Storie in famiglia 5



Erick non sta nella pelle. Sua madre gli ha detto che non si stancherà nel farsi cavalcare e lo farà anche in presenza di suo padre. Gli ha anche detto che zia Holly lo vorrebbe nel suo letto. Incomincia a pensare ad Holly sempre con più insistenza. Sua madre lo percepisce. A letto la sua irruenza si è affievolita. Decide di dare una piccola spinta psicologica al figlio. “Erick, figliolo, non ti sembra che sia giunto il momento che tu faccia visita a tua zia?” “Mamma è un po’ che ci sto pensando. Non te l’ò detto per non offenderti” “Domani mattina, dopo che tuo zio sarà uscito, andrai da lei. Non avere paura di tuo zio; ci penserò io a tenerlo lontano. Tu pensa solo a fare il tuo dovere con tua zia. Non tornare da me se non l’avrai sessualmente soddisfatta. Da questo momento, per evitarti tentazioni che possono influire sulle tue prestazioni, ti starò lontana. Non mi cercare." Esce dalla stanza e sparisce dalla casa; in effetti va in giardino e chiama suo cognato col telefonino portatile. Gli chiede, prima di rientrare a casa, di passare da lei. Poi chiama suo marito e gli suggerisce di allungare i suoi impegni per almeno un altro mese. Serghej intuisce il perché dell’invito a tenersi lontano da casa per un tempo così lungo. Senza fare domande assicura la moglie che non farà ritorno a casa fino a quando non sarà lei a chiamarlo. Le augura di trascorrere delle giornate di piacevole divertimento. Janet è soddisfatta. Lei e suo figlio hanno campo libero e tempo a disposizione. Rientra in casa e vede il figlio che si sta preparando per uscire. Sorride. Non gli chiede niente. Ha capito. Erick dopo essersi fatto la doccia indossa una maglietta, gli slip ed i jeans ed esce di casa. Prima che la porta si chiude alle sue spalle sente la voce della madre che gli augura di avere successo. Senza voltarsi il ragazzo esce e si precipita giù per le scale. Raggiunge la porta dell’appartamento della zia e pigia il dito sul pulsante del campanello. Pochi minuti e la porta si apre. Holly, sua zia, gli è davanti. È avvolta in un accappatoio ed ha i capelli bagnati. È appena uscita dalla doccia. “Oh! Sei tu. Vieni entra.” Erick entra e chiude la porta. Segue la zia fin dentro il salone. “Aspettami qui. Cinque minuti e sono da te.” I minuti diventano sessanta. Holly è ritornata in bagno e si sta guardando allo specchio. Una vampata di calore la pervade il corpo. Il viso diventa rosso. La micetta che alberga fra le sue gambe lancia miagolii sempre più forti. I capezzoli si inturgidiscono e le mammelle si induriscono. Uno degli oggetti di desiderio di cui ha discusso con sua madre e sua cognata sta lì in casa sua. Non che le dispiaccia. Al contrario il suo corpo lo desidera. È come lo aspettasse. Avrebbe preferito che ad aspettarla nel salone ci fosse suo figlio. Purtroppo Yvonne non lo lascia andare. Non può lasciarlo ancora ad aspettare. Si libera dell’accappatoio e indossa una camicia che le arriva fino a metà coscia. Sotto non ha niente. La micetta e le tette sono libere. Non sono costrette ad essere circondate da indumenti di cui si può benissimo farne a meno. L’abbottona fino sotto la linea delle tette. Holly ha delle mammelle che farebbero la felicità delle più belle dive del mondo della celluloide. Ne sanno qualcosa suo marito e suo fratello che si sono deliziati leccandole e succhiando latte dai suoi capezzoli. Ne sa qualcosa sua cognata che, nonostante abbia tette altrettante favolose, la invidia. Holly è orgogliosa delle sue mammelle. Ne va fiera. Il resto delle gambe che sbucano da sotto la camicia sono altrettanto belle. Come pure è bello il suo culo bianco con le fattezze di un mandolino capovolto. Per non parlare delle labbra carnose che si ritrova e degli splendenti occhi di colore blu. Ama il suo corpo. Con questo pensiero nella mente arriva nel salone. Al vederla il nipote schizza in piedi dal divano. Sua zia, bella, seducente, solare è lì davanti a lui. Ne è ammaliato. “Come mai sei qui. È un bel pò che non ti fai vedere. Dove sei stato tutto questo tempo?” Erick non può certamente dirle che per circa un mese si è trastullato fra le braccia di sua madre. Il ragazzo non sa che sua zia è al corrente di quello che sta