Ilaria la schiava robusta

Circa dieci giorni fa mi scrive una lettrice un po’ particolare si chiama Ilaria, ha ventitre anni e fisicamente non è ne quella che si direbbe una vamp nè una ragazza dotata di charme. E’ una ex atleta di lancio del disco quindi è grossa da un punto di vista muscolare, ma avendo smesso l’attività anche un po’ cicciotella. Reputandomi una persona a modo che non stronca la conversazione in base all’aspetto delle persone continuo la conversazione e scopro che dal modo di scrivere sempre incerto e titubante chiedendo sempre umilmente per piacere o per cortesia, ma in modo molto sommesso sicuramente deve essere una schiava o quantomeno una a cui piace essere sottomessa per lo meno nel subconscio.
Mi viene il pallino di portarla ad essere una delle mie schiave, anche perchè potrebbe essere molto simpatico in futuro farla lesbicare con qualche schiava molto avvenente fisicamente e magari eterosessuale facendone diminuire ancora di più nella sua considerazione e nel suo io essendo costretta ad accoppiarsi con una donna, cosa che non avrebbe mai pensato di fare e per di più dall’aspetto non proprio gradevole.
Ovviamente tra cogliere il carattere remissivo e sottomesso di Ilaria e poterla convincere a diventare una schiava e cominciarne l’addestramento ne passa di acqua sotto i ponti.
Per portarla verso dove voglio io cerco di approfondire sul perchè le sono piaciuti i miei racconti e sul perchè ha sentito il bisogno di scrivermi. Mi dice che ha letto le famose sfumature di grigio(testo che io considero una schifezza) e che le piaciono i racconti che parlano di punizione e allora man mano cerco di provocarla con delle battutine su quella che può essere o non essere la sua natura. Sottoponendole la mia recensione del famoso libro dove dico che nonostante la schifezza in sè della storia, dell’intreccio narrativo ha sicuramente avuto il merito di portare molte persone ad avvicinarsi al mondo bdsm e in molti casi probabilmente si trattava di pulsioni già esistenti, ma che non era semplice in una società perbenista come la nostra manifestare. Lei risponde a questa mia affermazione che lei non è così e che non ha paura a manifestarsi e che pensa che il successo del libro dipenda dal fatto che molti uomini, fidanzati e mariti spesso dal punto di vista della personalità non sono un granchè e che molte donne quindi si riconoscono nell’affascinante protagonista del romanzo.
A questo punto capisco che posso osare e le chiedo se vuole provare a essere una mia schiava e lei mi dice che non si aspettava una domanda del genere, ma che dato che sono due anni che non ha un uomo per il suo scarso aspetto estetico voleva provare.
Cominciò l’addestramento con la solita prova della castità forzata: le impongo cioè per quindici giorni di non toccarsi, non darsi piacere non masturbarsi in quanto pur essendo una prova dura è molto valida nel testare la forza di volontà di una schiava. Da come la sento la sua capacità di resistenza da questo punto di vista è molto limitata, non ricevendo più un uomo da parecchio tempo la masturbazione è l’unico modo di dare sollievo ai suoi istinti. La resistenza infatti è piccolissima dura meno di due giorni il minimo storico tra le mie schiave allora le ordinò che come punizione deve masturbarsi con la spugna di ferro che si usa per punire le pentole. Il bruciore e l’eccitazione che prova sono intenssisime così come gli umori prodotti.

www.padronebastardo.org
100% (0/0)
 
Posted by padronebastardo
7 months ago    Views: 829
Comments
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
No comments