la mia amica Marisa

La storia con Marisa mi coinvolse per puro caso e mi venne offerta, su un piatto d’argento, da lei stessa. Lontano da ogni pensiero, mai avrei potuto preventivare, un giorno, di farmi “la Marisa”,come veniva chiamata nel nostro gruppo oratoriale di coetanei. Si può dire che la conoscessi da sempre; parecchio più anziana di me, piccola di statura (il suo soprannome era “rasoterra”), ma ben proporzionata con tutte le sue cose al posto giusto, non dava a noi ragazzi molta confidenza, ma del resto quando si hanno quindici anni, i dieci /dodici anni in più di differenza,si avvertono parecchio (noi eravamo ragazzotti alle prime seghe, mentre lei, già signorina, aveva sicuramente accolto nel suo “nido” più di qualche uccello compiacente), per cui per noi “la Marisa” divenne un po’ l’oggetto del desiderio, il mito inavvicinabile; anche il solo suo rivolgerci la parola, per non dire un sorriso di circostanza, o darci il minimo di confidenza, voleva dire per noi essere dei privilegiati. Quel suo portamento, quel suo elegante e civettuolo modo di vestire , quel suo ondeggiare su tacchi vertiginosi, uniti a quella leggera aria di snobismo, facevano si che fosse ammirata con cupidigia da tutti mentre su di lei fiorirono, sempre inventate da noi per rendere tutto il contesto più pepato, leggende metropolitane più inusitate, come il fatto che fosse una gran scopatrice ma che fosse anche “cattivissima” e “pretenziosa” nei rapporti sessuali coi partner (non è mai stata sposata ; usava i maschi e li lasciava: questa almeno era la diceria che aleggiava nel nostro immaginario collettivo). Inoltre uno di noi, suo vicino di casa, si vantava di averla vista seminuda dalla sua finestra della camera e ce l’aveva descritta nei minimi dettagli intimi (certo nessuno avrebbe potuto mettere in dubbio quelle parole), e questo fece si che lui fosse diventato,ai nostri occhi, il più privilegiato di tutti anche perché non ci fu mai verso di farci invitare a casa sua per poter ass****re ad un eventuale spettacolo della Marisa . Alla luce di questi racconti, sempre più fantasiosi ed esagerati, “la Marisa” quindi diventò sempre più irraggiungibile per noi comuni mortali ; ed allora cosa può fare un “comune mortale” in questa situazione : giù seghe a profusione, sborrate solitarie o collettive,dove la suddetta veniva fantasticata nei modi più assurdi e strani, ma anche più maialeschi e depravati ; veniva scopata in tutti i modi possibili , in tutte le situazioni e nulla e nessuno le faceva dire basta. Passarono gli anni e le mie prime esperienze mi fecero quasi dimenticare Marisa, anche se di tanto in tanto incontrandola, il prurito, per i pensieri che mi ricordavano la gioventù, si faceva ancora largo nella mia mente.Poi il nostro rapporto divenne, col passare del tempo , sempre più confidenziale, tanto che arrivammo a darci del tu, cosa impensabile per me solo qualche anno prima, ciò nonostante non ebbi mai il coraggio di confidarle i litri di sborra gettati pensando a lei. Qualche tempo fa, per una serie casuale di circostanze, i nostri incontri si fecero, anche se non voluti, più frequenti e,complici un caffè, due chiacchiere, qualche risata, mi fecero intuire che sotto sotto Marisa non avesse poi tutte quelle amicizie che si poteva pensare per una single come lei e di uomini neppure l’ombra (certo che l’età, ormai ben oltre a quella pensionabile, non le permetteva di spaziare più di tanto). Era sostanzialmente una persona sola che, anche perché a livello di parentela le restava solo una nipote mentre per quanto riguarda le amiche queste erano tutte per lo più sistemate , utilizzava i risparmi di una vita in soggiorni ,più o meno lunghi, solitari, in riviera, anche più volte all’anno o in viaggi organizzati, ma solo quando le rare amiche avevano dei giorni liberi da altri impegni. Fu così che un pomeriggio, mentre stavamo sorseggiando una bibita al solito bar e chiacchierando del più e del meno, lei mi confidò che la mattina precedente si era comprata due parei per andare al mare di lì a qualche giorno; “Veramente” mi disse “ Dopo tanta insistenza e tanta adulazione, mi ha convinto il venditore a prendere quei modelli, in quanto per me sono molto, direi troppo, osèe e qui a casa non potrei indossarli per uscire . Sai, non sono più una ragazzina e tutto quel “vedo non vedo”, tenuto insieme solo da alcune placche metalliche posticce, qui a casa non sai che scalpore farebbe nella gente. Invece lontano dall’ambiente non mi interessa e poi, devo dire , mi sembra proprio che mi stiano bene indossati “ concluse, quasi a giustificarsi dei soldi spesi per qualcosa che avrebbe sfoggiato lontano da casa e solo per un paio di settimane. A quelle parole, un lampo mi balenò nel cervello: “Ma cosa dici,col fisico che ti ritrovi potresti metterteli anche qui e fregartene della gente che è solo invidiosa. Comunque fatti s**ttare una foto al mare con quei parei, così potrò vederti e giudicare se quello che dici è vero” buttai lì di getto ed attesi la sua reazione. “Ma va, non c’è niente di bello da vedere” rispose sorniona stimolata nel suo amor proprio, ed allora io rincarai la dose: “Posso ben immaginare quanti “omini” ti ronzeranno intorno al mare quando li indosserai facendoti la corte e magari con altri pensieri non proprio limpidi”. Marisa fece finta di non raccogliere lasciando cadere le mie parole nel vuoto, ma conoscendola sapevo di aver risvegliato in lei l’istinto di femmina, anche se ben conscia della sua età e, di conseguenza, del suo fisico, che in effetti non era niente male. Il sasso comunque era stato lanciato ed ora ero in attesa di vedere quali conseguenze avesse provocato. Dopo un paio di giorni ci ritrovammo di nuovo a bere qualcosa; io non tornai sull’argomento “parei” e la cosa mi stupì quando fu lei a riprendere il discorso interrotto qualche giorno prima. “Sai, ho di nuovo riprovato i due parei per autoconvincermi che non ho buttato completamente i soldi e devo dire che hai ragione; mi sembra effettivamente di star bene, comunque la decisione è presa: qui a casa non li metterò mai per uscire ma sono soddisfatta ugualmente” decretò e mi parve attendesse una conferma da parte mia. “Pazienza” le risposi con falsa delusione: “Vorrà dire che mi accontenterò di vederti in foto con indosso quelle cosette” ,al che lei riprese: “Ma cosa vuoi che mi faccia fare delle foto; e poi perché”.

