Mi ha sorpreso ancora

Rieccomi dopo un po' di tempo per raccontarvi cosa è successo nel mese di Aprile appena trascorso.
Come vi ho detto nei racconti precedenti, mia moglie che si chiama Laura, sino a poco tempo fa non aveva mai voluto andare oltre la solita prestazione matrimoniale, era restia in tutto ciò di trasgressivo, poi le cose sono cambiate e ogni giorno mi sorprende sempre di più.

Lo scorso mese di luglio siamo stati invitati a trascorrere una decina di giorni di vacanza nella villa-fattoria in Baviera dei miei zii, di cui vi ho parlato l'altra volta; in questa fattoria mia moglie ha trascorso, durante l'estate, una buona parte delle sua adolescenza.
Arrivati ci siamo sistemati nella sua stanza preferita, dopo una bella doccia, data la stanchezza, ci siamo addormentati.
Il giorno dopo abbiamo fatto un giro al mercato del paese, l'aria pulita della campagna ci faceva già sentire meglio. Nel pomeriggio eravamo al bordo della piscina sulle sdraio a prendere il sole quando Laura chiese dello zio e gli fu risposto che era nel fienile. Allora inventò una scusa per rientrare in casa, io ero rimasto solo con la zia Marta che si avvicinò e mi disse sottovoce: “Vuoi vedere un lato nascosto di tua moglie, ma promettimi di non fare nulla... tanto so' che siete due bei porcellini”.
Dissi di si, lei mi prese per mano e ci avviammo senza essere visti. Ecco Laura che ci precedeva andava al fienile. Entrammo dietro di lei e ci nascondemmo in box dove le pareti erano degli assi di legno da cui si poteva vedere bene stando nascosti. Mio zio nel vedere mia moglie non fu sorpreso infatti disse: “Sapevo che non avresti resistito, ti piaceva molto bere il latte, non eri mai sazia ne volevi sempre più”; lei rispose: “ E' vero ne avevo voglia, i ricordi in questa fattoria sono tanti, lo facevamo anche più volte al giorno”. Intanto aveva slacciato la cintura dei pantaloni dello zio facendoli andare a terra insieme ai boxer. Vedevo il cazzo enorme e penzolante. Lei lo fece piegare in avanti e lui si appoggiò con le mani al muro di legno dove dietro eravamo noi, tanto che ci preoccupammo di essere stati scoperti. Laura, da dietro, si inginocchiò e accarezzava le palle , poi andò all'asta e la impugnò iniziando un movimento di sali-scendi come quando si munge una vacca, quando la mano andava su allentava la presa quando scendeva lo strizzava tanto che lo zio gemeva. Intanto il cazzo cresceva. All'improvviso la mano della zia Marta iniziò a giocare con la mia zip, dopo averla aperta si infilò all'interno, mi spinse facendomi adagiare sul fieno fresco quella sensazione mi fece ancora di più eccitare. Lo zio mugolava e si godeva il trattamento di mia moglie che aveva impugnato il cazzo con tutte e due le mani, quelle di mia zia ormai avevano preso il ritmo della masturbazione, su e giù sempre più veloce e mi faceva tremare. Vidi Laura che aveva capito di essere sulla dirittura di arrivo, lo zio aveva dei sussulti, stando sotto inginocchiata da dietro diresse la cappella verso la sua bocca che aprì ingorda e uno spruzzo che sembrava una zampillo gli arrivò in gola, poi altri sei o sette schizzi, l'ultimo colò per gravità lasciando un filo di sperma tra la cappella e la bocca di mia moglie che lo succhiò per non perdere nulla. A quella scena venni anch'io riempiendo di crema calda le mani di mia zia che prontamente le ripulì leccandosele.
Rimasi eccitato per tutta la sera ripensando a quello che avevo visto, la mia cara Laura che poco tempo prima non voleva saperne dei pompini ....

La mattina dopo eravamo ancora a letto quando bussarono alla porta, era la zia e lo zio con il vassoio della colazione. La zia indossava una camicia da notte corta con delle trasparenze la rendeva molto sexy, lo zio aveva una vestaglietta corta. Si sedettero ai piedi del letto iniziammo la colazione, vi era di tutto, lo zio disse: “Vediamo se mi sono ricordato delle cose che piacciono alla mia nipotina; la marmellata ai frutti di bosco c'è, le fragole ci sono, il burro fresco c'è, la panna c'è”, alle parole burro e panna mia moglie arrossì un po'. Intanto lo zio alzandosi prese un cuscino lo adagiò su un tavolo lì di fronte, quando si girò notai che aveva un erezione, prese la mano di Laura che come in trance si alzò dal letto. La zia approfittando del momento infilò una mano sotto il lenzuolo raggiungendo le mie palle e stringendo mi fece mugolare dal dalore, facendomi capire di non muovermi. Mia moglie si mise a pancia in giù sul cuscino e lo zio le alzò la camicia da notte mettendo in mostra il suo culo favoloso poi fece scivolare la vestaglietta che indossava a terra. Intanto la zia aveva impugnato il mio cazzo e da sotto le lenzuola lo masturbava lentamente. Zio prese della panna montata e la spalmò nel solco tra le chiappe di mia moglie e iniziò a leccare, facendola gemere di piacere: “Si dai leccami… leccami sai dove mi piace, dai leccami il buchetto”. Della panna montata fu messa anche sul mio cazzo che veniva leccato dalla zia come un gelato, questa sensazione di lappamento sulla cappella mi stava facendo impazzire avevo raggiunto un erezione mai avuta. Vedevo da dietro la fica di mia moglie bagnatissima, lo zio prendendo del burro fresco disse “ti ricordi quando tutte le mattine ti portavo il burro appena fatto, dicevi che era molto morbido e piacevole”, lo mise sul buchino, il cazzo era già ben eretto lo poggiò e con una spinta progressiva e veloce entrò dentro provocando un urlo di dolore a Laura che nonostante tutto lo incitava a fare più forte. Il mio cazzo scompariva con velocità tra le labbra di zia che si alternava alle mie palle ormai bagnate e lubrificate. Da dietro vedevo il cazzo dello zio che ormai era tutto dentro al culo di Laura che dilatato lo accoglieva, a volte lo usciva e lo sfintere non aveva il tempo di richiudersi che veniva riempito di nuovo; spingeva come se volesse far entrare anche le palle tanto da far piegare in avanti le ginocchia.
Dopo un'ennesima spinta poderosa vidi contrarre la fica di mia moglie che ebbe l'orgasmo, anche lo zio se ne accorse e accelerò i movimenti aggrappandosi ai fianchi e con un gemito venne anche lui. Io contemporaneamente al loro orgasmo, riversai una quantità enorme di sborra nella gola zia Marta che senza scomporsi ingoiò tutto non lasciando uscire niente. Dall'altra parte si stavano riprendendo, vedevo il culo di Laura sporco di sborra e un rivolo le scendeva sulla fica e sulle gambe.

Avevo assistito ad un inculata poderosa di mia moglie e non ero dispiaciuto, anzi a pensarci forse un po' invidioso; come ormai accadeva spesso Laura mi aveva sorpreso ancora una volta
89% (14/2)
 
Categories: AnalGroup Sex
Posted by Hulrich2
2 years ago    Views: 1,921
Comments (3)
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
2 years ago
Bella storia
2 years ago
racconto intrigante
BirraGui
retired
2 years ago
fantastico