il mio primo anale

Dopo alcune giornate fredde di pioggia ieri , domenica 17/02 , un caldo sole ha reso piacevole la giornata .

Dalla mia casa , in cima e al centro di un vasta collina , potevo vedere tutta Costa Rei : strade , case , piazzette e la lunga spiaggia completamente , tutto , senza presenza alcuna di persone .
Seduto al sole  , nella ampia veranda vetrata , pranzavo bevendo una fresca birra cruda locale , ottima .

Sorseggiando la birra mi è venuto da sorridere ; nella mia mente un flashback mi ha riportato indietro nel tempo , a una birra fresca bevuta con Olga e Markus , due turisti tedeschi .

Era il 1966 e in una sola giornata , di mezzo agosto , avevo avuto così tante emozionanti nuove esperienze che avrebbero segnato tutto il mio percorso di vita .

Finito il pranzo , sorseggiata la birra cruda rimasta nella bottiglia , invogliato dal caldo sole sono uscito di casa e , camminando lentamente assaporando un mezzo antico toscano , forse per nostalgia degli anni della mia adolescenza mi sono trovato nel tratto di strada che una volta costeggiava i terreni della mia famiglia , dove sono nato e cresciuto , dove oggi una infinita sequenza di ville e villette non permette più dalla strada di vedere la spiaggia e il mare .

Dove in un caldo assolato pomeriggio di agosto di oltre 45 anni addietro ho conosciuto Markus e Olga .

Con Olga e Markus ero passato dall'essere un adolescente spione dei giochi sessuali delle coppie , di ogni tipo e genere , a protagonista dei giochi fino allora solo guardati , stando nascosto e distante dalle persone che i giochi li facevano 


Già allora amavo quello che ora , per la solita moda di termini stranieri , viene definito crossdressing . Io preferivo , e preferisco dire , vestirmi da donna .

Come Olga e Markus mi hanno introdotto ai piaceri del sesso l'ho descritto in precedenza , in una altra storia . Ma era solo l'inizio della mia iniziazione sessuale. Nei giorni successivi , di quel caldo agosto del 66 , Olga , ma di più Markus , hanno completato , con la mia cosciente e totale partecipazione,  il mio definitivo ingresso  nel mondo nei piaceri sessuali .

Dopo le prime ore trascorse in spiaggia con i due nuovi amici tedeschi , al rientro , io verso casa , Olga e Markus verso la loro grande roulotte ,  avevo indossato nuovamente i mie miseri abiti femminili , ma con uno spirito completamente diverso . 
Nelle ore precedenti ero stato uomo con Olga e , io così pensavo , donna con Markus . 
Camminando verso casa , con ai piedi gli zoccoli dall'alto tacco che mi costringevano a una andatura sculettante , non potendo dialogare con Olga e Markus a causa della diversità di lingua , godevo solo dell'abbraccio sui fianchi da parte di Olga , che di tanto in tanto mi baciava sulla guancia chiamandomi ....dolce Matteo ,  e delle affettuose pacche sul mio sedere da parte di Markus .

Superato il cancello di legno   Olga , che fino allora abbracciava i miei fianchi  , ora mi stringeva la mano e sembrava volermi portare verso la loro roulotte .
Nel suo italiano elementare Olga ha detto solo ....tutti mangiare .
La coppia sapeva che ero solo in casa e ho apprezzato molto il fatto che mi volesse a cena con loro . 
Olga e Markus come nudi erano venuti in spiaggia nudi erano ora rientrati nel grande caravan , subito l'uomo aveva tolto birre dal frigo mentre Olga , nel piccolo ma completo bagno , a porta aperta , ha fatto prima la pipì poi una doccia per liberare il corpo dalla sabbia e dalla salsedine . Stessa cosa ha fatto subito dopo Markus .
Io , veramente assetato , ho finito , seduto sul comodo e grande divano , con pochi lunghi sorsi la bottiglia grande di birra , senza mai togliere lo sguardo dal bagno dove i due tedeschi si erano alternati per i loro bisogni e la doccia.

Olga , sempre nuda , si muoveva all'interno della roulotte da un armadietto all'atro , una volta togliendo piatti e bicchieri una volta cibo una volta posate , tutto finiva sul tavolo circondato su tre lati dal divano che mi accoglieva .

Vedendo la preparazione per la cena ho pensato che le verdure fresche del nostro orto e anche un bottiglione del nostro vino con un pezzo di formaggio avrebbero fatto piacere ai due tedeschi . 
Mi sono alzato dal comodo divano , dove anche Markus si era seduto vicino a me per bere la sua birra , e , più a gesti che con parole , ho fatto capire che andavo a casa a prendere delle cose .

Prima di andare in orto per raccogliere pomodori e cetrioli , nel magazzino avevo preparato due bottiglioni del nostro vino rosso e una mezza forma di formaggio , tutto messo in un cesto che avrebbe anche accolto le verdure .

Anche io come Olga e Markus avevo il corpo pieno di sabbia e sentivo la salsedine rendere ruvida la pelle .
Posato il cesto , con vino e formaggio , vicino al pozzo mi sono liberato da tutti gli indumenti femminili  e con il secchio del pozzo mi sono versato sulla testa , come solitamente facevo , abbondanti quantità di acqua che sfregavo sul corpo con un pezzo di sapone  da bucato . Ancora un paio di secchiate d'acqua per togliere i residui di sapone e con il corpo nudo , piacevolmente rinfres**to , nell'orto ho raccolto pomodori e cetrioli in abbondanza . 

