IL SOSPETTO









1

La Borsa

Amica lettrice, amico lettore … questo non è uno incipit per “sviolinare” chi mi legge: se Ti chiamo amico è perchè voglio che Tu divenga tale, almeno in questo frangente della mia vita; perchè credo, mai come in questo momento, di aver bisogno di un amico.
Le scelte che devo, che dovrei, operare mi trovano del tutto impreparato.
Un aiuto, un consiglio, una mano da qualcuno più esperto o, magari, solo più lucido di me, potrebbe probabilmente cambiare drasticamente il possibile sviluppo degli eventi.
Non chiamerei mai mio fratello, vecchio avido e mezzo rincitrullito, non mi porterebbe nessun giovamento, al massimo … godrebbe di questa mia situazione di stallo.
Forse solo mia mamma, buon anima, mi avrebbe potuto consigliare, ma lei non c’è più.
Ho quasi sessant’anni, alla mia età gli “amici” sono disponibili solo per cenare insieme
o, magari, per parlare di cani e di caccia.
Però, attento, amico sconosciuto che, per qualche motivo, mi stai leggendo: questa storia potrebbe essere, semplicemente, l’elucubrazione notturna di un vecchio sentimentale, ma potrebbe anche evolversi al peggio … credimi.
Pensaci bene, prima di continuare a invischiarti in questa strana avventura.
Sono originario del profondo sud e, nonostante adesso, sia un agiato ed equilibrato professionista, nel mio animo alberga pur sempre la scintilla passionale della gelosia, del possesso, dell’affermazione violenta del “maschio dominante” che, se punta nell’orgoglio, potrebbe esplodere con chissà quali, catastrofici effetti.
Ecco tutto, adesso che sono stato completamente sincero, se sei ancora qui … ti rendo conto del mio problema, del tarlo maligno che, da alcune ore, mi sta rovinando il sonno e, forse, la vita.

Il fatto.
Mia moglie ha sedici anni meno di me. A vent’anni era uno splendore ed io mi gongolavo, orgoglioso, quando uscivamo insieme. La sua bellezza era il mio piacere ma il suo amore era il mio trionfo.
Mentre il suo aspetto fisico, mi rendeva prepotente nella mia vanità, il suo amore infinito mi stupiva, sempre, e mi rendeva inerme, incantato, e schiavo di lei.
Poi mi ha donato i bambini, adesso ragazzi, due. Belli, sani … deliziosi.
Una nonna giovane ci è stata complice indispensabile: abitando a pochi passi, non aveva problemi a occuparsi dei ragazzi, tutte le volte in cui, per vari motivi, il suo aiuto era indispensabile.
Questa libertà, giacché per la nonna non era un sacrificio, ci tornava utile anche di notte perchè, lo confesso, a volte, ne approfittavamo anche per stare insieme, come fidanzatini; ci godevamo in pace il piacere, qualche volta segreto, trasgressivo.
Preferivamo farlo meno spesso, aspettando come una coppia di amanti, divisi dal quotidiano ma che, complici, si danno un appuntamento galante e vivono, eccitati, l’attesa di quell’attimo in “paradiso” per viverlo come “diavoletti”.
Quando ci incontrammo, ero un uomo fatto, e avevo provato di tutto, lei invece, era una ragazza tranquilla, con pochissime esperienze e una libido innocente e sana.
Il suo corpo, invece, era fatto per l’amore.
Aveva, ed ha, un corpo proporzionato e molto femminile, dei seni prosperosi e arrendevoli, un rapporto tra il giro vita e le natiche prorompenti, che faceva andare in visibilio un uomo, anche vedendola solo da lontano.
Per fortuna, la sua naturale raffinatezza nel vestire, la rendeva meno appariscente di quello che si sarebbe potuta permettere.
Non amava farsi notare troppo, né esibirsi per essere guardata ma, nonostante si trattenesse, era bella, anche di viso, e alla gente, tutto questo, non sfuggiva.
Passavano gli anni e lei, senza grilli per la testa, cresceva al mio fianco, fino a diventare una donna nel pieno del suo splendore.
I nostri appuntamenti “galanti” erano un poco più radi; mi spiego, non è che non facessimo l’amore. Di notte, a letto, capitava spesso e volentieri ma io amavo stupirla e lei accondiscendeva volentieri ai “miei giochi” pur non essendo, sessualmente, una furia.
Si godeva le mie performance, da vecchio satiro e, remissiva per amore, mi assecondava, godendone a sua volta.
Rimaneva quindi un punto fisso nel nostro rapporto, incontrarci, per lo più il sabato pomeriggio, da soli a casa o da qualche parte per il week end. Ci pregustavamo quei momenti.
Le telefonavo da fuori, le accennavo cosa l’aspettava; compravo oggetti erotici, abbigliamento osé, calze speciali: persino un frustino.
Nell’intimità poi, spesso la fotografavo e le sue forme, esaltate da quelle pose sconce, rappresentavano un’altra fonte di eccitazione, anche solo nel rivederle.
La stuzzicavo spesso, chiedendole dei suoi “amanti” ipotetici, segreti, ma lei era talmente innocente, che non era capace nemmeno di inventarseli, di mentire.
Sorrideva, compiaciuta della mia fantasia perversa. Altre volte, mentre i nostri corpi erano uniti, sudati … quando le parole uscivano mozzate, rotte dal piacere intenso, le chiedevo dei suoi sogni più segreti, dei suoi desideri più reconditi.
Io stesso, allora, le proponevo fantasie indicibili, le prospettavo rapporti osceni a tre, a quattro … allora, aiutandoci con un fallo posticcio, mimavamo il rapporto promiscuo che, in quegli attimi di estremo calore, erano ben accetti anche alla sua fantasia.
Poiché, ormai, vi sto confessando tutto, devo anche finire il quadro della mia personalità perversa, che imponevo, sapientemente, alla mia dolce metà.
Dopo i cinquanta, con lei trentacinquenne, fui assalito da una duplice perversione mentale: da un lato, desideravo far provare a mia moglie qualcosa di più,
sessualmente parlando, dall’altro, io stesso, sempre più assetato di sensazioni estreme, sognavo da tempo un’incresciosa trasgressione.
Così, la fantasia divenne realtà. Io stesso adescai un estraneo, un semplice conoscente e, dopo averlo attentamente valutato, feci in modo che quella persona avesse rapporti sessuali con noi.
Mia moglie si fidava ciecamente di me e, razionale come nel suo carattere, mi demandava tutta la sezione “libido” del nostro menage. Pure con qualche perplessità, accettò l’incontro.
Per fortuna andò benissimo e senza traumi. Ripetemmo l’esperienza occasionalmente, sempre su mia insistenza e poi, cambiammo anche persona. Ovviamente, i partner che scelsi erano giovani e anche ben dotati, pur non brillando in quanto a iniziativa. Dopo queste esperienze, il nostro legame divenne ancora più complice ed io mi gongolavo: non l’avevo persa, anzi, non l’avevo mai sentita così intimamente mia.

