La mia storia ovvero come sono diventato una troia

Mi avevi chiesto di dirti come è successo...
Posso raccontarti come sono arrivato a questo punto... non come è successo.
Ho scoperto il mio corpo e le sensazioni che poteva darmi quando avevo 7 anni, insieme agli amici, le prime masturbazioni...
Era una sensazione strana, l'orgasmo quando arrivava mi faceva sentire come se mi scappasse la pipì ma non avevo ancora eiaculazioni allora...
Mi piaceva, la sensazione quando toccandolo e menandolo si induriva, aumentava di dimensioni, la sensazione della pelle della cappella che andava su e giù, l'irritazione che provavo sulla cappella asciutta che bagnavo con la saliva per favorirne lo scorrimento, le pulsioni dell'orgasmo imminente, anche se allora non sapevo cosa fosse l'orgasmo, la sensazione quando arrivava di dover fare pipì che però non sgorgava, il continuare a menarlo anche dopo, quando la cappella ormai era sensibilissima... quasi bruciava...
Fu in quel periodo che vidi la prima figa di una donna, mia cugina. Eravamo in vacanza assieme, lei era nostra ospite in una casetta che mio padre affittava per tutto l'anno sopra il lago d'Orta.
Era un pomeriggio primaverile o estivo, ora non ricodo più. Eravamo al piano di sopra dove avevamo la camera da letto, unica per tutti noi. Non ricordo come iniziò ma ricordo che ad un certo punto lei mi chiese di leccarla alzando la veste e abbassando le mutandine.
Era la prima volta che la vedevo e sentivo il suo odore, lei spalancava le gambe e con le mani apriva le labbra, io vedevo la sua pelle e il suo interno umido ma non provavo nessun piacere, il sapore che sentivo sulla lingua non mi diceva niente, anzi mi faceva anche un po schifo. Se la fece leccare un po e poi cominciò a toccarsi mentre mi chiedeva di toccarmi a mia volta.
Eravamo ambedue sdraiati nei nostri letti, io con il mio cazzo in mano che mi masturbavo e lei con il vestitino sollevato e gli slip abbassati che si toccava... Vedevo la sua mano muoversi tra le gambe ed il suo respiro farsi più frequente, sentivo che emetteva dei mugolii mano a mano che il suo orgasmo si avvicinava... fino a quando godette completamente..
Quella fu l'unica volta che giocammo assieme o meglio che provò a farmi giocare con lei. Ma sucessivamente mi rimase la voglia e la curiosità di vedere la figa delle ragazzine..Ricordo che sempre li al lago, con una ragazza di Milano che, come noi, accompagnava i suoi genitori i fine settimana, giocando agli indiani e con lei che veniva alternativamente fatta prigioniera dagli indiani e poi liberata, una delle torture preferite quando era prigioniera era di obbligarla a sollevare lo scamiciato e abbassare le mutandine. A quel punto veniva frustata sulle natiche o con dei rametti di nocciolo o, a volte, con delle ortiche. Ricordo la sua fighetta glabra e quasi nascosta... stranamente a quell'epoca (avevo circa 7 anni...) non ero attirato dal seno delle ragazze, sia che lo avessero abbondante per la loro età sia che ne fossero quasi sprovviste...
Fu circa a quell'età che durante un viaggio in Germania di mio padre per lavoro, mia madre, mio fratellino ed io lo accompagnammo. Alloggiavamo in una pensione e rimanevamo soli per quasi tutta la giornata. Alla sera o cenavamo in albergo o uscivamo assieme ai suoi ospiti.
Mi vennero dei foruncoli su una gamba che non smettevano di spurgare. Mio padre su indicazione e accompagnato dai suoi ospiti, mi portò nell'ospedale principale di Monaco dove i medici decisero di inciderli. Ricordo che non volevo farmi anastetizzare, tirai dei calci ai medici, morsi una suora e un'infermiera fino a quando riuscirono con l'etere ad addormentarmi. Quando mi svegliai ero in una stanza enorme con due letti ed ero accompagnato da mia madre e mio fratello. Lei si fermava la notte in ospedale con me e mio padre portava mio fratello in albergo da lui, poi lo riportava alla mattina.
Due volte al giorno passava l'infermiera a misurarmi la temperatura e lo faceva prendendo la temperatura rettale...
Mi piaceva la sensazione quando inseriva il termometro di vetro nel mio culo... Io dovevo restare a pancia in giù fino a quando non veniva a togliermelo, ma mentre aspettavo che tornasse ricordo che, cercando di non farmi scoprire, portavo una mano dietro di me e lo spingevo e lo sfilavo lentamente.
Quella sensazione era così strana e piacevole che, una volta tornato a casa, ricordo di averla ricercata quando ero solo in casa e potevo abbassarmi i pantaloni ed infilarmi il termometro da solo...
Piano piano lo spingevo dentro di me e lo estraevo.. ricordo che oltre la sensazione di sentirlo entrare ed uscire mi piaceva moltissimo anche spingerlo più possibile dentro di me... a volte entrava completamente e dovevo spingere per farlo uscire e afferrarlo con le dita... Mi piaceva quando lo sentivo completamente dentro... avrei voluto fosse possibile infilarlo ancora di più...
Passò il tempo... dimenticai quelle sensazioni... Cominciai a rivolgerle alle ragazze.
Durante l'estate andavamo spesso in Grecia a casa dei miei nonni e li si giocava liberamente in cortile ed in strada con gli altri ragazzini e ragazzine...
Nel cortile dei miei nonni abitava una famiglia che aveva tre figli, due ragazzine e un ragazzino. Lui era di mezzo. Con la sorella più grande io mi divertivo a portarla nel gabinetto e a farle sollevare il vestitino e abbassare le mutandine. Mi piaceva guardarle il culo e farle aprire le natiche. Volevo che le spalancasse il più possibile e poi io le infilavo nel buco del suo culetto delle palline di carta che pretendevo non estraesse fino a quando non glielo dicevo. Cosa ovviamente impossibile ma quando sucessivamente la riportavo nel gabinetto (erano ovviamente esterni e senza acqua corrente) e facendole alzare il vestitino e aprire le natiche non li trovavo, la sculacciavo e gliene rimettevo delle altre in numero maggiore...