Tra le mie gambe il mio piccolo pene mi ha ricordato il grande cazzo di Markus , che da poco avevo piacevolmente succhiato e del quale , oltre al gradevole sapore , avevo assaggiato anche l'abbondante fluido dell'orgasmo , anche se diviso con la bocca di Olga , vedendo le mie dimensioni ho deciso di andare a vestirmi per mascherare la mia scarsa mascolinità .

In magazzino , dietro i sacchi di mangime per gli a****li , nascondevo i miei abiti femminili . Alla poca luce di una lampadina da 40w che penzolava da soffitto ho scelto le cose più carine che avevo : per prima una corta minigonna , di tela color nocciola , indossando la quale il mio sedere  , piccolo ma rotondo e ben sollevato , acquistava una straordinaria femminilità , inoltre rendeva particolarmente attraenti le mie gambe , senza peli , non lunghe ma proporzionate e con cosce sode  ben formate ; poi un completino intimo - che avevo sottratto , a inizio estate , dalla borsa di una giovanissima ragazza straniera - di color verde chiaro e con mutandine talmente minuscole che , nel lato del sedere , si infilavano immancabilmente tra le mie natiche , il reggiseno invece , forse perché di una misura adatta a me , una volta indossato sembrava veramente contenere due piccoli seni restando rotondamente  gonfio anche se indossavo sopra  un qualsiasi indumento ; infine una camicetta - anche sottratta in spiaggia dalla borsa di una famiglia di turisti e certamente di una delle loro figlie  - rosa , di un tessuto molto leggero  , che non nascondeva le forme del reggiseno se lo indossavo . Camicetta che dopo varie prove avevo deciso di lasciare sbottonata fin sotto  il  reggiseno in modo che lo stesso si vedesse .

Con ai piedi i soliti zoccoli , che mi davano un ulteriore tocco femminile , ho ripreso il cesto con le verdure e tutto il resto e , autocompiacendomi per il buon risultato di immagine che avevo ottenuto con le poche cose disponibili , con passo celere sono ritornato verso il caravan di Olga e Markus .

Tutto quello che prima Olga aveva messo nell'ampio tavolo dentro la roulotte ora era sistemato su un lungo tavolo all'esterno , al centro del quale scendeva una lampada che illuminava ogni tipo di salumi e vasetti di salse a me sconosciute .
Olga non era più nuda , ossia , indossava solo una camicetta bianca , ampiamente sbottonata , che non celava il suo seno , ma niente mutandine e questa cosa mi rese felice .
Markus aveva stretto attorno la vita un lungo telo da mare , ma ciò non impediva di capire , dalle forme , che sotto era nudo .
Diverse bottiglie , alcune già vuote , di birra occupavano il tavolo .

Il mio ritorno è stato accolto con un piccolo applauso di Olga , al quale subito si è unito Markus  , e più volte Olga ha ripetuto ....bello Matteo bello Matteo .

Avrei voluto sentirlo dire anche da Markus ma non è stato così .

Quanto avevo portato ha fatto la felicità dei due amici , in particolare il vino rosso ha ottenuto un eccellente gradimento . 
Io ho assaggiato ogni cosa in tavola , alcune buone altre non mangiabili a parer mio , ma con uno sforzo non ho dato a far capire quello che non mi piaceva .
Nessuna conversazione ha accompagnato la cena , solo intensi sguardi e sorrisi tra noi , tanti cin cin , veramente tanti , per ogni bicchiere di vino rosso . Olga ,come sempre da quando ci siamo incontrati , spesso mi accarezzava le mani o il viso , altre volte poggiava la sua mano sulle mie gambe , più volte ha preso un pezzo di cibo dal suo piatto e portato alla mia bocca dove poi le sue dita sostavano accarezzandomi le lebbra . 
Markus , oltre ad aver dimostrato di essere un ottimo nuotatore , ora era impegnato a dimostrare quanto fosse grande bevitore . 
Sembrava indifferente a me e Olga .

Olga che mi sedeva affianco durante la silenziosa cena , dopo avermi aperto l'ennesima grande bottiglia di birra fresca , dalla quale ha bevuto qualche sorso prima di passarla a me , mi ha stretto la mano e alzandosi siamo andati dentro la roulotte .
La porta rimasta aperta insieme alle varie finestre rendevano piacevole la temperatura interna , ben ventilata anche grazie ad alcune finestrelle sul tetto anch'esse aperte .

Sempre stringendomi la mano Olga mi ha portato sul grande letto dove si è lasciata cadere trascinandomi sopra di lei .
La roulotte non era illuminata , solo la luce che illuminava il tavolo all'esterno mi ha permesso di osservare bene in volto Olga per la prima volta . 
Nel pomeriggio , in spiaggia , la complessità dei giochi erotici che mia avevano visto coinvolto non mi avevano dato la possibilità di guardarla con attenzione .
Solo ora , chino sul suo viso , capivo quanto fosse bella .
Di sicuro Olga aveva più  anni di mia madre , forse 40/45 , ma certamente meglio portati , corpo e pelle erano perfetti . Avevo osservato tante donne nude in spiaggia , chi grassa chi magra chi con tette cadenti chi piena di pieghe ,  Olga sembrava a me una delle modelle del catalogo Postal Market . 
Una delle modelle che pubblicizzavano la biancheria intima .

