LA MIA PRIMA VOLTA DA SISSYBOY (Parte 2)

LA MIA PRIMA VOLTA DA SISSYBOY (Parte 2)

Il padre di Giorgio si stava masturbando. Aveva in mano un cazzo enorme, lungo almeno 24 cm. Era appoggiato alla parete con gli occhi chiusi e si masturbava, ad un certo punto lo sentii anche dire:
-Dai Claudio, prendilo in bocca, fammi venire dentro…..leccami le palle…..-
Mi prese una gran paura e ritornai al mio posto, e poco dopo lui usci e venne verso di me. Ricominciai a tremare,
Lui mi venne vicino e mi passo’ il braccio destro sulla mia spalla. Come per farmi coraggio.
-Che c’e’ che succede, tu hai paura, di cosa? – Furono le ultime parole che sentii, poi svenni.
Versione 1
Quando mi svegliai ero su un letto, mi guardai addosso e rimasi senza parole.
Indossavo un paio di mutandine di pizzo con un'apertura davanti che mostrava il mio pisello. Con la mano tastai dietro e mi accorsi che era un tanga. Un filetto i seta mi attraversava le cosce e mi segava in due il buchetto del mio culo vergine. Indossavo anche un reggiseno dello stesso pizzo e colore. C'e' da dire che io avevo il seno un po' pronunciato, simile ad una pria misura di una ragazza.
Non sapevo cosa fare, nella stanza non c'era nessuno, ero solo. Poi sentii dei passi, allora feci finta di essere ancora svento.
Con gli occhi socchiusi cercai di guardare e vidi il papa' di Giorgio entrare in stanza nudo.
Il cazzo gli ciondolava in mezzo alle gambe e nonostante fosse moscio era molto lungo e cicciotto.
Si sedette accanto al letto e inizio' a guardarmi, poi si inginocchio di fianco al letto e con una mano mi prese il pisello e comincio' a masturbarmi.
Rimasi ancora svenuto per un po', ma poi il piselo comincio' ad indurirsi e allora feci finta di rinvenire.
-Oddio, cosa mi e' successo.....ma cosa fa.......- feci io tentando di togliere la sua mano dal mio cazzo.
-Ssssshhhh - disse lui - stai buono e andra' bene per tutti e due.- Fini di dire la frase e si butto' sul mio cazzo e lo prese in bocca.
Comincio' a farmi un pompino (nessuno me lo aveva fatto finora). Andava su e giu' con la sua bocca e con la lingua ruotava intorno alla cappella. Sentii un brivido dietro la schiena e comincia di nuovo a tremare, poi lo vidi infilare il suo dito medio in bocca e riuscire ben lubrificato, sentii poi la sua mano insinuarsi in mezzo alle cosce e il suo dito medio fermarsi sul mio buchetto del culo.
Lo guardai in faccia terrorizzato, ma non riuscivo a dire una parola.
-Sono sicuro che il tuo culetto e' vergine, vero? - disse. Riuscii solo ad annuire con la testa, non mi usciva una parola, poi sentii il suo dito penetrarmi il culetto e entrare fino alla base mentre mi continuava a fare il pompino.
Stavo per venire, sentivo lo sperma salire dalle palle, attraversare l'uretra e stavo per esplodergli in bocca.
Feci per tirami indietro, ma lui mi trattenne e allora gli sborrai in bocca con un rantolo. Mi lecco' tutto per bene mentre continuava ad esplorarmi il buchetto del culo e poi si alzo' in piedi, pres le mie mani e mi mise seduto sul letto, poi mi prese la testa fra le mani e l'avvicino' al suo cazzo che ormai era diventato lungo e duro ed era esattamente davanti alla mia bocca.

100% (1/0)
 
Posted by jeipei
10 months ago    Views: 545
Comments
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
No comments