Ho rubato il ragazzo a mia sorella (Parte 3)

La mia famiglia ritornò a casa il giorno seguente così il mio fine settimana con Giacomo finì. Prima di andarsene Giacomo chiese ad Alice di parlargli in privato. Accompagnai Giacomo alla sua macchina. "Mi sono appena separato da tua sorella." Disse. "Lei non ne sembrava troppo felice."
"Capisco" dissi mentre Giacomo apriva la portiera.
"Ci vediamo domani." Disse. "Ti amo."
"Anch’io ti amo."
Ritornai dentro. I miei genitori erano nella loro camera a disfare i bagagli Alice mi venne vicino. “Cosa ti ha detto Giacomo questo fine settimana?"
"Non mi ha detto niente di te." Dissi, mi allontanai ed andai in camera mia. Mi sdraiai sul letto su cui solo poche ore prima c’era Giacomo di schiena ed il mio cazzo era dentro di lui. Non lasciai la mia stanza finché i miei genitori non mi chiamarono per la cena.

Il giorno seguente a scuola passò velocemente. Alice guardò in maniera strana Giacomo e me seduti a mangiare insieme. Pensava che non fossimo solo amici? Lei non sapeva che Giacomo ora era il mio ragazzo, ma nessun’altro lo sa.
Avevo allenamento di nuoto dopo la scuola e fui sorpreso nel trovare Giacomo che parlava coi miei genitori quando tornai a casa. "Nick può andare in camera tua per favore." disse mia madre. "Dobbiamo parlare con Giacomo in privato." Io accennai col capo ed andai in camera mia.
Di cosa dovevano parlare con Giacomo i miei genitori? Avevano scoperto di noi? In quel caso cosa sarebbe successo? Dieci minuti più tardi bussarono alla porta. "Sono io." Disse Giacomo.
Entrò e si sedette sull'orlo del letto. "Di cosa volevano parlarti i miei genitori?"
"Alice è stata male oggi dopo pranzo, ha vomitato in bagno. L'ufficio ha chiamato tua mamma che è venuta a prenderla e l’ha portata dal dottore, è risultato che è incinta."
"Cosa? "
"Sì. Loro pensano che io sia il padre. Ma ho detto ai tuoi genitori che Alice ed io non abbiamo mai dormito insieme, ma Alice sta insistendo che sia io il padre. Loro hanno detto che faranno fare una prova di paternità.”
"Quindi non hai niente di cui preoccuparti."
"Penso che finché non ci saranno i risultati non potrò venire qui spesso, i tuoi genitori non mi hanno creduto quando ho detto che non ho mai dormito con loro figlia. Stavo per dire che avevo dormito con loro figlio"
Io risi: "Sì, scommetto che sarebbe stato bello."
"Avrei preferito che i tuoi genitori non fossero in casa ora, avrei voluto dormire di nuovo con loro figlio.”
"Anch’io, ma dobbiamo essere pazienti."

Mi misi a sedere e gli diedi un bacio. Giacomo mi palpò l’inguine. "Giacomo non possiamo coi miei genitori qui." Lui non mi ascoltò ma aprì la ceniera dei miei pantaloni ed estrasse il mio uccello. Io mi sdraiai indietro mentre lui metteva la bocca sul mio cazzo e cominciava a succhiare. Io emisi un piccolo lamenti mentre lui saliva e scendeva sul mio pene. Sentii la sua lingua turbinare intorno alla mia cappella. Con tutte le mie forze tentavo di non lamentarmi rumorosamente ed in breve eruttai nella sua bocca e lui ingoiò il mio sperma.
Quando ebbe tolto la bocca dal mio cazzo mi rimisi a posto i pantaloni. "Penso che dovremo farlo ancora.” Disse Giacomo. "Puoi venire a casa mia domani dopo l’allenamento di nuoto? I miei genitori torneranno tardi."
"Sicuro."

