Grazie mamma e papà per la punizione 1

Storia trovata su internet

E iniziata proprio così, io, 17 anni, bocciato, quindi, non solo venduto lo scooterone appena comprato per la mia virtuale promozione ma anche l’esilio nel paesino in montagna dove vivono i nonni, e mia sorella Francesca, 16 anni, promossa a pieni voti ma sorpresa con le mutandine abbassate e il fidanzatino che ravanava felice, spedita a farmi compagnia.
Il paesino è prevalentemente abitato da vecchi, in culo alla luna, i cellulari prendono qualche minuto alla settimana, un carcere speciale, pensavo mentre la corriera ci portava, sarebbe stato meglio. Era pure peggio di come ce lo sspettavamo, freddo, umido, le giornate passavano scandite dalle visite tipo via crucis a zie che manco conoscevamo, baci insalivati e noia mortale a sentirli parlare in un dialetto per noi incomprensibile. Dopo una settimana in cui avevamo pure litigato con i nonni per evitare le visite alle zie, fortunatamente e casualmente arriva la svolta. stavamo riempiendo delle brocche d’acqua nella vecchia cucina rustica e Francesca mi dice: “Ma come facevamo a trovare bello questo posto quando eravamo piccoli? Come facevamo a trovare sempre qualche gioco interessante da fare e che poi non volevamo mai smettere di fare?”
A me è uscito senza pensarci anche perché l’avevo ricordato proprio in quel momento grazie all’odore di quella vecchia cucina: “Veramente, a me l’unico gioco interessante che facevamo qui e che non volevo mai smettere di fare era quello del dottore e ammalata”. Lei è arrossita, poi ha riso e mi ha detto: "ti ricordi quando nonna ti ha visto su di me e ci e ci ha detto che non voleva che ci picchiassimo?”. Ho riso anche io di gusto poi ci hanno chiamato per la cena e sembrava che la cosa fosse morta li. Però succede una cosa che la rianima, incredibilmente il pomeriggio i nostri telefonini cominciano a trillare di messaggi ricevuti, ti ho chiamato alle, etc, Lei chiama il ragazzo e, a causa delle continue perdite di linea e perche lui si sta divertendo e lei no litigano di brutto mandantosi affanculo a vicenda. Verso sera, mentre facciamo il giro per chiudere gli scuri alle finestre Francesca mi dice: “Perché mi hai detto la storia del dottore?” sto per dirle che era solo una battuta idiota ma la vedo strana e così le rispondo: “era davvero il gioco più bello che facevamo qui, peccato non averlo rifatto a casa, ora siamo troppo grandi!”
Lei sorride e mi dice ”quindi non lo rifaresti?”
“Io si, ma noi maschi siamo notoriamente dei porcelli, lo dicevo per te!”
lei mi dice: “Se non fossi un po’ porcellina anche io, non sarei qui. quel coglione mi ha detto che si troverà un’altra con cui passare l’estate; non so se lo farà però, visto che lo ha detto, posso rilassarmi un po’ anche io. è solo un gioco per non annoiarsi del resto.” Corriamo nella sua stanza da cui si vede il cancelo del cortile, i nonni non sono ancora tornati, lei mi dice: “Dottore, è da un po’ che non mi visita, che ne dice di un controllino per vedere se è tutto apposto?” “Va bene, si spogli pure!”. lei si toglie la maglia rimanendo in reggiseno, c’è un momento di imbarazzo che io rimpo subito dicendo: “in effetti ha fatto bene a venire, vedo che ha sbattuto e le sono venuti su due ponfi” ride, la tensione è passata, le slaccio il reggiseno e rimango incantato dalle sue perette, anzi, melette vista la forma tondeggiante, le accarezzo can la punta delle dita mentre lei chiude gli occhi, mentre li sfioro i capezzolini cominciano a intostarsi, Francy si mordiccha le labbra, le dico:
“Signorina, lei è proprio sfortunata, non solo ha sbattuto e due volte pergiunta, ma poi sui ponfi è stata pure punta da due zanzare” lei prova a ridere ma le mie carezze ai suoi capezzoli la fanno ansimare, mi abbaso e ne prendo uno in bocca, la sua pelle ha un sapore ed un odore fantastico, il cazo mi sta facendo male da quanto è duro, succhio l’altro cominciando ad accarezarle il culetto quando il pesante cancello di ferro sbatte, i nonni stanno rientrando, lei acchiappa camicia e reggiseno e corre in bagno, qiando esce mi ci infilo io a menarmelo altrimenti scoppio. Dopo che vengo mi chiedo se domani con più calma...
50% (1/1)
 
Posted by alex1983
2 years ago    Views: 354
Comments
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
No comments