dai stronzo, che aspetti a toccarmi, non vedi che sono praticamente nuda".
Non so come comportarmi, quelli che conosco mi sarebbero già saltati addosso da un pezzo.
Ho i capezzoli eretti, non li vede questo coglione, mi sono messa apposta un vestito che fa
vedere tutto. Ho le gambe molli...
Finalmente mi decido, aderisco col mio corpo al suo, e gi dico:
"Scopami".
Giampiero mi guarda stupito, ma il suo cazzo è durissimo.
Mi lascio scivolare sul suo corpo, fino a trovarmi inginocchata davanti a lui, gli apro la
la patta dei pantaloni e mi trovo davanti un arnese di dimensioni impressionanti, non posso far
a meno di dire:
"Quant'è grosso".
Comincio coi coglioni, lecco prima uno e poi l'altro, li succhio. Anche questi enormi.
Passo a leccare l'asta, cioè quella specie di tronco di carne.
Passo la lingua sulle vene scure, cerco i suoi punti più sensibili, insisto.
Tento di prendere in bocca la cappella, ci riesco solo in parte. Succhio... lecco...
Sento i suoi mugolii di piacere, insisto, continuo la mia lotta impari con quel cazzo a****lesco.
La mia fica è, oltre che bagnatissima, gonfia e spalancata.
Un cazzo solo non mi basta, ne vorrei un altro che si muovesse su e giu nella vagina mentre mi do da
fare con la bocca.
A un certo punto, il membro di Giampiero prende pulsare, i suoi mugolii si fanno più intensi e mi rovescia in
bocca getti di sborra cremosa. Tento di ingoiare tutto, ma per il poco che riesco a mandare giù,
la maggior parte mi si sparge sul viso e sul vestito.
Finalmente si calma, lo guardo dal basso in alto e gli dico:
" Ne hai fatta tanta".
Lecco la sborra intorno alla mia bocca, la raccolgo con le dita e prendo a succhiarle.
Inizio a ripulirgli la cappella con la lingua, quasi subito il cazzo si erge di nuovo in tutta la
sua possenza.
Mi lascio cadere all'indietro sull'erba, apro le coscie e grido:
"Scopami, fammi una fica così".
Giampiero si pone su di me e, con cautela, inserisce il suo enorme membro nella mia fica
arrapatissima.
Sento la cappella, premere delicatamente sul collo dell'utero. L'asta riempie completamente la
mia caverna spalancata. Mi fa un po' male e, se non fosse per la delicatezza con cui si muove,
griderei di dolore.
Cerco di muovermi, ma ho pochissimo spazio. Mi pare di non essere altro che un'appendice di quel
cazzo che mi gigantesco che dilata la fica.
Muovo i moscoli della vagina per accrescere il contatto con quel membro poderoso.
Sento Giampiero mugolare di piacere, mi stringo più che posso a quel tronco. Le mie screzioni
sono talmente abbondanti che mi pare di avere un fiume tra le coscie. Senza il minimo
preavviso, vengo una prima volta, poi un'altra, poi un'altra ancora. Dopo qualche colpo più deciso,
viene anche Giampiero. La sua sborra mi inonda il fondo della vagina e è talmente tanta che si
riversa all'esterno.


Quando ci siamo rincontrate con Roberta, gli ho raccontato tutto. Lei mi ha risposto che è felice
che avessi fatto godere il suo adorato cugino e che è contenta di avere un'amica come me.

Io quando sono presa da una voglia, non riesco a trovare pace finché non l'ho realizzata.
La voglia che mi ha preso è di prendere in culo il cazzo di Giampiero.
Quando glielo dico, lui ha molti dubbi che la cosa si possa fare, ho per lo meno senza un serio
pericolo per me.
Insisto, lo prego in tutti i modi di provare. Cede.
A casa mia non c'è nessuno, ci vediamo lì. Ci spogliamo rapidamente e cominciamo a giocare con i
nostri corpi, senza pensare a niente di preciso.
Gli bacio il cazzo, glielo lecco. mi spingo con la lingua fino all'ano. Gli chiedo di fare lo
stesso con me e lui mi obbedisce.
Finalmente, mi metto a quattro zampe gli offro il buco del culo. lui prende un tubetto di
lubrificante, se lo passa sul prima sul cazzo e poi mi unge abbondantemente tra le chiappe. Quella
operazione mi manda, ancor più, su di giri. Non vedo l'ora di essere impalata da quell'ariete
luccicante.
Punta la cappella contro la mia rosellina, e comincia a spingere con grande cautela.
Quando entra, sento un dolore lancinante, le lacrime mi schizzano dagli occhi e non posso trattenere
un grido.
Lui si ferma, sembra voglia tirarsi indietro, ma io lo scongiuro di ins****re. Ogni colpo, per
quanto delicato, è una specie di pugnalata (eppure non è la prima volta che mi faccio inculare).
Alla sofferenza si mescola l'eccitazione più forte che abbia mai provato. Porto la mano fra le
coscie per masturbarmi.
Giampiero sustituisce la sua mano alla mia e, dopo pochi sfregamenti del grilletto, precipito in
una sequenza di orgasmi intensissimi.
Ogni movimento del mio corpo non fa altro che farmi sentire più intensamente quella colonna di
pietra che mi occupa il retto. Piacere-dolore, piacere dolore.
Anche lui viene e getti di sperma a non finire mi invadono gli intestini.
Lui si sfila, io resto con l'ano dilatato e dolorante, piena di una insospettata soddisfazione.
quasi subito, sento lo stimolo e devo correre al gabinetto. Per più di un'ora non faccio che
cacare sborra.

Oggi, il cugino di Roberta è tornato a casa: sentirò la mancanza di quel distributore automatico
di sborra. Tornerò alle mie scorribande notturne, ma rasterà sempre un posto per Giampiero nella
mia fica.


Story URL: http://xhamster.com/user/zizzi87/posts/131136.html