Ora et labora

Molti anni sono passati dal tempo della mia gioventù ma, ora che sto scrivendo le mie memorie, ritrovo molti ricordi praticamente intatti; non so se ciò sia dovuto all'eccitazione che ancora prepotentemente mi assale quando certi pensieri riaffiorano o se la nostalgia ed il rimorso abbiano deciso di farsi vivi e farmi scontare finalmente i miei peccati.
Tutto quello che qui leggerete è realmente accaduto, non riserverò per me nemmeno i dettagli più scabrosi, trovo che ormai il peso dell'impurità abbia raggiunto il suo culmine. Per questo mi sono decisa a confessarmi a voi.
Dunque, compiuti i sedici anni, per la mia famiglia venne finalmente il momento di completare gli accordi di sostentamento raggiunti precedentemente con le monache di un convento di clausura situato alla falde del Monte Nero. Si era in troppi in casa e bisognava assicurare a tutti i membri del nucleo familiare una vita quantomeno dignitosa. In cambio della loro devozione, dalle suore avrei ricevuto un'educazione e l'insegnamento sui precetti di una vita caritatevole. Finiva il tempo dei sogni, arrivava l'inevitabile vortice della realtà, che avrebbe portato via tutti gli anni migliori, almeno cosi' pensavo e rimpiangevo amaramente il fatto di esser l'ultima nata ed ancor più il fatto di non poter costruire il mio proprio destino. Un destino che, di lí a poco, mi avrebbe riservato sorprese inaspettate, per quanto allora vedessi solo un'esistenza colma di rinunce.
Quel grigio mattino di quarant'anni fa si presentarono, dinnanzi all'uscio, la Madre Superiora accompagnata da due servi, facce poco rassicuranti, completamente in balia degli ordini della religiosa. Non ci furono molti convenevoli, nell'aria regnava un misto di rassegnazione e malinconia, un abbraccio fugace con i genitori ed i fratelli e via verso una nuova vita.
Il tragitto fu abbastanza lungo perchè il convento era isolato, appartato quanto basta per non dare nell'occhio di persone indiscrete. Devo ammettere che mi fece molta impressione all'arrivo. Muri grigio-neri spessi e austeri si innalzavano verso l'alto, qualche piccola fessura che non poteva dirsi finestra, un profondo fossato intorno al convento, una torre per ogni angolo dell'edificio ed un ponte che fungeva da collegamento con la terraferma. Il silenzio che aveva contraddistinto il viaggio continuava ad imperare in quel paesaggio desolato. Scendemmo dalla carrozza, sempre in religiosa quiete e ci dirigemmo verso l'entrata. I servi naturalmente restarono fuori.
Oltrepassato il massiccio portone in legno, mi trovai nell'antico chiostro, un luogo che certamente aveva conosciuto epoche di maggior splendore ma che, nonostante i secoli avessero scalfito il candore delle arcate e dei muri, appariva come un'uscita dalla monotonia della vita monastica: qui l'aria si faceva piú respirabile ed umana, a differenza del cupo grigiore esterno. Ci avvicinammo lentamente alle dimore della Madre Superiora, io camminavo dietro di lei, in segno di rispetto. Le sue prime parole furono: „Vieni, si entra per di qua“. Quando entrammo, nella stanza erano già presenti altre suore di vario rango. Seguii la Madre Superiora finchè non mi disse di fermarmi proprio in mezzo alle nuove sorelle.
L'evidente austerità e distanza del suo portamento e della sua voce venivano però tradite dall'aspetto delle sue mani, lisce e ben curate, come se quell'abito nascondesse debolezze femminili, umanamente comprensibili, ma di certo non esemplari al resto del convento. Durante la prima conversazione con la Madre Superiora annuivo distrattamente, impressionata da quella che sarebbe diventata la mia nuova casa, quasi ipnotizzata dall'intercalare incessante e deciso della venerabile consorella, intontita com'ero dall'aria pregna dell'aroma inconfondibile d'incenso appena acceso, a cui si aggiungevano le sue severe parole. Credo che la sorella avesse quantomeno intuito che il luogo non mi andasse proprio a genio, non nascondeva il fatto di essere infastidita dalla curiosità che zampillava dalle mie pupille verdastre...per questa ragione mi fissava in maniera sempre più insistente e penetrante, quasi volesse entrare nei miei pensieri, scoprire i peccati della nuova arrivata.
