Al Mare Con Mia Zia

Ricordo quando feci l’amore per la prima volta. Fu con una zia sorella di mio padre. All’epoca aveva 35 anni e io ne avevo 17. Lei aveva divorziato da suo marito.
Un’estate venne ospite a casa nostra per le sue ferie, non mi vedeva da un paio di anni e quando mi vide mi disse: “che bell’ometto ti sei fatto, sei diventato proprio carino”, non nascondo che quel suo complimento mi imbarazzò alquanto e mi fece arrossire.
Mia zia era una bella donna, scura di capelli e con un bel seno che le dondolava quando camminava, era eccitantissimo.
La facemmo dormire nella stanza degli ospiti, io mi ero fatto un punto di osservazione comodissimo per spiare in quella stanza, da sopra un albero di tiglio in giardino riuscivo a vedere dentro la stanza senza essere visto, nascosto dal fogliame.
Riuscivo a spiarla mentre si cambiava, il suo corpo riusciva a farmi venire duro l’uccello aveva una folta peluria sul pube e da sopra l’albero riuscivo a notare che era rasata ai lati, il suo seno era grosso e morbido e questo spettacolo mi faceva arrapare e non potevo fare a meno di farmi una sega ogni volta che la vedevo.
Un giorno mi chiese di accompagnarla al mare perché era rimasta da sola, andammo al solito posto frequentato anche dai miei. Quando lei si tolse il vestito per rimanere col bikini dovetti fare uno sforzo immane per rimanere indifferente allo splendore che vedevo davanti e che avevo negli occhi come l’avevo vista la sera prima, completamente nuda. Credo che lei si sia accorta del mio momento di smarrimento quando è rimasta in mutandine e reggiseno del bikini.
Dopo un po’ che prendevamo il sole li in quel luogo affollato all’improvviso lei mi disse: “ascolta, caro, cambiamo posto che questo è troppo affollato, ho voglia di stare da sola per prendere il sole come dico io”. A quelle parole il cuore mi schizzo in gola, immaginavo come volesse rendere il sole ma quasi non riuscivo a credere alle parole che avevo appena sentito.
Cambiammo posto e andammo dove andavo con i miei amici quando volevamo fare qualcosa di nascosto come fumare o guardare qualche rivista porno. La zia stese l’asciugamano, si sedette sopra e si tolse il reggiseno del bikini, il seno della zia sobbalzò ad opera dei suoi movimenti e io rimasi esterrefatto alla vista di quelle tette che avevo ammirato di nascosto da lontano e ora le vedevo chiaramente davanti a me. L’uccello mi divenne duro e mi dovetti tuffare in mare all’improvviso, lei si accorse sicuramente di quello che mi stava succedendo. Uscì dall’acqua immediatamente perché volevo ammirare le tette della zia cercando di controllarmi per non fare