I suoi occhi , leggermente socchiusi e lucidi forse per l'eccessivo vino , continuavano a fissarmi con grande dolcezza , poche volte avevo veduto mia madre guardarmi così .
Il mio imbarazzo traspariva da ogni mio poro , chino sul suo viso respiravo il suo respiro , sfioravo con le mie le sue labbra , sentivo il suo intenso odore di donna , ma non sapevo cosa fare . 
La sua camicetta , abbondantemente aperta , mostrava la bellezza del suo seno e , ora che era sdraiata , non nascondeva il suo pube e la sua vagina scarsamente pelosa .
Il riflesso della luce esterna sulle sue cosce mi faceva vedere l'interno delle cosce leggermente bagnato . 
Non sapevo cosa fare oltre a guardare estasiato quella bella donna .

Come molte ore prima , in spiaggia ,  Olga ha preso l'iniziativa , la punta punta della sua lingua ha sfiorato le mie labbra semiaperte , più e più volte mentre le sue mani sui mie fianchi  mi portavano a sdraiarmi completamente sopra di lei , le sue mani abbandonati i miei fianchi hanno iniziato un lungo , continuo , delicato accarezzamento delle mie gambe , carezze che salivano sopra le mie natiche , e tra di esse , fino a toccare con le sue dita e penetrare il mio sedere .
La bocca di Olga unita alla mia cercava di estrarre la mia lingua che poi succhiava a lungo  e se tentavo di riportarla nella bocca i suoi denti ,  con delicatezza , la trattenevano tra le sue labbra .
Le dita di Olga sempre più spesso cercavano l'apertura del mio sedere e per farlo mi aveva abbassato le minuscole mutandine che indossavo fino a mezza coscia .
Il mio piccolo cazzo con lo scroto e i testicoli percepivano i caldi fluidi della vagina di Olga e ad ogni intrusione delle sue dita nel mio ano spingeva con più forza la sua bocca contro la mia , quasi a evitare che potessi emettere un qualsiasi gemito , di piacere o dolore che fosse .

Spostandosi su un fianco Olga mi ha fatto scivolare accanto a lei e in quella posizione le sue mani hanno proseguito a sfilarmi completamente le mutandine e fatto ciò anche la mini gonna .
Riportatomi sopra di lei le sue mani si sono infilate sotto la mia camicetta fino a raggiungere il reggiseno che subito hanno sganciato  .
 A lungo la mia schiena è stata accarezzata e sempre , ogni carezza , si fermava tra le mie natiche dove le dita di Olga , quando una quando due si introducevano sempre più in profondità nel mio ano .

A ogni introduzione di dita nel mio ano il mio piccolo cazzo sembrava rispondere con un piccolo s**tto , forse erano contrazioni naturali forse era il piacere che provavo . 
Quando non mi baciava la bocca Olga avvicinava la sua sul mio collo , vicino a un orecchio e sussurrava parole purtroppo per me incomprensibili , poi  , come per ribadire quello che aveva sussurrato e trasferirlo a me , mi guardava  a lungo negli occhi , sorridendo , prima di unire nuovamente la sua bocca alla mia .
Come nel pomeriggio in spiaggia , io godevo di ogni carezza di ogni bacio di tutti i gesti che Olga faceva , anche , e con particolare piacere , l'introduzione nel mio ano delle sue dita .

Solo per pochi momenti Olga si è fermata , il tempo necessario per andare a prendere due birre , aprirle e portarle . Sia Olga che io con lunghi sorsi abbiamo quasi svuotato la bottiglia , il caldo di quella notte di agosto si faceva sentire e la birra freschissima sembrava aver  dato nuovo vigore ai nostri corpi accaldati ma non sudati . 
Prima di sdraiarsi nuovamente sotto di me Olga ha definitivamente fatto cadere a terra  la sua camicetta e la mia  , sfilandomi anche il reggiseno facendo scivolare le bretelline lungo le braccia , ora giacevamo uno sulla'altro completamente nudi .

Anche se il vino bevuto a cena con le tante birre mi facevano sentire una particolare euforia ciò non mi impediva di apprezzare e godere ogni singolo istante .
Ma il vino e la birra in abbondanza ingeriti avevano anche effetti collaterali .
Dovevo , con urgenza , fare  la pipì .
Il problema era come farmi capire .
Dapprima l'ho detto in modo comprensibile in italiano ....devo fare la pipì ....ma senza risultato se non la faccia stupita di Olga che mi guardava ma non capiva .
Ho provato anche con .....devo andare in gabinetto .....sempre con lo stesso risultato o quasi perché ora Olga rideva invece di sorridere .
Infine , come per altre recenti occasioni , facendo la mimica di quello che dovevo fare .
Disinibito , sicuramente , ma anche aiutato dall'alcool mi sono alzato in ginocchio sul letto e preso il mio piccolo cazzo in mano ho fatto il gesto di pisciare .
La risata di Olga ha richiamato anche l'attenzione di Markus , rimasto finora fuori , certamente a bere , che si è affacciato sulla piccola porta del caravan e al quale Olga ha parlato per un po' e io ho continuato a non capire .
Ho capito solo , quando Markus avvicinatosi a noi ha accarezzato il mio sedere , ha ripetuto un paio di volte .....buono Matteo buono Matteo .