succedendo al piano superiore della villa. “Mi è venuto voglia di vederti. Lo so. Sono stato assente, ma ero molto impegnato.” Holly sa in che tipo di impegno si è trovato ad affrontare il nipote. “Non è che tua madre c’entri qualcosa con le tue mancate visite? Ti ha forse impedito di venirmi a trovare?” Il ragazzo abbassa lo sguardo verso il pavimento. “No zia! Sono io che avevo timore di venire a trovarti.” Holly lo guarda e capisce. Deve incalzarlo. Non deve lasciarselo sfuggire. “Timore? Perché dovresti averne? Mica ti mangio. Sono forse una strega?” “Ecco l’hai detto. Sei una strega e mi hai stregato” “Che cavolo dici? Ti ho stregato?” “Sì. Zia Sono innamorato di te. Tu mi piaci da morire. Voglio fare l’amore con te” “Tu … Tu vuoi scoparmi? Sono tua zia: La sorella di tuo padre” “Sei anche una donna e per di più molto bella. Sono sicuro che anche tu desideri essere montata da me.” Può benissimo abbandonare la tattica di circuirlo. Suo nipote non si dimostra affatto complessato dal fatto di stare parlando a sua zia. “Sei uno sfrontato. Non so chi mi trattenga dal prenderti a schiaffi” “Quello che ti trattiene è la voglia che hai di me. Sono sicuro che è così” “Cosa ti da questa certezza?” Erick si avvicina alla zia alza le mani e, sotto lo sguardo di Holly, sbottona tutti i bottoni della camicia. Infila le mani nell’apertura e le poggia sulle tette. “La tua nudità è la certezza. Il tuo seno sodo libero dal reggiseno e la tua fica libera da mutande. E poi c’è il tempo che hai impiegato per fare ritorno. Mi hai lasciato solo per circa un’ora. Hai impiegato tutto questo tempo per convincerti che le cose devono andare così come le hai sognate. Tu mi ami” Holly deve riconoscere che suo nipote ha ragione. “Sì ti amo. Baciami.” È fatta. Sua madre ha ragione. Bastava dirglielo e sua zia si sarebbe concessa senza porre ostacoli. Le loro bocche si uniscono in un lungo bacio carico di desideri. Le loro lingue si sfidano. Si avviluppano e danno vita ad un lungo e furioso duello. La zia non smette di frullare la sua lingua nella bocca del nipote il quale diventa cianotico per mancanza d’aria. La donna è una furia. Lo spinge facendolo cadere seduto sul divano. Si libera della camicia. Si siede sulle gambe del nipote. Porta le mani sotto le mammelle. Gonfia il torace e offre i suoi globi d’alabastro a suo nipote. “Baciale. Leccale. Succhiale. So che ti piacciono. I tuoi occhi non le danno tregua. Hai sempre sbirciato nelle mie scollature. Prendile, sono tue.” Gli occhi di Erick brillano di cupidigia. Sua zia lo invita a giocare con le sue tette. Lui ci si avventa. Le sue mani strizzano le sode poppe. Con i polpastrelli dell’indice e del pollice torce i capezzoli e li tira come volesse allungarli. “Così mi fai male. Fai piano. Non trattarle male. Non scapperanno” “Zia hai delle tette favolose. Non ho mai visto mammelle belle come le tue. Nemmeno la nonna e mamma le hanno cosi belle” “Hai visto le tette di mia madre e di tua madre. Quando? Dove?” “A casa della nonna. Era presente anche tuo figlio”. Erick non dice che dopo si è trastullato con il corpo della madre e che ha giocato con le tette materne. Sa di essersi sbilanciato. Per riparare all’errore fatto si precipita a prendere fra le labbra uno dei grossi e scuri capezzoli e comincia a succhiare come un cucciolo affamato che si aggrappa alla mammella della propria madre per trarne sostentamento. Holly ha già allattato suo nipote. L’ha fatto quando Erick era un cucciolo d’uomo. Gli ha dato latte cosi come l’ha dato al figlio. A lei piaceva tenerli attaccati al proprio seno e allattarli. Ora, però, le sue tette non producono latte e non può sfamare il porcellino che è attaccato alle sue voluminose poppe. La mancanza di latte non sembra dispiacere suo nipote che succhia le mammelle di sua zia come se ce ne fosse. L’atto d’amore di suo nipote le provoca piacere. Sente l’utero contrarsi e poi rilassarsi. Una sua mano si insinua fra le sue gambe. Le dita agganciano il clitoride e si spara una sega. Dopo pochi minuti sta già godendo. Raccoglie i suoi umori con le dita e li spalma sui suoi capezzoli costringendo il nipote a leccarli come fossero gocce di latte. Erick è contento. Sua zia lo sta nutrendo. A lui