Jack e Carlo (Seconda parte)

Carlo si lamentò leggermente nel sonno e si girò su di un fianco appoggiando un braccio alla vita di Max che sorrise e mise delicatamente un braccio intorno alle spalle dell’amico cercando di non svegliarlo. “Ohh...” Carlo si lamentò di nuovo accoccolandosi più vicino all’amico, le labbra si curvarono in un sorriso. “Oh Jack....” gemette e inarcò la schiena come se stesse sentendo del piacere intenso. Immediatamente Max si tese e lo spinse via con uno scoppio di rabbia. Era geloso della vicinanza di Carlo e Jack e questo aveva provato che era più di un’'amicizia.
Le palpebre di Carlo si aprirono ed alzò lo sguardo ad osservare l'espressione sulla faccia di Max. “Cosa c’è?” Chiese sonnolento aggrottando le ciglia confuso.
“Perché mi devi mentire?” Chiese l’amico incrociando le braccia sul torace nudo e con la voce scossa.
“Mentirti per cosa?” Carlo aggrottò le ciglia. Gli passò una mano tra i capelli scuri spostandogli la frangia dagli occhi. “Io non ho niente di cui mentirti, Max.”
Max si costrinse a ridere e scosse la testa, il suoi occhi brillavano. “Tu e Jack. Evidentemente c’è qualche cosa fra voi due, perché non l’ammetti! Mi fa arrabbiare quando agisci così da innocentino perché ambedue sappiamo dannatamente bene che non lo sei!” I suoi occhi grigi perforavano Carlo.
Carlo gemette scuotendo veementemente la testa. “Non c'è niente tra me e Jack, siamo solo amici! Sì, siamo intimi, è questo il tuo problema? Non devi essere così dannatamente geloso! Tu sei è il mio ragazzo, non lui, ma devi accettare come siamo io e Jack.”
Max fu attento solo alla prima la metà delle parole di Carlo, era preso dall'ammirare quanto fosse sexy Carlo quando si arrabbiava. Le sue guance si erano arrossate ed i suoi occhi scuri brillavano, i capelli gli cadevano sul viso. Senza por tempo in mezzo si allungò in avanti e baciò rudemente quelle morbide labbra, l’amico mise le due mani sul suo torace e tentò di spingerlo via adirato ma Max lo spinse indietro, facendolo sdraiare sul letto senza togliere le labbra dalle sue.
Piegando il corpo su quello dell’altro, lo costrinse con la lingua ad aprire le labbra, facendogliela poi scivolare in bocca ed afferrandogli con tale forza le spalle da lasciare le impronte bianche delle dita. Carlo lottò ma inutilmente. Come poteva essere all'improvviso così adirato con lui e poi dimenticare tutto? Un gemito sfuggì dalle labbra di Max quando sentì il piccolo piercing di metallo sull’altra lingua che strofinava eccitantemente nella sua bocca.
Il suo bacio divenne più grezzo e morse il labbro inferiore del ragazzo facendolo frignare in un misto di piacere e dolore. Si tirò indietro leggermente, il suo respiro era diventato affannoso e stava quasi anelando mentre guardava diritto negli occhi di Carlo.
“Mi ecciti troppo quando mi baci così.” disse ansando Carlo, avvolse le braccia intorno al collo del suo ragazzo e lo tirò a se per un altro bacio ma Max gli afferrò le mani unendogli i polsi sopra la testa.
Un sorriso furbesco passò sulle sue labbra e scosse la testa. “Riesci ad essere una tale puttana qualche volta, Carlo.” Bisbigliò calorosamente nel suo orecchio chinandosi sul lato del letto senza rilasciare la presa sui polsi. Il ragazzo si dimenava tentando di sfuggire alla presa ma le sue mani rimanevano unite sopra la sua testa. Poi Max raccolse la cintura dal pavimento e si sedette a gambe divaricate sulla la vita di Carlo. Rise per l'espressione confusa del ragazzo mentre faceva un cappio con la cintura intorno ai polsi, legandola poi al sostegno del letto e stringendogli le mani in maniera che gli fosse impossibile muoverle. Ghignò guardandolo mentre tentava di liberarsi.
Girò la testa e cominciò a succhiare il capezzolo forato senza preoccuparsi di essere gentile. Carlo gemette involontariamente, il suo corpo tremò sentendo i denti dell’amico raschiare la sua pelle sensibile. Max scese baciando alla vita godendo del modo in cui Carlo si dimenava sotto di lui.
