Raffaella, Un'Esplosione Di Sesso Taglia 54

Era la prima volta che vedevo una donna nuda su quella spiaggia, anzi, era proprio la prima volta in assoluto che vedevo una persona in quel posto sperduto. Cosí quando la vidi uscire completamente nuda dall'acqua, il suo corpo catturó subito la mia attenzione. Non che lei fosse una modella, anzi, era anche un po' su di peso, ma comunque proporzionata. Lunghi capelli neri mossi, grosse tette leggermente calate, delle gambe non proprio magre, ed un foltissimo bosco nero in mezzo alle gambe che grondava delle gocce di acqua di mare lungo le sue cosce. Comunque il fatto di vederla lí, su quella mia spiaggia, su quella spiaggia che frequentavo da almeno dieci anni e che nemmeno in estate durante l'alta stagione avevo visto anima viva, mi fece incuriosire sull'identitá di quella donna. Forse era una come me a cui piaceva fare il bagno in libertá, senza costume e lontano da occhi indiscreti, o forse era una a cui semplicemente piaceva fare una nuova esperienza. Quest'ultima considerazione la feci notando che la sua abbronzatura non era proprio uniforme. Decisi di guardarla un po' meglio, un po' piú da vicino. Tra di noi c'era abbastanza distanza da permettermi di osservarla in modo piú dettagliato senza che lei se ne accorgesse. Io ero dietro ad una scogliera e se mi fossi sdraiato in mezzo ad essa, avrei potuto sfruttare qualche buco tra le rocce. Fondamentalmente non la stavo spiando! Quando ti metti nudo, in un posto qualunque, l'ipotesi che qualcuno ti stia osservando, la devi mettere in conto. Anche adesso, mentre cerco una posizione per guardarla meglio tra questi scogli, con il rischio anche di fare qualche graffio al mio uccello, forse qualcuno osserva me. Fa parte del gioco. Quindi io non la stavo spiando, ma ammirando. Un po' come quando guardi un gioiello in una vetrina: se qualcuno lo espone, vuole che qualcun altro lo veda.
Trovata una posizione "comoda" tra quelle rocce, presi la mia macchina fotografica digitale per cogliere meglio i particolari di quel suo fisico, diciamo, prorompente. Quello che volevo fare, era usare lo zoom ottico della mia reflex come cannochiale. Funzionó alla perfezione. Sembrava l'avessi di fronte. Ora potevo cogliere ogni particolare del suo fisico esagerato. Le sue grosse tette calate ora erano limpide e non mi sbagliavo. Non frequentava quella spiaggia da molto. Distinguevo chiaramente l'abbronzatura dei suoi seni che partiva dal bianco della sua pelle intorno alle areole. I suoi capezzoli erano molto pronunciati e quelle grosse areole scure, ne risaltavano la consistenza. Mi stavo eccitando come un ragazzino che sfoglia le sue prime riviste porno. Sentivo il mio uccello crescere e pressare contro il freddo degli scogli. Continuai il mio tour visivo. Indirazzai lo zoom verso il basso, verso la sua fica. Anche qui ebbi la conferma di quanto scritto sopra. Intorno a quell'ammasso di pelo nero, c'era un triangolo bianco che lo circondava. Come un bordo. Era chiaro che nella vita di tutti i giorni portava il costume. La sua fica invece era talmene nera come l'oscurita, che enormi ricci neri gli coprivano lo spacco che aveva in mezzo alle gambe. Porca miseria che bosco! Nemmeno le sue grandi labbra riuscivo a vedere. Ma nonostante questo, continuavo sempre piú ad eccitarmi, il mio cazzo ormai duro piú di quelle rocce, si era gonfiato alla grande. Talmente gonfio che la pressione contro gli scogli, aveva fatto abbassare la pelle della mia cappella facendola uscire fuori. Continuai comunque a guardarla, non volevo perdermi nemmeno un centimetro della sua pelle. Osservai le sue cosce e le sue gambe, non erano proprio snelle, anzi. Mi immaginavo giá a letto quello che lei potesse fare, con quel suo fisico cosí pronunciato, avrebbe spompato chiunque. Sicuramente una cosí e da far stare sopra di te, permettergli di cavalcarti con tutta la sua "stazza" fino a toglierti l'ultima goccia di sperma che hai nelle palle. Mentre quei pensieri ronzavano nella mia testa, non smisi di guardarla e contemporaneamente