il custode

Passarono gli anni e i rapporti con Angelo e Daniele erano sempre più frequenti ormai ero diventato la loro femminuccia e dovevo farli godere ogni volta che volevano e anzi avevano coinvolto anche Walter di un anno più grande di me e Angelo e 1 in meno di Daniele; anche a walter piaceva tanto farselo succhiare e mettermelo dietro.
Lo facevamo dove capitava, negli scantinati sulle terrazze dove si lavavano i panni, dietro i cespugli.
Ultimamente ci aveva preso a giocare a tennis, affittavamo il campo e giocavamo delle ore e dopo la partita ovviamente c'era la doccia ristoratrice, non c'era doccia dove io non dovessi farli contenti, una volta mi ricordo che mentre c'erano due adulti che non conoscevamo che si cambiavano io ero dentro una doccia con Walter che lo spompinavo, ormai ero alla soglia dei mie 14 anni e ero esperto succhiatore nonchè bevitore di sperma, la cosa era troppo bella per lasciar stare.
Al campo di tennis c'era il custode, un uomo rozzo sui 50 anni puzzolente sempre sudato, barba lunga e mani sporche, mi ricordo era una bella giornata di sole e gli altri non c'erano cosi io e Angelo andiamo a giocare a tennis da soli, partita bella e lunga e alla fine nelle doccie Angelo mi chiede di farlo divertire, eravamo gli ultimi ad aver affittato il campo e sapevano che non sarebbe arrivato nessuno, la nostra testolina ingenua ci fece pensare di essere tranquilli, dopo un bel pompino Angelo mi fece mettere a 90 sulla panca degli spogliatoi e inizio una lenta e lunga inculata; sul più bello si spalancò la porta e apparva lui, il custode, che vedendoci fare quelle cose ci disse e bravi porcellini, Angelo si fermò di colpo ma lui gli disse - no continua che mi piace vedere la troietta che si fa inculare -. mentre si avvicina abbassa la chiusura lampo e tira fuori un cazzo non lunghissimo ma molto largo, l'odore di piscio e di sporco si sentiva da lontano, più si avvicinava e più avevo paura che dovevo prenderlo in bocca. si posizionò davanti a me e me lo mise davanti alle labbra, io aprii la bocca ma appena preso mi venne da vomitare, ma appena risputato fuori lui mi prese la testa e con forza me lo cacciò dentro, aveva un sapore forte di piscio. Angelo nel frattempo era venuto si vestì in fretta e scappò via; mentre usciva il custode gli disse - e non dire niente a nessuno altrimenti sono affari tuoi -.
Mi ritrovai da solo nello spogliatoio con il custode che mi pompava la bocca e dopo poco mi sborro in bocca, sembrava non finire mai, era tanta e


Click here for more.
molto densa
me la fece ingoiare tutta e appena finito io credevo che potevo andarmene e invece lui mi ferma e dice - dove vai?! anche io voglio assaggiare il tuo bel culetto giovane -; mi prese un colpo aveva un cazzo troppo largo, ma a lui non interessavano le mie proteste, mi fece mettere a 90 sulla panca, mise del bagno schiuma sul cazzo e me lo infilò dentro. un dolore lancinante mi squarcava le budella, mi pompò non so per quanto tempo e quando venne nel mio culetto dolorante non avevo più forza. a quel punto lo tirò fuori e me lo mise in bocca orndinandomi di pulirlo, era sporco di sperma e di residui del mio culetto ma a lui non interessava dovevo farlo e basta. appena finito mentre mi rivestivo mi disse - e domani sera devi passare da me giù al gabbiotto, e non ti scordare che posso dire a tutti cosa fate voi qua dentro... -.
avevo il culo dolorante ma essere stato preso con una certa violenza mi fece eccitare e a casa mi sparai una grande sega.
100% (3/0)
 
Categories: Shemales
Posted by loredana87
1 year ago    Views: 998
Comments
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
No comments