Categories
Sort By
Date
Languages
Search results
Dopo mia madre anche mia sorella

... anche mia madre facesse certe cose... “
“Tirerà anche lei no?” M'immaginai mia madre che faceva gli stessi giochi che facevamo io e mia ... ... Continue»
Posted by alex1983 2 years ago  |  Categories: Group Sex, Mature, Taboo  |  Views: 1740  |  
93%
  |  1

Cee-U-See-Me

Cee-U-See-Me

By Mr. Whipple

Mia cranes her neck back and looks up at the forty-story building disappearing into the bright Philadelphia morning sky. Somewhere, in that giant structure was her first professional office. She did it. She landed a management job at Vandalay Industries, and right after finishing Graduate School. Vandalay was a US/European chemical company that manufactured additives to women’s perfumes. And this was her first day of work.

The butterflies in her stomach become frantic as she walks off the elevator on the 37th floor. She enters through the prestigious double mahogany doors and is greeted by a pleasant looking young woman, with short straight blonde hair, dressed in a simple but attractive business suit who introduced her self as Alison.

“Welcome Ms. Kincaid” Alison smiles and says to Mia. “Mr. Edwards asked me to e****t you to your new office as soon as you arrived.”

Alison and Mia walk down the corridor towards the maze of offices. Mia thinks back to her only meeting with Mr. Edwards, her division’s Vice President. It had been in her third interview. Mr. Edwards seemed to be a charming, gentle man, certainly in his fifties, but not much more. His soft grey hair and beard framed his gentle but authoritative face. He had spoken to Mia about her expectations from the company, a subject she had not considered during her endless hours of preparation for that meeting.

“Mia,” Mr. Edwards had said, “We are sure of what we expect from you. Your resume and internship experiences have prepared us for that. But there is one thing we want to know that is not here.” He stopped long enough for Mia to realize that what he said next would be important.

“What do you want from us?”

“I… I suspect” Mia paused and then answered on impulse instead of prepared speech. “No. I know what I want. I want to like it here. In the morning, I want to be excited to leave for work, not sorry that I have to go to the office. I want to be happy here.”

Mr. Edwards smiled. “Yes.” He said. The sophisticated gentleman rose and extended his hand. “I believe we can make you happy. When can you start?”


--------------------------------------------------------------

Alison and Mia continue to walk through the labyrinth of offices, work stations and conference rooms. On the way they pass various departments and at one point run into the building mechanic, a thirty-something man Alison introduced as Hector.

“Oh… yeah Hi.” Hector said. “Let me know how the temperature is in there. If it’s comfortable for you?”

“Hector is the Air-O-Bot.” young Alison announces without further explanation.

Mia thanks him and follows quickly as Alison moves on. They soon turn a final bend and into a corner office. Mia follows her through the doorway, but then stops dead in her tracks. The office is incredible.

She has no idea how big it was in feet. But she knows it has to be too big for her. It has to be a mistake.

“Ahhh… Are you sure? Mia breathes in disbelief.

“Yes.” Alison responds to Mia’s whispered question. “This is it.”

Mia looks around… at the d****s… at the oriental carpet over the hardwood floors… at the fine quality wood furniture, at the oil paintings on the wall… at the legs coming out from under her desk…That image makes Mia’s head tilt slightly to the side.

Alison walks over to the desk and in a sarcastic tone says loudly to the body half hidden beneath the desk, “Hey… Techno-Bot, aren’t you done yet?”

A thin but equally sarcastic voice answers from beneath the desk. “Want me to restrict your web access to Old’s Peoples Homes Web Sites?”

With that, the legs start to move and the rest of the body makes its way out from beneath the desk. Mia turns towards the desk and as fate would have it… at the same moment the young man’s head comes up and slides accidentally beneath Mia’s cream colored, upper-thigh length pleated skirt.

Mia froze, caught completely by surprise. The young man’s head froze, confounded by these unexpected surroundings. Alan takes a sharp breath, only an inch from the joining of her shapely, partially open upper thighs. The first thing he notices is that these beautiful thighs are wrapped in the luster of her sheer pantyhose. Then his eyes focuses in the dim light and the second thing he notices is that he looking directly between her legs at the shadowed silhouetted shape of her sex, nestles discreetly beneath the nearly invisible silk fabric. He recognizes where he is and does his best to memorize the warmth and scent of the moment. Then he pulls his head from beneath her skirt.

Mia jumps back and pushes her skirt back down.

Alan stands up in a burst and turns bright red.

Alison has still been looking under the desk and misses the whole encounter.

Mia and Alan stare at each other. Somehow, they both u*********sly agree to pretend it hadn’t happened. Neither offers an apology. In fact, neither person mentions it. They just look blankly for a moment at each other’s brightly blushing face. Then Mia reacts as a professional. She extends her hand and introduces herself as Mia Kincaid. Alan shakes the hand and introduces himself as Alan Bridges.

“No you’re not.” Alison says as she straightens up. “You’re the 42nd floor Techno-Bot.”

It was at that moment that Mia notices Alan is wearing a Metallica Tee-Shirt. And an old faded one at that. Alan follows her eyes as she scans his entire apparel. Tee-shirt, jeans, Black Converse High-Tops…. She quickly looks back up into his face.

“I get to wear whatever I want. As long as I keep the screens lit.” Alan offers in simple response to Mia’s unspoken question. “You, on the other hand, have to dress up every day.” He adds in humorous machismo exaggeration.

“Don’t you like what I’m wearing? Mia asks coyly and quietly, slowly re-straightening her skirt. Her voice betrays a subliminal arousal as she instantly remembered where his face had been, how close it had been to her sex and the almost forbidden aspect of the whole experience. Mia was a professional, but had a non-professional side too.

Alan smiles sheepishly at her, turns and gathers his computer tools. Then he changes the subject.

“You’re all hooked up now. Here’s your access code and how you set up your pass codes.” He hands Mia a printed sheet of pale blue paper. He smiles again and says, “My number is on the paper if you need any computer help.” Alan slides past Mia and makes his way down the hall.

Alison spends the next few minutes telling the new Assistant Director of marketing all she needs to know to settle in. Mia is stunned when Alison shows her how to open the d****s. As they slide apart, Mia looks in awe at the floor to ceiling windows that make up the exterior two walls of her office. It is surrealistic. She realizes that she is looking almost directly into the windows of the giant 40-story building beside hers. She looks down instinctively and then her eyes shoot right back up in alarm. Mia’s butterflies wake up again and freak out.

“My God.!” Mia thought out loud. “I can’t see the street.”

Alison walks up beside her. “You get used to it.” She giggles at Mia’s pale face.

After a pleasant good-bye, Alison leaves Mia to get settled in her new office. Mia walks about, sliding her hands over the smooth polished surface of her broad deep cherry desk, the fine brocade on the side chair upholstery and the satin fabric of the d****s. Each texture had its own sensuality to it.

Walking back to the window, Mia sees a window washer standing on a platform, suspended on the building across the street. She can see him quite clearly, his shirtless muscled back and arms draw long sweeps of the cleaning tool across the mirrored glass. In the reflection, she can just make out his chest. Like his back, it too looked rock hard and superbly cut. Suddenly, she realizes that her nipples had started to tighten; she looks up and then sees that she is standing in the air flow of the air-conditioner vent. Her chest feels flush, almost pounding in familiar excitement. Curiously, she realizes that she is getting turned on, sexually. ‘But why?’ she ponders. Just as quickly she gives herself the answer. The combination of the sensual chiseled worker across the street, the excitement of her brand new beautiful surroundings, the air-conditioner and the lingering image of Alan’s face between her pantyhose covered legs brought the all-to-familiar sensation to Mia. She definitely felt the need to touch herself. Just as she did frequently when at home, alone and watching soft-core porn in the dark.

Mia walks back to her door and locks it. She is now safely hidden from all eyes beyond her door. Returning to her desk she sits in the comfortable high-backed executive chair and slides her legs beneath the desk. Mia decides she will touch herself, just a little, while watching the worker across the street.

‘No harm done.’ She thinks to herself. ‘Besides, it’s sort of like christening the place. Like marking it as my own’ she reasons. Leaning back in her seat, Mia lets her hands slide beneath the desk and rest upon her knees. Gently, she spreads her legs apart, hearing the fabric of her skirt slide up the silky smoothness of her pantyhose.

Mia watches intently as the dark haired window washer continues to flex his shirtless body only 50 feet away. She wonders what he might do if he knew what she was doing. She imagines him pulling out his cock and stroking it for her, in response to her masturbating to him. She watches in her mind as he rubs himself with glistening soapiness, up and down his cock’s length, stroking again and again in her honor. This image makes Mia squirm a bit as her fingers find their way between her legs. She draws her palms up between her open thighs, letting her fingertips push against the thinness of the pantyhose crotch. It feels wonderful, making her nipples harden just a bit more under her specially bought Victoria Secret bra.

Mia’s fingers rub faster, enticing the wetness of her arousal to coat her fingers and sending little jolts of pleasure through her pussy and into her spine. Her eyes begin to glaze over, as she continues to imagine her secret voyeur pleasure himself in answer to her touch. Finally, she realizes that she can not make this a partial experience. She knows she wants to… no has to… cum.

Mia brings her hands to her hips and takes hold of the waistband of her pantyhose. She arches her back and with a rise of her hips, Mia pulls them down so that they are just nearly at her ankles. She opens her legs sufficiently to make it easy for her fingers to do their work. Head back, eyes closed, Mia continues the fantasy while her fingers slid two at a time in-and-out of her wet labia. The sound of the wet tender flesh breaks the relative silence of her office. She always loved that sound. It means she was going to cum. And usually cum hard. She knew just what to do to finish the task quickly. She places the index and forefinger of her left hand directly over her clitoris. She begins to flutter them lightly on the ultra-sensitive nub of flesh, building the sensations of her first corporate orgasm. It takes less than two minutes and Mia is finally moaning, grinding her crotch against her fingers and shaking from the spasmodic jerking of her hips. The rapid-fire orgasms take over and she thrashes about in her chair, banging her spread-open knees against the rich wood in the leg-well of her desk.


Alan had left Mia’s office and headed straight back to his workshop of solitude. Within a couple of minutes, he travels through the three sets of doors, locking each one behind him as he progressed further into the central core of the building. There, in his poorly lit, cramped workshop, Alan turns on the single bulb desk lamp and pulls the keyboard tray from beneath the counter-top. Using the mouse, Alan traveled through the software applications until he reached his desired destination. With the tapping of various keys, Alan signals the miniature fiber-optic camera mounted beneath Mia’s desk to activate. With the sweep of several mouse-controlled levels, Alan adjusts the contrast, brilliance and focus of the lens. He finished just in time to watch Mia place her hands on her knees and begin to spread her legs.

Alan smiles his familiar smile of satisfaction and picks up the telephone next to the computer. He dials the private number that by-passes the secretarial screening process and Mr. Edwards picks up before the second ring.

“Yes Mr. Bridges.” Mr. Edwards said, in a soft business voice.

“Switch to channel 19… quick.” Alan replies.

Alan hears Mr. Edwards tapping at the keyboard until the same soft moaning that was coming from Alan’s computer could be heard coming over the phone. Mr. Edwards had tapped into the simulcast coming from beneath Mia’s desk.

“Are you recording?” Mr. Edwards asks after a couple of moments.

“You bet. Right to disk.” Alan answers, mesmerized by the lowering of Mia’s pantyhose. He recognized them from his experience only a few minutes before. He could almost taste her scent. Again.

“Excellent Mr. Bridges. Another job well done. Please being me the disk when she has finished.” Mr. Edwards says before gently hanging up.


Over the next few weeks, Alan and Mia work together on several company projects. Throughout that time, Mia had touched herself twice more. Once was after a maintenance visit from a particularly sexy looking copier repair man and once after a visit by Hector.

Throughout that time, Mia and Alan had become friendly with each other. It seemed that the initial accidental intimacy had broken the usual office-place ice and they treated each other with best-buddy like humor, telling each other jokes, grabbing quick bites of lunch together when the opportunity afforded itself, giving each other rides to and from work when needed. However, the relationship had never progressed beyond this familiar professionalism. Not that Mia had pursued it, but Mia had always wondered why. She considered Alan good-looking, and she thought Alan found her attractive. But they had never even so much as kissed on the cheek. Mia figured Alan was too worried about a sexual harassment lawsuit to take any chances.

In month three, Mr. Edwards called a meeting of Mia, several other mid-level managers and the full Techno-Bot team.

“I’ve asked you all here to let you know of a project I want you to work on over the next quarter.” Mr. Edwards explains. “It is a data consolidation project we’ve been asked to complete by the 43rd floor. I’m breaking you into teams to divide the section responsibilities.”

Mr. Edwards reads from a list and joins the meeting attendees into two-person teams. As luck would have it, Mia and Alan are a team.

This pleased them both as they felt comfortable working together. As the project drew on over the following weeks, it became clear that they would not finish the work in the time frame required by just working during normal business hours. They would need to put in some overtime also.

Working late wasn’t a problem for either Mia or Alan as neither had social lives to speak of. They enjoyed both a pleasant social experience as well as a satisfying professional experience at Vandalay. So when they decided to work beyond 5:00 PM, it just seemed natural.

On the nights they were working late, they had agreed to wear something less formal. Well, actually, Mia decided to wear less formal clothes as Alan never did dress in business clothes. But in support of Mia, Alan, agreed to dress down to old beat up sweat pants, comfy bedroom slippers and a different rock band tee-shirt. Mia brought in lounging clothes which also included newer sweat pants, a tank top and her comfy pull on sneakers.

One Thursday night, after all the other staff had left the floor, they both changed into their “working late” clothes.

They usually worked together in Alan’s workshop as Alan had arranged for the piles of cd-roms waiting to be read to be stacked on his workbench. Together, Mia and Alan reviewed disk after disk, cataloguing their files and redirecting them to the server based storage bank.

It was almost 9:00 PM and even the cleaning staff had left. Taking a break, they hit the conference room kitchen and found a business meeting luncheon left-over feast, complete with wine. During the second glass for each of them, Alan realized that he didn’t have his comfy bedroom slippers on.

“I’ll be right back.” Alan jumps up and heads for his car, where the slippers were left.

“I’ll meet you in the shop.” Mia responds.

Setting back up at the keyboard, the wine’s effect made her accidentally nudge a stack of cd-roms which sent then cascading behind a disk rack. Mia reached in behind them and realized that there was a small box behind the rack. She pulls the box out and opens it. Inside, she finds about 30 cd-roms, each bearing a name. She recognizes some of the names as employees.

Starting from the A’s, she sees the name “Alison Newell,” the receptionist.

Mia slips the cd-rom into the tray and brings the index up on the screen. There are s*******n files, each file named as a date.

Mia clicks the mouse on a file for a date that was only two-weeks before. The software kicks in and the screen flickers to life.

It is an overhead shot of Alison’s desk. Mia watches as Alison suddenly appears and makes her way to the desk, sitting down. Mia sees Alison pick up the telephone and dial an inner-office five-digit number.

“Why aren’t you here yet?” Alison said into the phone, softly but louder than a whisper. Obviously there was a microphone on the desk as Alison’s voice was clear and sharp, even though it was subdued. Alison paused for a moment and then said, “Hold on.”

Alison put the phone down, stood up at her desk, reaches under her skirt and pulls her panties off. She slid them into her top drawer. Then she sits down again.

“Yep.” Alison said into the phone. “I’m ready.”

In about 15 seconds, Hector walks into the shot. He stands next to Alison’s desk and Mia watches in fascination as Alison stands, kisses Hector hard on the mouth and then lowers herself to her knees.

Alison quickly unfastens Hector’s pants and unzips his fly. She pulls his pants and briefs down with a single swipe and reaches up for his hanging cock. Taking it in both hands, Alison looks up at Hector and begins to pull and stroke it. Mia is stunned as she watches Hector’s cock grow hard and straight in Alison’s hands. Then, almost in obedience to Mia’s thought, Alison takes the head and aims it towards her mouth. As it gets closer, she licks it over and over, making Hector’s head fall back, rocking in sheer delight. Still looking up at him, Alison draws him deep in her mouth and begins to slide him in and out, sucking hard on the base of his shaft as he penetrates deeper and deeper into the warm wet recesses of her mouth. His cock glistens with her saliva as she teases it to a thick muscle, fleshy veins wrapping the long hard shaft.

Then Alison pulls him out and stands. “Hurry.” She whispers again.

Alison bends over her desktop and Hector moves in behind her. The camera zooms in as Hector rubs his cock up and down Alison’s pussy. Mia is shocked back to reality for a moment as she realizes someone is watching them and is controlling the camera. But her attention is brought back to the screen as Alison raises and lowers her buttocks in the sensual dance. The loose tender skin of her outer lips wraps alongside the round hot curve of his cock, until he finds the mark and gently pushes forward, filling her a slow tantalizing inch at a time.

Alison sighs with pleasure as her face reveals the exquisite sensation she is feeling. Hector sets up a rhythm that Alison quickly adopts. In a few short minutes, they both push hard against each other and thrash in an orgasmic shudder.

Mia had become very excited. One of her past masturbations in the office had been about Hector. Mia fantasized for a moment that she was Alison, and could feel him push against her up-turned buttocks, making her cry out in pleasure with each thrust.

Mia was awe-struck. This was unbelievable. u*********sly, Mia begins rubbing her herself through her sweat pants. She reaches up and twists her left nipple, the usual beginning of a good self-induced orgasm... Then, just as suddenly, Mia considered what she was looking at and realized what it meant. Alison’s desk was monitored by a computer run digital video camera. That meant… Mia inhaled sharply… probably so was hers.

Mia looked down and continued flicking through the box of cd-roms. Mia gasped when she saw a cd-rom with her name on it.

She instantly ejected Alison’s CD and inserted her own. In the same way, there were files in the CD index. Her first day of work, and two others.

Feeling her heart beating as fast as it could go, Mia clicked on her first day of work.

Almost as if she had written it in her mind, Mia knew what she would see. Fascinated, she watched as from beneath her own desk, she saw her own hands pull her knees apart and begin to masturbate. She remembered the passion of that moment and actually became slightly more aroused.

Alan made his way back from his car, just the slightest tipsy from the wine and just plain feeling good. As he made his way towards the final alcove into his workshop, he heard something which made him stop dead in his footfall. It was the sound of Mia Kincaid cumming. And he had heard it before.

He realized that he was hearing the audio of the Mia file, first day. He recognized it so easily because it was one he watched regularly. Alan enjoyed taking personal moments in the dark. And the subject of his pleasures was often Mia.

At the workshop table, Mia pulls the CD-ROM out of tray. She wants to see more, to continue cumming, but not to herself… she looks back at the box of Cd-roms. Another familiar name came up… Rachel Divane… the Human Resources manager.

Mia slides the Rachel’s CD into the tray and engages it. The view is onto Rachel’s couch, from over and across her doorway. Mia recognizes the couch as the one she had sat on during her two first interviews. Mia also realizes that the camera is in an air-conditioning vent that hangs over Rachel’s doorway. Since her first day there, Mia had noted the locations of all the air-conditioning vents on her floor. During those first and subsequent meetings at Vandalay, Rachel had seemed a quite proper woman, with a smart business suit; long dark hair pulled back tight and tasteful wire rimmed glasses. Now, in the video, Rachel’s long dark brown hair was loose and spread out behind her while she lay spread–eagle and naked on her couch.

Alan’s face was an inch or so from Rachel’s pussy and his tongue was easily seen, gently sliding up and down her sex. Rachel was pulling at the upholstery of her couch pillows as she stiffened her body against his tongue. Mia is again on fire and begins to respond to the stimulation. Her fingers are rubbing hard against her pussy through the covering of her sweat pants. Her panties are already slick with her initial wetness.

Alan hears the CDs being changed and uses the sound to mask his last two steps. Then he leans partially around the corner doing his best James Bond spy moves. He sees Mia from behind, leaning back in her chair watching her begin to slide one of her hands over her breasts, the other grinding her crotch. With a quick Goosebump shudder, Alan grabs at his cock, feeling it swell under the thin fabric of his own sweat pants. He knows what happens next on the video.

Mia continues to play with her own nipples as she watches Alan’s familiar face bringing so much pleasure to Rachel. Mia can almost feel each one of Rachel’s thrusts as his tongue begins to push into her opening, his head shaking back and forth into her open thighs. Mia watches the screen as Alan brings his right hand to Rachel’s abdomen and begins to slide his fingers downward. When his fingers get to her clitoris, his middle finger glides over the hooded nub and swirls around it, making Rachel’s hips push upward higher to meet the new delight.

Suddenly, Mia gets the feeling she is being watched. She turns quickly to the right and sees Alan’s half-face peering around the corner. Mia smiles. She is not only relieved at who it is, but realizes that he is watching her play with herself. This adds a new dimension to her arousal.

“Come here.” Mia says in a breathy whispered voice, beckoning with her right hand as her left hand moves under the tee-shirt and her fingers mercilessly pinch her aroused nipple.

Alan obediently moves around the corner. Mia can instantly see his cock outlined against the thin grey sweatpants. His state of erection is so great that the head of his cock has begun to push through the loose elastics of the worn waistband, peeking out as if to escape the confines of his pants. As he gets closer, Mia reaches out for his crotch with her right hand. She rubs her palm over the bulge and ends with a fingertip across he slit of his cockhead. A drip of pre-cum oozes out, smearing over the round firm head and making Mia smile. Alan sighs and moves his hips towards her.

Mia looks up at Alan. “Pull your pants down… slowly.” She tells him. Again Alan complies, slowly lowering the sweats until his full sex is naked before her. Mia watches as each inch of his groin is revealed. She is hypnotized by the sheer eroticism of the moment. She waits until his pants are at his ankles.

Then Mia says to Alan. “Now pull mine down. The same way.”

Alan again obeys. He kneels in front of her and slowly pulls off her sweat pants and panties. When they are at her feet, he slides off her sneakers and pulls the clothing completely off, leaving them in a pile at her feet.

“Good.” Mia says pointing to her right side. “Now come back here.”

Alan rises and returns to his place next to her. Mia places her left hand between her legs and teases herself by brushing her fingertips between her open upper thighs. Mia reaches out with her right hand and begins to caress Alan’s tightly closed legs. She slides her hand vertically between his muscular legs; she turns it slightly to the horizontal, pushing his legs apart. Alan understands her desire and opens them further, nearly squatting at her side. Mia’s fingernails sc**** lightly over his groin, exploring and teasing all the textures they find, legs, thighs, balls and even a gentle sc**** against his anus. Alan responds by sighing loudly, while leaning his cock forward, toward the enticing touch of her fingers.

Mia looks back at the video screen and sees Rachel holding onto the back of Alan’s head and bucking against his face. Without warning, a new person enters the scene from off-camera. Mia is shocked to see that the new figure is none other than Mr. Edwards. He moves in and stands at Rachel’s right side. Now within his reach, Rachel reaches out and with a moment’s flurry of hand movements, pulls Mr. Edward’s cock from the pin-striped trousers and begins to suck on him, loudly, passionately and with great enjoyment.

Mia is spell-bound. She grab’s Alan’s shaft tightly and strokes it up and down. Suddenly, she hears a voice coming from her far left. It is undeniably Mr. Edward’s voice.

“Hello Ms. Kincaid” Mr. Edwards says to Mia. “Are you happy?” Mia freezes and looks over at Alan in confusion. Alan smiles and nods his head.

She turns sharply to the left and sees Mr. Edward’s silhouette, seated in a chair in the shadows.

“Mr. Bridges,” Said the shadowed voice. “Would you be so kind as to take over for Ms. Kincaid?”

Alan kneels down beside Mia’s chair and brings his fingers to her spread legs. He smiles into Mia’s eyes and rubs his fingertips up and down the wet aroused labia. Mia’s eyes grow large as he suddenly brings two fingers to the tender tight opening and glides them easily within her. His own hand moves down to his cock and he takes over where Mia had left off, jerking the skin up and down his thick shaft.

The slurping sound of the finger-fucking and the grunting sound as Alan masturbates are broken only when Mr. Edwards continues. “So, Ms. Kincaid, have we held up our end of the bargain? Are you happy?”

Mia tries to speak through partially clenched teeth. But she can’t get the breath she needs as Alan has figured out where her G-spot is and is teasingly touching it. Enough to keep her ever-climbing in delight, but not enough to make her cum. It is exquisite torture.

“Oh yes. Mr. Edwards. I am very-very happy.” Mia finally exhales. “But… how did you set this all up?” She asks while Alan starts to add a third finger into her pussy.

“Well, Ms. Kincaid… I suspect it is the natural progress of technology here at Vandalay Industries.” Mr. Edwards spoke, watching as Alan teases and plays with her body. He continued. “As you know, we make chemical additives for perfume companies… pheromones to be exact. They are integral in the attraction of he opposite sex. In diluted form, they make you feel pretty and sexy. In concentrated form, well, they do quite a bit more. Our good Mr. Salido, you know him as Hector, has designed and installed a misting dispenser in the air-conditioning system. We can distribute the sexual heightening chemicals in any office we wish. It only makes sense that we get to enjoy the fruits of our own labors. Don’t you agree?” Mr. Edwards rises from his seat and walks over to Mia.

“Ugghhhh-Oh God!” Mia blurts out as Alan introduces his little finger at the tight opening of her now drenched anus. He slides it in and out along with those delighting her pussy.

Mr. Edwards reaches down and tenderly lifts Mia’s tee-shirt over her head. Her hand stays affixed to her left nipple, pulling, twisting and pinching the fleshy point with great abandon. He reaches down and gently brushes his finger over her right nipple. Mia moans again at his tender but electric touch. Reaching down with his left hand, Mr. Edwards takes her hand from her breast and places it on the bulge at the front of his pants. Then he returns his hand to her left nipple. Now he has both breasts within his touch.

Without another word, Mia imitates Rachel’s video example and opens Mr. Edward’s suit trousers, releasing his hard long shaft. Mia studies its smooth fleshy tone and rigid girth in the pale blue illumination of the video screen. Then she looks up directly into Mr. Edward’s eyes. Keeping eye contact, Mia gently brings her lips to his cock and tenderly kisses the tip, before moving her head forward and sliding it over her tongue; she accepts his smooth shaft deep into her mouth and swirls her soft tongue all around the tender skin..

Kneeling between her open legs, Alan watches Mia begin to move her head forward and then back, making sucking sounds with each slide backward. Alan smiles at the sight and then looks down, at Mia’s tender, open flower. He lowers his head to within an inch of her wet glistening skin and inhales deeply. The scent instantly brings back a familiar memory, of when he had first been so close to her pussy, on her very first day. Alan shudders with sexual excitement as he lowers his face into Mia’s naked joining. Within an instant, he is rapidly licking her clitoris with feather-like touches of his tongue. His fingers increase their tempo sliding in and out of each opening between her legs. Mia can feel her orgasm begin to overwhelm her as Alan licks and kisses the tiny finger of flesh just above the dark pink opening.

He finally covers her clitoris with his lips and begins to suck on it, just as she is sucking on Mr. Edward’s engorged cock head. Above them all, Mr. Edwards watches Alan lick furiously at Mia’s pussy, his fingers sliding in and out of her pussy and anus. The image is incredibly erotic. That sight, along with Mia’s wet velvety tongue swirling around him, makes Mr. Edwards gasp out that he is cumming and he immediately pulses within her mouth, covering her tongue and palate with his slippery release. She begins to swallow the salty thick offering but is almost instantly distracted as Alan’s fingers; tongue and lips prove to be too much.

Alan’s concentrated sucking on her clitoris overtakes Mia’s awareness and she too begins to cum, directly into Alan’s mouth, spraying spurt after spurt of her sweet liquid into his mouth and then over his face.

Alan can take no more of this sexual explosion and he rubs his face fervently against her drenched pussy, pulling hard on his own cock and shooting the hot relief beneath her chair.

The darkness and silence eventually engulfs them as the video ends and the screen becomes a dark glowing beacon. They are all three spent. Until Mr. Edwards suggests they accompany them back to the 43rd floor lounge. Together they leave for the elevator to heaven.


Three weeks later, Mia sits at her desk and picks up the phone. She dials the all-too familiar five-digit number. Almost immediately Alan answers.

“She’s almost ready.” Mia reports to Alan, and then asks, “Did you finish the installation?”

“All set. I’m recording her now. I’m sending you the web address.” Alan answers.

“Great.” Mia responds. “Tell Hector to release the spray in our new supply manager’s office. Mr. Edwards is going to love this one. This woman is beautiful.”

Mia clicks onto the site Alan had given her just in time to see Charlotte, the new supply manager tongue-kissing the copier repairman. Mia leans back and slides her hands under her skirt.

She loves her job. It makes her happy.


... Continue»
Posted by mrwhipple 1 year ago  |  Categories: Group Sex, Voyeur  |  Views: 462  |  
95%
  |  1

Mia madre e mia zia... due gocce d'acqua 1

Storia trovata su internet

È una calda mattina d’estate, il sole è già forte ed è intensa la mia sensazione di particolare soffocamento. Cerco un po’ di fresco in soggiorno. È ancora presto per andare giardino dove la fresca acqua della piscina potrà alleviare la gran calura che mi assilla. Sono sul divano con le persiane leggermente abbassate nella disperata ricerca di un po’ di refrigerio.
Ma è inutile perché non è il solo caldo che mi affligge!
Seguo mia madre e mia zia confabulare a bassa voce. Entrambe sorridono. Il sorriso di zia mi appare ambiguo quello di mamma particolarmente interessato. Di che staranno parlando? Mia madre Rosanna e sua sorella Rossana, gemelle monozigote, praticamente identiche come due gocce d’acqua discutono di come pianificare una estate che si preannuncia particolarmente accaldata.
È già il terzo giorno che ci siamo trasferiti nella villetta al mare. Mio padre e mio zio ci raggiungeranno nei fine settimana ed io ho ricevuto piena delega a fare il maschietto di casa!
Dicevo della straordinaria somiglianza di mia madre con sua sorella. Già al momento della nascita, per rafforzare quella loro particolare caratteristica, i miei nonni hanno scelto nomi praticamente simili per poi distinguerle con gli appellativi di Anna, mia madre e Rosa mia zia.
Poi crescendo loro non hanno mai smesso di sfruttare a loro vantaggio quel sottile legame che esiste tra due essere così interiormente intimi. Ed il rapporto tra mia madre e sua sorella è accentuato da una particolare forma di complicità che da sempre consente loro di ritrovarsi su ogni argomento, sia esso serio che frivolo. Raccontano che più di una volta si sono scambiate i ruoli all’università sostenendo esami carpendo la buona fede dei docenti. Mamma molto ferrata nelle discipline umaniste, mentre zia bravissima in quelle scientifiche. Anche nella vita di ogni giorno si sono divertite, e lo fanno ancora oggi, a materializzare quel sottile intrigo che si cela dietro il gioco dello scambio delle parti.
Più volte hanno sottolineato che sono dotate di una particolare forma di empatia che ha consentito loro di vivere le singole esperienze condividendone, anche a distanza, le particolari emozioni che da esse ne s**turiscano. Tale ultimo particolare ha avuto sicuramente un ruolo significativo nel loro fortissimo legame. Mamma ripete spesso che “sentire, l’armonia, la speciale sintonia che la lega alla sorella è qualcosa di molto profondo, misterioso, affascinante e, perché no, anche piuttosto intrigante.”
Praticamente anche a distanza loro non hanno segreti! In concreto vivono in simbiosi.
È vero con la maturità si sono calmate ma quell’indole trasgressiva non le hai abbandonate!
Poterle distinguere non è facile, solo la diversa acconciatura dei loro lunghi capelli aiuta tutti noi in famiglia a riconoscerle. Ma oggi, stranamente, entrambe hanno raccolto i lunghi capelli in una lunga, e sbarazzina, coda di cavallo.
Fatta questa premessa stamattina sono sul divano, un cuscino ben stretto tra le gambe raccolte a coprire quello che la mia morbosa fantasia da un po’ materializza, seguo il loro pianificare la giornata.

Confesso! È un po’ che spio mia madre come eccitante femmina che non già come amorevole mamma. Ogni occasione è buona per osservarla: in bagno mentre fa la doccia accarezzando la sua splendida figura, in camera protetta dalla sua intimità mentre agghinda il suo accattivante corpo con la sua raffinata lingerie, mentre sfaccenda per casa sop****nsiero sculettando sinuosa con la scopa in mano. Come non posso fantasticare sul suo corpo! A 44 anni è ancora una magnifica donna. un bellissimo seno che si gonfia lussurioso ad ogni suo respiro, cosce piene e ben tornite che sinuose risalgono sino ad un culo alto e sodo. Un corpo che sembra sprigioni sesso da ogni poro!
Al suo accattivante corpo sto dedicando il meglio del mio proliferare ormonale. Materializzo i più zozzi pensieri con uno stratosferico pisellone in mano a darmi piacere.
E ieri l’altro, in preda ad uno dei miei particolari pensieri, al massimo di uno stato di fortissima eccitazione, è successo quel qualcosa che sta per modificare in senso tangibile il rapporto con mia madre …e con mia zia.
Mamma mi aveva attizzato come non mai. In piedi su di un predellino stava sistemando s**tolame appena acquistato nella dispensa. Credetemi uno spettacolo. Il corpo fasciato da un trasparentissimo pareo giallo. Nell’aiutarla la seguivo salire e scendere dalla piccola scaletta con un fare atletico e, per me, particolarmente provocante. Il prosperoso seno accompagnava i suoi movimenti. Chinata mostrava quel suo stratosferico culo, che plastico ancheggiava all’altezza del mio viso fasciato da uno stretto indumento che mostrava chiari i bordi di uno slip così piccolo che stimolava la mia fantasia ad immaginare il taglio di una passerina sicuramente calda e succulenta. È vero non ho limiti ma credetemi mamma è una gran fica! Accovacciato ai suoi piedi porgevo le masserizie traguardando al di la di una gamba sollevata sul piolo sfruttando la paradisiaca visione che il bordo del risalito pareo mi offriva. Chiaro era il colore di corti ciuffetti neri ed ispidi che trasparivano dal suo particolare costume. Nel porgerle la spesa più volte ho sfiorato la pelle vellutata delle sue lunghe cosce. Piegandosi in avanti mi offriva, innocente, tutta la sensualità del prosperoso seno che sembrava quasi voler debordare dalla scollatura del variopinto indumento lasciandomi così imbambolato ammirare grossi capezzoli fare capolini dall’accentuata scollatura del pareo. Lunghi minuti di intensa sofferenza dovute ad un cazzo che voleva scoppiarmi tra le gambe. Una visione che lasciava galoppare la mia fantasia. Ho ammirato, concupito, le rotondità del suo gran culo contrarre naturalmente le chiappe. Il mio morboso piacere era tutto nella possente erezione di un cazzo cresciuto a dismisura e, con lui, cresceva perversa in me la voglia di toccarmi morboso.
“Bene adesso ho da sistemare gli armadi, salgo su in camera” Quasi rincretinito ho avuto solo il tempo di mascherare con entrambe le mani sul bacino, ed in maniera goffa, la corposa protuberanza che chiara dal boxer evidenziava lo stato del mio forte coinvolgimento dovuto alla immagine di una femmina che immaginavo porca e vogliosa.
Lo seguita andare via ancheggiando plastica quasi sorridendo!
Al tatto avevo un cazzo da fare spavento. La voglia di scopare mia madre era cresciuta in maniera incontrollata. Con il suo innocente fare (!) aveva s**tenato i miei più a****leschi istinti. Una eccitazione bestiale manifestava chiara la mia immensa voglia di sbatterla li. Lei in piedi sul predellino ed io a stantuffarle lo splendido e plastico culo magari stringendo tra le dita quei suoi turgidi capezzoli. Immaginavo di poterle schiaffare il mio bel cazzo in una avida bocca. Farla ingoiare il potente muscolo, scaricare tra le procaci tette di un corpo eccitato la mia calda sborra. La immaginavo gemere godendosi il mio cazzo nel culo sditalinandosi con una mano e portare con l’altra la mia a stringerle i capezzoli. Non so perché ma mi ero convinto che mia madre avesse una gran fame di cazzo.
Praticamente in trance con un potente cazzo stavo tirando di mano lungo tutta l’asta fino alla cappella. Ho cominciato a spugnettare che era una bellezza, ma talmente eccitato non riuscivo a venire.
“Guarda guarda che bel porcellino che abbiamo qua! te lo ha fatto venire duro. È proprio una gran bella gnocca mia sorella vero? E a quanto pare ti piacerebbe scoparla eh!….” Mia zia alle mie spalle aveva praticamente scoperto le mie porche fantasie. E non solo quelle!
“…è parecchio che me ne sono accorta sai…ma non puoi fare sempre da solo…poverino lo stai martoriando… questo bel cazzone merita molto di più …” Mentre la sua mano, lentamente, aveva sostituito la mia a scorrere interessata lungo l’asta tesa e dura. Mia zia con uno sguardo misto tra lo stupore di un magnifico cazzo e la libidine che lo stesso le aveva procurato manifestava chiara l’indole di quell’intimo troione che alberga in lei!
La sua mano scivolava lenta sul mio cazzo già pronto a schizzare un piacere che per merito suo in poco si era decuplicato. In ginocchio davanti a me e lo splendido cazzo era già tra le turgide labbra di una caldissima bocca.
Una pompa bellissima, stavo impazzendo ai plastici colpi di una esperta lingua rapito dal suo goloso gemere. Quel calore in poco aveva materializzato furiosa la mia libidine. Un prorompente primo schizzo le ha riempito la famelica bocca. Un secondo, violento e lungo le ha sporcato il viso. Poi altri ad un ritmo tale che non mi era possibile controllarli. Il mio caldo sperma si univa ai suo intenso gemere. Mai mi era capitato di avere una sborrata così violenta. Una nervosa lingua mi ha pulito per bene mentre “ehi… eri proprio infoiato….Non crederai mica di lasciarmi così…”
Un attimo e come per incanto eravamo chiusi nella piccola dispensa a scopare. In piedi ho sbattuto in una caldissima fica un cazzo che non aveva perso il suo possente fulgore. Splendido!
Solo il rumore di passi in cucina dietro la porta della nostra alcova, e un sussurro che potrei definire misto a sorpresa e interesse, avevano interrotto la mia particolare, ed intima, conoscenza del corpo di mia zia.
Non ci giurerei ma forse era la mia galoppante fantasia ma non poteva essere quello che avrei voluto fosse. Sta di fatto che mia zia, sorridendo ambigua, con un ultimo risucchio linguale, mi lasciò veloce con la promessa che quello che aveva fatto era solo l’inizio di una estate calda…e travolgente!
Intanto la mia mente aveva ripreso veloce a galoppare verso un sogno irraggiungibile.

Sono due giorni che scopo mia zia con un chiodo fisso: GODERE DEL CORPO DI MIA MADRE. Mamma mi eccita da morire e mia zia soddisfa le mie pornofantasie!
E per le mie morbose voglie ho rischiato più di una gaffe nel rapporto con mia madre in presenza di mia zia. È capitato che eccitato da quello che ritenevo fosse il corpo di mia madre ho attaccato quello di mia zia. Solo il fermo sguardo di mia madre mi ha riportato alla realtà dei fatti facendomi rinsavire giusto in tempo!
Comunque ogni occasione è buona per scopare mia zia (non posso affermare che sono io che la scopo è più corretto dire che è lei che selvaggia sbatte me!)
“Scopami, chiudi gli occhi e immagina che sia lei a godere di questo bellissimo cazzone! DAI FALLA GODERE…….”
Proprio una porca! I suoi inviti incentivano la mia fantasia ed ingrossano sempre di più il mio cazzo. Chiudo gli occhi ed è mia madre che gode del mio potente cazzo. La mia eccitazione si decuplica e ogni volta sono sempre più potenti i miei schizzi di piacere.

Avrete ormai capito che mia madre è una gran bella fica e la sorella è un splendida gnocca e non solo!

E con questi pensieri seduto sul divano fantastico ascoltando il loro pianificare la giornata. “Ok oggi esco io per fare la spesa. Tu intanto finisci di sistemare in casa. Dammi una mezzoretta e poi si va tutti in piscina…oggi prevedo una giornata… veramente caldissima”
La seguo uscire, e ne approfitto per spiare mia madre ancheggiare allegra in casa. Oggi è particolarmente eccitante.
Un paio di minuti di velocissime faccende domestiche e mia madre (?) mi è accanto. Indossa un due pezzi particolarmente succinto. “vieni con me in piscina e, se ti va, mi passi un po’ di olio abbronzante” CAZZO! Vittima delle mie erotiche fantasie non mi capacito di una opportunità il cui solo pensiero mi attizza da morire. Mi assale il terribile dubbio che forse sto sognando vittima di una delle mie ultime, e costanti, immaginazioni. Quanto sborra sto versando desiderando di poter toccare il suo eccitante corpo ed ora, innocente, me ne offre la conturbante occasione. Poterla accarezzare come mai ho potuto prima di oggi, e il suo invito sembra proprio voler incentivare una mia porca reazione.
Rimango immobile rapito da i****tuosi pensieri. Qualche secondo ed il mio mutismo è sopraffatto dalla visione di quei suoi superbi capezzoli che sembra vogliono perforare lo striminzito indumento. China verso di me ribadisce il suo invito. Sbiascico un timido “si…ora…vengo…dammi un attimo….” e lei, rendendosi conto che sto guardando con insistenza quelle sue splendide tette, mi da un buffetto sulla guancia “allora mi aiuti o devo fare…tutto da sola?” “..eccomi… arrivo…” Mi alzo e la seguo sculettare in giardino. Si stende sul lettino a pancia in giù con il procace seno schiacciato dal peso del corpo. Una visione paradisiaca. Il solo guardarla mi sta facendo venire voglia di spugnettarmi lì davanti a lei. “dai forza che voglio farmi riscaldare da questo bellissimo sole…” È in un attimo le mie mani impazzite seguono un plastico corpo. Nervose le dita sono sulla schiena, timide scorrono, più volte, sotto il gancio del minuscolo reggiseno “aspetta sgancio il reggiseno così puoi fare meglio”.
È veloce il suo sfilare il reggiseno così come immediato è il mio riprendere il mio fare.
Sono turbato nel sentire qualcosa muoversi frenetico nel mio costume. Cerco di scacciare quel pensiero non voglio che si accorga di quell’insistente pulsare che si chiama spudorata eccitazione. Cerco di non pensarci ma la mia eccitazione cresce. Cazzo come cresce! Continuo a massaggiare, o meglio accarezzare morboso, la sua pelle mentre lei con la testa poggiata sulle braccia conserte si gode i miei massaggi. Le mie mani spaziano dal collo, scivolano interessate verso la schiena. Facendomi coraggio lascio che le dita lambiscano quella parte del seno che il peso del suo corpo fa sporgere. Nessuna reazione! Dita interessate si soffermano ad accarezzare una morbida porzione di pelle. Non dice nulla, anzi dovessi giurare direi che sembra proprio piacerle. Continuo! Percepisco un respiro che lentamente si fa profondo (sarà piacere o sono io che come al solito fantastico!) La situazione si è fatta incandescente! Ed è ormai palese la mia erezione che spinge dal largo boxer che indosso. Solo se sfiorassi il cazzo sono certo che potrei schizzare, in un attimo, tutto il mio piacere magari sporcandole il conturbante corpo.
Per quanto ho fantasticato su mia madre mai sono stato capace di immaginarmi in ginocchio accanto a lei stesa su di un lettino a massaggiarle il corpo, ad accarezzare con particolare trasporto un seno meraviglioso e con un cazzo palpitare scomposto a pochi centimetri dalle sue carnose labbra.
Continuo nel massaggio non ho il coraggio di essere più sfacciato e ne la voglia di smettere. Lunghi minuti fino a quando “sei proprio bravo…..adesso un po’ sulle gambe”. Tremanti le mani lasciano cadere gocce di olio su tornite cosce, mentre, quasi spudorata, lei stringe il costume sino a farlo praticamente rientrare nel solco di intriganti chiappe. Praticamente ora ha il culo quasi completamente scoperto, e dire che il costume è già sufficientemente piccolo, ed ora è diventato praticamente inesistente. “Passamene anche qui!” toccandosi un culo bianchissimo a dispetto della bronzee cosce. Un attimo dove due pensieri lottano tra di loro: sono particolarmente eccitato per continuare ma anche troppo attratto per smettere. Incrocio il suo sguardo mentre si solleva leggermente. Ha proprio un seno sodo e stupendamente pieno “ma insomma che hai, oggi sembri proprio addormentato! A cosa pensi di tanto importante”
Sapesse!
Impacciato, e con la paura che possa accorgersi dello stato di forte eccitazione che chiaro traspare in tutta la sua prepotente durezza, prima un po’ timidamente e lentamente poi con un crescente ardore figlio della prorompente eccitazione, senza risponderle, lascio scorrere le mani sulle invitanti chiappe. Superato lo stato di timore iniziale percepisco, tra le dita, un corpo rilassato che apprezza mani che spaziano temerarie. Ho il cazzo che pulsa nervoso e ritmico tra le gambe e la intensa sensazione che sto per godere senza nemmeno sfiorarlo.
Sotto le mie dita sento un corpo che sobbalza ogni qualvolta le mie mani, nel risalire tra le cosce, si insinuano sfrontate tra le pieghe del suo splendido culo. Non sono certo ma ascolto il suo respiro farsi più intenso e la mia fervente immaginazione lo associa a gemiti di una crescente eccitazione.
Le mie mani sono libere di fare quello che vogliono. Tocco quel corpo che tanto mi eccita. Una pelle vellutata e soda, la parte esterna del seno, il culo, le sinuose cosce. Spazio con particolare interesse succube di un cazzo che pulsa nervosissimo tra le gambe. Lunghi minuti di un supplizio che non ha fine.

“Eccomi sono tornata…. Dove siete….ah vedo che non mi avete voluto… aspettare”
Solo il rientro di mia zia (!) ha evitato che la situazione potesse diventare particolarmente spiacevole.
“Dai sbrigati che oggi è una giornata particolarmente calda”
“un attimo poso la spesa, mi cambio, e vi raggiungo!”
“dai lo faccio io tu vai a metterti il costume, se Carlo è disponibile ti può passare l’olio abbronzante, sai ha delle mani d’oro” Alzandosi d’impeto, senza preoccuparsi di coprirsi il seno in tutta la sua prorompente bellezza e con in piccolo costume che, nell’intimo incrocio, aveva assunto un colore leggermente più scuro!
Zia Rosa (!) si accorge dove punta il mio interessato sguardo e dandomi uno scrollone passandomi accanto “ehi Carlo, oggi il sole è proprio forte vero?” Parole che mi destano dallo stato di trance in cui mi trovo.
“…e si è proprio caldo” e poi sottovoce rivolto a lei “e io sono in calore…” Alzandomi rendo palese una eccitazione che, pur volendo, anche sua sorella non può non vedere.

Particolarmente euforiche entrambe si incamminano verso casa ed io già in acqua tiro fuori una bestia alla ricerca di un po’ di pace per i miei sensi terribilmente provati da una situazione al limite di ogni naturale sopportazione.
Solo una sonora pugnetta potrà calmare i miei ardori!
Tiro su di un cazzo accompagnando la mia mano con i più sconci pensieri su quel corpo che era alla mercè di mani ardite e concupite. Ad occhi chiusi immagino una gran bella scopata con quella donna che, sono più convinto, saprebbe cogliere il meglio che un impavido stallone è in grado di offrirle. Nel frattempo mille pensieri per riuscire a ricucirmi, con una certa urgenza, lo spazio, ed il tempo, per poter scaricare la mia libidine sul corpo di quel gran troione della sorella.
Pochi secondi e mischio il mio seme al candore di un’acqua fin a ora chiara e limpida.
“Ma allora non sai come governare quelle mani eh! Potrebbero avere altro da fare…..sai è’ bene che anch’io mi protegga dal sole, dai spalma anche la mia di schiena. Voglio proprio vedere se è vero che hai delle mani d’oro?”
Con un variopinto copricostume particolarmente intrecciato ad corpo che mostra, ampiamente scoperte, delle lunghissime gambe e una scollatura molto profonda che lascia ben poco alla mia immaginazione, ho davanti un femminine stratosferico con un costume, credetemi, a dir poco osceno. Due minuscoli triangoli, sicuramente di una misura più piccola di quanto il suo seno reclami, fanno fatica a celare, al mio interessato guardo, il solco profondo di un maestoso seno da dove si ergono stupendi capezzoli fare capolino dal roseo di delicate aureole. Anche lo slip è piuttosto sgambato ed aderente al punto che riesco a intravedere, nettamente, il taglio che separa le labbra della sua fica.
Che porca!
In poco ho il cazzo di nuovo duro e più di prima.
Ma che sta succedendo, quelle due donne oggi mi stanno facendo eccitare da morire. Non posso credere che mia madre (!) stia volutamente costringermi a ripetere l’eccitante esperienza appena vissuta anche con mia zia (!).
Quale è il suo scopo?
Ma forse sono io che lascio galoppare la mia fervida fantasia, però così vestita è chiaro che il femminone che mi è davanti ha voglia di scoparmi. Adesso dovrò solo stare attento a non farmi beccare dalla sorella mentre sarò, certamente, impegnato in una megagalattica scopata. Esco dalla piscina con un cazzo splendidamente in tiro. Mi avvicino ai lettini accorgendomi che lei si è subito privata del minuscolo reggiseno e il piccolo perizoma esalta come non mai uno stupendo culo coperto da un filino che si perde tra il solco di bianchissime chiappe.
Un lungo sospiro e il mio sguardo incrocia il suo, e con dire piuttosto ambiguo “ non fossi arrivata tu ero sul punto di fare una pazzia”
“ehi! piccolo mandrillo cosa avevi in mente?”
“non lo so. Magari mi sarei tirato il cazzo fuori davanti alla sua bocca per poi spingerlo sino alla sua gola. Sono quasi certo che mamma non si sarebbe fatta sfuggire una ghiotta occasione ” “già un bel pompino da tua madre!” mentre in ginocchio le sono già accanto a stendere l’olio sulla sua schiena. Attacco immediatamente il bordo del perizoma, risalgo veloce ad accarezzare il seno. So che le piace farselo stringere. Sfrontato copro la porzione di candida pelle massaggiandola con studiata intensità. Mi sposto sulle cosce sode e tornite facendomi immediatamente più sfacciato. Ascolto subito sottili gemiti di piacere. “Dio che fica che sei” “ehi, ehi siamo volgarotti stamattina!” Con movimenti circolari sul corpo di una caldissima femmina lambisco il bellissimo culo. Impongo alla mia mano di spaziare su chiappe invitanti. La sua reazione è di particolare piacere, si sistema meglio sul lettino divaricando leggermente le gambe. Senza alcun pudore approfitto subito e spingo le mani tra le cosce. L’eccitazione offusca i miei pensieri. Sfioro una prima volta l’intimo incrocio con un solo pensiero: lei non è mia madre (!) ma solo quella splendida troia che mi sta scopando. Un troione che è già pervasa da una voglia di cazzo che dimostra allargando oscena le gambe per favorire il mio morboso fare. Sono eccitato come non mai, oggi è un susseguirsi di intensa eccitazione. Struscio volutamente un potente cazzo contro la sua coscia. Ho un cazzo che vuole prepotentemente sborrare per come lei sa farglielo fare.
Uno sguardo verso casa con la paura che sua sorella possa, con evidente ragione, vederci e urlarci il suo evidente dissenso. Un pensiero di un attimo mentre il troione che mi è accanto sposta la coscia aumentando la pressione del mio cazzo. Credo abbia capito che non vedo l’ora di poterla scopare, così da soddisfare la mia crescente voglia di fica, e perché no il suo desiderio di minchia. Continuo con particolare dedizione a massaggiare l’interno coscia spostandomi verso l’alto. Un unico obiettivo l’intimo incrocio delle sue lunghissime cosce per rendere chiaro che intendo scoparla ORA! Il cuore mi batte forte mentre le dita strusciano sulla sua fica trovandola caldamente bagnata. Ha un corpo palesemente eccitato, il suo sussulto favorisce il contatto del bacino contro alla mia mano e, subito, un mio dito morbosamente sparisce tra i neri ciuffetti di una bagnatissima fica. È incredibile! Sono sul punto di svenire, ma me ne fotto! Ora sono in paradiso con un solo obiettivo approfittare di questo momento, anche se solo un attimo, per poter sborrare tutta la mia eccitazione su quel caldo corpo che vibra intensamente tra il mio dito.
“mmmmhhhhh a quanto vedo si direbbe proprio che ti piace, e molto, toccarmi le gambe?”
Comincia ad essere troppo per la mia giovane età (ho pur sempre 15 anni). Il mio cazzo è talmente grosso, quasi al limite del dolore fisico, e il mio stato di eccitazione è a livelli altissimi, non credo di essere capace di res****re, sono pronto a venire senza neanche toccarmi. “si! Zia e voglio scoparti adesso”
“tesoro…oggi chiamami Anna”
“Si…si…..zi..a…. mamma …voglio farti godere…” “
“hai proprio voglia di scoparti tua madre”
“si so che hai voglia di cazzo… e io sono qui pronto a farti godere …”
Mentre una sua una mano sfiora il mio enorme pacco. Rosso di eccitazione non ho il tempo di replicare che lei continua
“ooohhhh…si…muovi il dito….ancora cos….ssssiiiiii….”
È eccitata!
“ora vediamo un po’ cosa abbiamo qui” privandomi di colpo dei boxer trovandosi di fronte un cazzo palpitante. Così grosso non l’avevo mai visto. Resto immobile praticamente pietrificato. Ha una espressione di meraviglia nel vedere la cappella di un cazzo duro e grosso. “Mmmmhhh è proprio un bell’affare. Complimenti! Il pensiero di tua madre ti fa questo effetto? Ma dimmi è merito mio o di mia sorella?” “di tutte e due!”
Si alza sedendosi sul lettino. Ha proprio un bellissimo seno bello sembra quello di mia madre. Le aureole piccole e i capezzoli grandi e già turgidi. È forte la voglia di attaccarmi e succhiarli ma è lei a prendere l’iniziativa dicendomi “quanto è bello …. vediamo quanto è veramente buono.” È un attimo e la rossa cappella sparisce nella sua bocca. Tutto in un solo colpo. È veramente brava a succhiare cazzi. È altissima la mia voglia di godere. La sua lingua scorre lungo l’asta e la avvolge muovendosi nervosa sulla punta. Lo fa scendere in bocca giù facendo sparire tutta l’asta sino in gola. Sento i gemiti di una altissima eccitazione. Ci mette impegno e sembra voglia succhiarmi anche l’anima. “…che gran troia che sei….” “…ti piace come spompino… sono veramente brava vero?” “zi..aaa….mamma…… sei la più grande puttana di questa terra….” “…mamma ti piace tanto…eh!” “…si….si…mi fa morire…so che ha voglia di cazzo….anche lei una puttanone…” “…e che ne sai tu!...” Parla senza interrompere il suo succhiare aiutandosi con le mani, una avvolta sul grosso cazzo a tirare con fermezza, l’altra a soppesare testicoli già pieni di sborra. “dai spompina…tira…dio come sei brava….è…bellissimo…” Chiudo gli occhi ed immagino sia veramente mia madre a succhiarmi con morboso trasporto il cazzo. Tremo intensamente mentre ho solo il tempo di dire “… si mamma….ve… ve.. vengoooooooooo” non finisco quasi di pronunciare quella parola che schizzo e….
“Anna che ti avevo detto è proprio un bel mandrillo il nostro maschietto!

“ANNA COME ANNA….” mia madre! … la donna che sta spompinando un superbo cazzo, che continua a pulsare frenetico perso in meravigliose e carnose labbra che non lasciano uscire neanche una goccia di sperma che ancora schizza, È MIA MADRE!
Lunghi secondi dove confuso non capisco niente.
Mia madre che non ha nessuna intenzione di fermarsi, assapora con avidità risucchiando la mia sborra pulendo con abilità da consumata pompinatrice tutto il mio uccello. “MMMmmhhh…. avevi proprio ragione. Ho un figlio che non solo ha uno splendido cazzo ma ha proprio una gran voglia di scoparmi! ” un pensiero espresso passando più volte la lingua su di un cazzo che non intende perdere possanza.
Che troie! Mia madre ben consapevole dei mie perversi pensieri, mia zia complice delle mie fantasie, assieme attrici della mia morbosa eccitazione si sono messe d’accordo. Hanno pianificato tutto, giocando ancora allo scambio delle parti ed io povera (ma complice) vittima del loro i****tuoso intrigo.
“mi pare che ora sia arrivato il momento di scopare anche me, mica posso godere solo di riflesso. NON TI PARE?................”
“si ma non essere egoista…ricordati i nostri bei tempi…”

……….continua (…..)... Continue»
Posted by alex1983 2 years ago  |  Categories: First Time, Mature, Taboo  |  Views: 945  |  
40%

Mia madre e mia zia... due gocce d'acqua 2

Storia trovata su internet

Il caldo insopportabile di stamattina mi riserva sicuramente altre piccanti emozioni. Mi è ormai chiaro che, dagli atteggiamenti di mamma e di zia, è in atto una perversa strategia che mi vede direttamente coinvolto. Sono al centro di un gioco particolare che ne ho la ferma convinzione è all’insegna della forte trasgressione.
Chissà da quanto tempo questa idea ha preso corpo nelle loro menti! (e anche nei loro corpi).
Zia ha scoperto la mia enorme voglia di scopare mamma e, saggiando le corpose mie doti, ha architettato una perversa messa in scena per offrire alla sorella l’opportunità di soddisfare la sua crescente voglia di cazzo. Una voglia che non ha mai abbandonate entrambe.
Ed ora sono di fronte ad una morbosa situazione ricca di sesso e di libidine che, nel coinvolgere quel ficone di mia zia, e la scoperta troione di mia madre, non smette di farmi in eccitare.
Ho appena finito di godere di una sublime pompa nella meravigliosa bocca di mamma e il mio cazzo, ancora in piena erezione, picchietta ritmico sulle guance della mia porcona.
Frastornato da quanto mi sta succedendo volgo lo sguardo verso mia zia. La vedo rapita dalla più trasgressiva della libidine. Con una mano trastulla la fica e con l’altra accompagna un cresciuto capezzolo verso una nervosa lingua. Lo sguardo di zia Rosa è di forte complicità verso mia madre come se stessa fantasticando su un qualcosa di cui ancora ignoro il fine. Mamma con occhi carichi di lussuria mi conferma che è veramente una donna calda, eccitante ed in preda ad una frenetica e morbosa voglia di minchia.
“Tua madre è veramente una gran bel femminone” rivolto a me “… una gran bel ficone vorresti dire…” l’immediata mia conferma, mentre mamma le si avvicina sfiorandomi con una mano l’ancora duro cazzo con un fare che di materno ha veramente ben poco “Credo che il bel porcellone si meriti qualcosa di più vero Rosa?” nel mentre unisce, con particolare passione, la bocca ancora pervasa della mia sborra a quella di sua sorella. Bocche che si uniscono rapite da una sensualità che mi è difficile descrivere. Un bacio intenso che materializza anni di saffici momenti. Due corpi che tremano di particolare eccitazione.
Una scena che mi lascia esterrefatto. Ho davanti due grandi fiche morbosamente eccitate: mia madre ancora rapita dal magnifico pompino e mia zia eccitata per la scena hard alla quale ha assistito. Una crescente voglia di sesso sfrenato si impadronisce di me!
Ho voglia di sbattere entrambe quelle magnifiche creature e l’idea di potermi, finalmente, scopare mia madre mi eccita da morire.

Neanche il tempo di capacitarmi e mamma lascia scorrere ai piedi di zia il succinto costume che a malapena maschera la sua splendida fica. “dai facciamogli vedere quanto siamo brave” mentre perversa accompagna il capo di mamma tra il suo intimo incrocio “Dai fammi sentire la tua lingua.”
Cazzo desidera che mamma le lecchi la fica in mia presenza.
In ginocchio mamma percorre con la lingua le gambe, bacia alternativamente le cosce lasciando una scia di umida sborra su ogni centimetro di superbe cosce che lentamente si divaricano.
“mmmhhh….oh!” In un attimo mamma ha affondato la lingua nella caldissima di sua sorella.
Zia sussulta e geme respirando affannosamente. Mamma con impeto assapora un clitoride che si erge duro come un piccolo cazzo. Lo stringe tra le labbra.
Credetemi ho fantasticato in questi due ultimi giorni ma non sono stato capace di immaginare mia madre e sua sorella impegnate a darsi reciproco piacere. Assisto ad un corpo che freme per i colpi di una saffica lingua. Il tremito di zia si fa intenso. “Si! Si! Così! Così! Dai! Dai!” il suo invito incentiva il fare di mamma che stende sapiente la lingua tra umide labbra.
Mamma mi guarda sensuale in tutto il suo essere donna maestosa nel suo fisico, conturbante nelle sue movenze, erotica in tutti gli atteggiamenti. Dal topless si ergono capezzoli turgidi e sicuramente infuocati. Il corpo brilla sotto i raggi del sole, la nera e folta intima peluria sembra voler avere il sopravvento sulla macchia di giallo che li maschera,
Ho cazzo durissimo ma ho il serio dubbio che ancora sia presto per il mio turno.
Zia sta godendo mentre mia madre, con le cosce oscenamente spalancata, si sta sditalinando “mi fai morire…. No! …non voglio venire…non adesso..” e rivolta a me “sai alla porcona tua madre piace essere leccata”

Zia accompagna il corpo di mamma a sdraiarsi sul lettino e, con lento e ben studiato fare, accarezza un corpo reso elettrico dalla saffica eccitazione. Dal collo, con entrambe le mani, scende lentamente sul procace seno. Languide mani avvolgono grossi capezzoli, il seno reagisce, si comprime, si gonfia. È un seno eccitato, da sapienti ed erotici tocchi. Le intriganti carezze, lentamente accompagnano le mani sulle cosce, indugiano sfiorando le parti interne con il chiaro intento di sollecitare le parti intime di sua sorella. Con fare sincrono ripetutamente insiste sulle zone più sensibili. Seguo le sue dita sparire nel piccolo lembo di tessuto che protegge la fica della sensuale sorella che percepisco, distintamente partecipa con sussurrati mugolii di piacere… “… sei sempre stata bravissima con le dita……è… bellissimo…”
È veramente uno stuzzicante gioco saffico chissà da quanti anni intimamente vissuto.
Seguo eccitato la passione erotica che ha coinvolto le due donne sicuramente incentivato dal mio essere presente. Il cazzo sempre più tosto e senza più pudore non mi preoccupo di celare il mio stato agli occhi di mia madre che, noto distintamente, si compiace della mia esaltata fierezza, apprezzando ciò che ha di fronte.
Con le mani mimo una pugnetta proprio un attimo prima che mia zia si stenda completamente sul corpo della sorella. Movimenti sinuosi plastici agevolati dall’olio solare e dal sudore dell’eccitazione di cui sono intrisi. Movimenti coinvolgente e voluttuosi. Due magnifiche amanti impegnate a darsi piacere. Una visione che non ha eguali. Uno spettacolo splendido.
“ferma quelle mani….fra poco ti potranno servire… adesso goditi lo spettacolo e poi sarà bellissimo!” E’ perentorio il porco richiamo di mia madre!
Il corpo di zia è tutto su quello di mamma, che con la lingua, materializza la sua diffusa eccitazione assaporando gli umori della sorella. Lambisce la fica di mia zia con, colpi veloci ed intensi dati ad arte e con particolare impegno.
Con il cazzo che pulsa nervoso mi gusto, al loro fianco, lo splendido 69 che due splendide amanti mi stanno regalando consapevoli anche loro che la mia eccitazione è ormai ad un punto di non ritorno. Me ne accorgo dallo sguardo provocante che alternativamente le mie zoccole indirizzano verso l’oggetto del loro desiderio.
Ciò però non le distoglie dal loro amplesso.