uscire il cazzo dagli slip, mia zia si accorse della mia erezione, mi guardò e mi chiese: “Cosa c’è ti sei emozionato? Ti piacciono le mie tette?”, le risposi: “Si, zia, sono fantastiche”, lei mi guardò e mi sorrise e, mentre il mio cazzo non ce la faceva più a rimanere negli slip, vidi mia zia che mi guardava l’uccello e rispose: “Mi fa piacere che apprezzi il mio corpo, ti piacerebbe vedere di più”, a quel punto avevo gli occhi sgranati, deglutendo la salivazione che mi era venuta in gola risposi: “Si”.
Mia zia fece un movimento stupendo che non dimenticherò mai più, sollevò i fianchi e piano, piano si sfilò gli slip, scoprendo dapprima l’inizio dei peli del pube, poi lasciando scoperta la figa, l’uccello che mi schizzò fuori dagli slip e lei sorrise.
“Vedo proprio che ti piaccio”, disse. Io ero quasi imbarazzato ma il mio cazzo era uscito completamente dagli slip.
“Togliti pure tu il costume – disse – tanto qui non c’è nessuno, non ti vergogni mica?”. Non me lo feci ripetere anche perché il mio cazzo quasi mi faceva male tanto era stretto dentro gli slip, appena liberato dalle costrizioni la mia erezione raggiunse il massimo. Stavo ammirando il corpo di mia zia completamente nudo, non mi pareva vero, ero estasiato, avevo voglia di scoparla ma mi vergognavo troppo per chiederle una cosa così audace.
Da donna esperta si fece avanti lei chiedendomi: “Mi spalmeresti la crema sulla schiena?” e si girò a pancia in giù mostrandomi un meraviglioso culo rotondo e sodo, io mi misi a cavalcioni sulle sue gambe e mi misi a cospargerle di crema la schiena, il mio cazzo era sulla parte posteriore delle sue cosce con la punta che le sfiorava la figa e speravo non finisse mai quel massaggio. Lei di tutta risposta si girò sotto di me mettendosi supina, il risultato fu che il mio cazzo le finì proprio sulla figa e disse: “Spalmami anche davanti”, a quel punto stavo per sborrare, avevo le sue tette in mano e le spalmavo la crema solare, aveva gli occhi chiusi ma mi accorsi che aveva un sorriso di piacere. Aprì gli occhi e diede uno sguardo al mio cazzo sopra la sua figa, e disse: “Ma tu sei eccitato - e ci credo in quella posizione – dobbiamo fare qualcosa altrimenti esplodi, aspetta cambiamo posizione”. Mi sollevai e lei aprì le gambe aprendo la figa, mi accorsi che aveva le labbra aperte e io mi sentivo ubriaco da quello spettacolo.
“Continua a spalmarmi” disse e io approfittai per inginocchiarmi tra le sue gambe, avevo la punta del mio cazzo sull’apertura della sua figa, lei mise una mano sul mio cazzo. “Che bello” disse e iniziò a masturbarmi, lo faceva con maestria ed esperienza, molto meglio di quanto facessero le mie amiche della mia età, ad un certo punto mise la mano libera sulla sua figa e cominciò a masturbarsi a sua volta io mi concentravo per non venire, sapevo che se fossi venuto sarebbe finito quell’idillio. Dopo essersi lubrificata bene la figa puntò la mia cappella all’imboccatura della sua vagina ed esclamò: “Entra, amore, ti voglio”. Con una spinta del bacino la penetrai, era la prima volta che provavo a mettere il mio cazzo dentro una figa, era bellissimo, con irruenza cominciai a pistonarla e lei: “Fai piano tesoro così vieni, aspettami” mi frenò con le mani sui miei fianchi e nel frattempo guidava i movimenti dapprima piano, poi mi faceva capire quando accelerare, le sfuggivano sospiri di piacere e capivo che stava godendo anche lei. Dissi: “Zia, non ce la faccio più sto per venire”
“Vieni tesoro ti aspetto, sborrami dentro che non c’è pericolo”
Quelle parole mi fecero quasi perdere i sensi, mi abbassai sopra di lei e accelerai i movimenti, le sue tette sobbalzavano ad ogni colpo che le davo e la punta delle sue tette sfiorava il mio petto. La sensazione di piacere che sentivo sul cazzo cresceva fino all’incredibile fino a raggiungere io massimo quando le esplosi dentro una lava di sperma, lei si lasciò scappare un grido di piacere quando si sentì inondare dentro. Eravamo venuti insieme, dopo la sborrata restai dentro di lei per prolungare la sensazione di piacere, con il cazzo ancora dentro la figa mi chiese: “È la prima volta che scopi?”, “Si” le risposi mentre uscivo dalla sua figa e vedevo il mio sperma colarle fuori.
Nei giorni successivi scopammo ancora e quando andò via mi disse: “Torno in città ma aspetto che mi vieni a trovare a casa mia”.
Mai come quell’anno non vedevo l’ora che finisse l’estate
91% (17/2)
 
Categories: First TimeMatureTaboo
Posted by loris86set
2 years ago    Views: 1,139
Comments (3)
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
7 months ago
bellissimo, bravo, sono iper eccitato.
2 years ago
wow che racconti sexy..
ti va di sentirci su skype?
2 years ago
ottima storia!