Il Pub

Ero in Sardegna per una breve vacanza, insieme a due amiche. Ci eravamo prese qualche giorno di relax, lontano dal lavoro, dallo stress e dai mariti. Avevamo visto un pub molto carino e piuttosto frequentato, e decidemmo di passarci la serata. Era caldo ma non troppo, una bella giornata di metà Giugno, dopo cena indossai la mia camicetta nera semitrasparente con sotto l’intimo nero di pizzo che mio marito mi aveva da poco regalato, e la gonna di jeans con un paio di stivali neri, mi rifeci un po’ il trucco e mi unii alle amiche. Entrammo nel pub che era piuttosto affollato, e decidemmo di sederci al banco, anche perché i tavoli sembravano tutti occupati. Chiedemmo da bere, io ordinai il mio consueto Gin Lemon. Ci servì un bel ragazzo, piuttosto alto, con i capelli corti neri e un bel paio di occhi marroni, più giovane di me, che fin dall’inizio mi guardò con un certo interesse. Le mie amiche se ne accorsero e cominciarono a farmi battutacce al riguardo, ma eravamo allegre e ci ridevo su volentieri. Bevemmo e ridemmo per un bel po’, conoscemmo qualche avventore più o meno simpatico, e il bel ragazzo che ci serviva da bere ogni tanto si fermava a scambiare qualche battuta con noi. Era simpatico e carino, e i suoi sguardi su di me non mi dispiacevano affatto, anche se quelle due streghe delle mie amiche mi prendevano in giro di continuo. A un certo punto ci portò di nuovo da bere, ma noi non avevamo ordinato un’altra bevuta. Lui ci disse che quelle le offriva lui, e allora brindammo a lui e continuammo a chiacchierare e scherzare allegre e spensierate. Io ero piuttosto allegra, avevo anche forse bevuto un po’ troppo, chiesi al tipo dove fossero i bagni, lui me li indicò, ma mi disse che siccome c’era molta gente erano sicuramente in condizioni disastrose, e visto che noi non eravamo del luogo, se voleva mi avrebbe fatto usare il bagno riservato. Io lo ringrazia, e lui mi accompagnò, il bagno era accanto a quelli per il pubblico, ma chiuso a chiave. Lui mi aprì, io lo ringraziai di nuovo sorridendogli e entrai per fare pipì. Quando uscii lui era ancora lì, per richiudere la porta. Il corridoio era molto affollato, e lui mi stava quasi addosso, io gli sorrisi di nuovo, appoggiandomi alla porta mentre lui chiudeva con la chiave. Lui ricambiò il sorriso, chinandosi per dirmi qualcosa ad un orecchio, vista la confusione. Non ci capii più niente, e un attimo dopo lo stavo baciando lì, nel corridoio affollato, appoggiata contro la porta. Accolsi con eccitazione la sua lingua nella mia bocca, e chiusi gli occhi abbandonandomi al bacio. Sentii la sua mano scendermi lungo la schiena, carezzarmi la natica e sfiorarmi la gamba, per poi risalire sotto la mia gonna. Ero eccitatissima, e lo lasciai fare, anche se eravamo in mezzo alla gente. Le sue dita mi scostarono le mutandine, le sentii insinuarsi tra le mie gambe, carezzandomi con delicatezza ma anche con decisione. Mi tirò a se, riaprì la porta del bagno privato e mi fece entrare, per poi chiudersi la porta alle spalle, e riprese a baciarmi e a toccarmi. Anche io passai all’azione, palpandogli il gonfiore dei jeans, sotto il grembiulino da barman. Glieli sbottonai e estrassi ciò che contenevano, massaggiandolo mentre continuavo a baciarlo. Mi fece voltare, io appoggiai le mani alla parete mentre lui mi alzava la gonna, sfilandomi le mutandine. Divaricai leggermente le gambe, e sentii la punta del suo grosso cazzo appoggiarsi sulla mia fica ormai umida, per poi penetrarvi con decisione. Mentre mi scopava da dietro mi apri la camicetta, tastandomi il seno con una mano, mentre con l,’altra cercava la mia bocca. Io gli ciucciavo le dita anche per evitare di fare troppo casino con i miei mugolii, anche se il rumore che veniva dal corridoio sicuramente copriva tutto. Lui affondava i suoi colpi con forza crescente, mandandomi in estasi. Sentivo il suo grosso cazzo dentro di me e mi lasciavo andare sempre di più. Mi accovacciai inginocchiandomi sul water, per permettergli di prendermi in maniera per lui ancora più comoda, lui mi teneva per i fianchi e spingeva forte, con un ritmo altissimo. Tentai di cambiare posa, ma lui mi trattenne, facendomi capire che voleva continuare a scoparmi da dietro, in quel modo, e allora lo assecondai. Sentivo i suoi lombi sbattere contro le mie natiche sempre più velocemente, lo sentivo grugnire e ansimare mentre mi sbatteva in quel modo, poi lo sentii pulsare dentro di me, e un attimo dopo uscì di colpo, e sentii i suoi schizzi sulla mia schiena, realizzando in un attimo che probabilmente mi aveva sporcato la gonna e la camicetta. Mi ricomposi, asciugandomi alla meno peggio, cercai di recuperare le mutandine, ma le aveva lui in mano: -Queste te le restituisco domani, quando torni…- Mi misi a ridere e cercai (poco convinta) di farmele restituire, ma lui se le mise nella tasca del grembiulino e uscì, e io dovetti tornare dalle mia amiche senza, e piuttosto imbarazzata per la mia assenza prolungata. Ovviamente la sera successiva tornai a riprendermele…


100% (18/0)
 
Categories: HardcoreTabooVoyeur
Posted by Ninfetta
2 years ago    Views: 2,978
Comments (10)
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
1 year ago
molto bello
2 years ago
brava ninfetta, mi immagino la mia ragazza avrebbe fatto lo stesso
italianx
retired
2 years ago
quando vieni in sardegna avviasami.....provi il mio cazzo di lunga durata
2 years ago
peccato potevi rimanere incinta ... e farci un bel baby
2 years ago
Brava porcellina! :-)
BirraGui
retired
2 years ago
bel racconto !
sto immaginando l'andirivieni del tuo culo e mi si è fatto il cazzo duro
needpics
retired
2 years ago
le migliori avventure nascono sempre così, da incontri inaspettati e per nulla programmati...
edgardo22
retired
2 years ago
muy buena yo te cojeria igual
2 years ago
Brava, bella storia! Mi piacerebbe aggiungere quelle belle mutandine alla mia collezione privata...
2 years ago
ben fatto - bisogna sempre cogliere al volo le occasioni - tanto se ci fosse stato tuo marito nella medesima situazione sicuramente , avrebbe fatto la stessa cosa -