La lingua di mamma è padrona delle grandi labbra di zia che a sua volta perfora l’intima fessura della sorella facendo sparire due dita dentro una fica piena di libidine “… si … Rosa ….. dai…… siii …. che aspetti….. scopami…. mmmmuuhhh…” gemiti forti, intensi intercalati da respiri profondi.
Minuti lenti, lunghi, interminabili trascorrono davanti ai miei occhi. Stupefacente è la passione di entrambe. È amore quello che lega le due donne, un amore che si trascina da anni di vita assieme, un amore che supera ogni possibile considerazione, la consapevolezza di un reciproco piacere, il bisogno di stimolare e soddisfare ogni centimetro di pelle, la voglia di godere e, contemporaneamente, di far godere. Un amore che complice avrà governato anni di intime complicità!
Ammiro corpi aggraziati uniti in unico atto di arte sopraffina. Assisto, compiaciuto, al loro contemporaneo piacere, ascolto i mugolii del rispettivo godimento. La lussuria le ha rapite. Le vibrazioni dei corpi all’unisono le consentono di gustare della reciproca eccitazione “…ssssssiiiiiii….. mmmmhhhh… uuuuuuummmhhh” gemiti e sospiri si disperdono.
Sono fantastiche!
“….siiii…… ancora …… godo ……uuuhhhh” prima mamma….. in contemporanea zia “…..anch’io………aaaaaaahhhhmmmmm….” Impazzite dal piacere che il desiderio sfrenato le procura. “Sto venendo! Ssssssssiiiiiiii….” mamma non ha nessuna intenzione di fermarsi e continua a succhiare la clitoride della sorella, spinge la lingua appuntita nel più profondo di una caldissima fica. Zia, invece con due dita possiede mamma e con il pollice stimola la clitoride di mamma.
“mmmmmmgghhhhh……”
CHE PORCHE!
Quasi contemporaneo è il loro urlo di piacere, prima zia “Vengoooooooooo!” …”anche io…ssssiiiii…! un grido liberatorio. Dalla fica di mamma schizza un vero zampillo di caldissimo piacere mentre quello di zia è raccolto dalla plastica lingua di sua sorella.
Entrambe hanno raggiunto l’orgasmo. Il primo di questa calda giornata!

Due splendide donne accanto a me completamente eccitate, con le gambe oscenamente divaricate e le mani a mostrarmi l’eccitazione perversa che riesco a distinguere dal taglio di intimi bagnati, contemplano un cazzo duro che svetta pulsante stretto in una mia mano.
Zia mostra la sua fica completamente rasata, quella di mamma invece ha un solo triangolino di pelo sopra le grandi labbra. Guardo negli occhi mamma, è evidente che il piacere ha il sopravvento su di lei e che lo stato di eccitazione controlla ogni suo pensiero e ogni sua azione. Mamma passa le mani da sotto alle gambe si allarga le labbra della fica offrendomi il suo clitoride. Spudorato soffermo il mio sguardo. Occhi resi vitrei dall’eccitazione mi confermano che anche per me, finalmente, è arrivato il momento del piacere. Con l’imperioso cazzo mi avvicino. In piedi mi offro alla loro arte linguale. Mamma con la sua notevole esperienza si sofferma sui testicoli succhiandoli alternativamente, zia, invece, si dedica al superbo muscolo ingoiandolo tutto in una avida bocca. Una sensazione straordinaria mentre con le mani, sul capo indirizzo, cadenzandoli, i loro movimenti, vado alla ricerca delle mammelle di entrambe per perdermi nel piacere della soffice pelle, strofino il cazzo, alternandolo, sui rispettivi grossi capezzoli.
Ma voglio assaporare il loro intimo piacere, mi accovaccio tra sinuose gambe, e senza alcuna esperienza lecco con ardore le due fiche davanti a me “ …ooooohhhhh….” …. …. “…mmmmmhhhhh…” sono inebriato nell’assaggiare il miele di una donna e gioisco dei loro mugolii, gustando tutta lo loro eccitazione.
Infilo contemporaneamente le dita dentro le fiche bagnate e le possiedo con passione. Ansimano ancora, intrecciando le rispettive lingue in un nuovo e più intenso bacio.I corpi vibrano, le cosce si stringono attorno al piccolo cazzo quasi a non voler abbandonare l’artefice del loro piacere “….belliss…ssssimooooo….” non ti fermare è l’implorazione di mia madre. ed io pronto spalmo la lingua tra le sue spalancate ed invitanti cosce. Mentre la possiedo con la punta della lingua percepisco il suo intenso respiro, mentre tremanti mani spingono con forza la mia testa tra le sue cosce
Mi dedico ad una caldissima fica con un pensiero non è solo la fica di una gran bella donna, porca e matura, ma è quella di quel troione di mia madre.
Succhio il clitoride lo stringo alla base lo prendo tutto in bocca, lo stuzzico con la lingua
“Noooo così mi fai venire subito!......” … “E’ proprio bravo il nostro piccolo mandrillo” la riflessione di mia zia che, nuda sul lettino accanto a noi si sta adoperando per darsi piacere da sola, senza perdersi un istante del mio sbavare sulla fica della sorella.
“Rosa mio figlio è un porco e io che sua madre sono una puttana, mi sta facendo godere non posso res****re sto venendo, vengo vengoooooooo….” e sento il suo corpo scosso da tremiti intensissimi mentre la mia bocca è pervasa dal nettare del suo piacere.

Ho il cazzo che sta per scoppiare davanti a due magnifiche donne che si guardano sorridendo ambigue.
“Anna dobbiamo fare qualcosa, questo bel cazzone è pronto a esplodere, tu l’hai già assaggiato adesso tocca a me. Ma non voglio farla da sola facciamogli vedere quanto siamo brave assieme” è immediato il riscontro di mia madre che si alza e, alle mie spalle, lascia aderire la caldissima sua figura al mio corpo. Sento i suoi grossi seni schiacciarsi sulle mia schiena. Distinguo nettamente duri capezzoli sfregare la mia pelle. In preda ad una intensa eccitazione lascia scivolare lenta la lingua lungo tutta la schiena. Le mani sul mio petto stringono tra le dita i miei di capezzoli. Li stringe forte mentre con il corpo scivola sino alle mie gambe. Sento la lingua soffermarsi sul solco che separa le mie natiche. Le sue mani stringono forte il mio duro cazzo alla base offrendolo alla insaziabile bocca della sorella.
Zia grata accetta il magnifico dono e golosamente picchietta la lingua sulla punta, la lascia scorrere lungo su tutta l’asta, aiutandosi con la punta a risucchiare in bocca le mie palle piene di sborra. Quanto è troia! Poi risale senza mai lasciare il contatto con l’asta che pulsa frenetica tra le sue labbra, arriva alla enorme cappella pervasa dai primi intensi segnali di un enorme piacere, senza ritegno fa sparire tutto il cazzo sino in gola.
Una sensazione meravigliosa.
“Che porche che siete, mamma tu sei una maialona incredibile, e guarda, guarda questa porca come si prende tutto il mio cazzo fino in gola.”
“Sapessi quanti ne ha presi lei e quanto le piace farsi inondare la bocca, sai è proprio una gran porcellina la tua mamma” e la ferma risposta di mia zia.
Mamma non risponde, chinata alle mie spalle è impegnatissima a leccarmi tra le natiche. Non avevo idea di quanto fosse eccitante sentire una lingua calda che si infila nel tuo buchetto.
È travolgente sentirsi leccare il corpo. Una bocca caldissima mi spompina ed una lingua frenetica mi possiede. È chiara l’intenzione farmi venire! Tremo dall’eccitazione sono pronto a schizzare tutta la mia sborra calda direttamente nella gola di mia zia.
Mamma sparge nervosa la lingua sul mio vergine culetto, una sensazione ancora di più accentuata quando le unghie lunghe e ben curate risalgono lentamente l’interno delle cosce massaggiando inizialmente la sacca dei testicoli, stringe ancora il cazzo alla base indirizzandolo verso la famelica bocca della sorella, ritorna sui glutei affondando nella mia carne le taglienti unghie.
Sussulto è un piacere immenso!
Istintivamente irrigidisco il busto, ma è solo un attimo. Paradossalmente, infatti, agevolo questa sua azione rilasciando la tensione dei muscoli anali e lei in preda ad una irrefrenabile lussuria, soffermandosi in prossimità dello sfintere, inumidendosi il dito medio me lo infila nel culo lasciandomi di sasso. “Rosa succhialo che il puledrino è pronto!”
“sto venendo…” urlo il mio piacere e zia accelera il movimento della lingua risucchiando il cazzo in bocca, mamma stringe ancora una volta forte il cazzo alla base. Una stretta forte al limite del dolore fisico mentre sono pervaso dal piacere che quel suo dito mi procura.
Contro natura favorisco la penetrazione della piccola asta che, ben inumidita, mi possiede.
Ho tutti i muscoli del corpo contratti ed il cervello che mi scoppia, sto quasi per svenire dal piacere. Mamma rilascia d’impeto la sua stretta morsa e “sssssiiiiiiii….” un primo schizzo, e subito un secondo pieno di sborra densa e calda riempie la bocca di zia che ingoia senza spargerne neanche una goccia.
Tiro fuori il cazzo dalla bocca di zia e continuo a schizzare scaricandole sul viso ancora una enorme quantità di sperma. Schizzi violenti, che indirizzo anche sul viso di mia madre che nel frattempo si è accovacciata accanto alla sorella per godere anche lei del mio piacere.
E’ uno spettacolo vederle fare a gara per chi ne riesce ad assaporare di più. Mi abbandono completamente consapevole che sto godendo con due magnifiche femmine.
Fantastiche, un sogno che sto vivendo scoprendo quanto porche siano mia mamma e sua sorella come non avrei mai potuto immaginare.
Schizzo ancora il mio seme sul corpo di entrambe, indirizzando la mia calda sborra sulla bocca, sui seni sulla pelle. Fiotti caldi che raccolgono con la lingua per assaporarne il gusto. Magnifico vederlo passare dalla bocca esperta di mamma a quella famelica della sorella, con il minuscolo filino che sembra unisca le due donne in un crescendo sessuale che sembra non abbia fine. Continuo a schizzare il mio piacere con sempre maggiore trasporto ricevendone in cambio una sensazione di godimento estremo.
Unisco la mia lingua alla loro, assaporo anch’io il gusto del mio seme. Lecco il seno di entrambe perdendomi nella morbidezza di una pelle resa vellutata dal piacere vissuto, mordo con passione i capezzoli irti di entrambe mi abbandono al calore di due bellissimi corpi.

Non c’è più alcun limite alla trasgressione. Nessun pudore pervade tre corpi intrisi da un altissimo trasporto sessuale. Sdraiato con le loro teste sul mio petto con delicate dita che mi accarezzano il viso. I nostri respiri si affievoliscono e lentamente tornano normali. Solo il mio cazzo non intende perdere potenza ed un solo pensiero riempie la mia perversa mente …….non ho ancora scopato mia madre………………... Continue»
Posted by alex1983 2 years ago  |  Categories: Group Sex, Lesbian Sex, Taboo  |  Views: 489  |  
100%

mia sorella e io complici


io e mia sorella siamo gemelli,anche se non ci somigliamo neanche un po'.abbiamo compiuto da poco la maggiore età.siamo complici e porci.ci piace scopare e farlo con chi ci va.anche tra di noi lo abbiamo fatto.mia sorella,non ha più un buco vergine.spesso,porto gli amici di scuola a casa e ce la scopiamo.lei contraccambia,portando delle sue amiche che poi convince a farsi scopare da me.nella ns relazione i****tuosa,tutto è valido.lo scorso autunno,siamo stati sul mar rosso.era il regalo dei ns genitori per il 18° compleanno.andammo là senza di loro.alla sera,vedemmo una coppia di novelli sposini,tutti belli felici e mano nella mano.
ci guardammo e sadicamente decidemmo che loro sarebbero state le ns vittime per quella vacanza.alla sera,con un pretesto,facemmo la loro conoscenza.anche noi ci spacciammo per una coppia in luna di miele.iniziò il loro martirio.allo spettacolo,le moglie erano sedute al centro con i rispettivi mariti ai fianchi.iniziato lo spettacolo,iniziai a frugare tra le cosce di mia sorella,alias mia moglie.allargò bene le gambe per consentirmi di lavorare al meglio.l'altra sposina guardava sbigottita.il giorno successivo,il maritino,era sottoposto a tutta una ser di sollecitazioni da parte di mia sorella che avrebbero fatto prendere un infarto a chiunque.era l'unica ad essere senza reggiseno e aveva un micro bikini che la fica era spesso fuori.io non ero da meno.martellavo la sposina di continuo.con falsi pretesti le tenevo sempre le mani adosso.
la sera proposi una unica tavolata.mia sorella era con un abito bianco che in controluce faceva vedere quello che non c'era.era priva di biancheria intima. iniziò a far piedino al povero malcapitato.era sempre più in imbarazzo.io senza ritegno,facevo apprezzamenti sulla mogliettina e le tenevo gli occhi puntati sulla scollatura.dopo lo spettacolo,facemmo un giro per il villaggio.andaì giù pesante:raccontavo le ns prestazioni sessuali.ad un cero punto,mia sorella,abbraccio al collo il ragazzo da dietro,in modo che potesse sentire le sue tete e disse:perchè non venite su da noi in camera.i due erano impacciati e declinarono.la mattina successiva,iniziò nuovamente il bombardamento.la ragazza,fu costretta a togliersi pure lei il reggiseno.aveva due gran belle tette.glielo dissi immediatamente e le dissi pure che avrei voluto leccarle volentieri.mia sorella le dette la crema protettiva.il massaggio che ne s**turì era da vera troia.all'ora di cena eravamo già pronti.mia sorella,aveva una mini gonna mozzafiato e una camicetta abbottonata quel tanto o quel poco per far vedere le sue splendide tette.andammo a bussare alla porta delle ns vittime.lei era quasi pronta,lui ancora con l'accappatoio indosso.mia sorella prese subito l'iniziativa e disse alla ragazza.carino il vestito,ma il reggiseno và tolto.lei arrosì.mia sorella le infilò le mani nel vestito e tolse il reggiseno.era uno schianto.che mutandine hai?le chiese.normali,rispose lei.fai vedere cosa ti sei portata.era tutta roba castigata.quando è pronto lui,vieni da me che è meglio,le disse.forza dai cambiati,non vorrai venire in accappatoio?chiese mia sorella.si avvicinò al ragazzo e gli tolse l'accappatoio.era nudo e con l'uccello ritto.ehi..è tua moglie senza reggiseno,o sono io a farti quell'effetto?ci mettemmo a ridere e si vestì rapidamente.andammo in camera ns per cambiare le mutandine alla ragazza.le scelse un perizzoma che averlo o non averlo,sinceramente era la stessa cosa.la ragazza di tolse le sue e si infilò le altre,badando bene di non far vedere nulla durante il cambio.embè?disse mia sorella,non ci fai vedere come ti stanno?scosse la testa in segno di diniego.forza timidona...facci vedere come ti stanno?mia sorella le si avvicinò e le sollevò la gonna del vestito.aveva un gran bel culo,altro che,la volto e le labbra della fica,avevano fatto prigioniero il perizzoma.il pelo era tuuto fuori la stoffa.complimenti,dicemmo in coro.mia sorella,andò oltre,le passò la mano dal culo verso la fica.lei fece un sussulto.ma sei bagnata....allora sei una porcellina...e lì giù a ridere. a cena proposi di dividere le coppie,così fu fatto.non sò cosa diceva mia sorella a quel ragazzo,ma lo vedevo spesso toccarsi il cazzo,lo doveva avere gonfio.per quanto mi riguarda la frase più dolce che dissi alla ragazza,fu:te lo pianterei tutto in quel bel culo.
dopo lo spettacolo,salirono su da noi.in un attimo,mia sorella fu nuda.il ragazzo e la ragazza,erano ammutoliti.si avvicino alla ragazza e iniziò a palparla e a strusciarle con le labbra e la lingua il collo..la ragazza,tentava di non tradire le proprie emozioni...ma fu impossibile.le sganciò il vestito e le tolse il perizzomino.era stupenda.la portò sul letto e iniziò a leccarla come sa fare solo mia sorella.iniziò a mugolare.stava godendo,sotto quei colpi di lingua dati con maestria da mia sorella..iniziai a spogliarmi,il ragazzo mi segui e rimanemmo nudi.aveva il cazzo già in tiro.si avviò verso mia sorella e iniziò a leccarle fica e culo:era alla pecorina,per leccare la ragazza.mi avvicinai alla ragazza e iniziai a baciarla e a toccarla.allontanai mia sorella e iniziai a fottere la sposina.mia sorella,si stava facendo montare dal ragazzo.più scopavamo,più mugolavamo,più mugolavamo,più ci eccitavamo.feci mettere a pecorina la ragazza e iniziai a fotterla da dietro.si voltò verso il marito e disse:godo,amore mio,godo tantissimo.feci cenno al ragazzo di prendere il mio posto.tolse il cazzo dalla fica di mia sorella e lo infilò in quella di sua moglie.io passai davanti per farmelo succhiare.niente male come pompinara.feci sdraiare il ragazzo e feci salire la moglie su di lui.la scopava,mentre mia sorella le leccava i seni,io le leccavo la schiena e le toccavo il culo.la ragazza era al centro delle ns attenzioni.eravamo tutti per lei.dai mugolii,sembrava proprio che le piacesse.feci togliere mia sorella che si mise con la fica sopra al ragazzo per farsela leccare.io spinsi in avanti la ragazza e le piantai il cazzo in culo.era stretto e per questo mi faceva godere.pompavo a più non posso,lei gridava di piacere.ripeteva,ancora-ancora-non vi fermate-più forte.il ragazzo si tolse e volle inculare mia sorella.io continuavo a sfondare il culo alla sposina.le arrivai in culo,lei era esanime.il ragazzo,volle arrivare in bocca a mia sorella....
cazzo...che luna di miele ha fatto questa coppia...indimenticabile,penso.... ... Continue»
Posted by iincest 3 years ago  |  Categories: Anal  |  Views: 1170  |  
85%
  |  3

como comenso todo con mi madreee



0

0


Mi madre viuda en ese entonces, mi padre falleció’ cuando tenía yo 2 años, por lo tanto mi madre tuvo que trabajar para salir adelante con la familia, trabajaba de recamarera en un hotel de cierto prestigio, y ganaba lo suficiente para mantener a la familia que se conformaba por 3 hermanos, los mayores, que se fueron de casa a rehacer su vida en otra ciudad, por lo tanto solo vivíamos en nuestro hogar mi madre y mi hermana.

Mi madre Brenda era una mujer bella, en ese entonces con 44 años de edad, bajita de poco menos de 1. 60 m. de estatura, de piel clara sin ser rubia, cabello ondulado por debajo de los hombros, con una cara bonita de ojos cafés claros, labios carnosos con un pequeño lunar al lado, que le hacen ver su boca muy sensual, nariz pequeña y respingona, con un cuerpo llenito sin ser gorda, pues sus curvas se le delinean perfectamente, porque tenía unos senos medianos redonditos y firmes, sus piernas bien torneadas, pero lo mejor de ella, su trasero, redondo y amplio, que hacen que sus nalgas se vean duritas y paradas a pesar de su edad, porque al caminar se le ven espectaculares, y atrae mucho la mirada de los hombres, que al ser viuda, muchos de ellos han intentado relacionarse con ella, pero al parecer ella no ha cedido.



Mi hermana Gabriela, de 20 años de edad, de mediana estatura poco mas de 1.60 m. igual de preciosa que mi madre, pues son físicamente muy parecidas, sobre todo en sus preciosos traseros, solo que mi hermana tiene mejores sus piernas, es lo que más me atrae de ella, y le gusta lucirlas al vestir casi siempre con minifaldas, se le ven muy lindas al sentarse y cruzar las piernas y en combinación con sus nalgas paraditas y duritas, hacen de mi hermana una preciosidad de mujer; ella estudia en un colegio particular una carrera comercial, y muchos hombres la desean en la calle al verla caminar con su corto uniforme de colegiala. Yo me llamo Aurelio Misael actualmente tengo 44 años y en ese entonces en mi vida de adolescente estudiaba secundaria.



En esa época recuerdo que aun yo dormía con mi madre, e incluso nos bañábamos juntos, por lo tanto estaba acostumbrado a verla con poca ropa o desnuda, veía su hermoso cuerpo sin morbo, mi hermana dormía en la habitación contigua y también la llegué a ver con poca ropa, por lo que sabía de sus lindas nalgas y mejores piernas, todo lo veía sin ningún morbo hasta ese entonces. Mi madre se va temprano a su trabajo con la Sra. Natalia, son compañeras en el hotel donde laboran, las lleva el esposo de su amiga, por que trabaja por el mismo rumbo que ellas.



Por la tarde, cuando regresa mamá de su trabajo, siempre nos preguntaba si realizamos nuestras actividades diarias, tanto escolares como del hogar, luego comemos, y después mi madre descansa viendo tv. y mi hermana Gaby y yo salimos un rato con nuestros amigos, y por la noche después de cenar, mi hermana a su cuarto, y yo a dormir con mi madre, esa era nuestra rutina, ella siempre en época de frio me manda a la cama antes que ella para que le caliente su lugar, porque dice que es muy friolenta, ya con mi pijama puesto, espero a mi madre, que se acuesta a mi lado, vistiendo siempre con su ropa de dormir ligera y se le marca bonito su ropa interior, resaltando sus bonitas nalgas, y sin sostén se le notan sus lindos pechos, aunque un poco caídos se ven hermosos, con sus pezones pequeños se ve muy sensual; se acuesta a mi lado y siempre me da la espalda, para que la abrace y me hace juntar mis rodillas calientitas a las suyas frías, como en cucharita, para calentarle sus piernas, yo la abrazo colocando mi mano en su abdomen y en ocasiones en su amplia cadera, así dormimos siempre, sintiendo siempre su trasero en mi cuerpo, todo esto siempre sin morbosidad, hasta ese momento, porque recuerdo que ella no hablaba en casa de temas sexuales conmigo, no sé si con mi hermana Gaby sí; pero todas las noches, al sentir el cuerpo de mi madre, y al ir creciendo, fui descubriendo la sexualidad en mí, la cual no sabía gran cosa, solo de las platicas que escuchaba en la escuela con mis compañeros de que tal compañera estaba bonita, o de que tal maestra estaba buena, y ya en casa al ver a mi madre y hermana las comparaba y reconocía que ellas estaban más buenas que cualquier compañera o maestra, cosa que me lo confirmó un día mi amigo de juegos Nacho, que lo invité a comer a casa y en todo el rato no quitaba la vista de las curvas de mi madre y hermana, y al retirarse me hizo el comentario de que tenia suerte de que viviera con ellas, que las dos estaban bien buenas, eso me cabreó y decidí no invitarlo tan seguido a casa. Después de eso empecé en fijarme más en mi madre Brenda y mi hermana Gaby como las buenas hembras que eran.



Gracias a la sabia naturaleza humana, empecé a tener mis primeras erecciones, sobre todo al vivir con dos hermosas mujeres, y verles sus hermosos cuerpos con poca ropa, y sobre todo por las noches al dormir con mi mamá, y tener junto a mí su cuerpo pegado al mío, ya era inevitable que mi pene erecto, estuviera en contacto con sus nalgas, eso me gustaba, a pesar de que trataba de evitarlo, haciéndome hacia atrás un poco, pero ella entre dormida y despierta reculaba su trasero a mi erecto pene que dentro de mi pijama lo sentía palpitar al estar en contacto con su hermoso trasero, ante esto, no sé si mamá consentía sentir mi duro pene en sus nalgas, puesto que nunca hacia nada por evitarlo, esto dio lugar al inicio de mis primeras masturbadas, todas en honor al gran trasero de mi madre, en ocasiones me animaba a palpar ligeramente con la palma de mi mano sus nalgas por encima de su ligero pijama que usa para dormir y mi placer era mejor al sentir su duro trasero, me imaginé y fantaseaba que ella también lo disfrutaba al dejarme tocarla, pues por la mañana la veía mas cariñosa y de mejor humor con nosotros. Toda esta situación se repetía todas las noches durante un placentero mes.



Hasta que un fin de semana mi madre nos dijo que iba a una fiesta con su amiga Natalia, que se llevaría a cabo en el hotel donde trabajan, que durmiéramos temprano, y que por favor me quedara en el cuarto de mi hermana, porque al regresar de la fiesta, su amiga se quedaría en casa a dormir, con el permiso de su esposo, que estaba trabajando fuera de la ciudad.

Por la noche después de cenar y ver un poco tv. Gaby y yo nos disponemos a dormir en su habitación, ya en otras ocasiones he dormido con ella, cuando tenemos visitas familiares, por lo que no es raro dormir juntos, ella sin ningún pudor, se desnuda dándome la espalda, para ponerse su cortito pijama, desde la cama veo como se retira su sostén y al colocarlo en una silla pude ver un poco sus grandes pechos redonditos y firmes, luego se retira su minifalda, y deja al total descubierto sus hermosas piernas, y sus lindas nalgas, enfundadas en un pequeño bikini rojo, y veo que por detrás se le mete perfecto entre sus ricas nalgas; ante este gran espectáculo, tuve una irremediable erección que disimulé con mis manos tapándome, porque mi hermana se acercaba ya puesto su cortito pijama caminando muy sensualmente para apagar el televisor, veo que está buenísima mi hermana Gabriela, después de un buenas noches, se acuesta a un lado mío dándome la espalda igual como lo hace mamá, yo estando boca arriba y con mi erección a tope, y con la poca luz que entra por la ventana, veo por debajo de la sabana que le cubre, el contorno del rico culo de mi hermana, y teniéndolo a mi alcance me dan ganas de tocarlo, así que espero un rato a que Gaby se duerma, cuando creo que lo está, coloco suavemente mi mano sobre su cadera, por encima de la sabana, la mantengo un rato ahí para notar su reacción, al no haber rechazo, me animo a palpar lentamente con la palma de mi mano, el contorno de sus carnosas nalgas, sintiendo su dureza y firmeza de ellas, animado por mi gran excitación me animo a meter mi mano por debajo de la sabana, y empiezo acariciarla sobre la delgada tela de seda de su pijama, y con mi dura verga palpitando de placer, me animo a mas y me volteo hacia ella, y como lo hago con mamá, coloco mi erección entre sus nalgas, y me quedo ahí un momento para ver su reacción, al no haber respuesta negativa, me arriesgo a mas metiendo mi mano dentro de su pijama siento su bikini rojo y tomándola de su cadera la atraigo suave y firmemente hacia mí, ya con mi verga de fuera y sin medir consecuencias por lo caliente que estoy, le empiezo a puntear suavemente sus nalgas, ese fue mi error, pues bruscamente se mueve y dándome un coz, me despierta a mi realidad haciéndome saber que no estuvo totalmente de acuerdo con mi atrevimiento, apenado y resignado se me baja mi erección y me dispongo a dormir.



Por la mañana me levanto antes que mi hermana, pues esperaba que me reclamara los toqueteos que le hice, durante el desayuno, noté a Gaby más seria conmigo, yo evitaba mirarla fijamente, pero no me recriminó nada, mi madre no notaba serios y nos pregunto que como nos comportamos anoche, mi hermana viéndome directo a los ojos contesta: -"todo estuvo bien, verdad Misael?", yo turbado y nervioso contesto afirmativamente; después del desayuno, Gaby salió con sus amigas, yo me fui al cuarto a ver tv. mamá y su amiga Natalia se fueron a la sala a tomar café y platicar de lo acontecido en la fiesta, la Sra. Natalia era una mujer alta y flaca casi sin chiste, pero con unos pechos enormes como melones, y esa ves traía una blusa con un gran escote, que dejaba ver gran parte de sus grandes pechos, que durante el desayuno se los pude ver cuando estábamos en la mesa; estando en mi cuarto, escuché las risas de mi madre y su amiga, y curioso me acerqué un poco a escuchar:

-"Que bárbara eres Natalia, anoche te pasaste con el tipo con el que bailaste toda la noche, te desapareciste, te estuve buscando y al encontrarte en el patio del hotel, te vi con la blusa de fuera, y que mamada de chichis te estaba dando ese tipo, pero lo más caliente fue cuando te hizo arrodillar, y sacándose su verga vi que era enorme, te obligó a mamársela, te la comías toda se ve que eres buena mamadora, jajajaja, hasta que lo hiciste eyacular todo su semen que cayó en tus grandes pechos que te cargas”, ante semejante platica que escuchaba, y el hablar de esa forma tan caliente a mi madre, se me empezó a parar, y sacándome la verga del pantalón me empecé a masturbar lentamente, escuchando las palabras calientes de mi madre, pero más excitado me puse al continuar la charla de ellas.

--"Pero tú no te quedaste atrás Brenda, por que el tipo con el que bailaste toda la noche, te cachó espiándome, y vi que se acercó lentamente por detrás de ti, y te empezó a tocar tus nalgas, y de lo excitada que estabas viéndonos, te dejaste tocar toda, claramente escuché tus jadeos de lo caliente que estabas por la mamada que viste que le hacía a esa grande verga, y vi como el tipo detrás de ti, te tenía con el vestido subido a tus caderas, y vi tu bikini bajado en tus rodillas creo que te estaba dando una buena cogida jijiji",…..en esa parte de la conversación, me excité aun mas y empecé a masturbarme con mas ímpetu.

-"Tienes razón Naty, me dio mi cogida, solo que me dejó muy caliente, porque me dio unas cuantas metidas de verga y eyaculó muy rápido, y me dejó con ganas de que me cogiera por más tiempo".

--"Pero Brenda, con ese culote que te cargas, a cualquier verga exprimes rápido, y con ese movimiento de nalgas que le hacías, el pobre hombre no aguanto mucho"….. y soltaron la risa las dos, en ese momento no pude aguantar más, y masturbándome aun con mas rapidez, e imaginándome el meneo de culo de mi madre, con mi verga quizá dentro de ella, me vine soltando gran cantidad de leche, que quedó regada en el piso, después de limpiar mi tiradero, me regresé a la habitación, recordando la morbosa situación en que estuvieron involucradas en la fiesta, y con satisfacción descubrí para mi conveniencia, que mi madre no es tan puritana como aparenta en el hogar, sino mas bien es una hembra sensual, caliente, fogosa, hermosa, y que está muy buena, además es mi madre y duerme todas las noches conmigo, y me deja tocar su lindo cuerpo.

Ese mismo día, después de comer y que la Sra. Natalia se regresó a su casa, mi madre nos comunica que nos preparemos porque vamos de compras a un centro comercial, luego que ellas se vistieron para la ocasión, que por cierto se veían muy hermosas, mi hermana Gabriela iba vestida con una blusa roja de tirantitos de tela delgada, con un generoso escote, que dejaba ver parte de sus bonitos senos, y un pantalón de lycra blanco, que se ajustaba muy bien a su cuerpo, dejando ver en su lindo trasero el contorno de su diminuto bikini, calzaba unas zapatillas de tacón que le hacían lucir sus hermosas y firmes piernas; mi madre iba con un vestido ligero de una sola pieza que le llegaba por encima de las rodillas, que al caminar se le pegaba a sus bonitas caderas, que hacía que al ir por el centro comercial, la mirada de casi todos los hombres las recorrían viendo a ambas sus espectaculares traseros, yo al ir detrás de ellas veía con admiración y orgullo las ricas nalgas de ellas, porque tenía el privilegio de verlas de cerca ahí y en casa, y en ocasiones de tocarlas y acariciarlas.



Al terminar de comprar en la tienda, y de regreso a casa, pasamos a una zapatería por el rumbo de nuestro hogar, su dueño don Saúl, un tipo de unos 55 años de edad, que ya conocíamos, porque siempre compramos nuestro calzado en su negocio, que por cierto me cae bastante mal porque siempre ve a mama y hermana con lujuria cuando está cerca de ellas, al entrar, de inmediato nos recibió saludándonos, a mi con un qué tal Misael, y al dirigirse a ellas noté que con deseo y lujuria saludaba abrazando a ambas muy efusivamente, con beso en la mejilla a cada una, reteniendo abrazada a mi madre más tiempo de lo normal, ella lo retiró nerviosa por la presencia de nosotros, luego nos hizo sentar y nos mostró varios pares de zapatos a cada uno de nosotros, en un momento dado, en que mi hermana no se decidía por algún calzado, le sugirió ir a la bodega a traer más piezas, mientras mama y yo elegíamos los nuestros, después de un buen rato regresan de la bodega mi hermana y detrás de ella don Saúl, ella venia con 2 pares de zapatos, se notaba contenta y ruborizada, a él lo note con una sonrisa de satisfacción, y sin quitarle la vista de sus nalgas, le noté a través de su pantalón que traía una erección y una mancha que trataba de disimular con su mano, luego ignorándome y mirando fijamente a mi madre, la invita a la bodega a escoger su calzado.

--*Brenda, en bodega tengo más variedad de modelos, y veo que aun no eliges los tuyos, acompáñame y ves lo que tengo para ti allá dentro, porque a tu hija le gusto lo que tengo guardado, verdad Gaby? …….Ella visiblemente nerviosa responde afirmativamente.



Don Saúl , tomando a mi mama de la mano, con cierta confianza, se dirigen a la bodega. Nos quedamos Gaby y yo eligiendo mi calzado; al poco rato y aprovechando que mi hermana se entretenía viendo mas artículos, me dirijo a la trastienda en busca de mi mama, presintiendo que el lujurioso de don Saúl pudiera aprovecharse de mi madre, al llegar, abro con sigilo ligeramente la puerta y los veo, mi madre se encuentra ligeramente agachada, escogiendo entre varias cajas sus modelos, don Saúl sentado en un banco, a escaso metro y medio de distancia detrás de ella, le da una estupenda visión de su lindo trasero, tanto el viejo como yo vemos como su vestido se le sube ligeramente a medio muslo, por la posición en que se encuentra, dejándonos ver y disfrutar el nacimiento de sus buenas nalgas, sus amplias caderas y bonitas piernas, ante semejante espectáculo, veo como don Saúl se soba su verga por encima de su pantalón, que en ese momento ya debe de tener una buena erección , y sin que mi mama se dé cuenta, se acerca y se agacha ligeramente para poderle ver mejor sus nalgas y su ropa interior.

Mi madre sin sospechar del agasajo visual que nos está dando, elige un par de zapatillas de tacón alto, y al tratar de ponérselos en sus pies, don Saúl, acomedido le pide ayudarle a ponérselos, la hizo sentar en un pequeño banco, quedando su vestido por sobre sus rodillas, el en cuclillas se coloco frente a las hermosas piernas de ella, y tomándole la pantorrilla con una mano, procede a colocarle el calzado, al terminar de hacerlo, deja como por descuido la mano en su pantorrilla, para luego subir lenta y sutilmente, sintiendo palmo a palmo la suave piel, hasta llegar a su rodilla y dejar su mano allí, esperando la reacción de mi madre que solo en silencio se queda observando sus zapatillas, como si no estuviera pasando nada fuera de lo común, ante esto, el lentamente le empieza abrir las piernas de ella, viendo claramente como asomaba el nacimiento de su bikini rojo, excitado, su mano siguió su camino por debajo del vestido, animado ante la pasividad de mi mama, don Saúl ya abarcaba la totalidad de sus frondosos muslos, llegando incluso a tocar ligeramente con sus dedos el sexo de mi madre, seguramente ya húmedo, pues emitió un leve quejido, al sentir el toque en su sexo, ante esto, ella nerviosa y excitada, se levantó de su asiento, y con una picara sonrisa, se fue caminado lenta y sensualmente ante el espejo para ver cómo le quedaban sus zapatillas, pude ver que se veían su piernas muy lindas, porque su calzado de tacón le resaltaban sus pantorrillas y se le marcaban muy sexi sus músculos de sus piernas, así como se le notaban mas paradas sus nalgas.

--*Te quedan muy bien esos zapatos Brenda, te ves mas buena de lo que ya estas. Le dijo el., ella solo le sonreía coqueta, y siguió ante el espejo modelando sus zapatos y su figura.

--*Quédate ahí Brenda y te pruebo este otro par, le dijo a mi madre, que se quedo de pie, y él se arrodilló frente a ella para colocarle el nuevo par, al terminar de hacerlo, ella se volteo a verse en el espejo, y se veía igualmente buena, el notando y viendo a su alcance el rico culo de ella, se acercó a tocarla nuevamente, primero palpando con sus manos las pantorrillas, diciéndole lo bonitas que se veían sus piernas, y nuevamente empezó a subir sus manos lentamente por las extremidades inferiores de mi madre, acariciando su piel por detrás de sus rodillas, ella se dejaba hacer, por lo que animado, prosiguió con los toqueteos, ahora metiendo sus manos por debajo del vestido, continuó el camino ascendente hasta llegar a su gran trasero, mi madre igual en silencio y se dejaba hacer gimiendo levemente, al llegar a sus nalgas las palpó y acarició por encima de su bikini, logree ver cómo le dedos de él se metían entre sus glúteos acariciando su vagina y culo al mismo tiempo, mi madre seguía frente al espejo, con los ojos cerrados y disfrutando de las caricias que recibía, don Saúl dueño total de la situación y voluntad de mi madre, le sube su vestido a la altura de sus caderas, y lentamente le va bajando su bikini rojo que poco a poco se desliza por las piernas de ella, hasta retíralo con la ayuda y complicidad de mi madre, que sigue emitiendo leves jadeos de lo excitada que en ese momento se encuentra, y con voz ronca de excitación y poco convincente dice:

- *Para ya Saúl, que pueden venir mis hijos a buscarme, y el, haciendo caso omiso y frente a la desnudes de sus nalgas, las empieza a lamer y mordisquear, con tal excitación que con una mano se empieza a sacar el pene de su pantalón, ya liberado veo que es grande y grueso, y ante la situación y las nalgas desnudas de mi madre, me saco yo mi pene y me empiezo a masturbar viendo el gran espectáculo sexual de mi madre sometida y entregada a todo lo que le hace el viejo lujurioso.

--*Que buen culo tienes Brenda, te encuentras bien caliente, porque siento tu chocho bien mojado, te voy a dar una buena cogida ahorita que estas chorreando de caliente, jejejeje…..ella excitada con las morbosas caricias del viejo y con la poca voluntad que le queda:

- *Eeespera Saúl, aquí es muy peligroso, pues nos pueden descubrir mis hijos o tus empleados, decía mi madre, sin detenerle las manos que ya se encontraban estrujando sus pechos, y besando su cuello y boca para callar las débiles protestas de ella, que ya entregada empezó a corresponder de igual forma, abriendo la boca para recibir la lengua caliente del viejo, en un húmedo y lujurioso beso, que recibía mi madre que ya mas excitada con su mano cogió el grueso pene de él y lo empezó a sobar y masturbar frenéticamente.

Ante esto no aguanto más y masturbándome más fuerte empiezo a eyacular gran cantidad de esperma sobre el marco de la puerta, en donde me encuentro viendo la inminente cogida a mi madre.

Don Saúl seguía acariciando y manoseando a su antojo el culo de mi madre, lo cual ella permita, hasta llegar al punto de estar desnuda de la cintura hacia abajo, el viejo teniendo a su disposición su espectacular trasero, el cual acariciaba, lamia y saboreaba a su antojo, y mi madre dejándose hacer todo, ya presa de la excitación en que la puso el tipo con sus hábiles intenciones que eran el cogérsela ahí mismo, y ante semejante espectáculo me hice la masturbación más placentera, corriéndome en abundancia, al terminar y quedar realmente satisfecho de ver a mi madre con sus ricas nalgas totalmente expuestas, sigo viendo la acción en la que don Saúl sigue detrás de mi madre, acariciando y disfrutando con la desnudes de sus buenas nalgas, la inclina un poco apoyándola en respaldo de una silla, veo sus lindas tetas colgando, procede abrirle ligeramente las piernas, y apuntando su erecta verga, la dirige a la entrada de su vagina que alcanzo a distinguir la humedad que tiene debido a lo caliente que se encuentra mi madre ya sometida y totalmente entregada a la inminente cogida que con gozo espera recibir, y Don Saúl, poniendo el glande de su pene entre los labios de su vagina, le inicia introduciendo lento, pero firmemente su hinchado miembro, ante esto, mi madre emite gemidos de satisfacción:

-Aaaaaahhhhh, mmmmhhhhh,,,,,,, y el viejo ya dueño de la voluntad de ella, la toma por sus grandes caderas, y le empieza a meter pausadamente toda su grande verga, y con asombro veo que mi madre coopera, reculando sus nalgas, tratando de comerse todo el palo del tipo, y lo logra porque veo que se encuentra totalmente pegado al gran culo de ella, con seguridad tiene totalmente su verga dentro de mi madre, que al instante empieza a mover su gran trasero, en eróticos movimientos circulares, gimiendo de excitación, y el viejo amasando sus caderas, la empieza a coger con movimientos lentos y disfrutando del hermoso trasero de mi madre…..

--Aaaaahhhhh, ooooohhhhh, que rico culo tienes Brenda, y que bien lo sabes mover, que bien te comes mi verga putita linda, mmmmmhhhh…. veo como entra y sale la verga de ese viejo entre el par de ricas nalgas que posee mi, hasta hace poco santa madre, también veo como la vagina engulle con gula la tranca erecta de él, al ver todo esto, me empiezo a excitar nuevamente, con mi verga totalmente parada de nuevo, presenciando a mi ex abnegada, dulce y honesta madre, que está recibiendo una cogida que la está haciendo gemir y disfrutar de gozo…….

-Oooooohhhhhh, siiiii, cógeme así, méteme duro esa rica verga que tienes Saúl mi amor, aaaahhhhhh, ya extrañaba sentirte dentro mío de nuevo, aaahhhhhh, sigue y no pares, mmmmmmhhhhhh…….

--Claro que si mi amor, siempre que quieras estaré dispuesto a coger este rico culo que tienes, ahora muévase usted solita y ensártese lo que quiera zorrita culona, jejejejeje…. a pesar de mi excitación, siento celos al saber que no es la primera vez que mi madre le da las nalgas a ese odioso viejo y el ver como ese tipo disfruta de mi madre llamándola zorra, y busco la forma de detener ese caliente espectáculo, aproveché el momento en que mi hermana Gabriela se dirigía hacia mí, preguntando el porqué mi madre tarda tanto, procedo hacer ruido detrás de la puerta de la bodega, y con voz fuerte para que escuchen, le digo a mi hermana:

---Ven Gaby, vamos por mama que ya se tardó mucho…….. voltee a ver la reacción de ellos, mi madre se encantaraba inclinada con su vestido totalmente remangado a su cintura, con su desnudo trasero totalmente expuesto y ensartándose ella misma la dura estaca de Don Saúl que aferrado fuertemente a sus caderas, la seguía cogiendo ahora más rápido, pero lastima por ellos, porque todo terminó, cuando mi madre, asustada por escuchar mi voz, la veo que rápidamente se incorpora, y desenchufándose de la verga que la estaba cogiendo, avienta a don Saúl bruscamente a un lado, cayendo al piso, quedando sentado en el piso, con la verga parada y brillante de los jugos que le impregno el chocho de mi caliente madre, que nerviosa, asustada y aun caliente, se acomodo como pudo su vestido, y tomando sus zapatos, se dirigió de prisa a la salida, notando la puerta ligeramente abierta, al salir nos encontró esperándola, la vi nerviosa con la respiración entrecortada, debido a la cogida que le dieron, y con la duda de que quizás lo vimos todo, nos dijo turbada y nerviosa:

-Vámonos hijos, que ya es tardísimo….., y siguió caminando con sus nuevas zapatillas puestas, tomó su bolso guardando su calzado se dirigió presurosa a la salida de la tienda, antes mi hermana le preguntó que si ya pagó los calzados que llevamos, contestando que ya se había arreglado con don Saúl, y valla que bien que se arreglaron, pensé al recordar la cogida que le dieron en pago por los zapatos que adquirimos, tomando nuestras bolsas, salimos tras de ella, y al fijarme en el trasero de mi madre, noté tras su ligero vestido que no llevaba su bikini, puesto que lo dejó en la bodega cuando se lo bajaron para cogérsela, antes de salir de la tienda, voltee atrás y veo al viejo recargado en la puerta de la bodega, con una cínica sonrisa, diciéndonos adiós con la mano, la cual traía el bikini rojo de mi madre, agitándolo como si de un trofeo se tratara.



Al llegar a casa, mi madre se fue a su habitación, seguramente a ponerse ropa interior, al poco rato salió con una bata semitransparente, quizá para que viéramos que si traía ropa interior, dejando ver su maduro y bonito cuerpo, se acerca y nos pregunta si queremos cenar algo, o si tenemos alguna cosa de que platicar, quizá tratando de indagar algo sobre lo ocurrido en la bodega, mi hermana le dijo que ella no iba a cenar y que se iría a su habitación a repasar sus tareas escolares, yo le dije que solo tomaría un jugo y vería tv antes de dormir, mi madre suspirando tranquila, se relajó un poco al creer que no sabía de la cogida que le dieron momentos antes, confiada se acercó a darme un beso en la mejilla, y aproveché para abrazarla colocando una mano en su hombro y la otra en su espalda baja, muy cerca de sus nalgas, que las pude sentir bajo su bata, rozando sutilmente con mi dedo meñique el pliegue de su bikini, sentí su cuerpo calientito, quizá aun estaba excitada, pues no creo que haya tenido orgasmo alguno cuando se la cogieron, pues creo que le hizo falta más verga para que quedara satisfecha, ante el contacto con ella, y teniendo ya mi mano cerca de sus nalgas, no pude evitar que mi verga reaccionara empezando a crecer, con intención pegué mi cuerpo al de mi madre, para ver que reacción tenia, arriesgándome a que me regañara, y al sentir mi dureza en su pelvis, quizá fue mi imaginación, pero sentí por un momento que se pego mas a mí, e hizo un pequeño movimiento circular de su pelvis, como queriendo sentir mi verga, después de darme mi beso en la mejilla, se retiró de mi abrazo lenta, nerviosa y un poco agitada, deshaciendo el acercamiento que duró un instante, pero que lo disfruté bastante, me dijo que se iba a dar una ducha, porque se sentía cansada.

Se dirigió al baño, moviendo con marcada sensualidad su bonito trasero, destacando su bikini que apenas podía albergar su par de lindas y grandes nalgas; me tomé mi jugo y me recosté en la cama viendo tv, al poco rato salió mi madre del baño, envuelta en una toalla, y me ordena que también me dé una ducha, me dirijo hacerlo sin quitar la vista de su lindo cuerpo, y antes de cerrar la puerta del baño, veo a mi madre que de espaldas a mí se retira la toalla que la cubría, para ponerse su ropa interior, veo su desnudo trasero que al agacharse para colocarse su braga, admiro su rico culo, y empiezo a volver excitarme, y aprovechando que no me ve, me empiezo a masturbar viendo como se pone su ropa de una forma muy sexi, ya puesto su cortita bata de dormir y sin sostén, se dirige al espejo, para admirarse lo linda y buena que esta, satisfecha de su atuendo se dirige a la cama y se recuesta para ver tv, antes de cerrar la puerta del baño, veo que al estar acostada se voltea boca abajo y veo que sus lindas nalgas sobresalen como dos volcanes en erupción y entre sus nalgas sobresale su bonito bikini rojo, que ligeramente se le mete entre sus ricos glúteos, ante esto me masturbo frenéticamente y eyaculo a un lado de la puerta del baño, con la imaginación de estar encima del rico trasero de mi madre dándole una cogida como hace rato se la dio Don Saúl, fantaseo con mi verga metida toda en la vagina de mi madre y terminando de depositar todo el semen que eyaculo dentro del coño de ella.

Sin que se dé cuenta de mi morbosa acción y masturbada, limpio los restos de semen y me dispongo a bañarme lo más pronto posible, para estar cerca de mi madre, al salir la veo en la misma posición, con su gran culo en pompa enseñándolo para regocijo mío, sin que me vea y sin quitar la vista de las nalgas de ella me acuesto a su lado, recordando como hace rato le entraba el grande pene de ese viejo entre las nalgas de mi madre, de nuevo fantaseo ser yo su hijo quien disfrutara de su culote esa misma noche, me acerco a un lado de ella, esta recostada boca abajo con su cabeza recostada en la almohada, le hablo bajito preguntándole si duerme y no me responde, la observo detenidamente y veo su cabeza volteada hacia mí, admiro su bonito rostro con sus ojos cerrados, y creo que tengo una mama muy bonita, recorro la mirada hasta llegar a su lindo trasero, el cual está expuesto por que su cortita bata de dormir se le ha subido hasta el inicio de sus carnosas nalgas, asomando su pequeño bikini rojo, ligeramente incrustado en la línea que divide sus glúteos, me regocijo ante esta visión preciosa, y les juro que era el trasero más hermoso que e visto tan cerca en mi vida de adolecente, por su simetría firme y por sus perfectas curvas, esta visión hizo que mi verga estuviera nuevamente parada como un mástil,, con excitación la libero de mi pijama y empiezo a meneármela lentamente, sin quitar la vista de su trasero, al pocos segundos de estármela meneando, veo con temor que mi madre tiene los ojos abiertos, observando detenidamente mi maniobra, asustado y nervioso trato de tapar mi erección con mis manos, ella esbozando una sonrisa divertida, y sin reclamos me pide que apague la luz para dormir, me levanto a obedecer y siento su mirada curiosa en mi entrepierna como buscando ver de nuevo mi verga parada, apago todo y la habitación se queda en penumbras, nervioso me acomodo a su lado y me pregunta en voz baja el por qué estoy así, haciéndome el disimulado y con voz nerviosa le contesto que así como, ella sonriendo me dice:

-*Así, con tu cosa paradita hijo, todo me lo preguntaba en un tono de interés, no de reproche ni de regaño, como esperando responderle que estaba así por ella, por su lindo cuerpo, por su culo que en realidad era el motivo de mi erección.

--*Perdóname mama, estaba así porque te veías muy bonita recostada boca abajo, y se te veía muy bonito tu cuerpo y tu batita dejaba ver tus, tus, este, tus ssentaderas…….le contesté todo nervioso.

-*Pero Misael, si siempre me has visto con poca ropa, y en ocasiones desnuda, no me digas que esto te puso así, jijijiji…… me dijo con una picara risita, dándose unas palmaditas en sus nalgas.

--*Así es mama, pero hoy te veo más bonita, tu cuerpo se ve estupendo, y tus sentaderas las veo lindas con tu bonito bikini. Mi madre contenta y satisfecha de mis comentarios hacia su anatomía, me acaricia la cara con su calientita mano, luego la baja para hacerme cariños en mi abdomen, en un momento dado siento como su dedo meñique roza ligeramente mi verga, deja su mano un momento en mi bajo vientre, emocionado y excitado esperaba que de un momento a otro mi madre tomara con su mano mi verga y la acariciara, en voz baja y ronca me dice:

-*Ya es tarde hijo, buenas noches vamos a dormir, y retirando su mano de mi cuerpo, me da la espalda para acomodarse en la cama, cubriéndose con la sabana se dispone a dormir, antes de que lo haga le pregunto con interés y ventaja:

--*Mama, antes que duermas, quiero comentarte que hoy en la tarde, cuando escogías tus zapatos en la bodega de don Saúl, fui a buscarte y sentí rabia y celos…..

-Porque sentiste eso hijo?.... respondió mi madre tratando de aparentar calma…..

--Porque creí ver que el te estaba acariciando tu cuerpo cuando fuimos con Gaby a buscarte….. ante esto noté como mi madre tensó su cuerpo de preocupación ante mi comentario, presintiendo que había visto como se la cogió don Saúl en la bodega, nerviosa responde sin dejar de darme la espalda, quizá por temor a verme a los ojos y no poder darme una explicación coherente:

-*No se dé que me hablas hijo, yo solo escogía mis zapatos, y don Saúl me ayudo a elegir y es-cogerme los adecuados, pero ya duérmete Misael, que mañana tenemos que levantarnos temprano, mejor mañana hablamos, me dijo mi madre tratando de no continuar la plática y acomodándose, se dispuso a dormir.

Luego de un buen rato que mi madre dormía plácidamente, me acomodé detrás de su cuerpo como lo hago todas las noches, pego mi pelvis con erección incluida al trasero de mi madre, sintiendo mi verga que nunca perdió su dureza palpitar de gusto al estar en contacto con las nalgas de mi madre, permanecí estático un momento, pensando que ésta era la oportunidad de llegar a mas que los simples toqueteos de todas las noches, creía que era suficiente motivo el hacerle entender que vi la cogida que le dieron en la bodega de la zapatería, con este razonamiento decidí arriesgarme e iniciar el camino a mi objetivo que era acariciar más vehemente las ricas nalgas de ella y masturbarme hasta eyacular encima o dentro de ese deseado trasero de mi santa madre.



Empiezo con sutileza a estar pegado a su cuerpo, colocando mi mano en su amplia cadera, acariciando y masajeando sutilmente, esperando su reacción, con mi verga palpitando y alojada en medio de sus nalgas, haciendo ligera presión y por el silencio de parte de ella, me animo y le descubro su cuerpo, quitando lentamente la sabana que la cubría, bajándola hasta sus piernas, dejando expuestas sus lindas posaderas, que se ven divinas a pesar de la poca luz que hay en la habitación, pero la suficiente para poder ver bien su lindo cuerpo y seguir con mi objetivo, mi madre al parecer seguía dormida, y proseguí acariciando piernas, cadera y nalgas de mi madre, ante el no rechazo de mis acciones, me anime un poco más, y con la yema de mis dedos seguí el contorno de su bikini que contenía el tremendo culo de mi madre, alcance a palpar sus sensuales llantitas y por delante su pequeña barriguita, bajando hasta su pubis y sentir sus pelitos que se le escapaban por el costado de su bikini, sintiéndolos sedosos, animado mas por el silencio de ella, tomé con mucho cuidado la orilla de su bata y se la levante hasta la cintura, por encima de sus caderas, quedando su trasero expuesto a mi entera disposición, coloco mi mano de nuevo a su cadera y me junto mas a ella, pegando mi bulto a su cola y empiezo hacer leves movimientos como si me la estuviera cogiendo, 3 movimientos y espero su reacción, nada solo silencio, al parecer mi madre seguía o se hacia la dormida, animado ante esto libere mi verga del pijama, y la coloque punteando su culo, sin dejar de acariciarle sus nalgas y simulando estarla ya follando, realice otra serie de movimientos coitales y espere su reacción, e increíblemente mi madre seguía en silencio, animado, acaricie la raya que divide sus nalgas, acariciando ya con mas tacto y bajando mis caricias llegué a palpar la parte posterior de su vagina que sentí humedad por encima del bikini, ahí me detuve y en forma circular acaricie con más ímpetu ese húmedo rinconcito, esperando alguna respuesta de mi madre, y seguía todo igual en silencio.

Situación de que mi madre me daba a entender que ella también disfrutaba, emocionado y con el corazón palpitando a tope por la excitación, me animo a separar por los lados el bikini que tapa el rinconcito húmedo de mi madre y siento con mis dedos los labios vaginales húmedos en la entrada de su vagina, y alrededor de ellos palpo lo sedoso de su vello púbico, masajeo en forma circular ese divino lugar, y en ese momento escucho un leve jadeo de mi madre en forma de un mmmhhh, en forma apenas audible, y nervioso retiro mis dedos, embadurnados con los jugos del chocho de ella, creí que despertaba, espere un poco, pero nada, todo seguía en silencio, pero ahora noté que mi madre tenía su respiración entrecortada, prueba de que quizás estaba disfrutando igual o más que yo, tras unos segundos en que mi madre seguía en la misma pasividad a todo lo que le hacia su hijo, y antes de continuar, sentí que mi mano seguía húmeda con los jugos que le recogí de su vagina, con morbo y curiosidad, me los lleve a la nariz para olerlos, no me desagrado su olor, luego me los lleve a la boca para probarlos, y.... ¡me encanto el sabor de los jugos de mi madre!, la sensación fue simplemente espectacular.

Era increíble que a pesar de mi poca o nula experiencia sexual en mi vida de adolescente, que tuviera a mi madre en esa situación de morbo, tocando y profanando ese hermoso trasero a mi entera disposición, que ya en ese momento lo sentía solo mío, y también me parece más increíble el hecho de que mi madre se encontrara acostada semidesnuda a un lado mío, totalmente expuesta para mi goce particular, dejándome profanar su rico trasero hasta ese momento de entera satisfacción, porque creo que ella por muy dormida que se encuentre, debe sentir perfectamente el escarceo recibido por mí, sin sentirlo y despertar, por lo tanto, ante su pasividad y silencio me demostraba que estaba gozando quizá más que cuando don Saúl o cualquier otro hombre disfrutaron de su cuerpo cuando se la cogieron, ante todo esto decidí continuar con mi prohibida tentación a la que ya me era imposible resistir.



Seguí pegado al cuerpo de mi madre, acariciando con mis dedos ya libres de los jugos de su vagina, sigo acariciando sus ricas nalgas escuchando su respiración entrecortada de goce, lo hago con más confianza pero con la misma sutileza del principio, me animo con poco disimulo, tomo la parte superior de su bikini, y lo bajo lentamente, deslizándolo por sus nalgas con cierta dificultad, y con la complicidad de ella, que, que movió su trasero en forma apenas imperceptible, facilitándome la acción hasta dejarlo a medio muslos, quedando libres y expuesto ese bello par de nalgas, el silencio y su reparación agitada de mi madre, me dieron luz verde para seguir y hacer algo con más ímpetu, y tomando mi dura verga, la acerco a su culo, pasando la punta, por toda la superficie de sus desnudas sentaderas, como si con una brocha la estuviera pintando, y mi verga palpitando de gusto, al sentir la deliciosa piel desnuda, baje mi mano para volver a sentir su vagina, acariciándola y sentirla más mojada, tanto que de nuevo embadurno mis dedos de sus líquidos calientitos que emanaban de ese precioso conducto.

Mama seguía, si, seguía con su divino silencio, ya totalmente entregada a lo que su hijo le hiciera, y mi palo palpitante y erecto en su máxima expresión, esperaba impaciente alojarse dentro del chorreante coño de mi madre. Sin pensarlo más, tome sus nalgas, firmemente con mi mano, las abrí un poco, quedando expuesto de nuevo el hueco de su trasero, coloque mi verga en ese sitio, presionando todo ese espacio, haciendo nuevamente pequeños movimientos coitales, buscando dar alojo a mi dura verga, y con la lubricación natural de mis líquidos pre seminales, y con la humedad que había en la hermosa hendidura de su cola, fue que mi palo fue resbalando, lentamente un poco hacia abajo, tocando la puerta de entrada al paraíso que no era más que la encharcada vagina de mi madre, seguí punteando intentando entrar, pero había cierta dificultad en mi odisea por penetrarla, debido a mi inexperiencia y también por la dimensión de su trasero, pero increíblemente mi madre me ayudó, al parar levemente su cadera, y reculando un poco hacia atrás, hizo que esta perfecta maniobra, dejara mi glande justo a la entrada de su húmedo coño, quedando ambos un momento estáticos, casi sin respirar por la emocionante postura en qué quedamos, con nuestros corazones latiendo a todo lo permitido por el grado de excitación que estábamos llegando, después de unos segundos que me parecieron horas por el silencio reinante en la habitación, siento como mi madre realiza un leve movimiento de su trasero hacia mi verga, como si fuera una orden a que ya me la cogiera, emocionado, procedí como todo hijo obediente a cumplir su orden.



Apoyándome firmemente a su cadera, le fui introduciéndole poco a poco mi virilidad, por el mojado conducto vaginal, que me recibió dándome la bienvenida con un apretujón de sus paredes vaginales, al tronco de mi verga, seguí penetrándola sin dificultad, debido a la humedad reinante ahí, yo estaba en la gloria, sintiendo como abrazaba su vagina toda la longitud de mi falo durante la penetración, dándome mi madre el máximo deleite, succionando con su vagina cada centímetro de mi erecto pene, engulléndolo de hambre y deseo, con un acoplamiento perfecto entre el coño de la madre y la verga del hijo, como personificando una gran obra a esta i****tuosa relación, al llegar al tope, entendí que la tenia totalmente penetrada, me quedo pegado a su bello culo, con mi verga palpitando de emoción, totalmente incrustada dentro de mi madre, me quedo quieto con mi respiración agitada, buscando alguna reacción de parte de mi madre, e igualmente todo en silencio, sin palabras, a excepción de un gemido de goce por parte de ella, al sentirse totalmente penetrada y cogida por su hijo, teniendo a mi madre con su silencioso consentimiento, procedo a cogérmela ya con firmes arremetidas, metiendo y sacando mi verga de su rica vagina, en movimientos ya poco sutiles, me quedo un momento quieto, e inmediatamente ella prosiguió con el placer al empezar a mover en forma deliciosa y circularmente su enorme culo, con lentitud y sutileza, le cogí el ritmo y continúe cogiéndomela vigorosamente, de pronto siento el cuerpo tensarse de ella, emitiendo gimoteos en forma de ooohhhhhhhhmmmm, ahora un poco mas audibles, prueba de que mi madre estaba teniendo un buen orgasmo, con la cogida que le estaba dando su hijo.

