moglie infedele

Un po’ su di giri tradisco mio marito

Ricordo come fosse ora, eravamo andati ad una festa a casa di nostri amici per il compleanno del marito d’Alessia e fra balli e chiacchiere si è bevuto un po’ tanto la notte l’avremmo passata li in villa. Ricordo che indossavo un bel vestito nero attillato e con sotto solo il perizoma cosa che Angelo (il festeggiato) notò subito perché mi disse mentre ballavamo un lento, il perizoma ti sta benissimo mette in risalto le tue belle chiappe, gli dissi di piantarla ma mi fece piacere perché sentivo nelle sue parole il desiderio di portarmi a letto. Poi prima che finisse il ballo mi disse che per regalo voleva il mio sedere e sorrise, pensavo scherzasse e non gli diedi importanza. prosegui la serata senza che lui mi disse altro, ad un certo punto chiesi alla mia amica di poter approfittare del bagno e lei mi disse di andare al piano superiore, cosa che io feci ma appena aprii la porta del bagno per uscire trovai lui li ad aspettarmi e mi spinse dentro appoggiandomi il suo bacino addosso e facendomi sentire il suo pene che era bello duro e grosso. Cosi palpandomi il seno mi baciò sul collo e mi disse sei la troia che ho sempre desiderato ora dammi il regalo di compleanno e cosi dicendo mi mise una mano sul culo e mi passò il dito lungo il solco ero li alla sua mercè capivo che non dovevo ma ero eccitatissima e non riuscivo a fare nulla. Cosi lui mi sollevò il vestito mi fece girare e senza tanti complimenti mi fece appoggiare al muro poi mi tirò giù il perizoma e iniziò leccarmi e baciarmi il culo mi tolse del tutto il perizoma e se lo mise in tasca poi mi infilò un dito nel buchino e disse vieni di la in camera in fondo al corridoio a sinistra non farmi aspettare e usci. Io mi tirai giù il vestito mi diedi una sistemata e attesi un attimo poi uscii e non andai in camera ma scesi giù nel salone e mi misi vicino a mio marito.ma dopo circa 15 minuti scese lui aveva qualcosa dentro la sua mano chiusa a pugno mi si avvicino e mi chiese di ballare chiedendo il permesso addirittura a mio marito che naturalmente non fece problemi
Cosi mi prese per mano e mi tiro in mezzo agli altri che ballavano mi mise una mano sul fianco e mi disse : troia ora sarà peggio per te risali in camera se non vuoi che faccia vedere il tuo perizoma a tutti dicendo come l’ho avuto. Diventai rossa credo e lo pregai di non farlo io voglio bene a mio marito anche ora che mi ha lasciato. lui per tutta risposta mi diete una palpata al culo e disse con tono che non ammetteva repliche vai in camera spogliati nuda e mettiti a pecorina con il culo verso la porta che devo darti una bella lezione troia. Cosi mi diressi al piano di sopra facendo in modo che mio marito non mi vedesse, andai in camera mi misi a pecorina ma senza togliermi il vestito mi vergognavo, cinque minuti dopo sentii aprire la porta e lui mi disse di non voltarmi e aggiunse continui a fare di testa tua ma non fa niente mi piaci anche cosi, poi la porta si richiuse e sentii le mani che mi alzavano il vestito e si insinuavano tra le mie cosce inizio cosi ad accarezzarmi le chiappe e la fica e mi disse apri di più le gambe troia io aprii senza fare storie lui mi sputo sul buco del culo e poi sentii entrare il dito inizio cosi a farlo andare avanti e indietro poi ne mise due poi disse ora il mio regalo è pronto e cosi dicendo tolse le dita roteandole e mi poggiò la cappella sul foro del culo lo strofino un po’ poi disse ora te lo sfondo troia e spinse con forza con un colpo secco facendomi anche un po’ male ma il dolore passo quasi subito e prese il sopravvento il piacere cosi lui inizio a pomparmi il sedere dicendo frasi come dai puttana era questo che volevi vero? Io non risposi e lui continuava, per te un cazzo non basta,sei talmente troia che ce ne vogliono di più e aggiunse dato che lo sapevo che eri cosi porca ho portato con me due amici te li presento Andrea e Luigi e questa è la troia. Io mi girai e vidi quei due nudi con il cazzo dritto che se lo accarezzavano, mi tirai in avanti sfilandomi il cazzo di Angelo dal sedere e mi coprii alla meno peggio con un cuscino, li guardai e notai che uno aveva anche una videocamera tra le mani; capii che non avevo scelta si avvicinarono mi allungarono sul letto ed iniziaro a giocare con me mi misero i loro cazzi nelle mani ed io iniziai a massaggiarli sotto i loro ordini mi aprirono le gambe e iniziarono a toccarmi mentre accarezzavo i nuovi uccelli mi eccitai forse colpa del poco alcool ma iniziai a gemere e ad incitarli a farmi di tutto ero tutta bagnata e loro mi toccavano mi accarezzavano e mi baciavano da tutte le parti non ricordo quante volte venni.
Ero eccitatissima e quasi li pregai di trombarmi, cosi uno di loro si sdraio sotto di me e mi disse di infilarmelo dentro non me lo feci ripetere me lo infilai e d inizia a cavalcarlo poi angelo mi fece piegare in avanti e dopo un po’ di manovre lo infilo nel mio sedere, fu una sensazione fantastica due cazzi contemporaneamente non mi trattenni e gli e lo dissi cosi lui disse : adesso un altro lo prendi in bocca e cosi sei al completo troiona vacca puttana rotta in culo cosi Luigi il terzo avvicino il suo bel cazzone alle mie labbra dicendomi tiè bocchinara ciuccialo iniziai cosi a fargli un pompino mentre glia altri due mi fottevano davanti e dietro e mi trattavano come una puttana fu in quel momento che vidi mio marito sulla porta che mi guardava impietrito ma non smisi di ciucciare l’uccello di Luigi continuai a farlo. Se ne accorse anche Angelo che lo guardo e disse scusa ma questo è il mio regalo ti ringrazio ma lasciaci scopare tua moglie in pace lo vedi no?è una vacca e se vuoi dopo che abbiamo finito puoi scopartela anche tu e fece un sorriso e poi disse dai zoccola continua a godere,mio marito se ne andò e cosi riprendemmo a scopare con vigore ero eccitata allo spasimo e godevo come una porca incitavo i tre a sfondarmi e loro non si risparmiavano di certo poi iniziarono a godere anche loro e mi schizzarono la loro sborra in faccia e tra i seni ero in un lago di sperma e miei umori poi si alzarono e Angelo mi disse ora vatti a lavare e poi scendi troia e grazie per il culo .ha dimenticavo aggiunse il perizoma lo prendi la prossima volta che ti inculo ciao troiona e ringrazia tuo marito. Anche gli altri due mi rigraziarono della prestazione da vera puttana cosi dissero poi ridendo se ne andarono. Rimasi sola sul letto e solo allora realizzai ciò che avevo fatto non mi dispiacque però ora pensavo a mio marito e alla sua reazione,che non tardai a sapere tornai a casa accompagnata da un’amica , lui era andato via e lo rividi dall’avvocato per la separazione.

Dai racconti di Datas
Ogni riferimento a fatti e personaggi reali è pura casualità

Hei tre cazzi sono meglio che uno ciao

91% (6/1)
 
Categories: Group Sex
Posted by datas19
2 years ago    Views: 1,063
Comments
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
No comments