Una milf da film (parte 2 - il debutto di mamma)

Le giornate successive furono travolgenti in casa mia. Mamma si calava bene nel ruolo di zoccola di casa: oltre a vederle regolarmente le grazie in bagno, aveva iniziato praticamente a vivere nuda, e io ne approfittavo spesso per toccare, considerato il suo piacere nel provocare per poi negarsi. Io però ero entrato in un tunnel di perversione dal quale difficilmente sarei uscito, considerato che la mia perenne erezione poteva raffreddarsi solo con le masturbazioni che dedicavo a mia madre in tutte le salse, nella fattispecie con il suo coinvolgimento in un’orgia, nella quale mi immaginavo che facesse sesso orale con 3-4 miei amici, il cui pensiero bastava a farmi venire in pochi secondi. Gli stessi miei amici che erano diventati il sogno erotico della mia dea di casa, di cui bramava i cazzi vibranti dentro di sé, sarebbero anche stati facilmente coinvolgibili nelle nostre fantasie, considerato che in passato gli apprezzamenti su mia madre si sprecavano: soprattutto in occasioni di bevute di gruppo, frasi come “la mamma di A. è veramente figa” , “me la scoperei con molto piacere” erano la regola, se poi si considerano eventi come la visione accidentale della sua fica da parte di un mio amico, G. , o come gli apprezzamenti pesanti che talvolta le rivolgevano, si comprende meglio la ragione della mia fantasia di vedere mia madre fare sesso selvaggio con i miei amici. Tra i tanti episodi, ricordo bene quando un mio amico, S. , che poi sarebbe divenuto uno dei “clienti” di mamma, le fece dei complimenti spinti a cui lei rispose con sculettate e occhiate eloquenti. Comunque, una settimana dopo la nostra scopata i****tuosa, un pomeriggio, durante un suo bidet, entrai in bagno molto silenziosamente e iniziai a baciarle delicatamente il collo, mentre le mie mani iniziavano a sfiorare il getto d’acqua aiutandola nella sua pulizia, unimmo le nostre lingue in un vortice erotico dopo il quale, in procinto di scoppiare dalla sborra, mi abbassai le mutande implorando mamma di farmi un pompino. Lei, nell’ennesimo impeto di provocazione, mi negò il servizio, iniziando a strizzarsi la sua quinta misura di seno. “Amore, mi hai fatto una promessa… Non voglio soddisfare solo te” disse, passandosi la lingua sulle labbra.
“Mamma ti prego, sto scoppiando, voglio venirti in faccia!”
“Le promesse si mantengono…”
“Fatti sborrare addosso e ne discutiamo…” risposi, sudato come un cinghiale.
Il discorso si fermò per un momento, e mentre gli occhi neri di mamma, pieni di desiderio, mi fissavano, mi chinai per baciarle il culo, passandoci le mani da sopra in maniera delicata con qualche strizzata più sostanziosa. Mamma muoveva il fondoschiena a ritmo, lentamente:
“che bimbo bravo che ho… Però A. , se faccio quello che vuoi mi devi promettere che domani sera uno dei tuoi amici viene a casa… Voglio avere un altro cazzo… Se mi accontenti potrò ancora essere tutta tua…”
“ Va bene!”
Saltai in piedi e infilai il cazzo nella bocca di mamma: non diedi tempo alla sua bocca di muoversi, costretta a subire le mie spinte pelviche violente, che a tratti producevano un rumore sordo. Lei continuava a fissarmi dritto negli occhi… “Sei la mia dea!” le dissi, mentre continuava il suo pompino. E venni, inondandole la faccia, le labbra, il collo, la fronte. Il residuo di sperma rimasto sulla mia cappella fu leccato da mia madre, che poi si alzò per leccarmi il collo in modo lussurioso, sussurrando : “grazie bambino mio”. Mi pulii e le dissi che mi sarei impegnato per portare un altro pene ventenne con il quale si sarebbe potuta sfamare, guadagnando il suo ghigno peccaminoso. Un paio d’ore dopo, però, andai da lei e dissi :
“mamma ti devo confessare una cosa”
“Dimmi A.”