El placer me inundaba todos mis sentidos al tener a mi madre ensartada con mi palo y haciéndola gozar de placer, y presintiendo la proximidad de mi inevitable eyaculación, comencé a moverme un poco más rápido, hasta que arrojé toda mi leche dentro del coño de mi madre, convirtiéndome inmediatamente en todo un hombre, noté como ella seguía convulsionándose lentamente ante mi torrencial eyaculación, seguimos allí un momento pegados, relajándonos del maravilloso esfuerzo, reposando ambos del gran placer que nos dimos, de rato retiro mi chorreante verga de la vagina de mi madre y como si no hubiera pasado nada le acomodo su bikini, tapándola con la sabana, yo me guardo mi feliz verga, y procedemos a dormir, a los pocos minutos veo que mi madre se para en silencio para ir al baño, seguramente a limpiarse los jugos emitidos en su concha, regresa se acuesta a mi lado, me hago el dormido y me abraza sintiendo su cuerpo aun calientito y dormimos felices y contentos. Soñando yo que mi segundo despertar sexual era con la buena de mi hermana Gabriela. ... Continue»
Posted by ferrdum678 7 months ago  |  Categories: Mature, Taboo  |  Views: 917  |  
100%

Dopo mia madre anche mia sorella

Storia trovata su internet

Era finita la vacanza ed io avevo realizzato il mio sogno, scopare mia madre, anzi avevo fatto di più, mia madre si comportava con me, come una gran puttana.
Si!.. l’avevo fatta diventare una vera e propria puttana.
Si!... la mia puttana, come spesso le facevo dire, mentre la scopavamo e questa situazione mi eccitava e mi faceva sentire pieno di me stesso.
Mi faceva stare bene pensare che potevo fare quello che volevo con mia madre, mi sentivo quasi il suo padrone.
La mia famiglia come vi avevo già descritto era composta da mia madre Franca, di 50 anni,
mio padre,52 anni e mia sorella Sabrina, che all’epoca dei fatti, aveva quasi 15 anni, ma che durante la storia che ho già narrato, era in Inghilterra per una vacanza studio.
Ed io sono Gianni e all’epoca avevo 18 anni.
I miei sogni erotici mi spingevano, prima di poter realizzare il mio sogno di poter scopare mia madre a frugare nella biancheria intima di mia madre, masturbandomi e immaginando di possederla, ma c’è da aggiungere, che anche a mia sorella, da poco, avevo cominciato ad annusare le mutandine indossate e a frugare nelle sue cose intime.
Ma il mio vero sogno, prima delle vacanze estive èra e mia madre ed a mia sorella davo poco peso.
Mia sorella era diventata una ragazza, alta, anche lei un pochino pienotta, come mia madre, anche se a differenza di mia madre, con un seno piccolo e molto più magra, ma molto proporzionata e con dei capelli ricci castani chiaro ed una bella espressione da impunita.
Dopo essere tornati a casa dalle vacanze, il giorno dopo mio padre, si dovette recare in aeroporto per riprendere mia sorella, anch’essa al termine della sua vacanza studio in Inghilterra.
Giunti a casa, io e mia sorella ci salutammo con un lungo abbraccio e dopo poco ci mettemmo a cenare e ad ascoltare le esperienze di mia sorella in Inghilterra.
Durante la cena, nonostante gli sguardi furtivi e carichi di complicità che ci lanciavamo con mia madre, frutto delle nostre gran maialate, non potetti fare a meno di guardare mia sorella con occhi diversi dal solito.
Si!... mia sorella era diventata proprio un bel bocconcino e non vedevo l’ora che si andasse a cambiare e a rinfrescarsi per poter andare a sentire l’odore delle sue mutandine.
Cristo!... che maiale!... dopo mia madre stavo cominciando a pensare di scoparmi mia sorella?.
In ogni caso erano quelle erano le sensazioni che provavo e non potevo farci nulla.
Con mia sorella, anche se più piccola avevo avuto sempre un buon rapporto, anche di buona confidenza. Me la trovavo spesso dietro, o in camera mia, per pormi magari domande anche sul sesso, di cui lei era curiosa ma di cui non conosceva molto e d'altronde neanche io fino a che avevo cominciato a scopare con mia madre. Comunque anche se mi davo un tono da profondo conoscitore e se anche qualche volta mi dava un po’ fastidio trovarmela sempre tra i piedi, era comunque una persona a cui ero molto affezionato.
Dopo cena, come avevo previsto, mia sorella andò a rinfrescarsi in bagno, ed io, dopo che lei era uscita, mi precipitai in bagno per odorare le sue mutandine.
Afferrai quelle mutandine velocemente e le portai sul mio viso.
Cazzo!... che buon odore che sentivo e cominciai a leccarle e a baciarle. Il mio cazzo era diventato di marmo e mi sentii tornare un po’ all’origine, di quando mi chiudevo in bagno per frugare fra le cose di mia madre, per poi farmi un gran segone.
Uscito dal bagno, mi recai in camera mia e come spesso faceva, venni raggiunto da mia sorella, che indossava un pigiama leggero estivo, mentre i miei erano usciti per andare a prendere il caffè da degli amici.
Cominciammo a parlare del più e del meno, ed io all’improvviso le dissi:
“Cara sorellina, ti sei fatta proprio carina, chissà quanti ne avrai fatti innamorare in Inghilterra”
“Trovi veramente che io sia così carina?... ho lo dici solo per prendermi in giro?”
Io a quel punto eccitato all’idea di farmi anche mia sorella, buttai l’amo:
“No!... sorellina ti trovo veramente carina e se non fossi tuo fratello ti corteggerei?”
Lei rimase qualche secondo in silenzio e poi con quell’arietta da impunita che aveva mi rispose, lasciandomi anche un po’ spiazzato:
“Davvero mi corteggeresti?... sai a me non dispiacerebbe per niente e poi sei anche un bel ragazzo”.
A quel punto mi venne da pensare se per caso mia sorella fosse stata sempre invaghita di me, e che io non io non me ne fossi mai accorto?.. e continuai:
“Dai dimmi la verità, una carina come te, non può non aver fatto nessuna esperienza in Inghilterra”.
Lei mi guardò, sempre con l’aria da impunita, ma anche un po’ seccata, mi rispose:
“No!... non ho fatto niente con nessuno ti dispiace?”
“No non mi dispiace, ma non ti arrabbiare te lo chiedevo solo per curiosità”
Mia sorella con quell’aria impunita e un po’ da maialina che aveva assunto,che mi ricordava un poco quella di mia madre, disse:
“All’ora ti fa piacere”
Io guardandola negli occhi risposi immediatamente, pensando… forse sto per iniziare mia sorella!...
“Si!.. si!... mi fa molto piacere”
“Perché ti fa piacere?”
A quella domanda, fatta con quell’aria, non potetti fare a meno di rispondere:
“Perché vorrei che tu scoprissi il sesso con me e perché sono geloso di te”
In verità non ero mai stato molto geloso, ma mi venne di dirlo e lei sembrò molto colpita e dopo qualche secondo di silenzio:
“Davvero sei geloso di me?”
“Si!”
“All’ora… all’ora ti piaccio….”
“Si!.. mi piaci molto”
“E bello sentirti dire queste cose.. sono felice, ed io devo confessarti una cosa fratellino”
“Cosa mi devi confessare sorellina?”
“Io è da tempo che… ecco.. sono.. sono..”
“Sei cosa?”
“Ecco son.. mi piaci, hoo… insomma ti amo!.. ecco lo detto”
Le presi la mano e gliela baciai dolcemente e aggiunsi:
“Davvero mi ami?”
“Si!.. ti amo”
“E veramente vuoi scoprire il sesso con me?”
“Si!.. lo desidero tanto.. ma vorrei anche che tu andassi piano e che mi facessi conoscere tutto con dolcezza… ecco adesso, mi sto vergognando … chissà cosa penserai di me?”
“Penso che tu sia bellissima e dolce”
E quel punto, accostai le mie labbra alle sue e parti un bacio lungo e appassionato e se anche mia sorella non baciava bene, come quella puttana di mia madre, quel bacio fu uno dei più belli della mia vita.
Il mio cazzo mi tirava da matti e mi portai istintivamente la mano sui pantaloncini che in quel momento indossavo e me li abbassai lasciando libero il mio affare.
Staccai la bocca da quella di mia sorella e gli feci vedere l'uccello in erezione:
“Ti da fastidio sorellina?”
"No!.. no.. non mi da fastidio…Dio che roba, fammi vedere!"
Disse avvicinandosi.
"Posso toccarlo... non ti faccio male!"
"Certo che puoi toccarlo e non mi farai male stai tranquilla"
Lo toccò delicatamente.
"Mi piace molto quando me lo tocchi sorellina; puoi stringerlo anche più forte, non mi fai male
anzi... "
Cominciò a carezzarlo con più vigore poi mi dette anche un bacino sulla punta.
"Sono contenta di essere qui con te... " sorrise " ...finalmente posso fare sesso con qualcuno, ma soprattutto con il ragazzo che amo….."
Sentire mia sorella considerarmi il ragazzo che amava, mi fece ancor più eccitare. Con mia madre era stato bello, ma con mia sorella era divino.
"Anch'io sono contento di essere qui con te…. e anche io ti amo. Ma ora vorrei che ti spogliassi e che mi facessi vedere la tua farfallina."
Si spogliò in fretta, e anche io, mi finii di togliere i pantaloncini e la maglietta che indossavo.
Mentre lo facevo guardavo mia sorella, aveva proprio un bel corpo con due seni appena accennati, un cespuglio nero fra le gambe e un culetto rotondo e sodo.
Le carezzai i capezzoli mentre lei si mordeva il labbro inferiore, poi la girai e le carezzai le natiche, la feci sedere sul letto, lei aprì le gambe e mi avvicinai alla sua figa, era circondata da morbidi riccioli neri e aveva un piacevole odore di selvatico.
Delicatamente le dischiusi la fica e cominciai a baciargliela e a leccargliela. Era una fessurina stretta e l’idea che stavo leccando per la prima volta la figa vergine di mia sorella mi faceva impazzire ed il mio cazzo era duro e pronto a sborrare, non avrei resistito per molto.
La mia sorellina mugolava di piacere e mi teneva le mani fra i capelli, agitandosi tutta e quasi contorcendosi, iniziò a dirmi con la voce e le parole rotte dal piacere:
“Ti amo Gianni… Ti… a..mo tanto”
“Ti amo tanto anche io… sei bella e voglio che tu sia solo mia”
“Siiiiii!!... am..amore… sono solo tua .. sono solo tu…aa.. è bellissimo.. è belliss.iimo.. hooo… hooo… hooooo.. Gia…..nni … Gianniiiiiiiiii…. hooooo”
La mia sorellina oramai completamente persa nel suo primo intenso piacere, allargò ancora di più le gambe e con le sue mani, teneva quanto più possibile aperta la sua fighetta vergine, quasi a volersi far sverginare dalla mia lingua.
Io non potevo più res****re, feci appena in tempo a rialzarmi e cercare di portare il mio cazzo verso la sua bocca, che venni copiosamente, investendo il suo bel visetto. Il resto della mia sborra gliela feci colare sul suo piccolo seno.
"È questo lo sperma che voi maschi spruzzate quando venite?"
Mi chiese pasticciando con le dita il seme che le avevo sparso sul viso e sui seni.
"Sì"
Le risposi accasciandomi sul letto vicino a lei.
"Ha un buon sapore, forse perché è il tuo e quello di un altro magari mi avrebbe fatto schifo"
Disse portandosi le dita alla bocca.
Io le sorrisi e la baciai sulla bocca.
La ripulii e rimanemmo a chiacchierare e scherzare ancora un po', poi Sabrina si rivestì e la invitai a tornare in camera sua per non destare sospetti nei nostri genitori, che di a poco, infatti, rientrarono.
Tornò in camera sua dopo avermi dato un bacio sulle labbra.
Rimasto da solo, cominciai a pensare che era incredibile che avevo scopato mia madre e l’avevo fatta diventare la mia puttana e adesso avevo cominciato a farmi mia sorella, che tra le altre cose, diceva di amarmi.
Ero frastornato e quasi incredulo, forse pensavo, io sto solo facendo delle cose che anche altri vorrebbero fare, ma che non hanno il coraggio di fare per vari motivi.
In ogni caso mi sentivo frastornato, ma anche felice e con questi pensieri mi addormentai.
Ma il mio sonno non durò molto e durante la notte mi sentii svegliare, era mia sorella che al buio era venuta di soppiatto ad infilarsi nel mio letto..
“Gianni ti ho svegliato?”
Sentii bisbigliare al mio orecchio:
“Sabrina cosa fai qui?.. Non vorrai che mamma e papa si sveglino e ci scoprano!”
Dentro di me pensavo, soprattutto mia madre, non osavo pensare a cosa sarebbe potuto accadere:
“Fratellino, ho fatto piano… e so che rischiamo, ma la voglia di stare vicino a te tanta e non ho saputo res****re”.
Dicendo questo si strinse a me e mi bacio sulla bocca con grande passione:
“Ti amo Gianni.. ti amo”.
Diceva, staccando per poco le sue labbra dalle le mie, ed io pur conscio del rischio venni preso di nuovo da una forte eccitazione e il mio cazzo era diventato duro e spingeva con forza dentro i miei pantaloncini, ma non restò lì molto. Infatti sentii la mano di mia sorella che si infilava nei mie pantaloncini per afferrare con forza il mio cazzo.
“Che bello fratellino e.. e ..come è duro… dimmi che è solo mio”
A quella richiesta ebbi un sussulto e il mio pensiero andò a mia madre, ma non potevo dire nulla e all’ora dissi in piena eccitazione:
“Si!... sorellina è solo tuo”
“Che bello fratellino, lo voglio solo per me non devi darlo a nessun altra.. io ti amo”
Dicendo questo scopri i nostri corpi dal lenzuolino che ricopriva e andò giù con il viso e comincio a baciarmi la cappella:
“E maglifico Gianni e poi è del mio amore ed è solo mio”
Sentii che metteva in bocca la mia cappella e cominciava a far scorrere la sua bocca sulla mia asta:
“Ti piace fratellino”
“Sei magnifica sorellina”
“Io non l’ho mai fatto, insegnami se non sto facendo bene”
“Noooo!... sorellina sei brava, segui il tuo istinto, ma parla piano ci potrebbero sentire”
“Sono brava?.. allora sono sempre stata una puttanella e non lo sapevo”
“Si sei una gran bella puttanella”
Mi sentii togliere completamente i pantaloncini e mia sorella si posiziono subito dopo fra le mie gambe allargandomele e cominciò a baciare e a leccare le mie palle:
“ Come sei bello fratellino… e sei solo mio.. dimmelo fratellino!... dimmelo!.... dimmelo!”
Io restai qualche secondo senza rispondere, perché mi stavo godendo il trafficare di mia sorella sul mio cazzo e sulle mie palle e poi perché, non potevo non pensare qualche volta a mia madre.
Ed improvvisamente sentii il dito di mia sorella poggiarsi e accarezzare il mio buchino del culo:
“Che fai Sabrina!”
“Dimmi che mi ami e sei solo mio.. dimmelo.”
E mentre parlava, sentii improvvisamente il dito di mia sorella conficcarsi nel mio culetto, non violentemente, ma sicuramente decisamente:
“Ha!.. soellina che fai?”
“Dimmi che mi ami e che sei solo mio”
“Si sorellina ti amo e sno solo tuo… ma che fai con il mio culetto?”
“Fratellino non sai che alle ragazze piace il culo dei ragazzi?... e poi se non mi dici che sei solo mio, ti ci infilo tutta la mano”
Sentendo il tono tranquillo ma molto deciso di Sabrina, risosi immediatamente:
“Si sorellina sono solo tuo e sarò solo tuo”
“Ti amo fratellino, mi piace tutto di te anche il tuo bel culetto è ben fatto, senza peli e assomiglia a quello di una donna”
“Mi fa piacere che tu apprezzi tutto di me, compreso il mio culetto, ma anche il tuo non è niente male, anzi è molto bello”
Sentendo le mie parole, sfilò il suo dito dal mio buchino e si mise a pancia in sotto accanto a me:
“Davvero è bello e ti piace?”
“Si è molto bello e ben fatto e anche molto sodo”
Dicendo questo le avevo cominciato ad accarezzare e a baciare la schiena e continuai fino ad arrivare alle sue stupende e sode chiappette. Effettivamente mia sorella aveva veramente un bel culetto ed io sempre più eccitato cominciai a pensare di volermela inculare:
“Sei bella sorellina e se io sono tuo tu sei mia … sei tutta mia”
“Si amore mio sono solo tua… fammi quello che vuoi”
Io intanto le avevo allargato le natiche con le mani e cominciai a leccarle il culo e mia sorella sembrava apprezzare molto..
“Hoo… ho.. che bello fratellino”
Mi lubrificai un dito con la saliva e glielo feci salire delicatamente sù per quel buchino stretto, stretto:
“Ti fà male sorellina?... ti piace?”
“Noo!.. fratellino non mi fa male… e si!..si.. mi piace”
Intanto le avevo delicatamente infilato anche un secondo dito e sentivo il suo buchino cominciare a dilatarsi e cominciai a ruotare e a muore delicatamente le mie dita ben piantate nel suu buchino. Presi il cuscino e glielo posizionai sotto la pancia, mettendomi dietro di lei fra le sue gambe…
“Sei bella sorellina e sei mia e adesso ti farò provare il mio uccello nel tuo bel culetto”
“Ho!.. fratellino ti amo… si! .. fallo, mati prego non farmi male.. ho un po’ paura”
“Non aver paura amore mio… vedrai sarà bello”
Misi un bel po’ di saliva sul suo buchino e sul mio cazzo e mentre lo facevo in preda all’eccitazione più estrema, pensavo dopo mia madre, sto per sverginare anche il culetto di mia sorella.. era incredibile.
Posizionai la cappella sul suo buchino e mi misi su di lei, baciandole il collo..
“Fratellino come è duro e grosso”
“Dimmi che mi ami sorellina”
Dicendo questo le avevo allargato le chiappe il più possibile con le mani e cominciai a spingere..
“Ha!.. fratellino piano.. ti prego piano… Haaaa fratellino… haaaaaa.. è entrato haaaaa”
Effettivamente il suo buchino si era aperto lasciando entrare la mia cappella:
“Buona sorellina, non gridare, si svegliano papà e mamma .. ti fa male?”
“Un po’… ma mi piace”
Io oramai in preda ad una specie di trans da eccitazione:
“Dimmi che mi ami sorellina, continua a ripetermelo e non strillare”
Misi un altro po’ di saliva intorno al mio cazzo e le allargai ancora le chiappette con le mani e cominciai a spingere con delicatezza ma senza mai fermarmi, fino a non sentire il mio cazzo completamente piantato nel suo intestino..
“Haaaaa… haaaa…haaaaaaaaaaaaaa… mi fa male… haaaa… haaa .. ti prego… ti prego piano”
“Zitta!... ci sentono!... dimmi piano, piano, che mi ami”
“Ti.. ti.. amo.. haaaa”
“Brava!... continua a dirmelo”
E cominciai a pomparle il culetto piano piano…
“Ti amo… haaaaa… ti… amo……ti amo… ti.. haaa .. amo”
“Brava sorellina vedrai che adesso ti passa il dolore.. senti come si comincia ad aprirsi il tuo buchino?”
“Sii… mi fa male.. ma sento che il tuo affarone.. scivo…la… haaa… dentro di me”
Comincia a fotterla sempre più velocemente e cominciando a dare colpi sempre più decisi…
“Goditi il mio cazzo nel culeto sorellina”
“Si.. si.. si.. haaaa… ha.. haaaaaaaaaaa… mi stai sfondando frate..llino… haaaa”
“Si!.. ti voglio sfondare sorellina.. voglio rompere il tuo bel culetto… dimmi che sei la mia puttanella”
Comincia a darle dei colpi molto secchi e decisi e con molta forza..
“Haaaa… haaa.. fratellino… sono… sono la tua puttanella…haa”
“Dillo ancora stronzetta e dimmi anche che mi ami”
“Ti a..amo.. ti amo.. haa.. sono la tua puttanella… sono la tua puttanella… ti amo… ha. haaa… Siiiii fratellino.. si fratellino sfondami il culo… si adesso è bello… mi… mi fàà.. male ma è bello”
Le portai una mano sulla fighetta e le infersi altri due o tre colpi molto forti:
“Sorellina ti vengo in culo”
“Siii… si..si.. Sfondamiiiii… ti amoooo… hooooooo vengo anch’io... spaccamelo… spacca…melooo…si si”
Lo tirai completamente fuori dal suo culetto e glielo feci risalire tutto su per le sue viscere con forza:
“E tutto tuo puttanella….”
“Siiiii… amore …. Haaaaaaaaaaaaaaaa……siiiiii…. è bellooooooooooooooo…hooo…hoo…..”
Le venni in culo copiosamente, mi fermai e mi calmai sopra di lei baciandole delicatamente il collo:
“Sei bella sorellina e sei mia … è stato bello sverginare il tuo culetto”
“Hooo … amore mi fa male, ma.. sono felice di avertelo dato… ti amo..ti amo”
“Me lo darai ancora?”
“Tutte le volte che vuoi amore mio”
Gli sfilai dal culo delicatamente il mio cazzo ormai sgonfio e ci baciammo appassionatamente.
Restammo un poco abbracciati, ma si stava facendo giorno e le chiesi tornare nel suo letto.
Mia sorella mi bacio di nuovo appassionatamente e mi disse:
“A domani amore mio”
“Si a domani, sorellina”
Se ne tornò, piano, piano, in camera sue e io cominciai a pensare che quello che mi stava accadendo era meraviglioso, ma nello stesso tempo mi saliva su anche un po’ di angoscia.
Infatti, come avrei potuto gestire il rapporto con mia madre e quello con mia sorella?... Non ne avevo idea, ma ero stanco e mi addormentai comunque felice di quelle esperienze.

Continua: Finalmente, di nuovo con mia madre... Continue»
Posted by alex1983 2 years ago  |  Categories: Anal, First Time, Taboo  |  Views: 1989  |  
87%
  |  1

Finalmente, di nuovo con mia madre

Storia trovata su internet

Mi ero addormentato, con dubbi e quesiti e mi svegliavo, sempre con la consapevolezza, che gestire il rapporto con mia madre e quello con mia sorella contemporaneamente, mi sarebbe stato difficile.
In ogni caso, quella mattina mia sorella era fuori, perché era andata a casa di una sua amica che non vedeva da prima della partenza per l’Inghilterra per la vacanza studio e non sarebbe tornata prima delle 15.00. Così almeno mi aveva sussurrato, venendomi a svegliare e a salutare con un bacio sulla bocca. Mio padre, era come al solito al lavoro e mia madre era giù in cucina, presa dalle faccende domestiche.
“Finalmente di nuovo solo con mia madre!”, pensai.
Era infatti da alcuni giorni che non avevo avuto più modo di poterla scopare e precisamente dal primo giorno che mio padre ci raggiunse in vacanza.
Era vero che mia sorella mi aveva eccitato e mi eccitava, perché la stavo in qualche modo iniziando, ma, mia madre era un’altra cosa. Mi mancavano molto le nostre grandi porcate.
Misi una maglietta sopra i pantaloncini che indossavo e decisi di scendere di sotto, ma mentre stavo per uscire dalla mia stanza, la mia attenzione venne colta da un oggetto posizionato su una mensola.
Era la mia telecamera e subito il mio pensiero corse veloce a possibili altre porcate da fare con mia madre.
Afferrai la telecamera, che all’epoca era una vhs a cassette piccole e scesi in cucina.
“Buon giorno mammina..”
Dissi appena entrato in cucina:..
“Buon giorno Gianni”
Rispose mia madre con un grande sorriso e continuò:
“Dai siediti che è quasi pronto il caffè, ma che ci fai con la telecamera in mano?”
“Questa mattina, ho deciso di filmare le bellezze della mamma più porca del mondo”
Risposi sorridendo..
“Non sarai mica matto?”
Disse restando girata verso il lavandino…
“E perché”
“Perché un conto e farle le porcate e un conto è filmarle”
Mentre parlava, io mi avvicinai e la strinsi a me baciandola sul collo e prendendole in mano le sue grandi tette.
“Mi sei mancata mamma…ti desidero da matti… sei.. sei bellissima”
“Anche tu mi sei mancato molto… sapessi…”
“Cosa dovrei sapere?”
“Bee!... quante volte mi sono sgrillettata pensando a te…. Ecco!.. ora te l’ho detto e mi sto già risentendo una gran puttana… la tua gran puttana”
“L’avevo immaginato mammina che in molte occasioni ti stavi bagnando ed eccitando pensando a me… Si!... sei proprio una gran puttana, ed è bellissimo dirtelo”
Dicendo questo la voltai e la strinsi a me baciandola sulla bocca con grande passione, passione, ricambiata tutta da mia madre…
“Ho Gianni.. ho Gianni…Sono sempre tua?”
“Siii!... mammina sei sempre mia, sei sempre la mia puttana, ti desidero, senti come duro il mio cazzo appoggiato sulla tua pancia?”
“Si!.. amore mio lo sento .. lo sento”
Comincia a sbottonarle il solito camicione che indossava in casa, lasciandola in mutande e reggiseno..
“Come sei bella mamma!”
Le tolsi anche il reggiseno e le sue grandi tette scesero sopra la sua pancia un po’ pronunciata:
“Sì!.. sei bella mamma, dai servimi il caffè in mutande”
“Certo figliolo.. siediti, che adesso la tua mammina ti serve il caffè”
Mi portò prima la tazzina e zuccheriera e poi si riavvicinò a me per versarmi il caffè.
Io la guardavo, cosi, con quelle mutande color avana chiaro un po’ ricamate ,che si aggirava per la cucina per servirmi il caffè e il mio affare cominciò quasi a farmi male per quanto era duro.
Preso il caffè, mi alzai velocemente, la baciai di nuovo sulla bocca appoggiandola quasi violentemente al tavolo della cucina.
“Che foga.. ti debbo proprio essere mancata molto”
Mi disse con quell’aria da porcella che ben conoscevo:
“Si!.. mi sei mancata molto ed adesso sono cazzi tuoi”
“Hoo.. amore.. si!.. Scopami!.. ti desidero.. sono la tua puttana, fammi quello che vuoi”
Le afferrai prima un seno e poi l’altro succhiando e mordicchiando, quei bei capezzoli prosperosi, mi inginocchiai d’avanti a lei e le abbassai le mutande:
“Che gran bella figa pelosa e quanto mi è mancata”
“E’ tutta tua.. è tutta tua amore mio”
Affondai il mio viso in quel mare di deliziosi peli e comincia a leccarle voracemente la figa.
Mi rialzai dopo un po’, togliendomi velocemente la maglietta e pantaloncini e lasciando svettare il mio affare dritto e duro.
Afferrai mia madre per le gambe e la misi seduta sul tavolino, portai le sue gambe sulle mie braccia e la feci sdraiare con la schiena sul tavolo.
Mi faceva impazzire mia madre, così, tutta nuda ed in mia balia, mi faceva impazzire vedere i suoi grandi seni che scendevano fino quasi a toccare il tavolo.
Le puntai il mio cazzo sulla figa già bella bollente e glielo infilai tutto dentro con vigore:
“Tieni mamma è tutto tuo”
“Hoooo… hooo..si!.... è tutto mio… dai..dai.. scopamiiiii”
La cominciai a pompare selvaggiamente, ma era troppo tempo che non la scopavo, ed ero troppo eccitato per durare all’ungo:
“Mamma vengoooo… ti riempio”
“Siiii…. Riempimi… Riempi la pancia della tua mamma”
“Sei bella mamma, ti avrei voluto mettere incinta… avresti voluto”
“Sei un porco!...”
“Ma avresti voluto?”
“Si!... si ..si.. maledetto porco, mi sarei fatta anche mettere incinta da te”
A mia madre era venuta, da non molto, la menopausa e se anche soprattutto all’inizio, non è una certezza, difficilmente sarebbe potuta rimanere incinta, ma l’idea che avrei potuto farlo mi eccitava molto.
La baciai di nuovo con grande passione e la ritirai su rimettendola in piedi.
Mi staccai da lei sempre guardandola e le dissi:
“Ora mamma è il momento di filmare la tua bellezza”
“Dai.. ti prego, un conto è che io sia la tua gran puttana e faccia porcate con te e un conto è filmarle”
“Mamma!.. fai come ti dico.. sei bella è meriti di essere filmata”
“Mi vergogno un po’”
“Ma come ti vergogni mamma?.. sei nuda davanti a me, ti ho appena scopato, abbiamo fatto in pochi giorni tante porcate insieme e adesso ti vergogni?”
“Si mi vergogno!.. che c’è di male?.. Ma!..ma .. se tu proprio vuoi lo farò”
“Certo che voglio!... e voglio anche che tu faccia tutto quello che io ti dico. Sei o non sei, la mia puttana?”
“Farò tutto quello che dici amore mio…. Ai ragione sono la tua puttana… dimmi che vuoi che faccia?”
Afferrai la telecamera e dopo averla sistemata gli dissi:
“Adesso mamma ti filmerò così tutta nuda, resta così tutta nuda in piedi d’avanti a me”
Cominciai a riprenderla lentamente, zummando sul suo viso e sulle sue tette, ed una cura particolare la dedicai alla sua figona pelosa, poi le dissi:
“Dai mamma girati, restando così, sempre in piedi”
“Si amore mio. Lo sai che mi sto eccitando?.. non credevo..”
“Dai mamma, questo è solo l’inizio”
Mia madre si volto e io cominciai a filmarla da dietro, dicendole ad un certo punto:
“Dai mamma piegati i rimani piegata”
“Ecco!.. amore mio, come vuoi tu”
“Ti fare entrare la telecamera in quel bel culo… mi piaci … hai proprio un gran bel culo”
Appena finito di filmare il suo buchino del culo, le quasi ordinai:
“Mamma, vedi quelle belle banane sulla fruttiera.. ecco!.. vai lì e prendi la più grossa e poi vatti ad appoggiare al lavandino restando in piedi”
“Ma cosa vuoi fare alla tua mamma?.. “
“Dai mamma vai a prendere la banana più grossa e vai verso il lavandino”
Così fece diligentemente. Mi eccitava vedere mia madre completamente mia complice e che eseguiva i mie ordini:
“Brava la mia puttana!.. ora dovrai divaricare un po’ le gambe e infilarti completamente nella fregna quella bella banana”
“Ma cosa mi fai fare?”
“Dai mamma, comincia a fare come ti ho detto, che so che ti piace, ed io intanto ti filmo”
Mia madre divaricò le gambe e aprendosi la fica con una mano, cominciò con l’altra ad infilarsi la banana lentamente, fino a quasi farla sparire tutta nella sua figa.
“Brava la mia mammina”
“Mi sento così vacca, amore mio”
“Ma tu sei una vacca, mammina”
“Si!.. sono una vacca, ma solo la tua vacca”
“Adesso mammina comincia a muoverla dentro di te lentamente e sgrillettandoti con l’altra mano”
“Si!... figliolo.. cristo!.. che vacca che sono..”
Mia madre cominciò a fare quello che gli avevo chiesto. Vedere mia madre tutta nuda che si stantuffava una banana nella figa e con una mano si sgrillettava, era magnifico.
Io mi accorsi che stava per venire e gli dissi:
“Mamma apri gli occhi e guardami… voglio che mi guardi mentre vieni”
“Si!..si.. siiii.. ti guardo”
“Urla che sei una vacca mentre vieni”
“Si!..siiiiiiii… Sono una.. una va.. cca… sonooooo…. Una vaccaaaaaaa…hooooooo…hoooooo…hhooo… sono una vaccaaaaaaa..ho”
“E brava la mia vacca, ora resta un poco così e riprenditi, ma non sfilarti la banana dalla figa”
“Si!.. amore mio.. ti amo”
“Anche io ti amo mamma”
Intanto il mio affare si era indurito e più godevo della visione di mia madre e più lei mi piaceva e mi eccitava, ma mi eccitava ancor di più, quell’essere puttana di mia madre ed il fatto che con me si era liberata da tutte le sue inibizioni, dando sfogo alle suoi più nascosti desideri.
Provare queste sensazioni è bellissimo ed unico e non si dimenticano mai.
Tornai a baciare con passione mia madre sulla bocca e le sussurrai:
“Mamma sei fantastica.. adesso, sempre tenendoti la banana dentro, vai verso il tavolino lentamente e piegati a novanta”
“Hoo!.. amore che altro vuoi farmi fare?”
“Niente che a te non possa piacere, mia bella puttana”
Mia madre comincio a fare quello che le avevo chiesto e io ricomincia a filmarla, soffermandomi molto, mentre era piegata a novanta gradi, su quella pezzo di banana, che si vedeva uscire dalla sua fica.
“Sei fantastica Franca!..”
Per chi non lo ricordasse, Franca è il nome finto, con cui ho chiamato mia madre per poter scrivere queste storie.
“Sono contenta di piacerti così tanto Gianni!... ma soprattutto di essere la tua puttana… non mi sono mai sentita così libera e puttana nella mia vita”
“Mi fa felice sapere, mammina, di essere quello che ti è riuscito a tirare fuori tutto.. ma dimmi ancora di essere la mia puttana, mi piace sentirtelo dire, mentre sei così, messa a novanta d’avanti a me”
“Si!.. sono la tua puttana… sono la tua puttana… sono la tua puttanaaaa e sono solo tua”
Posai la telecamera sul tavolo e le dissi:
“Preparati ad essere inculata mammina”
“Ho si amore mio.. inculami…Sii!.. incula, la tua puttana”
Mi inginocchiai dietro di lei e cominciai a baciarle appassionatamente il buchino del culo, contornato così bene da molti bei peletti, come fosse la sua bocca.
Tenendole le chiappe larghe con le mani, cominciai a premere la mia lingua sul suo buchino del culo. Mia madre era eccitatissima e bagnatissima e a fatica tratteneva la banana piantata nella sua fica, tantè, che mentre cercavo di far penetrare la mia lingua nel suo buchino, tenevo conficcata dentro di lei quella grossa banana, con la mia mano.
Sentivo il suo buchino dilatarsi, sotto solo la spinta della mia lingua e ripresi a baciarle il buchino come fosse la sua bocca.
Mi rialzai e le infilai un dito, con decisione, completamente nel culo:
“Che bella che sei mamma e che gran bel culo che hai”
“E tuo!.. amore e stato solo il tuo e resterà solo il tuo..”
“Mamma adesso ti faccio il culo..”
“Siii.. siii … amore fammi il culo è tutto tuo … solo tuo”
Sfilai il mio dito dal buchino del culo di mia madre e le appoggiai la mia cappella sù quella splendida piccola apertura..:
“Adesso mammina te lo spingo dentro, ma tu con una mano continua a tenere la banana dentro la tua bella fregna”
“Hoo!.. amore mio.. Sii!”
Le misi una mano sulla spalla ed un’altra sul suo fianco e comincia a spingere, con decisione, ma non violentemente il mio cazzo tutto dentro di lei.
Sentivo il mio affare farsi largo nelle sue viscere, senza grossa fatica e il suo buchino accoglierlo dilatandosi senza grandi sforzi.
Che bello che era vedere mia madre così eccitata e accondiscendente ,da far diventare il suo buchino del culo accogliente, come una piccola fighetta.
Ed era altrettanto bello sentirla..:
“Hoooo…. Hooooo ….hooooo.. amoreeee… siiiiii.. si!..si!.. tutto nel culo… mettimelo tutto nel culo”
“Si!.. mammina.. te lo metto tutto nel culo… ti ci faccio entrare anche le palle..”
“Siiii!..siiiiiii!.... ficcamici anche le palleeee… siiiii…”
Cominciai a stantuffarla nel culo, decisamente, da subito..:
“Mamma!... ti sfondo il culo… te lo faccio come non lo hai mai avuto”
“Siiii!.... sfondami.. sfondami… hooooo… hoooo… che belloooooo..oooo”
“Di che sei mia e che sei la mia vacca”
“Sii.. sono tua.. sono tua… sono la tua vacca.. sono la tua vacca….hoooo… hoooo… siiii”
Era bellissimo sentire mia madre, che mentre lo prendeva, così bene nel culo da me, mi diceva di essere la mia vacca.
La inculai con decisione per un po’, ma ad un certo punto, non potevo più trattenermi e anche se avrei voluto incularla ancora, sentivo che stavo per venire.
Cominciai all’ora, afferrandola per le spalle e a darle dei colpi molto forti e decisi nel culo…:
“Te lo spaccooo… mammana…. Te lo spaccooooo”
“Haaaaaaa…. Haaaaaaaaaa…Siiii!.. spaccamelo… hoooooo… spaccamelo…. spaccameloooo”
“Ti vengo in culo mammaaaaaaa”
“Siii… si!.si!.si!.. siiiiiiiii….. ven..goooo…vengooooooo anchi…ooooo…hoooooo…hoooo
…..hoo”
Le venni nelle viscere copiosamente, dicendole..:
“Dimmelo!... dimmelo ancora!... sei la mia vaccaaaa… hoooo…hooo”
“Sono la tua … vaccaaaaa…hooo … sono la tua vaccaaaaa”
“Urlalo!..”
“Sonoooo la tua vaccaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa…. Siiiii sono la tua vaccaaaaaaaaaaaaaaaaa”
Mia madre era talmente sconvolta ed eccitata che la banana che era riuscita a trattenere nella fica, fino a quel momento schizzo quasi via dalla sua bella spacca.
Le sfilai il cazzo dal culo e mi inginocchiai di nuovo dietro di lei, per poterle baciare di nuovo il buchino del culo.
Era bellissimo poter baciare quell’apertura, così bagnata e così dilatata, ma prima di rialzarmi, presi in mano la banana, o meglio!, quello che era rimasto della banana. Infatti, aveva cambiato colore, ed era completamente spappolata.
Feci rialzare mia madre dal tavolo, che aveva un aria sconvolta, come non avevo mai visto e le dissi:
“Mamma, oltre ad essere una vacca, hai anche una fica da vacca.. guarda come hai ridotto questa povera banana”
“Hoo.. Gianni… non capisco più niente, mi fai perdere qualsiasi controllo… ti amo…ti amo figliolo e sono la tua vacca… la tua grande vacca..”
Ci baciammo sulla bocca, sempre con grandissima passione, aggrovigliando con voluttuosità le nostre lingue.
Ma si era fatto tardi e mia madre aveva anche promesso alla sua amica del cuore che sarebbe andata a prendere il caffè da lei dopo pranzo.
Quindi mia madre si recò in bagno per lavarsi e feci la stessa cosa io, rimettendomi poi pantaloncini e maglietta.
Mentre a mia madre chiesi di preparare il pranzo e mangiare insieme a me rimanendo in mutande e reggiseno.
Io intanto, mentre mia madre cucinava, apparecchiava e parlava con me, avevo ripreso a filmarla con la mia video camera.
Era bello vedere mia madre muoversi con naturalezza e anche con piacere in cucina, mentre io la filmavo.
Mangiammo e mia madre si rialzò per sparecchiare e per andarsi a vestire. Mi alzai anche io e mi avvicinai a lei abbracciandola e dicendole:
“Vai mamma, ai piatti ci penso io, se no!.,rischi di far tardi”
“Grazie!.. amore mio, ma non è poi così tardi..”
Mia madre, non finì di parlare che io la strinsi a me e la baciai, per poi cominciarle a baciarle il collo..:
“Ho mammina, come sei bella”
“Grazie amore… ti amo”
“Ho voglia di te mamma, ho sempre voglia di te”
E facendola sedere sulla sedia, così, in mutande e reggiseno, mi abbassai i pantaloncini e le cacciai in bocca il mio cazzo.
“Mammina ciuccia!.. dai ciuccia!”
“Si!.. amore mio, la tua mammina te lo ciuccia tutte le volte che vuoi”
Mia madre cominciò a ciucciarmelo con amore e grande voglia, mentre teneva le sue mani sulle mie natiche.
Mentre vedevo la bocca di mia madre sagomarsi e scivolare sul mio affare magnificamente, sentii che aveva portato un suo dito sul mio buchino e aveva cominciato ad accarezzarmelo e staccando la sua bocca dal mio cazzo, disse:
“Ti dispiace?..”
“No.. mamma”
“All’ora posso continuare?”
“Fai quello che vuoi mamma…”
“Hai un bel culetto, amore mio.. te lo hanno mai detto?”
Mi vennero subito in mente le parole di mia sorella. Era incredibile!, anche mia madre aveva detto la stessa cosa e anche mia madre, probabilmente, stava per infilarmi un dito nel culo.
Ma io non potevo certo dirglielo:
“No!.. no!..mamma, non me la detto mai nessuna”
“All’ora te lo dico io.. ai proprio un bel culetto e un buchino molo, molto, attizzante.. Sei bello Gianni!.. sei tutto bello..”
“Ho mamma..”
Ma non finii di parlare, che sentii mia madre aprirmi le natiche con una mano e far salire tutto nel mio culetto il dito, che fino a quel momento aveva massaggiato il mio buchino.
Me lo fece entrare nel culetto, non violentemente, ma con una certa decisione, ed io esclamai:
“Hoo.. mamma.. piano”
“E’ bello amore, mio sverginare, in qualche modo il tuo culetto.. ti dispiace che lo fa la tua mamma?”
“No!.. mamma.. no!”
“Ti Piace?.. ti piace porco?”
“Si mamma…. Si è bello”
Mia madre rimise il mio cazzo nella sua bocca e ricominciò a ciuccialo con vigore, mentre sentivo che sfilava un pochino il suo dito dal mio culetto, per poi appoggiacene un secondo.
Mi piaceva, era incredibile, ma mi piaceva.
Ero eccitatissimo e quando mia madre si accorse che stavo per venire, sapientemente, mi infilò tutte e due i diti nel culo, spingendoli completamente dentro…:
“Haaa!.. mamma… haa! mamma … mamma vengoooo… hooooo.. bevi!.. beviii tutto troiaaaa”
Le venni in bocca e mia madre ingoio tutto tenendo sempre le sue dita ben piantate nel mio culo.
Finita di ingoiare anche l’ultima goccia, sfilò i suoi diti dal mio culetto e disse:
“E brava la tua mammina?... è la tua brava puttana?”
“Sei una puttana stupenda … mamma.. sei la mia puttana”
Detto questo la rialzai dalla sedia e la baciai con la passione di sempre. Ma, si era fatto tardi sul serio e mia madre dovette sbrigarsi a prepararsi per uscire.
Io le ribadii che ai piatti e alla cucina avrei pensato io e prima di uscire mia madre mi si avvicinò di nuovo per baciarmi, ed io le dissi:
“Mamma, ti conviene toglierti dal viso quella espressione da porca che hai.. se non vuoi che la tua amica capisca tutto”
“Amore mio!... ho davvero l’aria così porca?”
“Si!.. molto da porca”
Sorrise e mi bacio appassionatamente, dicendo:
“Ora è meglio che vada, se no, ricominciamo tutto e ricordati che tua sorella torna alle 15.00”
Ed io subito pensai “ A già!.. mia sorella”.
Detto questo uscì e io cominciai a sistemare in cucina, pensando che prima o poi avrei dovuto risolvere questo problema.
Il rapporto con tutte e due era eccitante e mi intrigava, ma poteva creare molti guai, visto anche che mia sorella sembrava molto possessiva.
E cominciai di nuovo a pensare, a come poter risolvere la cosa senza creare scandali.... Continue»
Posted by alex1983 2 years ago  |  Categories: Hardcore, Mature, Taboo  |  Views: 1874  |  
94%
  |  1

Le mie esperienze feticiste e non solo...

Le mie esperienze feticiste e non solo…

Premessa

Scrivo questo racconto per condividere pensieri, sensazioni, commenti con persone che provano il mio stesso piacere, vale a dire, la passione verso l’abbigliamento femminile, in particolare con ordine di importanza, le calze di nylon possibilmente in seta con reggicalze, collant, mutandine, reggiseni, scarpe rigorosamente con tacco, guepiere, body in nylon o rete, calze a rete, guaine con ganci da reggicalze, culotte, ecc. Questa passione la provo quando una donna indossa quei capi, ma anche quando sono io ad indossarli, e mi eccita ancor di più quando sono a conoscenza di chi, persona femminile, ha indossato quei capi.
Ho 47 anni sono nato nel 1964, sono eterosessuale, sposato con figli. Negli anni 60-70 molte erano ancora le donne che portavano il reggicalze e le calze di nylon, gli anni 80-90 hanno fatto si che il collant fosse più comodo e fosse preferito alle calze con reggicalze, gli anni 2000 addirittura la maggior parte delle donne porta i pantaloni, che peccato !!!
Tanto per capirci, trovo quasi molto più eccitante uno spacco di una gonna con delle belle gambe fasciate da una calza, un decoltè che lascia trasparire il pizzo di un reggiseno che una donna completamente nuda, con questo non voglio dire che disdegno una donna nuda, assolutamente, ma voglio far capire la dipendenza che ho con l’intimo femminile in generale.
Ora vorrei raccontarvi quando e come, mi sono accorto di avere questa stupenda passione, per fare ciò devo partire da qualche anno addietro.

Prima parte

Ho scoperto la masturbazione verso i 5 anni, strofinando il pisellino sul cuscino, avvertendo degli s**tti di piacere. A 6 anni abitavo in affitto con i miei in un condominio con il cortile comune ad altri condomini, una ragazza li vicino, più vecchia di me, un giorno mi fece entrate nella sua portina, dal lato cortile, si tirò su la gonna, giù le mutandine e mi chiese di farle vedere il pisello, io lo feci con molta timidezza e dopo avermi chiesto di mettere il pisello dentro il buchetto della sua farfallina, scappai terrorizzato.

Ci pensò un mio amico, 2 anni dopo, a farmi capire il vero movimento del piacere, questo lo potè fare grazie all'esperienza carpita dai due suoi fratelli maggiori.
Praticamente tutti i giorni ci masturbavamo parecchie volte al giorno, senza l'aiuto dell'altro, cioè ognuno masturbava se stesso, in un qualsiasi posto appartato che trovavamo, in cantina, in garage, in solaio, Ci scambiavamo alcuni giornaletti come “Jacula” “Messalina” “Lando” ecc. trovati nei parchi e nelle zone dove le coppiette andavano a scopare.
Allora dal pisellino usciva una sola e piccola goccia di liquido bianco trasparente e basta, il tutto era accompagnato da 3 o 4 s**tti di piacere.
Un giorno questo mio amico venne a trovarmi a casa mia, i miei non erano in casa per tutto il pomeriggio, ed ad un certo punto mi chiese cosa indossava mia madre sotto la gonna oltre alle mutandine, vale a dire se i collant o le calze con reggicalze, io che sinceramente non mi ero mai posto quella domanda, lo portai al comò dove mia madre riponeva l'intimo.
Con stupore, ammirazione, eccitazione, il mio amico, ma anch’io, dopo aver visto tutta una serie di calze di nylon di tutte le tonalità del marrone dalla più chiara alla più scura, più altre di color grigio e un paio nere, guaine con i ganci da reggicalze bianche, nere, color carne, mutande in pizzo, bustini, sottovesti, reggiseni ecc., mi chiese se poteva masturbarsi toccando l'intimo, sedendosi su una poltrona li vicino. Tutto subito non fui molto d'accordo, ma poi mi convinsi a lasciarlo fare, così avrei potuto di conseguenza, farlo anche io, con l'intimo di sua madre. Paolo iniziò a prendere le calze di mia madre, infilando il pisello dentro, prima in una, poi in un'altra, si masturbava con una eccitazione incredibile, l’affanno si faceva sempre più sentire, prendeva le guaine, le toccava, prendeva le mutande, le odorava, leccava le calze ecc. Questo suo crescere di eccitazione mi fece a mia volta diventare il pisello duro come l'acciaio e mi portò a masturbarmi. Quando Paolo scegliendo una calza di color nero con la riga, che lo faceva impazzire, mi chiese se poteva venirgli dentro, prima di potergli dire di si, mi ero già bagnato la mano con tre o quattro gocce di liquido bianco. Ero venuto nel giro di pochi secondi. Nel frattempo il mio amico, con un’aria godutissima, venne dentro la calza di mia madre. Mi eccitai al massimo, vedere uscire le gocce dal pisello del mio amico sporcando la calza di nylon di mia madre e pensando che le avrebbe indossate sporche di sborra, mi fece ridiventare duro il cazzo. Non riuscii a trattenermi nel ritoccarmi ancora, naturalmente anche a Paolo, non bastò una sola sega, prese una mutanda in seta bianca con pizzo e si masturbò avvolgendo il pisello nelle mutande, fu la seconda sega, poi una terza dove Paolo venne all'interno della coppa di un reggiseno color carne (mia madre porta una bella quarta), infine la quarta sega, dove il mio amico, fece solo più un filino di sperma e lo lasciò sopra un reggicalze nero a 6 ganci. Anche io arrivai al quarto piacere, con una soddisfazione incredibile, avevo le palpitazioni, due cose mi eccitavano tantissimo, una, era il vederlo venire con l'intimo di mia madre, due, il pensare, mia madre vestita con i quattro pezzi di intimo sporcati di sperma dal mio amico.
Passarono diversi giorni prima che potessi trovarmi a casa del mio amico e poter usufruire io, dell'intimo di sua madre. Finalmente arrivò quel giorno, avevamo a disposizione la casa per tutto il pomeriggio. Ricordo l'eccitazione che mi saliva fino in gola, quando vidi, l'armadio, con all'interno i cassetti, che contenevano quelle favolose cose intime. Iniziai a toccare le calze, odorarle, leccare le mutandine, ecc. e fu proprio in quel momento che Paolo mi chiese: hai mai indossato l'intimo di tua mamma?...rimasi per un attimo titubante...quasi non avevo a pieno capito la domanda...poi il mio amico togliendosi i jeans e le mutante si infilò quelle della mamma, prese un reggicalze nero, delle calze color carne e le indossò...dicendomi di fare altrettanto.
Mi ricordo come se fosse ora, scelsi delle mutandine bianche trasparenti, un reggicalze bianco e delle calze nere a rete e le indossai. Ci aiutammo a vicenda nell’infilarci i reggiseni. Ci sdraiammo sul letto matrimoniale dei suoi genitori ed a quel punto Paolo mi disse: chiudi gli occhi... e prendendomi la mano la posò sulla sua coscia fasciata dalla calza, cazzo…cazzo…sembrava quasi di toccare una donna vera...lui fece lo stesso, socchiuse gli occhi e con la mano mi toccò il pisello, io di conseguenza, eccitato come un toro, feci lo stesso. Ci masturbammo a vicenda, prima venne lui che girandosi verso di me mi bagnò la coscia con le sue gocce calde di sborra, poi a mia volta feci lo stesso, venni con una intensità stratosferica, sulla sua coscia e precisamente sul bordo della calza della mamma. Anche in questa occasione non ci bastò una sola sega. Dopo esserci cambiati, indossando altri capi intimi della mamma, mi venni addosso e precisamente su una guepiere bianca in raso. La terza fu dentro una calza marrone scuro, bellissimo vedere sborrare il pisello nella trasparenza della calza. Mentre la quarta fu anche per me solo più un filino e lo feci posare su un reggiseno nero.

Da queste esperienze, avevo scoperto che mi dava un piacere immenso, indossare un capo intimo femminile, soprattutto se di una donna che conoscevo e avevo anche scoperto una sensualità notevole in mia madre. Da allora iniziai a far caso a certi particolari, come il rilievo dei ganci del reggicalze sotto una gonna aderente, le calze nere con la riga, una scarpa col tacco che le slanciava le belle gambe, ecc. Ricordo, quando mia madre, la domenica mattina, mi svegliava verso le 9,30 del mattino, entrava in camera, tirava su la tapparella, girava per qualche minuto, sistemando ciò che era in disordine; tutto questo sempre ben vestita, perchè pronta per andare a messa, alcune volte indossava anche le scarpe coi tacchi. Molte volte mi svegliavo prima, mi toccavo il cazzo sempre in alza bandiera, arrivavo quasi a godere, aspettavo, entrava mia madre in stanza, quando girata di schiena, potevo vederle il culo, il rilievo del reggicalze sotto la gonna, le gambe fino a sopra il ginocchio fasciate dalle calze di nylon e le scarpe col tacco, mi lasciavo andare, sborrando a non finire. Provai, anche d’estate, a porre mia madre in una situazione un po’ imbarazzante, vale a dire, facevo finta di aver sonno e di non riuscire a svegliarmi, con il pisello duro e fuori dal pantaloncino del pigiama, con le lenzuola ai piedi, la prima volta, prese le lenzuola e le tirò su, la seconda volta, si fermò solo qualche secondo a vedere il pisello, la terza, inizialmente uscì dalla stanza per poi rientrare alcuni minuti dopo e avvicinandosi senza far rumore mi sfiorò il pisello per alcuni attimi, mettendolo dentro al pigiama, fu un momento magico. Appena uscita dalla camera, mi feci un segone mega, immaginando mia madre inginocchiata al bordo del letto, mentre mi stantuffava il cazzo, toccandole le tette e alzandole la gonna sentendo i ganci del reggicalze, toccarle la balza delle calze, per poi finire nel sborrarle nelle mani.
Innumerevoli furono anche le volte che la spiavo dal buco della serratura della porta del bagno, sia mentre si accingeva a svestirsi e sia all’uscita dalla vasca, curava molto i suoi piedi, le sue mani, il suo corpo. Imparando la routine del bagno, riuscii a farmi una sega da sballo, mentre si smaltava le unghie del piede destro, poggiato sopra l’angolo della vasca, immaginate la visione laterale dei peli e delle labbra della figa che si intravedevano mentre si smaltava di rosso le unghie dei piedi. Eccitante era anche vederla spalmarsi su tutto il corpo, alcune creme idratanti, in particolare, venni varie volte, mentre spalmava una crema in mezzo alle gambe, immaginando che fosse il mio sperma. Godetti più volte anche guardandole il seno ed in particolare, immaginando di venirle sui bellissimi capezzoli rosei. Venni varie volte nel barattolino della crema, la medesima che si sarebbe spalmata facendo il bagno.
Andavo a rovistare nella cesta dei panni sporchi, trovando sempre calze e mutandine odorose di figa materna.

Io e Paolo riuscimmo diverse volte a ripetere le performances raccontate in precedenza, sia a sua casa, sia a casa mia. Fu molto interessante. Pensate che condivisi con lui anche un paio di mutandine cadute sul mio balcone, dalla signora del piano di sopra, erano lavate a mano ma ancora odorose di figa e di sangue. Siamo riusciti a leccare tutto.
Ricordo ancora, la sua contentezza, quando mi fece vedere, in un sacco di plastica, quattro paia di scarpe da donna, qualcuno le aveva buttate, ma lasciate vicino al cassonetto dell’immondizia, una paio color verde smeraldo con tacco da 12 cm, un paio color bianco con tacco da 8 cm, un paio di stivaletti e delle ballerine nere che vi assicuro avevano un bel profumino.
Nel periodo invernale andammo molte volte verso le 18.00 di sera, quindi con il buio, a spiare le coppiette che scopavano in macchina...anche li ci facemmo tante di quelle seghe…che non vi dico.
Una sera vedemmo in auto una coppia che pomiciava, un uomo li spiava in prossimità dell’auto, questi si avvicinò piano piano alla coppia con il membro completamente fuori dal pantaloncino, aveva un cazzo piuttosto lungo e grosso, la donna tirò giù il finestrino e facendo avvicinare l’uomo, gli prese il membro con la mano e dopo averlo segato, lo mise in bocca, così, come se niente fosse. Lo stava non solo, mettendolo in bocca, ma lo stava decisamente ingoiando. Io e Paolo ci guardammo con una faccia che lasciava trasparire un godimento infinito e un’occasione da non perdere assolutamente. Non facevamo in tempo a far diventare molle l’uccello che già iniziavamo un’altra sega.

Un altro episodio singolare fu quello di aver scoperto che le chiavi della cantina di mio padre aprivano altre cantine del condominio ed in particolare, in una di queste, oltre ad un plastico favoloso di trenini elettrici della Lima, trovammo in uno s**tolone una raccolta di svariati anni di Playboy e in una scarpiera tante paia di scarpe da donna che individuammo subito essere della signora dell’ultimo piano, appassionata di scarpe.
La visione di tutte queste bellissime scarpe, inizialmente, ci indusse alla tentazione di rubarle e nasconderle mettendole in un nostro posto segreto, ma poi capimmo che non saremo più riusciti a utilizzare altre nuove scarpe che la signora andava a deporre in cantina, probabilmente per liberarsi le scarpiere in casa.
Quante volte provammo a camminare con i tacchi, quante volte ci siamo masturbati odorando le scarpe della signora, (avevano un odore favoloso), quante sborrate facemmo su quelle scarpe e sugli stivali ecc. La cosa più bella avveniva quando incrociavamo la signora per le scale e guardandole le scarpe vedevamo se quelle era state sborrate da me o da Paolo.
Poi purtroppo i genitori di Paolo dovettero trasferirsi e non lo vidi mai più.

Parte seconda

L'assenza di Paolo mi lasciò un grande vuoto. Nel frattempo legai con un ragazzo di nome Davide. Era molto timido. Con lui però, non ci fu, inizialmente, la stessa confidenza come con Paolo. Si parlava di seghe, di figa, di lingerie, ma senza molto affiatamento, l'unica cosa che riuscii ad avere... sono state le calze di sua mamma, color carne chiare, semi usate, riposte nel comodino, che gentilmente mi aveva dato sapendo che mi sarei masturbato con le medesime. Nel consegnarmi le calze di sua madre mi lasciò carpire che la cosa lo eccitava, infatti un giorno a stento mi confidò, che si era masturbato pensandomi mentre mi segavo e venivo nelle calze della mamma. Quelle calze diventarono rigide, tante furono le sborrate che gli feci dentro, dopo naturalmente averle annusate al bordo, per percepire l'odore della figa e al tallone per l'odore del piede. Con le calze di nylon, avevo già imparato ad infilarmi la punta delle calze nelle rispettive narici, per sentire l’odore dei piedi, leccavo il tallone sudato delle calze che rilascia un sapore favoloso e facendo scendere la calza fino al cazzo riuscivo ad avvolgerlo di nylon per poter venir dentro con tutta la libertà di questo mondo.
Avevo 11 anni e già mi ero reso conto che il godere con qualcosa di intimo femminile, mi avrebbe eccitato moltissimo.
In un’altra occasione, ci trovammo soli in casa, gli chiesi se mi faceva vedere dove la mamma riponeva i capi intimi, lui mi portò in camera da letto, apri il primo cassetto del comò e con ammirazione il mio sguardo cadde su delle belle cosette. Gli chiesi se mi lasciava andare in bagno con un paio di mutande per segarmi e lui mi disse che potevamo andare in camera sua, anche perché si sarebbe masturbato anche lui. Così facemmo, ci sedemmo sul suo letto, io avevo portato le mutande ad altezza naso per odorare il profumo, lui al mio fianco si toccava guardandomi. Ad un certo punto provò a toccarmi il cazzo, fu in quel momento che mi confermò la sua tendenza omosessualità, che per quanto mi riguarda, inizialmente non mi attraeva più di tanto. Comunque lo lasciai fare, mi allungai sul letto, continuando a odorare le mutande della mamma, chiudendo gli occhi. Dopo qualche minuto Davide si inginocchiò e si mise in mezzo alle mie gambe, mi alzai e non feci in tempo a dire una parola che si mise il cazzo in bocca. In quel periodo, bastava anche solo un battito di ali di farfalla per farmi venire, devo quindi ammettere che sentire in mio uccello nella bocca del mio amico, non mi dispiaceva affatto. Me lo scappellava piano piano, mi baciava la piccola cappella, me lo leccava su tutta la lunghezza fino a raggiungere la testa. Ad un certo punto senti il mio sperma uscire e venni nella bocca del mio amico che la tolse solo dopo tutti gli ultimi schizzi di piacere. Sul momento mi piacque molto il pompino che mi fece, nessuna bocca fino ad allora l’aveva succhiato, ma andando a casa quel pomeriggio, pensai di non ripetere più altre volte quell’esperienza.
Invece, non andò proprio così, i genitori di Davide erano al lavoro, come tutti i pomeriggi, dopo aver fatto qualche parola riguardante la musica, iniziai a dire che mi stava diventando duro il pisello, solo al pensiero di potermi di nuovo masturbare con qualcosa di intimo di sua madre. Andammo nuovamente in camera e dopo aver scelto delle calze marroni scuro, ci ritrovammo ben presto sul suo letto. Davide aveva scelto un paio di mutande nere in raso e pizzo. Avevo infilato il cazzetto in una delle due calze e l'altra la odoravo, mentre il mio amico con le mutande della mamma le sfrusciava sul pisello. Aveva la cappella sproporzionata rispetto al membro, era molto grossa e rossa. Fu la prima volta, che mi venne voglia di prendere in bocca un uccello, il vederlo sfrusciare freneticamente mi aveva eccitato non poco. Mi chinai e lo misi in bocca, succhiavo molto forte quasi con la forza di un’aspirapolvere, con la lingua sentivo il taglio della cappella, mi muovevo tutto intorno senza però troppo scappellarlo, perchè aveva dato segno di non gradire molto. Nel frattempo, lui mi toccava il cazzo dentro la calza trasparente marrone...mi ero prefissato di venire nello stesso momento in cui avessi sentito i primi schizzi caldi di sperma nella mia bocca e così andò. Fu un'esperienza particolare che non ci dispiacque affatto. Insomma ci toccavamo, ci spompinavamo, con l'intimo della mamma, era molto eccitante. Un giorno, la madre scoprì su una calza, dello sperma secco (sicuramente il mio, cercavamo sempre di asciugare, prima di riporre il tutto a suo posto, probabilmente rimase qualcosa) e fece una brusca romanzina a Davide pensando fosse lui, quando me lo raccontò ci ridemmo sopra non poco, per non rischiare, decisi di non venire più nell'intimo della madre, ma lo potevo sempre odorare. Andammo avanti tutta l'estate, un pomeriggio dopo esserci sdraiati nel letto, mi chiese se volessi provare a infilargli il pisello dentro il buco del culo. Gli dissi di si, solo se si fosse indossato una mutanda della mamma, ne scelse una bianca trasparente e se la indossò. Il buco del culo era molto piccolo e non avendo avuto precedenti esperienze, con il mio cazzetto da giovane, quindi non ancora del tutto sviluppato come quello di un adulto, ma molto duro, spostando da un lato le mutandine, provai ad infilarlo pian piano. Era incredibilmente eccitante sentire il buco del culo con la cappella del pisello, quando iniziai a sentire le pareti dell'ano, mi vennero i brividi fino alla punta dei piedi. Quando il cazzo fu completamente dentro ci girammo da un lato, iniziai a muovermi freneticamente, sentivo già i primi s**tti di piacere, buttai un occhio al suo cazzo che era durissimo, non feci in tempo a guardarlo, che iniziò a fare dei filini di sperma, stava praticamente venendo senza toccarsi, eccitato dal sentirmi dentro al suo culo. Quella volta avevo scelto delle calze di nylon velatissime color grigio chiaro e una delle due la infilai sul suo pisello, poco dopo averlo visto venire dentro, glielo presi in mano e scappellandolo piano piano con la calza fradicia, lo feci godere fino in fondo.
Quella scena, mi portò dopo pochi secondi a venire nel culo di Davide con un'intensità favolosa. Dopo essermi sfogato per quasi tutta l’estate, iniziai a capire che era l’ora di giocare con una figa. Piano piano non ci frequentammo più.

Non molto lontano da casa mia, c’era una merceria dove mia madre, andava a comprare. Entrai diverse volte con lei e vi devo confessare che ero eccitatissimo a vedere mia madre comprare calze, ecc. e a vedere l’intimo esposto nel negozio, da ogni parte che mi girassi c’erano capi interessanti, sognai di trovarmi all’interno del negozio di sera e man mano aprire tutte quelle s**tole e scoprire il favoloso contenuto. Questa merceria, aveva all’angolo del negozio, una vetrinetta formata da montanti in alluminio e da un vetro antisfondamento. Erano sempre esposti collant, mutandine, guepiere, ecc. Un giorno passando li, scoprì che un camion facendo retromarcia, aveva in pieno colpito la vetrinetta, accartocciandola da un lato, e lesionando tutti i vetri delle pareti, ma senza infrangerli. Il contenuto era ancora tutto nella vetrinetta. Il mio occhio andò immediatamente a cadere alla base e vedendo che era formato da un semplice piano in legno foderato, pensai di ritornare e fare un bel bottino. Tornai di sera sul tardi, infilando il braccio, da sotto il piano in legno rotto in un angolo presi tutto quello che mi interessava. Mi portai a casa una gupiere bianca a fiori da sballo, calze da reggicalze in sete, di varie taglie e colori, collants di vari colori e denari, insomma tutte marche di alta categoria.