In quel periodo ero affascinato da culetto delle regazzine, immaginavo di poterlo spalancare ed infilarci gli oggetti più disparati e immaginavo quali potessero essere le loro reazioni... Immaginavo fossero le stesse che provavo io e a volte sperimentavo su di me quello che immaginavo di fare su di loro.. Mi infilavo, non senza difficoltà, il manico di cacciaviti, del martello, godendo della sensazione di sentirmi il buco del culo che si apriva e cedeva, permettendo l'ingresso di quegli oggetti estranei, della sensazione che provavo mentre spingevo lentamente quegli oggetti per permettere il loro ingresso, della sensazione che provavo quando, estraendoli, il buco si rilassava richiudendosi per poi ricominciare a spingerli ancora dentro in un ciclo che ripetevo e ripetevo... godendo di quelle sensazioni. Spesso sperimentavo anche le sensazioni che mi davano cercando di introdurli sempre più a fondo, cercando di farli entrare il più possibile, arrestandomi quando cominciavo a provare dolore... oppure una volta introdotti il più possibile, cercando di non farli uscire, risollevavo le mutandine e i pantaloni e mi muovevo obbligando quegli oggetti a muoversi dentro di me mentre mi muovevo per casa, mentre li sentivo scavare dentro di me, assaporando il piacere ed il dolore che mi provocavano...
Fu in quegli anni che cominciai ad investigare sulle reazioni del mio corpo agli stimoli che riceveva.
Fu anche il periodo in cui cominciarono i primi innamoramenti di ragazze e donne più grandi di me e le fantasie su di loro. Ricordo i pomeriggi passati a masturbarmi pensando a loro...
Fu anche il periodo in cui ebbi le prime relazioni fisiche con alcuni dei miei amici... Eravamo ragazzini e guardavamo le foto sui giornaletti porno disponibili in quell'epoca e ci masturbavamo assieme, fino a quando cominciammo a giocare tra noi, dapprima masturbandoci l'un l'altro fino a venire, poi abbiamo provato a prendercelo in bocca...
Si era creata una strana democrazia... Nessuno di noi era dominante ma ci alternavamo vicendevolmente a prenderlo in bocca agli altri due... Non arrivammo mai a leccarlo fino a quando sborravamo ma ci arrivavamo molto vicino...
La sensazione, almeno per me, di avere un cazzo in bocca mi piaceva, mi piaceva sentire la cappella sulla mia lingua, sentire le contrazioni quando si avvicinava l'orgasmo, passare la lingua sulla cappella...
Da li a pensare di scoparci a vicenda mentre uno era impegnato a succhiare il cazzo dell'altro ci mise poco a nascere... Le posizioni si consolidarono in breve... Uno si sdraiava sul letto nudo, l'altro sempre nudo si inginocchiava tra le sue gambe e glielo prendeva in bocca tenendo il culo in alto, l'altro inculava quello inginocchiato, poi ci scambiavamo i ruoli, con quello che aveva succhiato ed era stato inculato che si sdraiava a sua volta, riprendendo il giro...
Poi cominciammo a fare il "sandwich", con uno di noi che si sdraiava a pancia in giù e veniva inculato dall'altro, che veniva a sua volta inculato dal terzo...
La cosa durò per un certo periodo fino a quando le ragazzine non cominciarono ad attirarci sempre di più...
Le prime esperienze furono tutto sommato normali, baci con la lingua in bocca quando ci si ritrovava in casa di qualcuno i pomeriggi dopo la scuola, palpatine, loro erano giovani e non volevano concedere niente di più in quei momenti. Qualcosa di più si riusciva a combinare con qualche artifizio come il gioco della bottiglia, oppure con le carte del genere "si decideva cosa una persona dovesse fare e se veniva pes**ta una carta dall'asso al 5 doveva eseguire, se dal 6 al re chi aveva proposto subiva la stessa penitenza".
Fu un periodo tutto sommato normale, anche se spesso mentre le palpavo le dita si stringevano sui loro capezzoli, a volte rudemente, facendole sussultare... Ed io ne godevo quando compariva l'espressione di dolore e sorpresa nel sentire la mia stretta sui loro capezzoli...
Fu solo dopo molti anni che compresi quelle che erano le mie pulsioni e perché provavo piacere nel farlo...
Ma, principalmente, quello fu un periodo di cotte, primi innamoramenti...
Nel frattempo però continuavano le mie esplorazioni agli stimoli e reazioni del mio corpo che sottoponevo a diverse prove. I giornalini porno o meglio alcune loro immagini erano l'ispirazione a verificare direttamente cosa si poteva provare quando si era sottoposti a certi stimoli...
E così cominciarono le mollette sui coglioni, cercavo di metterne il più possibile obbligandomi a tenere le gambe larghissime per trovare spazio nell'aggiungerne il più possibile, per poi tentare di richiuderle e sentire la pelle tirare mentre il mio cazzo si irrigidiva e cercavo di masturbarmi senza muovare la mano ma solamente muovendo il bacino in su e giù... La sensazione di dolore che provavo, a volte decisamente intensa e dolorosa, quando cominciavo a toglierle, dolore che era più intenso quando le aprivo velocemente nel toglierle e più sottile quando le aprivo lentamente... La capacità di sopportarne il "morso" fino a quando non sborravo, mentre una volta venuto non riuscivo più a sopportarle e desideravo toglierle immediatamente...
L'uso di internet mi aprì un mondo che non conoscevo, riuscì a dare un nome a quello che confusamente sentivo dentro di me nella mia mente...
Il piacere di infliggere dolore, anche se non in modo esagerato, mi eccitava e me lo faceva diventare duro. Le prime esperienze virtuali ebbero luogo in chat di lingua inglese, con donne che erano lontane e che potevo raggiungere solamente tramite le rispettive webcam.
Godevo nel vederle infliggersi "punizioni" che ordinavo e mi rendevo conto che anche loro godevano nel vedere il mio cazzo che diventava duro nel vedere loro sculacciarsi, mettersi delle mollette sui capezzoli, sulla figa, scoparsi il culo e la figa con vibratori o altri oggetti...
Poi da virtuale sulle chat americane passai a quelle italiane e lì conobbi altre donne... Cominciai a frequentarne alcune dal vivo sperimentando le sensazioni che fino a quel momento erano risultate solamente virtuali. Piano piano affinavo la capacità di comprendere le reazioni dei loro corpi ai diversi stimoli, quando il dolore si tramutava in piacere, quando invece restava solamente dolore e non era più sopportabile... quando si avvicinava il loro orgasmo e potevo spingermi oltre...
Intanto le mie conoscenze si ampliavano e conoscevo altre persone che condividevano le mie sensazioni, le mie pulsioni... Passarono gli anni e le persone... Alcune scomparvero nel nulla, altre rimasero, di qualcuna non ricordo più nulla o quasi... Altre sono ancora nel mio cuore e nella mia mente sia che sia ancora in contatto con loro o no...
Durante la conoscenza con una persona successe una cosa strana...
