Una milf da film (parte 1 - come tutto ebbe inizio


Mi presento, il mio nome è A. , sono un ragazzo di 23 anni “normale” dal punto di vista sessuale, ben piazzato fisicamente e le cui storie amorose, fino a un paio d’anni fa, erano normalissime, con rapporti sessuali abbastanza soddisfacenti con le mie coetanee. Economicamente benestante, ho una famiglia composta dai miei genitori, che hanno divorziato una decina d’anni fa, e da un fratello di 28 anni che lavora fuori città. Per cui la quotidianità a casa mia è che viva da solo con mia madre M. : 48 anni che assolutamente non dimostra, un fisico da dea, alta 1.80, occhi neri e provocanti, quinta misura di seno, una vagina pelosa e un bel culone, che oltretutto sin da quando sono piccolo gira nuda per casa e lascia la porta del bagno aperta quando si lava, per cui lo spettacolo del suo corpo era spesso a mia portata di occhi. Come già accennato i miei sono divorziati da un pezzo, per cui credevo che entrambi si fossero trovati altre persone con cui condividere il letto, fin quando, circa tre estati fa, accadde un fatto che sconvolse la vita nella mia casa. Premesso che, da qualche mese, a causa di una “carestia” femminile nella mia vita, avevo iniziato a guardare mamma M. in un altro modo, spiandole spesso la scollatura su quelle meravigliose tette o fissando il suo fisico da pantera nel bagno, quando lasciava la porta aperta. Accadde un giorno che, in preda all’eccitazione e credendo di essere solo in casa, presi a odorare un suo slip trovato in bagno, quando lei si svegliò dal sonno pomeridiano e vide la scena. Imbarazzatissimo, chiesi scusa e lei rispose:
“Nessuna ventenne ultimamente riesce a farsi rimorchiare eh? Ti sei abbassato a fare cose così squallide con la mutanda di una vecchia.. “ , mostrando un ghigno. Io, che inventai una scusa per andarmene e scendere di casa, volevo morire dall’imbarazzo, tuttavia la sera stessa, quando rincasai, trovai quel famoso slip sul mio letto con un biglietto “per stavolta mamma ti concede il suo odore”, il che comportò una sega favolosa per me, che non fu comunque la prima “dedicata” a lei, dato che a volte capitava, tra le mie peggiori perversioni, che facesse sesso sfrenato con i miei amici. Il giorno seguente riflettevo sull’accaduto, e complice il fatto che mia madre aveva preso a guardarmi in modo diverso, né si era arrabbiata, stavo iniziando ad architettare una maniera per dare sfogo alle mie voglie i****tuose. L’occasione si presentò qualche giorno dopo quando, reduce da una giornata di mare e di scottature, lei dopo cena iniziò a massaggiarmi la schiena col pretesto di spalmare la crema doposole. Nulla di eccezionale, era un rituale che si ripeteva da diverse estati, ma che stavolta aveva un sapore diverso, una decina di giorni dopo l’evento dello slip. Mentre lei massaggiava delicatamente la crema sulla mia schiena, seduti sul divano, mi venne in mente una mossa, e le dissi :”sono anni che mi metti la crema tu, per stavolta voglio farti piacere e sarò io a fare un massaggio a te” . La sua risposta non si fece attendere “Bravo il mio tesoro, massaggia la schiena di mamma”, girandosi a pancia in giù sul divano. Pochi minuti dopo ero già in preda a un’erezione spaventosa, e mentre proseguivo il massaggio facevo volutamente toccare la mia mutanda con il suo fondoschiena, senza che lei reagisse. Improvvisamente mi chiese di spostarci sul lettone per ragioni di comodità, io acconsentii, e poco dopo esserci distesi le chiesi se poteva togliersi la vestaglia; lei, dopo avermi fissato un po’ scettica, se la tolse lentamente, mostrando un completo intimo bianco che esaltava le sue forme erotiche, e proferì ridendo “non farti distrarre dal corpo di mamma però!” . Io, inebetito, non risposi, continuando meccanicamente il massaggio alla schiena e fissando il suo culo, fin quando non mi lasciai scappare un “sei stupenda mamma!” , complimento al quale lei rispose ridendo. Cedendo all’erezione incredibile che avevo, iniziai a toccarle il culo, sentendolo un po’ molle, e iniziai a baciarle le cosce grosse, poco dopo la feci girare e lei mostrava uno sguardo da porca mentre diceva “Toccami!”