In estate con i miei si andava in un paesino dell’entroterra in puglia a trovare mia nonna, mamma paterna e ci si soggiornava per circa un mese. Andavamo in treno con al seguito l'auto. Un anno nel viaggio di andata, gli scompartimenti della 2^ classe erano formati da 6 posti a sedere, si partiva alle 21.00 di sera e si arrivava al mattino alle 8.00, ci sistemammo e verso le 22.00 tirammo in avanti i sedili, uno con l'altro formando una specie di letto dove si potevano distendere i piedi. Nello scompartimento c'ero io, mio padre, mia madre una coppia di anziani e una signora di circa 50 anni, era una signora piacente, vestita semplicemente, una camicetta, una gonna corta, delle calze di nylon marroni. La sistemazione era la seguente: io mi trovavo verso il finestrino, la signora di fronte, mia madre al mio fianco destro, mio padre di fronte e verso l'uscita la coppia di anziani. Tutti quanti trovammo una posizione comoda per poter affrontare la notte, la signora si allungò e mise i piedi tra me e mia madre. Tutti si addormentarono tranne il sottoscritto, rimasi per parecchio tempo a pensare se provare a toccare le gambe della signora o se solo masturbarmi guardandole nella penombra. Avevo il pisello duro come l'acciaio. La signora sembrava dormire, ma c'era da fidarsi a toccargli i piedi?...e se si fosse svegliata, che figura di cacca, facevo davanti ai miei? Era la prima possibilità che mi si presentava di toccare una donna vera. Avevo il cuore in gola. Mi feci coraggio e provai a sfiorarle le dita dei piedi fasciate dal rinforzo della calza, poi le sfiorai il dorso del piede, il tallone, il polpaccio, peccato che il quella posizione non riuscii ad arrivare alla coscia e alla balza della calza. Che sensazione incredibile sentire il nylon fasciare le gambe della signora. Ad un certo punto, la signora si girò da un lato, spostò i piedi e me li posizionò ancora più vicino, feci un'altra stupenda prova, strusciai il pisello sulla calza, ricordo che bastarono poche volte, per venire in maniera strepitosa, la sporcai con qualche goccia di sperma, praticamente ero venuto solo per lo sfregamento della cappella con il nylon. Decisi di addormentarmi, ma dopo circa dieci minuti, il mio pisello diventò nuovamente duro, non ne voleva sapere di dormire, mi abbassai piegandomi fino ad arrivare con il mio viso vicino ai piedi della signora. Baci, leccai, odorai, i piedi della signora, odoravano di cuoio delle scarpe e di sudore...bastarono due annusate e voilà...di nuovo un piacere intenso. In quella posizione, potei finalmente, arrivare a toccarle anche le cosce…mmmmm, ma soprattutto riuscii ad arrivare alla balza e ad un gancio del reggicalze, la mano si era intrufolata, tra la calza e la sottoveste probabilmente in raso, era di un liscio incredibile. Arrivò il terzo godimento, fu meraviglioso.
Lo feci altre due volte, una di queste tornai ad annusarle i piedi, l’altra tirandomi su mi permise di strusciare nuovamente il pisello scappellato sul dorso del piede, era favoloso sentire il nylon sfiorarmi la cappella, insomma arrivai a quota 5 seghe mega. Al mattino mia madre mi chiese se ero riuscito a dormire bene, avevo due occhiaie!. Non si ripresentò mai più una situazione del genere, peccato, ma mi servì per capire che era eccitante toccare una donna sconosciuta e per di più nel sonno.
Questo periodo fu molto bello, spensierato, e soprattutto molto proficuo per quanto riguarda la mia passione. Come forse tutti non sanno, in questi paesini quando si ha un lutto in famiglia, dalla moglie alle figlie ecc. era d’obbligo vestirsi di nero. Voglio precisare che allora il colore delle calze e dei collant che preferito era proprio il nero, non facile da trovare in città. Un’altra cosa che va spiegata è la seguente, questo paesino era formato al 70% da vecchie case, quindi su un piano solo o eventualmente due, dandomi la possibilità di reperire roba intima facilmente. Un giorno, andando a messa, per far piacere ai miei, vidi in un banco davanti a me sulla sinistra, una signora giovane, molto elegante e bella, tutta vestita di nero, con calze nere con riga molto trasparenti, così tanto da lasciare intravedere il color roseo delle gambe. Usciti da messa con il cuore in gola la seguii ed individuai dove abitava e dove poteva eventualmente stendere il suo intimo. Per giorni e giorni passai di lì a dare un’occhiata, senza grossi risultati, ma la mia perseveranza un giorno mi premiò vedendo uno stendi bagno pieno zeppo di roba nera, era così tanta che dovetti escogitare un piano per poter razziare tutta quella roba, andai velocemente a casa di mia nonna, presi il mio zainetto, ritornai un po’ più tardi in zona, sapevo di rischiare, ma l’eccitazione di possedere quella roba era 10000 volte superiore alla paura. Lo zainetto era così pieno che sembrava una mongolfiera. Bottino: quattro paia di calze nere in seta di cui un paio con la riga, una guepiere, un body, diverse mutandine in seta e culotte in raso, reggiseni, guaine con ganci da reggicalze, due gonne, una camicetta in seta ed infine una maglia in cotone. Fu una manna per quei tempi avere quella roba. Potei vestirmi quasi completamente con l’abbigliamento di quella stupenda e giovane signora, un sogno che diventò realtà. Sento ancor ora nelle mie narici il profumo stupendo di quei capi. Era troppo rischioso tenere lo zainetto in casa e siccome mi piaceva molto girare per lungo e per largo tutte le stradine del paesino, fu proprio in questo modo, che trovai in periferia un casotto semi abbandonato in un oliveto, dove potei nascondere l’intimo.
Andavo periodicamente al casotto e sapendo che quel ben di Dio, trascorsa la vacanza, non l’avrei potuto portarlo interamente a casa mia, mi portò pian piano a fare delle sborrate libere sugli indumenti.
In quella stessa vacanza ebbi un amore platonico con una fidanzatina e un incontro ravvicinato del “terzo tipo” da parte di una delle tante cugine, più vecchia di età, la più porca, che avevo li al paese. Facendola breve, mi trovai con lei, in uno sgabuzzino, nella rimessa molto grande di suo padre, imprenditore edile, con la scusa di doverla aiutare a cercare qualcosa che ora non ricordo cosa fosse. Mi iniziò a chiedere se avevo la fidanzata, se avevo baciato una ragazza e se lo avevo fatto con la lingua, ecc.
Mi ricordo il vestito a fiori che indossava e sedendosi su un ripiano di fortuna, accavallava le gambe come se fosse una porno-star, lasciandomi intravedere le mutandine bianche. Piano piano si avvicinò sempre di più e prendendo la mia mano se la mise sotto la gonna, sopra le mutandine, all’altezza della figa, sentivo il taglio, ero molto eccitato, ma allo stesso tempo molto ansioso, non sapevo esattamente cosa dovevo fare e allora presi a muovere le dita su e giù per il taglio, lei dopo poco, strinse così forte la mia mano nelle sue cosce, che non riuscivo quasi più a muovere le dita, questo non le creava nessun problema, anzi nel giro di pochi minuti ansimò come…come…non so che cosa…decidete voi…poi, per premiarmi del piacere datole, mi infilò la mano nei pantaloncini corti che indossavo, passando prima da una coscia poi dalla patta, mi masturbò ma non riuscii a venire, non so ancor ora darmi una spiegazione di tutto ciò, so solo che questa mia cugina si incazzò molto e non mi parlò più per tutta l’estate.

Purtroppo non avevo ancora quella malizia che si può avere ad un'età più avanzata. Nel frattempo tornato dalle vacanze mi trasferì in un altro condominio, formato da 12 famiglie.
Ebbi le prime amicizie femminili, vale a dire in una di queste famiglie c'erano due sorelle, Monica e Manuela e in un’altra, una ragazza bellissima, della stessa mia età, che si chiamava Antonella e la sorella, gran figa, Patrizia.
Devo per forza raccontare due avvenimenti fantastici che mai dimenticherò e precisamente una festa di carnevale nella tavernetta dei genitori di Antonella e un capodanno a casa di Monica e Manuela.
Nella tavernetta di Antonella eravamo circa una dozzina di persone tra ragazzi e ragazze, Antonella mi aveva già eccitato tutto il pomeriggio, con il suo vestito da spagnola, non so se rendo l'idea, vestito nero, calze nere a rete, con copri spalle e scarpe di color rosso. Dopo aver ballato, bevuto, mangiato, giocammo al gioco della bottiglia, dove riuscì per culo a vincere, un bacio da una ragazza, un' altro bacio con lingua da un'altra, ma il mio pensiero era sempre rivolto ad Antonella. Avevo il cazzo durissimo e quindi decisi di andare al bagno per farmi un gran segone. In quel bagno, piuttosto spartano, scoprì che le ragazze si erano cambiate per indossare i vestiti di carnevale e quindi avevano lasciato delle borse che contenevano, potete immaginare che ben di Dio. Rubai un collant nero molto trasparente, forse un 15 denari, e per la prima volta provai eccitazione per un paio di scarpe di color rosso con un tacco da circa 8 cm. Strofinai la mia cappella, quelle poche volte che bastano, all'interno di quelle scarpe rosse e fu una sborrata colossale. Pulì alla meno peggio le scarpe e proseguì la festa.
Nel corso del tempo, riuscii a rubare dei collant ad Antonella perché abitava al piano terra. Avevo 13 anni non si parlava più di gocce bianche, ma di due o tre schizzi di sborra bianca ma decisamente più densa.
Un anno dopo, mi trovai, invitato insieme ad altre persone, a casa di Monica e Manuela, a festeggiare il capodanno, i genitori a loro volta festeggiavano il capodanno fuori casa, Avevamo la casa a completa disposizione. Si era deciso di aspettare la mezzanotte guardando la televisione, inizialmente sembrava uno di quei capodanni, pallosi al massimo, dove non vedi l'ora di tornare a casa, fino a quando su un divano andò a sdraiarsi Monica per godersi la visione dello spettacolo televisivo, dopo pochi minuti le si avvicinò una sua amica mi sembra si chiamasse Elena e si sdraiò vicino a lei. Nella mia timidezza, scelsi il posto più indietro di tutti, cosa vuol dire, che davanti a me c'era una schiera di sedie con ragazzi e ragazze imbambolati davanti alla TV in bianco e nero e tra loro e la mia posizione, a sinistra, c'era il divano con le due ragazze sdraiate, la luce proveniva solamente dallo schermo della televisione. Con la scusa del freddo si misero un plaid addosso...e cominciarono a baciarsi e toccarsi...immaginatevi di che dimensione e durezza poteva essere il mio cazzo in quel momento! Provai a toccarmi il cazzo da fuori i pantaloni ma l'ansia di essere beccato da tutti a toccarmi, mi fece riflettere e abbandonai quella soluzione. Pensai allora di provare a venire muovendo il muscolo dell’uccello ritmicamente, le gambe fasciate da un collant color carne che fuoriuscivano dalla coperta, i movimenti, che provocavano le ragazze, erano tremendamente eccitanti. Godetti come non mai, senza toccarmi, fu favoloso.
Nel frattempo passata la mezzanotte, qualcuno ebbe la bella idea di giocare a nascondino al buio in casa, tenete presente che il loro alloggio era quasi il doppio di quello dei miei genitori, quindi si prestava benissimo al gioco.
Si fecero varie conte, in una di queste, mi trovai a nascondermi nella camera di Manuela, aveva qualche anno in più di me ed era una bella tipetta, non persi tempo e cercai la roba intima, provai nel comò, niente, provai nell'armadio, niente, al buio completo, naturalmente non era facile vedere, poi ebbi la fortuna di scorgere in un angolo una cassettiera molto alta, con circa otto cassetti molto stretti, li, trovai il paradiso. Rubai un paio di mutandine (bianche) e due collant (uno marrone scuro con tassellino bianco zona figa ed uno blu) e feci la stessa cosa nella stanza di Monica, rubando due collant (uno nero ed uno marrone). Verso le 4 tornammo a casa, io, giuro con 4 collant e un paio di mutandine infilati nelle mie mutante. Incredibile, ma vero. Indossai più volte quei collant e quelle mutandine...quante mega seghe. L'eccitazione era sempre più grande, perché sapevo che quell'intimo era di Manuela e di Monica.


Parte terza

Ho sempre praticato molti sport, ma mi voglio soffermare sul nuoto e sul tennis, perché in ambedue le circostanze sono entrato nello spogliatoio femminile sapendo di non incontrare nessuno, e con una velocità incredibile, portar via dalle borse, mutandine, collant, anche gambaletti usati. La curiosità di odorare i gambaletti mi ha portato a capire che ogni piede femminile ha un suo proprio odore. Questo è bellissimo.
In questo periodo mi ricordo accadde un episodio molto buffo, di fronte al nostro condominio si era sposata una giovane coppia, che dopo circa una settimana, aveva steso, allo stendi bagno, fuori dal balcone al piano terra, precisamente un reggiseno, uno slip, un reggicalze, un paio di calze tutto di color bianco e un reggiseno, uno slip, un reggicalze, un paio di calze tutto di color nero (le calze erano in seta...mmmm). Sapete dove sono andate a finire? Immaginatevelo!
I miei genitori ogni tanto, andavamo a trovare alcuni loro amici e portandomi con loro, scoprì che la moglie di questo amico, usava il reggicalze, perché quando si sedeva sul divano in sala, le calze si raggrinzivano e si vedeva il rilievo del gancio del reggicalze, aveva delle gambe bellissime e lunghissime. Sognavo di inginocchiarmi vicino a lei seduta e di venire sulla piega che si formava dal lato del ginocchio. Una sera mi feci coraggio e chiesi di andare al bagno, fui molto fortunato, perché in una cesta in vimini, trovai delle calze usate color nero. Mi feci una sega galattica, odorai il bordo delle calze che sapevano tantissimo di figa e sborrai lasciando solo qualche goccia nelle calze. L'esperienza riscontrata é quella che in casa altrui, andando in bagno, nella cesta dei panni sporchi, si può trovare, quasi sempre, qualcosa di molto interessante.
L'unica volta che trovai la cesta dei panni sporchi non nel bagno, ma nello studiolo, fu quando presi alcune ripetizioni di inglese da una bella professoressa bionda. Usava molto i kilts, riuscii a rubare un collant blu ed uno bordeaux, molto, molto odorosi Questa professoressa, prendeva il pullman per andare a scuola, aspettando alla fermata, mi dava il tempo, passando dal retro di un condominio di salire le scale e dalle vetrate del piano rialzato, vedendola, di segarmi varie volte, una di queste, lei indossava una minigonna grigia con collant grigi e stivali neri, giuro, feci una sborrata con il cazzo molle, vale a dire ero così eccitato che mi sono bastate 5 o 6 stantuffate con la mano ed il mio cazzo non ebbe nemmeno avuto il tempo di diventare duro che già avevo sborrato.
Le altre ripetizioni, che dovetti prendere, sono state di matematica, la professoressa non era molto bella, anzi era persino un po' cicciottella, faceva il bagno nel profumo, aveva due grosse tette, indossava sempre una gonna sopra il ginocchio e con collant generalmente di color marrone molto velati. Questa professoressa mi si sedeva di fronte ad un tavolo molto stretto e mentre mi dava degli esercizi da svolgere, correggeva i compiti in classe dei suoi allievi, quindi molto concentrata nella correzione, mi dava la possibilità piegando la schiena indietro, abbassando lo sguardo, di vederle le gambe, toccandomi il cazzo da fuori i pantaloni, feci un sacco di sborrate nelle mutande!

Un giorno, andando a trovare un mio compagno di classe, salii su un pullman di linea, c’era solo l’autista, io, e una ragazza più o meno della mia età, con giubbotto e gonna in pelle nera, calze a rete e stivali, aveva i capelli tinti di un bel rosso ramato e con degli orecchini ad anello da zingara. Era seduta alla mia sinistra, due posti più avanti, non persi tempo e sperando che nessuno salisse alle fermate, mi tirai fuori l’uccello e mi masturbai velocemente, guardandole le gambe con le calze a rete nere. Lasciai un vero e proprio laghetto di sperma. Mi eccitò così tanto vederla che aspettai di scendere alla sua fermata e seguendola a meno di 10 metri di distanza, imboccata una stradina secondaria, mi tirai nuovamente fuori l’uccello durissimo e mi masturbai avvicinandomi alla ragazza…aveva un culo da favola…lei non si accorse di nulla…a distanza di quasi un metro…giuro…venni facendo colare tutto per terra.
In questo periodo iniziai ad avere le prime fidanzate, purtroppo, a quel tempo uscendo con una ragazza, se eri fortunato si arrivava alla masturbazione reciproca, ma non di più, solo con una certa Cristiana che ancor oggi, incrocio per la città (sempre molto distinta, sempre vestita in maniera impeccabile, sempre ancora una bella tipetta) le cose furono molto diverse.
Alle superiori nell’intervallo le ragazze stavano da una parte del corridoio ed i maschi dall’altra, ero amico con un compagno ( Ezio ), molto figo, ed ero abituato a vedere le ragazze guardare lui e mai me, Cristiana nell’intervallo incrociò il mio sguardo diverse volte e di li a poco tempo, andai a prenderla sotto casa per andare a fare una passeggiata. Davanti ad una merceria si fermò di s**tto e mi disse: hai voglia di aspettarmi 10 minuti, devo comprare due cosette...naturalmente dissi di si...ero molto curioso di sapere di che cosa si trattasse...ma non ebbi il coraggio di chiederglielo...poco dopo andammo in un bar, a prendere una cioccolata, fu proprio lei, a farmi vedere gli acquisti...erano due paia di collant uno nero con delle foglie disegnate (era ottobre, classico collant autunnale) ed uno bianco ricamato...rimasi attonito per qualche secondo…rispondendole…da inebetito…eh…belli. Nella mia testa frullava un solo pensiero: forse ho incontrato la ragazza giusta a cui piace indossare graziosi capi intimi. Ci frequentammo per vari mesi e dopo i soliti approcci, cercai di farle conoscer meglio la mia passione. Non fu per niente difficile, anzi sentivo nel suo parlare, un piacere interiore intenso se indossava della lussuosa lingerie. Per farla breve, una delle cose più belle, fu vedere il mio uccello infilato in un suo collant 15 denari, la sua bocca andare su e giù, le sue mani affusolate con le unghie smaltate di color rosso torcere lo scroto e intravede il mio sperma uscire dal taglio del glande inondando il suo collant, le sue labbra e la bocca. Riuscii anche a realizzare un altro piccolo sogno quello di sborrarle addosso, sui suoi collant, alla pecorina sulle sue favolose mutandine in raso a fiori, e infilando l’uccello tra la calza nera e la sua coscia, venire vicino al gancio del reggicalze.

Devo ringraziare Ezio, per tutte le volte che mi ha fatto spiare la sorella (Lorella, veramente una gran figa), dal buco della serratura, mentre si accingeva a fare il bagno, questo, stimolò parecchie volte la mia fantasia, facendola colmare con dei piaceri incredibili.

I miei possedevano una casetta in montagna, nel periodo estivo quando il tempo si prestava, trascorrevamo i fine settimana. Mi annoiavo a morte, il paese vicino era squallido, solo le montagne offrivano una panorama piacevole. L’unica giornata che mi piacque, fu quella volta, dove aiutai a spostare dei mobili in casa di una signora di circa 60 anni, che i miei conoscevano, abitava li vicino, scesa al piano di sotto per prepararmi una bevanda, trovandomi nella camera da letto, aprì l’armadio, i cassetti e nel primo trovai calze in nylon da reggicalze quasi tutte grigie e solo qualcuna marrone, nel secondo guaine e bustini con ganci da reggicalze, nel terzo reggiseni di taglia grande (la signora aveva le tette grandi) e mutande a volontà. Mi misi immediatamente nelle mie mutande a contatto con il cazzo, due paia di calze grigie, mi eccitava molto il colore e poi erano molto trasparenti, 10 o 15 denari e un reggiseno bianco. Finito il lavoro, la signora mi chiese ancora, se potevo fissare con un gancio robusto un quadro con raffigurata una madonna, che le piaceva molto, le dissi: domani mi procuro il trapano e un tassello e ci vediamo nel pomeriggio. Trafficavo col trapano, quando la signora mi disse che sarebbe andata in giardino a curare i suoi fiori, il mio cazzo divenne durissimo, quasi da uscire di forza dalla zip dei pantaloni, aspettai qualche istante e dalla finestra la vidi chinata nell’aiuola, aveva delle bellissime gambe, la gonna tirata su, lasciava vedere una parte della coscia che sotto il sole era luccicante, andai nell’armadio, aprì il secondo cassetto e prendendo un bustino color carne, mi riavvicinai alla stessa finestra, infilando il cazzo nel morbido bustino e guardando le gambe della signora, il rinforzo al tallone delle calze, le punte dei piedi fuori uscire dalle ciabatte, mi toccai freneticamente. Portavo sempre un fazzoletto in tasca dei pantaloni, proprio perché se avessi dovuto sborrare senza sporcare da qualche parte, lo avrei potuto fare…ero quasi li per venire, ero così eccitato che decisi di sgocciolare tutto il mio sperma nel bustino, fu favoloso. La stessa signora stendeva molto spesso i collant e le calze che usava, io di notte andavo ad odorarli e a segarmi a volontà, non avendo la lavatrice, probabilmente i capi li lavava a mano, lasciando ancora il suo odore molto gustoso.

Avevo 17 anni, non uscendo da vari mesi con nessuna ragazza, avevo voglia di godere, e facendomi forza decisi di cercare di entrare in un cinema vietato ai minori di anni 18. Il controllore mi fece passare senza chiedere un documento, wuaoo…che figo…entro in galleria e quasi immediatamente vedo una metà della sala, formata da coppie e l’altra metà, formata solo da uomini. Vado a posizionarmi dietro una coppia, lei era una mora trentenne, molto carina. Allora, non esisteva Xhamster, i cd, i dvd, le videocassette porno, quindi potete immaginare come fossi eccitato a vedere quelle scene. Tirai fuori l’uccello duro, ma lo nascosi sotto il giubbotto, poggiato sulle gambe, mentre mi godevo le sequenze del film, osservai il fervore della coppietta seduta nella fila davanti a me, che con discrezione a loro volta sotto i loro cappotti si toccavano. Col cuore in gola, il respiro affaticato, poco prima di venire spostai il giubbotto e cercando di direzionare i getti di sperma verso il basso, decisi di dedicare i primi tre alla mora trentenne, sul maglione nero in lana, altezza spalle.
Questa operazione…vi giuro…lo feci per 4 o 5 volte nel corso di tutta la proiezione del film. Tornai a casa con il cazzo viola. Fu un’altra esperienza sensazionale.
Ritornai altre volte, in una di queste decisi di sedermi dalla parte dei soli uomini, all’inizio del film ero da solo, poco dopo, davanti a me, ma verso destra, si sedette un uomo di circa 50 anni, nella mia stessa fila alla mia destra lasciando un posto libero, si sedette un uomo di circa 30 anni. Feci la solita mossa del giubbotto sulle gambe, mentre l’uomo sulla destra davanti a me non facendosi nessun problema tirò fuori l’uccello dai pantaloni e si masturbò con le due dita, aveva un membro decisamente grosso. Anche alla mia destra l’omino tirò fuori l’uccello e si toccò con disinvoltura. Le scene del film erano sempre più arrapanti e nella foga, anch’io tolsi il giubbotto, così potei muovermi meglio, il trentenne si spostò di posto e si affiancò alla mia destra, poco dopo, con la sua mano sinistra mi toccò la coscia, io feci finta di niente, continuai a masturbarmi, fino a quando pian piano arrivò a toccarmi il cazzo, non dissi niente. Mi stava masturbando mentre a sua volta si toccava. Nella penombra riuscivo a vedere il film, il grosso uccello di quel signore davanti a me, la mano di uno sconosciuto che mi toccava e il suo cazzo. Ero lì quasi per venire, mi tenevo a fatica, il colpo di grazia me lo diedero le schizzate di sperma del grosso membro del signore seduto davanti, questo mi portò a prendere in mano l’uccello del mio vicino e a stantuffarlo a dovere, era caldo, duro, quando sentii i primi s**tti rallentai, poi ripresi, alla seconda serie di s**tti lo vidi sborrare, in contemporanea volarono alti i miei schizzi, non mi fermai, accarezzandogli con le dita la liscia cappella, continuai fino a sentire il suo sperma caldo colare nelle mani. Lui si chinò sul mio uccello e vi giuro, mi ripulì interamente la cappella dallo sperma, ogni volta che sentivo sfiorate la punta della lingua sulla cappella erano enormi s**tti di piacere. Io non sarei riuscito a fare lo stesso, ma lo lasciai fare…
Un’altra volta, vidi un vecchietto di circa 60 anni, andai a sedermi alla sua destra. Dopo qualche minuto di proiezione, dove si poteva ammirare un bel pompino in primo piano, iniziai a sbottonarmi, tirando fuori l’uccello già molto duro, tenendolo sotto il giubbotto. Aspettavo con curiosità i movimenti del vecchietto. Quando il mio uccello iniziava ad ingombrare sotto il giubbotto, lo tirai fuori, il vecchietto sembrò essere anch’esso molto eccitato e con disinvoltura mi guardava. Dopo essersi aperto la zip, tirò fuori anche lui il cazzo, non lungo, ma molto largo e iniziò a masturbarsi guardando la cappella del mio giovane cazzo. Presi l’iniziativa e allungando la mia mano sinistra, mi avvicinai, ricordo che mi fece segno di assenso. Non riusciva quasi a stare nella mano, tanto era largo, ma corto, non era durissimo, comunque lo smanettai non poco, nel frattempo si avventò con la sua mano al mio uccello. Aveva delle mani molto grosse, lo lasciai fare, ricordo che mi toccò i testicoli, facendomeli andare in su, poi da un lato, poi dall’altro, mi accarezzò il ventre, l’interno delle coscie, ecc…
Ad un certo punto, mi borbottò qualche parola, mi chiese se glielo prendevo in bocca, dissi di no, ma colsi l’occasione di dire che se voleva farlo lui, a me andava bene. Non se lo fece dire due volte, iniziò ad ingoiarlo fino alla base, sentivo i primi s**tti del mio cazzo, lo fermai diverse volte, fino a quando sentii il mio sperma nella bocca del vecchietto e la mia mano bagnata del suo. Con l’inizio del secondo tempo, si sedette alla mia destra un altro signore, che già in precedenza nella penombra ci guardava con molta attenzione. Fu la prima e l’ultima volta che presi in mano due cazzi in contemporanea, facendoli sborrare a più non posso, naturalmente schizzando anch’io a non finire e guardando le prestazioni delle pornostar nello schermo.


Parte quarta

Voglio precisare che tutti gli episodi narrati e tutti quelli che andrò ancora a raccontare sono tutti fatti realmente accaduti al sottoscritto. Ho deciso di mettere velocemente per scritto questo racconto per non dimenticare e per mantenere sempre vivo il ricordo di quei momenti erotici favolosi.

Non posso non narrare, il ritorno a casa, da una festa, abbastanza noiosa, a cui avevo partecipato. Non ero del tutto sobrio, arrivai fino alla portina di casa, ma decisi di non sprecare la serata, e il mio uccello volle andare a puttane. Le puttane erano visibili in tutti gli angoli dei grandi vialoni periferici della città e nel centro storico, in alloggi con vetrina, dove lasciavano intravedere all’esterno, il loro abbigliamento arrapante e sexy.
Scelsi una signora bionda di circa 35 anni con un babydoll, niente calze, peccato, entrai, era immediatamente visibile il letto, di fronte un comò, sopra una televisione accesa e in fondo una porta che dava in un bagno molto piccolo. Mi spogliai e salendo sul letto, mi infilò il preservativo, si mise su un fianco e mi toccò l’uccello, prima con le mani unghiate di smalto rosso carminio, poi con la bocca, mi fece diventare il membro così duro da non esitare a ficcarglielo velocemente nella figa, iniziai a muovermi in maniera molto decisa. La puttana guardava la televisione e faceva finta di godere, non troppo disturbato da quel fatto venni dopo pochi secondi. Andai in bagno e mi lavai, mentre mi accingevo ad uscire, la vidi, cambiarsi, mettersi un reggiseno, mutandine nere e aprendo il comò tirò fuori un collant nero molto velato. A quella vista, con la porta semiaperta, mi toccai il cazzo che era già duro come un bastone e mi masturbai. Il tempo trascorreva e la puttana iniziò a chiedersi cosa stavo facendo e avvicinandosi alla porta del bagno, mi vide sborrare a fiotti di sperma. Lei tutto subito si arrabbiò, praticamente avevo sborrato per terra e persino un po’ addosso a lei, io immediatamente, scusandomi, dissi che avrei pulito tutto e che avrei subito tolto il disturbo. Così feci, dopo aver pulito, mi rivestii e mentre ero sulla porta dell’uscio, mi disse: “Potevi dirmelo prima che ti eccitano i collants, la prossima volta se vuoi possiamo giocarci insieme”. Mi domando ancor oggi, come abbia fatto a capire la mia passione…in effetti era una puttana, se non lo sapeva lei, chi doveva saperlo…una suora?
Anche se mi aveva lasciato con quella frase molto allettante, non tornai mai più da lei.

Arrivò il periodo della maturità, eravamo una comitiva di 9-10 ragazzi e 4-5 ragazze, che sostenuto tutti quanti l’esame, decise di partire per le vacanze con le tende, destinazione: località marina tra la liguria e la toscana. Dopo varie peripezie in campeggio, per colpa di un mio amico che aveva sbagliato giorno di prenotazione, finalmente riuscimmo a montare una tenda da 8 posti e altre 3 canadesi. Ma vengo al sodo, due giorni dopo, arrivarono tre ragazze inglesi provenienti dalla capitale e si insediarono con la loro canadese al fianco della tenda da 8. La stessa sera del loro arrivo, Sergio che mi dormiva vicino, mi svegliò verso le 2 di notte, dicendomi che sentiva nelle vicinanze dei gemiti femminili, io assonnato sentii inizialmente solo lo stridio delle cicale, poi effettivamente i gemiti provenivano proprio dalla tenda delle inglesi. Potete immaginare quali fossero stati i commenti che facemmo la mattina seguente. Arrivammo persino a pensare di fare delle orge con quelle tipe…a dir la verità con la faccia da culo che soprattutto due dei miei amici avevano…riuscimmo a fare amicizia molto in fretta, tanto da insospettire ed ingelosire le ragazze del nostro gruppo. Ho ancora delle foto s**ttate con le ragazze inglesi, non vi dico in quali posizioni. Una era bionda, la più bella, una rossa, di media bellezza, una bruna, la più bruttina, ma comunque scopabile, avevano, mi sembra 24 o 26 anni. Erano disinibite al massimo, si spinellavano alla grande, bevevano birra in quantità industriali, lesbicavano tra di loro, insomma è proprio il caso di dirlo, è come se avessero avuto stampigliato sulle loro magliette “sesso, droga and rock’n’roll”. Facendola breve, ce le siamo passate una ad una, la bionda aveva una quarta di tette, fu una bella scopata, muoveva le anche divinamente, la rossa faceva dei pompini favolosi, alcune volte anche ingoiando lo sperma, alla bruna non feci tempo ad arrivarci, anche perché mi soffermai diverse volte con la rossa dagl’occhi azzurri, mi eccitava da morire. Quando venivo le tenevo la testa, sentendo i morbidi capelli, in modo da non farle togliere la bocca dal cazzo, lei non diceva mai di no. Ricordo, che in un incontro sessuale con la rossa, essendosi spinellata a dovere, siccome, era più di là, che di qua, approfittai a girarla in posizione prona per vederla e toccarle il buco del culo, non lo avevo mai fatto, aveva un culo bellissimo, sodo, perfetto, simmetrico, armonico, il buco era piccolo, quindi non dovevano essere stati in molti ad entrarci. Con il cuore in gola, iniziai a leccarle il buco del culo, sentire l’odore, mi fece quasi venire le vertigini, palpai più volte le natiche, strusciai il cazzo sopra l’orifizio, poi mi feci coraggio e provai ad avere un rapporto anale, inizialmente non riuscii, dovetti prima inserirle un dito, poi due, infine dovetti lubrificare con la mia saliva. Quando vidi la cappella del mio uccello entrare nel buco della rossa…mmmmm…mi sentii come a casa. Ci fu un fatto che mi fece andare in ebollizione e fu quella di sentirla godere con enorme gusto, a quell’età non riuscii a capire, non toccavo il clitoride, non toccavo la vagina, non stringeva le gambe, come faceva a godere? Ora me lo so spiegare…l’eccitazione mentale può fare molto. Non tardai molto a venire, non mi feci nessuno scrupolo nel venirle dentro, come vorrei tornare a quel preciso istante, sentire le sette, otto spruzzate di sperma dentro quel favoloso culo…mmmmm.

Arrivò settembre e dovetti partire militare, un anno sprecato in tutti i sensi. L’anno dopo nello stesso periodo feci domanda di sostituzione in una banca locale e per un anno sostituii un ragazzo che anche lui assolveva il medesimo servizio. Nel corso dell’anno lavorai in tesoreria, in esattoria, e allo sportello. In tesoreria l’ufficio era composto dal capoufficio Michele, da Giorgio e 6 donne, precisamente, Vilma: bruttina e vecchiotta Maurizia: una ragazza normale, Elsa: molto carina, ma molto riservata, Franca: la mega zoccola sempre minigonnata, con tacco vertigine, scamiciata, scollata, gambe lunghe 3 km e collants velati, forse anche a dormire, Nicoletta: bruttissima, Valeria: separata, che nel corso dell’anno mi tirò il colpo più volte, ma che sviai sempre, perchè non mi piaceva, non mi attizzava, forse anche perché ero continuamente distratto da Franca. In un giorno di sciopero, fatto, che accadeva assai raramente, mi trovai in ufficio solo con Franca. Io lavorando a tempo determinato, non potevo fare sciopero e Franca non aderiva per farsi vedere bene dai dirigenti. Le scrivanie erano a coppie una di fronte all’altra, la posizione di Franca era quella di darmi la schiena ad una distanza di circa 4 metri. Non riuscii a res****re molto nel toccarmi il membro da fuori i pantaloni, guardandole le cosce, le gambe, le scarpe…sborrai così tanto che dovetti andare a pulirmi in bagno.

In banca conobbi anche Marta una ragazza della mia età che sostituiva un’impiegata in maternità, le parlavo quando ci incrociavamo alla macchinetta del caffè nella pausa di circa 10 minuti mattiniera o pomeridiana. In una di quelle occasioni mi invitò nella pausa pranzo a prendere un caffè a casa sua, i suoi genitori erano al mare. Suonai il campanello, entrai, mi fece sedere sul divano, accese lo stereo e preparò il caffè, la musica era quella degli Style Council, lenta, sdolcinata.
La guardavo con molta attenzione mentre preparava il caffè, era di schiena, potevo ammirare le sue belle gambe e il culetto che il vestito le fasciava, la cosa che mi eccitava di più erano i collant che indossava color carne.
Pronto il caffè me lo portò e si sedette vicino a me sul divano, posammo le tazzine dopo aver bevuto e mi chiese se mi piaceva quella musica, gli rispondetti di sì. Sedendosi sul divano, naturalmente la gonna le salì un po' in alto, lasciando ammirare una parte della coscia, mi stavo eccitando terribilmente, sentivo il cazzo ingrossarsi enormemente nei jeans. Capì che questa situazione le piaceva, mi feci forza, e mi avvicinai con la bocca alla sua, cercando un bacio o una bella slinguata e nel frattempo le posai la mano un po' sulla gonna un po' sulla coscia fasciata dal nylon...mmmmm...la sua lingua nella mia bocca roteava a ritmo vertiginoso...poco dopo la mia mano andò sotto la gonna, mi avvicinai sempre di più alla zona vaginale e da sopra il collant e le mutandine iniziai a toccarla...dopo pochissimi minuti...stringendo la mia mano in mezzo alle cosce...ansimò a s**tti diverse volte...insomma ebbe un orgasmo da favola. Si fece tardi e dovemmo tornare al lavoro, ricordo che le dissi...”io inizio ad andare, così trovo parcheggio più facilmente, ci vediamo al lavoro, ciao”.
Mentre scesi a piedi per le scale, all'altezza di un pianerottolo, mi sbottonai, presi il cazzo in mano e nel giro di pochi secondi feci una sborrata galattica, contro il muro della scala.
Ci vedemmo diverse volte, ma voglio raccontare, quando un giorno, andammo a giocare a tennis, era molto brava, dopo la doccia, entrati in macchina per accompagnarla a casa, mi disse “mi è piaciuto molto come mi hai toccata l'altro giorno, adesso voglio premiarti anche io”...come prima cosa mi fece fare una bellissima limonata, nel frattempo, toccandomi da fuori i pantaloni, quando sentì che il mio uccello non poteva stare più in gabbia, l'ho tirò fuori e iniziò a segarlo, ad un certo punto scese con la testa e con la lingua mi leccò come se fosse un gelato, ogni colpo di lingua era uno s**tto di piacere, muoveva con la mano e leccava con la lingua...insomma mi fece venire letteralmente a colpi di lingua... qualche schizzo le andò sulle labbra e in bocca…fu un indimenticabile pompino.



Parte Quinta

Con alcuni amici, andai ad una festa di carnevale, organizzata dai titolari di una discoteca, io ero vestito da diavolo, tramite un mio amico, che conosceva una gruppo di ragazze, mi venne presentata una ragazza vestita da coniglietta, molto carina. Nell’arco della serata ci ballai insieme, ci scherzai, ci si divertì non poco, di lì iniziò una serie di incontri che ci portarono a frequentarci come “veri” fidanzati. Premetto che questa ragazza era sempre vestita bene, sempre impeccabile, anche senza utilizzare dei capi di alta qualità. Avevo immediatamente avuto la percezione che le piacesse non solo vestirsi bene esteriormente, ma anche internamente con diversi e attraenti capi di lingerie. In seguito potei constatare che le sue lunghissime, proporzionatissime gambe erano sempre fasciate dal nylon.
Alcuni dei ricordi più belli furono quelli di quando ci si imboscava in macchina, era bellissimo passare le mani sopra le sue cosce, scendere fino al polpaccio, usava collant molto velati e lucidi, mi faceva impazzire, indossava gonne a portafoglio molto corte, dove la mia mano poteva inserirsi facilmente all’interno.
La faccio breve quella ragazza di li a quattro anni diventò mia moglie. Il periodo di fidanzamento servì da “apripista” per conoscerci meglio in tutti i sensi, sesso a volontà, ma gli anni migliori secondo il mio parere, sono stati i primi anni di matrimonio, dove abbiamo fatto cadere molti tabù, ci si confidava intimamente e quindi si provavano varie esperienze sessuali. Insomma…ancor oggi se voglio leccare i piedi puliti o sudati a mia moglie, se voglio farmi pisciare sull’uccello facendomi masturbare, se voglio metterlo nel suo culetto, se voglio farle indossare un collant nelle gambe e uno in testa, se voglio sborrarle in bocca, sul reggicalze, sulle autoreggenti, sulle tette, sulle scarpe, se voglio scoparla utilizzando come preservativo un collant, se voglio venirle addosso quando e vestita da figona…ecc, non ho nessun problema a farlo. Il massimo lo raggiunsi, un giorno, quando mia moglie, conoscendo la mia passione verso i capi intimi femminili, mentre stavamo pomiciando mi disse: “vuoi indossare un mio collant?”. Tutto subito fui titubante, le rispondetti che non sarebbe stato un gran bello spettacolo, però dentro di me sentivo una intensa passione che si faceva sempre più palpitante. Riscontravo in mia moglie, una certa eccitazione, se mi avesse visto indossare il suo capo intimo, allora non mi tirai indietro e finalmente lo indossai. Mi fece anche indossare una gonna in pelle nera, una delle poche che mi andavano, (la taglia di mia moglie è 42-44 la mia era 46-48). Parecchie sono le volte che giochiamo in questo modo. In un'altra occasione, dopo aver comprato un collant di taglia molto grande ( XXL ), infilammo insieme le nostre quattro gambe e scopammo avvolti entrambi nel nylon. Provatelo...

Nei primi tre anni di matrimonio eravamo in affitto in una villetta a schiera, fuori città, su due piani, in una zona, molto bella e tranquilla. L’episodio simpatico, fu quello di una trentacinquenne, bruna capelli corti, occhiali da intellettuale, fisico notevole, tette da paura che di lavoro faceva la rappresentante di prodotti farmaceutici, questa tipa era tutti giorni della settimana in giro, tornava ad ore tarde e nei weekend era sempre in casa. Il suo piccolo giardino confinava con il nostro, diviso da un vetro zigrinato che lasciava trasparire discretamente bene le figure. All’insaputa di mia moglie, non vi dico quante seghe mi sono fatto, a vederla in trasparenza, in costume a prendere il sole d’estate. Non vi dico la roba intima che le feci sparire, era molto perfezionista nel suo intimo. Inondai con schizzate di sperma i suoi perizomi (prediligeva quelli di color nero e ne aveva un numero impressionante), i collants, le autoreggenti (le usava parecchio), i reggiseno. Di sera o di notte salivo su una sedia ed affacciandomi dal vetro divisorio, sborravo sopra lo stendibagno, sempre posizionato in quel punto, ricco dei suoi capi intimi. Aveva un modo di fare con gli uomini, che portava a far suonare tutti i campanelli d’allarme alle rispettive mogli. Una domenica pomeriggio di giugno, era una bellissima giornata, la vicina in costume da bagno, mi vide mentre anch’io mi accingevo a sdraiarmi per prendere il sole e iniziò ad intraprendere qualche discorso. Mia moglie immediatamente, arrivò, un po’ per curiosità, un po’ per controllare la situazione. Aveva un corpo da modella, avrei voluto dirle tirandomi fuori l’uccello dal costume: “scusa, ma con il corpo da paura che hai, non resisto nel non masturbarmi, guardandoti”…e sotto il suo sguardo mi sarebbe piaciuto lasciar fili di sperma cader nel prato.
Pensai di fare con mia moglie un bel giochetto, precisamente come già in altre occasioni, mi sono fatto fare da lei un pompino, una sega guardando un film porno, forse, se la convincevo, sarei riuscito a godere, guardando il corpo della vicina. Iniziai a convincerla, notai che mia moglie era abbastanza eccitata, in fondo invece di un film porno, c’era poi solo, un bel corpo longilineo, con due belle tette. Senza fare rumore mia moglie si inginocchiò da un lato, facendo finta di appoggiarsi sulla mia sedia a sdraio per leggere e iniziò con la bocca a slinguarmi la cappella, immediatamente diventata viola dalla durezza del cazzo. Mi leccava i coglioni, mi metteva la punta della lingua nel taglio del glande, insomma feci una sborrata favolosa.

Riuscii, un giorno, in bagno a casa di mia cognata, tra l’altro una bella donna, a rovistare nella cesta dei panni sporchi e trovare tre collants color carne usati e ben odorosi, uno lo rubai, facendomi tante di quelle seghe, da svenire. Per apprezzare meglio l’odore della figa, mi infilavo nelle narici il triangolo bianco, respiravo a pieni polmoni e facendo un buco in un piede del collant, venivo dentro a fiotti di sperma.

Alcuni anni più tardi ci trasferimmo in città, in appartamento di proprietà, dove abitiamo tuttora e qui non posso non raccontare dei simpatici dirimpettai di pianerottolo, precisamente Francesco e Giuliana, lei era infermiera in ospedale. Un giorno Francesco mi disse che mi avrebbe lasciato le chiavi di casa per qualsiasi evenienza ci fosse stata e per bagnare le piante, visto che loro sarebbero partiti quindici giorni per andare in vacanza in Egitto. Andai parecchie volte a bagnare le piante e non solo quelle…i capi intimi di Giuliana erano riposti in tre grossi cassetti del comò nella loro camera da letto, il primo era formato da mutandine, reggiseni, canottiere bianche e non voglio esagerare, ma circa una ventina di collant color carne, era il cassetto di ciò che usava in ospedale, il secondo era composto da capi per tutti i giorni, ricordo diversi perizomi e nel terzo vi erano le cosette più sfiziose. Non c’è che dire era molto ordinata. Aveva alcune guepiere, diversi reggicalze e relative calze di vari colori (bianche con riga, nere, marrone scuro, blu, un paio di calze rosse con balza nera), un collant tipo reggicalze, insomma tra me dissi: “ma che bella porcellina Giuliana”. L’eccitazione era incredibile quando indossai quelle meraviglie…la cappella del mio cazzo la strofinai dappertutto. Lasciai una goccia di sperma all’interno di molte mutandine zona figa. Guardandomi allo specchio dell’armadio, vestito in quell’intimo, mi masturbavo a manetta, la cosa mi eccitava un casino.
I collants mi entravano benissimo, mentre le calze di nylon erano un po’ corte. Ne smagliai una.
Non mi trattenni e portai via un collant color carne, le calze bianche con la riga, e uno slip nero trasparente con bordi in pizzo. Non posso non raccontare un capodanno trascorso insieme a Giuliana, il marito, mia moglie ed altre quindici persone circa, tutte coppie, che dopo aver mangiato, bevuto, ballato in una baita di montagna, andammo tutti a dormire in una mansarda, ognuno con il proprio sacco a pelo. Francesco era contro la parete del muro, affianco la moglie, poi io, infine mia moglie, noi eravamo girati al contrario, vale a dire mentre loro avevano la testa verso il muro, noi avevamo la testa dalla parte opposta. Faceva molto caldo e dopo aver potuto ammirare nei più disparati pigiami le varie mogli, andare a dormire, vidi Giuliana infilarsi nel sacco a pelo con una semplice t-shirt bianca, che le lasciava trasparire il turgido seno e un paio di pantaloncini bianchi corti, che le lasciavano mostrare le gambe belle affusolate. Dormivano tutti, ciò mi consentì di provare a segarmi, guardando Giuliana. Mi venne una fantastica idea, tirai giù fino in fondo la cerniera del sacco a pelo, rivolta dalla sua parte, piegai le gambe, mi girai verso di lei ed arrivai con l’uccello ad una distanza dal suo viso di circa 40 cm. Che figata, vedevo in penombra il mio cazzo e vicino, il suo viso. Fui molto fortunato, perché Giuliana, in quel momento girò il viso verso il mio uccello e si scoprì lasciando vedere il seno nudo sotto la t-shirt bianca, potei avvicinarmi ancora di più, quasi a circa 20 cm. Avevo timore si svegliasse, facendo una gran figura di merda, ma l’eccitazione era grande, sapere mia moglie da una parte, Giuliana dall’altra, mi fece proseguire, arrivando a sborrare nella mia mano destra sboccando gli schizzi per non colpirla. Che goduria!!! Avevo immaginato di sborrarle sul viso, sporcandole i capelli, gli occhi, il naso, la bocca. Non mi bastò, mi avvicinai con il cazzo ancora più vicino, ma all’altezza del capezzolo e fu una seconda goduria strabiliante. Per non rischiare non azzardai assolutamente a toccarla e feci bene infatti fui premiato con due seghe stupende.

Nel 2001 decisi di comprarmi un computer, perché ve lo sto dicendo?...perchè due anni dopo, provai a chattare con programmi come ICQ, C6, Netmeeting, ora sostituiti da Skype, messenger, ecc…
Conobbi una donna di 42 anni, sposata con un figlio, di nome Milena di Pescara, era una vera ninfomane, dopo esserci conosciuti in chat, scambiato foto, chat erotiche, confidati riguardo parecchie cose, mi chiese il numero di cellulare, mi dette il suo e cominciammo una serie di sesso vocale al telefono. Fu molto eccitante, aveva una voce molto sensuale. Mi chiese più volte di andarla a trovare, così avremmo potuto consumare carne con carne dei bei rapporti sessuali (le piaceva sentire il cazzo nel culo). Era troppo lontana per riuscire a trovare una balla così grande da farmi andare fino a Pescara. Pensate, avevo incontrato una donna che si eccitava nel sentire l’odore di cazzo nello slip di un maschio sconosciuto. Inviai in buste sigillate molti miei boxer odorosi di cazzo e sperma indossati per vari giorni e così fece lei con varie mutandine, collant e calze usate. Fu un bel periodo, molto particolare, dove ero sempre eccitato come una bestia. La convinsi, perfino, ad installare una webcam, aveva abbastanza dimestichezza con il computers, questo lo fece anche raccontando qualche balla al marito.
Ricorderò sempre la prima volta in webcam, che si infilò un vibratore rosa nella figa, seduta sulla sedia da computer, con i rispettivi piedini smaltati sul piano della sedia. A quel tempo la connessione non era delle più veloci, ma non importa, furono molte le volte che venimmo insieme. Una volta, Milena aprendo la bocca mi chiese di avvicinarmi con l’uccello in webcam, per sborrarle in bocca…sembrava quasi vero, in un’altra occasione venni nel buco del suo culo dilatato da un membro in lattice nero di discrete dimensioni.
Era veramente una donna molto calorosa, beato il marito, peccato che eravano troppo distanti…

Nel frattempo feci anche la conoscenza di una fisioter****ta, divorziata, 39 anni, di Pisa, veramente molto figa, di nome Sandra, con quel suo accento toscano, mi faceva sbrodolare, solo a sentirla parlare. Anche con lei si passò dalla chat al cellulare con sesso vocale ed infine all’incontro reale e fisico che stabilito a circa mezza strada, risultò essere a Genova. Stavolta con la scusa del lavoro potevo azzardare a compiere l’impresa. Studiati i minimi dettagli e preso il treno, mi diressi verso Genova Principe. Erano le 9.40, era un sabato di aprile, la giornata era stupenda, tiepidina, il cielo terso. Aspettai la telefonata che preannunciava l’arrivo in auto di Sandra. Le foto che mi aveva inviato mostravano una donna molto fascinosa, alta, bionda, occhi azzurri, tette (una quarta abbondante), insomma una strafiga. Non pretendevo che fosse gnocca come appariva nelle foto, mi sarei accontentato anche di qualcosa di più “normale”. Finalmente squillò il mio vecchio Nokia, sentendo la sua voce sensuale, mi disse che mi vedeva e che era esattamente di fronte, dall’altra parte della strada, nel parcheggio auto, dietro alla fermata del bus. Quando la vidi mi venne quasi un infarto, era altissima (era più alta di me, io sono alto 1.78), bionda, ben vestita, veramente una strafiga. Attraversai al semaforo come pedone e quando la raggiunsi, lei che era appoggiata al tettino della sua Y con la portiera aperta, mi venne incontro e tutti e due dopo un bel sorriso ci abbracciammo, come se ci conoscessimo da moltissimi anni. Mi dette subito un bacio sulla bocca. Non capivo più un cazzo. Mi disse di salire in macchina così potevamo raggiungere C.so Italia per poter passeggiare sul lungomare, zona che anch’io come lei, conoscevo e sapevo, luogo molto caratteristico. Nel tragitto in auto, non mi tenni nel farle capire che era una bella donna e rimasi compiaciuto, quando anche lei, era colpita dal mio fascino. La scansionai a 12000 dpi, indossava un paio di jeans leggermente a zampa di elefante che le fasciavano le gambe in maniera divina, stivaletti bassi colore jeans, un maglioncino in lana sottile color panna e un giubbotto altezza vita di montone rovesciato. Trovammo un bar con terrazza esterna rivolta verso il mare (un bel colpo d’occhio) e ci fermammo per fare colazione, parlammo per una buona mezzora, avevamo molte cose da dirci, poco prima di alzarci, mi mise la mano prima sulla coscia, poi mi toccò l’uccello, già duro in precedenza, da fuori i jeans. Senza più dire una parola, incrociando solo i nostri sguardi capimmo che dovevamo trovare un posto tranquillo per andare a fare del sano sesso. Ad un incrocio, vedemmo il cartello di un hotel, poco distante, facemmo così in fretta a registrarci che ci trovammo poco dopo il un bel letto matrimoniale. Aveva portato un borsone con il necessario per dormire, ma non solo, conoscendo le mie passioni, aveva riposto anche dei capi di lingerie, precisamente una gupiere nera con ganci da reggicalze con calze nere 15 denari. Quando capii che aveva portato capi intimi perchè sapeva che mi piacevano, fui letteralmente sopraffatto dalla sua generosità. Dopo esserci assaggiati con vari preliminari (una cosa singolare, aveva quei pochi peli della figa color biondo), mi fece sdraiare supino, mentre lei mi cavalcava, facendo aderire il mio cazzo durissimo in mezzo alle sue grandi labbra, dopo pochi minuti era eccitatissima, sentì colare sul mio ventre un liquido caldo, l'umore della sua figa bagnatissima, continuava e continuava, non mi era mai accaduto una cosa del genere con quella entità. Quando poco dopo la vidi ansimare, vidi il mio uccello sborrare verso la mia pancia. Fu un godere immenso. Ricordo che fece un apprezzamento sulla quantità di sperma che era uscita dal mio cazzo. Io normalmente riesco sempre a fare dalle 10 alle 12 schizzate piene di sperma.
Era quasi ora di andare a mangiare un boccone, Sandra andò in bagno a lavarsi la figa, mi alzai dal letto, mi asciugai la pancia ed avvicinai ad odorare i gambaletti blu, addirittura un pò secchi sulla punta dei piedi, perchè indossati e sudati negli stivaletti. Entrai in bagno, con una nuova forte carica sessuale. Era seduta sul water che stava aspettando l'arrivo della pipì, sentii lo scroscio e il filo dorato, mi eccitò in maniera indescrivibile, poi passò al bidè per lavarsi con un detergente profumatissimo, io, davanti allo specchio del lavandino, ve lo giuro, vidi il mio uccello fare un'alza bandiera da paura, fece in fretta a vederlo nuovamente duro, mi avvicinai e lei prese a succhiare il cazzo mentre si toccava la figa. Non vi dico il piacere che ebbi nel venirle addosso, precisamente le venni sulla guancia e vicino alla bocca, vidi colare il mio sperma sulle stupende tette.
Dopo pranzo, passeggiammo sul mare tra le case dei pes**tori a Boccadasse, un posto veramente romantico. Si parlava, le nostre occhiate si incrociavamo, ci osservavamo, ci abbracciavamo, fu un'emozione meravigliosa. Trascorsero circa due ore, tornammo in albergo, andammo in camera, uscimmo in terrazza, la vista, dava su un vialetto, lei era appoggiata al davanzale del balcone ed io le guardavo il culo vestito dal jeans, aveva due chiappe da favola. La abbracciai da dietro, le baciai il collo, aveva un odore stupendo, le leccai le orecchie, le baciai i suoi biondi capelli, mentre lasciava trasparire un piacere ed un'eccitazione molto intensa, preso dalla frenesia le sbottonai i jeans, glieli calai giusto ad altezza cosce in modo che potessi infilare il mio membro nella sua figa da dietro...lei stette al gioco...non curanti di sguardi indiscreti gli venni dentro (in precedenza le avevo chiesto se dovevo infilarmi un preservativo, ma lei mi aveva risposto che prendeva la pillola e che quindi non era il caso, ci credetti).
Guardammo la televisione per un po', poi la vidi di nuovo calda sul mio uccello, sentivo la punta della sua lingua nel buchetto del mio cazzo, dentro di me iniziavo a pormi una domanda: riuscirò a fare la quarta? Ero in astinenza da alcuni giorni, ma...non avevo più 18 anni...facemmo un bel 69, poi riuscii a leccarle i piedi smaltati di rosso porpora (sapeva che una mia passione era quella dei piedi, infatti me li mise letteralmente in bocca), che profumo, poi il culo, infilandogli la lingua le allargai il buco. Era prona sul letto, le feci diversi massaggi dalla schiena alle natiche, la baciai, depositai la mia saliva su tutto il suo meraviglioso corpo, poi mi chinai verso di lei per infilargli il membro durissimo nella figa, entravo ed uscivo, entravo ed uscivo, uscendo le premevo il clitoride e lei schizzava umori dappertutto. Dopo aver giocato per un po', provai a premere la turgida cappella, umida dei suoi umori, nel buco del suo fantastico culo. Con un po' di fatica, sentì la cappella entrare nel buco, sentì i brividi fino in fondo alla schiena...credetemi...mi ci volle poco a venire...i primi tre schizzi del mio sperma dentro l'ano...gli altri...fuori sulle natiche e sui lacci della gupiere...fu eccezionale.
Purtroppo non era nei piani il potermi fermare a dormire e quindi verso le 19,30, mi accompagnò alla stazione dove presi il treno del ritorno con il cuore distrutto dalla separazione con Sandra. Lei dopo circa un ora non resistette a telefonarmi, ero in viaggio in treno, anche lei sentiva un dolore immenso al cuore. Ci incontrammo altre volte, ma più la cosa si faceva interessante, più avevo paura di perdere mia moglie. Decidemmo all'unanimità, con molto rammarico di troncare!


Parte Sesta

Sono stato abbastanza stringato nel raccontare di mia moglie, anche perchè avrei troppo da scrivere, questo potrebbe essere lo spunto per un eventuale altro racconto.
Segnalo solo una serata a casa di Alberto ed Anna, dove fummo invitati, dopo esserci frequentati in precedenza, altre volte. Quella sera, dopo aver mangiato cena, Alberto che suona in un complesso, mi fece ascoltare le loro nuove canzoni, nello studio, mentre mia moglie ed Anna, erano sedute su un comodo divano, al piano di sopra, a vedere la TV.
Avevamo bevuto tutti e quattro, senza esagerare, ma da essere decisamente allegri. Quando tornammo, al piano di sopra, vidi mia moglie e Anna che si slinguavano, si toccavano le tette, si sfioravano sotto le gonne lasciando trasparire ambedue i bordi dei collant (mia moglie aveva un collant nero con stivali neri con tacco 12, Anna aveva un collant color carne con le pantofole, queste ultime mi eccitavano incredibilmente), avevano le camicette sbottonate e nel momento in cui vennero sorprese, si ricomposero mettendosi a ridere, noi dicemmo di continuare, perchè non ci stavano disturbavano assolutamente. Tra me pensavo: ma Silvia non è lesbica...come mai? sarà l'effetto del vino?.
Ricordo che Alberto attenuò la luce delle lampade, creando penombra nella stanza, si avvicinò alla moglie e mi fece segno di avvicinarmi alla mia...insomma scopammo le proprie mogli, guardandoci uno con l'altro, fu una eccitante e bella serata. Se ricordo bene, venni dentro mia moglie, guardando il movimento ritmico delle grosse tette e dei capezzoli turgidi di Anna, che veniva penetrata dal marito.

Alcuni anni fa, ristrutturammo una casetta in montagna, riuscimmo a recuperare la cucina, la camera da letto, e creammo una cameretta e un bagno. La arredammo pian piano, con i mezzi a disposizione, senza troppa urgenza. Un giorno mia moglie tornando a casa dal lavoro nella pausa pranzo, mi disse che una sua collega era disponibile a regalarci la vecchia cameretta in frassino della figlia, ormai sposata, basta solo che fossimo noi a smontarla. Naturalmente non ci facemmo scappare l'occasione e una sera andai a smontarla, per poi il giorno dopo farmi aiutare dal cugino di mia moglie, a caricare il tutto e trasportare il materiale in montagna.
La casa era vuota era rimasta solo quella cameretta, iniziai a smontarla, quando mi trovai a sfilare i cassetti, con mio imbarazzo e sommo piacere, trovai nel primo cassetto un collant nero velatissimo, aprii velocemente gli altri nella speranza di trovare qualcos'altro e così fu, altri tre collant, uno nero 40 den, uno color panna, uno color carne (questi ultimi erano smagliati, ecco il perchè probabilmente non furono presi). Ero da solo, pensai immediatamente di indossare il collant nero velatissimo, facendo attenzione a non strapparlo. Purtroppo erano stati lavati, quindi non erano odorosi, pazienza. Mi feci un segone da sballo.

Nell'ambito del lavoro avrei anche diversi episodi da raccontare, ora mi limito a ricordarne tre. Uomini e donne, abbiamo a disposizione degli armadietti separati, dove chi vuole può lasciare gli effetti personali. Questi armadietti sono usati maggiormente dalle donne. Claudia era una bella ragazza (ora non lavora più da noi), occhi azzurri, capelli corti, biondi, labbra carnose, molto alta, ne troppo magra, ne troppo grassa, insomma bel piantata, ma proporzionata, delle belle tette, ma una “palla” a sentirla parlare, (non stava mai zitta), posso immaginare, che se fossimo stati a letto insieme, o le si tappava la bocca con il pisello, o non sarebbe mai riuscito a diventare duro. Aveva però una bella abitudine, portare sempre gonne altezza sopra ginocchio e collants dal color panna al marrone scuro, molte volte, d'estate, anche bianchi. Si andava a cambiare le scarpe, quasi sempre con il tacco, con delle pantofole...si proprio così, delle comunissime pantofole da casa.
Non chiudeva mai a chiave il suo armadietto, un giorno, velocissimamente entrai nello spogliatoio vuoto, presi le sue scarpe ed andai in bagno. Erano delle Chanel nere con tacco 12, odoravano del suo piede, aperte in punta tanto da infilargli l’uccello dentro e stantuffando a dovere feci una sborrata gigantesca. Dopo neanche 10 minuti avevo riposto le scarpe nell’armadietto.
Il secondo episodio fu quello di quando le dissi che aveva le calze smagliate, lei dopo aver esclamato il suo dispiacimento, mi disse che aveva un collant di riserva e che quindi si sarebbe andata a cambiare. Aspettai che tutti fossero andati a casa e cercando dappertutto, trovai nel cestino dello spogliatoio femminile, proprio il collants color bianco che per quasi tutta la giornata aveva indossato. Che profumo sia nella punta dei piedi, sia nel triangolo zona figa. Per gli intenditori, si percepiva il profumo che usava abitualmente, l’umore della figa e il sudore dei piedi.
Claudia in molte occasioni, aveva lasciato trasparire un certo attaccamento nei miei confronti, voglio dire, avevo l’impressione che una scopata con me l’avrebbe fatta molto volentieri, anche se aveva il ragazzo. Nelle ore lavorative, varie volte siamo entrati in confidenza, sia con particolari anche molto intimi, sia con battutine (ad esempio: le chiedevo se per 10 euro mi faceva fare un giro sulle sue tette, lei mi rispondeva che fuori dal posto di lavoro, me lo avrebbe fatto fare, anche a gratis).
Infatti questo clima portò l’avvenimento del terzo episodio, quello di un dopocena aziendale, dove andai a prenderla a casa in macchina, perché così volle lei. Premetto, che per tutta una serie di circostanze, che ora non vado a spiegare, ho sempre cercato di non avere un rapporto extraconiugale con colleghe di lavoro.
Infatti quella fu l’unica volta dove mi lasciai andare…finita la cena, scherzando e ridendo arrivammo sotto casa sua. Mi ricordo molto bene come era vestita, l’avevo guardata varie volte a cena, aveva un maglione in lana color salmone, sotto una camicia bianca, una gonna marrone, con collant color carne, stivali marroni con tacco. Accavallò le gambe e si girò verso di me, mi si avvicinò per darmi il bacio della buona notte, ma io fui più veloce di lei, la baciai sulla bocca, aveva delle labbra carnose che mi facevano impazzire, soprattutto se me le immaginavo sulla cappella del mio uccello. Ci slinguammo parecchio, poi presi l'iniziativa e le toccai le tette da sopra il maglione, constatando la sua piena libertà nel farsi toccare, andai avanti e le misi le mani sotto la gonna. Lei, nel frattempo, incominciò a toccarmi da fuori i pantaloni l'uccello, che era già pronto, mi diedi da fare, con la brillante idea di farmi strada per arrivare a toccarle la figa, con un dito, forzai perforando il collant e spostando le mutandine riuscì a sentire il taglio della figa molto bagnata. La feci venire nel giro di pochi minuti, sentendola ansimare a volume piuttosto alto. Poi lei coronò il mio sogno, dopo aver sbottonato la patta si avvicinò con le sue carnose e lucide labbra al mio cazzo. Non persi tempo, forzai il collant da dietro, le misi un dito nella figa e uno nel culo (quelle dita non me le lavai per giorni). Poco prima di venire, tolse la bocca, ma continuò a segarmi con la mano fino a raggiungere gli ultimi spasmi di piacere, mi salutò baciandomi la cappella ancora sporca di sperma caldo e mi disse “ci vediamo lunedì”.