Adesso ho cinquantotto anni.
I rapporti occasionali si sono diradati: le cose cambiano. Stiamo insieme con meno frequenza e io mi sentivo “esorcizzato” da ogni patema.
Quasi vent’anni insieme, mi avevano fatto ritenere di conoscere a fondo mia moglie e, in mente mia, mi piaceva convincermi che, se la donna splendida, che mi sta a fianco, avesse dovuto avere un amante, me lo avrebbe potuto dire in tutta franchezza.
Chissà, magari trovavo la cosa anche eccitante.
Purtroppo, la realtà ci trova sempre impreparati.
Ed ecco cosa mi è successo: ieri pomeriggio sono passato a prendere mia moglie in uffici, poi a casa: i ragazzi erano già li.
Parcheggio e lei si precipita fuori, esigenze tipiche … scappa in casa, deve fare la pipì.
Raccolgo io, dal sedile di dietro la sua borsa, i miei giornali e mi avvio verso la nostra villetta illuminata.
Esito … so che le piace la Coca e decido di prenderne una bottiglia dal garage, per cena.
E le chiavi?
Le mie sono in casa, allora decido di prendere le sue, sicuramente saranno nella grossa borsa, che ho tra le mani.
Non ci metto mai le mani, per abitudine antica ma, dopotutto, tra noi non abbiamo segreti: per un attimo mi sento ridicolo.
Ecco le chiavi, il rumore di ferraglia mi ha guidato … le mie mani sfiorano una grossa busta di carta. Che sia un libro? Magari un regalo; lei sa che amo leggere.
Nel garage ho acceso la luce.
Non riesco a trattenermi … un guizzo di curiosità mi attraversa il cervello: sbircio.
Più sbigottito che altro, mi trovo davanti agli occhi una confezione di autoreggenti nere, a rete larga, di qualità e poi, un batuffolino di stoffa, leggera come seta, pure nero: un perizoma.
Arrossisco per l’emozione improvvisa. Non penso niente. In fretta rimetto tutto al suo posto, dimentico perfino di prendere la Coca.
Incapace di pensare in senso compiuto, entro in casa. Mia moglie quasi m’investe, aveva appena finito e stava tornando fuori. Mi guarda e, pronta, dice:
- Ah, bene, l’hai presa tu … – e mi toglie la borsa di mano. Poi si avvia verso le scale, per salire di sopra ma cambia idea.
- Devo bere, ho sete da quando sono uscita … – e si avvia verso il frigorifero, ho la sensazione che, sottecchi, mi guardi, ma, forse, mi sbaglio.
- Vado a prendere la Coca, è finita! – prendo le mie chiavi e torno fuori, giusto per raccogliere le idee.

