La sculacciata ad Erika


Premetto che non sono un amante del sado maso però il pensiero di sculacciare una bella ragazza mi eccita. Avevo conosciuto Erika in un sito, prima avevamo condiviso qualche punto di vista su un forum e poi siamo passati alla chat dello stesso portale. Si era descritta così in chat: altina, snella, capelli neri lunghi e lisci, occhi verdi, labbra un po’ carnose ma non troppo, seno non piccolo, fondoschiena discreto e gambe curate e quasi sempre esposte da minigonne.
Lei si è rivelata subito una maialina perché non mancava mai di fare battute con il doppio senso, senza andare mai sul volgare però. Io ovviamente la assecondavo e perciò molto spesso si finiva con il parlar di sesso. Un giorno mi chiede “cosa ne pensi del sadomaso?”
Credevo fosse una di quelle patite per certe cose… Le ho risposto che non l’avevo mai praticato, che preferivo accarezzare e toccare delicatamente le donne con cui scopavo.
Lei mi tranquillizzò dicendomi che per lei era lo stesso ma che si era da poco imbattuta in un racconto erotico in cui c’era l’uomo che sculacciava la propria donna e si era eccitata. Allora le ho risposto che anche a me eccita questa cosa, basta che non si passi a far male veramente.
Poi il discorso è stato chiuso e siamo passati a parlare d’altro.
Dopo un po’ di tempo, visto che era da parecchio che ci parlavamo in chat e che andavamo parecchio d’accordo, condividendo anche molte idee, decidemmo di incontrarci. Abitavamo a circa un’ora di macchina. Chissà perché, in questi casi è sempre l’uomo che deve andare dalla donna, probabilmente si sentono più protette a stare nella loro zona…
Comunque l’appuntamento era per il sabato verso sera alle 18.30 fuori di un locale nelle vicinanze di casa sua. Dovevamo trovarci la, andarci a bere l’aperitivo e conoscerci meglio.
Arrivò il sabato ed arrivai all’appuntamento puntuale. Lei era già li ad attendermi. Soliti convenevoli, stretta di mano, bacetto sulla guancia, piacere bla bla bla……
Entriamo nel locale e prendiamo un aperitivo da consumare con calma al tavolino.
Iniziamo a parlare del più e del meno e conversare con lei era molto gradevole. Visto l’entusiasmo con cui parlava, doveva essere piacevole anche per lei.
Consumato l’aperitivo decidiamo di andare a cena su un localino la vicino che lei conosce dove si mangia bene.
La cena è stata deliziosa ed il vino fresco e frizzante è andato giù che era una meraviglia, diciamo anche troppo meravigliosamente.
Dopo aver preso anche il dessert e l’amaro le chiedo: “sono solo le 10.30 e sto davvero bene in tua compagnia, ti va di passeggiare un po’?”
Lei mi risponde di si ed usciamo.
Appena usciti ci rendiamo conto che c’era un po’ di venticello, stava cambiando il tempo e lei mi dice: “non mi va di passeggiare con questo tempo anche perché mi sono vestita leggera ed inizio ad avere un po’ di freddo”. Io le rispondo che mi sarebbe piaciuto andare da qualche parte per non interrompere così la serata e lei mi dice: “beh, io abito qui vicino, perché non vieni da me? Ho davvero freddo e non ho voglia di rimanere fuori”. Ovviamente accettai.
Lei abitava in un grazioso appartamento, arredato con buon gusto. Ci siamo seduti sul divano e lei ha iniziato subito a parlare dicendomi “allora, parli di tutto fuor che di sesso oggi? In chat sei un maialone!” e si mette a ridere, evidentemente il vino aveva fatto un po’ di effetto anche se mi sembrava abbastanza tranquilla.
Allora le rispondo a tono: “guarda che sei tu la maialina che con battute a doppio senso va sempre a girare i discorsi sul sesso!” e scoppiamo a ridere entrambi… era vero!
Ridendo ci guardiamo negli occhi, smettiamo di ridere sempre fissandoci negli occhi, avviciniamo le nostre facce ed iniziamo a baciarci. Io le ho messo subito una mano su quelle tette che erano davvero grandi, avrà avuto una quarta. Erano belle sode. Però il maglioncino di lana e la maglietta che portava sotto non rendevano bene l’idea, perciò ho infilato una mano sotto a maglione e maglietta trovando la sua pelle liscia e vellutata, sono risalito fino al reggiseno. Ho iniziato a palpargliele da sopra il reggiseno e poi ho infilato la mano sotto, aveva i capezzoli grandi e turgidi. Quanto mi piacevano quelle tette.
Lei mi ha messo subito una mano sul pacco sopra ai jeans, trovando il mio cazzo già in completa erezione.
Dopo aver palpato ogni cm di quelle stupende tette, sempre baciandola, ho portato la mano al ginocchio a toccare quelle bellissime gambe coperte da una calza fina, sono risalto fino ad incontrare l’orlo della minigonna che le arrivava a metà coscia. Sono risalito un paio di cm ed ho trovato una cosa che ho gradito molto: il bordo delle calze, aveva le autoreggenti! Passato quel bordo c’era la sua pelle, una pelle vellutata, liscia, bellissima.
Però non era quella la mia meta, ancora un po’ di cm e sono arrivato all’elastico laterale del suo perizoma: l’elastico era umido, infatti ho spostato la mano andando a metterla sopra la sua fighetta e l’ho trovata bagnatissima. Ho inserito le dita sotto il perizoma ed ho raggiunto subito il suo clitoride. Appena raggiunto lei ha avuto un sussulto.