La città brulica di locali dove effettuano massaggi di tutti i tipi, con o senza olio, essenze, ecc…molti di questi sono seri altri un po’ meno. Ho sempre voluto provare a farmi fare un bel tonificante massaggio, lo avevo provato solo una volta in uno di quei centri benessere, esistenti nei “resorts” vacanze.
Un amico mi parlò di uno chiamato quello “romantico”…dopo aver telefonato mi prenotano un sabato mattina alle 10.00…suono il campanello, mi aprono, verso destra, seduta su di uno sgabello, dietro ad un bancone che fungeva da reception, una signora asiatica di circa 50 anni, poco attraente, un po’ troppo rotondetta per i miei gusti, comunque, dopo aver pagato, mi indicò uno spogliatoio, mi diede un asciugamano e mi disse di accomodarmi in un’altra stanza.
In questa stanza, non molto grande, vi era un lettino…aspettai qualche minuto, la signora asiatica mi disse di sdraiarmi prono con il solo asciugamano bianco e di aspettare…non parlava molto bene l’italiano…comunque feci quello che mi disse. Sapevo che il massaggio romantico finiva o con una sega, o una pompa, o una chiavata, sinceramente da quella signora di circa 50 anni, mi sarei fatto fare, solo un bel segone, con magari un dito nel culo.
Dopo pochi minuti, entra una donna di circa 30 anni, capelli neri lisci, asiatica, non bellissima, ma decisamente chiavabile, indossava un vestito corto in raso nero con grandi fiori colorati, ricordo che ne avevo comprato uno simile, ma di color rosso, a mia moglie perché mi eccitava un casino vederla con quel tipo di abbigliamento orientale. Lo sguardo poi mi cadde sul rilievo del bordo delle calze autoreggenti color nero molto velato e sulle pantofole colorate, dove i suoi fantastici piedi andavano a far tana. Mi stavo decisamente eccitando, sia per i massaggi, sia al pensiero di fare qualcosa di godurioso con quella tipa.
Iniziò dai piedi e salendo all’altezza dell’interno cosce, mi tirò lievemente su l’asciugamano e iniziò a massaggiarmi le natiche, che figata!!!...arrivò fino alla schiena, poi mi fece girare, girandomi potei vederla meglio, non era per niente male, un bel corpo. Riprese dai piedi e salendo all’altezza dell’uccello, mi toccò in maniera notevole i testicoli, questo mi fece impazzire. Spostò delicatamente l’asciugamano e iniziò a palparmi il membro, lo sfiorava con quell’olio profumato che riscaldava. Faceva scivolare le mani da professionista, il cazzo era caldissimo, mi faceva già qualche s**tto di piacere. Non tardai a toccarla con la mano sinistra…mmmmm…sentire il nylon della calza, la balza in pizzo, mi dava un’emozione intensa, ma quando andai a cercare la figa e mi accorsi che non aveva slip, l’emozione aumentò ancor di più. Non sapevo se potevo azzardare una decisa palpata e quindi iniziai a toccarla con dolcezza, poco dopo la sentii umida, all’asiatica, le piaceva farsi toccare. Non tardai a venire, avevo il mio dito medio nel buco del suo culo, con le sue mani mi stringeva il glande e con un po’ di malizia poco prima del primo schizzo, mi girai verso di lei, facendo trasparire una goduria incredibile, le sborrai addosso, lei fece inizialmente per spostarsi ma io con il dito nel culo riuscii a bloccarla e una dopo l’altra le schizzate andarono tutte sul vestito. Il numero delle schizzate furono 10 o 12, quindi provate ad immaginare. Non sembrò essere molto contenta e dopo avermi detto qualcosa di incomprensibile, prese un asciugamano e si asciugò il vestito, rimasto però ancora umido del mio sperma…che figata!!!

Un giorno incontrai per strada un carissimo amico, Johnny, era appena arrivato da Las Vegas, lui per lavoro viaggia in continuazione spostandosi da un capo all’altro del mondo. Quando torna in città mantiene sempre quei tre, quattro contatti, per non annoiarsi. Mi chiese se quella sera volevo andare con lui, era stato invitato da una coppia, lei una 40 enne molto prestante con un marito che gode a veder la moglie scopata da estranei. Dopo aver informato che saremmo stati in due, il marito ancora più contento, confermò l’ora del ritrovo. Il mio amico dopo avermi spiegato alcune cose. mi disse: “guarda cosa faccio io e comportati di conseguenza”.
Erano le 21.00 circa, suonammo alla porta, il marito ci fece entrare, fui presentato, ci offrirono un whisky, parlammo di qualcosa e dopo circa 20 minuti ci fecero andare in una stanza ampia molto particolare, vi era un enorme letto circolare in mezzo alla stanza, una X in legno da una parte, un comò, specchi alle pareti e sul soffitto, una poltrona, una videocamera su un treppiedi, una vasca con idromassaggio in un angolo.
Dal comò spuntò fuori una serie di oggettistica da far invidia ad un sexy shop, ricordo che la donna volle che la penetrassi con un enorme fallo nero in lattice, molto venoso, fornito di polpetta, spinsi più che potevo, il cazzo di gomma era lungo 30-35 cm ed aveva un diametro di 7-8 centimetri, entrò nella figa facilmente, nel mentre la donna succhiava il cazzo del mio amico, quando la sentii venire premetti la polpetta facendo uscire il liquido caldo…ero eccitato al massimo…mi stavo toccando già da qualche minuto, poco dopo sfilandole il fallo nero fece uno squirting da sballo, trovandomi inginocchiato davanti a lei, strusciai due o tre volte la cappella viola sulle sue gambe bellissime, ma soprattutto lisce come il marmo levigato e prontamente esplosero le mie schizzate bagnandole le cosce, nel mentre il mio amico le venne in viso e sulle tette. Incredibile, tutto questo davanti al marito, che si smanettava, ma senza arrivare a godere, di lì capì che da noi voleva ancora vedere altro.
L'iniziativa come al solito, venne presa da Johnny...aprì un cassetto del comò e prese delle calze di nylon, una nera, una marrone e legandole prima una mano poi l'altra, la immobilizzò alla X di legno, il mio amico mi fece segno di prenderne altre due per legarle i piedi, così feci, il cassetto era pieno di nylon e seta, da far rizzare l'uccello anche ad un ottantenne.
Presi due calze marroni con la riga di seta e mi avvicinai ai piedi smaltati di nero, ero eccitatissimo, sia perchè le stavo toccando i piedi, sia perchè la stavo legando con un calza di nylon. Era una visione stupenda, da inginocchiato, potevo ammirarla dai piedi, salire per le gambe, guardarle il culo, la schiena, fino ai capelli neri corvini. Dopo circa 20 minuti dalla precedente sborrata, avevo il cazzo durissimo. Johnny si avvicinò e da dietro le mise il cazzo nella figa, poi nel culo, di nuovo nella figa, poi in culo, alternava il movimento con maestria. Il marito continuava a guardare lo spettacolo. La donna ansimava con notevole ardore. Non sapendo esattamente cosa fare andai dalla parte opposta della X per cercare di toccarla, quando la donna mi vide, mi fece capire che voleva farsi una bella slinguata, mi avvicinai e dopo aver vorticosamente usato la lingua, iniziò a leccarmi il viso, la cosa mi eccitava tremendamente. Quando il mio amico le venne nel culo mi fece segno di fare altrettanto, non mi feci pregare due volte, inserendo il cazzo nel culo sentivo la sborra calda depositata in precedenza da Johnny e dopo pochi minuti le venni nella figa, lasciando il cazzo all'interno fino a goderne gli ultimi spasmi. Finalmente il marito arrivo e sbrodolò sulle natiche della moglie.
Dopo nuovamente alcune parole, sorseggiando dello champagne, pensai alla serata ormai conclusa, ma mi sbagliai, la donna ci fece sedere, compreso il marito, sul letto, infilandosi un vibratore nella figa, iniziò a spompinarci uno alla volta, la scena mi fece ricordare un vecchio film con protagonista Moana Pozzi, era una situazione molto eccitante vederla leccare prima il mio cazzo, poi quello di Johnny, infine quello del marito.
Quando mi sentì venire, portò la bocca fino alla base dell'uccello, sentivo la gola, sembrava una figa, le venni dentro fino all'ultima goccia, poi mi fece colare lo sperma caldo sulla cappella. Esattamente nello stesso modo fece con il mio amico e con il marito. Un bel tris di pompe, non c’e che dire.


Parte Settima

Dovetti andare una sera, a fare delle consulenze tecniche, riguardo programmi di contabilità e di magazzino, da un cliente di mio fratello. Era titolare di un colorificio. Entrando nel retro del negozio, c’era l’ufficio, vi erano i computers, un fax, uno scanner, due scrivanie, degli armadi contenenti classificatori vari, ecc…mi diedi da fare…questo signore fu molto contento e fu così che mi chiese altre consulenze. Nell’uscire dall’ufficio mi sbagliai e presi una porta che conduceva ad un altro negozio, era una merceria…si proprio così, era una merceria…il signore mi disse che era il negozio della moglie. Questo ufficio in sostanza era una stanza in comune che si trovava tra il colorificio che dava su una strada e la merceria che dava dall’altra parte sulla strada parallela.
Feci varie consulenze, ma il massimo fu, quando una di queste sere, ricevette la telefonata del figlio diciassettenne che doveva essere recuperato da qualche parte, dopo la partita di calcetto. Insomma, sarei rimasto da solo per circa mezz’ora. Non potevo farmi cazzate, ma non riuscii a trattenermi nel curiosare la merceria. Avevo il cuore in gola, ero eccitato da bestia, il fatto di trovarsi in una merceria da solo, era fantasmagorico. Un sogno, che mi perseguiva da vari anni, era quello di trovarmi da solo, nel piano intimo di un grande magazzino, uno di quelli, dove sono esposte le più belle cose al mondo, per metri quadri e metri quadri. Reparti giganteschi, dove l’intimo è esposto in zone, con tonalità di colori di tutti i generi.
Per noi, amanti della lingerie penso che sia il più bel sogno che si possa avverare. Non ero in un grande magazzino, ma ero in una merceria di un certo livello, a giudicare dalle marche. Immediatamente, diedi un’occhiata al negozio ed individuai la zona dei collant, in particolare quella delle calze di nylon per reggicalze. Mi venne subito un idea, non dovevo perdere tempo, ma potevo prendere un paio di calze da ogni s**tola che ne conteneva 10 senza destare sospetti. Nere, marroni, blu, bianche, grigie, sabbia, ecc…questi furono i colori delle calze, tutte di taglia da poter essere indossate. Poi passai agli espositori dei collant che erano della Perla, Gerbe, Philippe Matignon, Bombana, Omero, Sisi, ecc…presi a vita bassa, 15 den, 20 den, corpino nudo, autoreggenti sensualissime, disegnate, di vari colori, prendevo un po’ da una parte, un pò dall’altra. Per comodità, quando ero per consulenze, portavo sempre una ventiquattrore, morbida, che andai a riempire varie volte svuotando il tutto in macchina parcheggiata lì vicino. Erano presenti in un angolo due s**toloni, in offerta, uno di soli reggiseni, uno di sole mutandine, non vi dico quanti capi presi per poterli indossare con tranquillità a casa. Non riuscii a prendere purtroppo, nessuna guepiere, nessun reggicalze, sarebbe stato troppo rischioso. Nessuno non si accorse di nulla. Quando abitavo con i miei, nascondevo i capi intimi in camera mia, fortunatamente, avevo una stanza molto grande, in cantina, in garage, non fui mai scoperto dai miei, ora da sposato, il luogo più sicuro rimane sempre la cantina, molto ampia, dove bazzico solo io.

Ora vi devo raccontare una stravagante, ma stupenda avventura, una serata trascorsa con un trans, con delle gambe, vi giuro, più belle di una top model. Premetto che sono eterosessuale, ma un forte desiderio, era quello di poter indossare dei capi intimi di un trans, insieme a lui e trascorrere del tempo in tranquillità.
L’avevo più volte adocchiato, facendomi coraggio, gli spiegai cosa volevo fare, lui contento, mi disse di salire sulla sua macchina, così saremmo andati a casa sua. Lo seguì salendo le scale, ero rimasto letteralmente abbagliato dalle sue stupende gambe. Entrai in casa, fuori faceva freddo, si mise a suo agio, ma quando lo vidi che si stava svestendo, gli dissi di non farlo, perché mi piaceva vederlo così, indossava delle scarpe nere tacco 12, calze color carne, gonna in pelle nera molto corta, sopra un gubbottino che lasciava intravedere nella camicetta le curve del seno. Mi fece entrare nella camera da letto e mi aprì un armadio a sei ante pieno di vestiti stupendi e affianco una scarpiera con circa una cinquantina di scarpe di tutti i colori e di tutti i tipi. Guardandomi prese alcuni capi e mi disse di provarli, io subito chiesi se aveva delle calze e un reggicalze da indossare, me li diede, iniziai a vestirmi davanti a lui, infilarmi le calze, color marrone scuro, sentendo il fruscio del nylon mi eccitai a 1000, mi aiutò ad abbottonarmi il reggicalze bianco, mi diede delle mutandine bianche trasparenti, le indossai, un vestito intero molto corto di colore blu petrolio, un reggiseno bianco imbottito, e mi disse di provare 2 o 3 paia di scarpe. Lui portava il 42 io il 44, quindi mi aveva già consigliato alcune paia che potevano essere portate dal sottoscritto. Avevano un tacco 16 cm aperte in punta color nero, appena indossate, il trans mi disse che togliendo qualche pelo di troppo, avrei potuto far ammirare alla gente, le mie gambe di una notevole bellezza. Iniziai a camminare nella stanza, mi sedetti su una sedia, accavallai più volte le gambe, in quella posizione il cazzo era così duro che rigonfiava la gonna. Il trans vedendomi seduto sulla sedia, mi si sedette sopra di fronte, si sollevò la gonna, spostò le mutandine e tirò fuori il suo uccello molto duro e lungo e fece la stessa operazione su di me, faticò a farmi uscire il cazzo dalla mutandine, era così duro che si era incastrato. Lasciai l'iniziativa a lei che non tardò ad avvicinare i due cazzi, uno contro l'altro e dopo averli lubrificati con un olio, li segava entrambi con le sue stupende mani...mmmm...mentre mi segava ogni tanto sentivo le unghie che essendo piuttosto lunghe mi graffiavano, la cosa mi eccitava non poco, si mischiava un leggero dolore al piacere che stava sempre più esplodendo.
Dopo alcuni minuti, eravamo tutti e due molto vicini all’orgasmo, lo sentì, si fermò appena in tempo, giusto per far uscire alcune gocce bianche trasparenti che si fermarono sulle teste delle cappelle da ambedue i cazzi. Con la mano spalmò tutto sui nostri uccelli…fu bellissimo…appena vidi il primo schizzo di sperma uscire dal suo membro, lasciai andare anche i miei, creando una esplosione a 360°. Fu un’altra bella esperienza che sentivo di dover fare e che così feci.

Parlando di puttane, devo raccontare un secondo episodio oltre a quello accadutomi da giovanissimo, (vedi inizio IV parte della mia storia). Nel corso degli anni, in Italia, si passò dalle prostitute italiane, alle africane, alle albanesi, alle rumene, alle ungheresi, lituane, ecc…
Devo essere sincero le africane non mi hanno mai eccitato molto, i miei gusti sono piuttosto rivolti a una donna “ariana”, vale a dire la classica donna con capelli biondi, occhi azzurri, alta, fisico slanciato, ecc…
A differenza di molti altri miei amici, non posso vantare, come loro, nottate ad Amburgo, Amsterdam, Bangkok, con ladyboy, ragazze asiatiche, cubane, ecc…però voglio soffermarmi su due ragazze ungheresi di 22 e 24 anni che conobbi…tramite annunci sui giornali. Fissato l’appuntamento con una delle due, in un appartamento in periferia, ero pronto a tutto. Suonai, entrai, potei ammirare la ragazza veramente, ma veramente, la classica figa ungherese, bionda con occhi azzurri e che soprattutto sprizzava giovinezza da tutte le parti. Mi fece sedere su un divano a fare qualche parola. Mi dette subito l’impressione di una ragazza che si, era una puttana, ma che comunque voleva veramente rendere a suo agio e felice il cliente. Era gentilissima, sensibile, educata, umana, parlava molto bene l’italiano. Nel frattempo sbucò da un angolo l’amica anch’essa strafiga, che mi salutò come se ci conoscessimo da una vita e dopo avermi salutato si ritirò in un’altra stanza.
Aveva un vestitino molto corto, naturalmente non indossava calze, era estate, peccato, mi chiese quale prestazione volessi intraprendere, poco prima vidi i suoi stupendi piedini smaltati e la cosa mi fece subito rizzare il cazzo. Le chiesi se era disposta, come preliminari, a farsi leccare i piedi, lei naturalmente fu d’accordo. Aveva dei piedi stupendi, annusai completamente tutti e due i piedi dal tallone alle dita, iniziai a leccare passando la lingua in mezzo ad ogni dito, sentivo anche lo smalto sulle unghie. Era un momento fantastico, un odore meraviglioso, ad un certo momento mi venne da chiederle se anche l’amica aveva dei piedi stupendi come i suoi, lei mi rispose di si e la chiamò dicendole di partecipare, rimasi annichilito, forse potevo soddisfare un'altra mia fantasia, quella di leccare quattro piedi bellissimi di due stupende ragazze.

continua...
... Continue»
Posted by chif2010 2 years ago  |  Categories: Fetish, Gay Male, Masturbation  |  Views: 1554  |  
80%
  |  2

Vi presento mia moglie Laura.

Racconto trovato in rete su xhamster.

Ho conosciuto Laura quando eravamo ragazzini, le nostre famiglie erano amiche e ci ritrovavamo spesso insieme, io avevo quattro anni più di lei e la vedevo solo come una ragazzina, una sorta di sorellina antipatica e lei mi vedeva allo stesso modo. Con il trascorrere degli anni restammo amici, entrambi vivendo le nostre prime esperienze d'amore, con l'aumentare dell'età l'antipatia reciproca che provavamo da ragazzini si trasformò in una bella amicizia. Un bel giorno fu Gianni il mio più caro amico d'infanzia a farmi aprire gli occhi, mi disse.
“Laura è diventata veramente una gran bella ragazza.”
Mi resi conto solo allora che l'amicizia poteva diventare qualcos'altro, Gianni oltre a Laura è la persona più importante della mia vita, ho sempre chiesto il suo giudizio in ogni decisione della mia vita e così è stato anche quando dichiarai il mio amore a Laura.
“Ma che aspetti? E' fatta per te.”
Lei aveva 22 anni, io 26, mi ero appena laureato in Economia e Commercio, cominciai a lavorare presso lo studio di un commercialista, cinque anni dopo ci sposammo, nel frattempo lei si era impiegata presso una banca, Gianni e sua moglie Alessia furono i nostri testimoni di nozze, da allora spesso e volentieri trascorrevamo le vacanze insieme. Dopo tre anni di matrimonio e una vita sessuale normale stavo vivendo una fase di stanchezza e di calo del desiderio, Laura ne soffriva un po' e me lo diceva pur comprendendo che era un fatto momentaneo dato dallo stress, la svolta accadde quando andò per tre giorni da sua madre, lei si era trasferita nella sua città d'origine dopo essere rimasta vedova, viveva a 300 km da casa nostra. In quei tre giorni solo in casa venni colto da un improvviso aumento di voglia di sesso, io non avevo mai voluto tradire mia moglie più che altro per paura delle conseguenze e se fossi stato scoperto? Decisi così di dedicarmi ad una maratona masturbatoria come quelle che facevo da ragazzo, accesi il PC e mi collegai ad uno dei tanti siti porno, cominciai a visionare filmati su filmati, la fantasia cominciò a galoppare in modo incredibile, mi imbattei in un filmato che vedeva come protagonista una donna americana, lei somigliava a mia moglie era alle prese con due ragazzi, l'idea che quella donna potesse essere lei e che facesse una cosa del genere solo per far piacere a me mi eccitò in modo incredibile, restai sveglio tutta la notte e mi masturbai altre 3 volte. L'adrenalina era tanta, non riuscendo a prendere sonno cominciai a gironzolare per forum e chat a sfondo sessuale dialogando con persone che si eccitavano alla mia stessa fantasia, vedere la propria moglie scopata da altri uomini, in mezzo ad una serie di personaggi chiaramente falsi e altri maleducati, mi soffermai a parlare con Alessandro. Anche lui aveva questa mia stessa fantasia, l'aveva comunicata alla moglie la quale inizialmente aveva reagito male, poi resasi conto che la cosa aveva risvolti positivi sulla loro vita sessuale cominciò a giocare in tal senso con il marito. Inizialmente fingevano la presenza di un terzo, dopo qualche tempo decisero di fare il salto di qualità, lei andava davvero a letto con un' altro per poi raccontare tutto al marito, in diverse occasioni lui aveva anche assistito, dopo diversi anni Alessandro e sua moglie si separarono perché lei si era innamorata del suo amante e lui non era affatto pentito.
“Ho vissuto sensazioni irripetibili e meravigliose anche se sono costate il mio matrimonio, se tornassi indietro rifarei tutto anche se oggi mia moglie mi manca da morire.”
Trascorsi i due giorni seguenti attaccato al PC alla scoperta del mondo cuckold, conobbi altre persone e confrontai le loro esperienze con le mie sensazioni, decisi di parlarne a mia moglie quando sarebbe tornata, se l'avesse presa male avrei potuto addossare tutto alla stress ed al fatto che mi era mancata in quei tre giorni e non avrei più ripreso l'argomento. Le raccontai tutto, la prima serata il dialogo con Alessandro e tutto quello che mi era passato per la testa, lei la prese con molta allegria, mi disse che era contenta che mi fossi confidato con lei, cosa che molti mariti secondo lei non avrebbero fatto e che mi amava ancora di più proprio per questo. Quella sera e per i giorni che seguirono facemmo molte volte l'amore con tante variazioni sul tema, a volte fingevamo che io fossi un altro con cui lei mi stava tradendo, altre volte lei mentre scopavamo mi raccontava una sua scopata immaginaria con questo fantomatico amante e così via. La nostra vita sessuale migliorò di molto grazie a questo giochino, la cosa ci divertiva un mondo e ci eccitava parecchio, ogni tanto parlavamo del fatto se un giorno o l'altro avremmo mai trasformato la fantasia in realtà, entrambi eravamo d'accordo nel pensare che l'esperienza sarebbe stata troppo forte e rischiosa. La cosa comunque mi prese parecchio, passavo tutti i momenti liberi della giornata a fantasticare su qualche variante o novità nelle nostre fantasie, non avevo mai avuto un'attività sessuale più frenetica e sentivo il bisogno di parlarne con Gianni. Una sera ci incontrammo dopo il lavoro per prendere un aperitivo in un pub, introdussi piano l'argomento, temevo che mi giudicasse male, lui era sempre stato il classico “macho”, aveva tradito la moglie in più di una occasione vantandosene con me e al tempo stesso era estremamente geloso. Cominciai a parlargli del fatto che ci sono persone che si eccitano all'idea che la loro donna faccia sesso con un altro, lui mi diceva che è una fantasia che non capiva ma se a loro piaceva non giudicava, poi mi spinsi più in là e raccontai tutto, la sua reazione fu molto divertita, più che altro perché non vedeva Laura come una tipa a cui piacessero certi giochi, era contento per noi.
“Attenzione a non andare troppo oltre e se lei si trova un amante come nel caso che mi hai raccontato potresti pentirtene.”
Gli risposi che non era nostra intenzione passare dalla fantasia alla realtà, di contro gli chiesi se lui avesse voglia di provare a vedere se questa fantasia avrebbe avuto un effetto positivo anche su sua moglie Alessia, il volto di Gianni si rabbuiò.
“A volte quasi spero che mi tradisca, mi prendono i sensi di colpa per tutte le volte che l'ho tradita e in certo senso pareggeremmo i conti, poi se lei avesse le sue avventure sarei autorizzato a proseguire le mie.”
Chiudemmo il discorso lì, cambiammo argomento e tra un cocktail e una risata ci avviammo a casa, l'indomani Gianni mi telefonò dicendo che voleva raccontarmi una cosa, ci incontrammo per pranzo e mi disse che la sera aveva raccontato i nostri discorsi ad Alessia. Inizialmente me la presi, avrei preferito che prima almeno mi avesse chiesto se poteva parlarne alla moglie, lasciai perdere quando seppi che Alessia si era molto divertita all'idea e che anche loro avevano giocato con la stessa fantasia divertendosi parecchio.
“Alessia si è molto eccitata all'idea della trasgressione.”
Non riprendemmo comunque il discorso per un po' di tempo, un paio di mesi dopo mia moglie mi disse.
“Devo confessarti una cosa.”
Laura mi raccontò che pochi giorni dopo la mia chiacchierata Alessia le aveva telefonato, avevano parlato di questa nuova fantasia che ci accomunava, di come la stessero vivendo da donne, notando che c'era una complicità maggiore con noi mariti si sentivano più desiderate e i risvolti sul piano sessuale erano assolutamente positivi. Io e Gianni comunque non affrontammo più l'argomento per almeno sei mesi, nel mese di luglio decidemmo di organizzare le vacanze insieme e di affittarci un bungalow in un villaggio turistico del sud Italia. Gianni mi confidò che si sentiva strano, vedeva sua moglie sempre più indipendente ed intraprendente, era una sensazione nuova e strana, anche la scelta del luogo di vacanza per la prima volta era nata da sua moglie e non da lui, questo indicava che qualcosa nei rapporti tra lui e Alessia stava cambiando.
“Alessia sta prendendo sempre più il sopravvento su di me, tutto è partito da quel gioco sessuale.” Gli dissi di rilassarsi, non doveva porsi il problema e vivere tutto serenamente, tutto qui, quando giungemmo al villaggio turistico scegliemmo il bungalow con due camere separate, il più lontano dal centro del villaggio nel punto più alto, volevamo trascorrere molte ore divertendoci lontano da sguardi e orecchie indiscrete. I primi otto giorni trascorsero meravigliosamente, mare, cibo, sesso a volontà e relax totale, ci sentivamo in paradiso, in genere trascorrevamo la mattina al mare, poi pranzo, pomeriggio al mare, cena, una passeggiata e dopo ci chiudevamo ogni coppia dentro la propria stanza fino all'esaurimento della forze per riprendere il ciclo l'indomani mattina. Due giorni prima della nostra partenza la direzione del villaggio aveva organizzato una festa, era nella discoteca situata al centro della struttura, durante la cena Alessia con un tono ammiccante disse a Laura ad alta voce affinché sentissimo tutti.
“Che ne dici se stasera ci facciamo guardare un po'?”
“Veramente vi guardiamo già abbastanza.”
Intervenni io.
“Ma io intendevo farmi guardare da qualche altro giovanotto.”
Rispose Alessia con un sorriso malizioso e disarmante, Gianni mi guardò in modo divertito senza dire nulla, Laura mia moglie aggiunse.
“Ma dai è solo un gioco divertente tanto per dare un po' di pepe alle nostre fantasie, diciamolo tranquillamente lo sappiamo tutti che la cosa vi ecciterebbe.”
“E quindi? Spiegatevi meglio.”
Disse Gianni.
“Noi ci vestiamo in modo sexy, quando arriviamo in discoteca andiamo a ballare e voi restate in disparte a guardarci e osservare se qualche ragazzo ci prova.”
“No, non mi va, se poi c'è qualche malintenzionato o qualcuno che causa problemi?”
Dissi io.
Laura mi disse.
“E' chiaro che non daremmo loro corda più di tanto, se dovesse succedere qualcosa non ci siete forse voi ad osservare e intervenire se necessario?”
Gianni mi guardò divertito.
“Che ne dici?”
Non ero convinto ma acconsentii.
“Va bene facciamolo, però se vedo che tirate troppo la corda, io e Luca ci portiamo a letto le ragazze più fighe di tutto il villaggio chiaro?”
Concluse Gianni, le ragazze si misero a ridere, ci baciarono e si andarono a cambiare mentre io e Gianni ci sedemmo in attesa del loro arrivo, dopo circa mezz'ora arrivarono con due vestitini sexy che non avevamo mai visto. Tutto nero quello di Laura, con un disegno a fantasia sul verde quello di Alessia, entrambe con la schiena completamente nuda, con le gonne cortissime, tacchi alti e trucco più forte del solito completavano il quadro, io e Gianni guardammo estasiati le nostre donne, ci incamminammo verso la discoteca seguendole e Gianni mi disse.
“Ma quei vestiti quando li hanno comprati? Vuoi vedere che le due tipe avevano in testa questo giochino fin da prima di partire?”
“Le donne sono sempre sorprendenti, non ti nascondo che la cosa mi sta arrapando fin da adesso.”
“Io non ti nascondo che anche per me è la stessa cosa.”
Giunti in discoteca ballava già parecchia gente, ci sedemmo in disparte al bancone del bar e le ragazze come d'accordo senza nemmeno salutarci andarono a ballare, io e Gianni non parlavamo ci limitavamo a bere un drink dopo l'altro e ad osservare le nostre donne completamente presi dalla faccenda. Due fighe da paura che ballano sole al centro della pista, in mezzo alla folla non tardano ad essere notate, dopo non molto tempo diversi ragazzi cominciarono a ronzare attorno a loro, io e Gianni ridevamo come matti a vedere come le donne si divertivano ad allontanarli quando si facevano troppo vicini, non viste ci facevano un cenno d'intesa quasi a dire.
“Visto che ci comportiamo bene?”
La vista di mia moglie che veniva abbordata mi dava una sensazione allo stomaco indescrivibile, un misto di dolore, adrenalina, eccitazione, bastava guardare Gianni per capire che per lui era esattamente la stessa cosa, dopo una mezz'oretta le ragazze si avvicinarono per bere insieme a noi, cominciava a girarmi la testa non so se per i drink o per la situazione nel suo insieme e dissi.
“Ragazze vi state comportando bene, anche troppo.”
“Troppo? Amore che intendi dire?”
Mi rispose Laura.
“Intendo che potreste anche ballare con qualche ragazzo anziché respingerli tutti.”
”Veramente li abbiamo respinti solo perché non ci piacevano.”
Rispose ridendo Alessia anche lei mezza ubriaca.
“Va bene io sono arrapato come un toro in calore, fate gli ultimi balli e divertitevi, poi andiamo via altrimenti le palle mi scoppiano.”
Disse Gianni, noi ridemmo tutti, le donne ci baciarono intensamente e tornarono a ballare, subito dopo vennero abbordate di nuovo da due ragazzi molto alti, uno era di colore, Gianni mi disse.
“Quelli sono due che lavorano qui al villaggio, questi ronzano attorno alle nostre mogli da qualche giorno.”
Risposi che non me ne ero accorto per nulla, poi la conversazione si interruppe perchè fummo presi dagli avvenimenti, i due ragazzi si erano fatti subito molto audaci e ballavano a stretto contatto con le nostri mogli, le quali non disdegnavano strusciarsi sui loro corpi, le mani del ragazzo di colore si allungavano ora sui fianchi di mia moglie ora sulla schiena di Alessia. Io e Gianni ci guardammo indecisi se intervenire o se restare ad osservare, lo spettacolo ci stava sconvolgendo, il tutto non durò a lungo per fortuna, Alessia e Laura non appena fini il brano musicale si allontanarono dai due tipi i quali restarono un po' delusi, provarono a seguirle ma si fermarono quando videro che si erano venute a sedere accanto a noi. Sia io che Gianni notammo che entrambe si erano girate a sorridere ai due ragazzi, decidemmo di tornare al nostro bungalow perchè eravamo tutti brilli e molto eccitati, non appena arrivati le ragazze abbassarono i nostri pantaloni e cominciarono a spompinarci con grande energia. Anche questa era una novità, per quanto fossimo affiatati tra di noi non avevamo mai fatto attività sessuale di nessun tipo gli uni davanti agli altri, Gianni guardava mia moglie prendersi il mio cazzo in bocca ed io facevo altrettanto con la sua, era uno spettacolo stupendo. Entrambe mostravano un atteggiamento forte e dolcissimo al tempo stesso che ci lasciava senza fiato, sembrava facessero a gara a chi ci faceva venire prima, infatti dopo neanche tre minuti di pompino sia io che Gianni esplodemmo in un orgasmo violento, neanche il tempo di riprenderci e le ragazze ricominciarono, il livello di ormoni era talmente alto che anche stavolta non durammo a lungo, poco più di 5 minuti e arrivò un altro orgasmo, anche stavolta quasi simultaneo. Io e Gianni eravamo entrambi senza fiato, Alessia si sollevò il vestito, infilò le mani dentro le sue mutandine e cominciò a masturbarsi, Gianni andò a prendere una bottiglia di Whisky e ne versò due bicchieri, uno per me e uno per lui, nel frattempo anche mia moglie aveva cominciato a masturbarsi eravamo tutti in un delirio erotico mai vissuto prima. Io e Gianni continuammo a bere osservando le nostre donne che si masturbavamo, ormai eravamo fradici, ad un tratto Gianni si alzò in piedi e disse.
“Ormai dobbiamo farlo, dobbiamo andare fino in fondo”
“In fondo a cosa? Cosa intendi dire?”
Dissi io.
“In fondo a questa storia, dobbiamo bere l'intero calice, non possiamo più tornare indietro e non voglio più fermarmi, voglio che mia moglie viva la sua esperienza, lei ha già deciso e anch'io ho deciso, tanto vale arrivare dove vogliamo arrivare tutti.”
Intervenni dicendo a Gianni che era ubriaco e non capiva quello che diceva.
“Non sono ubriaco, non abbastanza da non capire lo sguardo negli occhi di mia moglie e di tua moglie che non si sono mai sentite così sexy, così donne, così vogliose di trasgredire come adesso, non sono ubriaco abbastanza da non aver visto lo sguardo sconvolto ed eccitato che avevi quando quel nero accarezzava la schiena di tua moglie, avresti dovuto vederti Luca, se ti fossi visto in uno specchio non penseresti che io sono ubriaco.”
Ci guardammo tutti negli occhi uomini e donne, Gianni aveva ragione, aveva dannatamente ragione, Alessia si alzò in piedi e baciò appassionatamente suo marito, che le disse.
“Voglio che tu lo faccia.”
Laura si avvicinò a me, mi guardava con un sorriso dolce e le dissi.
“Anche io voglio che tu lo faccia, ma solo se siamo sicuri che la cosa non abbia conseguenze.”
“Non le avrà, ti amo ancora di più, amore mio.”
Andammo a dormire, l'indomani mattina a colazione pianificammo tutta la faccenda, le ragazze sarebbero andate al mare cercando di farsi notare dai due ragazzi, poi li avrebbero invitati a passare nel primo pomeriggio, Io e Gianni saremmo usciti dal villaggio subito dopo pranzo ci saremmo appostati sul promontorio muniti di binocoli. Quello era l'unico punto in cui era visibile il terrazzo sul retro del bungalow, luogo che era nascosto alla vista di qualunque altra parte del villaggio e quindi ideale per il nostro scopo, avremmo visto tutto molto bene ed eravamo pronti ad intervenire se qualcosa fosse andata male. Come previsto le ragazze in spiaggia essendo da sole vennero avvicinate dai due della sera prima, fu Laura a lanciare l'amo.
“Nel pomeriggio siamo da sole al bungalow 24, perché non venite dopo le 16,00 a farci compagnia?” Ovviamente i ragazzi non si fecero pregare, si salutarono con un bacio sulla guancia, pranzammo tranquillamente parlando di tutt'altro, eravamo tutti entrati nella parte e recitavamo per frenare la trance erotica che sentivamo ribollire dentro di noi, dopo il caffè, alle 15 circa, io e Gianni prendemmo gli zaini e ci incamminammo verso il posto appartato che Gianni aveva notato qualche giorno prima.
“Ci vediamo stasera.”
Dissi a mia moglie, come se fosse un pomeriggio normale della nostra vita, alle 16 puntuali i due ragazzi si presentarono, dalla nostra postazione osservavamo tutto, si sedettero nel retro del bungalow e si versarono da bere chiacchierando. Capimmo che le cose stavano cambiando quando Laura si sedette sulle ginocchia di Pierre e Alessia in braccio a Paolo, Pierre cominciò ad accarezzare i seni di mia moglie e le sbottonò la camicetta, con una mano le stringeva un seno e infilò l'altra dentro la gonna nera, Paolo, dopo aver abbassato il bordo del vestitino indossato da Alessia ed averle tirato fuori i seni, cominciò a baciarli e leccarli, cosa che fece subito anche Pierre con i seni di Laura. Uno sconosciuto stava leccando i seni di mia moglie ed io stavo guardando arrapato, sia Laura che Alessia si misero in piedi, i due ragazzi le spogliarono accarezzandole dolcemente, una volta che erano rimaste con addosso solo le scarpe le misero a sedere sul tavolo al centro della veranda e cominciarono entrambi a leccare le fighe, Paolo ad Alessia e Pierre il ragazzo di colore a mia moglie Laura. Alessia fece cenno quasi subito a Paolo di non leccarla più, si spostò gli abbassò i pantaloncini e prese il suo cazzo in bocca succhiandolo con avidità, continuarono così per un po' Alessia spompinava Paolo, il quale ogni tanto si chinava a baciare i seni di mia moglie, mentre Pierre le leccava la figa, Gianni osservava sorridendo e ogni tanto mi diceva.
“Tutto come avevo previsto e sperato è una sensazione incredibile.”
Gianni mi sorprese tirando fuori una macchina fotografica con uno zoom notevole, che io ignoravo lui possedesse, cominciò a fare foto su foto, nel frattempo laggiù avevano cambiato, Laura adesso si era seduta e succhiava il cazzo di Pierre, mentre Paolo prendeva Alessia da dietro con molta forza e lei sembrava godersela tutta. Subito dopo Paolo la spostò e la piazzò continuando a prenderla da dietro di fronte al cazzo di Pierre, adesso stavano leccando entrambe il membro molto grande del ragazzo di colore, cambiavano continuamente, Pierre prese mia moglie Laura e la rimise a sedere sul tavolo, cominciò a scoparla mentre lei aveva le gambe all'aria, dall'altra parte del tavolo Paolo continuava a prendere Alessia da dietro. Dopo qualche minuto in questo modo i due ragazzi si scambiarono un “cinque” e si spostarono, Pierre si piazzo davanti ad Alessia che comincio a spompinarlo e Paolo dopo aver accarezzato e baciato dolcemente la mia donna cominciò a prenderla in varie posizioni, prima da dietro poi si mise sopra di lei intervallando ogni tanto con un ripasso nella bocca, anche Alessia adesso era totalmente in balia di Pierre che la girava e la rigirava a suo piacimento. Non mi ero accorto che Gianni aveva cominciato a masturbarsi totalmente annebbiato e sconvolto dalle emozioni che lo stavano travolgendo.
“Perchè non ti masturbi anche tu, cosa aspetti? Vuoi che le palle ti esplodano?”
Mi disse, io non risposi, stavo scoppiando dalla voglia ma al tempo stesso non volevo perdermi nemmeno un attimo dello spettacolo che si offriva alla mia vista, adesso le due donne erano piazzate l'una di fronte all'altra e si baciavano mentre i due uomini le prendevano da dietro, si baciavano e si leccavano i seni a turno ma il meglio doveva ancora venire. Paolo si mise a sedere sulla sdraio e Alessia gli si mise di sopra, Pierre dapprima rimase un po' a godersi la bocca di mia moglie poi si piazzo dietro Alessia penetrandola nel culo e cominciando una doppia mozzafiato, Laura si masturbava evidentemente molto eccitata nel vedere la sua amica scopata da due uomini contemporaneamente. Mille pensieri mi passarono per la mente, Laura non mi aveva mai dato il suo culetto e se adesso le fosse venuta voglia di una doppia penetrazione? Gianni continuava a masturbarsi mormorando ogni tanto qualche frase a commento.
“Brava... anche il culo... lo sapevo che ti sarebbe piaciuto.”
Venne per la seconda volta e riprese subito dopo, roba da matti, il mio timore era che anche Laura fosse sottoposta allo stesso trattamento di Alessia, mi calmai quando vidi che Pierre era giunto all'orgasmo e stava venendo sulla schiena di Alessia mentre Paolo continuava a sbatterla. Quello che non avrei mai immaginato sarebbe stato che Laura cominciasse a leccare lo sperma dalla schiena della sua amica, cominciò anche a leccare le palle di Paolo mentre lui scopava Alessia, sembrava stesse quasi per venire quando si fermò, uscì da Alessia e la rigirò piazzandola a schiena in giù e mettendo mia moglie proprio sopra di lei. Si spostò e cominciò a scopare Laura da dietro con molta forza mentre Pierre, il ragazzo di colore, guardava sorridendo ormai esausto, dopo pochi colpi Paolo venne dentro mia moglie la quale piazzò la figa sul viso di Alessia che cominciò a leccare lo sperma che le colava fuori. Rimasero così, esausti e compiaciuti per un po' finchè i due ragazzi cominciarono a rivestirsi e se ne andarono salutando le nostre donne con un bacio, Gianni nel frattempo era venuto per la terza volta, chiudemmo gli zaini e tornammo al villaggio.... Continue»
Posted by marcomerivot 2 months ago  |  Categories: Group Sex  |  Views: 1037

Katara's heisser Lesben-Sex

Vorwort

Diese Geschichte, wie auch alle anderen die ich veröffentliche, entsprechen der Wahrheit und sind so geschehen. Dabei wurden mir von mehreren Freundinnen diese Ereignisse berichtet und ich schrieb sie danach auf.
Für Leute die nicht wissen, was Cosplay ist: Cosplayer sind Leute, die sich als eine Figur aus einem Zeichentrick, eines Videospiels oder eines Animes verkleiden. Es gibt es viele Events auf denen hunderte solcher Cosplayer hingehen. Ich selbst bin keine Cosplayerin, aber kenne viele von ihnen.
Die Fotos, die ich unter jede Geschichte stelle, sind auch wirklich von dieser Person die in der Geschichte vorkommt. Eine Sexgeschichte ist einfach hundert Mal besser, wenn man weiss wie die Hauptperson aussieht.


Katara's heisser Lesben-Sex

Diese Geschichte handelt von einer jungen Lesbe, die gerade eine Trennung hinter sich hatte und von ihrer Exfreundin sehr verletzt wurde. Unsere Hauptperson ist Cosplayerin und verkleidet sich am liebsten als Katara aus der Serie Avatar, besonders gut steht ihr dabei das Kostüm von „Firenation-Katara“. Nach einigen Wochen, nachdem sie sich ein wenig von der Trennung erholt hatte, wollte sie wieder damit beginnen eine Freundin zu finden. Doch noch während sie auf der Suche nach der richtigen Person war, hat sie sich für etwas anderes entschieden als eine feste Beziehung zu beginnen. Sie war ganze drei Jahre mit ihrer Ex zusammen, was für solch junge Leute nicht unbedingt geläufig ist. Also warum sollte sie jetzt direkt wieder eine feste Beziehung beginnen und nicht zuerst ein wenig Spass haben? Sie entschied sich dazu, im Internet auf einem Lesbenportal ein Profil zu erstellen, dabei legte sie offen fest, dass sie nur auf ein Abenteuer aus ist. Das Problem auf solchen Seiten, wie eigentlich auch auf allen anderen Flirtportalen, ist, dass es darauf viele Fakes gibt. Also will Katara sehr vorsichtig dabei vorgehen und niemanden treffen ohne zuvor mit der Person gecamt und telefoniert zu haben. Wegen ihres guten Aussehens brauchte sie nicht viel Zeit um bereits einige Angebote zu kriegen. Viele davon stellten sich kurzerhand allerdings schon als Fakes heraus. Doch sie hat auch ein Mädel gefunden, dass Echt zu sein scheint. Die Beiden haben über Skype gechattet, mit Cam, und auch schon miteinander telefoniert. Das Mädel sieht echt sexy aus wie Katara findet, also fragt sie nach einer Weile nach ob sie denn für ein heisses Treffen zu haben wäre. Das Mädel mit dem Namen Mia war damit einverstanden und glücklicherweise lebten die Beiden nicht zu weit voneinander entfernt. Also haben sie beschlossen, sich bei Mia zu treffen da sie momentan gerade alleine wohnt und sie deshalb ungestört wären. Sie machten ein Datum und eine Uhrzeit aus und dann war die Sache auch schon fest geplant. Katara fuhr mit dem Zug und am Bahnhof wurde sie von Mia empfangen, dabei hatte sie gesagt, dass Katara doch bitte ihr scharfes Kostüm dabei tragen sollte, was Katara ohnehin getan hätte da es ihr wahnsinnig gut steht. Nach einem zärtlichen Begrüssungskuss und einer ersten Berührung mussten sie noch einige Stationen mit dem Bus fahren um zu Mia’s Wohnung zu gelangen. Als sie dort endlich ankamen, fing alles viel schneller an als Katara erwartet hätte. Mia hatte ihr erzählt, dass sie ebenfalls eine Trennung hinter sich hat und dabei sehr verletzt wurde, doch Katara hatte ein kleines Problem. Denn Mia hatte ihr anvertraut, dass sie eigentlich gerne eine feste Beziehung mit Katara hätte, da sie nicht nur unglaublich gut aussehe, sondern auch einen tollen Charakter besitzt. Katara wusste nicht so recht was sie darauf antworten sollte, sie entschied sich dazu, weder zu bejahen, noch zu verneinen. „Wir sollten zuerst dieses Date geniessen und dann sehen wir weiter, okay Mia?“ sagte Katara, sie wollte Mia nicht verletzen, aber sie wollte ebenfalls dieses heisse Date nicht vermasseln. „Egal wofür du dich entscheidest, werden wir in Kontakt bleiben?“ fragte Mia und setzte dabei einen unschuldigen und traurigen Blick auf. Katara versprach ihr, dass sie auf jeden Fall in Kontakt bleiben werden, selbst wenn Katara keine feste Beziehung haben wollen würde. Damit hat sie die richtigen Antworten gegeben und Mia machte danach keinen Rückzieher, das heisse Date könnte also beginnen.
Sie setzten sich auf die Couch im Wohnzimmer, Mia betrachtete Katara’s Körper und legte dabei schüchtern eine Hand auf Katara’s Bauch. Katara lächelte Mia an und ihr Bauch wurde dann auch schon sanft gestreichelt. Katara kam mit den Lippen in Mia’s Richtung und deutete einen Kuss an, doch sie wollte Mia nicht selber küssen, sondern nur ganz nahe an sie herankommen und Mia den letzten Schritt gewähren. Mia tat dies auch sofort, und sie presste ihre Lippen an Katara’s und sie fingen an sich zärtlich und leidenschaftlich zu küssen. Dabei schob Katara ihre Zunge etwas in Mia’s Mund, spielte mit ihrer Zunge und presste ihre Lippen noch fester an Mia’s. Katara legte dabei eine Hand auf Mia’s Wange und streichelte diese zärtlich, während Mia noch immer Katara’s Bauch streichelte und die zarte Haut erfühlte.
Mia streichelte nun langsamer etwas weiter nach oben und sie ging mit ihrer Hand unter Katara’s Stoff, um an ihre Brüste zu gelangen. Sie umschloss mit ihrer Hand Katara’s Brust und streichelte sanft, fing aber wenige Augenblicke später damit an, an Katara’s Nippel zu spielen und ihre Brust etwas fester zu kneten. Sie küssten sich noch immer heiss und innig, ohne auch nur eine kleine Pause einzulegen, Katara mochte es wie ihre Brust verwöhnt wurde, also wollte sie Mia dasselbe Gefühl geben. Der Kuss wurde nun für einen kleinen Moment gestoppt, aber nur damit Katara Mia’s Top und den BH ausziehen konnte, dann pressten sie ihre Lippen wieder aneinander und spielten mit ihren Zungen, dabei griff Katara Mia’s Brüste und knetete sie kräftig durch, der Kuss wurde dabei wilder. Katara knetete Mia’s Brüste allerdings nur ziemlich kurz, denn kurz darauf wanderte sie langsam etwas tiefer und ging mit einer Hand in Mia’s Rock. Sie schob den darunter liegenden Slip zur Seite und Katara begann damit, Mia’s Schamlippen zu streicheln, danach schob sie ihren Zeigefinger vorsichtig in die feuchte Muschi und ging dabei immer tiefer. Katara bewegte ihren Finger in alle Richtungen um Mia richtig gut zu verwöhnen und sie dabei zum stöhnen zu bringen. Mia knetete dabei Katara’s Brüste noch fester und kniff ihr zärtlich in die harten Nippel. Nun wanderte Katara mit ihren Lippen an Mia’s Hals, und sie begann daran zu saugen, zu lecken, und sanft zu küssen. Dann wanderten ihre Lippen tiefer, bis Katara bei Mia’s Brüsten angelangte und mit der Zunge an ihren Nippeln spielte. Auch dort saugte Katara heftig, und liess ihre Zunge um die harten Nippel kreisen, ihre Zeigefinger schob sie dabei immer wieder tief in Mia’s Muschi, drang dabei immer tiefer in sie ein und machte sie um einiges feuchter als zuvor. Nun aber stoppte Katara die ganze Sache und stand auf. Aber dann kniete sie vor Mia nieder und zog den Rock und Slip nun komplett aus, Katara selbst war noch immer vollständig angezogen, was Mia aber zu gefallen schien. Als Mia komplett nackt auf der Couch sass, spreizte Katara Mia’s Beine etwas auseinander und ging mit dem Kopf nun zwischen ihre Beine. Katara fing damit an, mit ihrer Zunge Mia’s Kitzler zu lecken und ihre Zunge fest dagegen zu drücken um Mia noch lauter zum stöhnen zu erzwingen. Gleichzeitig schob sie ihren Zeigefinger erneut in Mia’s Muschi und gab ihr einen zärtlichen, aber tiefen Fingerfick. Katara leckte den Kitzler, wie auch die Schamlippen immer wilder, bis sie dann endlich ihren Zeigefinger aus Mia’s Muschi nahm und dafür die Zunge reinsteckte. Sie tauchte tief in Mia ein und begann sie wild und heiss zu lecken. Dabei saugte sie auch immer an Mia’s Muschi um den leckeren Saft zu schmecken. Mia hielt nun mit beiden Händen Katara’s Kopf fest und presste sie fest und nahe gegen ihr Becken.
Dann tat Katara etwas, wovon Mia zuerst aufschreckte. Katara leckte weiterhin genüsslich an Mia’s Muschi, doch gleichzeitig schob sie nun ganz langsam den Zeigefinger tief in Mia’s enges Poloch. Zuerst schrie Mia auf, also hatte sie wohl noch nie etwas in ihrem Knackarsch stecken, dachte sich Katara und schob daraufhin den Zeigefinger noch tiefer in sie rein. Katara bohrte ihren Zeigefinger regelrecht in Mia’s enges Loch, nahm den Finger bis zur Hälfte wieder heraus und schob ihn gleich wieder etwas fester und tief ein. Noch während Katara immernoch an Mia’s Muschi saugte und leckte, nahm sie den Zeigefinger wieder raus und ging damit nach oben zu Mia’s Mund. Mia hielt Katara’s Hand nun mit ihrer Hand fest, und nahm den Zeigefinger tief in den Mund. Sie saugte und leckte daran wie ein Profi, konnte dabei ihren eigenen Geschmack genüsslich ablecken. Sie liess Katara’s Zeigefinger nicht mehr aus ihrem Mund, saugte und leckte immer wilder und heisser, also schob auch Katara ihre Zunge immer tiefer in Mia’s feuchte Muschi und leckte ihr Inneres an allen Seiten.
Als Mia dann irgendwann den Zeigefinger von Katara wieder aus ihrem Mund liess, wolle Katara einen Schritt weiter gehen. Sie nahm die Zunge aus Mia’s Muschi heraus und ersetzte sie mit dem eben geleckten Zeigefinger. Nun schob sie aber immer wieder fester und härter ihren Finger tief in Mia’s Muschi, fickte sie dabei wilder und liess die Muschi vor Erregung noch feuchter werden. Während Katara mit ihrem Zeigefinger Mia’s Muschi wild und hart fickte, ging sie mit ihrer Zunge nun zu Mia’s Poloch und steckte ihre Zunge sofort tief hinein. Sie bohrte sich einen Weg durch das enge Loch und leckte Mia wild und genüsslich, liess Mia richtig laut aufstöhnen und ihren ganzen Körper erbeben und zittern. Mia’s Löcher wurden nun gleichzeitig von Katara verwöhnt, sie nahm ihre Zunge immer wieder aus Mia’s Poloch heraus, doch nur um die Zunge gleich wieder hart und tief hinein zu rammen. Dasselbe tat sie mit ihrem Zeigefinger an Mia’s Muschi, immer fester, immer härter. Mia’s Hände krallten sich in Katara’s lange Haare, pressten ihren Kopf immer fester zwischen Mia’s Beine. Katara hatte nun ja noch eine Hand frei, also ging sie damit zu Mia hoch und schob ihr wieder ihren Zeigefinger in Mia’s Mund. Doch Katara wollte sich nicht einfach nur den Finger ablecken lassen, sondern Katara fickte mit ihrem Zeigefinger nun auch noch Mia’s Mund. Sie schob den Finger immer ganz tief in Mia’s Mund, immer fester und bis zur Kehle, nun konnte sie alle drei Löcher von Mia gleichzeitig ficken und dabei immer härter vorgehen. Mia’s Körper zitterte immer heftiger, sie bewegte sich ununterbrochen, schrie immer lauter und kam ihrem Orgasmus immer näher. Katara fickte Mia’s Löcher noch fester, noch schneller und wilder, so lange bis Mia sich nicht mehr zurückhalten konnte und einen heftigen Orgasmus hatte. Nun ging Katara mit ihrer Zunge wieder in Mia’s Muschi zurück, und Katara schlürfte den Saft aus ihr heraus, schluckte Mia’s Orgasmus und leckte dabei ihre Muschi noch einmal wild durch.
Danach setzte sich Katara wieder auf die Couch und Mia’s Kopf ruhte dann auf Katara’s Schulter. Sie kuschelten nun eine ganze Weile, bis Katara in Mia’s Ohr flüsterte: „Leck nun meine Pussy.“ Mia war noch immer total scharf, auch nach dem heftigen Orgasmus. Also ging Mia nun zwischen Katara’s Beine und sie zog Katara’s Kostüm langsam aus. Als die Pussy dann frei lag, wurde Mia überrascht. Denn Katara ergriff sich mit einer Hand Mia’s Kopf, krallte sich ihre Haare und zog sie hart gegen ihre feuchte Pussy, gleichzeitig schlang sie beide Beine fest und eng um Mia’s Nacken und presste sie damit noch näher an sich. Mia konnte nun gar nicht anders als Katara’s enge und feuchte Pussy zu lecken, sie schob ihre Zunge tief in die Pussy ein, leckte Katara so wild sie nur konnte, und sie schien es zu mögen wie Katara’s Beine sich um ihren Nacken schlingen und ihren Kopf immer fester gegen ihr Becken pressten. Mia leckt genüsslich an Katara’s Pussy, wird dabei immer wilder und dringt immer tiefer in sie ein, dabei nimmt nun auch sie ihren Zeigefinger und schiebt diesen fest und hart in Katara’s enges Poloch. Mia war nun auch an der Reihe um Katara mit ihrer Zunge und dem Finger hart und tief zu ficken. Katara stöhne laut, nahm dabei die noch freie Hand von Mia und legte sich diese auf ihre Titte, die daraufhin fest durchgeknetet wurde. Mia leckte wild, saugte in Katara’s Pussy, und ihr Zeigefinger rammte sie immer wieder tief in Katara’s Poloch, immer härter wurde sie dabei und brachte nun auch Katara zum schreien und ihren ganzen Körper zum zittern. Katara’s Beine umschlangen Mia’s Nacken immer fester, pressten ihren Kopf immer mehr gegen ihr Becken, und Katara stiess ihr Becken nun auch immer wieder fest gegen Mia’s Kopf. Mia musste also nur ihre Zunge weit ausstrecken, während Katara ihr Becken gegen Mia’s Gesicht stiess und die Zunge dabei immer wieder tief in die Pussy eindrang. Mia fickte mit ihrem Finger Katara’s enges Loch immer fester, sie rammte den Finger regelrecht brutal hinein, wurde dabei immer schneller. Bis nun auch Mia den Finger wieder heraus nahm und ihn Katara zum lecken gab. Katara saugte, leckte und biss sogar an Mia’s Zeigefinger der gerade noch tief in ihrem Arschloch steckte, dabei stiess sie ihr Becken immer fester gegen Mia und sie spürte die Zunge tief in sich, wie Mia wild in ihr leckte und nun auch Katara dem Orgasmus immer näher brachte. Mit der zweiten Hand knetete Mia Katara’s Titte immer kräftiger, sie zog dabei auch immer wieder an ihrem Nippel. Das heisse und wilde Zungenspiel dauerte fast eine ganze Stunde, bis auch Katara kam und Mia den ganzen, leckeren Pussysaft auflecken und geniessen konnte.
Danach kuschelten sich die beiden wieder aneinander, blieben dabei nackt und irgendwann schliefen sie gemeinsam ein. Doch Katara hatte ihre heisse Nacht nun gehabt, also tat sie eigentlich nur so als würde sie auch einschlafen. Dabei wartete sie nur bis Mia schlief, dann zog sie sich leise an und verliess Mia’s Wohnung. Die Beiden haben sich daraufhin nie wieder gesehen, denn Katara wollte von Anfang an einfach nur geilen Sex, und den hatte sie nun bekommen.




... Continue»
Posted by HentaiHub 1 year ago  |  Categories: Anal, Hardcore, Lesbian Sex  |  Views: 1552  |  
70%
  |  4

Con Mia Madre



Mia madre apri il portabagagli sistemò la valigia, appoggiò il borsone sul sedile posteriore dell'auto e finalmente salimmo a bordo, i chilometri che avremmo dovuto percorrere erano parecchi e il tempo era alquanto inclemente, una pioggia fastidiosa incominciata stamattina presto perdurava incessante.

Mia sorella Luna ci aspettava a scuola....cosi ci dirigemmo verso l'istituto musicale per poi cominciare il viaggio verso l'Umbria, con destinazione Cerreto un paesino vicino a Spoleto per presenziare al funerale della mia bisnonna Maria

Ritorniamo un attimo indietro, mi chiamo Luca ho 18 anni e vivo con mia sorella Luna di 19 anni e mia madre Lilia di 41, siamo solo noi tre perché mio padre in perenne guerra con mia madre vive da solo in una città vicina assieme ad un altra donna, pertanto io sono l'unico maschio di casa, coccolato da mia madre ed osteggiato da mia sorella in continua lotta per il predominio territoriale ed anche per gelosia....per via del rapporto preferenziale che mia madre ha con me.

Dopo una decina di minuti arrivammo all'appuntamento con mia sorella.

Luna imprecando contro il maltempo, bagnata come un pulcino s'infilò in auto e disse:

“Luca passami il borsone accanto a te, che mi cambio la maglia non voglio pigliarmi un raffreddore”

Con immensa gioia notai che la sosta sotto la pioggia aveva provocato danni seri, era completamente bagnata, e questo mi dava un piacere immenso, perché vedere mia sorella mentre si spogliava mi eccitava molto.

Con aria seccata disse:
“Girati maiale”

Poi rivolta verso mia madre aggiunse:
” Lo sai ? Hai fatto un figlio porco, mi spia sempre.... e non perde occasione per vedermi nuda....sei un brutto porco”

Un piccolo sorriso diabolico affiorò sulle mie labbra.
Mia madre con aria divertita disse:
”Ma Luca, è vero quello che dice tua sorella? La spii?”
“Ma no mamma questa s'inventa tutto, e poi anche se la guardassi che male c'è..... è mia sorella”

Lei concluse il discorso con “Taci pervertitooo ”.

Il viaggio durò tre ore arrivammo sotto un cielo nero e scuro con la pioggia che non ci aveva abbandonati neanche un minuto dal momento della nostra partenza entrammo nell'aia della cascina, e sotto uno scroscio incessante entrammo in casa.

Mia nonna Lia ci venne incontro ci furono i soliti convenevoli incontrai parenti lontani di cui neanche sapevo l'esistenza, ed in mezzo a questo assembramento di persone conobbi una mia cugina di Ancona, mi piacque subito era molto carina, con un magnifico seno due gambe lunghe e un bellissimo sedere a mandolino questo insieme di fattori fecero s**ttare tutti i miei meccanismi di autoerotismo tanto e vero che dovetti recarmi in bagno a spararmi una sega.

Quando usci dal bagno rosso in volto ed accaldato, la sfortuna volle che la prima persona che incontrai fu Luna:
”Ma sei proprio un porco anche qui.... brutto maiale”

Mi sentì distrutto e l'unica frase che riuscì a dirle fu:

“E allora!!! saputella dammela tu... cosi la smetto di andare nei bagni”
Lei si girò inviperita e con voce sibilante disse:

“Piuttosto me l'incollo con l'Attak, maiale!!! cosa vorresti scoparti tua sorella?”.

Fra me e me... pensai "Magari ti tromberei come una lurida vacca"

Alle tre del pomeriggio ci fu il funerale, e una volta ultimate le esequie ci ritrovammo tutti nell'immensa casa di campagna della nonna.

Mia madre non se la sentiva di rimettersi in viaggio pertanto decidemmo di passare la notte in paese, per non creare problemi di posto visto l'assembramento dei vari parenti, io e la mamma ci recammo nell'unico alberghetto presente in zona.

A differenza di mia sorella che invece preferii rimanere a casa della nonna io mi sentivo elettrizzato ed emozionato di dormire assieme a mia mamma....Luna rivolgendosi a nostra madre disse: “Mamma stai attenta al maiale!!!!”

Mia madre mi guardò e con aria protettiva aggiunse:

”Perché lo tratti cosi poverino e cosi buono”

E mentre lei si attardava a salutare i nostri parenti, guardai Luna le feci la lingua e le sussurrai:
“Ti piacerebbe che l'adoperassi su di te per leccarti la figa”

Mia sorella fu sorpresa dalla mia reazione e sibilò a denti stretti:
“a****le”

Raggiunto l'alberghetto il proprietario avvisò mia madre che per motivi di ristrutturazione aveva solo una camera disponibile, e vista la situazione a casa della nonna mia madre decise di prendere subito l'unica stanza rimasta.

L'ambiente era piuttosto nudo, poco curato e sebbene fosse pulito, risultava disadorno e freddo.
Feci la doccia e non avendo indumenti per la notte mi misi sotto le coperte con la canottiera e gli slip, nel frattempo mia madre davanti ad una vecchia specchiera si stava preparando per la notte in mutandine e reggiseno.

Stimoli strani e martellanti cominciarono a tormentarmi, la voglia di spiare mia mamma si contrapponeva alla vergogna dell'azione che stavo commettendo, spiare mia sorella era un piacere, fare altrettanto con mia madre mi sembrava amorale.

Quando un'erezione mi colse all'improvviso, inaspettatamente diedi la colpa al sedere di mia mamma coperto.....o per meglio dire scoperto, dal perizoma di pizzo nero e da altri particolari, come il reggiseno trasparente che lasciava intravvedere i capezzoli grandi e scuri, rendendo problematico e difficile il controllo dei miei stimoli.