feci scivolare la mia mano lungo il mio cazzo ormai dritto come un palo. Iniziai a masturbarmi, tutto quello spettacolo mi aveva eccitato come un adolescente. Ed mentre cercavo di svuotare le mie palle, continuai a godermi in tutti i sensi lo spettacolo di lei nuda, che intanto aveva iniziato a spalmarsi la crema aumentando la mia eccitazione. Iniziavo a sentire la sborra fermentare nelle mie palle e fu proprio in quel momento che il mio occhio cadde nell'angolo in basso a destra della reflex, notando l'orario impresso. Era tardissimo! Avevo il turno di pomeriggio e dovevo essere a lavoro prima di pranzo. Mi alzai subito, ancora con il mio cazzo dritto e con una sega a metá. Spensi la macchina fotografica e mi avvicinai alla spiaggia dove avevo lasciato tutte le mie cose. Intanto fortunatamente il mio pisello si era afflosciato permettendomi di rivestirmi. Cosí presi la mia borsa da mare e lasciai quel posto. Per tutto il giorno e quelli a seguire, il pensiero di quella cavallona non mi abbandonó. Cosí pensai che andando ogni settimana alla mia spiaggia, magari con un colpo di fortuna, l'avrei rivista. Le prime settimane andarano male, tanto che ormai pensavo di non rivederla piú! Ma proprio quando iniziavo a perdere le speranze, arrivó il momento tanto atteso. La rividi la prima domenica di Maggio, era sempre al solito posto e sempre nuda a prendere il sole. Stavolta l'eccitazione di rivederla dopo tanto tempo fu talmente grande che il mio uccello si gonfió nei miei boxer alla sola idea di parlarle. Giá... perché adesso mi sarei preso tutto tempo necessario per studiare qualcosa e agganciarla. Poggio le mie cose da una parte, mi tolgo il costume e con il mio pisello in uno stato di semi erezione, mi tuffo in mare. Decido di nuotare a largo e poi far rientro "verso" di lei come se fosse un caso. Almeno avrei avuto la scusa per dirle "che pensavo non ci fosse nessuno su questa spiaggia". Inizio la recita e mi dirigo verso la cavallona. Mentre esco dall'acqua, lei avverte la mia presenza ed alza lo sguardo. Una volta fuori, faccio finta di essere sopreso e altrettanto finto balbuziente accenno qualche parola:
- "Mi..... Mi scusi... io... io credevo che qui non venisse nessuno e..... mi sono buttato in acqua senza..." E mentre dico quelle parole, provo a coprirmi il pisello con le mani. Lei si alza ed istintivamene si copre i seni con le mani, mentre stringe le gambe cercando di coprire invano la sua la fica.
- "Veramente... anche io pensavo che...." Prova a coprirsi, ma nel panico non sa come fare. Si alza in modo maldestro, ora avvolge i suoi grossi seni solo con un braccio mentre con l'altro cerca di coprirsi la sua fica pelosa.
- "La lascio sola... io... io ho il mio costume laggiú... mi scusi ancora, ma pensavo che questa spiaggia non fosse frequentata da nessuno e mi sono messo in libertá. Se avessi saputo che una bella ragazza prendeva il sole integrale, non mi sarei mai permesso" Dico mentre faccio la finta di allontanarmi e vedo il grosso sedere di lei a novanta gradi che cerca di prendere il suo costume dentro il borsone. Ma poi, in quella frazione di secondi che osservo il suo "di dietro", lei si alza di s**tto e mi dice:
- "Come? Lei... tu pensi che io sia una bella ragazza?" Ed improvvisamente scoppia a ridere, smette di cercare il suo costume e si avvicina verso di me liberando il suo fisico dalla prigione delle sue braccia e mani, lasciando che io l'ammiri per la prima volta da vicino in tutto la sua nuditá. Non capendo il motivo della sua risata, mi lascio comunque coinvolgere ed inizio a ridere anche io.
- "Il mio nome é Chase e si, certo che penso che sie una bella ragazza... donna. Perché qualcuno sostiene il contrario?" Intanto tolgo le mani dal mio uccello e mi avvicino a lei.
- "Ciao Chase, io sono Raffaella" Mi risponde un po' con lo sguardo basso continuando a parlare.
- "Vengo qui perché dopo varie ricerche ho visto che é... era l'unico posto non frequentato da altri. E dato che sono fuori forma, se posso, mi piace stare da sola" conclude.