Io, a questo punto, l’incalzai: “Me l’avevi promesso però, anche perché mi hai sempre detto che ti interessava il mio parere”. Lei sorrise (il gioco fra noi , perché ormai di gioco si trattava, era in pieno svolgimento; ora bisognava capire chi avrebbe fatto la mossa successiva) rimanendo in silenzio e lanciandomi uno sguardo (almeno così mi sembrò) che mi parve un esplicito invito a proseguire la conversazione sull’argomento. Tergiversai ancora facendole però capire che sarei rimasto amareggiato se non avessi potuto ammirare questi “benedetti” parei che mi avevano così tanto incuriosito ed erano diventati ormai un’ossessione . A questo punto Marisa fece la mossa che non mi sarei aspettato, ma che tanto avrei desiderato facesse, esclamando nei miei confronti: “Va bene. Se proprio ci tieni a vederli, vieni da me quando vuoi che te li mostro”. Era ben di più di quanto avessi potuto sperare, tanto che dovetti deglutire mentre il cazzo dette segni di impazienza. “Domani pomeriggio, se per te va bene, verso le 14 sarò da te” dissi subito,anche per evitare che ci ripensasse, e (ormai dovevo buttarmi) aggiunsi: “Certo che però, a questo punto, vorrei vederteli indossati”, al che lei immediatamente rispose, anche un po’ maliziosamente: “Se fosse stato solo per farteli ammirare così, li avrei portati qui al bar , invece vorrei proprio che, disinteressatamente, mi dicessi come mi trovi, anche per evitare di fare la figura del pagliaccio in giro”. “E’ fatta” pensai “Domani me la faccio” mentre il cazzo mi si indurì al massimo, tanto che dovetti spostarmi più volte sulla sedia per non sentire dolore e per non farmene accorgere. Quando ci salutammo con la conferma per l’indomani, ripensai a quanto e a come tutto ciò fosse successo e, se da un lato la speranza di scoparla fu la logica deduzione del susseguirsi degli eventi, dall’altra il raziocinio mi fece riflettere, per cui si fece largo in me la convinzione di non illudermi più di tanto; in effetti, visti i nostri attuali rapporti, avrei anche potuto aver frainteso le sue parole, forse veramente Marisa avrebbe voluto un parere spassionato, forse aveva bisogno di qualcuno che confermasse le sue convinzioni. Decisi quindi di aspettare l’evolversi degli eventi e comportarmi di conseguenza; ora sarebbe stata lei a dover fare la prima mossa. Il giorno seguente l’appartamento di Marisa mi accolse nella penombra dovuta alle persiane accostate (eravamo in pieno luglio e il sole era a picco). Mi accomodai in salotto e lei, con indosso una vestaglietta sbracciata e in ciabatte, mi offrì un tè freddo. Intavolammo un discorso che effettivamente a nessuno dei due interessava, poi esclamai: “Allora, li vogliamo vedere o no questi spettacolari parei?”. Marisa sorrise :”Ma cosa vuoi vedere, sono semplici prendisole; niente di che” rispose per niente convinta di quel che diceva, mentre si capiva benissimo che moriva dalla voglia di indossarli. Insistetti: “Dai su, vai a metterteli, così finalmente potrò soddisfare la mia curiosità”. Marisa si alzò avviandosi verso ,presumo, la camera da letto, al che io aggiunsi : “Preparati come se fossi al mare e dovessi uscire per la passeggiata dopocena”. “Va bene” rispose con un tono che voleva sembrare di sufficiente compiacimento nei miei confronti, ma che mal celava la sua massima soddisfazione e desiderio di esibizionismo. Passarono alcuni minuti ed eccola comparire in tutto il suo splendore. La sua figura si stagliò sullo sfondo della porta aperta, indossava una specie di lenzuolino di lino colorato in giallo e azzurro portato come una toga e fermato sulla spalla da una spilla dorata. I fianchi erano praticamente aperti fermati da una cordicella in vita e dall’ampia apertura si intravedeva la strisciolina del bordo delle mutandine nere dalla cui dimensione si poteva intuire fossero tanga. La lunghezza del pareo si fermava ben al di sopra delle ginocchia e la scollatura davanti arricciata praticamente lasciava completamente scoperto il reggiseno (al mare naturalmente il reggiseno non si porta per cui in questo caso i seni sarebbero stati liberi di mettersi in mostra al minimo movimento). Ai piedi calzava due infradito dorate decorate con strass e il tacco a spillo che mettevano in mostra due splendidi piedini curatissimi con le unghie smaltate di rosso vermiglio. Era la prima volta che glieli vedevo, o meglio che glieli osservavo, e devo dire che erano tutti da leccare anche perché, vista la sua altezza, erano piccolissimi, avrà portato non più del 35 di scarpe. Per completare l’opera (capii ancora una volta quanto fosse ambiziosa) non si era fatta mancare neppure un leggero trucco sul viso, fine, tenue nel colore, ma arrapantissimo. Rimasi a bocca aperta a quella vista; le uniche parole che riuscii a profferire furono: “Sei splendida” e mi trattenni per non essere volgare. “Dai smettila, non prendermi in giro” mi rispose, e proseguì: “Adesso dimmi veramente cosa ne pensi. Non sarà troppo volgare o troppo spinto per la mia età?” . Le confermai il primo giudizio e lo corredai da altri sinceri complimenti nei suoi riguardi, anche un pò meno velati di doppisensi. “Ti ringrazio. Mi fa piacere che il tuo giudizio collimi col mio. Sono soddisfatta” mi disse orgogliosa, al che, inoltre, le confermai che sul fatto di indossare il pareo a casa, probabilmente aveva ragione lei: era certamente un po’ troppo “nudo” per i puritani dei conoscenti e anche di questo mio giudizio, Marisa ne fu contenta. L’invitai, a questo punto, a venire avanti e a camminare come se sfilasse, per poterla ammirare meglio nell’insieme; non si fece pregare e camminò ancheggiando davanti a me, spargendo tutt’intorno un delicato profumo di cui era cosparsa la sua pelle. Con un’altra donna, arrivato a questo punto, avrei rotto gli indugi e l’avrei presa e coricata sul divano, ma con Marisa avevo ancora qualche titubanza; non ero ancora del tutto convinto che quella fosse la mossa giusta. Poco dopo esclamò: “Vado a provare l’altro, che è completamente diverso, meno nudo ma altrettanto provocante secondo me” e si avviò verso l’uscita della stanza. A questo punto presi il coraggio a due mani e la seguii, mi fermai sulla porta della camera da letto a contemplarla di spalle mentre si sfilava il pareo convinta di essere sola; rimase in tanga e reggiseno sui tacchi a spillo: era uno spettacolo; nonostante l’età non più verde Marisa era ancora desiderabile e soprattutto arrapante per i miei gusti.

Le rinnovai il commento precedente, lei cacciò un grido di sorpresa e,voltandosi, istintivamente si coprì con le mani:“Cosa fai? Vai via” replicò sorridendomi senza convinzione nei miei riguardi; al che mi avvicinai , la presi fra le braccia e la guardai negli occhi. “Cosa stai facendo. Sei matto” disse flebilmente mentre sentivo la sua pelle fremere sotto le mie mani. “E’ da sempre che desidero farlo” le sussurrai e, avvicinando le mie labbra alle sue, la bacia delicatamente. Dopo un primo istante, la sua bocca si schiuse alla mia lingua che cercava di insinuarsi e uno scambio di slinguate fu il suggello ad un tenero ma ardente bacio che probabilmente entrambi volevamo. Quando ci staccammo la vidi abbassare gli occhi mormorando: “Cosa stiamo facendo”, al che le risposi: “Niente che non avessimo desiderato” e strettala di nuovo, le stampai sulle labbra un secondo bacio ancora più passionale. La sentii corrispondere in pieno alle mie avances che si fecero via via più audaci; le mie mani iniziarono a scorrere sulla sua schiena fino alle natiche , le slacciarono il reggiseno che in un attimo fu a terra scoprendo due tette, leggermente cadenti ma ancora sode come consistenza, che subito furono preda delle mie labbra. Marisa socchiuse gli occhi per apprezzare meglio i brividi che la mia lingua le stava trasmettendo, si abbandonò fra le mie braccia emettendo un semplice, languido:“Si”. Senza staccare le labbra, la feci adagiare sul letto ed in breve anche il minuscolo tanga giacque a terra mettendo in mostra una fighetta non rasata ma perfettamente curata, profumata e già abbondantemente umidiccia. Un leggero sfioramento con le dita poi, facendo scorrere la lingua sul suo corpo lasciando dietro una scia di saliva, arrivai sulla sua “natura” pulsante e presi a leccarla, prima delicatamente poi sempre più deciso e penetrante soffermandomi sul clitoride che si stava ingrossando, strappandole ripetuti gemiti di piacere. La mia bocca si riempì del suo umore copioso che fuoriusciva dalle grandi labbra, mentre lei ,abbandonata ogni remora e travolta dal piacere, forzò la mia testa verso quella figa ormai oscenamente dilatata quasi urlando: “Si non fermarti, continua a leccarla. Fammi godere. E’ da tanto che non sento una lingua così dentro di me”. In breve un fremito percorse il suo corpo mentre il suo bacino si inarcò sempre più : aveva raggiunto l’orgasmo. Mi sollevai scostandomi osservandola compiaciuto mentre lei, con un ultimo rimasuglio di pudore, cercò di coprirsi dicendomi: “Cos’hai da guardare. Smettila, sai che non voglio. Sono vecchia”. La mia laconica risposta fu: “Magari tutte le “vecchie” fossero come te. Sei tutta da godere”, al che un sorriso malizioso comparve sulle sue labbra. Notai in lei ancora qualche esitazione che, dopo una languida carezza sul suo viso e lungo il suo corpo, scomparve in quanto Marisa avvicinò la mano alla mia patta rigonfia e, fatta scendere la lampo, cercò di liberare il mio cazzo dall’infelice posizione che aveva assunto mormorando: “Vediamo com’è questo “bambino” così cresciuto” ; “lui” fece capolino in tutta la sua turgidezza , libero da ogni impedimento e svettò pulsante verso di lei. “E’ splendido; è tutto da mangiare” esclamò estasiata e, ancor prima che me ne rendessi conto, lo fece letteralmente sparire nella sua bocca. Un calore dolcissimo lo avvolse e si trasmise lungo tutto il mio corpo; mi lasciai scivolare sul letto mentre lei ,con gesto deciso, senza abbandonare la presa, mi sfilò scarpe , calzoni e intimo. La sua azione era dolce e nel contempo decisa; sembrava volesse succhiarmi tutto quanto avevo dentro, mentre il mio cazzo lo sentivo ingrossarsi sempre più e vedevo le sue labbra allargarsi a dismisura per poterlo contenere tutto. Il pompino che mi stava facendo mi resi conto che in quelle condizioni non avrebbe potuto durare a lungo e cercai, a quel punto, di fermarla o almeno rallentare la sua azione, ma Marisa allontanò decisa la mia mano continuando imperterrita nella sua opera di succhiamento. La sua saliva colava copiosa lungo l’asta ferrea che era diventata lucidissima e scorreva senza fatica fra quelle labbra vermiglie, quindi, subito dopo, sentii la sborra risalire veloce verso la punta del cazzo; non feci tempo a fermarla (forse neppure lo volevo a quel punto) e la scaricai del tutto in quella bocca calda e desiderosa. Nonostante il potente primo getto e i successivi, Marisa non fece una piega continuando a scorrere con le labbra sul “nervo” ingrossato all’inverosimile e contemporaneamente deglutendo l’abbondante liquido che le riempiva la bocca. La sua azione rallentò, fino a fermarsi con ancora tutto il cazzo in bocca, quando si rese conto che “non ne avevo più”, quindi si staccò dando un ultimo colpo di lingua alla cappella ancora pulsante per raccogliere le ultime gocce di sborra rimaste. A questo punto la feci sollevare e ,presale il viso fra le mani, la baciai ardentemente gustando anch’io il sapore della mia sborra di cui la sua bocca era pregna. Ci rotolammo avvinghiati sul letto senza dire nulla (erano i nostri corpi a parlare per noi), baciandoci e toccandoci a vicenda, fino ad abbandonarci ,appagati, sulle lenzuola profumate. Restammo senza parlare per alcuni minuti, poi guardandoci le dissi: “Era da sempre che avrei voluto averti, fin da quando ero ragazzino. Sei sempre stata il mio desiderio segreto”, al che Marisa replicò:” Ma dai. Cosa dici, con tutte le ragazze che ti sei fatto, figurati se pensavi a me”. Allora le spiegai tutto quello che da ragazzo, io e miei amici, pensavamo di lei, delle seghe che mi ero fatto pensandola per finire su tutte le storie che mi ero inventato su di lei. Marisa rimase allibita, mai avrebbe pensato di essere stata oggetto di tanti pensieri e di tante seghe da parte di noi ragazzi e, sotto sotto, mi resi conto che ne fu lusingata. Quindi mi confermò che la storia di quell’amico, suo vicino di casa, che l’aveva vista nuda era inventata (si era escogitato tutto per essere invidiato da noi, ecco perché non ci aveva mai invitato a casa sua ) poiché le sue finestre non erano accessibili alla vista da nessuno.