Comincio a ricevere sms da parte di qualcuno che non conosco e di cui non riconosco il numero. La prima volta lascio perdere poi ai sucessivi rispondo che probabilmente sta sbagliando numero.
La cosa strana è che gli sms sucessivi invece confermano che sono rivolti direttamente a me... La cosa mi incurioscisce anche perché le volte che ho provato a chiamare quel numero di cellulare non rispondeva nessuno o se rispondeva non parlava...
Dopo un po di tempo comincia a lasciare perdere e così per un po di tempo la cosa si interruppe. Nel frattempo ne avevo parlato con Luisa, la donna che avevo conosciuto in chat.. Fu lei piano piano a rivelarmi che il numero da cui arrivavano gli sms era di una sua amica che aveva avuto diversi problemi, sia sentimentali che fisici, e che lei aveva spinto a quel gioco sapendo che io sarei stato al gioco e che avrei compreso...
Devo dire che la cosa mi incuriosiva perciò decidemmo di incontrarci un giorno che tutte e due si sarebbero trovate e così fu.
Dire che fui colpito è dire poco... Non era giovanissima ma aveva un corpo statuario, lunghi capelli biondi, carnagione abbronzata, voce roca.
L'incontro avvenne a casa sua e all'inizio fu una cosa normale, un caffè, una sigaretta, si parlava di tutto e di più. Luisa stava vicino a me e ogni tanto ci baciavamo di fronte a lei che non appariva per nulla imbarazzata.
C'era della musica e con Luisa accennammo alcuni passi di un lento che stava suonando in quel momento.
Poi lei disse che doveva fare una telefonata e si spostò in una stanza e chiuse la porta. Allora chiesi a Miriam, si chiamava così la sua amica, se voleva ballare...
Lei accettò ed il suo corpo aderì al mio immediatamente, sentivo i suoi seni premere contro il mio petto, aspiravo il suo profumo, avvertivo il calore della sua pelle...
Le nostre bocche si cercarono all'improvviso e un lungo bacio ci coinvolse... Nel frattempo Luisa era ancora nell'altra stanza e mi rivelò sucessivamente che lo aveva fatto apposta per permetterci di conoscerci meglio o più intimamente...
La cosa finì li quel giorno ma sucessivamente mi accordai con Miriam per incontrarci ancora lasciando decidere a lei se voleva che ci incontrassimo ancora tutti e tre o solamente noi due... Dopo qualche settimana mi invitò ad andare a trovarla a casa sua.
Pochi attimi dopo essere entrato un casa sua eravamo stesi sul suo letto avvinghiati toccandoci e baciandoci...
Le sue mani accarezzavano il mio corpo dappertutto insistendo sui miei capezzoli che si indurivano sempre più, mentre lei li toccava, stringeva, mordicchiava leggermente... Il mio petto ogni volta si muoveva per permetterle di poterli toccare meglio e di più, e lei se ne accorgeva specialmente quando li mordicchiava allora la sua stretta diventava più forte..
I suoi denti afferravano la loro punta stringendoli e provocandomi delle fitte improvvise dolorose quanto piacevoli, facendo inarcare il mio corpo...
Le sue mani continuavano a percorrere il mio corpo toccando il mio cazzo... le mie palle... scendendo tra le gambe e sfiorando il mio ano...
Le mie gambe inconsapevolmente si aprivano per permetterle di continuare con quelle carezze... Le sue dita cominciarono a frugare sempre più insistentemente... fino a quando mi abbandonò per un momento steso sul letto chiedendomi di aspettare...
Torno nascondendo qualcosa dietro la schiena senza farmi vedere cosa fosse e le sue labbra ricominciarono a percorrere il mio corpo, i suoi denti a solleticare i miei capezzoli... sentii qualcosa tra le mie gambe che toccava il mio ano e non erano le sue dita ma qualcosa di leggermente ruvido, duro...che spingeva cercando di entrare... le mie gambe si aprirono ancora di più, il mio corpo si inarcò ancora di più per permettere a non so cosa di violarmi... fino a quando quel qualcosa entrò in me... e lei cominciò a spingerlo avanti e indietro... sempre più a fondo...
La sensazione di sentirmi violato era violentemente eccitante... volevo che entrasse ancora di più... più a fondo... E intanto le sue unghie e i suoi denti continuavano a torturare i miei capezzoli...
Mi lasciò ancora steso sul letto con il mio copro violato allontanandosi per un momento e tornando con un paio di collant velati che mi mise sulla faccia rendendo la mia vista velata... e poi usò le gambe dei collant per legarmi la mani alla testiera del letto...
Prese delle mollette per i panni e me le mise sui capezzoli... erano molto dure... facevano male... ma mi piacevano...
Scoprii poi cosa aveva violato il mio ano... l'impugnatura di una corda per saltare... la stessa che usò poi per legare i miei piedi alla base del letto...
Mi mise un cuscino sotto la schiena per alzare le mie anche, mentre io le sussurravo di guardare nella mia giacca.
Torno avendo trovato quello che speravo trovasse, la custodia metallica di un sigaro che immediatamente utilizzo per penetrarmi.. mentre la sua bocca si reimpadroniva dei miei capezzoli...
Il mio cazzo era duro e teso... ogni volta che lei spingeva il tubo metallico dentro di me si irrigidiva sempre più... Ad un certo punto si mise a cavalcioni sul mio viso facendosi leccare mentre le sue dita continuavano a stringere e a torturare i miei capezzoli...
Non cmprendevo più quali sensazioni stessero impadronendosi della mia mente, il dolore era tantissimo ai capezzoli ma il piacere di leccarla e di sentire i suoi umori copiosi colare sul mio viso e nella mia bocca mi faceva impazziere...
Vedevo sul suo viso i segni del piacere che stava provando mentre la leccavo ma soprattutto mentre mi stava torturando i capezzoli...Le piaceva immensamente e a me piaceva altrettando immensamente quando lo faceva...
Ormai ogni suo tocco era diventato dolorosissimo sui miei capezzoli martoriati dalle sue unghie e dai suoi denti... ma erano ancora rigidi e desiderosi di quel trattamento...
Poi si mise a cavalciono su di me facendosi penetrare senza smetter di occuparsi dei miei capezzoli facendomi impazzire di piacere... fino a farmi esplodere dentro di se...
Poi, per usare parole scritte da Faber, furono baci e furono sorrisi...
Fu l'inizio di una strana relazione... Ogni tanto ci trovavamo e scopavamo normalmente. Chiaccheravamo spesso di tutto e di più sia quando ci incontravamo che quando eravamo assieme.