- "Insisto. Non sei fuori forma, forse peserai un pó di piú rispetto alla media, quella che molti stupidi chiamano normalità, ma ti assicuro che un fisico prorompente come il tuo piace... ed anche molto!" Dicendo queste parole, mi accorgo, sento, che il mio pisello torna a gonfiarsi, ma ancora non diventa dritto. Stranamente per quella situazione, intendo due persone adulte nude una di fronte all'altra, lei sembra imbarazzata per questo incontro. O forse non si aspettava un discorso tanto serio proprio in quel momento.
Allora cerco di prendere la situazione in mano ed inizio a parlare di argomenti poco impegnativi. Raffaella piano piano si scioglie, lei seduta sul suo ascigamano ed io con il sedere sulla spiaggia. Poi lei sente squillare il suo cellurare, risponde e capisco che deve andare via. Le chiedo se mi lascia il suo numero, magari per prenderci un aperitivo fuori, ma lei mi fá uno strano discorso, del tipo che se volevo rivederla, lei il giovedi successivo sarebbe stata nuovamente lí. Se io mi fossi presentato, allora potevo valutare anche di vederci successivamente fuori, magari a cena. Non ne ho capito proprio il senso, ma forse voleva vedere se fossi veramente interessato a lei. O forse mi stava semplicemente scaricando. Non avendo scelta, accetto. La saluto e me ne vado, con la consapevolezza di non rivederla piú.
La notte penso a Raffaella, tutta la settimana penso a lei, a quella possibile scopata sfumata. Ma forse non tutto era perso, magari l'avrei davvero rivista. Il giovedi successivo all'incontro, torno su quella spiaggia e la trovo lí, distesa a prendere il sole completamente nuda. Inizio a camminnare verso di lei, con il mio pisello dondolante e giá mezzo gonfio.
- "Ciao Chase, ci rivediamo" Mi dice dalla sua posizione supina.
- "Buongiorno. Sono tornato per te. Non mi sarei mai perso lo spettacolo del tuo fisico al naturale" I complimenti sono sempre piaciuti alle donne e con quelle frasi adulanti, speravo di farla mia. E comunque mi piaceva sul serio, era davvero una bellezza particolare.
- "Ancora con questa storia Chase? Ci stai provando? Davvero il mio fisico esagerato lo trovi attraente?" Mi risponde lei sorridendo.
-"Sei tu che fai la finta stupita. Davvero pensi di non piacere? Solo per quelle grosse tette che hai, ci sarebbero persone che pagherebbero oro quanto pesano per toccarle" Dissi tra il serio e lo scherzoso.
Il discorso continua per ore tra vari botta e risposta, fino a quando non azzardo una domanda. Gli propongo di farsi fare delle foto nuda, lí, su quella spiaggia, di metterle poi in Rete e lasciare il giudizio agli utenti on line. Lei sorride e rifiuta la proposta indecente. Allora io insisto, gli dico cosa aveva da perdere, durante gli s**tti avrei "tagliato" la sua testa e l'anonimato sarebbe stato garantito. Quindi, perché no? Dopo vari minuti di esitazione, alla fine accetta, sottolineando che il viso doveva essere assolutamente oscurato.
Prendo la mia reflex ed inizio il servizio fotografico. Inizialmente cerco di metterla a suo agio con foto "classiche" , a figura intera, poi passo a qualcosa di piú intimo. La invito a mettersi a gambe aperte sull'asciugamano e faccio un primo piano della sua fica. Il mio pisello si gonfia sempre piú, rasentando l'erezione. Noto che lei ogni tanto lei ci butta l'occhio. Anche Raffaella iniziava ad eccitarsi. Continuo con i primi piani e le dico di toccarsi ovunque senza pensare agli s**tti. Quello era compito mio. Allora si tocca in mezzo alle gambe, fá salire le sue mani dall'interno coscia verso la sua fica. Una volta raggiunto il suo posto piú intimo, simula una masturbazione. Ora il mio cazzo é dritto, talmente dritto, che la pelle della mia cappella si ritira da sola scoprendola. Intanto le mani di Raffaella sono sulla sua fica, se la tocca e poi con due dita si fá strada tra i suoi peli fino ad arrivare alle sue grandi labbra. Le allarga mostrando la pelle viva della sua fica, poi mette un dito dentro ed inizia un ditalino. Grazie allo zoom, noto che la sua fica é giá umida. Io invece sento il cazzo scoppiare e mie le palle riempirsi di sborra. Lo spettacolo di Raffaella continua poi in acqua, toccandosi le grosse tette. Io seduto sulla riva a cazzo dritto, continuo a s**ttare foto. Lei invece si muove