A quel punto fu d’obbligo spostare il discorso sull’ “E Adesso?” riguardo a noi; le feci intendere che avrei desiderato moltissimo frequentarla ancora (avrei dovuto dire “scoparla”, ma mi sembrò più fine esprimermi così), quando avesse voluto, compatibilmente con i suoi impegni e i miei (il solito ragionamento trito e ritrito fatto con tutte le altre), e pure lei mi sembrò dell’idea, anche perché, mi confermò non senza una punta di soddisfazione,: “Non tutte quelle della mia età si possono permettere uno stallone di almeno dieci/dodici anni più giovane, disponibile e senza problemi di sorta”. E proseguì : “E’ da tanto che non sentivo un bel cazzo in mano e in bocca e devo dire che mi ha fatto piacere, ancora di più di quando ero giovane e di cazzi ne ho fatti passare parecchi”. Mi resi conto che Marisa si stava lasciando andare, anche in fatto di linguaggio, e la cosa mi rallegrò parecchio; voleva dire che anche le ultime incertezze nei miei confronti si erano dissipate. Dal resto non ci sarebbe stato alcun motivo di rimanere sulle sue dopo quel pomeriggio che mi parve avesse soddisfatto entrambi e che , soprattutto, non era ancora finito. Lei , stesa completamente nuda con ai piedi ancora le infradito, aveva cercato di coprirsi appena con un cuscino ( un briciolo di pudore le era rimasto ); era splendida ed io, toltami la camicia che ancora indossavo, mi girai nella sua direzione, nudo e col cazzo che stava di nuovo inturgidendosi, mi avvicinai buttando a terra quel semplice riparo che mal celava le sue grazie e,dopo averla ancora una volta osservata con cupidigia, iniziai a leccarla partendo dalla pancia scendendo verso il basso. Marisa si rilassò e immediatamente divaricò le gambe come per invitarmi a raggiungere con la lingua la sua figa che aveva ripreso a bagnarsi copiosamente. Indugiai nel far fronte alla tacita richiesta e a questo punto lei mi prese la testa e cercò di dirigerla decisa dove avrebbe voluto che le mie labbra si posassero aggiungendo: “Avanti, cosa aspetti; fammela sentire questa lingua. Fammi godere ancora” , poi, visto che io opponevo ancora resistenza tergiversando sulle cosce e tutto intorno, la sua decisione si tramutò in forza che ,unita alla fermezza dell’intento, quasi mi impose il suo volere ordinando: “Vai giù porco. Lecca questa figa, fai godere questa cagna in calore” spingendo il mio viso sempre più verso l’apertura anelante (ciò mi confermò la veridicità delle leggende metropolitane per cui Marisa era pretenziosa ed esigente coi partner). Allora, vista la situazione, decisi di prendere io l’iniziativa; mi staccai con la bocca dal suo corpo, osservai la delusione dipinta sul suo volto, poi la bloccai letteralmente sul letto, le divaricai ancora di più le gambe e con un sol colpo le infilai il cazzo in figa fino in fondo, strappandole un urlo di piacere e gridandole: “Non è meglio il cazzo della lingua per farti godere troia? Prendilo tutto che ti voglio riempire di sborra”. Marisa, una volta ricevuto tutto il cazzo in figa, incrociò le gambe sulla mia schiena e iniziò a muoversi per seguire meglio il mio movimento di penetrazione, mentre nel frattempo ripeteva: “Si scopami, sono la tua troia. Lo sento molto, mi stai aprendo in due. Non fermarti e fammi godere”. In breve per entrambi ci fu un’esplosione di piacere che ci lasciò stesi senza energie, ma pienamente soddisfatti. Ci riprendemmo poco dopo con lei che mi portò altro tè freddo per dissetarmi; ormai si muoveva nella casa nuda, ogni falso pudore era scomparso, solo il tanga era tornato al suo posto, il che rendeva la sua figura ancor più eccitante. “Ma chi l’avrebbe mai detto” riprese a parlare sorridendo dopo essere tornata a distendersi sul letto accanto a me, “Io scopare con te; e che scopata”. “Vedi” le risposi “Non bisogna mai dare nulla per scontato. Si vede che era destino che prima o poi ci godessimo a vicenda; ed ora chi smette più?”. Sorrise di nuovo e, avvicinando il suo viso al mio, mi baciò con passione. Il cazzo mi si indurì immediatamente e divenne subito preda nelle sue mani. “E’ sempre pronto vedo. Chissà quante ne hai fatte godere e penare con questo “affare” che diventa duro a comando”. “Non tante come puoi pensare” risposi, intanto che la mia mano si era adagiata sulla sua figa tornata umida. Ci eccitammo a vicenda toccandoci ed accarezzandoci, anche se non è che ce ne fosse poi tanto bisogno, mentre le nostre lingue si incrociarono più volte scambiandoci saliva a non finire. Presi ulteriore coraggio e cominciai a parlarle insultandola volgarmente per vedere la sua reazione: “Sei proprio una gran porca” le mormorai fra una leccata e l’altra :”Voglio rifarmi di tutte le seghe che mi hai fatto fare”, e lei di rimando: “Sei tu il maiale, il chiavone a cui non so res****re. Si, trattami come una puttana, la tua puttana” mentre le sue labbra sfioravano,baciandola e leccandola,tutta la mia pelle trasmettendomi sensazioni sublimi. Mi resi conto che questa situazione accresceva enormemente la sua eccitazione, quindi scesi con la lingua lungo le sue gambe fino a raggiungere i suoi piedini, li fiutai e presi a leccarli, prima delicatamente poi sempre più profondamente. La mia lingua scorreva sul loro dorso fino alla caviglia, per scendere sotto la pianta ed arrivare alle dita che divennero preda delle mie labbra con un succhiamento come se fossero piccoli cazzetti; anche le infradito subirono la stessa sorte bagnandosi anch’esse copiosamente. Marisa ,abbandonata sul letto, mugugnava di piacere intanto che le sue mani, trascurato il cazzo, si erano infilate fra le sue grandi labbra ed erano quasi scomparse al suo interno. Mi inginocchiai davanti a lei e indirizzai il cazzo fra i suoi piedi che,così bagnati, iniziarono a scorrere lungo l’asta in un principio di masturbazione senza uguali. “Sborrami sui piedi” quasi mi implorò, ma era ben altro il mio desiderio; la feci girare, mettere a pecorina e con il viso mi tuffai letteralmente fra le sue natiche leccandole l’ano furiosamente. Un “Siiiiii” di piacere sgorgò dalle sue labbra, mentre le sue mani cercavano di allargarle per favorire la profondità della mia lingua. Aveva un culo profumatissimo mentre il buchetto si dilatava ad ogni colpo di lingua. A questo punto mi chiese: “Vuoi incularmi vero? Voglio sentirtelo dire” al che risposi prontamente: “Voglio che sia tu a chiedermelo, quasi a supplicarmi di farlo” e intanto non smettevo di leccare e bagnare il buco ormai pronto a ricevere l’asta diventata enorme.