Gli incontri non avevano una cadenza fissa ma ci vedevamo ogni qualvolta eravamo disponibili e ne avevamo voglia. Senza nessuna complicazione per tutti e due.
Un giorno capitò di avviare una chiaccherata perlando di bdsm, di cosa significasse, cosa coinvolgeva, come ci si dovesse comportare all'interno del gioco con l'eventuale partner e lei confessò di esserne attirata ma di non sapere come comportarsi e come evitare l'insorgere di eventuali problemi.
Ci inoltrammo nelle spiegazioni e nel come riconoscere dalle espressioni del sottomesso il raggiungimento dei limiti di sopportazione e le offri, se era davvero interessata, a sperimentare assieme come avrebbe dovuto comportarsi nelle varie fasi...
Lei accettò e così un giorno mi presentai da lei e cominciò una strana avventura...
Fu uno scambio, ambedue sperimentammo assieme quelle che erano le nostre fantasie e che piacere ne ricavavamo, approfondendo quello che ci coinvolgeva e abbandonando quello che a una o all'altro non risultava gradito...
Lei imparò molto ma anche io... Mi piaceva quando mi strizzava i capezzoli con le sue dita o unghie, me li mordeva, facendomi sussultare... Rendendoli via via più sensibili, lasciandoli gonfi di piacere, dolore e desiderio...
Quando le sue dita frugavano nel mio ano introducendosi il più a fondo possibile, raggruppandosi tra di loro per allargarmi sempre più... quando usava oggetti o dildi per scoparmi nel culo...
Quando le sue unghie si impadronivano della mia cappella solleticandola, pizzicandola, aprivano la fessura cercando di introducivisi... Quando il mio scroto veniva riempito di clamps in maniera tale che risultava impossibile chiudere le gambe...
Imparai a leccarle la figa, cosa che mi piaceva anche prima, e il culo, cosa che lei apprezzava molto e che io apprezzavo con lei, eccitandomi nel sentire il suo ano ammorbidirsi piano piano quando il piacere si impadroniva di lei, e diventò un gioco per me riuscire ad eccitarla sempre più con la mia lingua nel suo culo... Mi piaceva leccarle la rosetta dell'ano, introdurre la mia lingua dentro di lei.. leccare il solco delle natiche, sentire i suoi umori che traboccavano dal suo sesso. Lei apprezzava moltissimo le sensazioni che le donavo e che sapeva io ricevevo nel leccarla, arrivando a rilassarsi sino quasi ad assopirsi... Ho provato a restare sdraiato tra le sue gambe aperte dedicandomi al suo culo per delle mezz'ore, con l'eccitazione che saliva dentro di me imponente...
A volte lei si metteva supina ed io ero tra le sua gambe, altre voleva che fossi sdraiato di fianco a lei nella classica posizione del "69" ma con lei che mi rivolgeva la schiena e le sue dita trasmettevano ai miei capezzoli l'intensità del suo piacere...
Altre io mi trovavo disteso sulla schiena con le gambe sollevate, allargate e legate alla testiera del letto per lasciare il mio ano a disposizione dei suoi desideri per poterlo violare come e con quello che lei desiderava...
Fu una di quelle volte che lei espresse il desiderio di volerlo violare con la sua mano, cosa che aveva già tentato di fare le volte precedenti in cui cercava di inserire quante più dita potesse...
Incominciò ad usare dildi sempre più grossi e spingendoli sempre più a fondo... la sensazione di sentire lo sfintere allargarsi piano piano quando mi penetrava era piacevolissima, ma ancora di più quando li ritraeva facendoli uscire completamente fuori lentamente e l'anello si richiudeva... non so dire se fosse questo a piacermi di più o se apprezzassi maggiormente la sensazione di avere qualcosa che si facesse strada dentro di me il più possibile...
Arrivò ad usare un dildo da 6 cm di diametro e lungo una 30ina spingendolo completamente dentro di me... Quello che le piaceva particolarmente era mentre lo spingeva e lo muoveva dentro di me era continuare a pizzicarmi i capezzoli facendomi mugolare di piacere e dolore...
Una volta mi fece indossare mentre andavo a trovarla un butt plug quasi sferico che faticai moltissimo mentre lo inserivo... Inizialmente non voleva entrare in nessun modo e non era comodo neanche il luogo dove stavo provando ad inserirlo, la toilette di un autogrill, in cui non potevo muovermi come avrei voluto e in cui non mi fidavo ovviamente a spogliarmi completamente o per lo meno a togliermi i pantaloni e i boxer, non sapendo dove appoggiarli.
Alla fine dopo svariati tentativi e uso abbondante di lubrificante riuscii ad inserirlo sentendolo dentro di me. Non era particolarmente fastidioso una volta dentro, ma la base tra le natiche, dopo alcuni kilometri di autostrada, cominciava ad essere fastidiosa e ad irritarmi la pelle a contatto per lo sfregamento.
Quando arrivai da lei e le dissi cosa avevo dentro le si illuminarono gli occhi e dopo avermi baciato mi fece spogliare immediatamente e sdraiare a pancia in giù sulla sponda del suo letto per vedere cosa avessi inserito... Cominciò a muoverlo, a farlo ruotare, fino a quando lo tirò fuori all'improvviso senza avvisarmi e provocandomi un mugolio di dolore... l'ano non si era ancora rilassato abbastanza ne abituato a quella dimensione...
Ammirò lo sfintere che dopo l'estrazione improvvisa cominciava lentamente a rinchiudersi in se stesso e dopo avermi somministrato due microclicmi mi mandò in bagno per liberarmi e pulirmi...
Al mio ritorno mi fece mettere in ginocchio sul suo letto e dopo avermi stuzzicato i capezzoli ben bene come a lei e a me piaceva, mi fece abbassare il viso sulla coperta e, infilato un guanto di plastica, cominciò a cospargermi il solco tra le natiche con del lubrificante, spingendo ogni tanto alcune dita all'interno del mio culo... Io quando lei infilava le sue dita spingevo verso la sua mano assaporando la sensazione di essere violato... sentire il mio ano aprirsi, le sue dita entrare profondamente in me...
Mano a mano che mi lubrificava sempre più cominciò a spingere sempre più dita dentro me... fino a quando cominciò ad usarle tutte muovendole avanti e indietro, facendole ruotare... Mi sentivo aprire sempre più, sentivo l'anello dello sfintere allargarsi sino a dolere, volevo che entrasse dentro di me ma il dolore si faceva insopportabile...
