MARIAGE ARRANGE'


Prima parte: LE RADICI DI FLORIANA

Floriana è una ragazza di casa, ma anche una vecchia casa con una nonna sonnolenta, può nascondere numerose insidie.



- Mi fa male, stasera – sussurrò Floriana nel buio della sua stanza, ma quello scemo di Renato non si decideva ad andarsene in camera sua - Ieri pomeriggio hai spinto troppo, idiota! - Renato sbuffò ma non mollò.
Era inginocchiato per terra affianco al suo letto e con la mano sotto le lenzuola continuava a cercare di intrufolarsi sotto la sua vestaglietta.
- Devi andartene, non deve succedere più … lo capisci? -
- Solo un’ultima volta – sussurrò il fratello nel buio – è troppo bello! -
Floriana ripensò a quel mese incredibile … tutto era cambiato e lei non riusciva a raccapezzarcisi in quella situazione che sapeva essere peccaminosa …
Eppure era stato tutto così naturale, e stupefacente, al tempo stesso.
Aveva provato cose mai provate prima.
Il giorno dopo sarebbero ritornati i genitori; erano stati fuori per un’operazione, tutto Luglio e i ragazzi erano restati con la nonna, anziana e sorda.


Un mese prima.

Tutto era cominciato per puro caso, una mattina che la nonna era andata a prendere la pensione.
Floriana era nella vasca, stava finendo di fare il bagno e Renato entrò.
La prendeva in giro, ma lei si accorse che la guardava curioso: poi il ragazzo, tra una battuta e l’altra, minacciò di fare pipì nella vasca.
La sorella aveva intravisto altre volte il membro del fratello, ma mai così da vicino: duro e stizzito, come fosse un ramo, lievemente storto.
Quell’arnese aveva attirato il suo sguardo in maniera ipnotica e il ragazzo ne aveva approfittato.
- Vuoi vedere una cosa segreta? - le disse sorridendo.
Si era abbassato i pantaloni e teneva il pisello puntato all’altezza del viso di sua sorella: vedendo che lei non reagiva divenne spavaldo …
- Vuoi vedere lo sperma? -
Floriana sussultò, aveva sentito quella parola dalle amiche più grandi e una volta dalla maestra, ma non aveva ben capito come fosse fatto.
- Perché, tu ce l’ hai? - disse ingenuamente.
- Certo – disse con una certa dose di vanità – Lo vuoi vedere? -
- Ma dove ce l’ hai? - Incalzò Floriana sempre fissando il cazzo del fratello, valutandolo in tutti i particolari. Provava un certo calore in tutto il corpo e sentì le guance rosse, nonostante l’ acqua del bagno stesse diventando sempre sempre più fredda.
- Oh! Che ne so dove ce l’ho? Ce l’ho e basta … mi esce – e si guardò il cazzo, che era più grosso di quanto Floriana avesse mai potuto immaginare.
- Guarda – disse – faccio così e tra poco mi esce dalla punta, guarda bene! -
Il ragazzo prese una posa molto professionale e seria, mentre Floriana ne seguiva attentamente le mosse.
Con la sinistra Renato si teneva la maglietta molto al di sopra della pancia, così che si vedeva bene quel fungo che gli spuntava tra le gambe; intanto con la mano destra cominciò a farsi scivolare quel coso in mano, andando su e giù.
Floriana guardava la scena senza riuscire a formarsi un idea precisa dell’insieme, probabilmente si rendeva conto che quello che stavano facendo era proibito, ma era stata presa così alla sprovvista e il fratello faceva le cose con tanta spontaneità, che non fu in grado di porre un freno a quella tresca.
Inoltre era curiosa e aveva sete di conoscere certi segreti che di sicuro l’avrebbero messa in una posizione privilegiata davanti a tutte le sue amiche.
Era seduta nella vasca tiepida e naturalmente teneva una mano proprio tra le gambe, sulla figa immersa nell’acqua: spontaneamente se la carezzava.
L’ altra mano di Floriana era corsa sui suoi seni, acerbi e impettiti, fin dal primo momento, e di li non si spostava.
Intanto Renato continuava a masturbarsi, sempre più rapidamente e sempre più insicuro sulle gambe, che teneva ritte e strette, per spingere il suo cazzo quando più in fuori era possibile.
Ormai il maschio nei suoi ormoni veniva fuori completamente e chiese spudorato:
- Togliti la mano e fammi vedere le tette! -
Lei cercò di res****re, ma lui insistette e minacciò di andare via senza che se ne facesse più niente. Era eccitato e infoiato, Floriana lo accontentò.
Il ragazzo spiava quel seno, finalmente libero davanti ai suoi occhi. Tante altre volte, in passato aveva rubato quelle immagini, con uno sguardo che gli sarebbe stato vietato … ma adesso i seni prorompenti della sorella erano tutti per lui, a pochi centimetri di distanza.
Era la prima volta che aveva dei seni a disposizione e, troppo arrapato per fermarsi, li toccò con le dita, carezzandoli con desiderio morboso.
Toccare quei capezzoli caldi e puntuti gli sembrava un sogno: il cazzo gli si tesa come mai era avvenuto prima, nonostante si facesse le seghe già da alcuni anni.
Mise la mano tra i due seni … non sapeva cos’altro fare se non eccitarsi ogni momento di più.
Floriana vide che ormai la cappella sgusciava continuamente dalla pelle del prepuzio, tesa come un nastro di seta e veniva fuori come una grossa fava.
Infatti al centro della capocchia del fratello c’era un buchetto, stranamente attraente.
Renato iniziò a sbuffare, la mano sulle tette si muoveva convulsa e lui si masturbava come un forsennato quel suo cazzo, che ormai sembrava un vero bastone.
La ragazza guardava e suo malgrado agitava anche la sua di mano, sotto l’ acqua, si continuava a carezzare la fighetta senza riuscire a farne a meno.
- Vieni più vicina – disse Renato con tono imperioso che non ammetteva repliche.
La sorella, benché più grande, non seppe res****re all’ordine perentorio del fratello. Si rese conto che era dettato da un bisogno reale e si avvicinò col viso al cazzo agitato.
- Guardami … guardami adesso … io, io …. io adesso caccio lo spermaaaaa!!! -
Tremando sulle gambe il giovane venne, e fu il tripudio nei sensi di Floriana.
Sentì improvvisamente tutto il piacere scorrerle per le vene, mentre veniva investita da quegli spruzzi caldi che fuoriuscivano dal cazzo di Renato … sembravano piccoli sputi, bianchi, caldi, profumati di un odore mai sentito prima …
I goccioloni partivano alla rinfusa e le spruzzavano i seni, il viso, i capelli: dovunque la sborra arrivava, una cas**ta appiccicosa di piacere investiva Floriana, come se la goduria liquida del fratello si trasmettesse attraverso la sborra.

