Mia Moglie, il capo


Giada,38 anni,bionda riccia occhi azzurri, corpicino ben fatto,formoso quanto basta. Fa la segretaria in uno studio d'analisi. Lei riceve i clienti, prende le prenotazioni, porta documenti ed incassi al capo. Mia moglie Giada e' una donna affabile,molto solare,splendida con le persone. L'amo ed a letto ci intendiamo molto. Le piace leccar lo,e' bravissima con la bocca. Io amo vederla a quattro zampe sopra il mio arnese. Purtroppo il cubetto e' off limits. Lavora per Mario, il padrone Dottore farmacista di uno studio d'analisi di provincia. Uno stronzo di 55 anni, pidocchio rifatto, lampadato con la faccia da coglione presuntuoso. Tratti i suoi dipendenti come schiavi, arrogante e scortese qual'e'. Lei è' molto servizievole, spesso per me troppo. Litighiamo per quanto non sa darsi rispettare e sotto sta alle continue richieste di lui. Fai questo,fai quello, sbrigati. Spesso dopo l'orario di lavoro. Certe volte, mentre ci stiamo per mettere a letto, eccitati un po' per quello che vogliamo fare, io la provoco e le dico che con il capo non da tanto la sostenuta. Magari se le chiede di inginocchiarsi e prenderlo, lei ci starebbe pure. Lei sbuffa e mi prende a male parole. Io insisto, poi iniziamo a dare l'amore e mentre le sono dentro, da dietro con lei supina, le sussurro che vorrebbe il cazzo del capo in bocca. Lei non dice nulla, ancheggia, gode, si eccita e sussurra si sii lo voglio. Mi fa incazzare ma godo come un toro a pensarla intenta a sottomettersi con lo stronzo. Capita spesso, capita a letto o per provocarla. A lavoro poi, si veste sempre carina, ci tiene molto. Spesso gonnelline, camicette, collant e scarpine eleganti. Camice bianco per completare l'opera. Come ho già' detto, io il suo cubetto non l'ho mai preso. Quando scopiamo supini, infilo il mio arnese da dietro, nella sua parata accogliente, bagnandoci completamente e subito. Calza a pennello e le piace mentre la prendo stringendole i seni. Le piace che le sussurro cose,meglio che è' un po' Troia e vuole il cazzo di un altro. Le piace e lo sento. Un giorno, dovevo andare a lavoro, il treno non passa ed allora decido di telefonare e restare a casa. Sono le 9 lei e' a lavoro da 1 ora. Non le telefono, vado a trovarla per un saluto. Arrivo davanti lo il lavoratorio. C'è' molta gente, la fila. Guardo dentro, al bancone c'è' la collega,lei non c'è'. Forse e di la, forse allo studio del Dottore stronzo. Sto per telefonarle, poi noto che al solito posto dei cappotti di tutti i dipendenti,il suo di quella mattina non c'è'. Forse e' andata a fare una commissione?. Decido di andare via,a pranzo ci saremmo visti a casa. Piove un po', vado per prendere l'auto e con la coda dell'occhio in fondo alla strada, la intravedo camminare verso il palazzo dello studio del Dottore. Strano. Perché' a quell'ora dal Dottore?. Sono geloso fradicio. E' bastardo dentro quell'uomo ed eppure sento che ha un certo dominio sulla mia donna. Non so perché', non so per quale scintilla, decido di seguirla e spiarla. Il palazzo in questione, e' un edificio a 3 piani. Molti terrazzi ed una scala esterna. Lo studio del medico, e' al terzo piano. Entrando dal portone, 3 rampe di scale e poi la porta principale. Non avrei potuto fare nulla una volta dentro lo studio. Ma ecco la sorpresa. Mia moglie, non entra nel portone, bensì fa il giro largo e scende verso la rampa dei garage. A dare cosa? Mi chiedo. La seguo, le sono a 30mt circa. La vedo scendere nei garage, attraversarli tutti e raggiungere i magazzini in fondo. Io appostato dietro una colonna, la vedo avvicinarsi, guardarsi intorno e poi bussare. Dopo pochi secondi la porta si apre. Con mio grande stupore, ecco il Dottore. Apre, compare e con una mano decisa le cinge la nuca, con l'altra il ventre e la stringe a se per baciarla. Un lungo ed intenso bacio in bocca, con lei sporta verso di lui, dondolante. Ora le agguanta e solleva una coscia a mano piena. Poi le palpa il culo. E'arrapato da morire. La stringe a se, la tocca con vigore e la desidera. Lei obbedisce in silenzio, subordinata ad ogni suo desiderio. Vieni! Vieni troietta le dice, vieni con me. Le prende una mano e la porta in un angolo dietro un muro alto del magazzino. Solo arrampicandomi su di un pa****tto potei osservare la scena. L'aveva poggiata con il ventre al muro, gettato a terra il camice e sollevato completamente la gonna. Lui inginocchiato le leccava i collant sopra il culo, cingendole forte i fianchi. Troia, ti rompo il culo adesso. Lei non fece un fiato, si sporse verso di lui, divarico' meglio le gambe e languendo di piacere si fece calare i collant e perizoma a mezza gamba. Le tocco' e poi affondo' ben bene con le dita dentro la vulva. La fece bagnare e temere ben bene. Quando pronta, inizio' a massaggiare e poi affondare una, due dita nel buchino di lei. Il culo no!. Cazzo a me no e con lui si?. Rosicavo ed ero pieno di rabbia. Cornuto ed eccitato come uno stronzo. Le ficco' il gingillo con tutta l'indelicatezza che si possa pensare. Guardavo mia moglie farsi ingroppare come una vacca da quel bastardo porco. Troiaaa! Sei una troiaaa. Dillo che sei la mia troiaaa. E lei, con gli occhi chiusi,ansimante, sii sono una troia. Sfondami padrone,sfondami tutta. La inculo' fino in fondo, alla fine le afferro' i capelli e la tiro' a se. Godiiii puttana!!!. Vennero insieme, nel culo di lei. Si avvinghiarono a terra a quattro zampe ansimando di piacere. La vidi godere come non mai. Scappai via. Scappai a masturbarmi. L'ebbi duro tutto il giorno. Tornata a casa volevo ucciderla. Insultarla. Invece lei, entro' mi bacio' e volle fare l'amore. Non dissi mai nulla. Fini' così'. Era la schiava del suo padrone. L'amavo comunque

100% (6/0)
 
Categories: Mature
Posted by silvano1151
11 months ago    Views: 1,082
Comments (1)
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
11 months ago
storia vera o fantasia?