Accompagnai fuori Giacomo e quando ritornai mia madre mi disse: "Nick, tuo padre ed io vorremmo parlarti."
Io gemetti, andai inl soggiorno e mi sedetti sul divano. I miei genitori erano in piedi di fonte a me: "Nick, ti volevamo chiedere se Giacomo non ti ha mai detto di aver dormito con Alice."
"No"
"Ok, so che è tuo amico e che lui ed Alice non si stanno più incontrando." Disse mio padre. “Ma devi sapere che Alice è incinta. Giacomo ha detto che loro due non sono mai stati a letto insieme."
"Giacomo probabilmente sta dicendo la verità." I miei genitori sembrarono sbalorditi ma mi lasciarono continuare. "Quante volte l'avete visto venire qui a trovare Alice? La maggior parte del tempo che ha passato qui l’ha passato con me. Le uniche cose che faceva con Alice era andare a qualche festa e a qualche spettacolo. Io non penso che avesse alcuna vera intenzione con Alice salvo avere una bella ragazza al suo braccio a scuola. Ci sono anche dicerie che girano per la scuola su Alice e dei ragazzi.
I miei genitori avevano un’espressione scioccata. Per loro era impensabile che Alice fosse meno che perfetta. "Nick." disse mia madre. "Tu sai che Alice non farebbe mai una cosa del genere."
"Onestamente voi due non la vedete per quello che è veramente.Lei è sempre perfetta ed io quello sbagliato"
Quella era la verità, i miei genitori avevano sempre trovato scuse per il comportamento di mia sorella invece di vedere che Alice aveva grossi problemi di disciplina.
"Nick perché non vai in camera tua?" Io mi alzai e me ne andai.

Il giorno seguente andai da Giacomo dopo l’allenamento di nuoto. Per i miei genitori andava bene, non volevano Giacomo in casa fino a dopo la prova di paternità che era stata programmata per la fine della settimana. Non appena entrato Giacomo fu su di me per baciarmi profondamente. Andammo in camera sua dove precipitammo sul letto. Giacomo non sprecò tempo ed in breve io e lui fummo nudi. Si sedette sul mio grembo mentre io ero sdraiato di schiena. Prese una bottiglia di lubrificante e ne mise un po’ sul mio cazzo. La sensazione del lubrificante sull’uccello fu come una cosa che non avevo mai sentito prima, me lo scosse e poi applicò del lubrificante al suo buco e si sedette sul mio pene. Sentii una calda sensazione quando sentii che lo stavo penetrando. L'espressione sulla sua faccia era di piacere estremo. Si chinò in avanti e mi baciò mentre prendevamo un buon ritmo. Mantenemmo il ritmo poi sentii qualche cosa di caldo schizzare sul mio torace e compresi che Giacomo aveva sparato il suo sperma su di me. Ne presi, lo succhiai, ne diedi un po’ a lui e subito dopo gli sborrai dentro.

Restammo sdraiati a coccolarci per un po’ baciandoci spesso. "I tuoi genitori ti hanno parlato di Alice?" Mi chiese.
"Sì, e non sono stati contenti di quello che ho detto."
"Cosa hai detto?"
Gli raccontai della conversazione della sera prima. "Non capisco perché loro non vedono il figlio meraviglioso che hanno." Disse Giacomo.
"Tu sei prevenuto."
"Forse, ma io sono stato capace di vedere anche prima che ci conoscessimo veramente, ricordi. Mi sono subito innamorato di te.”
"Lo so." Restammo sdraiati ancora per un po’ ma prema che i suoi genitori tornassero a casa eravamo vestiti, lo salutai e tornai a casa mia.

I miei genitori erano fuori quando arrivai, ma c’era Alice. "Allora tu arrogante egocentrico non pensi che sia stato Giacomo il perfetto a mettermi incinta."
"Oh Chiudi quella bocca, tu lo sai che Giacomo non è il padre di quel bambino.”
"Perché prendi le difese di Giacomo contro tua sorella."
"Forse perché se avessi una sorella che agisce un po’ più da sorella con me non sarebbe un problema."
"Notizie d'ultima ora per te, Nick. L'unica ragione per cui sei così simpatico a Giacomo perchè lui vuole entrare nei tuoi pantaloni."
Io l’ho guardata: "Ho guardato nel suo computer una volta che ero da lui e ho visto che aveva dei porno gay."
"Tu sei fottutamente pazza."
"E’ innamorato di te ed io lo so."
Io scossi la testa, mi allontanai ed andai nella mia camera.

La settimana fin’ ed il test di paternità provò che Giacomo non era il padre del bambino di Alice. I miei genitori si scusarono con me ma io avevo la sensazione che Alice non avesse finito di tormentare Giacomo...
100% (1/0)
 
Categories: AnalGay Male
Posted by aramis45
11 months ago    Views: 507
Comments
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
No comments