Disse, schiarendosi la voce ed affannandosi nel contenersi da superflui rimproveri, con un fare piuttosto cerimonioso: „La nostra novizia, oltre a dover sottostare alle nostre rigide, ma giuste regole, dovrà trovare un nome adatto che sappia celebrare la sua rinascita come appartenente a quest'ordine. Si è deciso che si chiamerà Lucia, per cui il suo nome da oggi in poi sarà suor Lucia Maite.“ Dopo le solite raccomandazioni mi congedò ed io mi ritirai nella mia cella, una stanzetta semplice che, come appurai poco dopo, avrei condiviso con una suora più esperta, la mia guida spirituale. La trovai ad aspettarmi all'ingresso, abbozzò un mezzo sorriso e mi abbracciò. Fu il primo gesto di vera accoglienza quel giorno. Ne rimasi stupita, non mi aspettavo tanta gentilezza. La mia compagna di cella si chiamava suor Letizia, era una donna matura, sulla quarantina. Poco altro si poteva notare, se non il fatto che fosse piuttosto alta e che il suo viso rivelasse due grandi occhi castani che avrebbero certamente colpito chiunque, non solo una ragazzina disorientata e confusa. A differenza della Madre Superiora, i lineamenti del viso di suor Letizia erano gentili, quasi materni e denotavano una strana affettuosità e dolcezza che in quel convento non sembrava essere propriamente di casa.
Ci dirigemmo verso le docce, in uno stanzone adiacente, comunicante con il corridoio delle nostre celle. Mi aiutò a spogliarmi dei vestiti, senz'alcuna fretta, accarezzandomi i capelli e le spalle. Rimasta nuda, non potè (forse per rompere il ghiaccio) non accennare qualche bizzarro commento sulla mia corporatura e proferí: „É veramente un peccato che un corpicino cosí debbe rimanere confinato tra queste quattro mura, chissà che però non possa rendersi utile in qualche altra maniera“. Lí per lí le sue parole non mi colpirono particolarmente, ero già abbastanza grande per rendermi conto che in quel convento di tutte donne a volte poteva scapparci qualche „eccezione“. D'altronde anch'io avevo avuto qualche scappatella peccaminosa. Lei continuò imperterrita: „Certo che sei venuta su proprio bene - il Signore ti ha benedetta con le sue grazie“, disse mentre mi porgeva il sapone...“e che bel culetto“ - aggiunse. Suor Letizia di certo non badava granchè alle formalità. Mi girai per far scorrere l'acqua cosí che la mia adulatrice potè ammirare in tutto il suo splendore intatto la mia fica, rosea, appena contornata da piccoli peli pubici rossicci con un cespuglietto accorciato poco più in alto. Come ho scritto prima, ero conscia di certe cose: già in casa, quando scendeva la notte o mi trovavo da sola, capitava di toccarmi nell'intimo, un intimo che avevo condiviso anche con qualche coetanea, ed in cui compagnia scoprivo i tesori custoditi dalla femminilità. Con piacere ricordo Giovanna, come ci spogliavamo e toccavamo di soppiatto, le carezze fra di noi, dove sentivamo „prudere“, le nostre bocche innocenti sfiorarsi, le nostre lingue che si intrecciavano intrise del sapore delle nostre fiche, noi che ci masturbavamo a vicenda come delle forsennate, per poi eiaculare come geyser impazziti. Ero sí giovane, ma non cosí inconsapevole. Tantomeno lo era suor Letizia che, deglutendo per la sorpresa alla vista della mia passerina, asserí: „Ma cara, allora là sotto ti depili.“. „Sí, ma lo faccio solo per sentirmi più pura“, risposi abbassando leggermente lo sguardo. „Non devi vergognartene“, mi confortò, „lo faccio anch'io e lo fanno molte nostre consorelle anche se non lo ammettono...è importante prendersi cura del proprio corpo, non c'è niente di male“.
Notai che cominciavo a respirare più rapidamente, quasi in maniera incontrollata e che i capezzoli delle mie tette, carnosi e soffici, erano diventati piú duri. In quel momento incolpai l'acqua, ma passandovi il sapone, avvertii che la mia fica era bagnata fradicia ed ebbi ancora un sussulto, una palpito per l'eccitazione inaspettata. „Non ti sarai mica eccitata con le mie parole, Maite? Lo sai che finchè parliamo di certe cose si può anche chiudere un occhio, ma se vogliamo andar oltre, eh no, credo che la regola ce lo vieti in modo assoluto“, sospirò suor Letizia.