. Il ghiaccio era rotto, infilai due dita nella fica che già sentivo fradicia, mentre con un’altra mano le strizzavo una tetta. Mamma iniziò a mugolare in preda al piacere, quando a un certo punto mi inchiodò al letto, si alzò e cominciò lo spogliarello più bello che abbia mai visto, nel quale impiegò tantissimo tempo per togliersi il completo e mostrarmi il suo stupendo corpo. Dissi “mamma ti adoro…” e lei si sedette a cavalcioni su di me, abbracciandomi e portando alternativamente le sue grosse e sode tette sulla mia bocca, mentre leccavo convulsamente i capezzoli induriti portai le mie mani sulle sue chiappe, stringendole forte. Mamma continuò a dominare, spingendomi disteso sul letto mentre si sedeva sulla mia faccia, chiedendomi di leccarle la sua figa pelosa e bagnata. “aaaahhh si, ti amo bambino mio! Lecca la tua mamma, leccala!” diceva, mentre si sfiorava i capezzoli. Dopo alcuni minuti passati a leccare mamma, iniziammo a baciarci , e mentre le nostre lingue seguivano la tempesta i****tuosa tra le nostre bocche, mi portò una mano sul boxer iniziando a toccare il mio pene, duro come non mai, e quando lo vide fece “sono contenta che un tale attrezzo sia uscito da me”, mentre io le spingevo la testa sotto, pregandola di farmi un pompino che sognavo da tempo. Iniziò a leccare le palle, in maniera lenta e molto soft, fino ad arrivare sulla cima dell’obelisco, e mentre mi fissava negli occhi ingoiò lentamente il mio pisello nella sua bocca. In camera si udivano i miei versi di piacere mentre osservavo la mia cappella che passava da una guancia all’altra di mia madre, estasiata dal godere del cazzo del figlio. Dopo uno storico lavoro di bocca, intervallato da sue frasi come “è vero che hai una mamma zoccola?”, mi disse “Sai che stiamo facendo una grande cazzata?” e io “Lo so, ma sono anni che ti vedo nuda per casa, e sono anni che mi masturbo pensandoti” “e allora scopami, figlio di puttana!” e ci stendemmo sul letto abbracciati, mentre la penetravo nella fica, ben sapendo che però non sarei durato molto, eccitato com’ero. Mia madre iniziò a urlare forte, mi graffiò la schiena, godeva del pisello del figlio dentro di sé, e dopo dieci minuti di penetrazioni le dissi che stavo x venire, e lei disse “ci penso io”, si chinò ancora una volta e iniziò lentamente a fare su e giù con una mano, mentre l’altra strizzava una sua tetta, fin quando la mia sborra non le invase il viso, mentre con la sua lingua cercava di bere tutto il seme cacciato. Ci ripulimmo e, stesici sul letto, parlavamo ben consci di aver fatto una cosa sbagliata che però aveva fatto godere entrambi, alchè le chiesi “Mamma ma tu da quanto tempo non fai sesso?” “Sai A. , da qualche anno mi sono un po’ stufata dei 40 enni e 50 enni. Come avrai capito, preferisco molto di più i ventenni, a costo che siano anche miei figli…D’ora in poi cercherò solo di rimorchiare giovani più piccoli di me a cui fare da guida…” “Mamma, tutti i ventenni di questo mondo vorrebbero portarsi a letto una tettona come te!” “Grazie amore! A proposito, avrei una richiesta da farti…” La richiesta in questione mi lasciò shockato: mi disse che da diversi anni gli amici che portavo a casa erano sempre osservati da lei con molta eccitazione,e le avrebbe fatto piacere che chiedessi a qualcuno di loro di provare a soddisfarla… Da un lato era il mio sogno erotico più nascosto, vedere i miei amici insultare mia madre usandola come puttana, dall’altro temevo che il gioco potesse sfuggirci un po’ di mano. “In cambio” continuò mamma “le mie tette, fica e anche il mio culo saranno sempre a tua disposizione”, e accettai, convinto che il suo corpo da pornostar sarebbe stato posseduto anche da me. “Comunque sei una puttana”, dissi; e lei “e sono anche tua madre”, riprendemmo quindi a baciarci, poi facemmo un 69 e quella sera scopammo un’altra volta, con la differenza che riuscì anche a entrare nel suo mega-culone, facendola godere oscenamente mentre probabilmente pensava a come scoparsi tutti i miei amici.

83% (10/2)
 
Categories: Taboo
Posted by silvano1151
2 years ago    Views: 1,567
Comments (2)
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
2 years ago
Vorrei una madre come la tua, ti invidio !!! :)
2 years ago
bel racconto!!