Cercai di mitigare queste sensazioni pensando ad altre cose ma il mio stato ormonale in continua evoluzione non mi permise di pensare ad altre cose, se non a quelle che stavo vedendo procurandomi dolori atroci ai testicoli.

Finalmente mia madre si alzo dalla sedia e si recò in bagno senti l'acqua della doccia scorrere con uno sforzo sovrumano cercai di allontanare un'altra ondata di pensieri erotici che una prorompente alchimia celebrale stava elaborando dentro la mia testa, immaginai mia madre nuda in posizioni erotiche sensuali e soprattutto provocanti....avevo grosse difficoltà a gestire la mia libido, fortunatamente lo squillo del suo cellulare frenò questo mio crescendo erotico portandomi alla realtà.
Era Luna........
“Passami la mamma”

“La mamma è sotto la doccia”

Ci fu un attimo di silenzio e lei con una risatina idiota aggiunse:
“Strano!!!!!,e tu sei ancora lì, com'è lei non la spii quando si lava”
Feci finta di nulla e le dissi di aspettare...

“Mamma c'è la scema”.......
“Digli che arrivo” fu la risposta di mia madre.

Parlottarono per alcuni minuti, poi mia madre si mise sotto le coperte con me.

Mi avvicinai al corpo di mia madre e le dissi:
“Mamma parliamo un poco”
“Ok va bene....dimmi Luca”
“Mamma tu pensi che un figlio possa desiderare sessualmente la propria madre”
“Immagino di si, però non è una cosa normale”
“Io non so sia normale o meno mamma, però io ti trovo molto bella e volevo dirti che ti amo”
“Luca anch'io ti amo ma l'amore fra un figlio e la propria madre è un amore che non ha nulla di sporco e un amore pulito”
“Mamma sei bellissima ed anche molto attraente...mi piace molto il tuo corpo” lei fu sorpresa di questo mio complimento e sorridendomi disse:
“Sei molto galante, è la cosa più bella che tu potessi dirmi tesoro”
“Piuttosto dimmi Luca è vero che guardi tua sorella quando fa la doccia”
“Si mamma qualche volta l'ho fatto”
“Perché”
“Non so il perché, forse per curiosità poi Luna e cosi bella” Con tenerezza mi guardo mi sorrise aggiungendo: “Non farlo più” e mi bacio, risposi al suo bacio baciandola sulle labbra la cosa la sorprese ma non disse nulla.

Mi accoccolai con la testa sulla sua spalla odorandone il profumo e il calore della sua pelle, il suo braccio avvolse le mie spalle e con infinita dolcezza disse:
” Vieni tesoro, mio mi fa piacere sentirti vicino a me”

Socchiusi gli occhi e mi addormentai con il volto appoggiato al seno di mia madre fu una sensazione bellissima.

Il mio sonno fu molto agitato, probabilmente dovuto allo stress del funerale, al viaggio condotto sotto la pioggia a fattori ambientali vista la nuova situazione logistica, ma soprattutto dall'alta temperatura che c'era nella camera, sta di fatto che verso le due di notte mi svegliai....mi alzai e mi recai in bagno il mio corpo e i miei indumenti erano intrisi di sudore feci una doccia veloce e ritornai a letto, mia madre dormiva profondamente la luce fioca della piccola luce del comodino illuminava il suo volto dolce e rilassato.

Alzai le coperte il suo corpo in posizione supina era molto bello, non c'era grasso nella sua struttura fisica ne tanto meno smagliature, il ventre era piatto e le gambe lunghe e sinuose convergevano in un piccolo dosso, coperto dalle minuscole mutandine di pizzo.

La voglia irrefrenabile di volere guardare, curiosare, scoprire il corpo di mia madre mi diede la forza di non pensare alle eventuali conseguenze nel caso si fosse svegliata e decisi di andare oltre, sollevai con mano ferma il bordo degli slip...nella semioscurità rischiarata della debole luce del abatjour intravvidi la macchia scura dei peli pubici, incurante del pericolo che stavo correndo la mia mano si fece più ardita e si appoggiò sul dolce promontorio del monte di venere, sulla morbida lanugine separando le labbra della vagina, il dito sfiorò la morbidezza della carne e toccò l'ingresso della figa.

Un sospiro lungo e languido mi fece des****re, con una notevole dose di sangue freddo riusci a mantenere la calma, e mentre lei allargava maggiormente le gambe in una posizione innaturale, le risistemai gli slip e con la più innata faccia di bronzo da perfetto attore consumato finsi di stirare le mie membra ed abbracciai il suo corpo, nel sonno lei rispose al mio abbraccio, mi bacio poi girandosi di spalle riprese a dormire.

La posizione era perfetta le cinsi la pancia con il mio braccio e dopo un po gettai una mano sul suo inguine infilai le dita sotto la trama delle mutandine alla ricerca del frutto proibito......ma la mia manipolazione alla fine non passò inosservata...... la svegliai e quando senti la sua voce dire ”Luca cosa diavolo stai facendo?” una sensazione di malore mi prese alla bocca dello stomaco, mi senti mancare, tutte le forze vennero meno, l'adrenalina che fino ad allora mi aveva sostenuto mi venne a mancare ed in un attimo mi senti svuotato e distrutto.

Mia mamma accese la luce della camera, si girò verso me e con calma senza rimproverarmi disse: “Luca spiegami, cosa ti passa per la testa ti sembra una cosa ben fatta quella che mi stavi facendo”

“Dio santissimo non si può!!!, per diversi motivi, sei mio figlio, è contro la morale...Luca ti dovresti vergognare”

Abbassai il mio sguardo, lei prese il mio volto fra le mani lo sollevò e senza tanti preamboli aggiunse:
“Volevi vedermi nuda? Volevi toccarmi? Poi.....cosa volevi farmi?....Maledizione Luca non si può, è una cosa che una madre non può fare con il figlio”

Sempre con la testa china timoroso aggiunsi:
“Solo per una volta mamma”.

Si alzo dal letto infuriata con il volto fra le mani, fuori di se:

“Una volta cosa?....Luca guardami sono tua madre vuoi vedermi senza vestiti ehh!!!! va bene guarda, si strappò il reggiseno guarda ti piacciono le mie tette”.

I seni apparvero in tutta la loro perfezione, poi avvicinandosi al letto mi prese per i capelli con voce sibilante:
“Guarda ora ti faccio vedere il resto, con una mossa rapida si calò le mutandine ed appoggio il mio volto al suo inguine, senti il mio odore ti piace? Vorresti leccarmela porcooo... e poi cosa vorresti farmi ehh!! rispondimi...... scoparmi !!!”

In una crisi di nervi si getto sul letto piangendo come una bambina.

Mamma scusami, cominciai a baciarla sulle gote, sul volto e sulle labbra le asciugai le lacrime, senti il calore del suo corpo, la testa mi scoppiava, lei si giro verso me con gli occhi gonfi di lacrime, la distesi sul letto le accarezzai il seno lei non disse nulla i suoi occhi fissavano i miei, le fui sopra in un attimo mi spogliai, ero nudo sopra mia madre completamente nuda, lei accennò a una ribellione ma la posizione predominante in cui mi trovavo le impediva di muoversi singhiozzava e ripeteva: “Cristo nooo!!!ti prego Luca non voglioo..... per favore non farlo non farmi questo.... sono tua mamma mi vergogno.

Il mio pene era durissimo, con delicatezza si apri la strada fra le grandi labbra della vagina, e profanò l'antro che anni prima mi aveva partorito, la baciai in bocca e la mia lingua s'intrecciò con la sua, e sebbene lei non partecipasse attivamente sentì un gemito quando il pene s'infilò dentro la sua pancia fino alla radice, poi suoni smorzati uscirono in rapida successione dalla sua bocca in sintonia con il movimento ritmico e cadenzato impresso dai miei colpi, accidenti... stavo scopando mia madre ero al settimo cielo, mi piacevo quello che le stavo facendo, mi piaceva succhiarle il seno mordicchiarle la tenera carne dei capezzoli lasciarle succhiotti sulle grandi mammelle.

Lei aveva smesso di piangere, e nonostante non partecipasse completamente all'amplesso era meno rigida assecondava i miei affondi in profondità la cosa mi eccitò moltissimo, avvicinai la bocca alle sue orecchie le sussurrai:
“Ti amo mamma ti voglio venirti dentro voglio lasciarti incinta” lei ebbe come un sussulto.

Le sue cosce erano spalancate e cingevano i miei lombi, sentivo che stavo per godere...... uscii da quel dolce rifugio.....la mia faccia si posizionò sul suo inguine, fra le sue gambe, un misto di aromi di sesso e pipi colpii le mie narici un profumo eccitante e sublime che stimolarono maggiormente la mia libido la lingua entro dentro la fessura di mia madre, leccai, succhiai il suo sesso, percorsi con la punta della lingua le grandi labbra sfiorando la naturale divisione anatomica i peli pubici mi solleticarono il naso, il clitoride era gonfio e rosso per lo stimolo continuo subito, avevo la bocca piena di umori della figa di mia madre.

Fortunatamente la stanza dove ci trovavamo era nella parte posteriore dell'alberghetto pertanto non potevamo essere sentiti da nessuno perché ora i suoi urletti erano diventati rantoli, mia mamma stava godendo come una troia, ora aveva preso lei la conduzione del rapporto sessuale si era seduta sopra di me muovendosi su e giù con un movimento veloce, risucchiando totalmente il mio pene.... adoperando la vagina come una ventosa.

“Brava mamma sei eccezionale“ le biascicai fra le labbra

Passarono una ventina di minuti cambiammo posizioni diverse volte, con mio stupore lei mise in campo tutta la sua arte amatoria dovetti pregarla di fermarsi più volte onde evitare che io venissi, la sua migliore performance fu quando si esibii nel più sensuale ed inebriante rapporto orale che avessi mai provato, indubbiamente in gioventù aveva sicuramente approfondito questa specialità al punto di diventarne una vera maestra.... ci baciammo, forzai il suo sfintere con un dito superando la grinzosa rosetta del sedere, affondai il mio volto fra le sue natiche annusando con voluttuosità l'odore del culo di mia madre, sadicamente le strinsi i capezzoli fino a farle male, mi piaceva sentire i suoi lamenti di dolore, poi sentendo prossimo l'orgasmo la penetrai nuovamente con violenza e cattiveria, non riuscii più a trattenermi e le sborrai dentro la pancia riempendola di sperma fino all'ultima goccia, venimmo insieme stringendoci sudati e sporchi di residui biologici.

Il nostro rapporto rimase immutato, la mamma proseguii con la vita di sempre, il suo lavoro le sue amicizie le sue manie.

Era vincolante per entrambi la consapevolezza che per una notte lei era stata mia, la strana alchimia che ci aveva legato ci lasciava sulla pelle un segno indelebile di momenti dolci, momenti d'amore, momenti insuperabilii di un rapporto stupendo fra una madre e il proprio figlio.

Anche mia sorella ora sembrava più disponibile, il cambiamento ci aveva avvicinato, era più gentile, più accomodante, lasciava correre anche sulle mie manie di voyeurismo... senza più arrabbiarsi, la sua metamorfosi mi permise di avere un approccio diverso nei suoi riguardi cominciai a rispettarla e considerarla veramente come una sorella a cui dedicarle più spazio piu amicizia e più affetto.

Sta di fatto, che la notte passata con mia mamma in quell'alberghetto di quel piccolo paese vicino a Spoleto per me fu la sensazione più sconvolgente e magnifica che potessi desiderare, il possesso del suo corpo la consapevolezza di amare la propria genitrice e di depositare nel ventre che ti partorii il seme per la crescita di un altro germoglio furono l'essenza totale della felicità... Continue»
Posted by sukh1122 3 months ago  |  Categories: Mature, Taboo  |  Views: 2481  |  
100%
  |  1

Storie in famiglia 4


È intenta a sbottonare la camicia di suo figlio e con la coda dell’occhio vede la suocera allontanarsi insieme al nipote in direzione della stanza da letto. Cosa avrebbero fatto i due una volta chiusosi dentro è facilmente immaginabile ma a lei non interessa. Importa, invece, quello che si accinge a fare lei. Avrebbe amato Erick. Di li a qualche minuto suo figlio l’avrebbe posseduta. Il solo pensarlo la eccita al punto da farla bagnare fra le cosce. La camicia è completamente sbottonata. Gliela fa sfilare. Il torace nudo del ragazzo e ben visibile. È liscio. Non vi è ombra di peli. Lei lo accarezza con delicatezza facendo scorrere sul petto del ragazzo i polpastrelli delle sue dita. “Dai. Non stare lì come una mummia. Toccami anche tu. Si vede lontano un miglio che desideri toccarmi. Sono qui per questo. Voglio, desidero che tu faccia scorrere le tue mani sul mio corpo.” “Sei mia madre.” “Sono anche una donna. E qui ora, davanti a te, c’è una donna desiderosa di essere amata. Quindi niente moralismi.” La donna si avvicina al figlio quel tanto che basta a schiacciare le sue mammelle contro il torace del figlio il quale sentendo la pressione dei turgidi capezzoli contro il suo petto ha un sobbalzo. “Mamma?” “Si?” “Hai un seno favoloso. È duro e i tuoi capezzoli sono due bulloni. Sembrano voler perforarmi il petto.” “Ti piacciono?” “Sì. Non ho mai viste mammelle cosi belle.” “Sono tue. Vieni andiamo sul divano. Staremo più comodi.” La madre gli prende una mano e insieme si dirigono verso il divano. “Spogliati. Togliti i pantaloni e gli slip. Voglio vedere come sei fatto.” Erick sotto lo sguardo arrapato della madre si sfila i pantaloni e toglie anche gli slip. Il pudore lo porta a coprire il pene con le mani. Janet sorride. Si siede sul divano e prendendo una mano del figlio lo attira a se. Quando gli è vicino prende l’altra mano che ancora copre il pene e la tira via. Il cazzo di Erick si libra nell’aria come un uccello che ha acquistato la sua libertà. La madre lo guarda compiaciuta. “È come l’ho immaginato. Bello, lungo e grosso.” Allunga le mani e le porta sulle natiche del figlio. Il cazzo di Erick giunge in contatto con la bocca della madre. La donna avvicina le labbra al glande e gli da uno schioccante bacio. Erick geme. “Mammaaaaaa.” Janet tira fuori la lingua e lo lecca. “Hai un buon sapore.” La lingua di Janet scorre sulla superficie della grossa asta di carne. Scende giù fino a raggiungere i testicoli. Apre la bocca e la borsa scrotale sparisce al suo interno. Le labbra si chiudono intorno ai testicoli. La lingua vibra sulla grinzosa pelle. Li succhia. Erick non riesce a trattenere un lungo nitrito. “iiihihih Mamma mi fai morire” La donna continua a succhiare i testicoli gonfi di ormoni impazziti. “Mamma non ce la faccio più. Sto per venire”. Janet smette di succhiare le palle e, veloce, porta la bocca sul glande. Lo avvolge con le labbra e aspetta. Uno, due secondi e dalla uretra vengono eruttati potenti ed abbondanti fiotti di denso sperma. Sembra un vulcano in eruzione. I fiotti di sperma invadono la bocca di Janet e scivolano nella arida gola. Li ingoia tutti. Con le labbra munge la bestia per far uscire i residui fermatisi lungo il condotto uretrale. Poi si ritrae e poggia la schiena contro la spalliera del divano. Il figlio è davanti a lei nudo e con il cazzo che si sta afflosciando. “Amore da quanto tempo è che non ti scarichi. Sembravi un fiume in piena. Sono contenta perché significa che ti è piaciuto.” “Mamma l’ultima l’ho fatta insieme a Robby dopo aver visto la nonna nuda. Certo che mi è piaciuto. Mi hai fatto un pompino che dire favoloso è poco. Non ti fa schifo ingoiare il mio sperma?” “Amore ti ho solo succhiato le palle. Il pompino è altra cosa. Quando te lo farò allora sì che morirai di piacere. Perché dovrebbe farmi schifo. È buono. Tuo padre mi innaffia la gola ogni qualvolta facciamo sesso. E solo più acidulo. Il tuo ha un buon sapore. Un poco asprigno ma gradevole al palato. Vieni a baciarmi. Ne ho ancora qualche goccia in bocca. Vedrai, piacerà anche a te.” Il ragazzo si siede sul divano ed abbraccia la madre che gli porge la sua bocca. Erick accosta le sue labbra a quelle della madre e la bacia. La sua lingua guizza verso le labbra dischiuse di Janet. Le valica e si addentra nella bocca dove incontra la lingua della madre ed insieme danno vita ad un furioso duello. Si avviluppano e si succhiano le rispettive lingue. Erick, succhiando la lingua della madre, sta anche assaporando il suo stesso sperma di cui la bocca di Janet è ancora impregnata. Una mano della donna si avventura verso il basso ventre del figlio. Incontra il pene che sta rinvigorendosi. Lo artiglia con le dita e lo stringe. Il cazzo comincia a fremere. Lentamente si indurisce e cresce nella mano di Janet. “Ecco. È così che ti voglio. Sempre pronto a rispondere alle mie necessità. Ora mi stendo e tu mio amato ometto entrerai lì da dove anni addietro sei uscito.” Janet si stende sul divano. Tira su le gambe e le porta verso il suo corpo. Le allarga. “Vieni. Entra in me. Possiedimi. Chiavami”. Erick è affascinato dalla posizione assunta da sua madre. Per la prima volta vede la vagina di sua madre. E’ da lì che è passato per venire alla luce. La rosea fica di Janet è un magnete. Lui si lasca attrarre. La sua bocca è sulla vagina della madre. Le sue labbra sono sulle grandi labbra della prima meraviglia del mondo. Sono anni che sogna quel momento. La bacia. La madre geme. Incomincia a leccarla. La madre nitrisce. La lingua si insinua fra le grandi labbra e incontra le piccole labbra. Le avviluppa. Le titilla. Le succhia. Janet guaisce. La lingua del figlio sta rovistando il roseo orifizio vaginale. Ne esplora le pareti. La vulva incomincia a riempirsi di secrezioni vaginali. Erick in un primo momento ha una reazione di disgusto. Vorrebbe tirarsi indietro. Le mani della madre non glielo permettono. Lo trattiene premendo la testa del figlio sulla sua figa. Il ragazzo è costretto a leccare i succhi vaginali di sua madre. Li trova di suo gusto. Li lappa e li ingoia. Janet lo afferra per i capelli e sposta la testa quel tanto che basta a far si che le labbra del figlio incontrino il suo inturgidito ed allungato clitoride. “Lo vedi? Quello che stai guardando è un altro dei miei organi del piacere. Forse il più importante. Rassomiglia ad un cazzo di piccole dimensioni. Aggancialo e trattalo come fosse un vero cazzo. Fammi un pompino. Voglio eiaculare nella tua bocca cosi come tu hai scaricato il tuo sperma nella mia.” “Dio, mamma. Sei eccitante quando ti esprimi.” “E’ la voglia di te che mi fa essere così.” Erick si lancia sul clitoride della madre. Lo imprigiona fra le sue labbra e con la punta della lingua titilla il glande del clitoride materno. Janet lancia un lungo muggito. Il ragazzo lecca e succhia la parvenza di cazzo che sta nell’angolo in alto della vagina della madre, Il corpo di Janet comincia a tremare. La pressione delle mani sulla testa di Erick si fa più forte. Il respiro diventa affannoso. L’orgasmo sta montando possente e veloce. Un urlo da maiala sgozzata le esce dalla gola. Solleva il bacino e viene. Dalla sua uretra scorgono fiotti di denso e cremoso liquido perlaceo che si riversano nella bocca del figlio. Le ondate di sperma si susseguono una dietro l’altra. Il ragazzo fa fatica a ingurgitarle. La madre si calma e si lascia andare sul divano. Il ragazzo opera un’accurata pulizia della vagina materna. Poi si solleva e si distende sul corpo della madre. “Ora tocca a te assaggiare i tuoi succhi. Baciami.” Janet non se lo fa ripetere. Avvicina la bocca a quella del figlio e introduce la sua lingua fra le caldi labbra. Con la lingua frulla il cavo orale del suo puledro e raccoglie gli umori che il figlio non ha ingoiato. “Sei un vero mandrillo. Chi è la tua maestra?” “Sei tu mamma.” “Non dire cretinate.” “Sì mamma. Tutto quello che fin qui abbiamo fatto lo avevo già fatto nei miei sogni.” “Vuoi dire che non sei mai stato con una ragazza? Sei ancora vergine?” “Si. La ragazza che voglio sei tu e non ci sono altre.” “Oh amore. Lasciati stringere. Io sono la tua prima donna. Dio come sono contenta. Io tua madre sono la donna che raccoglierà la verginità di suo figlio. Vieni entra in me.” Con una mano afferra il cazzo del figlio e lo guida a trovare lo spacco della sua vagina. Erick si lascia condurre. Quando Janet sente il glande del cazzo del figlio farsi strada fra le grandi labbra della sua vagina lo circonda con le gambe incrociandole sulla schiena del ragazzo. Porta le mani sulle natiche del figlio e lo attira a se. Allo stesso tempo solleva il bacino e aiuta il figlio a penetrarla. Il cazzo di Erick affonda nel ventre materno così come un piolo affonda nella bruna terra. Le pareti della vagina secernono liquidi sufficienti a favorire il cammino del cazzo nel profondo del ventre materno. “Mamma. Dimmi che non sto sognando. Sono dentro di te. Ti sto chiavando” “Sì figlio mio. Amore mio. Il tuo sogno si è realizzato. Mi stai possedendo. Sono orgogliosa di te. Da oggi sei il mio dolce amante”. Erick non riesce a capacitarsi di stare chiavando la propria madre. Questa volta non è un sogno. La donna dei suoi sogni proibiti sta li, distesa sotto di lui e la sua vagina sta ospitando il suo cazzo. Sta effettivamente chiavando sua madre. Sta sollevato sulle braccia e guarda sua madre negli occhi che lo ricambia con uno sguardo carico d’amore.
“Erick, figlio mio anche per me quello che sto vivendo insieme a te è un momento fantastico e meraviglioso. Anch’io sto concretizzando un mio desiderio. Sto accogliendo nel mio ventre il frutto da me stessa generato.”
Il ragazzo incomincia a pompare il suo grosso fallo nella polposa e calda fica di sua madre. Il ritmo che impone al suo dentro fuori è lento. Janet sembra apprezzare il modo di chiavare di suo figlio. I suoi gemiti e i suoi nitriti sono l’espressione concreta di quando gradisce il modo in cui suo figlio la sta possedendo. Lo sfregamento del cazzo del figlio contro le pareti della sua vagina le provocano sensazioni che fanno navigare la sua mente negli spazi infiniti del piacere. Janet sta vivendo una seconda prima volta. Il figlio continua a stantuffare il cazzo dentro il ventre della madre e lo fa con amore. Gradualmente il dentro fuori aumenta di intensità. Erick avverte che il proprio corpo vuole esplodere. “Mamma mi stanno venendo meno le forze”
“Amore cerca di res****re. Voglio godere insieme a te. Ti dirò io quando puoi”
Janet porta una mano fra il suo corpo e quello del figlio. Aggancia il clitoride con le dita e lo picchietta sul glande. Le sensazioni si propagano per tutto il suo corpo. Le invadono il cervello. Esplodono in miriadi di scintille. Urla il suo piacere. “Siii Dai Lasciati andare”. Erick imprime alla chiavata un ritmo più veloce. La madre ulula e grida. L’orgasmo sta giungendo implacabile. Afferra il figlio per i capelli e attira la testa verso di se. Incolla le labbra su quelle del figlio e gode. “Oh amore. Come è bello”. Erick sente la madre godere e questo gli procura una gioia infinita che si trasforma in godimento. Sente lo sperma salire lungo il condotto uretrale. “Mamma, sto….” “Si, figlio mio. ho capito. Scarica pure il tuo piacere dentro il mio ventre. Non preoccuparti. Innaffia la mia infuocata fucina e spegni il fuoco che la pervade.” Il ragazzo affonda con forza il cazzo nella fica di sua madre e dal glande vengono sparati una sequela di abbondanti fiotti di sperma che vanno ad infrangersi contro l’utero di Janet. L’atto d’amore tra madre e figlio ha raggiunto il suo apice. Erick si lascia andare sul corpo della madre. “Mamma ti amo” “Lo so. L’ho sempre saputo. Oggi abbiamo concretizzato i nostri desideri e realizzati i tuoi e miei sogni. Mi hai chiavato ed io ti ho posseduto. Questo è l’inizio di un lungo ed infinito rapporto. Da oggi sono la tua amante. Ora ritiriamoci nella nostra casa. Verrai a dormire nel mio letto” “E papà?” “E' fuori. Starà via alcuni giorni per lavoro.” Si alzano dal divano. Janet raccoglie il suo accappatoio e insieme al figlio esce dalla casa di Yvonne. Salgono al secondo piano e si infilano nel loro appartamento. Raggiugono di corsa la camera matrimoniale e si infilano sotto le lenzuola. Si abbracciano e si addormentano. Nel corso della notte Erick si sveglia. Sua madre è lì, nuda, stretta tra le sue braccia e con la schiena che preme contro il suo petto. Le sue braccia le cingono il torace e le mani sono chiuse sulle prorompenti mammelle. Il respiro della madre è regolare. Sta dormendo. Lui solleva la testa e la guarda. Janet ha il viso disteso e sembra sorridere. Riporta la testa sul cuscino e la mente va a quanto è accaduto in casa della nonna. Lì, lui e sua madre si sono amati. Hanno fatto sesso consensualmente. Anzi lo hanno cercato, invocato. Le immagini dell’amplesso avuto con sua madre sono ancora presenti nella sua mente. È stato sconvolgente. Quei pensieri gli stimolano gli ormoni che rispondono subito alle sue sollecitazioni. Il cazzo si inalbera e si indurisce. Con le mani allarga le natiche della madre e lo infila nella fenditura. Incomincia a spingere. Il glande e vicino al buco del culo di Janet. La donna si sveglia allarmata. Il figlio sta tentando di sodomizzarla. “Cosa stai tentando di fare?” “Mamma voglio farti il culo.” “Vuoi sodomizzarmi? È passato un bel pò di tempo da quando un cazzo è entrato nel mio culo. Sentirò dolore e non mi piace soffrire.” “Mamma non ti userò violenza. Fammi entrare. Se mi dirai di fermarmi mi fermerò.” La donna resta in silenzio per qualche minuto. Pensa al suo sogno di avere nel letto il marito ed il figlio contemporaneamente. ”Lo prometti? Se mi sentirai gridare per il dolore ti fermerai?” “Sì mamma.” “Va bene. Io ho preso la tua verginità ed è giusto che tu abbia qualcosa in cambio. Non posso darti la mia verginità perché quella la prese tuo padre però ti darò il mio culo che tenuto conto del tempo trascorso dall’ultima volta che sono stata inculata è come se fosse vergine. Vai in bagno. Nell’armadietto troverai della crema emolliente. Prendila e ritorna qui.” Il ragazzo si precipita ed un minuto dopo è di ritorno. La madre è già pronta. Si è messa carponi a pancia in giù. Il culo sollevato e con le gambe allargate. “Vieni. Aiutami a prepararlo a ricevere il tuo cazzo.” “Cosa vuoi che faccia?” “Devi leccarmi il buchetto. Mi dovrai eccitare. Mi spalmerai la crema intorno al buchetto non trascurando di introdurla anche dentro e poi …. Ti dirò io quando puoi farlo entrare”. Erick si china dietro sua madre e affonda il viso fra le bianche natiche del culo della madre. Tira fuori la lingua e comincia a leccare il roseo sfintere. La madre guaisce. Lui continua imperterrito. Non si limita solo a leccare il buco del culo di Janet. Porta una mano fra le cosce della madre e aggancia il clitoride. Lo strizza. Lo tortura. Sua madre lancia un lungo ululato. “Mamma sembri una cagna.” “Siiii; soooono la tua cagna. Mi stai deliziando. È la prima volta che mi leccano il culo ed è eccitante.” L’azione delle dita di Erick sul clitoride della madre producono il loro effetto. Janet è partita per un viaggio astrale. “Dai spalma la crema. Non dimenticare di metterla anche dentro e spalmala anche sul tuo cazzo.” Erick affonda le dita nel vasetto della crema e ne tira fuori una quantità abbondante. La spalma sullo sfintere del culo della madre. Un suo dito si fa strada nel buco anale. Riempie il buco di crema emolliente. “Mamma dovrebbe bastare” “Figliolo non credi che sia opportuno calzare il preservativo?” “No mamma. Voglio sentire la nuda carne del tuo culo stringersi attorno al mio cazzo e voglio che il mio sperma non sia trattenuto da involucri estranei. Quando eiaculerò voglio farlo nel tuo retto” “Non ti facevo così maiale. Dai comincia.” Erick punta il glande contro il buco del culo di Janet e comincia a spingere. Il grosso glande ha difficoltà a penetrare lo stretto buco del culo. Janet vincendo il dolore tenta di rilassarsi in modo da favorire la penetrazione. Dopo una serie di tentativi il glande riesce a valicare lo stretto orifizio anale. Janet lancia un grido di dolore che viene soffocato dal cuscino che sta mordendo. Erick ferma la spinta. “Mamma mi dispiace; non voglio farti male.” “Non preoccuparti. Continua a spingere.” Il ragazzo riprende la spinta. Il cazzo, favorito dalla crema, scivola nel culo della donna. Sale lungo il condotto anale e si inoltra nell’intestino retto. La spinta si esaurisce allorché lo scroto urta contro la vagina. “Mamma sono tutto dentro. Ho il cazzo affondato nel tuo culo. Ora posso dire che sei veramente mia. Ti sto possedendo” “Prima di chiavarmi il culo aspetta che mi sia abituata ad avere il tuo cazzo nel buco”. Erick si abbandona sulla schiena di Janet e le circonda il torace con le braccia. Con le dita artiglia le mammelle della madre e le strizza; le pastrugna; gioca con i capezzoli. Tutte manovre per dare piacere alla madre e fatte per alleviare il dolore provocato dalla penetrazione del suo cazzo nel culo materno. Janet apprezza le attenzioni del figlio e glielo fa capire emettendo mugolii di piacere. I minuti passano veloci. È Janet a dare il via al figlio. “Dai Erick, figlio mio, completa l’opera iniziata. Chiava il mio culo e godi. Innaffiami l’intestino con il tuo caldo sperma.” Erick si lancia al galoppo e stantuffa con veemenza il suo cazzo nel culo della madre. Janet si sente come se la stessero spaccando in due. Incita il figlio con frasi e parole oscene che in condizioni normali mai avrebbe pronunciato. Erick è ormai preda di un raptus. Sta inculando la madre e questo è il massimo delle sue voglie. “Mamma il tuo culo mi è sempre piaciuto ma mai avrei pensato che tu mi concedessi di chiavarlo.” Il pompaggio del suo cazzo nel culo della madre aumenta d’intensità. Diventa più frenetico. La madre lancia grida di dolore miste a muggiti di piacere. Le piace che il figlio le stia fottendo nel culo. Erick raggiunge il culmine ed eiacula nel culo della madre. Il suo sperma viene espulso dal glande come fosse un vulcano in eruzione e dilaga nel retto materno. La sodomizzazione di Janet da parte del figlio ha cosi termine. Erick sfila il cazzo dal buco del culo della madre e si precipita in bagno dove viene raggiunto da Janet. Entrambi entrano nel vano doccia e si lavano a vicenda. Janet, con amore materno, lava e pulisce il cazzo del figlio facendo molto attenzione a liberarlo delle impurità di cui si è impregnato stando infilato nel suo culo. I due si abbracciano e si baciano più volte. Hanno scoperto che il loro amore è aperto ad ogni perversione e sono pronti a tutto pur di soddisfarle. Dopo essersi asciugati ritornano a letto tenendosi per mano come due fidanzatini. Il resto della notte lo trascorrono continuando ad amarsi. Il mattino li sorprende mentre sono lanciati in uno sconvolgente 69. Janet ha la testa fra le gambe del figlio e gli sta succhiando il cazzo. Erick ha la testa fra le cosce della madre e le sta leccando la vagina. Entrambi mugolano e nitriscono. Entrambi raggiungono il culmine del godimento eiaculando l’uno nella bocca dell’altro il piacere raggiunto. Poi si abbandonano sul letto e, esausti, si addormentano. I giorni che seguono quella loro prima notte sono, per i due amanti, una vera e propria luna di miele. Si avvicina, però, il momento del rientro del padre e questo innervosisce Erick. Vede nel padre la figura che si frappone fra lui e la madre. “Mamma, non ti importa quando papà sarà a casa? La sua presenza ci impedirà di stare assieme. Non potrò più amarti.” “Chi ti dice che non potremo più amarci? Non darti pensiero. Noi due continueremo a stare nello stesso letto cosi come abbiamo fatto in tutti questi giorni. Tuo padre non è un ostacolo al nostro amore.” “Cosa stai cercando di dirmi?” “Sappi che io amo tuo padre e non sarà certamente il mio amore per te che me lo farà perdere. Del resto nemmeno tua nonna è riuscita ad allontanarlo da me.” “Che centra la nonna in tutto questo?” “Bimbo tua nonna è come me. Anche lei ha ospitato suo figlio nel suo letto. Tuo padre è il suo amante. E da quel giorno che sai anche tuo cugino è entrato a far parte del suo harem. Sono sicura che anche tu mi tradirai con tua nonna. Lei ti vuole e non sarò certamente io a impedirle di possederti. C’è di più. Il marito di tua zia fa parte dell’entourage della nonna. Con Geoffry la relazione è stata più profonda. I due hanno messo al mondo un bimbo che oggi ha la tua stessa età. Vuoi sapere altro? OK. Tuo zio vorrebbe possedermi cosi come ha fatto con la suocera. Vuole ingravidarmi. Lo so perché l’ha confidato alla moglie. Fino ad oggi ho resistito alle sue avance. Il perché della mia resistenza? È presto detto. C’eri tu. Ti volevo. Mi rubavi il sonno. Ora che il mio giovane stallone mi ha cavalcato credo che gli cederò. Anche a me attizza il pensiero di farmi fecondare. Ti darò un fratellino o una sorellina. E poi c’è tuo cugino. Non posso certo lasciarlo senza concedermi. Un’ultima cosa. Tuo padre è anche l’amante di tua zia: la sorella.” “Dio che famiglia. Ma non mi hai detto come intendi agire con mio padre. Gli dirai di noi due?” “Certo che glielo dirò. Farò di più. La sera stessa che lo metterò al corrente della nostra relazione tu verrai a dormire insieme a me e insieme a tuo padre. Io starò in mezzo e voi due ai miei lati. Ci divertiremo.” “Mamma sei impareggiabile. Questo rafforza il mio amore per te.” “Tu non hai niente da confidarmi? Non hai qualche desiderio nascosto? Oltre me e tua nonna non è che hai fatto un pensierino anche sulla madre di tuo cugino?” “Come hai fatto a capirlo? Sì desidero chiavarla” “Sono una donna e so vedere un uomo che sbava per una mia simile. Approfitta del fatto che tuo cugino sta ancora trastullandosi con tua nonna. Vai da lei e digli che la vuoi” “Non sei gelosa?” “Perché dovrei esserlo? Quando tornerai da me avrai sempre il tuo cazzo attaccato al tuo corpo. Tua zia si farà chiavare ma non ti staccherà il cazzo”... Continue»
Posted by sukh1122 3 years ago  |  Categories: Taboo  |  Views: 916  |  
100%

Grazie mamma



A volte,quando ho del tempo per pensare, la mente vola a quei caldi pomeriggi di luglio, quando,finita la scuola, stavamo tutto il pomeriggio in casa a non far nulla, mentre mia madre, beatamente, faceva la pennichella pomeridiana e mio padre era al lavoro. Spesso, io e mia sorella Giusy,visto che non avevamo nulla da fare, passavamo delle ore a chiacchierare del più e del meno, anche se, il più delle volte l'argomento dominante era il sesso.... E siccome nonostante la veneranda età di 19 anni io e 17 anni lei non avevamo ancora concluso nulla, le curiosità erano tantissime, e si provava a soddifarle scambiandoci le opinioni. Spesso, parlando di queste cose, notavo come mia sorella cambiasse in viso, le si drizzavano i capezzoli, e da sotto i pantaloncini larghi, si intravedevano gli slip leggermente bagnati... Ovviamente questa cosa mi mandava in corto circuito, ed il mio cazzo, che era di dimensioni abbastanza grandi per l'età che avevo, si gonfiava sempre più... Una volta mia sorella, parlando di masturbazione, mi chiese se lo sperma era davvero così appiccicoso come le avevano detto le sue compagne a scuola. Io le dissi di si, e me tre parlavo, mi scoppiavano i pantaloncini, tanta era l'ccitazione che quel discorso mi aveva procurato... Cercai una scusa, andai in bagno e mi segai come un disperato, immaginando di farmi fare un pompino da mia sorella... Ma mentre ero sul più bello ecco che entra mia madre, la quale,alzatasi dal letto, e pensando non ci fosse nessuno in bagno, era entrata senza bussare. Che figura!!! Farsi trovare dalla propria madre col cazzo in mano mentre schizza non è bello, anche se probabilmente è il sogno di ogni adolescente... Mia madre tutavia sorrise, chiuse la porta e andò via... Nella concitazione del momento, dimenticai i fazzolettini sporchi in un'angolo a terra e uscii dal bagno... Mia sorella aveva visto tutto, e senza dire niente a nessuno, entra nel bagno, prende quei fazzolettini e coincia ad esaminarli... Prima la odora, poi la tocca, alla fine, non resiste alla tentazione, e la lecca... Non dice nulla,ma dentro di lei cresceva la voglia di assaggiare la mia calda sborra, non più da un fazzolettino lasciato lì per caso ma direttamente dalla fonte. Il pomeriggio successivo, sempre a cazzeggiare per casa, le racconto di quello che era successo i giorno prima con nostra madre. Lei mi dice che aveva visto tutto, e che vedere me col cazzo in mano e mia madre in sottana che entrava in bagno, le aveva fatto venire delle strane voglie.... Ma il discorso finì lì... Dal canto mio, ne approfittai per spararmi un'altra sega, solo che stavolta, invece di mia madre, entro in bagno mia sorella, ma io continuai a menarmi i cazzo come se lei non ci fosse... Anzi...mi misi davanti a lei, ma mentre stavo per schizzare sul fazzolettino, lei mi prese il cazzo e si indirizzò lo schizzo di sborra in faccia... Io, che sognavo questo da quando avevo 13 anni, non riuscii a tenere la bocca chiusa e cacciai un'urlo di piacere che si sentì in tutta la casa, tanto da svegliare mia madre, la quale, alzatasi di soprazzalto, entro in bagno e trovò me col cazzo dritto e mia sorella come una schizzata di sborra in faccia da fare invidia ad un toro... Pensammo di essere spacciati, di prendere tanta di quelle legnate da restarci secchi.... E invece... Mia madre, prese un pò di carta igienica e prese a pulire il viso di mia sorella, poi, non sò come, forse era presa troppo dall'eccitazione del momento, lecco la guancia di mia sorella portando via con la lingua un bel pò del mio caldo seme... Noi restammo impietriti, pensando a quello che stava succedendo.... Poi prese il mio cazzo e coinciò a succhiarlo, portando via tutta la sborra che restava... Mi guardò e mi disse: "Ma stavi mica scopando con tua sorella?"...Le risposi di no, che non era come pensava, ma lei mi interruppe e mi disse: "Devi stare attento, non ci vuole niente a mettere incinta tua sorella, con la sborra non si gioca...se vuoi giocare, chiama tua madre, che con la sborra ha la sua bella confidenza". poi riprese il mio cazzo in bocca e cominciò a succhiarlo come mai nessuno ha fatto finora... Mia sorella, con gli occhi sbarrati, osservava la scena, e nonostante fosse come in trance per quello che stava vedendo, era anche parecchio eccitata, tantao che si infilò una mano negli slip e cominciò a sditalinarsi quella fighetta pelosissima ancora vergine.... Mia madre le fece cenno di avvicinarsi, , staccò la bocca dal mio cazzo e disse: "adesso lecca la fica di tua sorella". Cominciari a leccarle la fica, mentre mia madre mi faceva un pompino da maestra.... Un sussulto, un mezzo urlo, le sborrai in bocca.... E lei, con la mia calda sborra in bocca, prese mia sorella e la baciò, portando il mio seme nella sua bocca... Poi le disse..."adesso sai che sapore ha la sborra di tuo fratello".... Con mia madre non accadde mai più nulla del genere, e mai io ripresi il discorso, ma con mia sorella, ancora adesso, a distanza di anni, nonostante lei sia sposata con figli, ogni tanto ci concediamo qualche piccolo momento di relax... E mi ritrovo col mio cazzo tra le sua cosce, in mezzo a quella fica non più pelosissima ma rasata a dovere e soprattutto non più vergine.... Ed il pensiero di quel caldo pomeriggio d'estate, di mia madre in sottana che mi faceva un pompino, ci fà godere come matti.... E la mia sborra cola calda dalle lue labbra... Grazie mamma, ci hai davvero svezzati per benino
... Continue»
Posted by iincest 3 years ago  |  Categories: First Time  |  Views: 1918  |  
76%

Il ragazzo dagli occhi di ghiaccio

Storia di un ragazzo dagli occhi di ghiaccio ( che sono io )