Lentamente si spostò in modo da inginocchiarsi tra le cosce muscolose e leccò leggermente con la punta della lingua l'asta dura dell’amico. Inspirò profondamente, il profumo di Carlo lo stordì ed i suoi occhi si chiusero per un momento. “Per favore il Max...” Si lamentò Carlo, il suo desiderio diveniva sempre più urgente.
Sentirlo implorare era sempre eccitante per Max che avvolse le calde labbra intorno al cazzo duro, strofinando la lingua piatta sulla testa nel modo in cui sapeva che gli piaceva. Carlo avrebbe voluto gridare mentre la calda bocca bagnata di Max scivolava su tutta la lunghezza del suo uccello ma dalla sua bocca non uscì alcun suono; inclinò solo leggermente le anche ma fu sufficiente per spingere la cappella nella gola dell’amico che gemette e le vibrazioni del gemito sul suo membro lo fecero rabbrividire.
Tirò furiosamente la cintura che gli stringeva i polsi tentando disperatamente di tirarla via, inarcò la schiena, i suoi lamenti divennero più forti e più frequenti. Sentendo che si preparava a venire, Max si tolse.
“Non ancora, baby...” Mormorò crudelmente.
“Non fare lo stronzo con me!” Urlò Carlo. Capiva che Max aveva il completo controllo su di lui ed era ancora adirato con lui per averlo accusarlo di essere un mentitore, questo lo rendeva furibondo e peggiorava la situazione.
Max capiva benissimo come stava facendo sentire Carlo e godeva di avere il controllo su quel ragazzo che non era abituato a non avere quello che voleva. Si avvicinò ulteriormente, le labbra a due centimetri dalle sue. “Io posso fare tutto quello che cazzo voglio con te.”
Carlo non poteva fare a meno di sentirsi eccitato: “Inculami, Max. Odio quando mi fai aspettare così.” Carlo tentò di pigiare le labbra contro quelle del suo ragazzo ma Max indietreggiò leggermente impedendogli il bacio.
Max non poteva fingere più a lungo di non desiderarlo quanto Carlo desiderava lui. Slacciò la cintura che lo teneva legato al letto. Appena libero Carlo avvolse le braccia intorno al suo ragazzo e lo baciò rudemente con le unghie che scavavano nella sua pelle.
Max lo spinse via spingendolo a faccia in giù sul letto. Carlo frignò in attesa quando sentì Max allargargli le gambe e spingere la lingua nel culo. Gridò in estasi e tutto il suo corpo si scosse. “Inculami, ohhh dioooo...” Gemette, volendo disperatamente sentirlo dentro di se.
Max gemette mentre ficcava tutti i 22 centimetri nel culo del ragazzo. Carlo gridò per il dolore momentaneo che però si affievolì presto per dare spazio ad un piacere incredibile sentendolo più profondamente dentro di lui ad ogni dura spinta. Max sbattè il cazzo con più forza nel culo sentendo che la testa strofinava contro la prostata pulsante.
Carlo si lamentò mentre il piacere si intensificava. Il suo corpo si scosse e la sua respirazione divenne ansante. “Cazzo, baby, come sei stretto, dio come amo questo culo...” Ansò Max. “Sei veramente una fottuta puttana, Carlo.” Gemette mentre l’amico spingeva indietro ad incontrare le sue spinte. Prese il cazzo duro di Carlo e lo masturbò al ritmo delle spinte. “Vuoi che ti sborri nel culo? Huh, dolcezza?” Mormorò Max con calore mentre pigiava le labbra sulla nuca dell’amico.
“Sì, dio sì, Max!” Le parole si strozzarono nella sua gola, il piacere che Max gli stava facendo sentire stava divenendo quasi insopportabile. Max gridò in estasi mentre sparava il suo carico profondamente con tale forza da fargli scuotere violentemente il corpo. Solo alcuni secondi dopo anche Carlo venne con forza incapace di non lamentarsi.
I due ragazzi erano caldi ed ansimanti, i loro corpi coperti da una pellicola di sudore. Max rotolò via sdraiandosi sul letto accanto al suo ragazzo. Nessuno disse un'altra parola, nonostante il sesso l'argomento stava ancora tra di loro. Max si girò sopra un fianco girando le spalle all’amico. Strinse i pugni irritato, perché Carlo gli mentiva? Anche Carlo si girò, lo faceva sentire male che il suo ragazzo avesse pensato così di lui ma gli avrebbe mostrato com’era lui.
100% (0/0)
 
Categories: AnalHardcoreGay Male
Posted by aramis45
6 months ago    Views: 312
Comments
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
No comments