“Per quanto riguarda quel tuo progetto… Potrei osservarvi mentre lo fate?”
Mamma mi guardò in maniera comprensiva:
“Certo amore… Ti piacerebbe vedere la mamma che si passa gli amichetti tuoi?”
“Da morire! Sono due anni che mi masturbo pensando a scene simili”
La sua risposta fu per certi versi agghiacciante:
“Che peccato, a saperlo ti avrei fatto qualche sorpresa… Me li sarei già scopati…” ; e lì compresi che la donna che mi stava in quel frangente preparando la cena era ancora più porca di quanto avessi immaginato.
Concordammo dunque che, per favorire il mio voyeurismo, il rapporto avrebbe avuto luogo in bagno, così mi sarei appostato dietro la finestra poco prima per poter aver visione completa dell’amplesso, come in un film. Dopo aver mangiato, la salutai con un bacio in bocca e scesi, alla ricerca dell’amico fortunato che avrebbe violato mia madre sotto i miei occhi. La sera contattai un mio amico, G. , che conoscevo da parecchio e aveva già apprezzato mia madre in passato, al quale volli fare una sorpresa: lo invitai a casa per il giorno seguente con un pretesto, e lui accettò, ben lieto della possibilità di vedere la signora di casa che, magari per la calura estiva, avrebbe potuto mostrarsi in tenute domestiche più “sconce”, ignaro del fatto che non si sarebbe certo limitato ad ammirarla…
Il giorno successivo G. arriva in orario, lo faccio accomodare in cucina, e presto arriva mamma, con una pudica vestaglia, pronta ad avviare il suo piano: infatti, dopo una serie di domande poco interessanti all’indirizzo di G. (che, a dispetto del garbo e dell’educazione con cui risponde, non riesce a staccare gli occhi di dosso dalle sue gambe scoperte), inizia a servire al mio amico una serie di bevande con il pretesto dell’afa, e con l’obiettivo implicito di spedirlo in bagno dove, tolta in precedenza la chiave, si sarebbe concessa sessualmente a G. , con me spettatore felice dalla finestra. Il piano riuscì, e mentre il mio amico scappava a fare i bisogni, mamma mi si avvicina sussurrandomi:
“Prendi posto per lo spettacolo erotico della mamma con il tuo amico”
Io non me lo feci ripetere due volte, mi appostai dietro la finestra, in attesa dello spasmodico momento in cui G. si sarebbe ritrovato in un bagno con un puttanone 48enne estremamente arrapata, la mia mamma.
Nell’attesa, un turbinio di emozioni attraversa la mia mente: stava per accadere, mia madre stava per diventare la troia dei miei amici, e inoltre mi aveva permesso di vederla; mi dovetti calare il boxer, ormai scomodo per l’erezione che avevo. Ma volevo davvero ridurre mia madre in questo stato per un puro capriccio erotico? Le mie elucubrazioni mentali furono interrotte all’improvviso da una scena che non potrò mai dimenticare, la cui carica erotica fu qualcosa di indicibile per me: mentre G. stava x rialzarsi il bermuda, la porta si aprì lentamente, permettendo l’ingresso a mamma, vestita solamente con un accappatoio.
“oh m-m-mi scusi signora M. , non credevo si dovesse lavare”
“Ma figurati G. , tanto ormai ci conosciamo da parecchio tempo, cosa vuoi che sia”
“Corro da A. , mi starà cercando..”
“Tu non vai da nessuna parte, caro. Rimani seduto sulla tavoletta….”
G. , inebetito, aveva perso ogni spocchia, intimorito da una signora disinibita di fronte a lui che gli chiese:
“Pensi che questo corpo sia degno di una ragazza più giovane di me?”