Nel frattempo ogni tanto allungava l'altra mano sotto di me afferandomi alternativamente i capezzoli e stringendoli fino a farmi mugolare di dolore, mano a mano che spingeva la sua mano dentro di me, trattenendomi quando per il dolore cercavo di spostare il bacino in avanti per sfuggire a quella invasione nel mio corpo che cominciava a diventare insopportabile... Non so se il dolore fosse creato dai muscoli che si rifiutavano di cedere o dalla peluria intorno all'ano che veniva tirata dallo sfregamento contro il guanto di vinile che aveva indossato, ma alla fine dovemmo des****re...
Dopo avermi fatto riposare un poco, continuando a stuzzicare i miei capezzoli decise che era il momento che mi dedicassi al suo culetto, sdraiandosi a pancia in giù ma facendomi mettere in modo tale che potesse continuare a stringere a suo piacimento i miei capezzoli o potesse dedicarsi alle mie palle o al mio cazzo...
I suoi occhi erano socchiusi, il suo viso disteso... il suo ano davanti alla mia bocca...
La mia lingua cominciò a leccarlo piano piano, girandogli attorno, leccando la rosetta che trasmetteva alla mia mente sensazioni paradisiache... Ogni tanto spingevo la mia lingua dentro di lei e lei sollevava leggermente il bacino per agevolarmi l compito, altre scendevo nel solco tra le sue gambe a leccare il suo sesso che si gonfiava e rilasciava umori densi che raccoglievo con la lingua...
Non so quanto andai avanti a leccarglielo... so solo che alla fine i miei capezzoli erano indolenziti per il trattamento ricevuto e il mio cazzo gonfio e duro... Mi fece sdraiare sulla schiena e cominciò a mastrurbarmi graffiandomi ogni tanto la cappella... mentre i suoi denti afferravano i miei capezzoli che appena venivano toccati mi facevano sussultare, al che lei con un sorriso malefico li mordeva facendo inarcare il mio corpo per il dolore misto al piacere... Fermando ogni tanto la masturbazione per poter stringere le mie palle o per poter stringere con tutte e due le sue mani i miei capezzoli mentre mi baciava... Poi riprendeva a masturbarmi e andò avanti così fino a quando non mi fece venire mentre i miei capezzoli erano sempre più doloranti...
Talmente tanto che quando mi rivestii solo lo sfioramento della camicia prima, e della cintura di sicurezza dopo mi provocavano dolore... dolore e piacere nel ricordo di quanto c'era appena stato...
Fu l'inizio di una strana esperienza, in cui tutti e due volevamo esplorare nuovi confini e sensazioni, in cui ognuno dava sfogo alla propria fantasia...
Ricordo una volta in cui a casa sua fui incatenato a gambe divaricate e sollevate alle gambe metalliche del tavolo in soggiorno, con lei che si divertiva ad inserirmi quanto restava della catena (e non era poca) nel mio culo... estraendola piano piano obbligando lo sfintere ad aprirsi e chiudersi lentamente, per poi reinserila ancora e poi a tirarla fuori ancora... ero in sua balia e mi piaceva...
In quella posizione si divertiva ad usare svariati oggetti, siano stati dildi, butt plug normali o gonfiabili, o oggetti di uso comune che le suggeriva la sua fantasia... arrivò ad usare uno scovolino per bottiglie che cominciò ad infilare lentamente provocandomi un grande senso di fastidio per lo sfregamento che provocava nel mio ano anche se non veniva forzato ad aprirsi molto, muovendolo piano piano dentro di me, facendolo girare, estraendolo, fino a quando il dolore ed il fastidio che sentivo cominciavano a tramutarsi in piacere...
Un'altra volta dopo avermi fatto spogliare mi fece mettere a 4 zampe nella vasca e mi bendò, allontanandosi e ordinandomi di restare immobile. La sentivo trafficare nella cucina, sentivo rumore di acqua ma non comprendevo cosa stesse architettando.
Quando tornò cominciò ad accarezzarmi dappertutto, dedicandosi al suo passatempo preferito: torturarmi i capezzoli, per poi sedersi a cavalcino sulla mia schiena. Sentivo la sua pelle a contatto con la mia, mi resi conto che era nuda come me, avvertivo il solletichio dei peli del suo sesso sulla pelle della mia schiena ma ancora non comprendevo cosa avesse in mente.
Ad un certo punto sentii che appoggiava qualcosa contro il mio sfintere e cominciava a spingere, obbligandolo ad allargarsi e a ricevere dentro se qualcosa di non piccolo ma anche non esageratamente grande... Poi la sentii che trafficava con i rubinetti della vasca e un fiotto d'acqua tiepida cominciò ad invadere il mio intestino, mentre lei muoveva non so cosa dentro di me...
Inizialmente mi disse di stringere e cercare di non far fuoriuscire l'acqua, mentre lei invece muoveva non so cosa rendendomi il compito difficile... Quando vedeva che l'acqua non veniva trattenuta i miei capezzoli venivano stretti brutalmente dalle sue dita...
Finalmente mi disse di rilassarmi e lasciare che tutta l'acqua entrata in me potesse defluire, ma i rubinetti non erano stati chiusi... Continuava ad entrarmi gonfiandomi il ventre e scorrendo liberamente sulle mie gambe.
Nel frattempo mi accorsi che, mentre mi scopava il culo con quello che mi aveva inserito e da cui defluiva l'acqua che mi invadeva, aveva cominciato a masturbasi, e i colpi che mi penetravano variavano al ritmo della sua masturbazione, rendendo eccitante la sensazione che provavo... Mano a mano mi accorgevo che si stava avvicinando all'orgasmo, e quando lo raggiunse sentii un fiotto caldo bagnarmi la schiena, colarmi addosso e mi resi conto che stava inondandomi la schiena della sua urina...
Non so dire che sensazione provai in quel momento... fu strana e coinvolgente, ma mi confuse talmente che la accettai rendendomi conto poi, nel futuro, mentre ricordavo le sensazioni che avevo provato, che in fondo avrei voluto che continuasse ancora...
Un'altra volta fu estasiata da dei cateteri che mi aveva dato una amica infermiera e che volevo usare su lella.... Li trovò nella mia borsa e mi chiese con chi volessi usarli.
A quel punto volle provarli su di me e mi fece sdraiare sul letto con le gambe aperte... Cominciò ad infilarlo lentamente provocandomi una strana sensazione... Lo sentivo percorrere la mia uretra e avvertivo il suo avanzare... Ad un certo punto cominciò a ritrarlo... e la sensazione fu ancora più piacevole... Arrivò sino quasi ad estrarlo completamente per poi ricominciare a spingerlo dentro...
