Ho rubato il ragazzo a mia sorella (Finale)

Mi scossero per svegliarmi. Aprii gli occhi ed il mio Giacomo mi stava scuotendo.
"Cosa c’è?" Chiesi.
"È il giorno del diploma, i tuoi genitori hanno detto di scendere per la colazione. Poi ti devi preparare."
Mi lamentai. " Va bene."
Giacomo stava passando il week end con me. I suoi genitori avevano accettato di permettergli di andare a scuola con noi per la cerimonia del diploma. Scivolai in un paio di mutande e pantaloni del pigiama. La cerimonia era programmata per l'inizio di pomeriggio e la festa che i miei genitori avevano progettato per me sarebbe stata subito dopo la cerimonia.
Andai in cucina e mia madre mi servì la colazione, subito dopo lo fece con Giacomo e mio padre.
"Quando avete finito uno va a fare la doccia e poi quando a finifo, va l’altro."
"Possiamo farla insieme." Dissi senza pensare.
"Nick! " detto mia madre.
“Scherzavo"
I miei genitori ci guardarono e Giacomo arrossì. "Giacomo può farla per primo."
"Bene." Disse mio padre. "Nick, capisco che voi due probabilmente avete già fatto la doccia insieme, ma penso che sia imbarazzante per il tuo amico, non è una cosa saggia da fare."
"Mi spiacente." Dissi io.
"NessunÈ bene il Sig. WIllis." Disse Giacomo.

Finita la colazione andammo in camera mia. Giacomo prese un asciugamano ed andò in bagno. Io cominciai a cercare i miei vestiti. Preparai camicia, cravatta e pantaloni, berretto e giacca. Sentii qualcuno entrare dalla posta d’ingresso, uscii dalla mia camera e sentii le voci dei nonni. Ritornai in camera e chiusi la porta. Sarei stato felice di vedere i miei nonni, ma questo voleva dire che c’era anche Alice ed io non avevo nessun interesse a vedere mia sorella per il momento.
Giacomo ritornò in con un asciugamano avvolto intorno alla vita. Tirò via l'asciugamano e si ise un paio di mutande. "Non uscire ancora." Dissi io. "Ci sono i miei nonni e vuol dire che Alice è qui."
"Posso chiudere la porta a chiave?"
"Buon idea." Dissi dato che avevo una porta per il bagno nella mia stanza. Giacomo chiuse la porta a chiave come io prendevo un asciugamano e cominciai a togliermi i vestiti e li gettavo nella cesta. Diedi un bacio a Giacomo, andai in bagno e feci la mia doccia. Quando rientrai nella mia camera Giacomo era completamente vestito.
Rapidamente mi vestii e fui pronto per andare. "Pronto? " Chiesi a Giacomo.
"Ok, facciamolo."

Giacomo ed io uscimmo ed andammo a salutare i nonni. "Allora, pronto per l’università?" Disse mio nonno salutandomi con un abbraccio.
"Oh Nicola." disse mia nonna. "Siamo così orgogliosi di te." E mi tirò in un abbraccio.
"Allora è questo l'amico?" Chiese mia nonna.
"Sì." Dissi io. "Nonna, nonno questo è Giacomo."
"Felice di conoscerti, Giacomo." Disse mio nonno stringendogli la mano.
"Chiamaci Barbara e Paolo." disse mia nonna.
Vidi Alice in un angolo della stanza. Sembrava oppressa da un peso, forse la gravidanza cominciava a mostrarsi. Aveva anche un'espressione strana sul viso mentre guardava Giacomo e me, uno sguardo che diceva che se avesse potuto ci avrebbe uccisi.