Marisa non si fece pregare e subito quasi mi ordinò:”Inculami avanti. Inculami, spaccami tutta; fammi male ma fammi anche godere tanto”. A quelle parole di incitamento non resistetti, accostai la punta arrossata del cazzo all’ano facendola scorrere su di esso più volte per inumidirla. Lei non resisteva più muovendo il culo come fosse un invito ad entrare, per cui puntai il foro che istantaneamente si dilatò e affondai il cazzo dentro senza fatica fino in fondo fermandomi per saggiare la sua reazione. Un grido soffocato uscì dalla sua gola: “E’ enorme; mi fa male”, ma subito il movimento del suo culo si adattò al membro che l’aveva profanato. “Adesso fottimi e non fermarti fino a che mi hai riempito” mi intimò ed io non mi feci pregare; iniziai a scorrere dentro di lei, prima adagio poi sempre più forte e veloce. La stavo inculando di brutto e Marisa ,dai suoi sospiri , dai suoi movimenti e dal traboccante gocciolamento della sua figa sulle mie mani che l’afferravano, capii stava godendo come non mai e intanto continuava ad incitarmi: “Inculami, inculami. Più forte, più forte. Spaccamelo”. Non capivo più nulla, infervorato com’ero, la stavo inculando ferocemente, in modo a****lesco e a malapena riuscii a gustare il momento della sborrata che arrivò prepotente e copiosa, riempiendole il culo di liquido bollente. “Prendi troia” furono le sole parole che riuscii a pronunciare, mentre lei si espresse con un semplice: “Godo” ed insieme ci accasciammo di nuovo sul letto. Il torpore ci colse facendoci risvegliare dal frenetico bussare della porta: era la nipote che veniva a trovarla. Per un istante fummo presi dal panico, poi, razionalmente, Marisa entrò sotto la doccia uscendone subito bagnata e con l’accappatoio addosso , mentre io mi defilai, vestito alla “ bell’ e meglio”, dalla porta secondaria. Un “ A presto” mi accomiatò mentre la sua voce cristallina ripeteva più volte: “Arrivo”, all’indirizzo della porta d’entrata. Qualche giorno dopo io e Marisa ci rincontrammo al solito bar e lei mi disse che probabilmente, anzi ne era certa, la nipote aveva capito qualcosa avendo trovato per terra il suo tanga e il suo reggiseno e, soprattutto , avendo fiutato l’odore di sesso di cui le stanze erano impregnate. Mi confermò che non immaginava chi fosse “la persona” che stava”intrattenendo” la zia, ma che ne era felice per lei, avendola vista raggiante quando le andò ad aprire la porta. “Finalmente qualcuno che ti scopa” le disse la nipote senza giri di parole a cui Marisa ,con finta meraviglia, rispose: “Ma cosa dici. Ti sembra il modo di parlare”, anche se un largo sorriso di complicità si aprì sul suo viso. Mi confermò inoltre che la nipote, d’ora in poi, capita la situazione, avrebbe evitato di farle certe sorprese e avrebbe sempre telefonato prima di andarla a trovare soggiungendo: “Così sono sicura di non disturbare”. A quelle parole dissi a Marisa, fra il serio e il faceto: “Se tua nipote avesse dei pruriti, dille pure che potrebbe guardare qualora la cosa la stimolasse (non le dissi “partecipare” per non eccedere nella spregiudicatezza anche perché non potevo immaginare come l’avrebbe presa Marisa) “; ma lei quasi inorridì: “Ma sei matto; cosa dici”, quindi replicò: ”Come potrei scopare tranquillamente e concentrarmi sapendo che mia nipote mi sta osservando”, al che ,presa la palla al balzo , aggiunsi:” E magari si sta pure masturbando”, e lei di riflesso si lasciò sfuggire: “Eh, magari anche si”. Fu dopo questa risposta che mi resi conto che anche a Marisa il “voyorismo” l’avrebbe stimolata, e non poco; la sua sola ed unica apprensione non era infatti il farsi vedere, neppure che a guardare fosse la nipote in fondo la preoccupava; il suo solo ed unico timore era il non riuscire a concentrarsi come avrebbe voluto sapendo che qualcuno la stava osservando e magari si stava anche toccando. I nostri incontri cominciarono ad avere cadenza settimanale; Marisa sembrava volesse recuperare il tempo perduto tanta era la foga che esprimeva durante le sue performances e l’argomento nipote non fu più neppure sfiorato, anche perché non fummo più “disturbati”. Si era creata fra noi un’intesa sessuale incredibile, mai l’avrei creduto possibile in così breve tempo; tutto quello che ci frullava in testa, veniva prontamente sperimentato, senza remore ne titubanza alcuna, anzi, dovetti constatare che la mente di Marisa era molto più fertile della mia (che è già un vulcano) in quanto ogni volta mi riservava sorprese sempre nuove. Un pomeriggio si fece trovare sul letto (ormai avevo la chiave per entrare in casa) mentre stava “giocando” con tre cazzi di gomma contemporaneamente, due infilati in figa e nel culo mentre il terzo lo stava facendo scorrere sul suo corpo, lucido di crema profumata, non disdegnando di insalivarlo continuamente. Quando mi vide comparire sulla porta della camera, il suo viso si illuminò di libidine e mi invitò, in modo molto diretto, ad infilarle in bocca anche il mio di cazzo, cosa che prontamente feci. La sua lingua iniziò a “lavorarlo” sapientemente facendolo inturgidire ancor più di quanto già non fosse bagnandolo copiosamente. “Sei proprio una gran troia” le dissi mentre con colpi sempre più violenti le profanavo la bocca spingendoglielo sempre più in gola. Marisa succhiava avidamente e mi chiesi come facesse a non avere rigurgiti tanto il cazzo entrava, fra le sue labbra oscenamente dilatate, sempre più in profondità. Intanto le sue mani spingevano sempre più dentro di sé i due falli di gomma che ormai erano quasi del tutto scomparsi alla vista ed in breve, dopo aver abbandonato il mio cazzo, un urlo di piacere liberatorio s**turì dal profondo della sua gola seguito da inconsulti movimenti del bacino e da un rivolo di liquido che fuoriuscì abbondante dalla figa vibrante. Mi spostai di lato per osservarla meglio e godere della vista del suo profondo piacere; la figa ora era libera dal dildo che aveva fino a poco prima contenuto, mentre il suo culo era ancora ben pieno del secondo che, furiosamente, entrava ed usciva senza sosta strappandole ulteriori gemiti. Il suo viso era trasfigurato e trasmetteva il godimento che stava provando, il quale non era ancora completo in quanto, subito dopo, un ulteriore getto di liquido sgorgò dalla sua figa lasciandola, dopo ultimi fremiti, mollemente spossata sul letto: aveva goduto ancora.


L’osservai compiaciuto languidamente abbandonata con gli occhi socchiusi e un dolce sorriso abbozzato sulle labbra, quindi, avendo il cazzo ancora in tiro, iniziai a segarmelo delicatamente. In breve sentii la sborra risalire lungo l’asta, pronta a zampillare sprigionando il mio godimento; Marisa se ne accorse, sollevò il capo verso il cazzo pronto ad esplodere, aprì la bocca per ricevere il caldo nettare che,subito, a fiotti la riempì scaricandole addosso tutto il mio piacere. La lingua di Marisa,appena l’ultimo zampillo fu esaurito, cercò di raccogliere quanto ne fosse rimasto sulle labbra e deglutì con piacere il tutto . Un sensuale bacio fu il degno coronamento di quella goduta.