Non potevo nascondere l'eccitamento, dopotutto ero una ragazza nel bel mezzo dell'adolescenza e alla mia età sentivo il desiderio di soddisfare tutte quelle curiosità invitanti che, cosciente o meno, incontravo sul mio percorso.
Quello che però mi turbava maggiormente era il fatto che il tono di voce della mia maestra spirituale dimostrasse di non essere indifferente alle mie grazie, al mio giovane fisico che sbocciava in modo prorompente; ero una ragazza ben fornita, sotto tutti i punti di vista, a partire dal seno, non particolarmente florido, ma ben proporzionato. Quello che adoravo di me stessa erano però i capezzoli, morbidi e sostanziosi. Un attento osservatore avrebbe poi notato un sederino , alto, sodo e corposo, che terminava con due belle natiche fra cui faceva capolino il piccolo sfintere, del quale ancora ignoravo le proprietà carnali. Ne andavo proprio fiera e, con gli anni, posso dire di averlo conservato ad oggi (quasi) intatto.

Il tempo volò presto e, terminata la doccia mi ripresentai dalla Madre Superiora che, col suo fare spedito, quasi indifferente, mi ordinò di raggiungere la cella e restarvi a pregare. S'era già fatta sera inoltrata, i corridoi non erano esattamente il luogo più accogliente che una novizia potesse aspettarsi – per questo affrettai il passo. Tuttavia degli strani rumori, che percepii come gemiti, distolsero la volontà di rifugiarmi nella mia cella e mi fecero arretrare di qualche passo. Quegli suoni parevano provenire da una delle porte leggermente appartate che davano sul corridoio affianco...la porta era socchiusa, una flebile luce percorreva il pavimento. Mi avvicinai per sincerarmi di cosa stesse avvenendo all'interno, non mi bastava origliare, cosí volli sbirciare per soddisfare con pienezza la mia curiosità.
Quello che vidi mi fulminò, rimasi tanto incantata dallo spettacolo che si prostrava dinanzi ai miei occhi che, a distanza di tanti anni, esso rieccheggia ancora con inaudita prorompenza: in quella stanza, a dispetto della santità e della purezza di quel convento, si stava consumando un'orgia. Due abiti da suora erano appoggiati su una sedia, con un terzo vestito affianco, che mi sembrò un saio. Morbosamente rivolsi lo sguardo a sinistra, là dove i gemiti si facevano più intensi. Un lungo ed intenso brivido si impossessò del mio corpo, soffermandosi perfidamente fra le gambe; ansimai, quasi con timore, mettendomi una mano sulla bocca, per non farmi sentire. Lo sfrenato terzetto era in procinto di accoppiarsi.
Come ho scritto poc'anzi, a quella danza convulsa e ammaliante, partecipavano due femmine e un maschio. Non potei riconoscere nessuno sul momento, perché le due donne, con indosso solo delle calze parigine nere, erano in posizione supina sul letto, con i culi rivolti verso di me ed i loro ani in bella vista. Rimasi interdetta da qualcosa che allora mi parve essere un dettaglio insignificante: se poco sotto l'ano di una delle monache facevano capolino le labbra esteriori della fica, contornata da poca peluria ben accorciata, la sua vicina mostrava nello stesso posto un lembo di pelle rigonfia, di origine misteriosa.
La mano destra intanto mi era scivolata d'istinto sotto la tunica. Ero nuda, portavo solo delle calze poco oltre le ginocchia, né reggiseno né mutandine. Non pensavo a nient'altro che a godere di quell'inattesa scenetta. Mi toccai avvertendo che ero diventata tutta un fuoco, cosí inumidii le dita in bocca ed iniziai pian piano a massaggiarmi la fica, proprio come succedeva in casa e con le mie amiche in campagna, quando venivamo meno ai nostri doveri di pastorelle.
Intanto quel magnifico spettacolo stava assumendo contorni sempre piú interessanti. Le consorelle, dopo aver ricevuto qualche frustata stimolante, si rivolsero al frate, un giovane non molto alto, ma di bell'aspetto che aveva l'aria di non essere alle prime armi. „Vieni, ora tocca a noi giocare“...“Su caro, faccelo assaggiare“.