Ecco tutto era cominciato così …
Complice la sordità della nonna, per oltre un mese i due si erano dedicati a fare all’amore, come impazziti, ogni volta che era possibile … la loro stessa ingenuità faceva da sprone a sempre nuove scoperte.
Fu così che Floriana cominciò a farlo sborrare con le seghe, per ritrovare il profumo dello sperma, che tanto l’aveva eccitata.
Poi glielo prese in bocca e qualche giorno dopo, senza più freni, ne bevve la sborra calda.
Impararono insieme a leccare e succhiare e il fratello la faceva venire a sua volta, masturbandola continuamente o facendosela con la lingua.
Una volta, per gabbare la nonna, fingendo di scherzare tra loro, Renato le faceva una minetta, acquattato sotto il tavolo da pranzo.
Lui era troppo giovane per crearsi problemi di erezione e di tenuta, così in quei giorni tenne una media di circa sei sborrate al giorno … ogni occasione era buona per macchiare di sperma sua sorella. Le veniva in mano, in bocca o addosso.

Dopo lunghi giorni di giochi, una notte la raggiunse nel suo letto, come faceva quasi ogni notte, ormai.
Però quella notte Renato voleva di più …
Floriana sapeva benissimo cos’era la verginità: come in tutti i paesi del sud, era una delle prime lezioni impartite alle ragazzine.
Spesso di sesso nemmeno si parlava, ma tutte indistintamente venivano spaventate in relazione alla possibilità di perdere la verginità, cosa che poi, ognuna, interpretava a modo suo.
- Non ci pensare nemmeno – disse Floriana – dentro non te lo faccio mettere … -
- Allora te lo metto nel buco di dietro! - disse il ragazzo, smanioso.
- Ma che dici – replicò la sorella – mica si mette nel buco di dietro … - disse sospettosa.
- Si che si mette, scema! Tutti i ragazzi cominciano così … - si perse nel vago.
- Cosa vuoi dire? Anche tu lo fai? -
- Noi ragazzi da soli ci giochiamo … ci appoggiamo il coso dietro e spingiamo. Io l’ho fatto con Francesco, qualche volta – confessò Renato, con la speranza di convincerla.
Intanto si era infilato sotto le coperte e già le aveva poggiato la cappella gonfia sui reni, perché sentisse quanto era duro.
- Ma solo poggiarlo … senza entrare nel culetto? - Floriana era comunque eccitata: i continui rapporti la mantenevano “su di giri” in quei giorni, quasi fosse ninfomane.
Non pensava che al sesso ed era sempre pronta e vogliosa.
- Solo poggiarlo, non entro, parola! - disse Renato e intantò le alzò la vestaglia, liberando il culo a mandolino della sorella.
Con molta perspicacia si abbassò col viso fino all’altezza del culo di lei e, dopo averla liberata dalle mutandine di cotone, iniziò a leccarsela.
Floriana, prontamente, si inarcò nel letto, per fare in modo che il fratello le leccasse anche la figa, cosa che a lei piaceva tantissimo.
Renato era bravissimo, baciava succhia e leccava i genitali della sorella, finché iniziò a dedicarsi al suo culetto.
Le cercò il buchetto e gli venne spontaneo solleticarlo con la lingua, apprezzandone il sapore e l’ odore aspro, eccitante.
Floriana era sconvolta dal nuovo piacere che mai avrebbe immaginato di poter provare.
Invece la penetrazione e i picchiettamenti del fratello, le davano sensazioni mai provate; si sentiva aperta, profanata e disponibile.
Il leccare le procurava una voglia incredibile, e lei stessa cominciò a desiderare ardentemente di provare come il cazzo sarebbe potuto entrare dentro il suo corpo.
Il fratello non era mai stato con un’altra donna e, se da una parte ardeva per farsela, dall’altra non sapeva bene cosa lo aspettava.
Ma il cazzo durissimo non voleva sentire ragioni, così, a un certo punto, aiutò la sorella a stendersi supina e le sali addosso, cercando di non pesarle troppo.