Uscendo di casa quel pomeriggio,notai una figura femminile in attesa in auto vicino all’ingresso; figura che, appena mi allontanai dalla porta, vidi entrare da dove ero appena uscito. Non ci volle molto a capire che quella donna era la nipote di Marisa la quale, intuendo che la zia si trovasse in compagnia, aveva atteso pazientemente che “il campo” fosse libero. Probabilmente, pensai, voleva anche vedere chi si scopava la zia la quale negli ultimi tempi si dimostrava sempre più allegra, appagata e contenta. Non riuscii a focalizzare del tutto la donna, ma ad una prima impressione mi sembrò un bel pezzo di figa , molto più alta della zia (ci voleva poco) e con tutte le curve al punto giusto, anche se l’abbigliamento non mi sembrò ricercato ne appariscente; quello che mi colpì di lei, neanche da dire, furono le sue calzature, due alte ciabatte con la zeppa di sughero e la patta nera traforata dalla quale spuntavano le dita che però non riuscii a ben inquadrare. A quel punto un’idea balenò nella mia mente; sicuramente la sua visita sarebbe stata abbastanza breve vista l’ora e dato che la donna era sposata, per cui mi appostai a mia volta e attesi la sua uscita. Non avevo idea di come mi sarei comportato al riguardo: se l’avessi solo osservata di nascosto, se avessi fatto in modo che mi riconoscesse, se le avessi rivolto la parola. Decisi che avrei seguito quello che il mio istinto, al momento, mi avesse suggerito. Poco dopo infatti la vidi uscire ed avviarsi verso l’auto posteggiata, mi avvicinai e salutandola le chiesi come stesse. Angela,questo era il suo nome, mi riconobbe subito tanto è vero che sorridendomi mi rispose a tono senza chiedermi chi fossi o cosa volessi (era la prima volta che ci vedevamo). Ci fu un breve scambio di convenevoli che servirono a farci capire reciprocamente che ognuno sapeva chi fosse l’altro, poi ci salutammo e il mio stupore si palesò quando mi disse: “Ciao, a presto”. Fu infatti quell’ultima frase di congedo che mi fece riflettere sul suo senso più recondito. Cercai di non pensarci più di tanto, “Sarà il suo modo di fare” convenni fra me e me, ma il dubbio mi rimase; inoltre venni a sapere che Angela era incinta, anche se di soli due mesi, per cui le sue forme non avevano ancora subito i canonici cambiamenti delle gestanti. Ebbi inoltre modo di rimirare le sue alte ciabatte che slanciavano la sua figura e le sue dita dei piedi, ben allineate e di giuste proporzioni, che la patta traforata tratteneva insieme armonicamente: una meraviglia. Dopo alcuni giorni, durante una mia consueta “visita” a Marisa, questa mi chiese se avessi conosciuto la nipote (certamente quest’ultima le aveva comunicato del nostro incontro); le risposi di si spiegandole come fosse accaduto. “Mi ha fatto i complimenti per te” concluse Marisa dicendomi inoltre che le avevo fatto una buona impressione. “Cos’è, devo superare l’esame della nipote per “farmi” la zia ?” esclamai scherzando, al che Marisa rispose prontamente con un :”E se anche fosse. Sai, Angela ci tiene molto a me e teme possa soffrire e provare dispiaceri”. Mi sentii, non so perché, come preso in mezzo e volli subito chiarire le cose, per cui , tra il serio e il faceto, chiesi : “Non sarà per caso che mi vorrebbe anche “provare” per capire se ti vado bene?”. Marisa non si stupì della mia affermazione, ne si scompose; mi sorrise maliziosamente e, avendo capito le mie intenzioni, si premurò di spiegarmi. “Vedi” iniziò col dirmi, “Come saprai Angela è incinta di quasi due mesi e il marito, da quando l’ha saputo, non ne vuole più sapere di scoparla; pensa di farle del danno. Inutilmente tutti, medico compreso, lo hanno tranquillizzato; lui ,con le sue convinzioni, non vuole sentire ragioni”. Marisa sospese il racconto, prese fiato (ora veniva la parte più scottante da raccontare) e riprese: “Ad Angela per di più “tira” che è un piacere e anche la masturbazione ormai non la soddisfa più”. Si fermò di nuovo sperando di non dover continuare e che avessi capito , allora io conclusi, evitandole ulteriori spiegazioni : “Quindi vorrebbe, con il tuo benestare, gustare un bel cazzo che la soddisfacesse; e chi meglio dell’uomo che si scopa la zia potrebbe fare al caso suo ?”. Marisa sorrise, abbassò lo sguardo e riprese : “Inoltre non ci sarebbe bisogno di alcuna precauzione in quanto nel suo stato non ci sarebbero problemi di sorta e potresti inondarla di sborra”. Queste parole ebbero su di me un effetto immediato procurandomi un principio di erezione che non sfuggì all’occhio attento di Marisa la quale, apertami la patta, iniziò un delicato massaggio al mio cazzo che si ingigantiva nella sua mano. Era un movimento delicato, lento, senza secondo fine, ma che apprezzai infinitamente. La guardai negli occhi chiedendole: “Tu ,naturalmente vorrai essere della “partita” , e lei prontamente: “No. Credo che sarei a disagio e anche Angela non si lascerebbe andare. Del resto siamo sempre zia e nipote e,nonostante sia cresciuta con me e fra noi non ci siano segreti, sarebbe imbarazzante per entrambe scoparci lo stesso uomo contemporaneamente e magari, visto il contesto, scoparci anche a vicenda”. Quindi,dopo una breve pausa riprese: “Io metterò a disposizione la casa, o meglio la camera, facendo in modo di far “sentire” la mia presenza il meno possibile; potrei anche uscire se me lo chiedesse e se servisse a farla stare più tranquilla, ma……”, “Ti dispiacerebbe molto” conclusi la frase lasciata in sospeso. Marisa sorrise e confermò, al che io ripresi,velatamente ironico: “Naturalmente non cercherai di osservarci di nascosto ,ne di ascoltarci vero?”, al che lei sbottò: “Certo che vi “spierò” e sono inoltre certa che non riuscirò a non toccarmi, ma dato che non parteciperò, concedimi almeno quello. Certamente però Angela non dovrà saperne nulla”.

Assentii e le chiesi di far sapere alla nipote una cosa: “Dille di indossare quelle ciabatte alte di sughero che calzava quando ci siamo visti; sono arrapantissime”. Marisa non si scompose, sapeva bene la mia sviscerata passione per le calzature ed i piedi, confermandomi che l’avrebbe fatto presente e aggiungendo suadente: “Non vedi l’ora di leccarle i piedi e di sborrarci sopra vero?”. Intanto la sua “opera” di mano continuava, il mio cazzo era rigidissimo pronto ad esplodere, allora lei, rivolgendosi al suo indirizzo balbettò lascivamente: “Adesso bello dammela tutta, inondami e fammi sentire il tuo sapore”; così dicendo aumentò il ritmo della masturbazione che immediatamente dette i risultati cercati : un primo potente getto di sborra, seguito da altri altrettanto corposi, investì Marisa sul viso e questa subito indirizzò il getto sul suo petto e sulle sue labbra, lasciando qui sfogare il cazzo che si stava svuotando. Fu una sega fantastica. Ora su trattava di aspettare che concordasse l’incontro con Angela e me lo comunicasse. La cosa andò a buon fine in brevissimo tempo, del resto non si profilavano particolari impedimenti, tutti eravamo quasi sempre liberi il pomeriggio e non si doveva neppure spostarci per evitare sguardi indiscreti ne trovare una location adatta allo scopo. Il pomeriggio stabilito ci vide tutti e tre nel salotto di Marisa che,quasi come una metresse fece gli onori di casa; era vestita in modo molto sportivo con una tutina gialla aderentissima che l’aiutava anche a sostenere le sue curve non più freschissime, mentre ai piedi, anziché avere le classiche sniker come avrebbe dovuto essere la prassi, aveva calzato una ciabattina da sera altissima con listini sottili che lasciavano scoperto tutto il piede perfettamente curato (intuii che ciò fosse stato fatto per me, conoscendo le mie manie e soprattutto per farmi eccitare a quella vista). Il normale reciproco imbarazzo iniziale fu quindi subito fugato dalla sua disinvoltura che fece in modo di farci sentire a nostro agio, quindi, una volta “rotto il ghiaccio” , Marisa si allontanò asserendo che l’aspettavano alcuni non meglio precisati lavoretti in cantina posta nel seminterrato dell’abitazione. Io e Angela rimanemmo soli, un velato disagio fra noi stava riprendendo piede quando fu la sua intraprendenza ad evitare che ciò accadesse. “Ho saputo che ti piacciono le mie ciabatte; le ho messe di proposito, ma non riesco a capire, sono normalissime ciabatte, comprate sul mercato ; non ci vedo quel così grande interesse che la zia mi ha detto suscitano in te” mi disse muovendo il piede , sollevandolo da terra e osservandolo in tutte le sue inclinazioni. Inutile dire cosa provai in quel momento vedendo “ l’oscuro oggetto del mio desiderio” muoversi e oscillare davanti ai miei occhi; inoltre non potei fare a meno di notare la particolare cura che Angela aveva avuto per le sue dita già perfette nella loro conformazione e rese ancor più speciali dal colore rosa antico delle unghie esemplarmente smaltate. Cercai di spiegarle,senza convinzione dato che ero distratto dalla splendida visione, la mia ossessione per i tacchi e i piedi; ossessione che si può definire feticismo, ma che per Angela rimase una semplice mania. “Penso che mia zia ti abbia messo al corrente della mia situazione” esordì Angela, continuando: “Non vorrei però che tu …”; io la interruppi dicendole che non c’era alcun problema, si sarebbe trattato solo ed unicamente di una questione di sesso e mai mi sarei permesso di formulare giudizi sui suoi confronti. Lei sembrò rincuorata e tornò ancora una volta sull’argomento relativo alle sue ciabatte e ai suoi piedi. A questo punto decisi di passare all’azione, la feci alzare e l’accompagnai verso la camera dove la feci sedere sul letto e stendere. “Adesso rilassati e lasciami fare. Chiudi gli occhi , cerca di percepire tutte le sensazioni che il tuo corpo ti trasmette senza pensare da quale parte di esso provengono e fai in modo di lasciarti andare completamente” le sussurrai dolcemente e presale un piede con calzata la ciabatta, iniziai a sfiorarglielo con le labbra, poi pian piano feci uscire la lingua che depositò su di esso un leggero velo di saliva. Con gli occhi cercai il suo viso che,dopo un primo momento di perplessità, si rilassò al tenero contatto abbozzando un leggero sorriso; i suoi occhi si chiusero mentre il respiro si fece più regolare. La mia lingua frattanto divenne più incisiva e saettante passando dalle dita al dorso alla pianta al tallone per risalire fino alla caviglia e ridiscendere sulle dita non disdegnando la patta della ciabatta e depositandovi una gran quantità di saliva. Il suo respiro nel frattempo cominciò a farsi più ansimante mentre alcuni mugugni fuoriuscirono dalla sua bocca ora dischiusa :”Mmmmm. E’ bellissimo”. A quel punto dedicai la stessa attenzione anche al secondo piede del quale presi a succhiare delicatamente, ma profondamente, l’alluce,mentre Angela, ormai coinvolta dalla situazione, sollevò oscenamente la gonna mettendo in mostra due splendide gambe e cominciò a far scivolare le sue mani sulle mutandine già bagnate del suo umore. Risalii allora con la bocca lungo quelle gambe che sentii fremere sotto le mie labbra fino a raggiungere la figa ancora coperta dall’intimo, ma che lei prontamente scostò per darmi modo di appoggiargliele direttamente a contatto della pelle. Il caratteristico profumo di femmina che emanava la sua figa era molto persistente mentre il suo umore prese a sgorgare copioso sulla mia lingua. Questa si fece largo fra il folto pelo raggiungendo in breve la sorgente del piacere iniziando a leccarla decisa gustandone il sapore acidulo . Nel frattempo il mio cazzo si era notevolmente indurito e dovetti “metterlo in libertà” per non sentire dolore; questi infatti, appena districato dall’infelice posizione, svettò pulsante verso l’alto; Angela percepì la “sua” presenza, aprì per un attimo gli occhi che sembrarono gioire a quella vista e quindi la sua mano si allungò per impossessarsi dell’asta. Mi sollevai per favorirle l’operazione cosicché il mio viso si trovò in prossimità del suo avvertendone il respiro sempre più profondo; osservai le sue labbra dischiuse, i nostri occhi si incrociarono per un istante poi lei ritornò a chiuderli mentre mi sembrò che allungasse la sua bocca verso la mia. Feci altrettanto e un caldo bacio con un sensuale scambio di lingue e di saliva suggellò il nostro desiderio.