liberamente tra le onde, talvolta andandogli incontro, talvolta lasciando che esse sbattano contro i suoi seni. Lo spettacolo é altamente erotico o forse sono io che non vedo l'ora di scoparmela e mi sto facendo masturbare dalla natura in attesa della sua fica. Durante il servizio fotografico in mare, il mio cazzo rimane in perenne erezione, fino a quando vedendo Raffaella toccarsi ripetutamente quei grossi meloni, vedere l'acqua grondare dalla sua fica, accade l'inevitabile. Sento che stó per venire. Provo a non pensarci, a concentrarmi sulle foto, ma ormai ero troppo carico, avevo le palle troppo gonfie. Dopo l'ennesima onda che mi "masturba", che sbatte contro il mio pisello, contro i miei testicoli, sento la sborra salire lungo l'asta. É questione di secondi, un lungo schizzo esce dal buco della mia cappella. Raffaella nota che sto sborrando, ma continua la sua danza erotica accennando un mezzo sorriso e guardando il mio cazzo eruttare. Io ovviamente interrompo gli s**tti mentre lascio le mie palle svuotarsi. Non mi tocco, non é cosí che doveva andare. Lascio che il mio corpi si liberi della sborra in eccesso da solo. Un secondo abbondante schizzo parte dal mio uccello finendo in pieno mare. Poi un terzo ed infine un quarto. Guardo Raffaella alzando le mani, come per dire "non potevo res****re oltre". Poi il mio pisello, privo di stimoli manuali, smette di sborrare. Lei si avvicina a me, a testa bassa e sorridendo come per dire "hai ragione". Nel tempo che impiega per venirmi incontro, la osservo... osservo il suo imponente fisico bagnato dal mare, osservo le sue tette ballare e sbattere contro il suo petto, vedo la sua fica impregnata di acqua, uno spettacolo che riporta in poco tempo il mio cazzo sul chi vive, non eretto, ma comunque in uno stato "allegro".
- "Torniamo in spiaggia ad asciugarci, basta foto" Mi dice Raffaella sempre con un sorriso malizioso afferandomi la mano.
Una volta a riva, mi prende la macchina digitale reflex e la ripone nella mia borsa. Poi mi fissa negli occhi e dopo pochi secondi mi bacia. Un lungo intenso bacio che porta il mio cazzo nuovamente dritto. Sento il mio uccello alzarsi in volo e farsi spazio tra le sue gambe. Una volta in volo, si ferma poco sotto la sua fica, in mezzo a quell'ammasso di peli che lo avvolgono quasi completamente. Sento un eccitante "punzecchiamento" dei suoi peli lungo la mia asta. La continuo a baciare mentre con le mie mani afferro il suo culone da portaaerei. Lo stringo forte, la stringo forte e la spingo verso di me. Ora anche le sue grosse enormi tette pressano sul mio petto. Un brivido attraversa la mia schiena, mentre il mio pisello dritto come un palo inizia a pulsare. La bacio ancora e ancora, piú volte, mentre struscio il mio cazzo il mezzo alle sue gambe, in mezzo al suo spacco. L'attrito fá scivolare la pelle della mia cappella lungo l'asta, ora il pizzicore é maggiore, i suoi peli mi graffiano la liscia pelle appena scoperta. Smetto di baciarla, mi stacco da lei con le palle doloranti e pronte nuovamente a sborrare. Abbasso la testa e mentre con una mano stringo un seno, con la bocca inizio a mordere, succhiare l'altro. Dalla sua bocca esce un suono, inizia probabilmente a godere. Poco dopo prendendola per mano, la porto verso l'asciugamano. Quindi mi sdraio su di esso delicatamente, invitando Raffaella a fare lo stesso. Schiena a terra, con il mio cazzo dritto ed una cappella gonfia come un pallone, la osservo mentre si abbassa verso di me. Da questa posizione sembra ancora piú pesante di quello che é! Lentamente inginocchia verso di me, la sua fica é a pochi centimetri dal mio cazzo. Poi poggia le sue mani ai lati della mia testa, ed in quella posizione a novanta gradi fa oscillare le sue enormi tette sulla mia faccia. Le vedo penzolare e cerco di morderle. Ma lei si guarda bene dal farmelo fare, vuole portarmi al massimo dell'eccitazione. Quindi inizia ad abbassare il suo bacino sul mio cazzo, sempre di piú, fino a quando i suoi peli non sfiorano la mia cappella. Successivamente l'avvolgono, quel grosso vortice nero inizia a risucchiare il mio pisello. Ora la mia cappella sente le grandi labbra umide di lei aprirsi, fargli strada. La sua fica inizia ad accogliere tutta la mia asta. Finalmente sono dentro di lei.