Fecero una serie di tentativi abbastanza impacciati, un paio di volte rischiò di caderle pesantemente nella figa, poi riuscì a trovare l’ ano, aiutandosi con la mano.
Però diede un paio di spinte nel posto sbagliato, procurandole dolore e spavento: il suo cazzo era troppo duro e grosso per essere adoperato con leggerezza.
Finalmente le mise il glande nella fessura e le allargò l’ano in maniera repentina.
Floriana urlò e se lo fece togliere da sopra con uno spintone.
- Ma sei matto? Mi hai fatto un male boia. -
Si voltò su un fianco offesa e dolorante, la dilatazione improvvisa era stata lancinante.
Renato, vergognoso e stanco, si piazzo alle sue spalle, aspettando che le fosse passata, per ottenere almeno una sega liberatoria.
Ma poi, entrambi turbati, si addormentarono per la stanchezza.
Qualche ora dopo, nel pieno della notte, Renato si svegliò col cazzo più duro che mai.
Senza riuscire a frenarsi si riaccostò alla sorella che era rimasta senza mutande e dormiva ancora. Cominciò a carezzare quelle natiche dalla pelle virginale provando una voglia di penetrare in lei, mai provata, ma violenta.
Pian piano, restando sul fianco, le si accostò al culo, posizionandosi il membro con le mani.
Si bagnò più volte le dita di saliva e fece del suo meglio per rendere cedevole il buchetto, assi minuscolo, di sua sorella.
Ma la voleva ed era deciso ad averla.
Posizionò il glande sul suo fiore scuro e, aiutandosi con la mano, le massaggiò il buchetto col cazzo.
Tastando il culetto si rese conto che il foro, nonostante fosse minuscolo, cedeva morbido davanti al suo membro.
Floriana cominciò a svegliarsi e si rese conto della pressione costante esercitata sul suo ano, ma non ebbe il coraggio di opporsi.
Nonostante il dolore provato la sera prima, sentire il cazzo che le armeggiava tra le chiappe le diede delle scosse piacevoli, che fecero si che la sua fighetta si bagnasse immediatamente.
Erano entrambi sul fianco …
Questa volta, Floriana, invece di aspettare supinamente, iniziò a collaborare, rilassandosi completamente e aspettando lo sfondamento che di certo sarebbe avvenuto.
Decise di essere forte … lei quel pene lo voleva in corpo, ormai.
Il tempo, la saliva, la delicatezza della penetrazione, ebbero la meglio sul suo sfintere, che senza traumi eccessivi, lasciò che la cappella del fratello entrasse del tutto.
A Floriana mancò il fiato: lo fermò con le mani, e si prese un po’ di tempo per raccapezzarsi …
Era una sensazione indescrivibile, si sentiva sfondata, impalata … posseduta.
Un piacere unico, nuovo, diverso da tutti i precedenti.
Si sentiva vittima, ma allo stesso tempo padrona … si sentiva donna.
Adesso, lo voleva a tutti i costi e il fratello l’accontentò; delicatamente continuò a spingere il nerbo nel suo culo, fece gli stessi movimenti della sega, solo che stavolta, il suo pene non era sollecitato da dita o labbra … era dentro un tubo, un canale, che lo accoglieva tutto, con una carezza lunga quanto tutto il suo cazzo.
Premeva, premeva e sudava di piacere.
Floriana si cercò il buco del culo con le dita, passando sotto la vagina: sentirlo impegnato dal pene le diede una sensazione sconvolgente.
Si frugò con le dita tutto lo sfintere, trovandolo occupato dal grosso cazzo.
Era sul punto di perdere i sensi dal piacere.
Il fratello, intanto, incapace di fermarsi, era entrato nel suo sedere fino alle palle.
Infatti lei lo sentiva tutto dentro la pancia.
Cominciò a mugolare perdendo ogni controllo di se.
Renato, eccitato dalla via che si era fatta libera, iniziò a incularla con sempre maggior determinazione.
Il movimento gli era sconosciuto eppure, naturalmente, seppe trovare il giusto ritmo per fottersela in profondità.
Il buco era sfondato, ormai, e Floriana non sentiva più alcun dolore … anzi.