In garage, solo, finalmente posso riflettere sull’accaduto.
Mille pensieri mi affollano la mente: quale significato attribuire a quegli indumenti intimi?
Mia moglie, adesso, ha poco più di quarant’anni; è una bella donna, certo, ma non indossava certa biancheria nemmeno a venti … possibile che cominci adesso?
Ho ben presenti i suoi cassetti, in casa.
Una sfilza di mutandine bianche, poche nere, nessun perizoma.
E le calze? Tutti collant o calzerotti per gli stivali … mia moglie è così, e ci tiene, soprattutto adesso, che i ragazzi sono grandi e sbirciano.
Sono io che, nascosto in uno s**tolo, tengo da parte il piccolo armamentario delle nostre, bonarie, trasgressioni. Qualche paio di calze, un perizoma rosso e anche una mutandina, con due spacchi, aperta sotto. Una guepiere bianca e un’altra nera, di pizzo; un fallo in lattice e altre cosette, collezionate in vecchi momenti di passione.
Allora ho pensato: “E se volesse farmi una sorpresa?” dopotutto, ci piace ancora “giocare”, ogni tanto. “Di sicuro sarà così!”
A cena abbiamo parlato poco. Dopo, a letto, non è successo niente, anche perchè lei, stanchissima è andata a dormire prima di me.
Io ero davanti alla TV, i ragazzi erano usciti e sarebbero tornati più tardi.
Quando lei andò in bagno, come d’abitudine, prima di coricarsi, feci un’azione da “commando”: corsi di sopra, attento a non farmi sentire.
Fui fortunato e trova subito la sua borsa, lesto, la aprii per guardarci dentro: la busta non c’era più.
Un tonfo in petto … guardai veloce per la camera: niente, nessuna traccia della busta bianca anonima e stropicciata.
Corsi di sotto, col cuore che batteva all’impazzata.
Quando lei uscì dal bagno, attesi una decina di minuti e poi, pregando tra me e me che i miei timori fossero del tutto irragionevoli, salii in camera a mia volta.
Era già successo che Marina mi facesse una sorpresina piccante.
La trovavo sotto le coperte, come il solito, ma quando allungavo la mano per accarezzarla, invece di indossare il pigiama, la vestiva in modo succinto ed eccitante. Spesso teneva i collant che aveva usato quel giorno: sapeva che a me piaceva strapparglieli, per incontrare, sotto le dita, la sua carne tenera, che trasbordava, lascivamente dalla seta.
Ma niente di quanto speravo si è avverato … mia moglie aveva gli occhi chiusi e sembrava dormire.
Mentre mi lavavo i denti, con voce impastata, mi disse, come se si fosse trattenuta fino all’ultimo:
- Ah, mi ero scordata … domani vado in trasferta a Roma. –
- Dormi fuori? – dissi con finta ingenuità.
- Ma no, ci mancherebbe. – aveva un tono seccato, come sempre: andare fuori la metteva di malumore … ma quella volta? Era vero o fingeva?
– Però non so a che ora torno, può darsi che faccio tardi, che seccatura. –
Mi sono messo a letto senza commentare. Marina era in pigiama, voltata di spalle e già dormiva … o fingeva di dormire.
Alle tre, insonne, mi sono alzato … e adesso eccomi qui.



2

Tutto liscio

Non sono un investigatore privato, però non sono neppure uno stupido.
Ho indagato, amici miei, come voi stessi mi avete consigliato di fare.
Allora, ecco come stanno le cose, almeno fino adesso e di certo vi deluderò.
Con una lunga serie di scuse e di sotterfugi, attento per non farla insospettire, ho contattato con una scusa qualche collega: ebbene, Marina, è stata proprio in trasferta. Il percorso, all’andata, l’ha fatto in compagnia di due vecchi colleghi e i tempi di percorrenza sono quelli giusti … inutile sospettare di uno di questi. Si tratta di persone con cui passa la vita, e da quasi dieci anni, quindi … o ci fa l’amore esclusivamente nei bagni, cosa impossibile, o in questo caso, hanno fatto sesso sul sedile della macchina in viaggio verso la capitale: assurdo!
Infine: Marina è andata davvero in trasferta, è stata, dove diceva di essere e, dulcis in fundo, e rientrata prima del previsto, in treno, ed io stesso l’ho aspettata alla stazione di Napoli Centrale. Alle diciotto, eravamo quasi a casa.
Per la cronaca: appena possibile ho controllato nella sua borsa, niente da rilevare, anzi. Questo non vorrei dirlo, ma ne sento il dovere, giacché vi ho coinvolto in questo rebus maledetto: nella sua borsetta c’era sì, una bustina, ma conteneva solo le prove che Marina era alla fine del suo ciclo … e, conoscendo le fisime, posso garantire che “in questi giorni” non si lascia avvicinare a meno di un metro, neppure da me.
Allora, stanotte, visto che ho dormito solo poche ore e in modo agitato, ho cercato il suo cellulare, per controllarne le attività.
Ho sentito su di me tutto il peso di quelle “manovre”, perchè non avevo mai sospettato di Marina. Non ero mai stato geloso di mia moglie, solo degli altri; cioè, di quelli che, nel tempo, avevano avuto per lei degli apprezzamenti o, probabilmente, delle vere cotte, visti i maneggi per cercare di starle vicino a ogni incontro … ma non ho mai dubitato di lei.
Le chiamate e i messaggi, pochi per la verità, erano tutte intercorse tra persone che conoscevo, mia moglie non ama i telefoni, in generale. Io stesso, mi sono dovuto rassegnare a questa sua pessima caratteristica. Abbandona il telefonino e, se non mi preoccupo io, non lo ricarica neppure. Spesso, in ufficio è costretta a elemosinare un caricatore Nokia, perchè è rimasta, per l’ennesima volta “a secco”.
Tutto regolare, insomma.
L’unico messaggio che ha attirato la mia attenzione è stato quello di Patrizia, cugina di Carmela.
Patrizia e Carmela mi sono molto “note” ma il messaggio incomprensibile:
“DOMANI APRI DOPO LE 10”
Che cosa doveva aprire? Boh!
Ma non ci pensai più di tanto: Patrizia, una bella ragazzona, che oggi ha circa trent’anni, credo. Ha fatto da baby sitter, per anni, ai nostri ragazzi, nati a poco più di un anno l’uno dall’altra, e i rapporti tra lei, mia moglie e i ragazzi, sono rimasti affettuosissimi e intricati. Le classiche “cose da donna” da cui mi sono sempre ben guardato dall’immischiarmi. Non ho molta pazienza riguardo agli argomenti che piacciono alle donne, sono un po’ orso, come dicono loro.
Ho fatto il nome anche di Carmela, giusto?
Mi spiego subito … ormai le due donne sono abbinate, nei miei archetipi mentali, sono cugine, sono entrambi di famiglia, e abitano anche vicino.
Carmela, bellissima ragazza (ora donna) è diventata l’estetista di mia moglie, quindi, la frequentazione è costante. Un circolo vizioso, dal quale mi sono sempre tenuto alla larga.
Poco fa mia moglie è andata a lavoro: oggi mi prendo una pausa e passo a setaccio la casa, devo sapere.
Ah … C. V. D. Marina ha dimenticato, per l’ennesima volta il suo cellulare!
Però, quando l’ho riposto nel cassetto dove teniamo gli ammennicoli elettronici, ho notato che …