Adesso Raffaella si mete in posizione verticale. Inizia a scoparmi, a spingere la sua fica sempre piú verso il basso. Il suo peso si avverte, lo avvertono le mie palle gonfie pressate dal suo culo e dalla sua fica. Si piega leggermente verso dietro poggiando le sue mani sulle mie gambe e si aiuta con esse a accogliere sempre piú dentro il mio cazzo. Lo sperma che sento nelle mie palle inizia a salire lungo il mio pisello. Sento la pelle del mio cazzo tirare e mi sembra che le palle si stiano staccando. Lei continua a muoversi, a cavalcarmi, percepisco la sborra che lungo l'asta. Stó per riempirla ed un secondo prima che venga, lei porta una mano dietro la sua schiena e mi afferra i testicoli con forza, tirandoli ancora verso il basso. Dalla mia bocca esce un gemito e un nano secondo dopo, vengo..... sborro.... sento un lungo fiotto di sperma salire lungo l'asta... il mio cazzo pulsa e schizza alla grande... percepisco anche la sua fica pulsare... anche lei gode... le calde labbra accolgono la mia sborra... avvolgono e stringono il mio cazzo duro... uno schizzo, due, tre... ancora uno ed un altro ancora... la riempio di calda crema... un ultimo schizzo lo sento uscire, poi guardo la sua fica pelosa con il mio cazzo dentro espellere sperma vedo la sborra colare lungo l'asta del mio cazzo... ero davvero carico! Infine lei si alza e sfila la fica dal mio cazzo. Piccole gocce di sperma rimangono attaccati ai peli della sua fica, mentre il mio cazzo rimane ancora per qualche secondo dritto. Raffaella si sdraia accanto a me, con metá del suo corpo sull'asciugamano e per metá sulla sabbia. Poi con lo sguardo rivolto al cielo e completamente sudata per il sole, ma anche per la lunga cavalcata, inizia a parlare:
- "Eri in splendida forma Chase. Avevi litri di sperma lí dentro!" Mi dice mentre con una mano mi dá un colpetto sulle palle
- "Il merito é tutto tuo e del tuo fisico esagerato. Da quando ti ho vista, saró sincero, non vedevo l'ora di fare sesso con te! E poi quelle foto mi hanno eccitato da morire, quasi meglio dei preliminari" Gli dico sorridendo mentre metto una mano in mezzo alla sua fica.
- " Accidenti, é vero! Le foto. Mi ero dimenticata" Mi risponde Raffaella che improvvisamente si mette su un fianco guardandomi negli occhi.
Giá, le foto! Dopo aver fatto sesso con lei, gli chiesi il numero di cellulare per poterla rivedere. Ma senza successo. Mi disse che era appena uscita da una storia e non voleva iniziarne subito un'altra. Mi diede il suo numero solo dopo aver insistito a lungo, ma con la promessa di non chiamarla per uscire e di usarlo solo per sentirci ogni tanto la sera in chat. Con le foto, dopo essersi sincerata di non essere mai stata immortalata con il viso scoperto, mi disse che potevo farne quello che volevo. Il giorno dopo le misi on line su due dei piú famosi siti per adulti in Rete. E come immaginavo riscosse molto successo. Tra le varie cartelle, la sua era una delle piú visitate. L'avevo anche messa insieme ad altre ragazze in un file chiamato "Le Mie Ex" per creare maggiore anonimato. Ma lei, Raffaella, rimaneva comunque una di quelle con piú click. Qualcuno provó anche a chiedermi il suo numero. Ma ovviamente Raffaella non ne voleva sapere, anche se era molto contenta di vedere che il suo corpo piaceva a molti.
Ora aveva avuto la sua rivincita! La Rete l'aveva promossa a donna scopabile e questo per qualunque donna, soprattutto per lei, una Taglia 54, era un grandissimo complimento!
100% (5/0)
 
Categories: First TimeVoyeur
Posted by Chase90
8 months ago    Views: 1,350
Comments (1)
Reply for:
Reply text
Please login or register to post comments.
8 months ago
ma è una storia inventata o reale?