Non aveva mai provato sensazione più coinvolgente.
Ecco perché, in fondo, tutte le azioni precedenti venivano chiamate … preliminari.
Carezze, seghe, pompini erano tutte pratiche erotiche eseguite con la mente, con la consapevolezza “tecnica” di dare e provare piacere.
Ma prenderlo dentro ti cambiava lo stato di essere … era permeata dal piacere e lo subiva senza riuscire a dominarlo.
Renato, intanto, voleva provare una nuova posizione e la costrinse a girarsi di culo, per sdraiarsi su di lei, come aveva tentato di fare la sera prima.
Una volta addosso provò ad aderire completamente nudo al corpo della sorella: era talmente arrapato che mugolava, senza fottere, ma solo tenendolo piantato in lei e roteando con le anche.
Floriana lo sentiva bene, il punteruolo le girava nei visceri, approfittando del culo morbidissimo e rilassato che lo ospitava.
- Stringi il culetto – le sussurrò il fratello ingoiato.
Lei lo accontentò, serrando le gambe, mentre lui la circondava con le sue, la ragazza le tese per irrigidire i glutei e serrare ulteriormente la mazza.
Accavallò i piedi per darsi forza, mentre Renato riprendeva a pompare.
- Aspetta – riuscì a dire con un fil di voce, dopo alcuni minuti – mettiti sotto, voglio farti io! -
Renato non capì, anche perché era stordito dalla goduria.
Floriana sgusciò dalla sua stretta e lo fece girare di faccia, col cazzo che troneggiava come un palo, lucido e bagnato.
Trionfante e posseduta dalla furia erotica, si spogliò completamente, cosa che non aveva mai fatto … ma dopo averlo preso in culo si sentiva ormai completamente donna.
Fu la ragazza stessa a montare sul fratello e a manipolargli il pene per metterlo a favore dell’ano cedevole poi, in un attimo, si impalò.
Una volta dentro, fu pervasa dal fuoco della passione più sfrenata: si dimenava in modo scomposto per sentirlo in pancia, cavalcò quell’arnese in tutti i modi possibili.
Renato nella penombra vedeva i seni turgidi ballonzolare e li catturò con le mani, gemendo di lussuria.
Quelle scene non le avrebbe dimenticate mai più.
La sorella si fece fottere piano, poi forte, poi si divertì a far uscire il membro per poi catturarne la cappella col culo … ci girava sopra, facendolo roteare senza mai perdere il contatto, fino a quando sopraffatta dal desiderio, ci si rituffava sopra con tutto il peso.
Nel momento in cui il ragazzo si tese come un arco, incapace di res****re ancora, Floriana ci si sedette sopra e spinse, spinse in avanti, talmente forte che si sarebbe potuto vedere il boffo del cazzo gonfio sul suo pancino teso.
Renato emise un piccolo grido di dolore, ma contemporaneamente venne e la riempì di sborra bollente.
Il culo di Floriana bruciava, ma lei apprezzò quel dolore mentre terminava il ditalino e veniva a sua volta, senza togliersi quel tappo dal sedere.
Spossati si sdraiarono sule lettino, ma Floriana tornata in se, mandò via il fratello … avevano veramente rischiato troppo, per puro caso la nonna non si era svegliata, con quel casino …
Si mise tra le gambe una tovaglietta di spugna: ormai ne teneva sempre a portata di mano per le continue … evenienze.
Si riposò per qualche minuto, poi decise che non poteva evitare di andare in bagno.
Accese la luce e sedette sul water, nel prendere l’asciugamani lo vide sporco di umori misti a sangue e si spaventò.
Cominciò a defecare sperma, se ne accorse dall’odore.
Lo specchio della scarpiera le restituì la sua immagine di ragazza, completamente nuda, ma nello sguardo le si leggeva un libidine peccaminosa, a cui la ragazza decise di opporsi fermamente.
“Basta” pensò “è ora di smetterla, non si può continuare così … siamo in grande peccato” ma non riuscì a piangerne, né a pentirsene.