Inaspettatamente Olga si è sollevata con me dal letto e senza lasciare la mia mano mi ha portato fuori dalla roulotte .
Io dovevo fare la pipì , che non trattenevo più , ma essere tenuto per mano da Olga mi creava disagio . 
Fuori dalla roulotte , allontanandomi  verso la campagna , la mano di Olga non mi lasciava . 
Eravamo nudi quindi ho pensato di allargare le gambe e fare quello che dovevo fare , ossia orinare , con o senza Olga che mi guardava .
Non ho fatto in tempo ad allargare le gambe che Olga , davanti a me , si è accucciata , ho subito pensato che anche lei avesse voglia di fare la pipì e mi sono spostato di fianco . 
Le mani di Olga , che era sempre accucciata , hanno afferrato i miei fianchi e di s**tto mi hanno girato nuovamente verso di lei che ora aveva si le gambe larghe e stava pisciando sui miei piedi , ma aveva anche la sua bocca davanti al mio cazzo , con la lingua completamente fuori e mi attirava verso di se . 
Poiché io non mi decidevo a pisciare è stata Olga a prendere il mio cazzo e tenerlo davanti alla sua bocca spalancata facendo segno di si muovendo su e giù la testa . 
La mia vescica si e svuotata ,  immagino con grande soddisfazione di Olga , la quale poco o nulla a fatto disperdere nel suolo ,  che a bocca spalancata inghiottiva rumorosamente tutto .

Poche se non rare volte avevo visto fare , quello che Olga ha fatto , spiando la gente in spiaggia , sempre la mia curiosità mi faceva domandare se un giorno anche io avrei fatto la stessa cosa .
Oggi era quel giorno .

Di quanto accaduto Olga aveva solo una piccola traccia sulle guance , mento e sul collo che scendeva al centro dei suoi seni .

Sorridente più di mai Olga mi ha fatto vedere la sua bocca vuota  e ridendo ha parlato nuovamente con Markus che si era nuovamente seduto fuori dalla roulotte .

Anche Olga si era seduta e continuava a parlare con Markus , sembravano felici e ridevano spesso , io che non capivo provavo rabbia ma non verso i due amici , verso di me per la mia ignoranza .

È stato Markus ad aprire una nuova serie di bottiglie , sempre grandi , di birra , una per ciascuno . Per bere mi sono seduto anche io fuori , nel tepore della notte era bello stare con amici e scoprire tante piacevoli novità . 
Mi sono accorto che anche Markus era ora tutto nudo , senza il telo intorno ai fianchi , quando  Olga presomi per mano mi ha ha fatto alzare dalla mia sedia e mia ha fatto sedere  sulle gambe di Markus  . 
Markus mi ha subito abbracciato ridendo come Olga , che per l'ennesima volta si è chinata verso di me per baciarmi . 
Era , dal momento della cena , il primo gesto affettuoso che ricevevo da Markus .
Temevo , finora , di aver fatto qualcosa che aveva fatto irritare Markus . Per fortuna non era così e le sue carezze ora mi rasserenavano .
A lungo Markus mi ha tenuto abbracciato e sulle sue gambe , credo di averlo eccitando , sentivo sulle mie natiche la durezza del suo cazzo che ben preso è emerso , ancora più duro ed eretto , al centro delle mie cosce spingendo di lato il mio piccolo cazzo con lo  scroto .

Dopo l'ennesimo dialogo con Olga , Markus ha anche accennato un bacio alle mie labbra , solo un lieve sfiorare delle nostre bocche ma che è bastato per farmi avere una completa erezione .
Con un leggero schiaffo al mio pene e dicendo .....cattivo Matteo cattivo ....Olga mi ha preso e fatto alzare dalle gambe di Markus .
Come Olga mi ha tirato su ho sentito tutto il  grande cazzo scorrermi tra le gambe , sembrava non finire mai . Come il mio piacere .

Aver ricevuto più gesti d'affetto da Markus mi aveva fatto un grande piacere , ero soddisfatto , per me era la conferma che in spiaggia ero piaciuto anche a lui e che i miei gesti  nei suoi riguardi , anche se impacciati dal non sapere come agire con il suo grosso cazzo , non lo avevano infastidito .

Rientrai volentieri con Olga nella roulotte , incoraggiato dal comportamento di Markus nei miei riguardi .

Ormai doveva essere notte piena , il tempo in spiaggia era volato , poi la cena e le lunghe effusioni , nel letto  della roulotte , con Olga , il piacevole intermezzo sulle gambe di Markus all'estremo nel caldo della notte , eppure non avevo sonno . Ero solo tanto eccitato , una eccitazione non solo sessuale , coinvolgente , totale , non definibile .