L'assoluta tranquillità e consuetudine di quell'orgia mi fece eccitare ancora di piu' e quando vidi apparire il pene del fortunato trasalii. Era un cazzo veramente ben proporzionato e si notava come avesse raggiunto una gran bella erezione. Le due suore si misero in ginocchio, ora leccandolo insieme, ora scambiandoselo a turno, ingoiandolo quanto potevano. Nelle piccole pause che si prendevano, mentre le loro bocche erano a riposo, facevano lavorare le proprie mani, segando con veemenza il fortunato, ormai in preda di spasmi preorgasmici. Quell'amplesso cui assistevo stordita da un batticuore galoppante stava avvenendo in una dimensione parallela, ma le due troie ed il porco che si sarebbe accoppiato con loro non volevano terminare anzitempo. Non v'era alcuna traccia di fretta o di timore di essere scoperti nel loro gioco.
Ciò che accadde subito dopo diede una risposta ai miei sospetti circa quel lembo di pelle rigonfia sotto l'ano di una delle due suore. Come si alzò˙in piedi, fra le gambe della suora si innalzò prepotentemente un pene enorme, alla cui vista fui in procinto di svenire. Non potevo credere ai miei occhi, il suo aspetto assolutamente femminile non lasciava trasparire una singola traccia di mascolinità e, se non fosse stato per quel grosso cazzo, si sarebbe potuto parlare di una donna piacente ed attraente. Finalmente si sedette, mentre il frate e l'altra religiosa cominciarono a segarla, succhiandole le palle e sviolinandole con la lingua tutta la cappella, che aveva l'aspetto di un vulcano in procinto di eruttare i suoi bollenti spiriti.

A quel punto andarono sul letto affianco, la suora fece segno alla sua compagna di mettersi sotto di lei, mentre il monaco l'avrebbe chiavata da sopra. Cosi' s'indumidí la fica e vi lasció introdurre il cazzo al frate e nello stesso frangente l'altra suora, senza indugiare troppo, scivolo' con tutta la sua dotazione nel culo della consorella. Mi stupí la facilità con cui quel pene enorme entrò in quel buchetto, come se quel meccanismo perverso fosse stato oliato per benino durante altri ritrovi sessuali. Potei non solo sentire i loro gemiti di piacere, ma anche le porcate e le invocazioni immonde che si rivolgevano. Di certo non mancavano di spirito d'iniziativa.
„Su, scopiamoci Ines per benino“, disse la suora col pene mentre lo metteva nel culo della consorella, facendo intravvedere i succhi anali di un pozzo senza fondo...per tutta risposta il frate accelerò leggermente il ritmo, penetrando in profondità quella figa rilucente dalle voglie di essere posseduta e dominata. „Dai, Paola, fammelo arrivare in gola il tuo bel cannone“, sospirò ansimante la donna, mentre veniva magistralmente impalata e devastata, davanti e dietro. „Ti piace eh, puttana, farti scopare cosi'“, proferí il frate. Dopo pochi istanti vidi che la suora aveva la fica ed il culo completamente fradici, lunghi brividi orgasmici facevano tremare le sue coscie in quella penetrazione simultanea. Quei due arnesi continuarono ad impalare la malcapitata per buoni dieci minuti finchè, spossati ed in procinto di sborrare, uscirono dalle loro tane e con mia somma sorpresa, esplosero tutto il loro piacere sulla povera suora, che si ritrovò la faccia ed il seno ricoperti da moltissimo sperma. Stavano godendo come dei porci, i loro sospiri avrebbero incantato anche le anime piu' pure ed innocenti. Il frate fu il primo a venirle sul seno, il suo sperma uscí in cinque-sei getti potenti e copiosi, mentre la suora le eruttò in bocca una sborra più densa e cremosa, in quantità decisamente maggiore. Mi chiedevo da dove provenisse tanta capacità nel produrre sperma...poi mi rimembrai dei miei fratelli e delle loro seghe quando dai loro cazzi espellevano altrettanta sborra. Con quel pensiero parai****tuoso ebbi l'impressione di toccare il cielo, sentivo come i formicolii dell'orgasmo si stavano impossessando di me, facendomi vibrare tutta ed allo stesso tempo volevo fare pipí...cosí, aumentando il ritmo di quel ditalino strabiliante ed allargando sempre di piú le gambe, eiaculai tantissimo come una vera troia. Rimpiansi solo il fatto di non averlo potuto fare in bocca a una delle mie consorelle...
Finita l'orgia, ripulii alla bell'e meglio quel pasticcio e mi affrettai verso la cella. Non riuscii a chiudere occhio, tanto ero rimasta colpita e affascinata dagli avvenimenti di quella sera. Chissà cos'altro avrei incontrato sulla strada delle tentazioni carnali.

81% (9/2)
 
Posted by Maulahaie
2 years ago    Views: 917
Comments
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
No comments