Una luce abbagliante e delle urla sono gli unici ricordi che ho di quando ero bambino e non ricordo nient’altro della mia infanzia fino all’età di dieci anni. Erano i miei primi ricordi, poco chiari e offus**ti sempre più dagli anni che passavano e che lentamente facevano sbiadire da questa immagine ogni dettaglio, particolare dopo particolare. Spesso mi chiedevano come fosse possibile che io non ricordassi niente, ma io rispondevo dicendo che neanche io riuscivo a comprendere. Quando provo a ricordare qualcosa , faccio un grande sforzo che non viene minimamente ripagato dai quei piccoli frammenti che riporto alla memoria. Ho scoperto che non ha più alcun senso provare a riportare alla memoria qualcosa in più, perché le immagini che riesco a vedere sono sempre le stesse e mai se ne aggiunge una nuova o si disegna più chiaro un particolare. Sarei felice anche di un solo ricordo in più, che mi possa fare capire chi sono o un odore che mi riporti indietro nel tempo, facendomi rivivere un’emozione passata, o una foto s**ttata quando ero più piccolo, o un oggetto che avevo ricevuto in dono. Ma , purturoppo, niente di tutto ciò è mai successo e tutto ciò che riesco a vedere del mio passato, non molto chiaramente è una casa in condizione decadente, circondata da mura alte e grigie, fatte in cemento armato e l’unica via d’uscita era un insormontabile portone in ferro. Di ciò che vi era all’interno non ricordo pressoché niente: solo un prato, dove spesso vi erano bambini che correvano e giocavano, miei coetanei, ma mai posso dire di aver visto sul loro viso l’accenno velato ad un sorriso. Gli alberi erano quasi sempre spogli e i cespugli quasi incolti, poiché venivano potati e sistemati solo quando era necessario. Le maestre ci tenevano sempre sotto controllo, sembrava quasi che non volessero che noi ci divertissimo. Infatti quando qualcuno faceva qualcosa di divertente, che potesse far provare lui un poco di gioia, loro lo chiamavano in disparte e lo sgridavano come se avesse fatto qualcosa di tremendamente sbagliato, un reato imperdonabile. In realtà il bambino aveva solo espresso la sua personalità, che qui doveva essere repressa, come sembra dai fatti, e non c’era miglior modo di reprimere l’individualità che fare un completo lavaggio del cervello. Crescevamo come automi e la fantasia era solo un’utopia irraggiungibile, poiché ogni strada ci veniva sbarrata: ogni volta che disegnavamo o scrivevamo qualcosa ci venivano strappati i fogli e non era minimamente ammesso cantare, né ascoltare musica. Non sapevo nemmeno cosa fosse la televisione, né ero a conoscenza dell’esistenza dei cartoni animati o dei videogiochi, cose di uso quotidiano nella vita di un bambino normale. La formazione del nostro carattere ci era negata e infatti, molto spesso, non sapevamo come comportarci in situazioni differenti da quelle scolastiche.
Inizio ad avere ricordi più chiari e nitidi dal momento in cui una coppia mi venne a prendere e mi portò via da quel posto così triste. I loro nomi sono Ella e Martin e ricordo bene il momento in cui mi fecero entrare nella loro macchina, una Ford Fiesta vecchio modello. Mi chiesero se avessi preso tutto, poiché non sarei mai più tornato in quel posto ed io feci un semplice cenno con la testa che stava a indicare che ero pronto ad andare e a lasciare quel luogo, che per anni era stata una torutra mentale. Per la timidezza non mi uscì un filo di voce, la sentivo bloccata in gola e le guance mi si colorarono di rosso. Li avevo già visti altre volte in quel luogo , anche prima che mi venissero a prendere. Parlavano spesso con le maestre e con la direttrice, e portavano sempre con sé molti fogli. Ricordo che una volta, mentre tornavo dalla lezione di matematica, li vidi uscire dalla mia stanza accompagnati dalla direttrice che diceva loro
- Questa è la stanza dove alloggia.-.
I visi, quindi, non mi erano nuovi, né sicuramente il mio era nuovo a loro, poiché una volta, mentre correvo nel prato mi scontrai con Ella e lei con tranquillità mi sorrise dicendomi che non era successo niente, ma la maestra continuava a rimproverarmi e io con lo sguardo basso andai lentamente via.
Mentre andavamo verso casa , la strada era lunga e la meta lontana, mi chiesero quale fosse il mio nome. Ero sicuro che lo conoscessero, mi sembrava una scusa per iniziare una discussione, poiché non avevo parlato durante tutto il viaggio. Non la avevo fatto per ineducazione, ma solo per timidezza. Infatti prima ebbi paura e non risposi, ma dopo qualche minuto cercai in me il coraggio di rispondere e dissi sicuro
- Io sono Kyle e ho dieci anni. -
Proprio in quel momento Ella, che non era impegnata nella guida, spense la radio, che trasmetteva delle canzoni bellissime che non avevo mai sentito, si voltò verso di me e vidi per la prima volta qualcuno sorridere. Con la mano mi spostò i capelli che mi coprivano gli occhi e disse
- Ciao Kyle, io sono Ella. – e guardandomi fisso negli occhi continuò – Anche se i tuoi
capelli lunghi ti coprono gli occhi, sono troppo chiari e li lasciano trasparire. I tuoi occhi sono grandissimi e raccontano tutto di te. Sembra che ti si possa leggere dentro e quello, certamente, non deve essere un bel posto… Si vede che sei molto spaventato, ma allo stesso tempo felice, perché i tuoi occhi ancora tristi, sono inumiditi da lacrime di gioia, che forse riesci appena a trattenere, ma sono visibili. -
Scavando in profondità nella mia memoria, quei pochi ricordi che mi rimanevano, mi fecero rendere conto che era proprio così: quel posto è austero e invivibile.
Come ciò si potesse evincere dai miei occhi, non riuscivo a capirlo ma avevo ipotizzato due spiegazioni possibili : Ella aveva una sensibilità maggiore rispetto a tutte le altre persone che avevo conosciuto fino a quel momento oppure ciò che provavo non era più al sicuro sotto la combinazione grigio ghiaccio-azzurro chiarissimo dei miei occhi, un colore più unico che raro. Come aveva ben visto Ella erano appena umidi e luminosi, poiché trattenevo appena le lacrime di gioia, che non lasciavo libere per paura di sembrare debole. Per niente al mondo volevo apparire debole agli estranei, e infatti celavo tutto dietro una corazza durissima, ma penetrabile, dal momento che Ella era riuscita a capire tutto di me: cosa provavo e quali erano le mie paure.
-Io ho ventisei anni, mentre Martin ne ha ventotto . Abitiamo a Londra, dove siamo nati e conduciamo una vita piuttosto normale. I nostri genitori non abitano più a Londra: i miei si sono trasferiti da circa sei anni a Dublino, mentre i genitori di Martin non ci sono più. Io non ho sorelle, né fratelli mentre Martin ha un fratello che è andato via di casa ad appena sedici anni per andare a vivere in Australia, a Sydney. Io sono un’insegnante di una scuola elementare della città perché amo i bambini, anche se spesso mi fanno impazzire. Martin lavora invece allo Starbucks vicino casa nostra. Non sono grandi lavori ma grazie all’aiuto economico che i nostri genitori ci hanno lasciato e con quel poco che riusciamo a guadagnare possiamo condurre una vita abbastanza agiata.- .
Mentre Ella parlava, io immaginavo come da lì a poco la mia vita sarebbe cambiata. Speravo di vivere una vera vita, ricominciando da quel momento e stabilendo un distacco con il passato. Non volevo essere ancora comandato e oppresso, volevo far capire a tutti chi fossi realmente. Vedevo tutto da una prospettiva diversa e per la prima volta pensai che il sole brillasse anche per me, forse anche perché era la prima volta che lo vedevo nella mia vita da una posizione esterna a quel cancello. Era bellissimo vedere come tutto fosse diverso qui fuori. Il sole illuminava le colline e i le verdi distese di prato che scorgevo appena dal finestrino della macchina mentre che eravamo in autostrada. I corsi d’acqua scorrevano veloci e limpidi e le rondini volavano libere in cielo, dove le nuvole non erano minacciose, ma sembravano bianchi e morbidi cuscini. M
Mentre io osservavo tutto ciò Ella riprese
-Abitiamo in una casa abbastanza grande. Ovviamente c’è una stanza anche per te. Era la casa dei miei genitori, ma loro la hanno lasciata a noi non appena trasferiti. Io sono cresciuta lì, ma ora è totalmente diversa da quando io avevo la tua età. I miei genitori avevano iniziato a renderla più bella e ad aggiungere qualche piccolo dettaglio. Poi sono partiti e noi abbiamo fatto il resto- continuò Ella fino a quando Martin non la interruppe dicendo
- Ora che sai molto di noi, anche se non sappiamo niente di te, passiamo ai tuoi doveri.- sorrise a Ella, le fece l’occhiolino e poi si voltò verso di me e continuò – gli unici doveri che hai è quello di mantenere il rispetto nei nostri confronti e di andare a scuola, impegnandoti con tutti i tuoi mezzi a dare il massimo. Per il resto…-
Non lo lasciai neanche terminare e, per la gratidune, mi uscì dalla bocca, quasi involontario
- Prometto che non sarò disobbediente- e dopo ciò iniziò a spiegarmi tutto dicendomi
- Ok. La scuola è vicino casa nostra e ogni giorno prenderai l’autobus alle sette e mezzo . A che ora eri solito svegliarti la mattina ?–
- Alle sei e un quarto poiché le lezioni iniziavano alle otto meno un quarto quindi non sarà un problema. L’unica cosa che mi spaventa sono i nuovi compagni e soprattutto le nuove maestre. Non sono molto bravo a fare amicizia, perché lì avevamo degli amici “costretti” e soprattutto sono molto timido. Ho quasi sempre paura di sbagliare e non è raro che io mi senta a disagio, anzi succede piuttosto spesso .-
Mi rassicurò dicendomi che i compagni sono sempre felici di avere un nuovo amico ed essendo ancora bambini non c’era alcun motivo di preoccuparsi, poiché non c’era ancora in loro la rivalità che si potrebbe creare contro un nuovo arrivato in una scuola di persone più adulte: i ragazzi delle scuole medie e i liceali hanno la tendenza a screditare tutto e tutti, anche gli amici, per affermare la loro superiorità nella scuola.
Poi chiesi delle maestre con tono preoccupato ed Ella lo avvertì. Si mise in agitazione, poiché aveva paura che mi trattassero male nella vecchia scuola e perciò chiese con tono preoccupato
–Come ti trattavano lì?-
- Vuoi davvero sapere come mi trattavano lì? Non è una bella storia, però sembri una signora simpatica e perciò te la racconto. Durante la settimana, dal momento che la mattina non avevo quasi mai voglia di alzarmi, gli educatori mi costringevano a scendere giù dal letto con la forza, mentre il sabato e la domenica non venivano nemmeno a svegliarmi, poiché non figurava niente nei compiti da svolgere durante la giornata e quindi la mia presenza nei corridoi o nel giardino era solo superflua e fastidiosa. Così si comportavano anche con gli altri bambini. La colazione era un pasto velocissimo, che spesso saltavamo se non riuscivamo ad essere in tempo nel salone grande, poiché le lezioni iniziavano subito dopo e non ci era concesso di perdere nemmeno un minuto. A scuola i maestri erano molto severi e non ci era permessa la minima distrazione: con una bacchetta in legno colpivano le nostre mani quando ci comportavamo male o disturbavamo le lezioni e quando non avevamo svolto il grande carico di compiti che ci avevano assegnato il giorno prima la punizione era ancora più dolorosa perché ci davano colpi sulla schiena e sulla pancia. A pranzo ci riproponevano sempre la stessa cosa e qualora noi non volessimo mangiare, saremmo andati incontro a due punizioni : erano soliti spingere la nostra testa dentro il piatto con violenza oppure ci mandavano via senza pranzo e ci facevano lavare i piatti. Durante il pomeriggio dovevamo studiare e quindi ci portavano in biblioteca, ma non vi era la luce elettrica e di conseguenza studiavamo con la luce di una candela: non cambiavano la candela finché tutta la cera non si fosse sciolta e quindi la candela si fosse spenta da sola. Se non studiavamo e parlavamo ad alta voce, ci picchiavano a mani nude o con una cintura, poiché quello era il posto dove si poteva solo studiare e accrescere la cultura: spesso uscivo dalla biblioteca con i lividi. Era un posto pieno di libri di ogni genere ed era diviso in varie sezioni ma noi bambini avevamo il libero accesso solo ad alcune, mentre le sezioni “ proibite” erano protette da un piccolo cancelletto in ferro chiuso a chiave, come se dietro quella porta vi fosse nascosto qualcosa che non doveva essere scoperto: c’erano solo delle scritte che le identificavano, come “ Corrispondenza” o “ Archivio” .
Era molto raro che un bambino finiva i compiti prima che il sole tramontasse e l’unica luce che potevamo scorgere, solo dalla finestra e furtivamente era quella della luna. Era la mia unica e vera amica: l’unica con cui riuscivo a parlare e confidarmi. Spesso lei era lì ad ascoltarmi e anche se alcune volte andava via per qualche giorno e non si faceva vedere, tornava subito dopo con le risposte che io chiedevo. Per andare a giocare fuori nel giardino occorreva che tutti i compiti fossero stati portati a termini in modo corretto e che le maestre avessero la pietà di farti uscire fuori : spesso le supplicavi di portarti fuori ma loro, con aria superba, facevano finta di non ascoltarti e se ti lagnai troppo ti portavano nella stanza della detenzione, dove dovevi stare quando eri in punizione. Era una stanza senza finestre, dove una maestra ti obbligava a scrivere su un foglio determinate frasi in relazione alla punizione che avevi fino a quando le mani non iniziavano ad essere doloranti. Ricordo che entrai solo poche volte in quella stanza, due o tre al massimo, ma ne rimasi traumatizzato. A cena si ripeteva quasi sempre la stessa storia del pranzo ma con una piccola differenza: dovevamo mangiare obbligatoriamente e spesso ci ingozzavano loro. Dicevano tra di loro che erano obbligate a farlo perché non ci potevano lasciare morire di fame. Ci facevano lavare ogni sera con l’acqua presa dal pozzo, che raccoglieva l’acqua piovana, e ci mandavano a letto. Se non volevamo dormire ci picchiavano oppure ci chiudevano in una stanza buia.-
- Ma è una tortura- urlò Martin e continuò – tranquillo che da adesso non sarà più così.-
Ciò mi rassicurava molto e con un sorriso continuai il mio racconto
-Ricordo solo di una persona in particolare, forse perché era l’unica che cercava in ogni modo di aiutare noi bambini. Era una delle suore che stava in cucina, ma era diversa dalle altre. Se durante la cena si accorgeva che qualcuno non mangiava, di notte e di nascosto gli portava un pezzo di pane con un bicchiere d’acqua. Quando finiva il suo turno di lavoro controllava i nostri compiti e ci aiutava affinchè le maestre non ci picchiassero. Facendo così rischiava molto infatti ricordo che una volta la direttrice la cacciò fuori dalla sua stanza dicendole che non le avrebbe mai permesso di portarci fuori da quelle mura per visitare e conoscere il posto dove vivevamo. Si avvicinò a me, che stavo vagando per i corridoi, e mi sussurò con voce dolce e bassa, come se mi stesse confidando un segreto, che non sopportava la direttrice perché era così difficile da persuadere e non faceva niente per permettere a noi bambini di provare un po’ di gioia, giusto per allontanare i brutti ricordi che ci riempivano la mente. La suora, che si chiama Laura se la memoria non mi inganna, era l’unica che proponeva questo genere di attività e che la domenica ci portava in giardino. Per queste ragioni fu cacciata da quel posto qualche mese fa: si esponeva troppo a favore di noi bambini e ciò non piaceva né alle suore, né alle maestre, né soprattutto alla direttrice.-
Quel giorno per me iniziava una vita nuova, avevo una nuova speranza di tornare a vivere, lasciandomi tutti i brutti ricordi alle spalle. Avevo molti brutti ricordi e li trascinavo dietro ma avevo capito che adesso era arrivato il momento di lasciare quel pesante fardello e andare avanti senza alcun rimorso, né alcun timore.
Erano passate più o meno tre ore da quando eravamo saliti in macchina e perciò chiesi a Martin se mancasse ancora tanto prima di arrivare perché avevo molta sete. Ella mi passò una bottiglietta con l’acqua ma prima che io iniziassi a bere Martin disse:
- Siamo arrivati!- e proprio in quel momento urlai
-WOOW!- . Lui mi chiese cosa fosse successo e io con il cuore in gola ed eccitato per felicità risposi
– Va tutto bene, per la prima volta.
La casa era bellisima già a prima vista, mi sembrava di vivere in un sogno. Era una villetta a due piani con un enorme giardino dove vi era una piscina. Il giardino era verde con molte aiuole e gli alberi rigogliosi, vi erano anche un altalena per bambini e un’amaca. Poco più in là vi erano una depandance e una tettoia, solo dopo avrei scoperto che nella depandance vive il mondo di Ella e della sua vena di pittrice , mentre sotto la tettoia Martin dava libero sfogo alle sue passioni, il pianoforte, la chitarra e la musica in generale. Dietro la casa i genitori di Ella fecero costruire uno spazio adatto per fare barbecue e Martin mi disse che spesso invitavano amici, soprattutto nelle calde sere d’estate per magiare un po’ di carne cotta alla brace e poi stare insieme e divertirsi grazie alla musica, che lui ritiene unico metodo per unire i cuori.
Scesi dalla macchina e continuando ad esprimere la mia felicità, correndo e saltellando caddi per terra e mi sbucciai un ginocchio. Non avvertì nemmeno il dolore, ma Ella mi portò dentro e mi medicò: mentre disinfettava la ferita, questa bruciava un po’ ma sopportai il dolore sorridendo. In quel momento la abbracciai, come segno di riconoscimento, ma subito dopo averlo fatto ritrassi indietro le braccia e mi allontanai, poiché non volevo che nessuno fosse capace di leggere le mie emozioni, interpretarle e quindi sapere ciò che provavo. Mi guardò stranita e mi disse di seguirla, perché mi avrebbe fatto vedere la mia stanza. Siamo saliti al piano di sopra e la seconda porta a sinistra era la mia stanza. Era diversa dalla quella che avevo prima : questa era piena di colori ed era mia. Avevo un armadio tutto mio, pieno di vestiti puliti della mia taglia ( non so come facevano a conoscerla ) un letto con le lenzuola che profumavano di ammorbidente con un cuscino morbido e soffice. Accanto al letto vi era un orsacchiotto enorme, ma non lo usai mai e col tempo lo feci sostituire con un comodino. Appeso alla parete vi era un canestro e nella parete opposta una finestra da cui si poteva vedere la piscina. Il sole entrava da quella finestra la mattina tardi, verso le dieci: infatti successivamente presi l’abitudine di alzarmi dal letto di domenica solo quando venivo raggiunto dalla luce del sole. Avevo anche la televisione nella mia camera e tutto ciò mi sembrava molto strano perché non l’avevo nemmeno mai vista. C’era una libreria con accanto una scrivania su cui vi erano una divisa scolastica estiva, una invernale, dei libri e tutto il materiale che mi sarebbe servito per andare a scuola. Scesi di nuovo sotto e Martin mi chiese
- Come va con il ginocchio? Tutto bene? –.
Io lo avevo già scordato e quindi gli feci capire che andava bene. Poi gentilmente chiesi
- Sono molto stanco, e preferirei andare a letto anche se non ho ancora mangiato. Domani inizia la scuola e mi piacerebbe essere carico d’energia il primo giorno. Se per voi non è un disturbo Signori Davis- Ella mi interruppe dicendo – Ok Kyle, vai a dormire! Domani sarà sicuramente una giornata impegnativa. Sicuro che non vuoi niente? Ho preparato della pizza.-
- No, grazie. Vado a letto. Buonanotte e grazie Signori Davis- e mi diressi verso le scale. Mentre le salivo Martin urlò – Noi non siamo i Signori Davis! Siamo Ella e Martin!-
Entrai nella mia stanza e mi misi a letto ma non presi subito sonno. Ricordo infatti che dopo qualche minuti Ella entrò nella mia stanza, mi rimboccò le coperte, mi diede un bacio sulla fronte e se ne andò via.
Ero felice e per la prima volta pensavo di poterlo essere per sempre: finalmente avevo trovato che qualcuno si preoccupasse di me. Avevo apprezzato molto il gesto di Ella e mi era ancor più gradito poiché sapevo che lì dove stavo prima, mai nessuno lo avrebbe fatto.
La mattina dopo, venne Ella a svegliarmi dicendomi – Il sole si alza e tu devi fare lo stesso. Devi andare a scuola e non c’è tempo da perdere. Vedrai che ti piacerà.-
Mi alzai di s**tto e la salutai con un bacio sulla guancia e un abbraccio. Subito dopo andai a lavarmi e mi misi la divisa. Una volta pronto per andare a scuola, scesi in cucina dove incontrai Martin che mi disse
- Buongiorno campione! Dormito bene?-
- Sì! Benissimo-
- Cosa vuoi per colazione? Latte e cereali vanno bene?-
- Sono perfetti, grazie.-
- Ok! Aspetta due secondi seduto lì che vado a prepararti la colazione.-
Mi preparò la colazione e mentre mangiavo velocemente disse
-Prendi questa busta e mettila dentro lo zaino. Ci sono un pacchetto di patatine e una merendina per quando farete pausa.-
- Grazie, poggiali lì, per favore. Non appena finisco di fare colazione li sistemo nello zaino.-
Era tardi e per questo, dopo aver sistemato le ultime cose, salutai di fretta Ella e Martin e mi diressi verso la fermata del bus, che si trovava ad appena cento metri da casa mia, giusto alla fine della via.
Arrivato, vidi alcuni bambini, potevano essere una decina, che aspettavano l’arrivo dell’autobus come me e iniziai a parlare con uno di loro , che sembrava avere la mia età. Iniziai dicendo
- Ciao! Io sono Kyle e tu?-
-Ciao Kyle! Io sono Ben. Sei nuovo di qui? Non ti ho mai visto a scuola e di solito le facce le conosco tutte, vivendo nello stesso posto dalla nascita e frequentando la stessa scuola per 5 anni consecutivi.-
- Hai ragione! Sono nuovo, appena arrivato! La famiglia Davis mi ha preso con sé appena ieri.-
- Sei un ragazzo fortunato. La famiglia Davis è una famiglia perfetta e sono anche giovani. Hanno tutte le carte in regola per essere una buona famiglia e poi sembrano gentili e disponibili. -
- Lo sono e ne sono felice. Guarda l’autobus è arrivato! Saliamo.-
- Ok! Andiamo- rispose Ben.
L’autobus ci portò diretti a scuola, con qualche breve fermata. Guardavo attentamente la strada mentre continuavo a parlare con Ben, poiché non volevo pertermi il più piccolo dei dettagli delle cose e dei paesaggi che stavano scorrendo davanti ai miei occhi. Vedevo tutto quello che non avevo visto mai: donne con un passeggino, ragazzi che passeggiavano i loro a****li e molto altro ancora.
La scuola sembrava molto più bella di quella che frequentavo prima. Era in condizioni migliori e non sembrava isolata dal resto del mondo, poiché era circondata da grandi costruzioni, dal momento che si trovava quasi al centro della città. Mentre stavamo scendendo dall’autobus Ben mi chiese se questa scuola somigliasse minimamente a quella che frequentavo e ovviamente io risposi di no, in quanto questa sembrava diversa e anche nell’aria si respirava più tranqullità. Nella mia vecchia scuola tutto, anche la cosa più bella, poteva diventare una tortura da un momento all’altro, anche se tu non avevi fatto niente per peggiorare la situazione. Tutto era nelle mani degli educatori, che ti muovevano come marionette e tu dovevi sottostare ai loro ordini. Per un loro sbalzo di umore potevi passare anche ore ed ore chiuso nella stanza della detenzione e per una loro incomprensione potevi anche essere punito.
Non appena attraversata la soglia della scuola, Ben mi chiese
- Sai già in che classe sei ?-
- Sì, so che sono in quinta.-
- Volevo chiederti se tu sapevi già la sezione perché ci sono molte quinte.-
- No, questo non lo so. Vieni con me in presidenza prima che inizino le lezioni? Andiamo a chiedere.-
- Sì, ma dobbiamo affrettarci. Sai, possibilmente saremo compagni di classe, perché nella mia classe ci sono meno alunni.-
- Non so dove sia la presidenza, mi accompagni?-
- Seguimi!- e dopo avere percorso alcuni corridoi e salita una rampa di scale siamo arrivati alla presidenza.
-Eccocci arrivati! Ora bussa e parla.- disse Ben
- Ok!- bussai e mi aprì una signora, un poco avanti con gli anni, con le rughe che gli tagliavano il viso ma con lo stesso sorriso che potrebbe avere anche una quindicenne, carico di energia e voglia di vivere.
- Come posso aiutarti, giovanotto?- mi disse la signora ed io risposi
- Sono appena arrivato in questa scuola, la mia domandina d’iscrizione era stata già presentata per me. Volevo sapere quale fosse la mia classe.-
- Io non mi occupo di ciò. Guarda lì, vedi quella porta?- mi disse mostrandomi una porta all’interno del suo ufficio
- Quella è la porta della presidenza. Entra lì e la preside Howell ti darà tutte le informazioni di cui hai bisogno.-
-Grazie, signora.-
- Di niente, figliolo.-
Detto ciò, con Ben che stava sempre un passo dietro me, mi feci strada nel suo ufficio , che sembrava piuttosto in disordine poiché era pieno di fogli, carpettoni, moduli e s**tole, e arrivai alla porta della presidenza. Bussai e chiesi
- Posso entrare?-
- Sì, certo!-
Non appena la preside vide due ragazzini entrare nel suo ufficio chiese
-Posso aiutarvi? Non trovate la classe?- ed io risposi
- In effetti no. Non so nemmeno in che sezione sono stato ammesso. I miei genitori hanno compilato il modulo d’iscrizione quest’estate.-
- Come ti chiami?-
- Kyle Davis-
- Ok. Trovato la tua classe è la VA. Questo è la tua tabella degli orari, mentre queste sono le chiavi del tuo armadietto è il numero AV19. La combinazione è questa ma ovviamente puoi cambiarla.-
- Grazie per le informazioni. Ora vado prima che le lezioni inizino.-
-Ok. Ci vediamo presto.-
Ben, che aveva aspettato fuori dalla porta, non appena fui uscito mi chiese
- Sezione?- ed io risposi
- A –
Subito mi diede il cinque e mi disse
- Siamo nella stessa classe, amico.-
Io e Ben eravamo compagni di classe e sarebbe anche diventato il mio migliore amico, con il passare del tempo.
Era appena suonata la campanella quando Ben mi disse
-Dobbiamo andare nell’aula di Mrs Schwarz, la nostra insegnante di Inglese, Storia e Geografia. Questa è la lezione della prima ora. Gli altri insegnanti che oggi conoscerai sono Mr Jones, l’insegnante di Educazione Fisica e Mrs Haynes, l’insegnante di Matematica e Scienze. Gli unici professori che non conoscerai oggi sono Mrs Wade, docente di Arte e Disegno, Mr Newman, docente di Informatica e Mrs Coyle, la nostra insegnante di Musica e Teatro. L’ultima che ho nominato è la migliore perché riesce a farti sognare e le sue ore di lezione sembrano volare.-
La giornata è passata velocemente e arrivata la fine delle lezioni chiesi a Ben
- Torni a casa con l’autobus?-
- Certo! Perché i miei lavorano. Tu?-
- Sì. Ti siedi accanto a me?-
- Certo. Perché no? In questo modo possiamo continuare a parlare.-
Sull’autobus parlammo di molte cose e mi resi conto di quanto fosse divertente: sapeva giocare con l’autoironia e le sue battute facevano sempre sorridere, almeno un po’.
Arrivati alla fermata gli dissi
- Ci vediamo domani-
. -Certo! A domani.-
E io andai verso casa mia mentre lui andava verso casa sua.
Il primo giorno di scuola non è stato per niente pesante: forse perchè era il primo o forse perché nell’altra scuola ero abituato a lavorare molto di più. Le maestre erano giovani e simpatiche e i compagni molto solari e amichievoli, ma ora ricordo i nomi di quelli che mi sono stati accanto: Robert, Will, Josh, Laura e Emily. Tornato a casa raccontai tutto a Ella, perché le si leggeva in volto la voglia che aveva di sapere tutto e così feci.
-Come ti è sembrata la scuola?-
- Molto più grande di quella che frequentavo prima. L’altra aveva al suo interno anche le stanze dove noi dormivamo e proprio per questo le aule erano molto più piccole.-
Anche Martin quando si rientrò a casa da lavoro, anche se stanco, volle sapere tutto nei minimi particolari. Mi sentivo strano perché per la prima volta c’era qualcuno che voleva sapere di me, di ciò che avevo fatto durante la giornata, qualcuno disposto ad ascoltarmi. Era un’emozione che non avevo mai provato e devo ammettere che mi piaceva trovarmi al centro dei discorsi . Mentre Ella cucinava mi sedetti a vedere alcuni programmi televisivi, soprattutto cartoni animati, poiché ero ancora un bambino. Stavo disteso sul divano ,quando Martin mi alzo la testa e la pose sulle sue gambe: avevo capito che voleva pormi ancora qualche domanda. Allora mi alzai , spensi la televisione e mi misi in ginocchio sul divano e ricordo che Martin mi chiese
- Come hai trovato i tuoi compagni di classe? Sono stati carini con te?-
- Certo! Soprattutto uno. Si chiama Ben e vive molto vicino a noi, Bradford Road se non ricordo male. Si è seduto vicino a me sull’autobus e a scuola, mi ha chiesto molte cose e soprattutto ha ascoltato con interesse la mia storia.-
- Bradford Road, eh? Il suo cognome è Sellen?-
- Sì, proprio così. Come fai a saperlo?-
- I suoi genitori sono nostri grandi amici. Suo padre era un mio compagno di liceo, mentre sua madre è insegnante e lavora nella stessa scuola in cui lavora Ella. Se vuoi, puoi farlo venire quando vuole. Strano che non ti abbia detto nietne di noi, siamo stati molte volte a casa sua e lui diverse volte è venuto a casa nostra con i suoi genitori.-
- Mi ha detto che siete delle ottime persone, molto simpatiche e disponibili. Per quanto riguarda il fatto di venire a casa nostra glielo dirò domani stesso.-
Il telefono squillò e Martin dopo aver ascoltato la mia risposta corse a rispondere. Io mi alzai dal divano e andai in camera a sistemare lo zaino per il giorno dopo. Qualche minuto dopo Ella mi invitò a scendere perché la cena era pronta, e mi avvertì che se non mi fossi sbrigato si sarebbe freddato tutto. Spensi la televisione, mi chiusi la porta dietro di me e andai in bagno per lavare le mani. Subito dopo scesi in fretta le scale e mi misi a tavola con Ella e Martin. Ella aveva cucinato lasagne al forno con pesto, come secondo un semplice filetto di carne e come contorno un insalata di lattuga, mais e pomodoro. Era tutto molto buono e mentre cenavamo Martin mi disse che aveva chiamato Drew, il padre di Ben e che sarebbero venuti a cena qualche giorno dopo e Ben sarebbe rimasto a dormire a casa nostra. Fui molto lieto di ricevere questa notizia poiché mi piaceva l’idea di passare del tempo con Ben, la sua famiglia e soprattutto Ella e Martin. Lui mi faceva ridere tantissimo e proprio per questo desideravo passare con lui più tempo possibile. Finita la cena andai a dormire e come il giorno precedente Ella sistemò coperte e lenzuola e mi diede la buonanotte. Questa volta anche Martin mi diede la buonanotte con un bacio sulla fronte proprio come Ella.
Il giorno dopo andai a scuola regolarmente e finalmente conobbi Mrs Coyle, la docente di Musica e Teatro. Quello che Ben mi aveva detto in precedenza era vero: è un’ottima professoressa. Il tempo sembra volare durante le sue lezioni e ogni minimo sforzo che richiede viene subito ripagato. Oggi ha cantato per noi un brano di Celine Dion : il titolo è My Heart Will Go On. La sua voce mi ha stregato e sembrava possibile vivere i sentimenti celati dietro le parole di quella canzone che tutti i miei compagni idealizzavano in un film che io non avevo mai visto : il Titanic.
Mentre cantava, la sua voce veniva accompagnata dal suono armonioso e melodico del pianoforte che lei stessa suonava. Poi ci ha raccontato una storia, quella del Titanic che io non conoscevo e rimasi colpito da questa storia d’amore, quasi impossibile. Il suo racconto era quasi giunto alla fine quando suonò la campana: mentre andavamo via ci disse che avremmo visto il film la lezione seguente.
Quella sera, ritornato a casa, chiesi a Ella di raccontarmi la storia di quel transatlantico perduto negli abissi dell’Oceano Atlantico e lei me la raccontò nei minimi dettagli, capace di farmi rivivere tramite le sue parole tutte le emozioni provate da ogni personaggio: dalla paura alla gioia, dall’amore al disprezzo. Me la raccontò mentre stava cucinando e vedendo sul fuoco più pentole del solito chiesi
- Perché ci sono tutte queste pentole? Cosa stai cucinando?-
- Vedo che non ti sfugge nulla. Ci sono molte più pentole sul fuoco perché oggi non siamo soli a cena. Vengono a farci visita Drew e Marta, i genitori di Ben, e si fermano per cena.-
- Veramente? –
- Sì!-
- Sono molto felice. Vado a prepararmi.-
Corsi di fretta in camera e mi sistemai per l’arrivo dei Sellen. Fatta una doccia, indossai una camicia bianca con un paio di pantaloni blu. Non appena avevo finito di allacciare le scarpe suonarono al campanello e Ella mi invitò ad aprire la porta. Lo feci volentieri e appena visti Ben lo abbrcciai. I suoi genitori si salutarono con i miei e poi mi dissero
- Ciao Kyle. Ben ci ha raccontato molto di te.Tieni questo è per te. Martin sa come usarla e ti aiuterà.-
- Grazie signori Sellen.-
Mi diedero un pacco che scartai immediatamente. Dentro vi trovai una chitarra acustica.
Cenammo velocemente e poi io e Ben andammo in camera mia a vedere un po’ di cartoni, mentre i nostri genitori rimasero sotto a parlare.
Si fece mezzanotte e i genitori di Ben andarono via mentre lui rimase a dormire da me.
Il giorno dopo venne Ella a svegliarci, poiché dovevamo andare a scuola. Scesi in cucina, abbiamo trovato la colazione già pronta, che consumammo in fretta poiché era tardissimo. Per prendere l’autobus abbiamo fatto la strada correndo perché mancavano appena due minuti al suo passaggio, ma arrivati a scuola iniziammo le lezioni normalmente, senza un minuto di ritardo. Sebbene le lezioni diventavano sempre più complesse e i ritmi sempre più accelerati la mia vita di studente continuava tranquillamente. Il tempo passava veloce e il mio rapporto con Ben migliorava sempre più. Quest’anno scolastico era quasi giunto al termine e si avvicinava la data del mio compleanno, il 7 giugno e mancava più o meno un mese alla fine della scuola. Ella e Martin avevano deciso di organizzare una festa e avevano deciso di invitare tutti i miei compagni di classe. Avevo contribuito in minima parte ai preparativi, poiché volevano fare tutto loro. L’unica cosa che ho fatto è stato spedire gli inviti e fare finta di non capire alucne discussioni fra di loro, in particolare quelle in cui parlavano del regalo. L’unico aiuto che richiesero fu per scelta degli addobbi e infatti qualche giorno prima vennero a prenderemi a scuola alla fine delle lezioni per andare a comprarle.
Con noi venne anche Ben, che mi aiutò nella scelta dei festoni. Ho scelto qualcosa di molto sobrio, per niente legato al mondo dei cartoni animati, benché Ella e Martin fossero accondiscendeti. Preferivo qualcosa che non mi catalogasse nel mondo dei bambini e perciò avevo completamente escluso il mondo dei cartoni animati. Stavo per compiere undici anni e quindi era già abbastanza crsciuto. Giorno 6 Ben era rimasto a dormire a casa mia perché voleva essere il primo a farmi gli auguri appena sveglio. Quando il mattino seguente mi svegliai Ben mi aveva preparato una sorpresa. Un video in cui diceva quanto mi voleva bene anche se ci conoscevamo da così poco tempo. Quando lo vidi, lo ringraziai per il video ma non ebbi il tempo di parlare poiché entrarono Ella e Martin nella stanza e volevano farmi gli auguri anche loro. Ci dissero di scendere in cuicina poiché la colazione era pronta : una torta-gelato solo per noi. Poi più in fretta che abbiamo potuto ci lavammo e appena pronti ci avviammo verso la fermata dell’autobus.
La giornata a scuola è stata fantastica, mi sentivo quasi un re. Anche Mrs Coyle aveva intonato la canzone del “ Buon Compleanno ” per me e tutti la seguirono cantando. Finite le lezioni Ella venne a prendere me e Ben con la macchina, poiché non avevamo molto tempo per preparare le cose. Arrivammo a casa e dopo due ore tutto era pronto : la festa poteva iniziare.
Non ricordo mai di aver festeggiato il mio compleanno, non sapevo neache l’esistenza di questa ricorrenza e ricordavo il giorno in cui ero nato solo perché nell’orfanotrofio ci dividevano per età e ogni 7 giugno io cambiavo stanza. Dove vivevo prima era un giorno come tutti gli altri, niente di speciale: non ricevevo né un dolcetto, né una carezza in più. Avevamo deciso di fare la festa nel giardino, in modo da avere più spazio per giocare e non soffrire il caldo dentro casa.
Martin aveva pensato a tutto quello che riguardava la musica, mentre Ella aveva pensato al le bevande e alle cose da mangiare: aveva fatto anche la torta. Ho ricevuto molti regali: i signori Sellen mi regalarono un comupter, i miei compagni di classe un telefono cellulare, ma il regalo più bello è stato quello di Ella e Martin. Verso le otto e mezza di sera si è fermato un piccolo camion davanti casa nostra ed Ella mi disse
- Vai a prendere il tuo regalo.-
Ci spostammo tutti dall’altro lato del giardino e aperta la s**tola vidi la cosa più dolce che avevo mai visto: un cucciolo di Labrador che poteva avere massimo due o tre mesi. Sembrava affettuoso e appena mi ha visto mi è saltato addosso. Decisi di chiamarlo Sean.
Alla fine della festa tutti andarono via e rimase solo Ben, che saerbbe rimasto da noi anche per la notte. Ben era già andato in camera mentre io mi ero soffermato un po’ a parlare con Martin ed Ella che mi chiesero
- Ti è piaciuta la festa?-
- Certo! E anche molto. Non avevo mai festeggiato il mio compleanno.-
- Da oggi e per gli anni a venire lo festeggerai ogni anno.-
- Davvero? Grazie. Ora sono un po’ stanco, oggi è stato una giornata abbastanza impegnativa. Vado a riposarmi. Ben aspetta zitto zitto che io arrivi per farmi uno scherzo, come se non lo sospetto.-
-Ok, piccolo. Vai a dormire. Domani non c’è scuola quindi non vi sveglierò presto.-
- Ok. Buonanotte mamma.- dissi a Ella – e buonanotte anche a te, papà.- dissi a Martin.
- Come ? Ripeti ….- e entrai di corsa in camera. Ben stava stranamente dormendo, ma non aveva messo il lenzuolo, così lo sistemai io e dopo mi misi a dormire. Ma non presi subito sonno, benchè fossi molto stanco : pensavo a ciò che avevo detto. Avevo chiamato Ella e Martin mamma e papà, anche se sapevo per certo che non lo erano. I miei non c’erano più, non li ricordo nemmeno.
-Ben, fermati.- queste sono state le prime parole che ho pronunciato al risveglio. Ho ritrovato Ben nel mio letto che tentava in tutti i modi di svegliarmi e alla fine mi ha buttato un bicchiere di acqua fredda in faccia.
Lui rideva e anche se ero arrabiato mi misi anche io a ridere.
Dopo aver fatto colazione ci preparammo per andare a fare un’escursione. Non ricordo esattamente il posto, ma ricordo le emozioni che provai, intense e cariche di felicità.
Alla fine della giornata non ero per niente stanco, anche se avevo camminato per diverse miglia : ero ancora pronto a vivere milioni di emozioni, tutte quelle che non avevo provato negli anni precedenti. Accompagnato Ben a casa, anche noi tornammo a casa, dopo aver fatto un salto al negozio di a****li perché dovevamo comprare da mangiare per Sean. Appena arrivati lasciammo Sean libero nel giardino, mentre noi andammo a fare una doccia.
Erano quasi le otto di sera ed eravamo pronti per cenare quando Martin mi dice di seguirlo in giardino. Io non indugiai e gli andai dietro, come se fossi la sua ombra. Mi portò nel capannone dove teneva tutti i suoi strumenti musicali e anche se ero entrato varie volte in quel posto, ogni volta mi sembrava la prima e mi emozionava sempre più: non è possibile capire quanto mi piacesse quel posto, perché neanche io so spiegare cosa provavo quando entravo lì dentro.
- Vieni, avvicinati.- mi disse Martin
- Cosa devi farmi vedere?-
- Vieni qui! Chiudi gli occhi e apri le mani.-
In quel momento, mi poggiò qualcosa sulle mani, piccolo e di forma triangolare e mi disse
- Apri gli occhi-
Non appena lo vidi e realizzai cosa fosse gli dissi un po’ deluso
-Un plettro? E a cosa dovrebbe servirmi se non so nemmeno suonare la chitarra?-
- Questo non è un plettro, ma è il primo plettro che io ho ricevuto in regalo. Sono passati molti anni dall’ultima volta che l’ho usato, perché avevo deciso di conservarlo. Ora, voglio regalarlo a te, perché è un oggetto a cui tengo molto. Non importa se non sai suonare perché da domani ti insegnerò qualcosa.-
- Wow! Il primo plettro con cui hai suonato? Vuoi realmente regalarmelo?-
- Sì e adesso è tutto tuo.-
Subito dopo rientrammo in casa ed Ella ci chiese cosa avessimo fatto fuori e Martin le rispose, strizzandomi l’occhio
- Segreti da uomini!-
Ella sorrisee disse
- Ah ok! Allora non mi intrometto.-
Dopo qualche minuto andammo a cenare e finita la cena, abbiamo visto sul divano un film piuttosto divertente.
Il giorno dopo mi svegliai sul divano. Guardai l’orologio ed segnava già le nove meno venti. Mi alzai di fretta e andai a fare colazione. In cucina trovai solo Ella che mi salutò e mi domandò per quale ragione fossi già sveglio alle nove circa del mattino quando di domenica di solito non mi alzo mai prima delle dieci. Mentre mi preparava la colazione io le risposi dicendo che ero troppo felice poiché Martin mi aveva detto che quella mattina avrebbe iniziato ad insegnarmi qualcosa di chitarra.
-A proposito… Dov’è Martin?-
- Martin è nel capannone. Mi aveva detto di dirti che ti aspettava lì.-
- E perché non me lo hai detto prima?-
Divorai velocemente la colazione e corsi da Martin.
- Buongiorno campione, dammi il cinque! Hai portato il plettro?-
- Sì, certo. Eccolo qui.-
- Dammelo! Ne creerò una collana, in modo che tu non lo perda.-
Non ci mise più di due minuti e appena aveva finito disse
- Sei pronto?-
Ed io risposi
-Non aspettavo altro.-
In un giorno avevo appreso tutte le scale naturali ed alterate delle varie note musicali, sia normali che minori. Potevo leggere nel suo viso quanto fosse orgoglioso di me e ciò non mi dispiaceva affatto. Mi aveva anche detto che avevo una voce abbastanz buona, doveva solo essere perfezionata ed educata ( la voce si educa al canto o almeno così diceva Martin ).
Siamo stati sotto la tettoia tutto il giorno, avevamo saltato anche il pranzo benchè Ella ce lo avesse portato.
Rientrati a casa, feci vedere a Ella quanto avevo appreso e rimase molto colpita.
Diventavo sempre più bravo e grazie all’aiuto di Martin la mia voce era stata corretta. Suonare e cantare erano diventate le mie passioni, perché solo cantando o suonando riuscivo ad esprimere tutto ciò che avevo dentro ed era l’unico metodo che funzionava quando avevo bisogno di distendere i nervi e rilassarmi, lasciandomi alle spalle tutte le preoccupazioni.
A scuola tutto andava bene e non avevo alcuna insufficienza, i professori erano molto contenti di me, in particolare Mrs Coyle che in occasione degli incontri scuola-famiglia diceva sempre ai miei genitori adottivi che io possedevo un talento ed era da sciocchi non accorgersene. Durante le sue lezioni mi sentivo nel mio mondo e pregavo affinchè durassero il più allungo possibile.
Finito il mio primo anno scolastico a Londra, tutto cambiava. Dall’anno seguente noi alunni eravamo obbligati a studiare solo inglese, matematica e scienze e poi avevamo la possibilità di scegliere 6 o 9 materie. Io durante gli anni successivi scelsi sempre :Teatro, Storia della Musica, Chitarra, Pianoforte, Disegno, Francese, Spagnolo e Storia. Alcuni corsi erano difficili da seguire, ma affrontandoli con passione ed energia non ho mai avuto alcun problema.
Ben era sempre presente nella mia vita, ma frequentavamo corsi diversi, poiché lui non amava affatto la musica, né le lingue, preferiva le scienze e la tecnologia. Anche se a scuola avevamo orari diversi e ci vedevamo solo la pausa o a pranzo, stavamo incollati lo stesso perché quasi ogni giorno veniva a casa mia, o io andavo a casa sua.
Proprio in questi anni conobbi una ragazza che era mia compagna di corso nelle ore di Spagnolo e Francese. Il suo nome è Nicole e ricordo che mi piaceva molto. Ci frequentammo e uscimmo insieme per qualche mese, fino a poco prima che io compissi sedici anni.
Tralasciando la fine di questa relazione, avvenuta in modo pacifico, tutto sembrava andare bene, ma presto sarebbe cambiato qualcosa.
Avevo appena compiuto sedici anni quando una sera , mentre stavamo cenando, Ella e Martin mi dissero che dovevamo traslocare. Proprio in quel momento mi cadde il mondo addosso.
Non ero pronto a lasciare quel posto e avevo solo quattro settimane di tempo per abituarmi all’idea.
- Andremo via di qui- disse Martin
- Come? Lascieremo questo posto?-
- Sì, Kyle. Dobbiamo andare via. Mio fratello ha trovato un posto di lavoro per me a Sydney e non penso che rifiuterò l’offerta. Guadagnerei molto di più e potrei essere vicino a l’unica persona della mia famiglia che mi rimane.-
- Certo, papà. Ma ora guarda la situazione dal mio punto di vista. Io sono arrivato qui da sei anni circa e solo ora mi sento pienamente appartenente a questo posto. Non voglio cambiare né scuola, né casa, né abiutidini. E poi Ben, come faccio io senza potergli più parlare? Senza vederlo più piombare in casa nostra? Senza più picchiarlo? Senza più piangere insieme a lui? Senza più dormire nella stessa stanza e svegliarsi la mattina in modi più o meno bizzarri? Senza litigare con lui? Come potrei mai separarmi da questo posto? Non penso di farcela, il distacco sarebbe per me troppo traumatico…-
- Non c’è scelta da fare, è già stata presa. So che sarà difficile affrontare un mondo completamente a noi nuovo, ma ci riusciremo se restiamo uniti come una famiglia.-
Mi alzai di s**tto dalla tavola buttando il bicchiere a terra e entrato nella mia stanza chiusi violentemente la porta. Ella stava per raggiungermi in camera ma Martin la bloccò, e lei si limitò solo a prendere il bicchiere che avevo fatto cadere e ad asciugare l’acqua che si era riversata sul pavimento. Era la prima volta che mi capitava di arrabiarmi con Ella e Martin, di trovarmi in disaccordo con loro e la sensazione che provavo era molto strana. Dovevano sentirsi molto confusi anche loro, poiché non mi ero mai comportato in quella maniera e sicuramente non sapevano nemmeno loro come comportarsi. Ero indeciso tra tornare indietro subito per chiedere scusa dell’azione che avevo commesso o aspettare che fossero loro a fare il primo passo. Pieno di dubbi, adesso ero nella mia stanza illuminata da un argenteo raggio di luna che entrava pallido dalla finestra, sdraiato sul mio letto e pensavo a tutto quello che era successo da quando avevo lasciato l’orfanotrofio fino a questo momento ed ero molto spaventato, perché non sapevo ancora quello che mi sarebbe successo in una trentina di giorni. Certezze oramai ne avevo poche, ma una era proprio quella di non avere l’intenzione di perdere Ben. Ben era il mio migliore amico e condividevamo tutto: piangevamo insieme e la gioia di uno era la gioia dell’altro, eravamo sempre in contatto e sembravamo telepatici, poiché bastava uno sguardo per capirci.Ci siamo conosciuti in un modo così banale che non avrei mai immaginato che sarebbe diventato il mio migliore amico, ma invece da quel momento è sempre stato presente nella mia vita, l’unico che conosce ogni minimo dettaglio e a cui dicevo realmente tutto senza aver paura di dover omettere qualche particolare, perché lui accettava i miei punti di vista e mi consigliava che scelte fare. Le nostre idee erano spesso in contrapposizone, ma trovavamo alla fine una soluzione che accomunava entrambi i pensieri , ma era difficile arrivare a questa conclusione e spesso stavamo anche ore a discutere. Litigavamo spesso, ma non ero mai arrabbiato con lui, né portavo dietro rancore perché era come un fratello per me e gli volevo realmente bene. Confuso, decisi di liberare un po’ di emozioni scrivendo

“ Cara luna,

Sono fermo qui, ad osservarti dalla finestra della mia stanza e il tuo bagliore è l’unica luce che illumina il mio volto. Solo tu riesci a vedere la lacrima che mi taglia il viso e solo a te voglio dire ciò che provo in questo momento. Mi rimani solo tu, perché a Ben non so come dire che sto per andare via.
Sono confuso e non so cosa fare. Meglio dire tutto a Ben o lasciare che passi ancora un po’ di tempo? Meglio tagliare i rapporti in modo che nessuno soffra o godersi questi ultimi momenti?
Non mi piace mentirgli, e non l’ho mai fatto.
Mi piacerebbe trovare una risposta a tutte queste mie domande, ma nessuno è capace abbastanza.
Mi chiedo perché proprio adesso, che tutto sembrava andare bene, il destino abbia deciso di giocare con il mio umore.
Sono molto triste e non so cosa fare. Per la prima volta mi sento realmente solo perché anche Ella e Martin sono contro di me.
Vorrei solo chiudere gli occhi e sperare che questo fosse tutto un incubo, ma so che non è così.”

Non appena ebbi finito di scrivere quella lettera, essendo stanco e abbastanza sconvolto, mi misi sotto le coperte e iniziai a dormire.
La mattina seguente tutto sembrava diverso. Ella e Martin mi avevano appena salutato, ma in modo molto freddo: si vedeva benissimo che non sapevano cosa fare, né cosa dire. Ella si tratteneva a stento dall’abbracciarmi, mentre Martin era molto sulle sue. Io avevo appena ricambiato quel saluto, sentendomi quasi costretto a ricambiare quel saluto, ma non avendo alcuna voglia di farlo. Lasciai casa silenziosamente e mi diressi verso la scuola. Camminavo per la strada: jeans a vita bassa di un blu non molto scuro, snickers bianche con lacci blu, maglietta bianca disegnata la bandiera degli Stati Uniti , felpa con zip e cappuccio, rigorosamente indossato e occhiali da sole decorati a tema USA. Visto dall’esterno sembravo un ragazzo normale che stava andando a scuola ( non indossavo più la divisa in quanto ero già alla Sixth Form ), ma solo io sapevo che il peso delle parole portavo dentro era difficile da sostenere. Ascoltavo un po’ di musica con il lettore Mp3 ma ero distratto dall’eco rimbombante delle parole che avevo sentito e dai mille pensieri che avevo in testa: cercavo di trovare un modo per scappare da quella situazione infernale e non riuscivo a trovarlo. Ero molto spaventato perché pensavo di non poter riuscire ad affrontare Ben non credendomi capace di potergli dire tutto, ma presto o tardi lo avrebbe scoperto.
Vedere ogni giorno Ben a scuola era una tortura: dovevo trovare il modo di dirgli quello che stava succedendo, ma ogni volta che se ne presentava l’occasione, io dissimulavo.
I giorni passavano rapidamente e mancava una settimana alla mia partenza. Stavo studiando per gli ultimi test quando mi arriva un messaggio da parte di Ben

“ Per quanto tempo ancora vuoi continuare a fingere che vada tutto bene? Che non hai niente da dirmi? Io mi sono stufato di questo gioco.
Grazie di tutto. ”

L’aveva saputo. Ma chi aveva potuto dargli questa notizia se io stesso ne ero talmente turbato da non averne fatto nemmeno un piccolo accenno con nessuno? Potevano essere stati i miei genitori ?
Ne dubito perché era quasi un mese che Ben non veniva a stare un po’ a casa mia, nemmeno per studiare. Non mi interessava minimamente come aveva potuto saperlo, ma mi preoccupava il fatto di non sapere come risolvere la situazione. Gli mando un messaggio che diceva

“ Te lo avrei detto prima, se avessi saputo come farlo senza farti stare male. Scusa.
Se mai volessi parlare, vieni a casa mia.”

La risposta non arriva subito, tarda di qualche minuto. Ma appena arriva non tardo nemmeno un secondo ad aprire il messaggio e leggo

“ E secondo te è stato meno doloroso saperlo così? Sapere che tu lo sapevi ma continuavi a mentirmi… A me? Ti consideravo come un fratello e giuro che se penso ancora oggi a me, vedo la tua figura perché ormai eravamo una cosa sola e non avrei mai pensato che tu fossi capace di nascondere una cosa di così grande importanza. Stai per andare dall’altro lato del mondo e non penso che tornerai mai. Scusa amico, ma non posso accettarlo. Prova a vedere la situazione dal mio punto di vista.”

“So che ho sbagliato, sono pienamente cosciente di ciò. Ma già lo sapevi? Da quanto tempo? Chi te lo ha detto?”

“ So tutto da più o meno quattro settimane ho aspettato fino a questo momento per dirtelo perché speravo che fossi tu a dirmi tutto ( e anche perché fino all’ultimo non ci volevo credere e speravo che tu non partissi ). ”

“ Come fai a saperlo da quattro settimane, se io l’ho saputo 20 giorni fa ? L’hai saputo prima di me!! In questo periodo non sei neanche venuto a casa mia.”

“ I tuoi genitori mi hanno detto tutto e mi hanno anche chiesto di allontanarmi da te in modo che tu avvertissi meno dolore al distacco. Io li ho ascoltati perché pensavo fosse la cosa giusta. Vederti ogni giorno a scuola mi fa stare sempre più male.”

“ Vieni a casa mia! ORA! Penso che sia arrivato il momento di parlare.”

“ I tuoi non mi lasciano entrare e lo sai!”

“ Non ti preoccupare di ciò, aprirò io la porta.”

“ Ok, sto per uscire di casa. Fra dieci minuti sarò da te.”

“ Ok. Ti aspetto.. Non tardare!”

“ Mi dai il tempo di levarmi il pigiama e indossare una maglietta e un paio di jeans o vengo in pigiama?”

“ Ah ah! Non scherzare e sbrigati =)”

Aspettavo con ansia il suo arrivo ma non riuscivo a capire cosa mi stesse prendendo. Il momento in cui aspetti qualcuno è secondo me l’attesa più lunga che puoi provare nella vita e il tempo non sembra passare e ogni secondo che passa ti fa pensare sempre più al peggio. Tutto ciò mi metteva ancor di più in agitazione, considerando quello che stava succedendo. Questi dieci minuti sembravano non passare mai. Tra un monologo e un altro ( sembravo un cretino mentre parlavo da solo nella stanza ) dalla finestra lo vedi camminare lungo il vialetto, fermarsi davanti alla mia porta un attimo a pensare e poi suonare.
I miei aprirono la porta, visto chi era e la chiusero subito ancor prima che io arrivassi sotto per aprire. Sento solo Martin che pronuncia la frase – allora non hai capito – e poi la chiusura brusca della porta.
Appena arrivato sotto chiesi
-Chi è ?-
- Nessuno!- risponde Martin
- Ah ok! Apro io la porta e vedo chi è-
-Cosa intendi dire?- mi chiese Martin con aria sospettosa e io nemmeno risposi.
Mi diressi verso la porta e dopo averla aperta mi resi conto che non c’era veramente nessuno, era andato via.
Chiusi la porta con violenza ed entrai in camera. Non riuscivo a capire come mai era andato via.
E allora gli mandai un messaggio

“ Perché sei andato via? ”

“ Sono andato via perché tuo padre ha aperto la porta e mi ha cacciato. Sapevo che sarebbe finita così. Non capiscono proprio.”

“ Se solo avessi aspettato tre secondi in più, sarei arrivato io ad aprire la porta e saresti ancora qui.”

“ Scusa. Non lo sapevo! Ma tuo padre mi ha cacciato, quindi sono andato via.”

“Ok. Va bene! Ne parleremo a scuola”

Ma purtroppo questi ultimi sei giorni passarono velocissimo e così arrivai al giorno prima della partenza senza ancora avere chiarito nulla con Ben, poiché tra verifiche e molto altro non avevamo avuto nemmeno il tempo di vederci. Il pomeriggio appena rientrato a casa ricevo un messaggio

“ Domani parti. Addio”

“ Non mi dire tutto ciò. Non essere così freddo con me. Non me lo mertio perché sai che non voglio partire. Se dipendesse da me, resterei qui, poiché mi trovo bene e soprattutto non voglio lasciare né le mie abitudini, né tanto meno le persone.”

“ Anche se non vuoi farlo le tue parole restano solo intenzioni che rimangono in contraddizione con ciò che stai facendo, Kyle! Renditene conto! Stai andando via e io sto per rimanere solo.”

“ Lo so Ben ! Lo so ! Pensi che non sto già abbastanza male? Anche io rimarrò solo, in un mondo a me completamente sconosciuto. Pensi che la mia situazione sia migliore?”

“ Non lo so, ma penso che devi venire a casa mia stasera. Voglio stare con te un ultima volta… e questa volta penso proprio che piangeremo ( forse anche per l’ultima volta insieme )”.

“ Ok arrivo. Solo il tempo di preparare alcune cose e vengo. Né Ella, né Martin potranno fermarmi.”

Metto il telefono in tasca, prendo il mio Eastpak nero e metto dentro tutto quello che può servirmi per una notte.
Scendo giù e incontro Ella che mi chiese dove stessi andando e io risposi
-Vado da Ben! Dormo a casa sua perché vogliamo passare quest’ultima notte insieme dato che non ci rivedermo mai più! Se ti va bene, perfetto! Se non ti va bene e cercherai in tutti i modi di bloccarmi a casa, sappi che ti sarà impossibile. Non rinuncerò a passare l’ultima notte con il mio migliore amico e finigere un mezzo sorriso nei vostri confronti. –
- No, vai pure tranquillo. Non ho alcuna intenzione di fermarti. A Martin penso io.-
Avevo dedotto che neanche a lei piaceva l’idea di traslocare, quindi era tutta una costrizione di Martin. Mi abbracciò, non lo faceva da molte settimane, le uscì una lacrima e mi lasciò andare.
Mentre camminavo per la strada pensavo a come mi sarei dovuto comportare una volta trovatomi faccia a faccia con Ben. Dopo dieci minuti di camminata, che equivalevano a dieci milioni di dubbi, arrivai a casa di Ben e proprio Ben aprì la porta. Mi abbracciò come non ha mai fatto in sei anni e mi disse
- Finalmente sei arrivato! Non sai quanto è brutto attendere qualcuno a cui tieni, l’attesa sembra infinita.-
- Vedi? Siamo telepatici! Quando l’altro giorno sei venuto a casa mia e Martin non ti ha fatto entrare ho detto la stessa cosa!-
- Entra!-
Chiuse la porta dietro sé e mi fece salire in camera. Quella casa la conoscevo ormai come se fosse la mia. Erano più o meno le sei del pomeriggio e il sole al tramonto era l’unica luce di cui avevamo bisogno. Dava un atmosfera più accogliente rispetto al neon e quindi avevamo deciso di non accendere la luce fino a quando non si sarebbe fatto buio. Ben indossava una magliettina bianca a maniche corte e poi una tuta azzurra che gli cadeva molto larga. Non aveva scarpe ma solo calzini e portava in una mano il guanto senza dita che avevamo comprato insieme. Nell’altro polso, quello sinistro, aveva un polsino interamente nero. Io indossavo invece un paio di jeans larghi, una maglietta con cappuccio e alcuni bracciali in plastica. Non appena avevo tolto le scarpe ci sedemmo sui letti e io iniziai a parlare.
- Prima di iniziare a parlare di qualsiasi cosa, della mia partenza o altro voglio che tu sappia una cosa e infatti ora inizierò a raccontarti una storia. All’inizio cercherai di capire ma ti sarà impossibile e allora aspetterai che io finisca tutto il racconto. Abitavano una volta a Brighton una coppia che si amava tantissimo. Si chiamavano James and Katie ed erano sposati dall’età di 18 anni. Si erano conosciuti a scuola e i loro genitori erano sempre stati contrari a questo amore, ma alla fine si dovettero adeguare alla situazione. Katie, subito dopo il matrimonio concepì un figlio e l’attesa della nascita di quel bambino aveva riempito di gioia quella famiglia. Il padre, quando ogni giorno rientrava da lavoro, portava qualsiasi cosa che potesse servire al bambino che stava per nascere : un ciuccio, un orsacchiotto, un biberon e molto altro. Anche i nonni volevano essere resi partecipi della nascita di questo bambino e infatti il padre di James, che era un falegname, aveva costruito per il nipote la più bella culla in legno che era mai stato capace di fare. Per tutta la gravidanza Katie non aveva avuto alcun problema, ma allo s**ttare del settimo mese tutto cambiò tremendamente. I primi di giugno Katie diede alla luce il suo primo figlio, anche se la nascita era prevista per la metà di luglio. Katie non vide mai suo figlio e al figlio fu tolta la madre dal destino.
Durante il parto, che i dottori fecero d’urgenza, la pressione della madre si era alzata talmente tanto da provocare un’emorragia interna, benchè fosse sotto effetto di anestesia totale. Katie è passata dalla vita alla morte senza nemmeno accorgersene, ma il bambino non seppe mai il significato della parola mamma. Crescendo, egli veniva trattato dal padre e dai nonni come un principe ed era sempre felice, o così sembrava essere. Nessuno ha mai capito quanto gli facesse male non avere una madre come tutti gli altri. All’età di otto anni però successe una cosa che distrusse quest’equilibrio familiare, che si era creato con molta fatica, come se risalendo da un burrone, quasi impossibile da scalare, scivoli di nuovo giù quando sei quasi arrivato in cima e riesci già a rivedere la luce. Anche James aveva sofferto tanto per la perdita della moglie e rimanendo fedele a lei non si era mai più risposato anche se aveva appena diciotto anni. Qualche anno dopo si traferirono a York, poiché vi abitavano i nonni. Un giorno decise di dire tutto al figlio e lo portò dove la madre era sepolta. Era una giornata piuttosto cupa, il sole era sempre nascosto dietro le nuvole, il vento soffiava forte e pioveva, anche se piano. James e il bambino stavano viaggiando da York verso Brighton ma durante il tragitto una ruota della macchina slittò a causa dell’asfalto bagnato. Il bambino si rannicchiò impaurito nel sedile posteriore e sentì solo le urla di James che non sapeva cosa fare. La macchina uscì fuori dalla strada e sbatte contro un’insegna pubblicitaria. Il bambino non si mosse, aveva troppa paura di vedere. L’ambulanza arrivò subito, ma per James non c’era niente da fare, mentre per Kyle c’era ancora qualche speranza, poiché aveva riportato solo qualche livido. Ma il trauma più grande era quello della perdita anche dell’altro genitore.-
- Kyle? Hai detto Kyle?- mi interruppe Ben
- Sì, Kyle aveva ancora una speranza.-
-Kyle? Questa è la tua storia? Tu sai chi sono i tuoi genitori ? Li hai conosciuti?-
- Sì, ma non ricordo molto bene quelle immagini.-
- Avevi dei nonni, giusto? Perché non sei andato con loro? Perché ti hanno messo in orfanotrofio?-
- Il giudice riteneva i miei nonni incapaci di essere i miei tutori poiché già anziani e senza alcuna entrata economica, esclusa la pensione, non ritenuta sufficiente per la cura di un bambino della mia età.-
- E quindi ti hanno costretto ad andare lì.. Ma hai mai più rivisto i tuoi nonni?-
- No! Quando ero all’orfanotrofio le maestre mi dissero che gli unici parenti che avevo erano morti e quindi non ho mai più avuto opportunità di vederli.
- Hai mai raccontato a qualucno questa storia? C’è qualcuno oltre me che è a conoscenza di questo tuo grande segreto? Ella sa qualcosa ? Martin?-
- NO! Nessuno sa niente di questa storia e non voglio che nessuno la sappia. Tu sei la prima persona a cui la racconto, poiché persino alle maestre e alle balie dell’orfanotrofio ho sempre mentito dicendo di non ricordare niente, forse perché è ciò che voglio.-
-Vuoi davvero non aver vissuto niente di tutto ciò? Sembra veramente difficile superare tutto quello che hai passato, ma è questo che ti ha portato ad essere la persona speciale che sei ora, con il tuo carattere e con tutti i sentimenti che sai esprimere.-
- Non è questo che intendevo dire! Io non rinnego il mio passato, né lo disprezzo, ma a volte desidero che tutto fosse andato in maniera differente e almeno una volta nella vita una scelta fosse facile.-
- Ti capisco. Grazie di avermi confidato questo segreto.-
- E di cosa, stupido? Sei o non sei il mio migliore amico?-
- Lo sono. E fra poco mi ritrovero solo.-
- Ah finiscila! Anche se saremo lontani, esiste il cellulare, internet, o anche le lettere. Rimarremo in contatto, non temere e sarà come se io fossi rimasto qui.-
- Beh in realtà ora tocca a me parlare.-
- Vai, ti ascolto.-
-Sai proprio non riesco ad immaginare la mia vita qui senza te :sarebbe così noiosa e vuota.Ti prego non partire! Non sarebbe la stessa cosa anche considerando i vari modi per tenersi in contatto.-
-Sai che se dipendesse da me, io rimarrei qui.-
Ben si alzò dal suo letto e si sdraiò sul mio e disse
-E allora non partire. Non mi lasciare solo!-
- Ahah! Gli occhi dolci non funzionano. E poi non è una scelta che ho preso io, ma che Martin ha fatto per me.-
E proprio in quel momento in cui non so ancora spiegarmi bene cosa sia successo e soprattutto perché sia successo, Ben mi prese la mano e le nostre dita si intrecciarono, si avvicinò repentinamente al mio viso e mi iniziò a toccare i capelli e ad accarezzarmi. Si avvicinò ancora di più e mi baciò. Penso che quello di Ben è stato il bacio più bello che ho mai ricevuto nella mia vita, poiché era carico di emozione e vi si celavano dietro tutti i dubbi e le speranze che erano proprie del nostro futuro. Entrambi avevamo dentro la paura di perderci per sempre e non è un sentimento facile sa gestire. Appena dato il bacio, si staccò rapidamente, le gote gli si colorarono di rosso per la vergogna e disse
- Scusa, non volevo! Non so che mi è preso …-
Gli dissi – Shh.. Stai zitto, non è un problema..- e lo baciai.
Non sapevo se ciò che stessi facendo fosse giusto o sbagliato, ma stava accadendo e non mi ero mai sentito più felice prima.
La mattina dopo mi svegliai io prima di lui mi misi a sorridere vedendo la scena. La camera non era ancora illuminata dal sole: era l’alba o forse il cielo era coperto dalle nubi. Avevo freddo e quindi rimisi la maglietta e tirai il lenzuolo sopra Ben, poiché doveva avere freddo anche lui.Niente era cambiato rispetto alle altre volte. Eravamo sdraiati nello stesso letto ma c’era un piccolo particolare in più: le mie braccia erano attorno al suo petto e lui era accovacciato tra di esse. Sorrisi ancora, gli baciai la nuca e mi riaddormentai.
Non so se fosse già passato molto tempo, ma lui si svegliò e si girò verso di me, mi baciò e mi risvegliai immediatamente, quasi di soprassalto.
- Buongiorno Kyle, dormito bene?- mi disse
- Sì, mai dormito meglio. Sei speciale e non ti voglio perdere.-
- Pensi che io ti voglio perdere? Pensi che mi piace sapere che già fra qualche ora tu sia in viaggio per raggiungere l’altro lato del mondo ?-
- No. Suppongo di no.-
Il danno era ormai fatto: bisognava ripararlo oppure nasconderlo. E noi ovviamente scegliemmo la seconda opzione, cioè nascondemmo tutto.
Dopo aver passato ancora un po’ di tempo a parlare di quanto fosse ingiusta questa partenza, siamo scesi in cucina per fare colazione. Mrs Coyle aveva ragione sul fatto che noi fossimo degli ottimi attori : ci siamo comportati come di solito niente di nuovo.
Dopo aver finito di far colazione, uscimmo a razzo da casa per andare verso casa mia, poiché dovevo sistemare le ultime cose prima della partenza. Per la strada ci tenemmo per mano e qualche bacio è pure scappato, volevo mantenere il contatto con lui il più a lungo possibile. Ma appena arrivati a casa, costretti di nuovo a dissimulare ritornammo a fingere, fino a quando non eravamo al sicuro nella mia stanza e avevo chiuso la porta, a chiave.
Stavo riponendo nelle valigie alcune magliette mentre Ben era seduto nel mio letto. Non ricordo cosa stesse facendo, ma ricordo che non parlava, era impegnato a fare qualcosa.
Era l’ora di pranzo e la partenza era imminente. Il volo era alle quattro meno venti e quindi era arrivato il momento di salutarci e ci salutammo con un semplice bacio, dopo il quale vidi scorrere lenti i suoi passi, e ad ogni passo che faceva il mio cuore si stringeva sempre più. Una lacrima mi tagliò il viso e cadde dritta sul telefono che vibrò di colpo. Era un suo messaggio

“ Penso che non ci vedremo mai più e inizio a piangere. Già mi manchi.
Sei tutto quello che ho, e ora che vai via non ho più niente.”

Era il messaggio più triste che io avessi mai letto ed aveva lasciato in me un vuoto incredibile.
Forse ciò che era successo di notte non aveva fatto che peggiorare la situazione o meglio aumentare il bisogno che l’uno aveva dell’altro.
Non appena tutto era stato preso e sistemato nei vari camion per il trasloco, Martin chiuse la casa ed il momento di andare era arrivato.
Salimmo in macchina e il viaggio era appena iniziato, ogni secondo mi sentivo sempre più insicuro, avevo sempre più paura di non riuscire ad affrontare tutto ciò che stava per accadere. Mando allora un messaggio a Ben

“ Noi ci vedremo ancora, fosse l’ultima cosa che faccio. Verrò presto dammi solo due anni di tempo e tornerò indietro. Non voglio perderti. Per adesso devo andare perché sono minorenne e sono sotto la loro tutela, ma il giorno stesso dei miei diciotto anni tornerò indietro. ”

La risposta arriva immediatamente

“ Sono solo parole.”

“ Credimi non sono parole! Sono emozioni e speranze. Quel bacio mi ha fatto capire quanto tu sia dannatamente importante per me e quanto io non voglia partire. Sento già il vuoto dentro me e so che quel vuoto è il posto che tu stai lasciando. ”

“Non voglio lasciare quel posto che ho conquistato con il passare degli anni.Allora non posso che aspettare il tuo ritorno e 700 giorni passano velocemente no?”

“ Sì. Spero proprio di sì. E adesso ciao… Sto per salire in aereo. Le lacrime mi stanno tagliando il volto, sento un vuoto che non ho mai provato. Sento il TUO VUOTO che non riesco a colmare. ”

“ Sono qui e aspetto solo te. Torna presto. Ancora non capisco perché sei dovuto andare via.”

Avevamo fatto il check-in e raggiunto il gate. L’hostess di terra mi aveva appena chiesto la carta d’imbarco e io l’avevo mostrata. Mi sentivo come quando un condannato a morte va verso il patibolo: è cosciente di cosa sta per succedere e sa che è ciò che non vuole, ma è obbligato a farlo. Dentro gli si s**tenano tutte le emozioni che ha provato nella vita, i ricordi saltano alla mente uno dopo l’altro, vuole scappare ma non sa come fare e alla fine affronta tutto o per coraggio o per disperazione.
E così anche feci io. Ma ero certo di aver affrontato tutto ciò non con coraggio ma per disperazione .
Presi posizione in aereo e chiusi gli occhi, mi addormentai perché ero piuttosto stanco e sconvolto.
Mi svegliai alla fine del volo, quando più o meno mancavano 30 minuti all’atterraggio.
Appena atterrato l’aereo non avevo ancora realizzato che mi trovassi dal lato opposto del mondo. Subito dopo andammo a recuperare i bagagli e lo zio venne a recuperare noi.
Lo zio Pauly sembrava simpatico e somigliava molto a Martin : aveva solo qualche ruga in più. Era il figlio maggiore, come mi avevano raccontato in passato, aveva lasciato casa all’età di sedici anni circa per inseguire il suo sogno: quello di girare il mondo. La prima tappa fu Sydney e fu anche l’ultima : come spesso accade, si fermò qui perché aveva trovato la donna della sua vita. Con ciò non voglio dire che la amasse ma solo che Martin diventò zio più o meno un anno dopo che suo fratello fosse partito da casa. Erano ormai quasi venticinque anni che viveva lì con la sua famiglia indubbiamente numerosa: escludendo la moglie Mary rimanevano Mark che aveva ventiquattro anni, Sophie che ne aveva venti, Christopher che ne aveva sedici e le due gemelline Clara e Faith di appena cinque anni. Vivevano in una casa piuttosto grande, simile come dimensioni a quella dove io abitavo quando vivevo a Londra e noi avremmo alloggiato nella depandance che era appena dietro la casa fino a quando non avessimo trovato casa migliore. Sistemate le valigie e saliti in macchina, ci diressimo verso casa, che non era molto lontana. Passata circa mezz’ora eravamo a casa: era piccola e non era per niente arredata. Il camion con i mobili e il resto delle cose che non entravano in valigia sarebbero arrivati solo quattro giorni dopo, quindi dovevamo aspettare e accontentarci di ciò che avevamo. Martin sembrava sapere tutto ciò e infatti non aveva fatto traslocare altro che non fosse lo stretto indispensabile. La mia stanza era grande quanto la metà di quella che avevo in precedenza, se non più piccola e soprattutto non avevo due letti. Dopo qualche minuto mi resi conto che non avevo che farmene di due letti : ero solo con davanti una vita nuova da iniziare, mille ostacoli da affrontare e con nessuno al mio fianco. Sistemate le prime cose, dopo aver aiutato un po’ anche Ella e Martin, decisi di conoscere la famiglia dello zio.
Suonai un paio di volte il campanello e Mary mi venne ad aprire. La prima impressione che mi fece fu positiva: mi è sembrata una bonacciona, timida che non riusciva proprio a fare un torto a nessuno . Il suo colore della pelle era molto chiaro, somigliava più ad una svedese che a un’australiana, che di solito hanno la carnagione scura. Era bionda platino e aveva due grandi occhi azzurri.
Mi accolse in casa chiedendomi come fosse andata e mi fece accomodare sul divano. Lo zio Pauly era andato a comprare la cena, mentre i ragazzi, o meglio i miei “ cugini ” , erano ognuno nella propria camera, escluse le Faith e Clara che stavano in cucina con la mamma. Appena avvicinatomi alle bambine per salutarle, mi sorrisero e mi chiesero chi fossi e io risposi loro
-Sono vostro cugino, e sono mi sono appena trasferito qui da Londra.-
- Da Londra? Deve essere una bellissima città.-
- Sì, è veramente bellissima e non volevo partire.-
- Avevi molti amici lì? –
Non risposi, ma non potevo colpevolizzare l’ingenuità delle bambine, rendendole capro espiatorio del dolore che provavo. Per fortuna Mary mi sottrasse all’obbligo di dare la risposta dicendomi
- Ora ti presenterò agli altri cugini…- e urlò – Mark … Chris…. Sophie … scendete! Sono arrivati gli zii da Londra e qui c’è vostro cugino.-
Il primo che scendeva sembrava avere la mia età e perciò dedussi che egli fosse proprio Christopher. Era alto qualche centimetro in meno di me, ma avevamo lo stesso colore di capelli e anche lo stesso taglio. Indossava degli occhiali da nerd, dietro i quali nascondeva duo occhi di colore verde smeraldo. Per quello che potevo notare avevamo lo stesso stile anche nel vestire.
-Ciao Christopher. Piacere Kyle.-
- Ehi Kyle! Chiamami Chris… Come è andato il viaggio?-
- Bene, ho dormito tutto il tempo.-
- Ahaha tranquillo… ora ti faccio svegliare io! In giro in città ci sono delle ragazze che …-
Allora arrivò Sophie che non lasciò che Chris terminasse la frase e si intromise nella discussione in modo piuttosto scontroso verso il fratello - Stai zitto! Sai usare quella bocca solo per dire cose insensate. Da quando sei nato non ho mai sentito uscire da quella bocca una frase che potesse minimamente avvicinarsi al concetto di un periodo grammaticalmente e sintatticamente corretto.- e poi continuò – comunque sono Sophie e guardandoti bene sembri la fotocopia esatta di mio fratello. Meglio tornare a studiare e non perdere tempo.-
Sembrava proprio una secchiona antipatica e speravo che la prima impressione mi ingannasse.
Subito dopo arrivò Mark e devo ammettere che era uguale al fratello solo poco più alto e più muscoloso in quanto andava in palestra dal lunedì al mercoledì e i giorni che restavano, esclusa la domenica, andava ad allenarsi in piscina.
- Non ti preoccupare. Chris e Sophie litigano sempre: lei è troppo perfettina mentre lui è troppo stupido. Non troveranno mai un accordo.-
Sorrisi e lui mi chiese
- Vuoi un po’ d’acqua?-
- No, grazie. Ora vado a casa. Devo ancora sistemare alcune cose e poi vorrei fare una passeggiata in città.-
- Perché non vieni con me e Chris stasera? Usciamo con dei nostri amici.-
- Ok. Ci penserò su, sono un po’ stanco.-
- Sì, ma divertirti un po’ ti farà bene. Ti si legge negli occhi che sei molto triste e hai già nostalgia.-
- Ahah! Forse è un po’ troppo evidente. Comunque ci penserò su.-
- Va bene. Se volessi venire, fatti trovare qui alle nove.-
- Ok. A dopo.-
Sono rientrato a casa e ho sistemato nei cassetti la poca roba che ho. Appena finito decisi di fare una doccia, ma resi subito conto che l’acqua calda non era ancora disponibile, perché non avevo acceso la caldaia. Uscito dalla doccia, letteralmente congelato, mi asciugai e subito dopo cercai i vestiti adatti per uscire. Non avevo molte cose ancora e quindi presi le prime cose che trovai. Sono uscito di corsa dalla camera, pensando che fosse tardissimo, ma arrivato in cucina mi resi conto che erano appena le otto e venticinque. Ella era ancora molto indaffarata nel sistemare ogni cosa e Martin la aiutava. Dovevo chiedere loro il permesso di uscire e allora dissi
-Mamma, Chris e Mark mi hanno chiesto se mi piacesse uscire insieme a loro. Io, sinceramente sento il bisogno di uscire da queste quattro mura e incontrare gente. Posso?-
- Certo che puoi non c’è alcun problema. Me lo avevano già chiesto e io avevo risposto di sì. Dormirai da loro stanotte.-
- Ok. Allora vado.-
- Non è un po’ presto?-
- Sì, in effetti. Sono nella mia camera per un altro po’, se non vi serve una mano.-
- No, tranquillo. Vai.-
Rientrai nella mia camera e presi un foglio per scrivere una lettera a Ben. Non avevo ancora il computer e non volevo usare quello dei miei cugini, perché avrebbero potuto controllare tutte le mie conversazioni. Iniziai a scrivere di getto

“ Ciao Ben,

Sono Kyle e questo è il mio nuovo indirizzo: vedi quanto è distante?
Sono appena arrivato: qui sono quasi le nove di sera mentre lì il sole sta ancora sorgendo.
Ho conosciuto la famiglia di mio zio Pauly e devo dire che sono molto simpatici.
Però anche se tutto sembra normale, c’è una cosa di cui non posso fare a meno : TE.
I giorni sembrano infiniti qui, consideranto che sono qui da poche ore. Non ho nessuno con cui parlare e niente da fare: solo ora capisco quanto riempivi la mia vita.
Ora vado, stasera esco con i miei cugini per cambiare aria e per evitare di deprimermi rimanendo chiuso in queste quattro mura, davanti la televisione con una vaschetta di gelato in mano.
Spero che questa lettera ti arrivi presto e che tu risponda il prima possibile.

Kyle xoxo ”

Piegai la lettera e la ma misi in una busta, in cui scrissi il suo indirizzo: 153 Bradford Road, London. Ora dovevo solo trovare un francobollo, ma erano già le nove meno un quarto e mi diressi verso casa di zio.
Suonai al campanello e Sophie mi aprì la porta dicendo
- Anche tu ti aggreghi alla mandria?-
Sorrisi, ma non risposi e tirai dritto verso la cucina, dove vedevo Chris seduto.
Entrai in cucina e mi accorsi che c’erano altri due ragazzi e Chris subito me li presentò
-Ah finalmente Kyle, stavamo proprio parlando di te. Questi sono i miei migliori amici : Cody e Joey. Frequentano la mia stessa scuola e l’anno prossimo, a partire da settembre, tu sarai con noi. Non vivono molto lontano da qui, infatti sono sempre qui a casa mia.-
- Sono Kyle e ho visto che Chris vi ha già parlato di me, quindi non aggiungo niente.-
Proprio in quel momento arrivò Mark che chiese se fossimo pronti e noi rispondemmo affermativamente.
- Non è che avete dei francobolli?- chiesi io
- Posso controllare in camera, forse ne ho qualcuno.- mi rispose Mark e continuò
- Andate in macchina. Vi raggiungo subito, il tempo che controllo se ho i francobolli o meno.-
-Ok.-
Chris prese le chiavi che Mark gli aveva lanciato e in gruppo andammo verso la macchina. Saliti in macchina Cody incominciò un discorso dicendo
- E tu? Inglese? Come sono le ragazze lì? Come passavi il tempo?-
- Sono abbastanza carine.-
- Che eri solito fare la sera?- chiese ancora
- Non uscivo spesso. Di solito stavo a casa mia con il mio migliore amico.-
- Che noia! Mai una serata in cerca di ragazze?-
- Quasi mai.-
- Noi, invece, quando usciamo, siamo incontrollabili. Ci piace bere nei diversi pub e spesso ubriachi ci ritroviamo a fare cose con ragazze sconosciute. Per fortuna che a fine serata Mark ci viene a riprendere e ci mette in macchina anche se siamo in condizioni pietose.- mi raccontava Cody ma Chris lo interruppe dicendo
- E tu sei pronto a stare con noi stasera? Hai mai bevuto fino a vomitare?-
- Ma perché fate questo? Non potete divertirvi normalmente?-
- La normalità non è per noi! Noi ci divertiamo così e imparerai anche tu.-
- Ah ok .-
La nostra discussione, che sembrava degenerare verso argomenti un po’ imbarazzanti per me, fu interrotta da Mark.
- Tieni i francobolli. Ti hanno spaventato?- mi disse
- No. Non ti preoccupare io alcune volte faccio di peggio. Penso di poter res****re.-
- Perfetto! Allora andiamo.-
Mise in moto la macchina e ci dirigemmo verso il centro della città.
La città non sembrava molto diversa da Londra: stessi blocchi di appartamenti e stessa gente che corre veloce per la strada. Ma non provavo nessuna voglia di vedere quel posto.
Ricordo solo di aver capito che non era il posto per me anche se solo a prima vista e volevo tornare indietro.
La gente parlava con un accento diverso e storpiava le parole e anche al bar mi prendevano in giro, facendo finta di non capirmi. Non parlavano in inglese, ma un dialetto derivato dall’inglese con parole e nomi diversi , pronuncia completamente diversa e grammatica più o meno simile.
Non voglio dire che non ci capivamo per niente, ma che il modo di parlare era diverso.
Posteggiammo vicino ad un pub e scendemmo dalla macchina.
- Kyle, là puoi imbucare la posta.- mi disse Mark indicandomi un bidone blu in lontananza.
- Grazie. Torno subito.-
Imbucai la lettera e raggiunsi gli altri che erano appena entrati nel pub. Volevo dimenticare tutto e andare avanti ma non so se ce l’avrei fatta. Mentre Chris, Cody e Joey si ubriacavano, Mark si sedette accanto a me. Dopo aver preso più di otto cocktail mi disse
-Ora basta! Vuoi ridurti come quei tre?-
- Mi piacerebbe svegliarmi domani mattina e non ricordarmi più niente, né chi sono, né da dove vengo.-
- Non dire queste cretinate. Parlamene! Sfogati!-
- Ok! Ma non giudicarmi.-
Gli chiesi di non giudicarmi poiché è difficile comprendere ciò che in realtà provavo. Risultava difficile anche a me, perché ero cresciuto in ambienti in cui non era possibile neanche solo pensare di poter avere una relazione con una persona dello stesso sesso. Qui in Australia sembra una cosa piuttosto normale e lo stesso accade negli USA, come mi hanno riferito alcuni amici. A Londra, dove vivevo prima, non era ancora del tutto accettato e c’erano molte persone che ti guardavano con aria di disprezzo e disgusto , ma la stituazione è di gran lunga migliore rispetto a quella che vi è in Italia. Conosco diverse persone che abitano in Italia, grazie ai vari social networks, ma quelli con cui ho più contatti sono due : Riccardo, che vive a Torino e Francesco, che vive vicino Brindisi. Riccardo mi ha raccontato che al Nord la situazione è simile a quella londinese, ad eccezione di qualche sporadico atto di violenza nei confronti degli omosessuali. Scendendo più a Sud, come mi racconta Francesco, l’omosessualità non è per niente accettata. Francesco si è sempre battutto per i diritti degli omosessuali, anche essendo eterosessuale, e sempre è stato preso in giro, ma ha continuato questa battaglia perché detesta vedere quanto le persone siano chiuse come mentalità e come continuino a disprezzare queste persone.
Gli raccontai della mia infanzia, di quando Ella e Martin mi vennero a prendere all’orfanotrofio (ma ero già certo che lui sapesse tutto), di Londra e di Ben. Gli dissi proprio tutto. Nel frattempo avevo mandato giù altri cinque o sei bicchieri di vodka. Iniziavo a parlare in modo disconnesso e di ciò Mark si era reso conto. Il racconto lo aveva lasciato basito ma non aveva affatto l’aria di uno che intendeva giudicare. Spezzò il silenzio dicendo
-Kyle per quanto ancora starai seduto al bancone di quel pub a bere drink? Se vuoi cambiare la situazione non bere, alzati e affronta tutti e torna indietro. Bere non servirà a dimenticare e anche se funzionasse dimenticare non serve a niente.
Io vi aspetto in macchina. Quando avete finito venite.-
Quelle parole mi fecero pensare molto, per quanto non avessi la lucidità adatta per farlo.
Le altre cose che successero quella notte non le ricordo nemmeno, perché ero totalmente ubriaco.
La mattina mi svegliai in macchina e vidi che i ragazzi stavano peggio di me. Eravamo ancora sulla strada per casa e mi telefono mi vibrò: era un messaggio di Ben che diceva :

“ In questo momento riesco a vedere la luna, una luna che tu hai già visto. Sta sorgendo ed è tanto luminosa da illuminare la mia camera. Sembra molto vicina e sembra quasi volermi dire qualcosa. Forse tu gli hai già affidato dei segreti, o un messaggio per me. Lo stesso farò io: le dirò quanto sei importante per me. Buonanotte Kyle.”