3

Sembra un giorno come tanti

E sì … manca un vecchio cellulare. Uno di quei Nokia da quattro soldi, di quelli che funzionano sempre, per quanto tu li possa maltrattare.
Intendiamoci, non mi è sembrato un particolare importante però, in mancanza di qualsiasi altro appiglio, devo pur notare quelle cose che non sono come dovrebbero essere.
La prima cosa cui ho pensato è che uno dei ragazzi avesse preso il telefonino per usarne due. Due, come le pistole dei killer, nei western … e, vista la velocità con cui muovono le dita sui tasti, ci poteva anche stare. Allora ho indagato, con discrezione, ma i miei figli non ne sapevano niente.
Insomma, il vecchio cellulare mancava all’appello e non si trovava da nessuna parte. Quella sensazione, la possibilità di scoprire un segreto nella vita di Marina, mi dava alla testa. Era come se, all’improvviso mi mancasse un pezzo di realtà.
Per me, dopo tutti gli anni passati insieme, dopo che io stesso le avevo offerto piaceri “proibiti”, era doloroso. Marina sapeva che poteva dirmi tutto … e lo aveva sempre fatto.
Mi vantavo con me stesso e con gli altri della trasparenza dei nostri rapporti, e adesso?
Probabilmente stavo per scoprire che Marina aveva dei segreti per me. Probabilmente aveva avuto, chissà per quanto tempo, un amante.
Una vocina inopportuna, nella testa, ci tenne a ricordarmi che, nonostante tutto, anch’io, durante quegli anni l’avevo tradita … e non una volta sola.
Ma che c’entra? Mi arrabbiai col mio cervello che mi sottoponeva certi appunti, del tutto insignificanti: io avevo semplicemente fatto sesso, in modo discreto, e sempre occasionalmente.
Nessuna delle mie storie era durata più di qualche mese, massimo un anno … e poi è un paragone del tutto inopportuno: io sono un uomo, no?
Ma torniamo alle indagini, perchè questi pensieri stupidi, mi hanno reso solo più nervoso e aggressivo.
Il telefono squilla: è lei.
Niente di particolare, le solite cose, sembra la mia Marina di sempre. Oggi dovrebbe essere una giornata regolare … niente cambiamenti improvvisi, nessuna nota stonata.
Mi ha avvertito che domani, a pranzo, faranno una pizza con alcuni colleghi, che tra l’altro conosco; come sempre mi ha chiesto se voglio andarci anch’io. E’ una proposta di prassi, lo sa che non ci vado mai.
Poi, mi ha avvertito di non preoccuparmi della spesa di sabato, perchè cenerà solamente. Ha la giornata “lunga” dall’estetista.

Negli anni con Patrizia, Carmela e il resto del “clan di paesani”, Marina ha creato un piccolo sodalizio; anche i nostri ragazzi, per quanto culturalmente evoluti, non disdegnano di far visita, qualche volta, a quella piccola tribù, assembrata intorno a un cortile comune … sono tutti parenti e, spesso, anche serpenti, tra di loro.
La sera, dopo la visita nelle “terre selvagge” mia moglie mi aggiorna sulle piccole faide femminili: suocere, nuore, cugine e zie si amalgamano in un indissolubile crogiuolo d’invidie e gelosie, del tutto inconsistenti, ma che le mantengono vive e battagliere.
Non invidio i poveri mariti in quel nido di vipere.
Anche questo … è del tutto regolare: sono per lo meno dieci anni che va così. Marina è abitudinaria e, a costo di qualche rinuncia, non ama i cambiamenti.
Una o due volte al mese, quasi sempre di sabato, si ritira “in campagna” per lasciarsi “torturare” dalla dolce Carmela.
Oggi ho dedicato tutta la giornata a frugare in casa, ma niente … nessun segnale, nessun indizio.
La sera torna, è la stessa di sempre, ma io non avrò pace finché non capirò.