Mi attirò con forza contro di sé con la mano libera e quando ci staccammo per riprendere fiato, mi sussurrò lascivamente : “Adesso scopami. Ti voglio tutto dentro”. Sembrò, dal tono, più un ordine che un desiderio, a cui non opposi alcuna resistenza; mi liberai , non senza disagio,dei calzoni, appoggiai il cazzo durissimo all’ingresso anelante della sua figa, ingresso tenuto sgombro dall’intimo che ancora portava dalla sua mano, attesi come un segnale inconscio da parte sua, gesto che immediatamente arrivò: il suo bacino si inarcò verso di me cercando la penetrazione. Assecondai il suo movimento e mi ritrovai completamente dentro di lei col cazzo avviluppato da un gradevolissimo calore. Iniziai a spingere e a scorrerle dentro con ritmo sempre crescente; le sue gambe si incrociarono sulla mia schiena, il suo respiro divenne più affannoso e quando percepì di essere ormai vicina all’orgasmo quasi mi urlò :”Vienimi dentro. Riempimi tutta”. Avvertii un getto potente di sborra sgorgare dal mio cazzo e, inondando quella figa già copiosamente bagnata , mescolarsi al piacere di Angela che all’unisono aveva goduto con me. Il tutto era durato pochissimo, ma il piacere provato era stato incredibile. Le sue gambe allentarono la presa così io mi lasciai scivolare appagato al suo fianco mentre anche lei si abbandonò al completo relax. Per alcuni istanti restammo in silenzio , non so se per apprezzare ancor meglio il piacere appena provato e se perché non sapevamo cosa dire; fatto sta che per un momento mi tornò in mente Marisa la quale, probabilmente dietro la porta chiusa, pensai non avesse sentito un gran che del nostro dialogo, sia per la sua breve durata sia per il tono sommesso usato, e che certamente si era si masturbata, ma aveva sicuramente dovuto lavorare molto di fantasia, per cui sarebbe stata abbastanza nervosa nei nostri confronti. “Non hai niente da dirmi” furono le parole di Angela che mi distolsero dai pensieri verso la zia, “Cosa dovrei dirti” risposi, “Che è stato bellissimo, che ho goduto molto e che lo rifarei. E’ questo che vuoi sentirti dire?” conclusi un po’ ironicamente. “No, vorrei solo che fossi sincero con me; non mi servono falsi elogi prestazionali. Vorrei solo che mi dicessi come ti sei trovato a scopare con me, visto che quasi non ci conosciamo. Potrebbe magari esserti sembrato di farlo con una prostituta” ribadì un po’ stizzita lei, che vide interrompersi la sua frase dalla mia lingua che prepotentemente si fece largo nella sua bocca, ricevendone corresponsione. “Spero di farlo ancora presto” fu la mia conseguente laconica risposta a completamento di quel bacio che voleva dir tutto. Due colpetti sulla porta seguiti da un : “Volete un caffè? Un succo?” ci fecero tornare alla realtà; era Marisa che, fin troppo premurosa, non vedeva l’ora di sincerarsi come stessero le cose. Io e Angela ci guardammo come a cercare il consenso reciproco per l’ingresso della zia, facemmo spallucce, al punto in cui eravamo sarebbe stato inutile trincerarsi dietro a falsi pudori, e, mentre io coprii con un lembo del lenzuolo le mie nudità, più per falso pudore che altro e lei, avendo ancora infilata la gonna benchè completamente sollevata, gonna che prontamente fece scendere più per un senso di simulata moralità che per effettiva volontà, rispondemmo insieme: “Vieni pure”. Marisa entrò con un vassoio in mano, ancheggiando sui tacchi altissimi e ancora fasciata nella sua tutina; fece finta di non guardarci, anche se in effetti i suoi occhietti ci scrutavano dappertutto alla ricerca di un segno, un gesto, uno sguardo, che le facesse capire meglio, più di quanto già non immaginasse, quanto era successo nella stanza poco prima. Angela ,a questo punto, le chiese di fermarsi anche lei per il caffè facendole segno di sedersi sul letto, cosa che la zia non si fece ripetere. Il dialogo a tre fu molto gioviale ed esplicativo, anche se condito da tanti doppi sensi e battutine, ma Marisa capì benissimo come fossero andate le cose anche leggendo la soddisfazione che t****lava dal viso della nipote. Intuii, dal suo comportamento e dalle sue parole,che non avrebbe opposto nessuna resistenza se qualcuno di noi due si fosse “fatto avanti” nei suoi confronti; infatti si era seduta con una gamba sotto al sedere facendo in modo che la ciabattina oscillasse maliziosamente con un dangling ricercato (sapeva che la cosa mi faceva impazzire) , continuava ad umettarsi le labbra con la lingua mentre i suoi occhi esprimevano, nei confronti della nipote, un desiderio che neppure la masturbazione appena messa in pratica aveva sopito. Credo che anche Angela avesse intuito qualcosa in merito (chiunque con un briciolo di malizia lo avrebbe capito), ma fece finta di niente, al che Marisa, dopo alcuni minuti tornò,con una scusa, nell’altra stanza portando con sè le tazzine vuote e salutandoci con un : “Fate con comodo” che le lasciò probabilmente un bel po’ di amaro in bocca. Appena soli Angela si rivolse a me dicendomi: “Hai visto come è rimasta delusa la zia? Secondo me avrebbe voluto scoparti”, ed io conclusi: “Secondo me voleva scopare te”. Angela rimase un istante in silenzio poi riprese: “Dici?. Non ci avevo mai pensato di farlo con un’altra donna, ma ora……..devo dire che la cosa, qualora si verificassero i presupposti, mi stuzzicherebbe; ma con mia zia no; penso che non ci riuscirei; sarei imbarazzatissima”. “Ma se si verificassero i presupposti però…..” le feci eco con tono mellifluo mentre la mia mano si era posata sulle sue gambe muovendosi con lieve sfioramento. “Vuoi ancora scopare ?” mi chiese, e la mia risposta fu : “Perché tu no ?” ; ci sorridemmo vicendevolmente, in un istante la sua gonna si ritrovò ai piedi del letto raggiunta subito dopo dalle mutandine; a quel punto Angela mise in mostra tutta la sua natura di femmina con un folto pelo biondiccio e una pancia che cominciava a mostrare un accenno di rotondità dovuto al suo stato. Le chiesi di alzarsi e di calzare di nuovo le ciabatte di sughero; l’osservai con sguardo libidinoso mentre lei , al lato del letto, scherzò facendo una piroetta per farsi osservare meglio. Anche il suo sedere era ben tornito e metteva in risalto un roseo buchetto che a prima vista mi sembrò ancora vergine. “Sei una splendida futura mammina” esclamai e come risposta Angela si inginocchiò sul letto e impossessatasi del mio cazzo già perfettamente in tiro, iniziò a masturbarlo lentamente.