La scena successiva mi fece sborrare per la prima volta durante quella sera: mamma si era slacciata l’accappatoio e in un solo attimo, facendolo cadere a terra, era rimasta completamente nuda davanti a G. , seduto sulla tazza del wc. Da fuori l’eccitazione era stratosferica, il mio amico davanti alla mia divina mamma, al suo culo sostanzioso, alla sua fica pelosa, a così pochi centimetri dalle sue enormi tette. G. , fulminato, non rispose. “Vieni qui. Vieni da M. Vieni dalla mamma di A.” proferì a bassa voce, mentre si sedeva su di lui e lentamente iniziava a sbattergli le tette in faccia. Quel movimento durò qualche minuto, il tempo di far realizzare a G. cosa stesse accadendo. “Hai delle tette stupende, M.” disse, mentre le succhiava i capezzoli già induriti. “Chiamami mamma di A!” rispose la zoccola guardandomi dietro la finestra e passandosi la lingua sulle labbra.
Ormai G. si stava s**tenando, tastando con forza i seni, e baciandola sul collo, ma lei si rialzò, spogliò completamente il tuo amico e, trascinandolo dal pisello, lo condusse a passi lenti verso la doccia, per farmi godere del loro show, mandando un altro bacio alla finestra, mentre G. è ignaro della mia presenza, folgorato dalla dea che stava per scoparsi. Entrati nel vano, mamma e G. iniziano ad abbracciarsi, passando le rispettive mani dappertutto sui corpi dell’altro, e iniziano a baciarsi con grande trasporto.
“Preparati al più grande sesso della tua vita, G….”
“E’ da quando ho conosciuto A. che sogno di farmi te…”
“Vedrai che ne sarà valsa la pena!”
“non avrei mai immaginato che avesse una madre zoccola come te…”
“Bimbo, non hai ancora visto niente!”
“Fammi vedere allora.. Basta che A. non veda un cazzo!”
Risero come bambini, unendo occasionalmente le loro lingue, mentre le mani sapienti di mamma si stavano abbassando dal suo volto, al suo collo, al suo petto e giù nella zona inguinale, dove le mani smaltate di rosso stavano iniziando a masturbare, con incredibile lentezza, il pisello di G., mentre i loro occhi si incrociavano. Durò poco: mamma, già fradicia, si fiondò con la bocca per un lavoro orale, con la mano recatasi in basso a toccarsela, e ascoltando ogni singola volgarità di G. che la insultava e le teneva la testa con due mani. Io, nel frattempo, alla visione del pompino di mamma venni una seconda volta. Per dieci minuti la sua faccia fece su e giù sull’asta eretta di G. , i mugugni erano soffocati dalle spinte nette del ragazzo che ormai aveva in mano la situazione, e le ordinò di alzarsi, cosa che lei fece prontamente ripulendosi le labbra da un residuo di sborra. G. prese mamma per una coscia, si abbassò e iniziò a leccarle la patata, con colpi profondi e ripetuti che stimolavano i versi di mamma:
“Siiiiiiiiiiiiiiiiiiiii continua continua!! Ti prego fammi venire!!!”
E continuò a colpire le sue labbra aperte con la punta della lingua, allargandole leggermente con le dita.
Poco dopo tolse la lingua e iniziò a mettere dentro le dita: prima una, poi due e tre, spingendole brutalmente nella fica. Si abbracciarono e baciarono ancora, in maniera lussuriosa e quasi scoordinata: mamma lo fece rimanere in piedi contro la parete del vano, e toccandosi la sua quinta voluminosa si inginocchiò, facendo sparire il cazzo di G. tra il suo enorme seno. Il mio punto di vista era fantastico: vedevo lui da dietro e lei di fronte, godendo della scena dell’attrezzo che a tratti spariva, schiacciato dalle tette, e a tratti faceva su e giù, rasentando spesso la bocca di mamma, che alternava sguardi maiali a lui e occhiate provocanti a me, che imperturbabile fissavo la sua fantastica spagnoletta da dietro la finestra.
“Ti piacciono le mie tette?” chiese piano a G.
“Mi piace tutto di te, se tutte le 50enni fossero come te non guarderei più le mie coetanee!” rispose, fiondandosi poi sui capezzoli e leccandoli furiosamente. “Non mi reggo più, voglio sfondarti!”