Il giorno dopo ne parlò con suo fratello: scoprì così che il sangue era quasi certamente il suo. Nel rapporto, violentissimo, gli si era spezzato il filetto del pisello e ancora gli faceva male.
Il ragazzo era terrorizzato e la invitò ad andarsene, perché la presenza di Floriana lo faceva intostare, procurandogli nuovo dolore.
Ma la domenica successiva la nonna andò a messa e poi a pranzo da una sorella, sarebbe rientrata per le cinque.
I ragazzi non riuscirono a res****re … ora che erano tanto cresciuti da avere rapporti completi, giocarono a “marito e moglie”; giravano nudi per casa, spadellando, guardando la tele, ma, soprattutto facendo sesso, continuamente, in ogni posto della casa e in ogni posizione.
Non si contarono le volte che vennero … insieme, o separatamente.
Passarono un’altra settimana di passione.
L’uso continuo rese il culetto di Floriana completamente disponibile, morbido e arrendevole come una vagina.
Il fratello poteva incularsela in qualsiasi momento della giornata, anche nel sonno, qualche volta.
Si passava un po’ di saliva sul glande e la montava immediatamente, lei per facilitare le inculate, girava sempre per casa senza mutandine.
Le piaceva essere presa, anche controvoglia, mentre faceva tutt’altro … quasi incurante della penetrazione anale.
Le piaceva fare l’oggetto per gli orgasmi di lui.
Qualche volta, Renato le arrivava alle spalle, magari mentre lei era in cucina, che già si stava masturbando, perso nei suoi pensieri proibiti. Allora Floriana già sapeva cosa fare: non faceva altro che alzarsi la gonna e chinarsi di quel poco che avrebbe reso scorrevole la penetrazione.
Se ne stava lì tranquilla, anche alcuni minuti a volte, finché dai movimenti del fratello e dal respiro, capiva che era quasi all’acme, allora si allargava le natiche in modo che il suo buco sfiancato fosse facilmente rintracciabile dal fratello, che era pieno di foga e voglioso di venire in fretta.
Renato entrava subito.
Aveva imparato a farlo proprio all’ultimo momento.
Spesso non la inculava nemmeno una volta, entrava come un treno in galleria, e sborrava mentre penetrava, tutto il seme.
Sbuffava, ringhiava e godeva a lungo, tremando sulle gambe per la tensione dei nervi.
Depositava tutto lo sperma disponibile e poi si ritirava da lei, il cazzo usciva talmente asciutto che non doveva fare altro che rimetterlo nella patta e continuare nelle sue attività di giovinetto.
Floriana, invece, spesso approfittava di quelle inculate per il suo piacere più languido.
Faceva di tutto per restare piena del seme il più a lungo possibile, stringendo lo sfintere e trattenendolo in corpo mentre continuava a sfaccendare per casa.
Non poche volte, il fratello era tornato alla carica per fottere, più tardi, ed aveva sguazzato col suo cazzo nel suo stesso sperma, depositato poche ore prima.
Quando Floriana sentiva che lo sperma liquido le colava finalmente tra le cosce, si nascondeva nel bagno per sedersi sulla tazza e sditalinarsi, mentre sotto di lei la sborra, tenuta in caldo, sgocciolava dal culetto e l’ odore intenso le permeava le nari e i sensi ottenebrati.
Ma tutto questo ormai stava per finire…