Olga mi ha riportato sul letto , anche se nella roulotte era un letto grande , spazioso , morbidissimo e piacevolmente fresco .
Mi ha fatto sdraiare , a pancia in giù , con la solita delicatezza mi ha fatto capire , toccandole , che dovevo allargare le gambe .
A cavalcioni delle mie gambe Olga ha allargato le mie natiche , poi mettendomi una mano sul pube mi ha fatto sollevare  i fianchi e nuovamente mi ha allargato le natiche , 
Sentivo che parlava ma non la potevo vedere , ero quasi in ginocchio a pancia in giù mi sono solo accorto che ora le mani nel mio sedere erano diverse , non solo quelle della donna ma anche quelle di Markus .
Più volte , prima la donna poi l'uomo hanno introdotto le dita nel mio ano , ogni volta parlavano tra loro , quasi sottovoce ,  e nuovamente con dolcezza , lentamente le dita dei due si alternavano nel mio ano , quasi a studiarlo , muovendo all'interno le loro dita come a cercare qualcosa sia nella profondità che nei lati . 

Mi accorgevo dalle dimensioni delle dita quando era Olga o Markus a penetrarmi , chiunque dei due fosse il piacere che provavo era uguale , tanto che senza volerlo a ogni penetrazione , che le dita fossero una o due come inizialmente avveniva , mi accorgevo di emettere flebili gemiti che accompagnavo con un movimento del mio sedere come a cercare la mano che mi violava l'ano .
Per molti minuti , veramente tanti , Olga e Markus si sono alternati a penetrare il mio ano , ero quasi convinto che fosse quello un nuovo gioco sessuale e partecipavo come se realmente lo fosse .

Olga , come mi aveva fatto posizionare toccandomi  , ora mi spingeva sui fianchi per  farmi girare verso di lei , lei e Markus erano evidentemente molto eccitati .
Markus esibiva il suo già grosso cazzo in piena erezione , con la punta tutta scoperta e molto bagnata , quasi di un rosso intenso brillante e lucidissima .
Olga aveva le gambe completamente colate dai suoi fluidi vaginali e mentre parlava con Markus si masturbava con tutte e due le mani piegandosi di sovente sulle ginocchia .
La visione dei due eccitatissimi era stupenda , meravigliosa anche perché era merito mio pensavo .

Il dito di Olga , bagnato dalla sua vagina , mi ha toccato il petto per richiamare la mia attenzione mentre ammiravo il grosso cazzo dell'uomo , subito lo stesso dito Olga lo ha nuovamente puntato verso di me poi si è toccata gli occhi e ha mosso il dito prima verso Markus poi verso se stessa  concludendo con ....capito ? 
In effetti avevo capito che io dovevo guardare loro due e con lo stesso gesticolare mi sono toccato il petto , poi gli occhi e poi loro due . 
Il cenno , ripetuto alcune volte , della testa di Olga diceva si ...si ....si ...e Markus faceva ok con la mano .

Appurato che avevo capito Olga si è messa nella stessa posizione che io avevo in precedenza , in ginocchio sul letto con il sedere sollevato , dietro di lei Markus con una mano teneva il suo grosso cazzo con l'altra allargava le natiche di Olga e appoggiata la enorme punta nell'ano di Olga ha iniziato a spingere con lievi colpi inizialmente , che sono in seguito aumentati di forza tanto da spostare completamente Olga sul letto e credo , anche , di aver sentito Olga emettere piccole ma udibili grida .

Il cuore mi batteva tanto forte che mi sembrava di sentire sonoramente il suo battito accelerato , se era come intuivo e come Olga si era sottoposta per farmi capire , io avrei dovuto prendere il suo posto davanti al grosso cazzo di Markus e prendere nel mio sedere la sua maestosa verga .

Markus si era fermato e Olga con il volto girato verso di me , volto che mi è sembrato tirato e sofferente , con il suo sguardo cercava i miei occhi , che sicuramente erano spaventati se non terrorizzati . 
La bocca di Olga si arricciò come nel gesto di darmi un bacio , Markus sempre fermo dietro Olga teneva il suo cazzo duro metà dentro e metà fuori dal sedere della donna  e teneva le sue robuste mani sui fianchi come a trattenerla .

La mia disperazione doveva essere evidente e ben leggibile sul mio viso , come sul viso di Olga mi sembrava di leggere una sincera preoccupazione .

Dovevo avere la certezza di aver capito bene , ovvero se  Markus mi avrebbe preso analmente . 

Con lo stesso gesticolare usato per capirci  prima mi sono toccato il petto per dire io , subito mi sono messo sul letto nella posizione che aveva Olga e girato verso Markus ho toccato con la mano la parte di cazzo ancora fuori dal culo di Olga e poi ho con la stessa mano  ho toccato  il mio culo allargandomi le natiche .
Olga con un sorriso , che definirei triste , ha fatto cenno di si con la testa ; Markus , che aveva perso parte della erezione ,  ma non lasciava i fianchi di Olga , e il suo cazzo ancora grosso uscendo lentamente dall'ano sembrava ancora più lungo e grosso di quanto finora avevo visto .

Pregavo dentro di me di non aver dato a Markus l'idea che poteva procedere e infilare il suo cazzo nel mio culo . 

Olga , liberata dalla presa di Markus sui fianchi , subito è scesa dal letto e con una passione straordinari è venuta ad abbracciarmi e baciarmi ripetutamente bocca e guance stringendomi a lei come mai fatto prima . Gli occhi lucidi di Olga erano la conferma che era preoccupata per me e , anche non capivo quello che diceva , le continue carezze al mio viso e i tanti , tantissimi bacetti che mi dava su tutto il volto erano una evidente affermazione di affetto reale .