4

Le foto curiose


Stamattina sono stato troppo impegnato ma, poi, non ho rinunciato: sono venuto in costiera per non lasciare nulla d’intentato.
Ho frugato la casa al mare: nessun segreto.
Ho frugato anche nello stanzino. Tutto in ordine: Marina è molto precisa.
Dopo una veloce ricognizione, ho notato il piccolo gommone ripiegato a fisarmonica.
Il solito viziaccio, Cazzo! Non c’è nessuno, perchè piegarlo? Passai velocemente la mano tra le anse, per controllare che ci fosse il borotalco. Urtai con le dita qualcosa di duro e spigoloso. Imprecai. Poi tiro delicatamente fuori una s**tola … era larga e piatta. Forse, un tempo, conteneva dei fazzoletti.
La apro e una certa sorpresa c’è. Vi trovo una decina di foto, delle Polaroid, senza sviluppo.
Il soggetto, anzi, i soggetti sono due: mia moglie e la baby sitter, insieme o alternate.
Nonostante le foto non ritraggano niente d’interessante, c’è qualcosa che non quadra…
Non me la sento di metterle via … qualcosa mi dice che in quelle immagini c’è un che di stonato, un segnale, che mi sfugge … per vedere meglio me le porto in cucina, alla luce.
Nelle foto le due sono sempre sorridenti ma, in quel sorriso, c’è qualcosa d’intimo ma anche di sguaiato. Sorrisi sfrontati, vincenti, complici. Marina e Patrizia, se ne stanno guancia a guancia, o si toccano, guardandosi intensamente negli occhi, fronte contro fronte.
Mi sono estraniato, perduto, tra quelle stranezze, forse è per questo che sobbalzo, quando un rumore di ghiaia, giunge da fuori, distintamente.
Guardo dalle doghe della finestra, riesco a vedere.
Un’auto, sconosciuta, ha imboccato il vialetto con una certa determinazione.
Probabilmente, l’ho sentita arrivare proprio grazie alla frenata, improvvisa e rumorosa.
Non si vede chi c’è alla guida ma una cosa è sicura: quella macchina stava per entrare nel mio viale; ora arretrava, per poi allontanarsi rapidamente.
Potrebbe anche trattarsi di uno che voleva fare manovra … ma era del tutto improbabile.
Decisi di andarmene subito … mi pentii per aver lasciato la macchina in bella mostra. Come potevo immaginare quello che sarebbe capitato?
Porca miseria! Forse ero stato a un pelo dal sorprendere Marina e i suoi segreti; adesso la situazione non sarebbe che peggiorata.
Dovevo pensare e alla svelta.
Rimisi rapidamente a posto le foto. Mentre armeggiavo con le dita, mi scontrai con un altro oggetto, forse un’altra s**tola. Non lo presi. Avevo solo una speranza di non rovinare l’effetto sorpresa: evitare accuratamente che Marina si accorgesse dei miei sospetti.
Uscii da casa come se niente fosse e ripartii rapidamente, senza indecisioni.
Le mie passeggiate mattutine mi ripagavano; sapevo che da un viale adiacente, si poteva godere di una buona prospettiva su casa nostra. Pregai che l’altro non fosse andato definitivamente via, ma non potevo guardarmi intorno ne mostrarmi indeciso. Mi allontanai, deciso, verso la superstrada. Ma, poco dopo, raggiunsi la postazione che mi ero prefisso.
Passò quasi mezz’ora. Non nutrivo speranze, ormai … ma ecco, lentamente, la macchina di prima ritorna.
Stavolta non gira ma procede, a passo d’uomo, davanti al viale. Pochi metri dopo la macchina si arresta.
Passano altri minuti in cui non succede nulla. Poi dal lato del passeggero, una figura femminile. Raggiunge la casa, entra e ne esce dopo pochi minuti.
Risale in macchia e sfrecciano via. Nonostante sia quasi buio, non posso sbagliare: quella donna era mia moglie.


5

Scene dal passato

Sono molto a disagio.
Questo “gioco” sta prendendo una pessima piega.
Amici lettori: vi sto trascinando in una storia troppo privata. Non fraintendetemi, non è per la riservatezza, no … è solo che quello che sembrava un gioco, apre adesso, davanti ai miei occhi, scenari inattesi che mi riportano a un passato dimenticato, o quasi.
Insomma i miei sospetti si sono ingigantiti e arricchiti di elementi che non so (o non voglio) incastrare tra di loro.