Era venuto il momento di andare a scuola, portammo i bagagli dei nonni nella camera degli ospiti, e poi andammo a scuola. Finalmente ottenemmo i nostri diplomi, posammo per le foto con le nostre famiglie ed amici. Poi ritornammo a casa e la festa cominciò.
I miei genitori avevano invitato famigliari ed amici miei e di Giacomo. Renzo era con Tammy ed alla fine noi quattro finimmo per giocare in piscina. Con mio grande piacere sembrava che Giacomo avesse finalmente cominciato a portare gli speedos. Eravamo seduti e stavamo chiacchierando quando qualcuno disse. "Cosa fanno qui loro?"
Alzai lo sguardo e vidi Alice, capii cosa voleva dire con "loro", si riferiva a Renzo e Tammy. "Alice." Dissi. "Questa è la mia festa e loro sono i miei amici, loro sono qui perché loro sono stati invitati."
"Tu e Renzo non eravate amici.”
"Ora lo siamo, qualcosa che non va?"
"Questa sarebbe stata anchela mia festa se non fosse stato per quel tuo disgustoso amico." Disse Alice disse guardando Giacomo con disgusto.
"No, Alice." Disse Tammy. "Sarebbe stata anche la tua festa se tu non fossi andata a letto con metà della città. E sarebbe meglio non sentirti dire niente di cattivo su Renzo, Nick o Giacomo.
"Sì." Dissi io. "E nel mio amico non c'è niente disgustoso." Mentre lo dicevo misi un braccio intorno a Giacomo.
Alice sbuffò e se ne andò. “E’ una vera stronza!" Disse Tammy. "Nick come hai fatto a vivere nella stessa casa?"
"Non è stato facile, credimi."

Venne l’ora di mangiare, mio padre aveva cotto delle costolette sulla griglia e noi ci sedemmo a mangiarle. I miei parenti mi diedero ricche mance e dopo un po’ gli ospiti cominciarono ad andarsene, Renzo e Tammy salutarono, i miei genitori non permisero che Giacomo ed io li aiutassimo a pulire così andammo in soggiorno e cominciammo a guardare della la televisione. Avevo un braccio intorno alle spalle di Giacomo ed i miei nonni si unirono a noi.
"Perché non se ne va?" Vidi Alice sulla porta del soggiorno.
"Se stai parlando di Giacomo, lui passerà la notte qui."
"Non lo può fare!"
"Alice." Disse il nonno. "Io non ho problemi se Giacomo resta se per i suoi genitori va bene."
"E dove dormirà?"
"Dove pensi? Con me chiaramente." Dissi io.
"Sapete quello che fanno a letto? " Alice chiese ai miei nonni.
"Alice è probabile che noi siamo vecchi, ma non siamo vecchi barbogi." Disse mia nonna. "Nick e Giacomo sono sicuramente sessualmente attivi. Ed inoltre quello che loro fanno a letto non sono affari nostri.i"
"Sì." Dissi io. "Quindi taci e vattene."
"Io non dormirò in una casa con due checche! " Gridò Alice.
"Allora dormi fuori." Dissi io.
Mia nonna si alzò, si avvicinò ad Alice, alzò una mano e la schiaffeggiò. "Non voglio mai più sentire quella parola! Lui è tuo fratello, è una vergogna che tu parli così, non hai un grammo di decenza."
Alice uscì dalla stanza impettita.
"Non dovevi farlo nonna." Dissi.
"Nick, non posso sentire quelle parole, specialmente se dirette ad uno dei miei figli o dei miei nipoti."

Dopo un po' Giacomo ed io salimmo in camera mia, ci spogliammo ed in breve Giacomo fu sulla schiena con le sue gambe sulle mie spalle ed il mio cazzo dentro di lui. Sparai un carico di sbvorra dentro di lui poi lo succhiai e bevvi il suo sperma.

Sono passati tredici anni, tredici anni in cui Giacomo ed io siamo rimasti insieme ed ancora lo siamo. Abbiamo avuto i nostri problemi nel corso di questi anni trascorsi insieme. Non potrei immaginare la mia vita senza che ci sia dentro Giacomo. Giacomo è diventato un medico, io continuai a nuotare con successo ma poi alla fine decisi di fare l’insegnante. Nuoto ancora per divertimento e sono allenatore di una squadra di nuoto.

Giacomo ed io torniamo a casa dei nostri ogni tanto ma non abbiamo più visto Alice dalla festa di diploma e la cosa non ci dispiace. I miei genitori mi hanno detto che ha avuto il bambino e se ne era preso cura il padre e la sua famiglia. Alice aveva pochi contatti col piccolo. Aveva ripreso ad andare a scuola ma era stata espulsa per il suo comportamento, ha avuto altri cinque figli, vive a senza fissa dimora ed entra ed esce di prigione.
100% (0/0)
 
Categories: Gay MaleHardcore
Posted by aramis45
9 months ago    Views: 491
Comments
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
No comments