Le nostre bocche tornarono a cercarsi e si unirono in un caldo bacio, quindi lei si mise a cavalcioni su di me e con un solo colpo si impalò fino in fondo. Un gemito di appagamento s**turì dal profondo della sua gola intanto che le sue mani presero a massaggiare vigorosamente i suoi seni duri ed eretti, poi, facendo forza sul mio torace per sollevarsi col bacino, iniziò a cavalcarmi con ritmo che cambiava a seconda del piacere che stava provando. La lasciai fare, cercando ,nonostante non fosse semplice, di trattenermi dal godere subito; sentivo il mio cazzo che si scappellava tutto lasciando il nervo completamente scoperto mentre il suo respiro si faceva sempre più intenso. “Sono io che ti scopo adesso” riuscì a dirmi fra un gemito di piacere e l’altro, e ciò mi fece capire che Angela stava lasciandosi andare completamente: era una perfetta macchina di piacere, molto esigente, ma anche molto disponibile a concedersi. Il ritmo della sua cavalcata cambiava in continuazione seguendo il grado di eccitazione che provava, poi cominciò ad aumentare fino a raggiungere il culmine dell’orgasmo che,una volta raggiunto, la fece quasi urlare di piacere, mentre sollevandosi e sfilandosi dal cazzo, mi riversò addosso un potente getto di liquido caldo. Anch’io a quel punto mi abbandonai e le sborrai copiosamente sulla figa oscenamente aperta. Angela quindi si lasciò scivolare su di me ansimante, mi abbracciò cercando ancora le mie labbra che baciò e leccò come per dimostrarmi il grande piacere provato. Più tardi, una volta rivestiti, uscimmo dalla camera e trovammo Marisa in attesa, seduta sul divano del salotto intenta a leggere un libro ( secondo me aveva riletto chissà quante volte la stessa riga visto il nervoso tamburellare delle sue dita sulla copertina ). “Tutto a posto ? ”, furono le sue prime parole, pronunciate con una punta di sarcasmo. “Si, tutto bene” fu la laconica risposta di Angela che, avendo intuito il momento poco felice, non aggiunse altro, salutò me e la zia congedandosi e se ne andò. Fra noi calò a quel punto una cappa di gelo, al che intervenni subito per fare chiarezza. “E’ inutile che ti incazzi” esordii, “ La situazione la conoscevi benissimo anzi, se non fosse stato per te, non saremmo mai arrivati a questo punto” conclusi, al che Marisa rispose: “E’ vero; scusami , ma è stato più forte di me. Il saperti nell’altra stanza con un’altra donna mentre la stai scopando mi ha fatto andare su tutte le furie. Magari chissà quante te ne sarai fatte in questi ultimi tempi, ma una cosa è sospettarlo e un’altra è esserne sicuri: oggi ne ero certissima, specialmente dopo essere entrata nella stanza e avervi visto stesi sul letto”. Lo sfogo le uscì tutto d’un fiato al che, quando si interruppe, da quel gran porco che sono , l’incalzai con voce melliflua: “Non sarà che ci sei rimasta male perché non ti abbiamo chiesto di partecipare ?” . Lei istintivamente a quella mia affermazione,dopo un attimo di silenzio, mi urlò contro : “Ma sei pazzo; per chi mi hai preso”, ma subito dopo la sua voce si quietò : “E poi con mia nipote per di più; sei proprio un depravato”. La lasciai calmare del tutto e ripresi: “Allora l’unico problema sarebbe la nipote, altrimenti la risposta sarebbe stata affermativa”, al che lei replicò farfugliando che stavo sfruttando la sua arrabbiatura per mandarla in confusione e non si rendeva neppure conto di cosa stesse dicendo. “Pensa” , ripresi allora con calma a dire “Anche Angela ha lo stesso pensiero in merito; si vede proprio che siete parenti. Peccato”, e lasciai cadere la frase in attesa di risposta, ma soprattutto per darle modo di rifletterci sopra. “Sapevo che eri un porco, ma mai avrei creduto che potessi arrivare a pensare a tanto” affermò, dopo alcuni secondi, Marisa, anche se il tono di voce lasciava t****lare un non so che di curiosità e di interesse. La cosa,per il momento, finì lì; l’argomento era stato sollevato, ora si trattava di lasciarlo maturare ; di positivo c’era che da parte di entrambe le donne non avevo riscontrato un rifiuto netto alla mia boutade ; tutte e due avevano lasciato trasparire una , forse seppur minima, possibilità alla sua messa in pratica.
Passarono alcuni giorni e una mattina un sms di Marisa mi chiese se il pomeriggio seguente avessi avuto possibilità di andare da lei dato che la nipote “Aveva bisogno”. Sorrisi mentre rispondevo al messaggio pregustando una nuova scopata con la donna incinta : la cosa mi stimolava sempre più. Mi chiesi anche come la stesse prendendo Marisa, dato che ultimamente non ci eravamo più visti e ora si trovava nella condizione quasi obbligata di “soddisfare” i desideri della nipote avendo creato un precedente; probabilmente non era affatto soddisfatta di come si stavano evolvendo le cose, ma, del resto, non ero stato io a chiedere di scopare ancora Angela. Il pomeriggio concordato ci ritrovammo tutti e tre nel salotto di Marisa; all’euforia di Angela si contrapponeva il mutismo mal mascherato di Marisa che, anche di fronte ad un mio complimento a lei indirizzato, rispose con un sorrisino di circostanza alquanto tirato. Feci finta di niente, riservandomi di chiarire, una volta per tutte a quattr’occhi, la situazione creatasi e, allungata la mano verso Angela a mò di invito, con questa mi indirizzai verso la camera da letto. Immaginai la rabbia che covava in Marisa, la quale comunque fece finta di nulla, dicendo che aveva da fare in cucina. Il furore di Angela appena chiusa la porta alle nostre spalle, mi colse di sorpresa; la sua bocca si incollò prepotentemente sulla mia intanto che la sua lingua frugava insistentemente alla ricerca di un concitato contatto. Dovetti convincermi che, le dicerie per cui una donna incinta è sempre eccitata e sempre vogliosa durante il periodo di gestazione (probabilmente a seguito di fattori ormonali), rispecchiano la pura verità. Angela sembrava assatanata e si “donava” , con tutte le sue grazie, in modo completo e coinvolgente, dimostrandomi la sua incondizionata disponibilità ad essere posseduta. In breve i nostri corpi si trovarono nudi ancor prima di raggiungere il letto con i nostri abiti sparpagliati tutto intorno frutto di un impeto inimmaginabile.


Non senza fatica raggiungemmo il talamo sul quale fui spinto ad adagiarmi supino; subito Angela mi venne a cavalcioni iniziando a sfregare la sua figa bollente e oscenamente dilatata sul mio cazzo già duro come il marmo. Il suo movimento veniva compiuto in modo di evitare la penetrazione, anche se era impossibile che ciò non potesse avvenire viste le nostre condizioni, ma la sua abilità in tal senso fece in modo che entrambi provassimo immenso piacere col semplice reciproco sfregamento dei nostri sessi. Angela, ad occhi chiusi per meglio assaporare la sensazione, guidava, appoggiandosi sul mio petto, il movimento del suo bacino facendo in modo di trarne il massimo godimento; la sua figa continuava a colare bagnando copiosamente la mia asta che tentava in tutti i modi di penetrarla, azione che lei ,con grande competenza, riusciva a evitare, portandomi ad estremi livelli di eccitazione. “Non essere impaziente” continuava a ripetermi; “Voglio farti impazzire prima di darti il giusto premio alla tua spasmodica attesa” continuava ormai in estasi e coinvolta completamente dal contesto creatosi. Nel frattempo nella stanza era entrata silenziosamente Marisa che si fermò in nostra contemplazione ai piedi del letto; percepii la sua presenza e, incrociando il mio sguardo col suo, feci finta di nulla, quasi come assentire sul ciò che prevedevo sarebbe successo di lì a breve. Angela, essendo di spalle, ad occhi chiusi e presa com’era dall’ eccitazione, non si accorse della zia, continuando nella sua azione di godimento. Marisa era in slip e reggiseno neri, ma di una forma e di una misura che a stento contenevano le sue grazie; aveva inoltre infilato due calze a rete autoreggenti a maglia grande da puttanone e calzava due ciabattine col tacco a spillo vertiginoso. Dopo alcuni attimi di ammirazione, si avvicinò a noi salendo in ginocchio sul letto e, delicatamente, appoggiò il suo corpo,cingendolo, alla schiena della nipote intanto che con la lingua prese a leccarle il collo , la nuca e dietro le orecchie. Angela ,al primo istante, trasali irrigidendosi; si girò in direzione della zia incontrando i suoi occhi . “Oh zia, cosa stai facendo” furono le sole parole che fra i sospiri riuscì a profferire, poi un leggero abbozzo di sorriso spuntò sulle sue labbra, la tensione creatasi in lei si stemperò, gli occhi tornarono a richiudersi mentre Marisa, ricevuto così tacitamente il suo consenso, iniziò a sussurrarle all’orecchio: “Stai tranquilla. Non volevo lasciar solo il mio “cucciolo”. Perché tu sei il mio cucciolo vero? Questo sarà il nostro piccolo segreto”. A queste parole Angela si sciolse completamente, il suo corpo cercò di copiare i movimenti sinuosi di quello della zia che intanto si stava dedicando con la sua lingua saettante alla schiena della nipote. “Si zia. Così, continua, non fermarti. Fammi sentire la tua lingua. Chi meglio di te può soddisfarmi in questa esperienza” esclamò Angela ruotando il suo capo alla ricerca delle labbra morbide della zia. Questa non aspettava altro; abbandonò la sinuosa schiena abbondantemente insalivata e portò la sua bocca a contatto con quella della nipote. Il bacio conseguente fu dolce ma nel contempo energico ed estremamente erotico ; le due lingue si incrociarono mentre Marisa si era impossessata dei seni di Angela e li massaggiava stimolando i