Con mia sorpresa si è avvicinato anche Markus , ha baciato Olga con grande dolcezza sulla fronte , l'ha stretta a se e guardandola diritto negli occhi ha parlato lentamente , come se volesse che anche io ascoltassi e capissi cosa diceva , mentre parlava ad Olga ha abbracciato anche me .

Solo ora mi rendevo conto di quanto il mio desiderio di essere considerata una ragazza doveva , prima o poi , scontrarsi con la realtà . 
Anche se solo da poche ore ho conosciuto Olga e Markus credo di essermi affezionato a loro , mi hanno rispettato e amato , Olga in particolare si è dimostrata con me una donna affettuosa e dolce , anche Markus credo mi voglia bene e lui non ha colpa alcuna per il suo grande cazzo , io casomai ho la colpa di desiderarlo .

L'impossibilità di comunicare tra noi è l'ostacolo maggiore , ma come  accaduto in mare e in spiaggia il pomeriggio precedente quando , pur senza parlare la stessa lingua ci siamo amati , io ho amato loro e loro hanno amato me allo stesso modo ora io posso decidere se nuovamente amare ed essere amato .
Se devo soffrire per essere amato voglio soffrire per una persona che desidero e sopratutto vorrei vicino uno persona come Olga , una donna dolce e sensibile per aiutarmi , farmi sentire meno solo , meno oggetto e più persona .

Il volto di Olga mentre Markus la prendeva analmente era il volto di una persona che soffre per amore , è questa visione nei miei occhi che mi porta a scegliere di fare l'amore con Markus , un amore anale che non sarà senza traumi , almeno le prime volte , ma la vicinanza di Olga mi da il coraggio , Olga saprà essermi vicino , amarmi e soffrire con me .
 I suoi occhi lucidi , il suo sorriso triste mentre Markus la prendeva analmente erano il suo amore per me , per dirmi .....Matteo non lo fare se non lo desideri .

Markus , ora sul divano dentro la roulotte beveva l'ennesima birra , Olga era rannicchiata tra le sue braccia  ,  la notte anche se estiva e di agosto si era rinfres**ta e la leggera brezza esterna faceva apprezzare il calore dell'ambiente interno del caravan . 

Mi sono avvicinato al letto dove Olga dopo cena aveva tolto da addosso a me tutti gli abiti ,  ora penso che le sue dita nel mio ano siano servite a lei per capire la mia verginità per evitarmi una sofferenza eccessiva , forse nei dialoghi con Markus aveva detto che ero vergine , troppo piccolo per il suo grande cazzo .
Non lo so ora e non lo saprò mai ma mi piace pensarlo .

Raccolti i miei vestiti mi sono avvicinata al divano dove stavano Olga e Markus , ero ancora nudo come nudi erano loro . 
Posati nel pavimento gli abiti mi sono infilato li piccole mutandine , muovevo il corpo in maniera sensuale , lentamente , accarezzandomi le gambe , il sedere e ogni parte del corpo , con la lingua mi leccavo le labbra e muovevo i miei lunghi capelli con s**tti della testa ,
Olga sorrideva sorpresa da tanta mia sensualità , Markus mi osservava con il desiderio stampato in faccia . 

Fuori il cielo verso il mare , verso est ,  andava schiarendosi segno che molte ore erano passate da quando nella ma bocca Markus ha goduto e io in quella di Olga .

Ora ero io a dare i tempi , ora ero io a prendere quello che volevo . E io volevo Markus .

L'intuito femminile ha fatto capire in anticipo a Olga cosa stavo facendo , di s**tto si è alzata per abbracciarmi . 
Solo quando , muovendo la testa , come ormai ci eravamo abituati per dire si  , io ho fatto cenno a Olga di si , più volte su e giù con la testa , l'abbraccio di Olga è stato più materno che passionale e il suo  bacio caldo come mai . 
Sempre abbracciandomi mi ha riportato vicino al letto , mi ha accarezzato cercando di farmi rilassare , mi sussurrava nelle orecchie  qualcosa che il tono della voce mi diceva erano parole di amore e lentamente , senza alcuna fretta le sue dita hanno preso possesso del mio ano . 
Bagnava le sue dita nella sua bocca prima di penetrare il mio ano , conle altre dita mi massaggiava dolcemente la parte circostante l'ano . 
Markus seduto sul bordo del letto assisteva estasiato al dolce lavoro di preparazione che Olga mi stava facendo .
Ogni volta che estraeva il dito dal mio ano Olga lo bagnava nuovamente nella sua bocca e nella nuova penetrazione lo spingeva un poco più dentro ,
Dopo decine e decine di penetrazioni le dita erano due e il mio ano era totalmente rilassato , talmente rilassato che quasi mi sembrava che le dita venissero risucchiate dentro appena si appoggiavano tra le natiche .
Ma Olga ancora non riteneva che io fossi pronto . Per un poco invece di usare due dita della stessa mano , credo usasse indice e medio per penetrarmi , ha usato le due dita medie che ,,una volta entrate nell'ano , con delicatezza tiravano i bordi verso lati opposti in modo continuo e applicando in progressione maggiore forza . 
Forse un ora , forse di meno o forse di più Olga mi ha dolcemente preparato al mio incontro con il grosso cazzo di Markus .