Ma procediamo con ordine, in modo che, anche voi, possiate provare a capirci qualcosa.
Prima cosa: le foto. Dopo che Marina è andata via dalla casetta di villeggiatura, sono sparite. Sia quelle che, l’altra s**tola, quella di cui avevo solo intuito la presenza, al tatto, ma che non ho avuto il tempo di controllare.
Che cosa conteneva l’altra s**tola? Mistero.
Quando sono tornato a casa, Marina era già li. Sicuro che mi avesse visto preferii non fare il furbo, sarebbe stato peggio. Ci tenevo a sembrare del tutto ignaro di ogni suo movimento.
- Sono stato alla villetta, oggi … – Silenzio!
- Ho preso la posta, niente di nuovo. – guardai verso mia moglie – E tu? –
- Ed io cosa? – rispose con naturalezza ma in modo tagliente, come fosse leggermente irritata.
- No, niente. Dicevo … e tu? Tutto a posto? – continuai con falsa innocenza.
Lei terminò la conversazione scrollando le spalle: – Normale, tutto come il solito. – Poi se ne andò di sopra, a cambiarsi. Mentre saliva le scale, aggiunse:
- Ah, guarda che l’appuntamento dall’estetista è stato spostato, se vuoi fare qualcosa, sabato … – e scomparve, senza aspettare una risposta.
Avevo circa un’ora, prima di cena. Presi una birra dal frigo e accesi la TV, intanto che sistemavo un po’ di cose tra cucina e soggiorno.
Dopo poco sentii l’acqua che scrosciava nel bagno: Marina era sotto la doccia; avevo tempo.
Rapidamente controllai la sua borsa, niente. Il cellulare era spento, come sempre. Indeciso preferii lasciarlo così; magari avrei potuto controllarlo meglio di notte.
Guardai rapidamente in casa e poi anche in garage: a prima vista non c’era niente da vedere.
Non trovai né gli s**toli né le foto; se prova c’era, era stata occultata accuratamente. Morivo dalla voglia di salire di sopra, di trascinarla fuori dalla doccia e di assalirla con le mie domande circostanziate.
Avrei tanto voluto vedere che faccia faceva: se riusciva ancora a mentire così spudoratamente.
Chi era, veramente, Marina? Che rapporti aveva con questa ragazza, o forse con entrambe, Patrizia e sua cugina, l’estetista?
Ripensai alle foto … cosa c’era che non andava? Cercai di immaginarmele …
Patrizia e Marina non facevano niente di male, però … però avevano un atteggiamento di estrema confidenza. In una, addirittura, si intuiva, nel loro sguardo, una certa complicità.
Tutto questo stonava, strideva, con quello che sapevo essere il loro rapporto.
La cosa più assurda di tutte era il periodo. Quelle foto erano state s**ttate una decina d’anni fa.
Oggi, che il rapporto tra le due si era un po’ intensificato, dopo che Patrizia aveva badato per anni ai nostri ragazzi, delle foto così mi sarebbero, comunque, suonate strane ma, dieci anni prima, erano del tutto fuori luogo.
All’epoca, Marina e Patrizia, nemmeno si cagavano, anzi … spolverando tra i ricordi più reconditi, devo ammettere con me stesso, che ero proprio io, a essere in maggiore confidenza con la ragazza, diciamo così.
Ma questa è un’altra storia … o no?
Ok, parlo: poca cosa, però. Allora, visto che facevo studio in casa, ero molto più spesso a contatto con Patrizia. Devo dire: non era una vamp ma era giovanissima, un seno prosperoso, enorme, e una bocca precisa, perfetta. Come res****re?
Alla fine ci provai. Quando i ragazzi riposavano, riuscivo a ottenere qualcosa da lei che, però, era sempre ritrosa.
Allora, conoscendone il bisogno, le regalavo un po’ di soldi, purchè lei mi accontentasse, rendendosi più “disponibile”.
Ma la cosa durò solo pochi mesi. Poi niente più, mai.


6

Il piacere dimenticato

Ricordai: Patrizia era molto restia … all’epoca facevo di tutto per tornare presto a casa.
Mia moglie era abbastanza tranquilla rispetto a eventuali rischi: sapeva che non mi appassionavano le ragazzine. In effetti, la baby sitter aveva appena diciotto anni ed io oltre quaranta.
Però in Patrizia, a parte le forme fisiche, c’era qualcosa di libidinoso … che mi attraeva; era come una calamita, non potevo farci nulla.
Era bassina, un corpo non bello nonostante l’età. Aveva i fianchi larghi e le gambe magre; enormi seni che, come avrei scoperto dopo averla vista nuda, erano ancora più grossi di quanto potessi immaginare. Da vestita, la poveretta, usava degli accorgimenti per schiacciarli, in effetti, sembrava grassa, ma non era così: era tutto seno.
Le areole, abbastanza pronunciate, di un bel marroncino e i capezzoli, schiacciati, si mantenevano all’interno di quelle grosse masse morbide. Una volta eccitati, spuntavano, e svettavano come grosse dita puntate.
La cosa che mi attraeva, in lei, era la falsa freddezza con cui rispondeva alle mie avances.
Tutto cominciò proprio a causa del seno. Da uomo maturo, esperto, mi finsi interessato al suo problema e lei, dopo le prime schermaglie, accettò di parlarne.
Qualche giorno dopo, con la scusa di convincerla a non farsene un problema, la stupii. Tornai a casa con un DVD porno e glielo mostrai: era recitato da tettone esagerate, come lei.
Volevo rassicurarla. Le mostrai le immagini e poi le chiesi se mi faceva vedere le sue; lei disse che si vergognava ma non fu un vero no.
Era una ragazzona di paese, magari ancora vergine, e così mi sembrò facile attirarla verso il mio desiderio. Vedere filmini divenne un’abitudine.
Ricordo che lei fissava i suoi grossi occhi azzurri sulla TV e non li staccava più, come rapita.
Cominciai a tentare i primi contatti fisici e, con mia sorpresa, non si tirò indietro. Era sul divano ed io iniziai a toccarla. Quando mi resi conto che non si ribellava, mi alzai e, preso dalla brama, le misi, di fianco al viso, la rappresentazione palpabile della mia eccitazione.
Patrizia si lasciava guidare però partecipava meccanicamente. Il suo sguardo restava fisso, il suo viso non mostrava espressione: sembrava una sfinge.
Fredda e distaccata, continuava l’opera che io le avevo indicato, procedendo con una sconcertante determinazione, fino a portarmi all’orgasmo.
I nostri rapporti iniziarono così: con la sua mano che viaggiava, decisa e precisa come uno stantuffo.
Attenta, raccolse il seme nel palmo della mano libera e, dopo, si andò a lavare.
Io, persa l’eccitazione, mi ritirai di sopra e non aggiunsi nulla. Due giorni dopo, quando le diedi il suo mensile, aggiunsi una banconota a parte, che voleva rifiutare. Con una scusa la convinsi.
Ripensandoci poi, il suo atteggiamento, che al momento mi aveva dato quasi fastidio, divenne un tarlo fisso. La sua freddezza mi eccitava e non mi faceva trovare pace. La pensavo nelle pose più sconce: lei immobile e passiva ed io che ne approfittavo, come un vecchio satiro incallito.
E la cosa, andò più o meno così. Solo a ripensarci, ancora mi si rizzano i peli della nuca. Lei faceva tutto quello che, a gesti, la portavo a fare. Come una bambola erotica; ero io a stabilire il posto e la posizione e, Patrizia, obbediva tranquilla e accondiscendente, guardando sempre la TV.
Patrizia era vergine. Non volevo ulteriori complicazioni, così rispettai quel limite. Non potevo lamentarmi: la ragazza, con mio sommo piacere, sopperiva, voltandosi senza lamentarsi e mi offriva un’alcova, ancora più anelata e proibita.