Ad un certo punto sentii che incontrava una leggera resistenza e lei lo spinse ancora di più... oltrepassando la valvola della vescica e provocando la fuoriuscita di un getto di urina... lo ritrasse velocemente ma sempre lasciandolo inserito, allontanandosi un momento dal letto e tornando con un asciugamano ed una bacinella... la posò tra le mie gambe e ricominciò a spingere il catettere dentro sino a penetrare la vescica... e lasciando che si svuotasse direttamente dentro la bacinella.
A quel punto si allontanò ancora e tornò con una siringa grande che usò per riempirmi la vescica con l'acqua che conteneva, ma impedendone la fuoriuscita obbligandomi a tenere stretto il tubo e andando di nuovo a riempire la siringa...
Quando sentivo che stavo scoppiando e che non sarei riuscito a sopportare un'altra iniezione tramite il tubicino usò la siringa per aspirare e ributtare dentro l'acqua... provocando uno sgonfiamento e un rigonfiamento continuo della vescica...
La sua espressione mentre lo faceva era estasiata, e immagino lo divenne ancora di più quando decise di continuare questo suo gioco mettendosi a cavalcioni sul mio viso e obbligandomi a leccarle il buco del suo culo mentre lei continuava a dedicarsi al suo nuovo divertimento. A volte si arrestava per dedicarsi ai miei capezzoli che usava per comandare il ritmo della mia lingua stingendoli improvvisamente quando era particolarmente eccitata da come la leccavo... o tirandoli quando voleva che affondassi dentro di lei... poi tornava a dedicarsi al tubo che aveva infilato nel mio cazzo giocandoci come desiderava, spingendolo dentro e tirandolo fuori... Avvertivo la pressione quando raggiungeva la valvola della vescica contro cui si divertiva a premere senza farlo entrare, altre volte forzava il suo ingresso ormai senza problemi, avendola svuotata completamente... Mi scopava il cazzo con quel catetere come voleva... tenendomi ferme le braccia sotto le sue ginocchia e stringendo senza pietà i miei capezzoli... pizzicandoli con le sue unghie, tirandoli... Eccitandomi sempre più... fino a farmi venire con quel coso ancora infilato dentro il mio cazzo...
Quella volta al telefono mentre stavo andando da lei mi disse che aveva in serbo una sorpresa... Non sapevo cosa intendesse e ne ero un po intimorito anche se la cosa mi stuzzicava molto...
Quando arriva mi guardai in giro per vedere se riuscivo ad indovinare di cosa si trattasse nel vedere qualche cosa di diverso ma, a parte le borse della spesa al super, non c'era niente.
Invece era il loro contenuto che nascondeva la sorpresa...
Dopo esserci baciati, e mentre lo faceva le sue mani erano già corse ai miei capezzoli, mi offrì il caffè e ci sedemmo in cucina a chiaccherare del più e del meno normalmente, mentre il fumo delle sigarette saturava l'aria.
Dopo un po mi disse di andare in camera e di spogliarmi completamente, cosa che solitamente precludeva all'inizio di una sessione di gioco, senza sapere ancora cosa sarebbe successo poco dopo...
Per prima cosa mi bendò strettamente gli occhi, in modo da non farmi vedere assolutamente niente di quello che sarebbe successo, e poi accompagnandomi dolcemente mi fece sdraiare sul letto. Ancora non riuscivo a comprendere le sue intenzioni.
Senza parlare ma usando solamente il tocco delle sue mani mi fece prima allargare le gambe, per poi farmele piegare ambedue in modo che i piedi appoggiassero sul letto ma le ginocchia fossero piegate verso l'alto. Poi mi fece mettere in posizione seduta, sempre con le gambe nella stessa posizione. Ancora non comprendevo le sue intenzioni, sapendo della sua predilezione per il buco del mio culo oltre che per i miei capezzoli.
Mi fece allungare le braccia in modo che le mie mani afferrassero le caviglie stando al loro interno. Si allontanò un momento e sentii che armeggiava nei sacchetti che avevo notato in precedenza. Quando tornò avvertii l'appoggiarsi sulle mie braccia e gambe di qualcosa che riconobbi come della pellicola per alimenti, che cominciò ad avvolgere intorno ad ogni singola gamba imprigionandomi l'avrambraccio... Fu molto meticolosa e mi accorgevo che verificava che non fosse particolarmente stretto, ma che i giri effettuati fossero sufficienti per impedire di liberarmi, anche se l'avessi voluto.
Fece la stessa oprazione anche nell'altra gamba e fu così che mi ritrovai seduto con le braccia imprigionate nella parte interna di ogni gamba.
A quel punto mi aiutò a sdraiarmi sulla schiena, con il risultato che per la forza di gravità le mie gambe assieme alle mie braccia restassero allargate, mettendo in mostra il mio cazzo e il mio culo. Mi accorsi però che non era ancora soddisfatta, infatti mi mise un paio di ciscini sotto la parte bassa della schiena, per fare in modo che il culo fosse bene in alto a sua disposizione.
A quel punto si allontanò ancora e risentii il rumore dei sacchetti che venivano aperti e lei che ci frugava dentro. Quando torno la sua voce mentre mi parlava imponendomi di non risponderle sapeva di sorriso... Incominciò ad accarezzarmi il cazzo facendolo diventare in breve tempo duro... A quel punto prese a stuzzicarmi la cappella come sapeva fare con le sue dita... le sue unghie... Uguale trattamento rivolse anche ai miei capezzoli anche se per lei non erano comodi da raggiungere, ma non si arrese regalandomi brividi di piacere assieme al dolore che provocava.
Quando si rese conto che ero eccitatissimo avvertii che prendeva qualcosa che aveva precedentemente appoggiato sul letto, e sentii qualcosa appoggiarsi delicatamente sul mio buco del culo... Qualcosa che non riuscivo a identificare, ma che dava l'idea di essere duro... Cominciò a spingere allargandomi e provocandomi fastidio... era più largo di tutto quello che aveva usato su di me in precedenza, mi sentivo lo sfintere dilatato ma non riusciva a penetrarmi... Versò del lubrificante che sentii colare sullle mie natiche, nel mio culo, e ricominciò a spingere... Ma non riusciva a far entrare quello che voleva usare per penetrarmi... La sentii sbuffare insoddisfatta, e dopo aver tentato ancora una volta decise di cambiare oggetto...
Questa volta l'impressione fu di qualcosa di si duro ma anche cedevole... anche se la dimensione che avvertivo non era da meno di quello che aveva provato ad utilizzare prima...