Ho capito che era giunto il momento quando Olga ha preso un vasetto , da dietro la testiera del letto , di non so quale unguento e dopo averne infilate un paio di ditate dentro il mio ano ha passato e ripassato le sue dita all'interno delle mie natiche massaggiando a lungo il mio foro anale che da lì a poco non sarebbe stato più vergine .

Non guardavo volutamente Markus , non volevo ,  vedendo il suo grande cazzo , avere un ripensamento a quanto avevo deciso di fare .

Quando Olga si è messa al mio fianco e con dolcezza mi ha attirato sopra di se sentivo il mio ano contrarsi e rilassarsi  mentre un tiepido calore si diffondeva dentro di me .
Olga sotto di me stava piegando lentamente le sue gambe e nel farlo spingeva in alto il mio bacino , era come se mi fossi sdraiato sulle sue ginocchia che sentivo stringere il mio piccolo pene .
Con piccoli movimenti Olga cercava la posizione ideale , io seguivo le lievi pressioni che sue mani facevano sul mio corpo per seguirne le indicazione ed eè stato in questo momento che per la prima volta ho sentito le forti mani di Markus stringere i miei fianchi all 'altezza del bacino .

La bocca di Olga cercava la mia , io e lei ci guardavamo negli occhi e cercavo di sorridere per far capire che stavo bene ed ero felice .

La prima sensazione che Markus mi ha fatto provare quando il suo grosso lungo cazzo si è appoggiato al centro delle mie natiche è stata come se qualcosa di rovente cercasse di penetrarmi . 
Solo un istante ho provato a stringere il mio ano ma era come se i miei muscoli anali non rispondessero .
Sentivo la grossa punta del cazzo appoggiata al mio buco anale , non percepivo particolare spinte o colpi ,  sentivo solo una pressione costante e piacevole che il mio ano sembrava gradire perché , strano paragone mi è venuto in mente , era come quando facevo la cacca , sentivo il buco dilatarsi lentamente , solo che ora non usciva nulla ma doveva entrare molto , doveva entrare tutto .
Olga continuava a guardarmi , forse si era accorta che i miei pensieri mi stavano distraendo e non ero più totalmente rilassato .
Le mani di Markus sui lati del mio bacino stringevano con la stessa pressione che sentivo tra le natiche nel buco anale ,  era come se andassi incontro alla grossa punta del cazzo che voleva entrare in me perché in modo automatico stavo spingendo il mio sedere verso il grande cazzo ed è stato in questo preciso momento , mentre io spingevo sulla grossa punta che che uno s**tto dei fianchi di Markus , uno s**tto accompagnato da una spinta opposta alla mia , che ho sentito la prima vera sensazione , anche dolorosa , che stavo per essere penetrato da qualcosa di enorme .

Avevo avuto in bocca la grossa punta del cazzo e la mia lingua l'aveva più volte percorsa nella sua completa rotondità , non era assolutamente piccola .

Ora sentivo un leggero bruciore  e il crescere della spinta sul mio buco del culo , se prima spingevo il mio culo verso il grande cazzo ora era istintivo cedere e non res****re alla spinta di Markus  ma le gambe piegate di Olga , sulle quali mi appoggiavo , mi bloccavano ogni movimento in avanti per cui solo il grosso cazzo aveva una via da percorrere e quella era dentro di me . 
A ogni s**tto in avanti dei fianchi di Markus ora iniziavo a sentire nel mio culo una sempre maggiore parte della punta del cazzo , cercavo di rilassare ogni mio muscolo ma a ogni spinta ormai mi sfuggiva un grido , e Markus aveva deciso di spingere con ritmo continuo . Ormai sentivo la punta del cazzo che stava dilatando il mio ano , sentivo che la pelle intorno al buco mi doleva sempre di più e ho deciso  di andare a toccare con la mia mano il mio culo .
Quando la mia mano , che ho fatto passare tra le gambe , ha toccato il grosso cazzo nemmeno metà punta era entrata nel mio culo . Forse pochi centimetri ma era come se fossero metri .
Le mie dita toccando le natiche scivolavano facilmente forse per la crema messa da Olga , anche il grosso cazzo era particolarmente scivoloso ma non entrava . 
Come quando dovevo fare uno sforzo per sollevare un peso , o spingere il carro  , ho fatto alcuni lunghi respiri poi trattenendo il fiato ho spinto con tutta la mia forza il mio culo sul cazzo con uno s**tto unico . 
Respiro e urlo sono usciti insieme dalla mia bocca .
Olga ha sobbalzato sul letto perché anche Markus ha gridato .
Lo sguardo di Olga era evidentemente preoccupato , io sentivo lacrime sulle mie guance , le mani di Olga stringevano il mio viso e Markus sorpreso dal mio gesto aveva , forse anche per il dolore , tirato  fuori il suo cazzo dal mio culo . 
Senza una esitazione ho messo tutte e due le mani tra le mie gambe per cercare il cazzo di Markus , Olga mi guardava spaventata, afferrata la grossa verga di Markus l'ho messa nuovamente appoggiata al mio culo e ripetendo  profondi respiri e trattenendo poi il fiato muovevo il mio culo contro la grande punta , una , due , tre volte ogni volta un soffocato grido , quattro , cinque volte senza tregua anche perché ora Markus si opponeva con forza alle mie spinte e a ogni spinta mi attirava a se con sempre maggiore forza ; sei , sette gridi soffocati e a un tratto come se se il grosso cazzo si fosse improvvisamente sgonfiato ho sentito tutta la grande punta che iniziava a scorre nel mio buco del culo 
Il mio respiro era tanto affannoso a quello di Markus , il dolore persisteva ma ora era pari  al,piacere di sentire la grossa punta bollente dentro di me . 
Olga era tra il meravigliato e lo spaventato . 
Markus , sicuramente sorpreso dalla mia reazione , dopo una breve sosta , mantenendo spinto il suo cazzo dentro di me , con un paio di affettuosi sculaccioni mi ha rimesso in moto . 