Ma bando ai ricordi. Oggi mia moglie esce: è sabato, ed io in qualche modo, la seguirò.


7
Un sospetto fondato

L’ingresso di casa mia dà su una grande sala accogliente; sulla sinistra, tramite un’ampia porta a due ante, si accede a una altrettanto ampia veranda, panoramica, e arredata con un divanetto e varie poltroncine di vimini, coperte di grandi cuscini.
Me ne sto seduto, guardando fisso l’orizzonte. Sotto la gamba, con le dita cerco, e trovo, il corpo gelido della mia Beretta.
Sabato è venuto … è passato, ma solo adesso trovo la forza di scrivere qualcosa. Onestamente, ormai non lo faccio per voi: è un automatismo, un esorcismo, forse: una fuga.
Da giovane, guidavo la moto. Sabato ho pensato di seguire Marina, con un grosso scooter, preso da un collega. Un gesto discutibile: comunque, la fortuna, se così si può dire, è stata dalla mia parte. La giornata era buona e non pioveva.
Insomma … sono riuscito nel mio intento.
Alle dieci passate, non senza sorpresa, ho intravisto le tre donne partire dalla coorte, dove, una mezz’ora prima, Marina si era recata dall’estetista.
Erano loro, alla guida: Patrizia.
Intuita la direzione, ho fatto del mio meglio per non farmi notare.
Poco più di venti minuti dopo, arriviamo allo svincolo autostradale … mi preoccupai inutilmente: non la imboccarono.
Iniziai a sentirmi un vero idiota: le tre, percorsero la breve bretella che porta al grosso Centro Commerciale alle porte di Avellino.
Ora sapete anche dove si svolgono i fatti … spero solo che domani, non possiate collegare queste mie parole a un tragico fatto di cronaca: potrebbe occupare la prima pagina dei giornali.
Le tre, però, non entrarono nel parcheggio del Market. Strano (e pericoloso, per me). Infatti, nessuno proseguiva di là, perchè la strada, poco dopo, finiva.
Mi trovai completamente spiazzato. Ero quasi certo che sarebbero tornate subito sui loro passi o che si sarebbero fermate, davanti al cancello del Bowling.
Era noto: quella parte del complesso, prendeva vita solo verso sera.
Mi fermai e feci finta di telefonare. Naturalmente non tolsi il casco.
Intanto, la macchina, si arrestò davanti al cancello. Probabilmente erano attese, infatti, dal casotto, venne fuori un uomo, forse il custode che apri, per loro, una metà dell’inferriata.
Entrarono.
Patrizia scese e contrattò con l’uomo, in atteggiamento confidenziale.
Poi, proseguirono mentre, il custode usciva, a piedi, e s’infilava in una vecchia Panda, parcheggiata poco più in là.
Dopo un minuto il piazzale era sgombro, vuoto … ed io non sapevo che pesci pigliare. Ero troppo esposto.
La macchina delle donne era sparita, avevano raggiunto, di certo, il parcheggio sotterraneo. Mentre cercavo di raccapezzarmi in quella strana situazione, una grossa auto sfrecciò, decisa, al mio fianco. Senza indugi s’infilò nel cancello e, poco dopo, sparì nel garage.
Continuavo a lambiccarmi il cervello. Che fare?
Se fossi entrato anch’io, mi avrebbero notato di certo … ero più che sicuro che, nel parcheggio, chiuso al pubblico, non ci fossero altri che loro.
Decisi di farmela a piedi … l’eventuale scusa? La moto in panne: cercavo qualcuno che potesse prestarmi un attrezzo, magari una chiave di candela.
Come sapete, questi piazzali ingannano, e mi ritrovai a percorrere un enorme spazio prima di arrivare al parcheggio. Per fortuna non vidi nessuno e nessuno mi notò.
Ricordai che esistevano vari ingressi, uno, in fondo, forse di emergenza, portava al piano sottostante tramite una doppia rampa di scale. Era tutto aperto, abbandonato, così scesi, cercando di non fare rumore.
C’erano solo due macchine. Quella di Patrizia e, a una decina di metri, più in fondo, la macchina che era entrata dopo di loro. Ma forse, tra esse, non esisteva alcun collegamento.