“Accomodati caro…”
Mamma, in piedi, aveva alzato la gamba destra per favorire l’inserimento di G. che iniziò a penetrarla lentamente davanti, e poi progressivamente più veloce. Le spinte si facevano man mano più profonde, decise, violente, quasi a volerla spaccare, come uno stantuffo inarrestabile che possedeva la sua donna con le mani sul suo culo che a un certo punto sollevò, portandosela in braccio mentre la faceva godere.
“ooooooooooohhh oooooohhhh siiiiii!! Più forte più forte!!! Di piùùùùùù!!!!” urlava mamma, come non aveva fatto nel rapporto avuto con me; era evidente che il suo progetto, messo in atto, la divertiva parecchio. “siiiiiiiiii!!!!!! Aaaaaahhhhh”
E le spinte furiose continuarono per una decina buona di minuti.
“Signora non ce la faccio più!” supplicava G. , in procinto di venirle dentro.
“Dove credi di andare? Manca ancora qualcosa” obiettò lei, insaziabile.
Lo fece uscire da dentro di sé, e uscirono dal vano. Mamma si piegò a 90 gradi sul lavandino, mostrando il suo culo e tenendolo aperto con le mani a G che si avvicinò, glielo schiaffeggiò un paio di volte e leccò il buco.
“Sei una zoccola..”
“bravo! E scopami come una zoccola! Spaccami!”
E non si fece pregare. Entrò lentamente e inesorabilmente nel culo di mamma che lanciò qualche verso misto tra dolore e piacere, che lasciò presto posto a gridolini di goduria.
La vedevo, piegata sul lavandino, posseduta con piacere dal mio amico, che la penetrava di gusto mentre una mano tastava le mega-tettone, e l’altra sul viso di mia madre, che si portava le dita in bocca.
La penetrazione durò alcuni minuti, dura e cruda ma incredibilmente erotica, e infine G. stremato dalla performance si sedette sul wc esausto, sebbene non fosse ancora venuto.
“Va bene mio giovane stallone, mi hai fatta godere come pensavo… Ora la mamma del tuo amico ti fa sborrare come si deve…”
Si distese sul pavimento e iniziò a masturbare il mio amico con i piedi, ancora una volta guardandomi dietro la finestra. La posizione durò poco, lui eruttò fiotti di sborra calda molto presto che macchiarono il bagno, i piedi e le cosce di mamma. Simultaneamente venni anche io per la terza volta. Era finita. Oppure era appena cominciata.
Si ripulirono e si rivestirono in fretta, senza proferire parola. Alla fine G. la salutò così
“Ci vediamo presto, troiona..”
“Ci conto!”
E si scambiarono un bacio prolungato. G. uscì dalla stanza e mamma lo seguì. Sentivo che dicevano qualcosa ma non riuscivo ad origliare. Poco dopo il mio amico uscì di casa senza vedermi né salutarmi, e rientrai, visibilmente emozionato.
“Piaciuto lo spettacolo, figliolo?”
“Dovresti fare la porno-attrice”
“Grazie caro!”rispose stampandomi un bacio.
“Ma quando siete usciti cosa vi siete detti?”
“Vuoi davvero saperlo? Ho chiesto a G. i numeri di altri tuoi amici, oltre che il suo.”
Rimasi impietrito. La frittata era fatta, mamma si sarebbe scopata chiunque adesso.
“So che avrei dovuto dirtelo, ma la sensazione di oggi mi è piaciuta troppo. Il cazzo ventenne è tutt’altra cosa… Ed è bello fare la puttana matura per ragazzi simili!! Tanto a mio figlio piace vedere la mamma in questi contesti… Vero??”
“S-s-si…” dissi, infilandomi in camera mia.
Passarono un paio d’ore in cui riflettei sulla situazione, ormai sfuggitami definitivamente di mano, e reagii nella maniera più soddisfacente possibile. Mi preparai un bagno caldo, e una volta entrato in vasca invitai mamma ad entrare. Lì iniziammo i preliminari, dopodiché la sollevai e, ancora bagnati, la condussi sul lettone, dove vivemmo un’altra notte infuocata ed i****tuosa.

77% (5/2)
 
Categories: Taboo
Posted by silvano1151
2 years ago    Views: 1,819
Comments (1)
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
2 years ago
che brava mammina !!! :)