piace quel sapore asprigno. “Basta succhiare. Ho la micetta in fiamme. Spetta a te spegnere le fiamme che la divorano” Lo costringe ad alzarsi dalle sue gambe. Si libera della camicia e poi fa spogliare il ragazzo. Di fronte al corpo nudo di suo nipote Holly non riesce a trattenere una esclamazione di meraviglia. Il ragazzo è ben fatto. Un particolare del corpo del nipote attira la sua attenzione: il cazzo. Sembra un ariete. Ne è magnetizzata. “Erick, hai una verga che è favolosa. Ed è puntata verso la mia bocca. Vuoi che ti faccia un pompino?” Dalla bocca del ragazzo non esce nessun suono. Nonostante abbia trascorso gli ultimi giorni della sua vita fra le braccia della madre non riesce a superare il senso di vergogna. Solo un lieve cenno del capo dice che accetta la proposta della zia. “Vieni. Avvicinati” Il glande è alla portata delle sue labbra. Holly china la testa e poggia le sue labbra sul lucido glande. Uno schiocco ed il ragazzo geme. È l’inizio della scalata alla vetta del piacere. La zia ha dato il primo bacio alla vibrante asta di carne del nipote. La donna fa scorrere le sue caldi labbra sulla superficie del cazzo. Raggiunge i testicoli. Apre la bocca e li accoglie nel suo caldo cavo orale. Le labbra si chiudono su di loro. La zia glieli succhia. Erick ulula. Holly li libera dall’abbraccio delle sue labbra. La sua lingua guizza verso l’esterno e la fa vibrare sull’inturgidita asta di rosea carne. Lentamente risale leccando lungo il pennone che le è davanti. Arriva in cima e lo fa entrare nella sua bocca. Lascia che scivoli verso il profondo della sua gola. Lo munge con le labbra. Lo succhia. Il nipote è in preda al delirio. La zia gli sta facendo un pompino di quelli con la P maiuscola. Di certo è più brava della madre. Ha un modo di succhiare il cazzo che sembra voglia svuotarlo della sua linfa vitale. “Dio. Zia. Continuando a succhiarmi il cazzo così come stai facendo presto ti eiaculerò in bocca” La zia non gli risponde. Imperterrita continua a succhiare il cazzo del nipote. Erick è ormai sul punto di esplodere. Afferra la testa della zia e la blocca contro il suo pube. Spinge il bacino in avanti e il piacere lo invade. Dalla sua uretra vengono espulsi copiosi fiotti di caldo sperma che si riversano nella gola della donna che li ingoia tutti. La zia si sta nutrendo dello sperma del nipote. Con le labbra continua a mungere il possente cazzo per far uscire tutto il miele che ancora stagna nel condotto uretrale. Alla fine il ragazzo si sente svuotato e si lascia andare sul divano. Holly lo guarda. È compiaciuta per aver dato piacere a suo nipote. Ha bevuto l’elisir direttamente dalla fonte. Gli è piaciuto. La sua mente gli dice che quanto prima tornerà ad abbeverarsi. Urge calmare la fame della micina i cui miagolii si fanno sentire a grande distanza. Conscia che il nipote è ancora scioccato per il pompino ricevuto Holly ha necessità che il ragazzo riprenda al più presto il proprio vigore. Con una mano avvolge il cazzo del nipote e lo mena. Erick sa che la zia non gli darà tregua. La madre è stata un ottima maestra. Sa che deve impegnarsi a fondo se vuole calmare la libidine di sua zia. Veloce spinge la zia a sedersi sul divano. La costringe ad allargare le cosce in modo tale che la vagina è pronta ad accoglierlo. Fionda la testa al centro delle cosce e porta la bocca sulla vagina. Prima la bacia e poi la lecca. Al contatto della lingua sulle grandi labbra la zia ha un brivido e nitrisce. La lingua di Erick guizza veloce sulla superficie della polposa vagina facendo delle rapide puntate all’interno dell’orifizio vaginale. Nella sua esplorazione la lingua di Erick incontra le piccole labbra e si sofferma a titillarle nonché a succhiarle. Holly dimostra il suo gradimento, per il lavoro che il nipote sta facendo sulla vagina, con lunghi miagolii alternati a possenti nitriti. La vagina produce secrezioni che il giovane Erick lappa con golosità il nettare che sua zia produce in continuazione. Nella sua esplorazione vaginale la lingua si imbatte in una piccola rosea e lucida protuberanza. È il clitoride. L’organo genitale femminile che opportunamente stimolato è capace di mandare in estasi la più fredda delle donne. Non è il caso di