capezzoli che si erano irrigiditi e ingrossati. Quindi, su sollecitazione della zia, la nipote riprese la sua “cavalcata” intanto che la sua schiena ritornò ad essere percorsa dalla sua calda lingua. Angela era stravolta, stava godendo come non mai alla mercè di un cazzo marmoreo infilato dentro di lei fino alle viscere e della lingua della zia che ben sapeva come leccarla e baciarla dappertutto al fine di portarla all’estremo piacere. “Mi state facendo morire” ripeteva sommessamente, quasi impotente, in nostro potere, mentre Marisa aveva raggiunto con la bocca la sua figa piena di cazzo e di umori ed aveva cominciato a slinguarla non disdegnando di dedicare qualche attenzione all’asta turgida che la stantuffava implacabile. Quando si rese conto che Angela stava per avere un potente orgasmo, si sollevò, l’abbracciò stringendola di nuovo per la schiena e, continuando a passarle la lingua sul collo, prese a sussurrarle lascivamente: “Brava, lasciati andare. Fai vedere alla zia come sa godere il suo cucciolo. Non avrei mai pensato che fossi così porca. Avanti dimmelo, fammi sentire che stai godendo”. A quelle parole Angela non si trattenne più e con un urlo gutturale esplose in tutto il suo piacere: “Siiii. Godo molto. Non fermatevi, continuate . Siete due maiali, ma io voglio essere la vostra troia”. Dalla sua figa pulsante un caldo getto di liquido sgorgò potente,mentre Marisa cercò di raccoglierne il più possibile con la mano che prima portò alla sua bocca e poi accostò a quella della nipote invitandola:”Senti com’è buona.E’ la tua; leccala”. Angela non si fece pregare passando fra le dita della zia la sua morbida lingua. Io nel frattempo, pur esterrefatto dal contesto creatosi, non avevo ancora sborrato; Marisa lo capì e immediatamente spostò la nipote dalla sua posizione sopra di me e preso il suo posto, si infilò il mio cazzo dentro di lei fino in fondo. Un rantolo di piacere uscì dalle sue labbra: “Finalmente, non vedevo l’ora di sentirlo” e la sua “cavalcata ebbe inizio. Al punto di eccitazione in cui mi trovavo la scopata non avrebbe potuto durare molto, infatti in breve un getto di sborra riempì la sua figa fuoriuscendo lateralmente dalle grandi labbra; Marisa continuò a “cavalcare” finchè anch’essa raggiunse l’orgasmo che anelava per poi lasciarsi scivolare sul mio petto a cercare la mia bocca. In breve ci trovammo tutti e tre distesi vicini; nessuno parlò, ma ormai eravamo consapevoli come ogni commento fosse superfluo : avevamo goduto immensamente, desideravamo sicuramente replicare l’esperienza e soprattutto si erano superati tutti i tabù che fino a qualche ora prima parevano insormontabili, ma, dagli sguardi che ci scambiavamo, capimmo di non essere ancora appagati. Fu Marisa infatti che prese l’iniziativa, si impossessò del mio cazzo cominciando un sensuale massaggio per farlo tornare in tiro, quindi, quando lo scopo fu raggiunto (non ci volle poi tanto) , si dedicò ad un sapiente inizio di masturbazione con annessi colpi di lingua sullo scroto al fine di mantenerlo sempre bagnato. Angela osservava la zia sotto altri occhi, probabilmente mai l’avrebbe immaginata così porca , specialmente in sua presenza, ma dovette prendere atto che quella vista la stava eccitando sempre più.
Ricordò la sua gioventù, quando Marisa le faceva il bagnetto in assenza della madre e cercò di trovare in quei gesti così naturali una punta di malizia nei suoi confronti e, non riuscendo a trovarne, fece in modo di inventarsela cosicchè , una volta sola, avrebbero portato la zia a furiose masturbazioni nel pensiero della nipote. Tutto questo non fece che accrescere la sua eccitazione e,quasi senza volere, si ritrovò con la sua mano affondata nella figa grondante di Marisa che aveva,di pronta risposta, allargato oscenamente le gambe. La sua mano si ritrovò subito bagnata di umore mentre i gemiti della zia iniziarono a crescere di intensità: non era da tutte farsi toccare e sditalinare dalla nipote. Io mi ritrovai quindi col cazzo pronto a una nuova sborrata fra le mani di Marisa, mentre questa seguiva il ritmo della masturbazione dettato dal godimento che stava provando al contatto della mano di Angela. Solo quest’ultima si limitava a dare piacere ed a osservare la scena non provando nessuno stimolo diretto,ma avendo il grado di eccitazione alle stelle; fu così che allora l’attirai verso di me cercando la sua bocca con la mia. Angela non si fece pregare, dischiuse le labbra pronta a ricevere la mia lingua insalivata. Il bacio che ne seguì fu intensissimo e carico di sensualità, quasi come forma di riconoscenza verso di me per quanto stava succedendo e a dimostrazione dell’immenso piacere che stava provando. Marisa vide il nostro atteggiamento e non volle restarne esclusa, quindi allungò anch’essa la bocca verso le nostre labbra quasi come fosse alla ricerca di qualcosa che le mancasse. Io ed Angela ci staccammo un istante facendo in modo di accoglierla fra di noi; la sua lingua allora si insinuò fra le nostre labbra cercando il contatto in uno scambio di lingue a tre. Quindi lei si dedicò (si capiva che non vedeva l’ora) completamente alla nipote “possedendola” furiosamente in bocca e riversandole dentro una gran quantità di saliva. Angela corrispose in pieno ed io mi vidi costretto quasi a defilarmi anche se il mio cazzo era ancora decisamente in possesso di Marisa che non smetteva di masturbarlo. Mi avvicinai ,a questo punto, all’orecchio della zia e le sussurrai con tono perentorio: “Voglio il suo culo”; lei non si scompose, aprì per un istante gli occhi sbattendo le palpebre in segno di consenso e riprese a leccare il viso e il collo della nipote sempre più sensualmente mentre questa si era ormai completamente abbandonata al piacere che stava provando e la sua figa colava copiosamente. Abilmente Marisa la fece posizionare a pecorina non staccandosi mai da quel corpo e da quelle labbra sia con la bocca sia con le mani e fece in modo di sistemarsi di fronte a lei. L’opera di toccamento e masturbazione stava dando i suoi frutti; Angela si lasciò “condurre” e “posizionare” come voleva la zia che la stava portando a un livello di estrema eccitazione. Dalle sue labbra dischiuse un susseguirsi di mugugni e di sospiri di piacere sempre più profondi mi fecero capire che la donna era ormai disponibile ad accettare qualunque cosa le fosse stata proposta ed era quindi pronta a tutto pur di soddisfare la sua libido a quel punto giunta al limite. Osservai il suo culo in posizione perfetta per la penetrazione rendendomi conto, dalla dilatazione dell’ano, come non fosse la prima volta che veniva inculata : “Meglio così” pensai, “ Vorrà dire che non dovrò stare particolarmente attento al dolore che potrei procurarle”. Il mio cazzo era un bastone di marmo che mi premurai di bagnare copiosamente raccogliendo con la mano la mia saliva e distribuendola lungo l’asta; allo stesso modo passai le dita bagnate sulla rosea fessura che subito “rispose” al contatto dilatandosi ulteriormente: era pronta! Avvicinai allora la punta, gonfia all’inverosimile, al foro anale, la feci scivolare un poco esternamente sulla fessura già lubrificata, poi di colpo l’introdussi forzando l’entrata. Un debole lamento mi fece intendere che era arrivata fino in fondo e che Angela stava sentendo piacevolmente quel cazzo che le riempiva il suo culo. Marisa intanto continuava a leccare il viso e la lingua della nipote quasi a farle capire che lei era lì, vicina a sostenerla (nonostante avessi intuito che non ce ne fosse bisogno poiché il mio cazzo si era introdotto perfettamente dentro di lei senza alcuna fatica, segnale che quell’ano era abituato a quelle penetrazioni). Dopo essermi fermato un istante tutto dentro di lei, cominciai il movimento di stantuffamento in modo prima delicato , poi sempre più veloce e profondo. Angela, ad occhi chiusi e con la bocca spalancata, sembrò gradire mentre il suo respiro si faceva sempre più affannoso; Marisa nel frattempo continuava a baciarla , leccarla facendole sentire la sua presenza e le sussurrava: “Brava, così. Si vede che stai godendo. Sei proprio una maialina” e ancora “Voglio la tua lingua, fammela sentire fino in fondo e dimmi quando stai venendo che la voglio bere tutta”. Angela si muoveva lascivamente seguendo i miei movimenti finchè poco dopo il suo corpo ebbe un fremito, la sua figa si dilatò ancora di più e cominciò ad emettere fiotti di liquido. “Godo ,non fermarti” urlò al mio indirizzo intanto che il mio cazzo la profanava sempre più deciso e Marisa, portata la bocca sulla sua figa, leccava avidamente tutto quanto ne usciva. In breve anch’io raggiunsi l’apice del piacere e le scaricai nel culo una gran quantità di sborra calda che ,colando fuori dal suo ano, fu preda anch’essa della lingua vorace della zia la quale si stava masturbando furiosamente per arrivare, cosa che puntualmente avvenne, pure lei all’estremo godimento. Mai mi era successo di godere in tre quasi contemporaneamente, e la cosa mi dette una soddisfazione immensa e penso che pure le due porche fossero completamente soddisfatte. Ci ritrovammo così tutti e tre abbracciati, con il nostro sudore che si fondeva ai nostri umori in un miscuglio acre ma erotico nel tempo stesso, quindi più tardi, una doccia ristoratrice ci fece ritornare del tutto in noi mentre una risata collettiva ci fece capire quanto eravamo soddisfatti dell’accaduto.
100% (15/0)
 
Categories: Group Sex
Posted by heirich
2 years ago    Views: 1,126
Comments
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
No comments