- Ti ho detto di no! - ma lui era già sopra di lei.
- Mi fa male il culo, lo capisci? - infatti, forse per le sollecitazioni troppo esagerate, una pallina si era formata sullo sfintere della ragazza e l’ inculata del giorno prima aveva finito per spaccare l’emorroide.
- Allora te lo metto davanti! - disse Renato, incapace di rinunciare.
Non riusciva a rassegnarsi che tutto quello, all’improvviso, sarebbe finito.
Floriana era pur sempre una donna e l’ eccitazione di lui, non era certo superiore alla sua.
Renato era in vantaggio, posizionato già tra le sue gambe aperte, col cazzo puntuto che voleva entrare; lei era bagnatissima e i suoi no divenivano sempre più fievoli, finché con un colpo solo, inarrestabile, il fratello la deflorò.
Il dolore durò un attimo, lancinante, ma poi svanì presto.
Il piacere del cazzo in vagina annientò la ragazza come un’ondata di piacere che le bloccava il respiro, facendole dolere il plesso solare.
Il cazzo del fratello viaggiava deliziosamente su e giù e le allargava il nido, lei si avvinghiava alle sue reni con le cosce per non perdere quel contatto lussurioso.
La chiavata durò a lungo, con una languida e cadenzata monotonia, permettendo a entrambi i giovani di imprimersi nei ricordi tutto quel piacere che si donavano l’un l’altro.
Senza alcun bisogno di toccarla con le dita, la vagina di Floriana trasmise l’ orgasmo a tutto il corpo e alla sua mente inebriata.
Venne a lungo, a onde multiple di piacere, irrefrenabili, perdendo ogni contatto con la realtà.
Ingenuamente Renato a furia di colpi si lasciò prendere dal calore intenso e sborrò nei meandri più profondi della sorella, a lunghe pompate.
La frittata era fatta …
Floriana corse al cesso per lavarsi e irrigarsi la figa, terrorizzata, pensando alle possibili conseguenze di quel gesto irresponsabile.

La sorte fu benigna con i due ragazzi e, per un caso irripetibile, Floriana non rimase incinta.
Però il giorno dopo tornarono i genitori e … tutto cambiò, definitivamente.

Note:
Questo è il seme malato di una storia che continuerà … segnata, per sempre, proprio a causa degli episodi che ho appena narrato.

FINE PRIMA PARTE
100% (9/0)
 
Categories: AnalFirst TimeTaboo
Posted by giessestory
2 years ago    Views: 1,133
Comments (6)
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
2 years ago
incesto un po pesantuccio... ma scritto bene!
2 years ago
E' una storia vera ... ma non è capitata a me.
apnea900
retired
2 years ago
Eccitante...
2 years ago
E una storia troppo eccitante! ma è vera?
2 years ago
Un storia di incesto forte intrigante e vera (o no)?
2 years ago
Bello.