Ero lontano, non vedevo niente di preciso.
Mentre cercavo di avvicinarmi alla meglio, lo sportello destro dell’auto sconosciuta si è aperto … ancora niente, poi, una figura femminile, abbigliata in modo appariscente, scese e tornò verso la Mercedes.
Non era possibile sbagliare: la donna indossava un abito rosso, corto, che a stento le copriva il sedere; le cosce tonite e indisponenti, svettavano, sulle decolté, dal tacco vertiginoso, era Marina!
La parrucca biondo-cenere non m’ingannava … e il mio cuore si fermò.
Da quel momento tutta la scena diventò del tutto surreale.
L’auto si allontanò velocemente e anche le ragazze uscirono.
Sedetti sulle scale per riprendermi: mi sembrava tutto così assurdo.
Tolsi il casco che mi opprimeva il respiro. Ormai non m’interessava più di nascondermi: ero suo marito, avevo il diritto di sapere.
Quando mi ripresi, mi avviai, cercando di tenere un passo regolare, attraversando il buio, tra i pilastri di cemento.

Un rumore … l’auto di Patrizia che tornava. Istintivamente mi nascosi in un punto più buio.
Gli avvenimenti si succedettero così vertiginosamente che non riuscii più a lasciare il mio nascondiglio: ero ipnotizzato dalle scene che mi si presentavano.
Da poco prima di mezzogiorno, fino a dopo le sedici, ben sette vetture, si avvicendarono nel parcheggio sotterraneo.
Alla guida c’erano uomini, in una soltanto una coppia, molto matura.
Marina, mia moglie e, a volte, anche Carmela, l’estetista, raggiungevano le vetture e … che dire? Mi vengono i brividi solo a pensarlo … diciamo che si accoppiavano con quegli estranei. Nessun equivoco!
Era lampante: Marina non conosceva quegli uomini.
Era lampante: Marina si stava prostituendo, davanti ai miei occhi.
Metodica e perversa, iniziava sempre con un veloce rapporto orale, poi, a volte in macchina, a volte fuori, poggiandosi allo sportello, senza curarsi di offrire uno spettacolo indecente. Dopo aver innestato un profilattico sul membro del maschio, si lasciava prendere; fino a che, quell’estraneo, non scaricava il suo piacere in quella … gran puttana.

Adesso, eccomi qui. Inutile dire che, alla fine, Marina mi ha visto. Non è tornata a casa la sera e nemmeno il giorno dopo.
Oggi è stata normalmente in ufficio e come se niente fosse, mi ha detto che sarebbe rientrata al solito orario.
Eccola! Entra, mi guarda solo un secondo, poi estrae qualcosa dalla borsetta, me la tira sul divano.
E’ il telefonino. Si avvicina e ripone anche due s**tole … le riconosco, sono quelle sparite dalla villetta. Va di sopra, senza più curarsi di me.Guardo il cell, premo un tasto, un messaggio, aperto, s’illumina:
“ MIA TROIA, SEI STATA BRAVISSIMA. SAI AMORE MIO, QUESTA SETTIMANA E’ IL NOSTRO ANNIVERSARIO: DIECI ANNI CHE SEI LA MIA PUTTANA, LA MIA SCHIAVA E ANCHE IL MIO AMORE. SABATO PREPARATI, STRONZA, PER PREMIO E PUNIZIONE, SARAI SODOMIZZATA … E NON DA UNO SOLO, TROIA SCHIFOSA. SEI TUTTA MIA. TI AMO. PATRIZIA, LA TUA PADRONA. ”
Mi vergogno a dirvelo, ma quelle parole e i ricordi di ciò a cui avevo assistito mi hanno eccitato, involontariamente.
Apro la s**tola che non avevo preso … niente foto: foglietti, scontrini e un libretto postale al portatore, lo apro, un brivido gelido mi corre per tutta la schiena.
- Ah … però! – sbotto, incapace di controllarmi.

Marina, dall’estetista, in dieci anni ha guadagnato il doppio di me.



FINE

68% (4/2)
 
Categories: Voyeur
Posted by giessestory
1 year ago    Views: 801
Comments (3)
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
1 year ago
ben scritta, complimenti!
1 year ago
ERa un gioco perverso e conveniente.
patrizia era diventata la sua padrona e la vendeva ... al miglior offerente.
Così facevano ... il dilettevole e ne ricavavano anche l'utile.
Ciao, grazie del commento
juicyberry
retired
1 year ago
ma alla fine patrizia la faceva scopare con tutti per fare soldi?