in gabbia

Ero imprigionato dentro alla mia gabbia da sabato scorso, lei, mia moglie, aveva le chiavi e mi aveva già avvisato che dovevo aspettare almeno sette giorni.
Finalmente verso le due di notte del sabato decide di avvicinarsi e inizia a toccarmi, la pressione dentro la gabbia era alle stelle ed io sbavavo letteralmente mentre mia moglie rideva nel vedermi cosi servizievole e addomesticato chiamandomi il suo cagnolino. tolta la gabbia mi ritrovo con un erezione senza precedenti o quasi, vuole che inizi a leccargli la passerina, era tutta bagnata e la mia eccitazione fu ancora maggiore. Lei aveva voglia di essere stantuffata e mi ordino di mettermi sopra di lei e di scoparla con il massimo impegno perchè voleva venire proprio bene dopo una settimana di attesa. Io ubbidii, ma non sono riuscito a res****re per più di 5 minuti e ho sentito lo sperma che iniziava ad uscire e mi sono tirato indietro perdendo qualche gocciolina sopra la sua pancia,a lei non è piaciuto per niente. Non avevamo perservativi quindi non ho più potuto metterlo dentro,a lei questa cosa non è andata giù e poiche voleva venire assolutamente si è messa a 69 mettendomi la fica in bocca e ordinandomi di leccare fino a fargli raggiungere l'orgasmo. Si agito e strofinò sopra di me fino a quando la mia bocca si riempì di umori prima e piscia poi lasciandola soddisfatta e ansimante con le braccia e le gambe aperte sopra il letto.
Io me ne stavo a guardarla e vi assicuro è un gran pezzo di figliola, avevo il cazzo che pulsava e un erezione che durava da mezz'ora ormai, non vedevo l'ora di venire dopo le due goccioline di prima , quando mi disse di andare in bagno a lavarmi. Al mio ritorno si era già vestita e infilata sotto le coperte mi diede la gabbia e disse di rimetterla che per oggi ero venuto anche troppo e troppo presto. Sono rimasto chiuso fino al mercoledì successivo, ma questa è un altra storia.
30% (1/1)
 
Categories: Fetish
Posted by masierog
2 years ago    Views: 548
Comments
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
No comments