Come Markus ha iniziato a muovere il suo bacino mi è sfuggito un nuovo grido , questa volta soffocato dalla bocca di Olga che , ripresasi anche lei dalla sorpresa ora era ritornata passionale e partecipe , ha subito infilato la sua lingua nella mia bocca . 
Ora Markus con un ritmo lento , costante , anche incoraggiato dal mio comportamento docile e dalla mia sopportazione del dolore , a ogni spinta introduceva poco , ma sempre di più , il suo grosso cazzo dentro di me , quello stesso cazzo che mi aveva spaventato , quello stesso cazzo che ora mi dava dolore e gioia . Avevo raggiunto una buona intesa con Markus , come appoggiavo la mia mano sul suo cazzo lui si fermava e in quei frangenti mi accarezzava e baciava il collo , al mio nuovo tocco riprendevamo la inculata ogni volta con qualche nuovo centimetro introdotto . Poche dure spinte e nuova pausa .

La roulotte era ora inondata dalle prime luci del giorno ma io non ero ancora sazio del cazzo di Markus che avevo appena preso in culo e Markus voleva ancora godere del mio stretto e dolorante culo . 
Olga aspettava solo di capire quando i nostri corpi avrebbero annunciato l'imminenza dell'orgasmo e sicuramente avrebbe contribuito a renderlo straordinario . 

Mentre il primo e più forte dolore andava scemando e venivo pervaso dal piacere che il grande cazzo mi dava  scivolando nel culo , prima lento lento poi con crescente ritmo fino a portarmi diversi orgasmi  nella mia mente si andavano scolpendo questi ricordi indelebili .

Ho goduto in questa occasione non so quante volte , non solo grazie al grosso cazzo di Markus , sopratutto grazie alla deliziosa donna che è Olga .
È stata Olga il collante che ha unito Markus a me e noi due a lei .

Markus con alcune pacche sul mio sedere mi volle far capire che il suo orgasmo era imminente , Olga dal cambiamento del nostro ritmo capì che io e Markus eravamo all'apice del piacere . Da donna intelligente si mise da parte , felice di ass****re ma anche consapevole che quello era il momento di me e di Markus . 
Ormai il cazzo , grosso e lungo , di Markus scorreva dentro e fuori dal mio culo , non certo con facilità , a ogni uscita corrispondevano minuti difficili per reinserirlo , con cautela e per quanto il dolore mi consentiva stringevo l'ano e le natiche per mantenere dentro almeno la grossa punta , la più dolorosa per rientrare ,  e dare a Markus il tempo di godere dentro di me . 
Io ormai non avevo più risorse per ulteriori orgasmi , Markus sembrava esserne colmo e così e stato , 
Con un intenso abbraccio Markus mi ha stretto a sé e un fiume di sborra calda si è sparso nel mio culo . A ogni contrazione dell'orgasmo Markus dava una nuova possente spinta e anche gli ultimi centimetri , che non erano pochi , del grande cazzo che in precedenza non erano entrati ora , anche  per il culo lubrificato dalla notevole quantità di sperma , erano tutti dentro e sentivo l'osso pubico di Markus toccare il mio culo . 
Olga che vicina , ma finora immobile , ci  aveva lasciati godere mentre si masturbava per il piacere di vederci uniti , prima che Markus sfilasse completamente il lungo cazzo dal mio culo , si è sdraiata nel letto con la faccia sotto il mio culo , la bocca aperta pronta a ricevere lo sperma che , come il cazzo usciva , lo avrebbe seguito . 
Markus per concedermi ulteriore piacere ha estratto lentamente il suo cazzo dal mio culo , ciò mi ha dato il tempo per contrarre ripetutamente  i muscoli anali in modo che all'uscita del cazzo anche lo sperma fosse pronto per soddisfare la bocca di Olga .

Markus non più unito a me con fantastico tempismo ha posto la sua lingua nella vagina di Olga che nello stesso istante riceveva in bocca lo sperma dal mio culo . La bocca di Markus era nella figa do Olga , la bocca di Olga era nel mio culo per recuperare più sperma possibile , solo la mia bocca , ma solo per poco era libera . Subito Olga , con la bocca piena si è unita alla mia per restituirmi la prima sborrata nel mio culo . 

Costa Rei - agosto 1966 































84% (8/1)
 
Posted by oldcd
2 years ago    Views: 1,412
Comments (2)
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
ILoveHair...
retired
1 year ago
Bellissimo, avrei voluto assistere!
2 years ago
molto intrigante e bello