Piano piano riusciva a forzarmi... ad entrare... Mi sentivo il buco del culo allargato come non mai, mi faceva male... ma avvertivo nel contempo che quello che stava usando si faceva strada dentro di me... Alla fine riuscì a fare entrare quella cosa che aveva deciso di usare e tutta soddisfatta mi baciò mentre con la mano muovava quella cosa che era entrata dentro di me e che sentivo rovistarmi i visceri... Non era solo grande ma anche lunga... Ancora non riuscivo a comprendere cosa fosse... Quando lei si accorgeva che ormai era entrata completamente, anche se mi rendevo conto che non era tutta dentro, mentre mi mordeva i capezzoli dava dei colpi facendomi sobbalzare non potendo riceverne altra dentro... E più sobbalzavo più lei spingeva, con spinte prolungate che mi sfondavano i visceri... Poi estraeva quella cosa che mi aveva infilato fino quasi ad estrarla completamente, e quando il mio sfintere cominciava a rilassarsi nel richiudersi, lei la rispingeva dentro... Non so quanto andò avanti a violare il mio culo in quel modo... Stavo cominciando a tremare per la tensione... Avevo il culo e i capezzoli in fiamme... il mio cazzo era teso spasmodicamente... A quel punto mi tolse la benda dagli occhi e mi permise di vedere cosa avevo ancora infilato nel culo... Era una melanzana, di quelle lunghe, che faceva quasi scomparire dentro di me...
Si sdraiò sulla schiena e mi ordinò di penetrarla con quella cosa dentro di me... senza permettere di uscire, obbligandomi a tenere le chiappe strette, e mentre la penetravo le sue dita si impadronirono dei miei capezzoli che ricominciò a torturare... provocandomi un insieme di piacere e dolore... piacere per l'orgasmo che sentivo avvicinarsi... dolore quando lei li strattonava per ritardare il momento... Quando arrivò anche per lei il momento dell'orgasmo lasciò che anche io godessi dentro di lei... mentre in quel momento le sue unghie affondavano nei miei capezzoli, facendomi uscire un rantolo di dolore e piacere...
A quella volta seguirono altre innumerevoli volte... Quando non ci incontravamo la mia mente divagava fantasticando ed esplorando situazioni irreali ed eccitanti... che forse mai avrei vissuto ma che eccitavano il mio corpo e la mia mente... desideri incoffessati che forse non avrei mai realizzato...
Fui legato.. sculacciato... Il mio culo violato in mille modi diversi... il mio cazzo ed i miei capezzoli usati per la sua soddisfazione...
Ma mai lei riuscì a penetrarmi con la sua mano completamente... Ogni volta mi sentivo dilaniare senza che lei riuscisse a penetrarmi completamente, nonostante la preparazione a cui lo dedicava... Anche se a onor del vero lei assicurava di essere riuscita a far penetrare la sua mano dentro di me fino quasi al polso non ero mai riuscito a sentirmi suo... posseduto completamente...
Anche ora che scrivo il mio corpo reagisce alle sensazioni che provavo allora... I miei capezzoli si induriscono fino quasi a dolere e reclamando attenzioni che non hanno più... Il mio cazzo si irrigidisce... Il buco del mio culo sento che si rilassa per poter essere agevolmente penetrato...
Da allora le mie fantasie hanno viaggiato in ogni direzione... senza mai trovare risposte... senza mai trovare soluzioni o soddisfazioni...
Ormai il convincimento che potrei accettare quasi qualsiasi cosa se opportunamente eccitato e instradato prevale in me...
Prima di quello che ti ho raccontato fino ad adesso successe anche un'altra cosa...
Avevo cominciato a "chattare" su una chat vocale... conobbi una donna con cui ci sentivamo solamente tramite la messaggeria vocale... Mi intrigava e mi accorsi che anche lei era intrigata da me...
Fino a quando ci scambiammo i numeri di cellulare e cominciammo a sentirci... Fu una conoscenza lenta... scambiavamo idee... emozioni...
Poi, complice una cena aziendale per le festività natalizia, in cui avrei fatto molto tardi e per la neve, avvisai a casa che mi sarei fermato a dormire in albergo e che sarei rientrato il giorno dopo...
Invece affrontai un viaggio nella notte per raggiungerla... Arrivai che era notte... Appena entrai lei mi annusò poichè mi aveva avvertito che non fumava e che non avrebbe gradito sentire odore di fumo...
Quello che lei sentì le piacque, visto che non ebbe rimostranze. Mi baciò e mi porto al piano superiore... nella sua camera... Esplorammo i nostri corpi... con le mani.. con la lingua... con le labbra...
Fu l'inizio di una relazione che andò avanti per diversi mesi... Earavamo complici... ci raccontavamo le nostre fantasie...
Anche lei era attirata dall'erotismo in tutte le sue forme... Mi confessò che spesso si masturbava guardando immagini erotiche su internet... Cominciammo ad esplorare assieme siti, foto... scambiandoci impressioni ed apprezzamenti... Lei mostrava di apprezzare molto immagini sm... con donne e uomini umiliati, frustati, legati...
Si eccitava e si sfiorava i seni.. il sesso... La invitai a masturbarsi... Mi eccitai quando cominciò a toccarsi... a sfiorarsi i seni con i capezzoli eretti...
Intanto le immagini scorrevano sulo schermo... A quel punto lei confessò come le piaceva masturbarsi... e le chiesi di farlo...
Si allontanò un momento e quando tornò aveva delle mollettine di legno fermapacchi che si applicò sulle lebbra... La mia eccitazione andò alle stelle... le confessai che anche a me piaceva sentirle sullo scroto... sul prepuzio... sui capezzoli...
Ne prese qualcuna e me le mise sul mio cazzo... mentre continuavamo a masturbarci... vedevo le sue dita muoversi tra le sue labbra... mentre le mollette si muovevano al ritmo dei suoi tocchi... io continuavo a menarmi il cazzo guardandola... i pantaloni abbassati fino alle caviglie... la camicia sbottonata... La mia mano saliva e scendeva... rallentava quando sentiva avvicinarsi l'orgasmo o si fermava... fino a quando non venimmo tutti e due...
Dopo lei volle occuparsi personalmente di pulirmi portandomi in bagno... facendomi sedere sul bidé, insaponandomi lentamente il cazzo e lavandolo accuratamente...
Quando mi fui rivestito disse che le sarebbe piaciuto provare a giocare con le corde... e di portarle la volta successiva...
La volta che tornai avevo con me un rotolo di corda acquistato presso un negozio che trattava articoli da montagna, più che una corda era un cordino ma venne utilizzato bene...