Holly. Appena la punta della lingua di suo nipote si posa sul glande del clitoride un ululato riempie il salone. È il momento atteso da Erick. Il ragazzo sa che quello è il momento. Deve far godere sua zia. Avvolge il pistoncino con le sue labbra e lo succhia. Holly muggisce. Un dito del ragazzo penetra la vagina e la chiava. L’azione combinata della bocca di Erick sul clitoride e il pistonare del dito nella vagina provocano nella donna grandi esplosioni ormonali. Il corpo di Holly vibra. Accompagna il raggiungimento dell’orgasmo con lungi nitriti di piacere. Erick si alza in piedi e costringe sua zia a girarsi a pancia sotto. Le fa assumere la posizione cosiddetta “alla pecorina”. Si posiziona dietro di lei e la penetra. Sua zia grida per la violenza del colpo ricevuto ma non si sottrae. Al contrario lo incita. Il grosso glande si apre la strada fra i ricci e folti peli che ornano la vagina di Holly; ne profana l’entrata ed entra nella calda alcova. Lei lo accoglie adattando le sue pareti alla grossa circonferenza del cazzo. Comprime i muscoli vaginali e munge il muscolo di carne che è dentro il suo ventre. Erick appoggia le mani sui fianchi di Holly e comincia a chiavarla. Lo fa lentamente. Il suo lento dentro fuori è dettato dal desiderio di non solo avere piacere, ma di dare piacere alla zia. Lui desidera che la zia goda. È estasiato. Il solo pensare di stare chiavando la sorella di suo padre gli provoca scariche di adrenalina. Attraverso lo specchio si vedono le mammelle della donna che, sotto la spinta dei colpi che il suo cazzo da alla vagina, dondolano come due campane. La donna è sovrastata dal piacere. Dalla sua bocca escono suoni incomprensibili. Il ragazzo si stende sulla schiena della donna; le circonda il torace con le braccia e con le mani si aggrappa alle dondolanti mammelle. Le dita artigliano i capezzoli e li strizzano fino a farle male. La donna grida. Gli morde il collo. Il corpo di Holly è attraversato da scosse. Il nipote accelera il ritmo delle spinte. Il cazzo di Erick entra ed esce dal ventre della zia sempre più veloce. Un urlo squassa il silenzio del salone. La donna ha raggiunto un orgasmo seguito subito dopo da un secondo e poi da un terzo. Anche il ragazzo è all’apice della vetta del piacere. Un grugnito accompagna l’esplosione del vulcano. Come lava che esce dal vulcano cosi lo sperma esce dal cazzo di Erick. Tre, quattro fiotti di denso e caldo sperma si riversano nel ventre di Holly. La innaffiano e la riempiono dando vita ad un lago in cui si perdono le secrezioni vaginali di Holly e del suo stesso sperma- I due corpi madidi di sudore, esausti, si abbattono l’uno sull’altro ponendo fine al loro amplesso. La prima a riprendersi è Holly. La bella donna guarda il guerriero steso al suo fianco. Fa scorrere lo sguardo sul corpo nudo del ragazzo. I suoi occhi si fermano sul fallo del nipote. Nonostante sia afflosciato riconosce che è un bel cazzo. Il suo ventre ha dato ospitalità a quella meraviglia. Ne ha goduto e ne godrà ancora per l’intera durata del giorno e della notte. il desiderio di avere il figlio nel proprio letto è per il momento accantonato. Allunga una mano e prende il telefono. Compone il numero della cognata. La voce di Janet la raggiunge. “Voglio avvisarti che tuo figlio è qui con me e ci resterà fino a domattina.” La cognata gli risponde che lo sa. “Sono stata io ad incoraggiarlo a venire da te” “Sai che fine abbia fatto mio figlio?” “Non dirmi che ti sei decisa a farti cavalcare? In questo momento è di certo ancora a trastullarsi con tua madre. La conosci. Quando tua madre ha un giovane puledro che si lascia cavalcare diventa una ninfomane. Dovrai aspettare che la sua libidine si esaurisca. Un ultima cosa. Tuo marito è qui con me e ci resterà per un bel po’. Ho deciso di farmi ingravidare. Lui è d’accordo. Spero che non ti dispiaccia” Holly guarda il ragazzo steso al suo fianco. Sua madre gli darà un fratellino o una sorellina. “Ti faccio i miei auguri più felici”. Riattacca il telefono e aspetta che il nipote si svegli. La guerra è appena iniziata.

100% (5/0)
 
Categories: Taboo
Posted by sukh1122
3 years ago    Views: 994
Comments
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
No comments