Lei ha iniziato ad aprirmi la patta dei pantaloni e mi ha estratto il cazzo iniziando a fare un bel movimento su e giù scappellandolo, molto lentamente. Poi ha smesso di baciarmi, mi ha guardato negli occhi e mi ha detto “ti voglio! Però andiamo in camera.”
Ci siamo spostati in camera ma prima che si adagiasse sul letto ho voluto spogliarla, toglierle tutto quello che portava. Una volta denudata l’ho guardata, era fantastica! Una quarta di seno abbastanza soda, ventre piatto, bellissime gambe ed una bella fighetta depilata. L’ho fatta girare, era vero, aveva un fondoschiena molto bello! Ho iniziato subito a palparglielo, era molto sodo!
Lei però si è rigirata ed ha detto: “adesso è il mio turno, tocca a me spogliarti!” e così ha fatto. Mi ha tolto prima i vestiti della parte superiore, poi mi ha slacciato i pantaloni, e li ha calati abbassandosi anche lei fino ad inginocchiarsi, subito dopo ha preso i boxer dall’elastico e li ha tirati giù. Praticamente il mio cazzo svettava davanti la sua faccia. Non ha perso tempo, l’ha preso subito in bocca e me l’ha succhiato per un po’.
Dopo si è staccata e si è rialzata dicendomi che aveva un desiderio: “ti ricordi che avevamo parlato delle sculacciate? Mi piacerebbe provare, non ne ho mai avuta l’occasione…”
Io sentendo la richiesta mi sono eccitato ancor di più, mi sono seduto sul bordo del letto e le ho detto di mettersi con la pancia verso giù sopra le mie gambe.
Lei: “ok, adesso mi metto in posizione, tu dimmi se va bene!” e si è messa con la pancia in giù, la testa dalla mia parte sinistra. Perciò avevo il suo bellissimo culetto alla destra. Io ho approfittato della situazione e le ho detto “però stai tenendo le gambe strette, per essere sculacciata le devi aprire un po’”.
Lei l’ha fatto e mi sono trovato davanti una visione paradisiaca, messa così il suo culo rimaneva aperto ed aveva sia il buco del culetto che la fighetta aperta completamente esposti. Sono rimasto un po’ imbambolato a guardare le sue grazie.
Lei “dai che aspetti? Sculacciami!”
Io allora ho alzato la mano ed ho iniziato a sculacciarla, prima su una natica, poi sull’altra, davo colpetti secchi ma leggeri. Lei mi ha detto di fare leggermente più forte, non voleva sentire male ma così non rendeva proprio l’idea. Io ho iniziato allora a dare colpetti un po’ più forti, ho iniziato ad eccitarmi ancora di più, avevo il mio cazzo premuto sotto la sua pancia che pulsava.
Lei: “mmm… inizia a piacermi la cosa! ah ah”
Io ho iniziato da darle i colpi nel mezzo delle natiche nella parte bassa. Ogni volta che calavo il colpo esitavo un po’ prima di rialzare la mano, toccandole così la fighetta. Era un lago di umori.
Dopo un po’ lei mi dice: “ok adesso basta però! Ho una voglia matta di prenderlo questo cazzone che mi sta perforando la pancia!”
Io ho smesso di sculacciarla, le ho messo una mano sulla schiena per bloccarla ed ho inziato a percorrerle il solco tra le chiappe partendo dall’attaccatura con la schiena in alto. Lo muovevo lentamente. Arrivavo al buchetto del culetto, si sentiva che lei ansiamava ma non mi fermavo, continuavo fino ad arrivare alle grandi labbra ma non le toccavo, tornavo indietro per lo stesso percorso e lei: “mmm… così mi fai impazzire! Ho voglia di prenderlo ti prego!”
Io mi stavo eccitando, se possibile, ancor di più torturandola in questa maniera. Dopo un po’ non ho fermato il dito e sono passato a percorrere il solco che divide le labbra della sua fighetta. Lei ansimava più forte. Arrivato al clitoride, lo massaggiavo con un paio di movimenti rotatori, tornavo indietro, arrivavo al buchetto e facevo un paio di movimenti rotatori anche la all’entrata ma non entravo, tornavo al clitoride, e così via. Lei stava letteralmente impazzendo.
Anche io però non ce la facevo più, avere quei 2 buchetti a portata di mano e sentire lei che stava accumulando tutta questa voglia di farselo sbattere, aveva eccitato molto anche me.
Allora ho inserito il dito nella sua fighetta sentendo “aaahhhh, finalmente, che bello!”.
Io ho estratto il dito e le ho detto “è ora di inserire qualcos’altro!”
L’ho fatta stendere sul letto e l’ho penetrata in un sol colpo, era talmente bagnata che è entrato subito. La scopavo con molta foga, aveva una fighetta fantastica.
Dopo un po’ ha voluto cambiare posizione, mi sono steso a pancia in su, lei si è seduta sopra di me impalandosi ed ha iniziato a muoversi. Nel muoversi le sue tette si muovevano in una maniera molto eccitante, le ho prese in mano tutte e due ed ho iniziato a strizzarle i capezzoli, cosa che a lei piaceva moltissimo. Si muoveva sul mio cazzo in maniera divina, lo faceva quasi uscire del tutto e poi se lo infilava di nuovo fino alla base, ogni volta le mie palle andavano a sbattere sul suo meraviglioso culetto, una sensazione bellissima!
Dopo 5 minuti di una cavalcata bellissima le ho detto che stavo per venire, lei mi ha detto che stava per venire anche lei ma che non prendeva la pillola, perciò si è girata e messa subito in posizione per un bel 69, io ho iniziato a leccargliela ed a infilarle dentro la lingua, lei l’ha preso subito in bocca e nel giro di pochi secondi lei è venuta in bocca a me ed io in bocca a lei.

100% (5/0)
 
Categories: AnalHardcore
Posted by antonioeffe80
1 year ago    Views: 195
Comments
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
No comments