Mi portò nella sua camera facendomi spogliare completamente e poi mi bendò gli occhi... Mi fece sdraiare e cominciò ad armeggiare con la corda... Sentii che per prima cosa mi legava una caviglia, poi me la fece alzare e passò la corda da qualche parte perchè mi accorsi che restava alzata... poi la sentii che la passava sulle mie palle... che si ritrovarono legate e tirate. Poi passò a bloccare l'altra gamba che si ritrovò fissata alla coscia...
A quel punto sentii le sue mani accarezzarmi dappertutto... con tocchi leggerissimi che facevano tirare il mio cazzo... lo sentivo rizzarsi ancora di più...
poi avvertii quasi una puntura nella zona del perineo... che si ripeté più volte... sentivo quel tocco strano spostarsi sulle mie palle... sulla mia cappella che veniva scoperta e poi ricoperta... lo sentii intorno allo sfintere... non capivo cosa fosse ma mi eccitava ed il mio cazzo aveva ogni volta un movimento che lo faceva rizzare...
Continuò così non so per quanto tempo...eccitandomi sempre di più... fino a quando mi accorsi che cominciavo a sussultare sempre più... sentivo l'orgasmo che si avvicinava... si avvicinava... mentre lei continuava con quello strano tocco... e alla fine venni mugolando come un a****le... sentendo lo sperma s**turire da me in un fiotto caldo... lo sentii scorrere sul mio ventre.. sulle mie gambe... lo sentii colare tra di loro... lei mi lasciò così mentre sentivo il suo respiro accelerare... sentivo che stava toccandosi... il mio cazzo ancora ritto ondeggiava seguendo i suoi ansiti... la sentii godere... immaginavo il suo viso... le sue mani nel suo sesso...
Aentivo lo sperma che si raffreddava sul mio corpo mentre colava lentamente... Poi lei ricominciò a toccarmi delicatamente, il mio cazzo ormai molle ricominciò a reagire gonfiandosi e indurendosi... Le sue dita lo scappellavano lentamente mentre lo masturbava... Ogni tanto lo abbandonava per avvivinarsi alla mia bocca baciandomi, facendomi succhiare i suoi capezzoli, per poi tornare ad accarezzare il mio cazzo che diventava sempre più duro... Sentivo che godeva nel masturbarmi così lentamente... La mia cappella bruciava dal desiderio di raggiungere l'orgasmo, ma come lei avvertiva le contrazioni che lo preannunciavano smetteva di toccarlo, a volte semplicemente senza fare altro se non restargli vicino, sentivo il suo respiro sulla mia pelle, sulla cappella, sulle mie palle... altre invece baciandomi o facendosi baciare... altre ancora giocando con le corde che mi avevano immobilizzato, specialmente con quelle che tenevano legate le mie palle tirandole e lasciandole andare... Non so per quanto tempo durò questa piacevole tortura, ho ricordi confusi ma non fu breve...
Un'altra volta mentre eravamo nudi sul suo letto mi propose di bendarmi e la lasciai fare. Dopo avermi bendato mi fece alzare dal letto e mi legò le mani unendomi i polsi, mi fece spostare e mi resi conto che uscivamo dalla camera da letto. Guidandomi dolcemente mi fece scendere le scale che portavano al soggiorno al piano di sotto e mi fece addossare alla parete sottostante la scala chiedendomi di restare li.
La sentii allontanarsi per alcuni minuti e poi tornare vicino a me. Le mie braccia vennero sollevate e mi accorsi che legava la corda che tratteneva i miei polsi in alto sulla ringhiera. mi accorsi che si abbassava davanti a me e sentii la sua bocca afferrare il mio cazzo tra le sue labbra... la sua lingua sulla mia cappella...
Le sue mani allargarono le mie natiche e qualcosa di duro spingere sul mio buco entrando dentro di me. Lo spinse a fondo fino a quando sussultai per la fitta che mi provocava. Non era qualcosa di grosso ma era qualcosa di molto rigido che mi accorsi lei appoggiava al suo seno mentre continuava a giocare con il mio cazzo nella sua bocca. Avvertivo che ad ogni spostamento del suo viso la cosa che mi aveva infilato si muoveva all'unisono, seguiva i suoi movimenti, veniva spinta dentro e si muovava dentro le mie viscere... Credo lei facesse apposta a muoversi amplificando i movimenti che quella cosa aveva dentro il mio culo...
Poi la sentii alzarsi e mi chiede di stringere le natiche per non farla uscire, mentre sentivo lo sfregamento di un fiammifero e l'inconfondibile odore di zolfo spandersi nell'aria...
Dopo alcuni istanti sentii gocce calde cadere sulla mia cappella facendomi sussultare per il bruciore... Mi resi conto che aeva acceso una candela e che la stava facendo colare sul mio cazzo provocandomi strane sensazioni di bruciore e piacere... La sentii allargare la mia fessura e sentii il bruciore improvviso quando le gocce bollenti vi si depositarono... Poi fu la volta dei miei capezzoli a ricevere il bacio bollente della cera...
Una volta che si fu solidificata le sue dita cominciarono a toglierla e la sua lingua leccava e bagnava le zone che erano state ricoperte, mentre una delle sue mani aveva ricominciato a muovere dentro di me l'oggetto che aveva utilizzato per sodomizzarmi...
Sentivo la sua lingua guizzare sui miei capezzoli, succhiarli, mordicchiarli... altrettanto sulla mia cappella... mentre io continuavo ad essere immobilizzato legato alla ringhiera della scala... poi la sua mano cominciò a masturbarmi fino a portarmi all'orgasmo... (quello che aveva usato per sodomizzarmi scopersi dopo che era un manganello da poliziotto che lei teneva su un mobile nell'anticamera del piano superiore...)

Come vedi e come hai immaginato sono una troia... Mi piace essere usato e godere ma mi piace avvertire che quello che subisco dona eccitazione e piacere a chi sta usando il mio corpo... Non conosco i miei limiti... credo di non averli ancora raggiunti come so di non essere un masochista che gode e raggiunge l'orgasmo solamente per il dolore che riceve, ma che il dolore che ricevo abbia la capacità, entro certi limiti, di amplificare il piacere che poi dono e ricevo...
Non so se quanto leggerai risponda alla tua domanda "come è successo" ma sicuramente ti aiuterà a comprendermi meglio...

La tua troia
100% (9/0)
 
Categories: AnalBDSMFirst Time
Posted by schiavo_troia
1 year ago    Views: 2,024
Comments (3)
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
1 year ago
che schiava hmmmm quanto desidero avere una come te nell mio camion
1 year ago
bell esperienza :-D
1 year ago
Come dicevo ho letto dalla prima all'ultima parola segandomi il cazzo... Si, sei una gran troia, ma credo sia anche merito della tua Padrona, non meno troia di te! ;)