Non mi sembrava adatto rispondere in quel momento, perché forse avrei solo scritto un testo senza senso. Decisi di rispondere dopo.
Ritornammo a casa ed io entrai a casa , stanco e sconvolto. Le parole di Mark riecheggiavano nella mia mente e adesso ero molto pronto a prendere una decisione. Mi chiedevo perché ogni persona alla quale mi affezionavo spariva dalla mia vita.l Avevo sofferto molto a causa della morte dei miei genitori e solo dopo anni ero riuscito a sorridere di nuovo, grazie a Ella e Martin. Mi sono affezionato a loro , ma Martin mi ha deluso per la sua prepotenza , e anche per questo ho sofferto. Mi ero affezionato a Ben e il destino ci ha voluti lontani. Perché sono sempre io quello che doveva soffrire nelle relazioni di qualsiasi genere?
Durante l’estate che mi separava dall’ingresso nella nuova scuola cambiai molto e anche Ella se ne rese conto. Mi ero fortificato dentro, e non provavo più alcun sentimento. Non volevo più essere fragile perché avevo sofferto abbastanza e non avevo ottenuto niente.Mi piaceva vedere le persone strisciare ai miei piedi e soprattutto più mi volevano bene, più le facevo soffrire. Chi mi voleva bene era come una marionetta nelle mie mani: si muoveva proprio come piaceva a me . Chi non stava con me o era mio nemico veniva schiacciato come un insetto, insultato e portato alla esasperazione, tanto da abbandonare la scuola. Chris, Cody e Joey mi rispettavano, come tutti ed esiguivano tutti gli ordini che davo loro.
C’era solo una persona con cui ero ancora fragile e tenero, mio fratello Zayn. Ella è rimasta incinta poco dopo del nostro arrivo a Sydney e già a Marzo dell’anno successivo Zayn era nato.
Era bellissimo e anche Ben che lo aveva visto in foto lo aveva detto. Il nostro rapporto sembrava essere uguale, come se non fossi mai partito. La scuola era sempre più noiosa e non avevo nessuno che aveva tanto carattere da tenermi testa. Ma qualche mese dopo sei arrivato tu.
Io?- mi interruppe Josh.
-Sì. Tu mi hai aiutato in questo inferno! Ti ricordi di quando ci siamo conosciuti a scuola? Ahaahah è stato fantastico. Entrambi dal preside per aver saltato più volte le lezioni.-
- Ahaha vero!-
- E quando abbiamo bucato le gomme all’insegnante di matematica?-
- Sono stati dei bei momenti.-
Mi fece segno di battere il cinque.
- Wow.. la tua storia è interessante! La mia, in confronto, è piuttosto comune. Ho sempre desiderato avere una via un po’ più movimentata.-
- Ogni storia ha i suoi particolari e ti assicuro che spesso avere una vita movimentata e piena di cambiamenti non è semplice né divertente.-
- E quindi stai per partire?-
- Sì fra un paio di giorni torno in Inghilterra. Martin non ha venduto la casa, quindi mi lascia le chiavi. Loro non vogliono tornare ma io non riesco più a stare qui. E poi li c’è Ben!-
- Ahah! Quindi io sono stato la riserva?-
- Scemo! Io ti voglio bene… Perché non vieni con me?-
- No, grazie! Preferisco stare qui. E poi dovrei fare il terzo incomodo?-
- No! Stai qui.. la tua ragazza si offenderebbe molto se tu partissi.-
-Almeno accompagnami all’aereoporto.-
- Certo che lo farò.-
Mi rimanevano appena quarantotto ore alla partenza. Avevo già sistemato tutto in valigia, avvertito Ben del mio ritorno e preso il diploma, con molta fatica. Salutare Ella, Martin e il piccolo Zayn è stato abbastanza traumatico, ma dovevo farlo.
Josh mi ha accompagnato all’aereoporto e arrivati al momento di salutarci mi ha detto
- Fratello , quando vuoi ritorna! Casa mia è sempre aperta.-
- Come se non avessi la mia! Ahaha .. Ora devo andare.-
Voltai le spalle e mi diressi verso il gate. Mi urlò qualcosa come “fai un buon viaggio” , ma non ricordo esattamente le parole.
Era arrivata la fine del mio soggiorno a Sydney che anche se durato appena due anni mi sembrava essere stato lungo quanto il tempo trascorso in orfanotrofio.
Ero pronto per prendere l’aereo e a lasciare l’Australia. Era stato un bel soggiorno ma sentivo che qualcosa mi mancava e stavo andando a raggiungerla.
Gli ultimi messaggi di Ben erano sempre più freddi, sicuramente perché sono dei testi scritti dai quali non si possono evincere emozioni.
Il volo mi è sembrato molto più lungo rispetto a quello di andata, forse perché non sono riuscito a chiudere occhio.
Appena atterrato a Londra ho gridato “Finalmente a casa!”
La prima cosa che ho fatto dopo avere preso i bagagli è stata mandare un messaggio a Ben

“ Sono finalmente a casa. Stasera non possiamo vederci perché devo sistemare un paio di cose, ma domani non appena ti svegli raggiungimi a casa.”

“ Non so! Ho molti impegni…”

“ Cosa? Sono appena tornato da Sydney dopo due anni e tu mi dici che hai impegni e non puoi trovare un po’ di tempo per me? Il tuo migliore amico?”

“ Scusa. Ma sono davvero troppe le cose che devo fare.”

“ Ok. Io sono tornato quando vuoi cercami.”

Ero un poco arrabbiato, devo ammetterlo, perché non riuscivo a capire il motivo per cui Ben fosse così schivo nei miei confronti.
Ritornai a casa con un taxi poiché nessuno poteva venirmi a prendere.
Ma mentre eravamo distanti da casa mia appena tre isolati, vidi per la strada una faccia che mi sembrava conosciuta. Ma solo qualche secondo dopo realizzai che era Ben. Decisi in fretta di voler scendere dal taxi e infatti chiesi al taxista
- Scusi può accostare?-
- Ma non siamo ancora arrivati a destinazione, manca poco, due o tre minuti.-
- Mi faccia scendere, non si preoccupi. Vado a piedi perché ho bisogno di sgranchire le gambe dopo molte ore di volo. Quanto le devo?-
Pagai e scesi. Presi le valigie e me le trascinai, come fardello pesante. Avevamo avanzato un po’ rispetto al punto in cui avevo visto Ben e quindi dovetti voltare le spalle e ritornare più indietro.
Sarebbe stato meglio non avere voltato le spalle: Ben non era solo e teneva per mano una ragazza. Che scena pietosa vista dall’esterno!
Il cuore mi si era ristretto e stavo per piangere, ma fui capace di trattenere le lacrime. Camminavano ad appena trenta metri più avanti rispetto a me e io li guardavo da dietro, come uno studipo, tenendo la mia valigia. Mi sentivo strano, deluso e tradito. Avevo riposto in lui tutti i miei sogni e il mio futuro, ma li stavo vedendo distrugersi e svanire. Avevo ancora voglia di parlargli, o forse ne avevo anche più di prima: intendevo chiarire tutta questa situazione.
Urlai, con la poca voce che mi rimaneva in gola e che riusciva ad uscirmi, una voce strozzata da un pianto appena trattenuto e stroncata dalla rabbia e delusione che provavo
-Ben!-
Si voltò di s**tto e lo stesso fece la ragazza. So per certo che non aveva capito chi fossi e per esserne sicuro si avvicinò. Lo stesso feci io. Ogni passo che facevo era sempre più marcato e ogni secondo che passava sempre più scandito dalla voglia che avevo di parlargli, di abbracciarlo, di dargli uno schiaffo e caricarlo di insulti. Più vicini eravamo più il cuore mi saliva in gola e mi era quasi impossibile respirare. Quando ci trovammo ad appena qualche metro, mi riconobbe e lasciò la mano della ragazza di s**tto, come se non volesse che io vedessi questa azione. Si allontanò da lei, ma io avevo già visto tutto.
- Kyle! Sei tornato finalmente.-
Lo disse con un tono così spento e povero di emozioni, che mi fece rendere conto di quanto la situazione fosse oramai degenerata e che l’unico cosa rimasta del nostro rapporto fossero i ricordi. Ben non era più la mia metà, la persona senza la quale non potevo vivere, poiché ormai, aveva sostituito la mia figura assente con quella di un’attraente ragazza e soprattutto io non ero più il suo centro, la persona che riempiva la sua vita.
- Questa è Emma.- disse con la voce così spaventata e piena di vergogna che quasi non riuscivo a sentire.
- Piacere, io sono Kyle. Ero il migliore amico di Ben. Ci incontriamo in giro! Ora vado a casa. Sono piuttosto stanco! Ci sentiamo tramite messaggi, ok?-
Non avevo voglia neanche di sentire la risposta: con gli occhi gonfi di pianto mi voltai e mi diressi verso casa. Non sapevo che pensare: ero io lo stupido della situazione perché ero tornato indietro come gli avevo promesso o era lui quello che stava sbagliando?
Mentre camminavo non riuscivo a trattenere le lacrime perché mi passavano in mente i ricordi di tutto ciò che avevamo passato insieme. Quantilitigi e quante riappacificazioni che avevamo passato! E anche tutto quello che era successo il giorno prima di partire, forse, per lui non contava più niente, ma per me era ancora tutto importante. Arrivato davanti alla porta di casa mia, presi le chiavi nella mia tasca e devo ammettere che rientrare a casa è stato come fare un salto nel passato. Vedevo ogni immagine ridisegnarsi nitida nei miei ricordi, ogni sorriso o ogni lacrima. La mia mente era come una tela: lentamente prendeva colore e solo dopo aver finito il disegno di base si disegnavano nitide anche le più piccole sfumature, che erano forse i ricordi che faccevano più male. Lasciate le valigie all’entrata, faccio un giro veloce della casa e mi accorgo che ogni cosa era al suo posto: le riviste aperte sul tavolo e i bicchieri vicino al lavandino. Era come se il tempo si fosse fermato e solo ora tutto riprendesse vita. Sembrava assurdo ma tutti gli orologi di casa segnavano le dodici e trenta, il momento in cui avevamo lasciato casa e ora le lancette avevano appena riniziato a muoversi.
Anche la mia stanza era proprio così come l’avevo lasciata, era tutto uguale: stesso letto, stesso armadio e stessa sistemazione. Ritornai per un attimo bambino, presi quel peluche che non avevo mai toccato e che era messo sopra l’armadio e lo poggiai sul letto. Mi misi anche io sul letto e strinsi forte il cuscino. Mi accorsi di avere sfiorato qualcosa e con la mano la presi. Mi sembrò un appunto, scritto di fretta e piegato in quattro per essere più piccolo e non essere notato. Solo leggendolo mi resi conto di cosa fosse realmente

“ Kyle,
Ti scrivo questo messaggio mentre tu sistemi le ultime cose prima della partenza. Mi sembra piuttosto inutile ripeterti che non voglio che tu parta, ma è tutto ciò che mi viene in mente ogni volta che ti vedo e anche quando mi sei distante, perché ho paura di non rivederti più.
Ieri notte è stata la notte più bella della mia vita, perché per la prima volta ho provato qualcosa di veramente speciale e solo grazie a te. Mi hai aperto il tuo cuore e mi hai dato la forza di esprimere veramente quello che provo per te, che è molto più di una semplice amicizia. Con la tua storia mi hai fatto capire che non c’è motivo di nascondere chi siamo o cosa proviamo realmente, perché forse non ci sarà mai più l’occasione di dimostrarlo. Per queste ragioni ti ho baciato, non facendo nemmeno caso al fatto che domani sarai dall’altro lato del mondo. Ho deciso di vivere quel momento solo irrazionalmente e per due minuti ho smesso di avere paure e preoccupazioni.
Averti accanto mi rende felice e l’ho capito proprio stamattina, appena sveglio. Svegliarmi e trovarmi avvolto dalle tue braccia è stato bellissimo. Anche se vai via non ho alcuna intenzione di perderti e spero nel tuo ritorno.
Anche se lontano, resterai per sempre nel mio cuore e nessuno potrà mai sostituirti.
Non so se leggerai mai questa lettera, ma voglio che tu sia a conoscenza di ciò che provo per te in questo momento: il sentimento più forte che ho mai provato.


Ben”

Questa non l’avevo trovata prima, l’aveva nascosta veramente bene. Aveva ragione sul fatto che forse non l’avrei mai trovata , perché così sarebbe stato se non fossi tornato a casa.
Mi butto nel letto realmente stanco, confuso, perché non riesco più a capire chi sono realmente e cosa provo. Vorrei realmente capire cosa voglio: se voglio vederlo oppure scappare e non rivederlo più. Mi arriva un suo messaggio. Inizialmente ignorai il messaggio ma subito dopo lo lessi

“ Sono felice che tu sia tornato. Ora la luna possiamo anche vederla sotto lo stesso cielo.
La vediamo insieme stasera?”

Non risposi.
In pochi minuti il telefono iniziò a squillare incessantemente, ma vedendo che era lui che chiamava non risposi, perche ciò che aveva fatto mi aveva ferito troppo e non ero ancora disposto ad ascoltarlo, né se fossero state scuse, né se fosse stato un addio.
Rifiutai la decima chiamata in modo da fargli capire che non volevo parlare con lui e subito dopo spensi il telefono.
In un decina di minuti arrivò qualcuno alla porta e suonava insistentemente il campanello. Ero più che sicuro che fosse Ben alla porta, ma scesi lo stesso.
Aperta la porta, senza nemmeno darmi il tempo di salutarlo o cacciarlo, disse
-Posso spiegarti!-
-Non voglio stare ad ascoltare te e le tue bugie. Per favore vai via. Non pensi di avermi già mentito abbastanza?-
Stavo per chiudere la porta quando la blocco con il piede e disse
-Per adesso sto resistendo col piede ma molto presto cederò, ma anche se questa dannata porta che ci separa si chiuderà alle mie spalle, starò qui dietro ad aspettare che tu mi apra. Ricordi cosa ti ho detto? Che non ti voglio perdere e ora che sei qui non ti farò fuggire di nuovo.-
- Non mi aspettare nello stesso modo in cui hai aspettato il mio ritorno dall’Australia. Non voglio vederti davanti casa mia con quella ragazza. Andate a casa tua per fare le vostre cose. Ora leva quel piede e vai via! Non puoi nemmeno immaginare come sono stato male quando vi ho visto insieme. Non sapevo cosa fare, né come reagire, perché ogni cosa che facevo poteva essere sbagliata. Stavo per scoppiare in lacrime perché mi sono sentito tradito. Ora vai via!-
- No! Mai… So che ho sbagliato e lei forse è solo un errore. Avevo bisogno di qualcuno che mi stesse accanto come te. Non riuscivo a sopportare la tua assenza.-
- Anche io non ti avevo al mio fianco, ma non ho cercato nessun altro. Non l’ho fatto perché sapevo che le cose che provavo con te erano uniche e che non le avrei mai potute provare con un'altra persona. Io provavo davvero qualcosa per te e tu hai tradito me e la mia fiducia. E ora al mio ritorno tu avevi troppo da fare per venirmi a salutare… Perché non mi dicevi sin dall’inizio che stavi con lei? Non avrei perso tempo e non sarei tornato.-
- Fammi entrare! Ti spiegherò tutto.-
Dibattemmo ancora un altro po’ fino a quando si arrese e levò il piede. Si sedette dietro la porta e aspettò tutta la notte. Era una notte dannatamente fredda.
Alle cinque del mattino, mi alzai e vidi dalla finestra che lui era ancora seduto dietro la mia porta. Non riuscivo a capire se fosse sveglio o stesse dormendo, ma ricordo che era vestito benissimo: quel look stramaledettissimo che mi aveva fatto innamorare.
Sotto la porta, aveva fatto scivolare un biglietto.

“ Questa è una notte dannatamente fredda e sto cercando di capire cosa posso fare per farmi perdonare. Non mi riconosco neanche io e so di aver sbagliato. Non soffro tanto il freddo, ma il fatto che il mio cuore sia vuoto, perché tu hai deciso di lasciare libero quel posto ed ora non so a chi affidarlo.
Emma? Vale meno di zero. Ho bisogno di te per andare avanti.
Rimarrò dietro questa porta anche ore, giorni, settimane o mesi, non mi importa il tempo che passa, perché non ha senso che io lo viva, senza averti al mio fianco.”

Decisi di aprirgli.
- Come hai potuto?- gli dissi, dopo avergli dato uno schiaffo
- Lo schiaffo me lo merito! Non so come è successo.-
- Ma è successo! Dimmi la verità! Provi per lei ciò che provavi per me?-
- No! Per lei non provo niente rispetto a quello che provo per te, ma non posso lasciarla.-
- Certo! Io ho lasciato la mia famiglia e tutto ciò che ho difficilmente conquistato in due anni per te e tu non puoi lasciare una ragazza per cui non provi niente?-
- Ci starebbe troppo male. E poi con quale pretesto?-
- Le dici la verità. Che tu vuoi stare con me… Cosa c’è di strano? Se tu provi veramente qualcosa per me, non dovrebbe essere così difficile-
-Cosa? Non lo farò mai! Quello che è successo deve rimanere solo un segreto.-
- Se deve rimanere solo un segreto vai fuori da qui! Ti interessi troppo di quello che gli altri pensano di te e per me non va bene. Quando si ama qualcuno, non ti dovresti interessare di ciò che dicono gli altri, perché vorresti che tutti sapessero di chi sei innamorato.Io sono venuto dall’altro lato del mondo fino a qui per te e non mi merito tutto ciò che mi stai facendo. Devo ammettere che non ho detto la vera ragione ai miei genitori, perché non avevo certezze, ma ai miei cugini ho dettto tutta la verita. Se vuoi che io resti solo un segreto e meglio che te ne vai.-
E lo cacciai fuori di casa.
Dopo tutto quello che avevo fatto per la nostra relazione, non era ancora disposto ad ammettere i suoi sentimenti e ad accettare che la nostra era molto di più che un’amicizia e che forse era arrivato il tempo che i nostri genitori lo sapessero. Non erano passati più di cinque minuti, quando gli mandai un messaggio

“ Domani mattina partirò. Tornerò a Sydney dalla mia famiglia, dato che qui non ho nessuno.
Avevo fatto tutto questo per noi. Io mi sono sacrificato molto, ma tu non hai mai contribuito. Addio”

“ Non partire! Ti prego… rimani.”

“ E perché? Non c’è nessun motivo che mi tenga legato qui! E’ vero, provo ancora qualcosa per te, ma non voglio essere il segreto di nessuno.”

“ Rimani qui… fallo per me”

“ Per te? .. Tu non mi vuoi bene e ora che puoi avermi non ti interessa. Vuoi soltanto sapere che io sono disposto a tornare indietro ogni volta come un cane.”

“ No! Non voglio questo!”

“ Invece sì! Io sono tornato solo per te… per abbracciarti ancora e baciarti ancora.”

“ Ed è ciò che faremo… Te lo prometto!”

“ Non voglio essere il tuo segreto o la tua ruota di scorta! Voglio essere la tua priorità!
E non mi importa se non vuoi dirlo ai tuoi. Se lo fai tu lo farò anche io! Dobbiamo solo trovare il coraggio.”

“Giuro che la lascierò e che lo dirò ai miei, ma dammi più tempo.”

“ Non più di una settimana! Vieni a casa… Parliamo un po’… dedichiamoci un po’ a noi.”

“ Arrivo! :)”

Volevo dargli un’altra possibilità, in fondo provavo qualcosa per lui e ci sarei rimasto davvero male se lo avvessi perso per sempre.
Non appena è arrivato a casa lo baciai e lo abbracciai e lui mi disse
- Scusa sono stato proprio uno stronzo! Prometto di non lasciarti mai più!-
- Sì! Lo spero anche io!...-
Mentre continuavamo a baciarci gli squillò il telefono, lo prese e vedendo che la chiamata era di Emma lo lanciò sul divano, sembrava non volerne sapere più niente, veramente questa volta. Qualche istante dopo, dall’ingresso di casa mia, arrivammo sul divano e ci sedemmo sopra il telefono senza nemmeno rendercene conto.
Dopo qualche ora stavamo già parlando, ma continuavamo ad avere il contatto : eravamo abbracciati. Il mio sguardo si perdeva nei suoi occhioni verdi mentre continuavamo ad accarezzarci il viso. La sua testa era appoggiata sul mio petto, sudato e riuscivo ad avvertire il suo respiro affannato. Le nostre mani si intrecciavano, mentre i nostri cuori erano già una cosa sola.
- Perché sei andato via?- mi disse baciandomi
-E perché tu non sei venuto con me?-
- Ok. Basta parlare del passato. Non mi interessa quello che è successo prima ma mi interessa ciò che sta accadendo ora. Ora non ti lascierò andare mai più.-
- E io non mi farò portare via da una ragazza il mio migliore amico.-
- Migliore amico? … Volevi dire fidanzato… -
- Come? Suona un po’ strano ahah –
- Sì è vero, ma adesso ho capito che anche io desidero che la cosa diventi ufficiale.-
Suonò di nuovo il telefono, che ci aveva disturbato per tutto il pomeriggio, ma non capimmo da dove venisse il rumore. Solo dopo qualche minuto ci accorgemmo che si trovava nascosto tra i cuscini del divano. Lo ignorammo per un altro po’, circa mezz’ora, ma poi esausti decidemmo che era opportuno controllare le chiamate e i messaggi
Ben legge ad alta voce :
- Dodici chiamate perse e otto messaggi tutti da parte di Emma ! Suppongo che sia il caso di chiamarle.-
-Fai pure. Ma ricorda che sono geloso.-
Dopo essersi rimesso la maglietta uscì fuori di casa e le chiamò.
Hanno litigato un po’ al telefono, non so per cosa in quanto non ho ascoltato la situazione e alla fine Ben mi chiese
- Posso farla venire ?-
Ed io risposi
- Ok.-
Il nemico stava per arrivare e fra poco Ben avrebbe scelto tra me e lei. Qualunque scelta avrebbe fatto, uno dei due ci sarebbe rimasto male ( e speravo vivamente che quello che non ci sarebbe rimasto male fossi io ).
Suonò il campanello e io andai ad aprirle la porta.
Avevo stampato in viso un finto sorriso che cercai di mantenere anche quando si sedette sulle gambe di Ben e lo baciò.
Non la respinse e ciò non mi piacque per niente.
Li lasciai parlare, e me ne andai nella mia stanza. Dopo qualche minuto andarono via di casa e mi arrivo un messaggio.

“ Vado a casa con lei. Non ce l’ho fatta.”

“ Ok. Hai fatto la tua scelta. Domani parto.”

Stavo realmente male e piangevo. Avevo bisogno di sfogarmi un po’, pertanto andai sotto il capannone della musica, dove vi era ancora il pianoforte. Qualche settimana prima del mio rientro, Martin aveva chiamato una persona per accordarlo, quindi mi misi a suonare. Avevo imparato a suonare durante il mio soggiorno in Australia, e stavo ancora imparando. Come per la chitarra, mostrai subito una grande capacità, ma ovviamente la strada era ancora molto lunga e la meta, che io delineavo nella perfezione era ancora lontanissima.
Mi misi a suonare una canzone di Avril Lavigne, When you are gone ( Quando tu sei via ) e le parole mi emozionavano sempre più, a tal punto che non smisi di piangere nemmeno per un attimo.

Ho sempre avuto bisogno di tempo solo per me e
Non ho mai pensato di aver bisogno di te quando piangevo
E i giorni sembrano anni quando sono solo
E il letto dove dormivi si ha perso la tua forma.
Quando tu vai via conto i passi che fai,
Non vedi quanto ho bisogno di te proprio in questo momento?
Quando sei via ogni, manchi ad ogni pezzo del mio cuore
Anche la faccia che mi sembrava conoscere mi manca
E tutto ciò che ho bisogno di sentire per affrontare ogni giornata e per stare bene è
Mi manchi.
Non mi sono mai sentito così e ogni cosa che faccio mi ricorda di te
E i vestiti che hai lasciato giacciono ancora sul pavimento e profumano di te.
Amo tutto ciò che fai.
Siamo fatti l’uno per l’altro, anche se non qui ma per sempre: so che lo siamo.
Tutto ciò che ho sempre desiderato dirti
Tutto ciò che ho fatto ho dato il meglio di me
Solo per sentirti respirare qui con me.

Era proprio la canzone adatta a tutto ciò che stava succedendo. Sentivo ancora il suo calore sulla mia pelle e respiravo ancora il suo odore, e avvertivo ancora i segni e le conseguenze di quell’incontro. Prima di partire dovevo mettere un paio di cose a lavare e per questo la mattina seguente mi svegliai presto. Il volo era dopo pranzo e quindi avevo il tempo di sistemare tutto. Ben non si era fatto sentire, quindi la sua scelta mi sembrava più che chiara.
Non appena ebbi finito di pranzare, presi la valigia e chiusi casa, questa volta consapevole che non sarei più tornato in Inghilterra. Chiamai un taxi e mi diressi verso l’aereoporto.
Ero così deluso da far fatica a parlare.
Arrivato all’aereoporto Gatwick di Londra andai subito a fare il check-in.
Subito dopo, mentre mi stavo dirigendo verso il gate da cui partiva il mio aereo, mi arrivò un messaggio

“ Ti prego aspetta! Ho fatto un’altra cazzata…”

Era Ben il mittente, ma era anche troppo tardi. Gli risposi dicendo

“ Sto partendo. Scusa ma è troppo tardi. Mi sto già dirigendo verso il gate.”

“ Sono qui al check-in numero dodici. ”

“ Cosa ci fai qui? E soprattutto perchè al mio stesso check-in?”

“ Speravo di trovarti qui. Vieni!”

Tornai indietro e lo vidi lì al check-in con una valigia. Mi avvicinai e gli dissi
- Sei pazzo?-
- Sì! Completamente pazzo!! Di te! Ho deciso che voglio partire con te. Ricordi cosa ho detto? Non ti permetterò di andare via.–
- Zitto! Tu Sei andato via con lei, senza dirmi niente. Mi avevi promesso che saresti stato con me.-
- Sono andato via con lei e siamo andati a casa mia …questo è vero!-
- Non mi serve sapere nient’altro. Grazie. Rispamiami i dettagli-
- Non fare il sarcastico e ascolta... L’ho lasciata e le ho detto tutto davanti ai miei genitori. Mi hanno sequestrato il telefono e mi hanno buttato fuori di casa. Stamattina solo rientrato a casa con la forza, ho preso il telefono e…-
- E ora sei qui con me.-
- Sì!! E voglio partire con te…-
Dopo che Ben aveva fatto il check-in ci dirigemmo velocemente al gate, perché l’aereo stava per decollare. Nelle scale mobili che portavano al gate, Ben mi ha baciato, per la prima volta in pubblico.
Ero felice e tutto sembrava perfetto, ma arrivarono i suoi genitori, che videro tutta la scena.
Suo padre urlò
- Ben torna subito qui. Ultima possibilità di tornare a casa.-
Con loro c’era anche Emma. Povera ragazza… Sembrava amare veramente Ben e io glielo stavo sottraendo: mi sentivo un verme.
Ben doveva scegliere me o i genitori. Mi ha guardato negli occhi con uno sguardo penetrante e proprio così ho capito che aveva preso la sua decisione.
Avrebbe mai potuto fare scelta diversa? Non credo.
... Continue»
Posted by AndrewKyleGay 2 years ago  |  Categories: Gay Male  |  Views: 807  |  
80%
  |  2

Mia madre e i muratori – Il seguito

Ero in macchina. Avevo realizzato che i muratori in realtà mi avevano teso un tranello per rimanere soli con mia madre. Forse non era troppo tardi, quando ero uscito lei era rimasta in bagno e si stava facendo una doccia. Erano solo passati quindici minuti..e visto che lei trascorreva molto tempo in bagno probabilmente era ancora lì.

Appena giunto fuori casa,decisi di parcheggiare l'auto fuori al cancello e continuare a piedi. Non volli entrare dalla porta del principale, così mi incamminai verso il garage. Nel momento in cui entrai sentii delle voci che giungevano dalla stanza affianco...la cantina. Era la voce di mia madre. “Ragazzi non ho capito..qual è il problema?” “Signora guarda...noi mandato vostro figlio per pile,ma ancora no tornato..non possiamo lavorare.” “ Capisco..ma ora cosa volete da me? ”. Non volevo fare una scenata quindi aprii la porta leggermente, ma rimasi subito sconvolto...mia madre era in accappatoio e i due operai erano molto vicino a lei. Quello di colore disse “Signora noi volere fare vedere questo...”. Bum.. fu un attimo..e i due cacciarono i loro cazzi da fuori... Quello di colore era spaventoso, da moscio non era tanto largo ma molto lungo,mentre l'altro era più corto,ma grosso. Mia madre li guardò sbalorditi “ Ragazzi...m-ma c-cosa volete da me..io non posso..mio figlio sarà qui a minuti. Se ci sorprendesse sarei rovinata...”. “Zitta!” disse l'ucraino e le mise la sua mano tra le cosce.. “Guarda come sei bagnata...manco hai visto questi cazzi che ti sei eccitata immediatamente...su non opporre resistenza e inizia a succhiare.” Le diede uno spintone e mia madre fu subito a terra. “O-ok...ma per piacere fate piano” Appena disse questo prese i due cazzi in mano...e li iniziò a segare lentamente.. “Che ben di Dio...mmm...buono questo al cioccolato.” E così cominciò a leccare quello nero..piano piano..partendo dalla base..gli leccava le palle e risaliva. A quel punto io rimasi paralizzato, non credevo ai miei occhi, ma il primo pensiero che mi venne in mente fu quello di prendere il cellulare..e filmare tutto.
Vedevo che mia madre iniziava a prenderci gusto...cercava in tutti modi di ingoiare al massimo quello del nero,ma non ci riusciva. “Vediamo se con te ce la faccio..” Così si girò e ingoio tutto il cazzo dell'ucraino...strozzandosi completamente. Un rivolo di saliva le rimase attaccato alla bocca...lo ripasso sulla cappella e iniziò a roteare la sua lingua.. “Oh si..mmm...che bei cazzi...mmm..slap..mmm” Si stava eccitando sempre di più la troia.. “Ehi..guarda sta puttana..sta colando dalla figa...è tutto bagnato a terra..” “Dai..facciamole una passata di cazzo.”. Detto-fatto. Il nero alzò mia madre e la prese in braccio...lei oramai in preda agli ormoni era diventata un oggetto..aprì subito le gambe e con le braccia si manteneva in equilbrio. Il cazzo del nero era diventato oramai gigante, ma con un colpo solo entrò subito nella figa di mamma. “ AAAhhh...oh..che bello!” La troia continuava.. “Si dai...spaccami tutta dai” L'ucraino per non sentirsi in disparte,salì sul trespolo e puntò il suo cazzo nella bocca di mamma... “ Dai puttana succhiamelo...SUCCHIAMELO!” “ Si dai..voglio che mi vieni in bocca..dai!!” La scena era sempre più sbalorditiva...il nero fotteva mia madre in fica e l'ucraino in bocca... “ Oh si...dai che ora ti do un po' di latte..AAAhhh” Uno spruzzo bianco arrivò in faccia a mia madre..il nero forse schifato la mise a terra...e lei iniziò a passarsi la sborra sul viso..e si leccava le dita. “Oh che bella sborrata...mmm...è pure buona.” Ora la zoccola sorrideva. “ Ehi signora..io non ho finito..” Appena detto questo l'uomo di colore posizionò mia madre su un cartone...a pecora.. “Si dai...continua spaccami la figa..è tutto un bollore” E così iniziò a stantuffare... piano piano..poi con ritmo.. “ Oh sii..dai...è enorme..aaahhh” Il nero tolse lentamente il cazzo dalla figa... ci sputò sopra e lo rimase di colpo nella figa “Ooohh si..continua..continua.” Ora non andava più piano..cominciò a scoparla violentemente...ad un tratto la prese per capelli..con una mano la tirava e con l'altra le palpava il seno... “Oh..vengo...vengo” Ecco che mia madre rantolava come una cagna...il nero si fermò..ma ora e lei a scoparlo..andava su e giù con il bacino..lui allora la prese per la faccia, la girò e le infilò la lingua in gola..fu un bacio lungo e appassionato.. A quel punto lui si alzò di s**ttò..la mise a terra a pancia all'aria e le si sedette con il culo sul petto..iniziò a scoparle la bocca..fin quando non vidi una smorfia sul suo viso ed emise un grugnito “Ogrrhhh”. Era venuto. Non riuscivo a vedere mia madre perchè era distesa..ma appena si alzò sgranai gli occhi...la mia mano tremava...mia madre aveva il viso completamente coperto di sborra...gli occhi chiusi le si stavano quasi attaccando.. “Oddio quanta ne hai fatta...” La sua lingua roteava tutta intorno al viso, cercava di raccogliere quanta più sborra possibile con le mani e se la portava tutta in bocca.. “Mmm pure questa è ottima..certo voi neri sapete proprio produrne tanta..ma da quanto non venivi?” Il ragazzo rideva..ma il collega ucraino che per tutto il tempo mi aveva dato le spalle, immobile e muto ora si era girato verso mia madre..con uno sguardo serio..guardai in mezzo alle sue gambe..il suo uccello era di nuovo grosso e duro.. “Ehi puttana italiana..io non ho ancora finito...è arrivato il momento del tuo culo.” Mia madre lo guardò terrorizzato... “No ti prego..il c-culo n-no..li sono vergine e il tuo cazzo è troppo grosso...” Iniziò a piangere...lui rideva “ Ahahah non essere ridicola..” E si sputò sulla cappella.. la prese per i capelli e le infilò due dita in bocca. “Ora farai quello che ti ordino.” “N-NOOO..vi prego..” “Chiudi la bocca,tanto nessuno ti sente” Stavo per intervenire quando pensai... “Questa troia se l'è cercata...” Ed ecco che l'operaio le dette uno schiaffo..la mise a pecora..e iniziò a leccarle il buco culo..poi ci infilò un dito dentro..poi due..e continuava a sputarci sopra...ad un tratto si annuso le dita...si alzò e la penetrò duramente.. “Oh..oddio..t-ti prego fai piano..” Le dette un altro colpo..ed un altro ancora...e ancora. L'espressione del viso di mia madre cambiò..da dolore sembrava cominciasse a provare piacere...chiuse gli occhi...e non urlava più...abbozzò quasi un sorriso.. “Ohh..mmm..non credevo fosse così..oh...dai così..accellera..” L'ucraino a quelle parole ci dette sempre più dentro “Come caldo tuo culo troia...ti sta piacendo vero?? Adesso te lo rompo..” Le stava proprio pompando il culo...mia madre nel frattempo iniziò a toccarsi la figa..si stava sgrillettando... “Si...SI!! Dai vengo tutta..è bellissimo..oh si..dai..” Si tolse le dita dalla figa e iniziò a leccarsele.. a quella visione il nero le si mise davanti e iniziò a fotterla di nuovo in bocca. Poi i due si scambiarono di posizione e l'ucraino dopo averla fottuta in gola esplose con un ulteriore orgasmo.. “ AAAAHHHH..DAI TROIA BEVI!” “Sii dammene ancora...” Mamma oramai era schiava di questo triangolo sessuale...sentiva il ragazzo di colore ansimare sempre più forte “Ti prego vienimi nel culo..” Non se lo fece ripetere due volte..e venne anche lui. Mamma cadde a terra..rabbridiva..rimase ferma un paio di minuti...non riuscivo più a vederla...poi si alzò..raccolse l'accappatoio..e salì le scale. I due operai erano ancora nudi,sudati e sporchi..si sorridevano...ed io ero ancora fermo lì..immobile. Dopo essersi rivestiti...cominciarono di nuovo a lavorare. Decisi di entrare. “ Ehm..scusate il ritardo..sapete io e il commesso della ferramenta non riuscivamo a capire come si fosse rotta la torcia...alla fine abbiamo notato che mancavano le pile..che idioti che siamo stati...” I due scoppiarono in una grassa risata “No fa niente ragazzo...mille grazie lo stesso.” “Ehi,ma siete sporchi e sudati..prendetevi una pausa su...io vado ad avvertire mamma che sono tornato..eccovi comunque la torcia.” Salii le scale e capì che amavo vedere mia madre scopata da altri uomini.... Continue»
Posted by belloed 2 years ago  |  Categories: Anal, Mature, Voyeur  |  Views: 2131  |  
77%
  |  2

esperienza con bull

Esperienza con bull

A tutto avrei pensato ma non a quello che è successo.
Il nostro matrimonio non andava bene eravamo in crisi e una coppia nostra amica ci confessa che anche loro avevano avuto un periodo brutto in cui pensarono come noi di separarsi.
Poi lei incontro tramite internet un bull cosi disse e d’accordo con il marito iniziarono a frequentarlo e a fare sesso con lui. da allora vivono felici e contenti
Io non ero d’accordo, mia moglie invece mi disse proviamo oppure ognuno per la sua strada. Cosi decidemmo o meglio decise di provare. Tramite un sito internet entrammo in contatto con diversi bull , ne scegliemmo uno in un’altra regione per motivi di sicurezza non volevamo uno vicino che poi sarebbe stato difficile da gestire se non ci fosse andato a genio.
Prima dell’incontro tramite telefono ci spiegò quale era la modalità, ci disse che sarebbe stato lui a decidere tutto, noi dovevamo sottostare ai suoi voleri.
Il bull poteva ospitare cosi ci prendemmo una settimana di ferie e d’accordo con lui ci presentammo a casa sua una cittadina molto piccola e il villino fuori città.
Eravamo abbastanza eccitati dalla situazione, dopo le presentazioni ci chiese se eravamo sicuri di quello che stavamo facendo perché una volta iniziato quel gioco lui sarebbe andato fino in fondo, sarebbe stato lui a decidere cosa fare quel periodo mia moglie era di sua proprietà nel senso che era lui che la gestiva come voleva. Lui èra il toro (bull) e lei la vacca
Ci guardammo in faccia io e mia moglie e lei disse che eravamo d’accordo. Allora lui tiro a se mia moglie e la bacio in bocca mia moglie dapprima rigida poi, si sciolse e contraccambiò. Mentre la baciava, le mise le mani sul sedere e tenendolo girato verso di me le alzò la gonna le afferrò le chiappe e palpandole mi guardò in faccia e disse ora questa troia me la sbatto io cornuto vedrai come la sfondo, la scopo e inculo come una vacca da monta e vedrai come gode.
Stavo per alzarmi ma lui prevenendo mi disse ti avevo avvertito che sarei stato il suo padrone non prendertela il gioco è cosi ognuno a il suo ruolo. vedrai alla fine ti sarai divertito anche tu, quello che dico o faccio serve a eccitare tutti e lei sarà quella che ne godrà di più ma anche tu sarai alla fine appagato.
Insomma mi rilassai e guardavo quelle mani che palpavano il culo di mia moglie le dita che entravano nella sua fica ormai bagnata e i suoi lamenti.
Lui mi guarda e continuando a palparla mi ricordava che era mia moglie che era la sua vacca da monta e lui il bull che se la montava.
La chiamava troia, puttana, vacca, mignotta, bocchinara etc., gli diceva queste cose e guarda me per umiliarmi.
Poi ordino a mia moglie di spogliarsi nuda, lei obbedì e in pochi secondi fu nuda tra le sue braccia. Gli mise le mani sulle spalle e la spinse in basso dicendo succhiamelo troia, vidi mia moglie abbassarsi afferrare con le mani il cazzo di quell’uomo che ora era diventato enorme come lo aveva descritto, era lungo e grosso, mia moglie faceva fatica a prenderlo in bocca, ma iniziò a leccarlo e a ciucciarlo lui mi guardo e disse è proprio una troia tua moglie, una vera vacca.
Vedrai mi disse questa settimana te la scopo in tutti i buchi e ne farò la più grande troia mai conosciuta, vedrai avrà i buchi cosi aperti che sarà disponibile a farsi sbattere da tutti. La sera stessa dopo averla scopata lubrificandola bene le infilò il cazzo nel culo fino alle palle facendole anche male, si lamentò molto durante la penetrazione e non poteva essere diversamente il suo cazzo era molto lungo e largo. Ma alla fine il culo di mia moglie cedette sotto la sua spinta che con aria trionfale mi disse ora ho rotto il culo a tua moglie, sei contento cornuto?
La riempi di sborra e si fece pulire il cazzo con la lingua, poi mi disse vuoi leccarlo?
Dissi di no con la testa e lui lo infilò in bocca a mia moglie che lo ripulì ben bene.
I primi due giorni mia moglie li passo praticamente nuda come del resto gli altri. Pronta a soddisfare le voglie del bull, che erano le più svariate, dal farla mettere a pecorina e infilargli il cazzo nel culo con forti affondi per passare ad aprirgli la fica con le mani dal infilargli il cazzo in bocca a infilargli il dito in culo o nella fica, dal farsi leccare le palle al farsi leccare il culo, quando le passava vicino, le metteva le mani dappertutto e la apostrofava sempre molto gentilmente trattandola da troia. Furono giorni in cui non mi fu permesso nemmeno di toccarla avevo il cazzo gonfio dall’eccitazione ma non potevo sborrare tranne che la notte quando ero solo in camera. Si in camera dormivo solo mentre lei stava a letto con lui nell’altra camera e li sentivo scopare e mi masturbavo pensandoli.
Al mattino del terzo giorno a colazione disse a mia moglie oggi ti presento agli amici va a prepararti vestiti con quello che trovi sul letto, naturalmente niente intimo. Vai vacca poi rivolto a me dice oggi la tua cara mogliettina farà il pieno di cazzi e tu rifatti gli occhi e fai le foto tieni, e mi porse una macchinetta fotografica digitale, mi raccomando anche i dettagli della puttana poi ti suggerisco anch’io cornuto.
Mia moglie disse che non voleva farsi scopare dagli altri ma lui la apostrofò in modo intimidatorio dicendole di stare zitta e fare quello per cui era lì cioè la troia, la vacca del bull, gli affibbio una sculacciata lasciandogli i segni delle cinque dita sul culo e la mando a vestirsi. Il tempo che lei Sali al piano di sopra e suonarono alla porta erano due ragazzoni che appena entrati guardandosi attorno dissero la vacca dove sta?
Lui m’indico dicendo questo è il cornuto la vacca tra poco scende mi strinsero la mano e uno di loro mi disse ti piace leccare la sborra dalla fica di tua moglie? Dissi di no e lui mi disse beh dovrai fartela piacere perché quando la riempiremo, di sborra te dovrai ripulirla da bravo cornuto. Dissi ancora di no che non volevo ma anche l’altro intervenne dicendo che lo dovevo fare e basta stava per intervenire anche il bull ma dalle scale apparve mia moglie si girarono a guardarla era vestita come una puttana mini cortissima che lasciava tutto il culo scoperto, una maglietta attillatissima e stivali a coscia. I due restarono a bocca aperta ed esclamarono mamma mia che troia.
Intanto il bull mi si avvicina e mi dice guarda che lo sperma che esce dalla fica e dal culo di tua moglie dovrai leccarlo capito? Ti avevo avvertito che ero io a dire ciò che si fa o no quindi preparati cornuto a ripulire i buchi di tua moglie dalla nostra sborra.
Poi andò verso mia moglie e tirandola verso gli altri per un braccio disse ecco la vacca da monta che ne pensate?
Uno dei due disse c’è poco da pensare e passandosi la mano sulla patta disse dai troia inizia.
La misero in mezzo la fecero abbassare e iniziarono a infilarle i cazzi in bocca mi dissero di fotografare e iniziai a farlo mia moglie ciucciava ed io fotografavo avevano cazzi davvero grossi come li aveva descritti il bull, erano della stessa portata del suo circa.
La fecero tirare su, poi la fecero poggiare a pecorina al tavolo e iniziarono a montarla cosi dissero. Affondavano il cazzo nella sua fica con colpi possenti facendo sbattere le palle sul suo culo le ripetevano continuamente che era una vacca da monta e come tale doveva essere al loro servizio.
Il primo di loro che la montava ansimando annuncio che veniva e rantolando schizzo il suo seme dentro la sua fica. La fece restare piegata a pecorina e prima di sfilarlo mi disse dai fotografa guarda che buca che ha al posto della fica, feci diversi s**tti poi l’altro mi disse senza possibilità di essere frainteso ora ripulisci la fica di questa vacca di tua moglie dalla sborra, che devo montarla anch’io.
Mi afferrò per i capelli e mi spinse in basso, verso la fica di mia moglie che iniziava a colare liquido seminale. Poi facendomi aderire alla sua fica mi fece sporcare il viso di sperma e sotto i loro ordini iniziai a malincuore a leccare la fica sporca di sborra, non aveva un sapore cattivo anzi non sapeva quasi di niente era solo appiccicaticcio ma con diligenza e sotto i loro ordini la ripulii bene cosi dissero. mi diedero una pacca sulla spalla dicendomi bravo e facendomi togliere dalla fica di lei. Cosi ripresi la macchina fotografica e sotto i loro ordini ripresi a fotografare mi ero eccitato tanto che uno di loro mi guardo e disse che fai cornuto ti ecciti? Bravo ma non sporcarci sta attento con quel pisellino.
Venne copiosamente nella fica di mia moglie anche l’altro e cosi tornai a ripulire la fica dalla sborra, poi la presero insieme tutti e tre e le riempirono ben bene tutti i buchi fica culo e bocca, la parola più dolce uscita dalle loro bocche fu troia rotta in culo, la più usata vacca da monta.
s**ttai molte foto, una volta scaricata la loro sborra dentro e addosso a mia moglie io ripulii la fica di mia moglie con la lingua e lei i loro cazzi.
Poi tutti sotto la doccia e infine tutti in piscina nudi, tranne me naturalmente.
Mia moglie era provata distrutta ma la vedevo raggiante, quella massiccia dose di cazzo le faceva bene, rideva e scherzava nella piscina, afferrava i loro cazzi ormai mosci e li tirava come elastici ridendo e istigandoli a riprendere la monta, quando il bull gli disse di stare tranquilla che dopo pranzo avrebbero ripreso la monta lei disse se non ce la fate più mi faccio scopare da mio marito. Una forte sculacciata la colpi sul culo mentre usciva dalla piscina era il bull che le disse ascolta vacca tuo marito non deve neanche provarci a usare il cazzo, sei di mia proprietà questi giorni capito troia, sei una vacca perciò vieni e lasciati mungere, la prese per i capezzoli e la tirò a se facendola diventare rossa dal dolore e dalla vergogna, non era abituata a essere trattata cosi.
Dopo la doccia e naturalmente nudi mangiammo e alla fine mia moglie fu fatta sdraiare sul tavolo con le gambe aperte. uno a uno iniziarono a leccarle la fica fino a farla sbrodolare assaporarono i suoi umori, poi la lasciarono in pace ma doveva restare a disposizione nuda e pronta all’uso.
Si addormentarono ed io mi avvicinai a mia moglie. L’odore del sesso che emanava, era forte e mi fece eccitare, lei guardo i tre che dormivano e senza far rumore mi fece un bocchino con ingoio da svuotarmi le palle, appena in tempo che il bull si stava risvegliando e come un toro guardo mia moglie e le ordino di andare da lui appena vicina gli fece aprire le cosce e infilò un dito nel suo culo poi una sculacciata e l’ordine di sedersi sul cazzo di lui con il buco del culo, mia moglie obbedì si abbasso con il foro del culo sulla sua grossa cappella e faticosamente facendo smorfie di dolore non era ancora in grado di prenderlo di colpo come voleva lui s’impalò sul suo cazzo fino alle palle lui la incitava a fare su e giù e lei obbediente eseguiva.
Poi anche gli altri si svegliarono e come presi da un raptus saltarono addosso a mia moglie e la penetrarono con decisione e anche un po’ di violenza fra parolacce e mugugni vennero di nuovo copiosamente dentro e addosso a mia moglie. la apostrofarono ancora con l’appellativo di vacca da monta e dopo essersi fatti ripulire la cappella e il cazzo dalla bocca di mia moglie salutarono e se ne andarono.
Dopo cena il bull ordinò a mia moglie di andare in camera e di aspettarlo. Lei obbediente salutò .
Andata via mia moglie mi offri un bicchierino di grappa e poi mi disse ti è piaciuto come abbiamo montato la vacca di tua moglie? Io risposi si siete stati bravi e lui visto come è elastica non tutte sono in grado di prendere cazzi cosi robusti invece lei li ha presi anche nel culo, complimenti è una vera troia la tua mogliettina.
Sorseggiammo la grappa poi mi disse domani la tua signora avrà una grossa sorpresa molto grossa cosi vediamo quanto è aperta ed elastica.
Ora va a dormire cornuto e fatti una bella sega cosi scarichi le palle, buona notte e si ritirò in camera con mia moglie.
Anche quella mattina non la fece vestire scesero giù insieme, lui in calzoncini e lei nuda appena furono vicini disse a mia moglie vieni qua girati e facendola piegare con il culo verso di me mi fece notare come il culo fosse occupato da un grosso pene finto e mi disse questa notte gli ho messo in forma il culo cosi è pronta per la sorpresa, l’aveva fatta dormire con quel grosso cazzo finto nel culo.
Per tutta la mattinata la fece stare nuda, ogni tanto le roteava il cazzo finto nel culo. Verso le 11,30 arrivo un ragazzone nero, alto circa 190 con un sorriso a 360 gradi, e salutato dal bull si diresse verso mia moglie. La prese in braccio, la distese sul tavolo le sfilò il cazzo finto e affondo la bocca tra le sue cosce, poi tirandosi su si calò i calzoni e gli slip tirando fuori un cazzo enorme 28 cm x 18 di circonferenza. Il bull mi fece avvicinare per mostrarmi come fosse aperta mia moglie, cosi quando la grossa cappella si posò sulle grandi labbra di mia moglie lei ebbe un sussulto ma era ormai talmente aperta e lubrificata che anche se con un po’ di pressione da parte di lui entrò abbastanza facilmente solo la profondità faceva tremare mia moglie quel cazzo era davvero lungo. Dopo aver affondato il cazzo tutto fino alle palle dentro la fica di mia moglie il ragazzone si fermo per abituare mia moglie alla presenza dirompente di quel cazzo, lui guardava mia moglie in faccia e lei guardava lui, mia moglie sudava non dal caldo ma dal dover sopportare quell’arnese nella sua pancia, era grosso ma non poteva sottrarsi cosi piano piano lui inizio a far andare quel bastone avanti e indietro dapprima piano poi sempre più velocemente. Mia moglie sudava e gridava frasi tipo piano per favore mi stai sfondando, ma lui continuava a fotterla con vigore il bull incitava il nero a spingere a sfondare la fica di quella vacca e lui spingeva e mia moglie gemeva poi piano piano mia moglie ormai esausta ma lubrificata dai suoi umori copiosi non avvertiva più dolore ma iniziava a godere e anche lei ora lo incitava a fotterla.
Alla fine venero copiosamente tutti e due lui dentro la fica di mia moglie e lei attorno al suo cazzo gonfio.
Esausti per la cavalcata si abbandonarono uno sull’altra lui la bacio in bocca e lei ricambio muovendo la lingua dentro la sua.
Poi lui si tolse da sopra mia moglie che scese dal tavolo e si diresse al bagno.. Nel frattempo il ragazzone continuava a massaggiarsi il cazzo e ha commentare la prestazione di mia moglie d’accordo con il bull si preparava ad incularla e descriveva come l’avrebbe fatto. Naturalmente spiegava con parole gesti, mia moglie tornò poco dopo sempre nuda si avvicino sculettando sapendo di essere lei la vincitrice quel cazzo cosi grosso aveva trovato una fica più grande

Il bull e il nero l’abbracciarono dicendo sei proprio una grandissima vacca la più grande, una fica davvero magnifica, poi la mano del bull si poso sul culo di mia moglie e disse ora te lo metto nel culo mia bella troia.
Mia moglie li guardo poi guardo il cazzo del nero e disse no mi spiace è troppo grosso non ce la faccio. Il bull disse dai non fare la stronza vieni qua e le indico il tavolo. Lei disse ancora no, e allora la presero e la sdraiarono sul tavolo il bull le alzo su le gambe mettendo in mostra il culetto di mia moglie il nero si avvicino e puntò la sua cappella sul buco del culo di mia moglie che si dimenava non voleva chiamarono anche me per tenerla cosi mentre la tenevo lei mi disse sei un cornuto e si lascio andare, lui inizio a spingere la cappella sul suo buco del culo il bull fotografava ed io guardavo mia moglie rassegnata che stringeva i denti e si mordeva le labbra.
La cappella di lui spingeva sul buco che si dilatava, era enorme ne vidi metà dentro ma anche spingendo non riusciva ad entrare.
Lui dopo vari tentativi si tiro indietro, e alzandole le gambe si avvicino con la bocca al culo di mia moglie. Tenendolo aperto gli sputo dentro 2-3 volte . poi ripunto deciso la cappella nel buco e questa volta fra grida strozzate di mia moglie e grida di incitazioni del bull vedevo il cazzo farsi largo in quel buco che si apriva sempre di più dandomi la sensazione che si strappasse e invece passata la cappella improvvisamente sprofondò tutto il resto dentro fino alle palle. E questa volta sotto l’incitazione del bull l’inculata inizio di gran carriera le lacrime di mia moglie però dimostravano che quel cazzo era davvero grosso poco dopo sentii lui che rantolava dicendo vengo puttana vengo ti riempio il culo troia e sborrando come un cavallo tremante scarico nel culo di mia moglie tutto ciò che aveva dentro i coglioni cosi disse. Il bull fece molte foto e volle fotografare anche quando il negro tolse il cazzo dal suo culo dolorante era aperto in modo sconcio una galleria, pensai non potesse più richiudersi. Nei giorni successivi la portò anche a battere ne aveva fatto una troia e cosi me la riconsegno il giorno della partenza.
Trovai mia moglie la mattina fuori dalla sua camera vestita normalmente come quando eravamo arrivati ma scesi in sala prima di andare lui pretese che si togliesse le mutandine la fece piegare in avanti e le infilò nel culo un cazzo finto fatto a cuneo dicendo di tenerlo fino a casa poi le fece baciare il suo cazzo e ci salutò dicendo spero vi siate divertiti. Venite a trovarmi quando volete. rispose mia moglie sarà un piacere a presto. Non pensavo che mia moglie fosse cosi troia.
Non è vero che le misure non contano almeno per le troie come mia moglie.
Datas



... Continue»
Posted by datas19 1 year ago  |  Categories: Group Sex, Hardcore, Mature  |  Views: 825  |  
100%
  |  1

LA MIA FAMIGLIA......APERTA - Capitolo 6

Laura, l'amica di mia sorella

Mangiammo in fretta e poi ognuno in camera sua mentre mamma torno' in ufficio.
Mia sorella e la sua amica erano chiuse in camera, quindi ne approfittai per navigare un po' in internet alla ricerca di qualche video hard.
Mi piacevano molto quelle con le inculate e la relativa sborrata sul culo. Ne trovai uno con un negro che inculava una donna bianca appastanza corpulenta.
Il cazzo del negro, enorme, faceva fatica ad entrare nel buchetto, ma poi una volta entrato, la donna gridava di piacere mentre lui pompava dentro e fuori.
Avevo gia' il cazzo duro, lo tirai fuori dai pantaloni e cominciai a masturbarmi.
Ero molto eccitato e stavo quasi per venire, quando sentii bisbigliare e ridacchiare dietro la mia porta socchiusa.
C'era mia sorella e Laura che mi guardavano. Quando mi girai sparirono e si rifugiarono in camera di Claudia.
Senza farmi sentire, andai verso la sua camera e mi avvicinai alla porta.
- Avevi ragione, tuo fratello ce l'ha proprio grosso - disse Laura. - un bel pisello - aggiunse
- Si, ma devi sentire che sensazioni quando te lo mette dentro......mmmhhh mi fa morire.....! - preciso mia sorella.
- Senti, perche' non lo provochiamo un po' - disse Laura.
- Si dai, ci divertiamo - concluse Claudia. Le vidi sollevare il vestitino e togliersi tutte e due le mutandine.
Andai nella mia camera senza farmi sentire. Mi misi a studiare.
- Giorgio ti va di giocare un po' - disse Claudia.
- A cosa - risposi io
- Al gioco della bottiglia e delle penitenze. - escalmo Laura.
- Ok bambine,- pero' poco perche' devo studiare e anche voi mi pare che dobbiate farlo.
Ci mettemmo seduti per terra con le gambe incrociate. Il vestitino di Laura si sollevo un po' facendomi intravedere la sua fichetta coperta da una leggera peluria. Feci finta di niente.
Mia sorella giro' la bottiglia che si fermo davanti a me.
- Mi devi dare un bacio sulla bocca, Giorgio - disse
Non la feci aspettare mi chinai verso di lei e la baciai. Il mio cazzo ebbe un sussulto e comincio' a crescere.
Se ne accorsero tutte e due perche' si guardarono negli occhi e risero.
Laura giro' la bottiglia, che si fermo' di nuovo davanti a me.
- Oggi tocca sempre a te. - disse Claudia - Allora prendi Laura, mettitela sulle ginocchia e falle fare quel gioco che mi facevi da piccolina, cioe' la fai andare avanti e indietro con le braccia come sull'altalena. - aggiunse
Laura mi venne sopra, apri' le gambe e si sedette sulle mie ginocchia con la faccia verso di me.
Le presi le mani e poi le diedi una spinta all'indietro e una in avanti dondolandola.
Ad ogni spinta all'indietro, avevo una splendida vista della sua fichetta, mentre quando tornava su, la sua fica andava a posarsi proprio sul mio cazzo che lei sentiva chiaramente perche' indossavo solo un paio di pantaloncini da ginnastica.
Uno....due.....tre....quattro.....contavo e guardavo tra le sue cosce, mentre lei mi guardava negli occhi. Mano mano che andavamo avanti e indietro sentivo le sue mani stringere sempre di piu' le mie.
Cinque.....sei.....sette.....cominciavo a vedere che la sua fichetta era leggermente umida, infatti aveva lasciato una piccola macchia sopra i miei pantaloni.
Otto....nove.....dieci......aveva la faccia un po' stralunata e mi fissava.
La sollevai e lei torno' al suo posto.
- Perche' non facciamo una versione un po' hard del gioco - dissi io
Non feci in tempo a dirlo che tutte e due risposero subito di si.
- Bene - conclusi - allora chi gira la bottiglia dara' la penitenza a quello a cui tocca-
Toccava a me girare la bottiglia, la girai e si fermo davanti a mia sorella.
- Cara Claudia, devi darmi un bacetto sul mio pisello.....- dissi
Mia sorella non se lo fece ripetere, mi venne vicino, sposto i pantaloncini e tiro' fuori il mio cazzo bello duro.

Avvicino la sua bocca alla cappella e quando fu vicinissima invece di baciarlo, apri' la bocca e se lo infilo' dentro.

Lo succhio' per un attimo e poi lo lascio'. Guardai Laura che si leccava le labbra, ma non dissi niente.
Claudia giro' la bottiglia che si fermo' davanti a me.
- Giorgio, devi fare a Laura quello che hai fatto a me ieri sera all'inizio.....ti ricordi? - disse
- Certo che mi ricordo - risposi
- Che cosa e' ? - chiese Laura.
- Non ti preoccupare e' una sorpresa - aggiunse mia sorella.

(continua)
... Continue»
Posted by jeipei 2 years ago  |  Categories: Fetish, First Time, Taboo  |  Views: 1035  |  
100%

Al Depot con mia moglie

C’è un locale a Milano, in una traversa di Viale Monza. Si chiama D**** e normalmente è un locale per gay. Il lunedì sera, però, vi viene organizzata una serata bisex, e uomini e donne si ritrovano a vagare per il suoi meandri in cerca di curiose o più o meno piccanti avventure. E lì decisi di portare mia moglie, la dolce e carnosa fanciulla ucraina che oggi chiamerò Masha e che vedete in questa foto rubata. Era passato più di un anno da quando si era conclusa la lunga serie di incontri conseguenti all’avventura nel bar del paese in cui abitavamo, a sua volta derivata dalla mia folle perversione di offrirla ad un mio amico. Masha ogni tanto si era concessa delle scappatelle, lo sapevo e mi andava bene, ma era altresì consapevole che prima o poi sarebbe arrivato il momento di qualcosa di pesante per lei. Decisi di portarla al D****, e quando glielo dissi, descrivendole il tipo di locale, l’unica reazione che lei ebbe fu chiedermi come avrebbe dovuto vestirsi. “Mettiti più provocante che puoi, con trucco pesante e volgare” le dissi. Lei, come sempre, accettò passivamente. Era parte del gioco: io il padrone, lei la schiava che si sottomette alle mie perversioni. Faceva tutto questo per amore! Si rendeva conto che l’avrei portata in un luogo simile per darla in pasto ad ogni tipo di maschio, che la mia eccitazione per questa situazione sarebbe stata fortissima, e ciò la rendeva felice di accontentarmi.
Che poi lei potesse arrivare a provare piacere o meno, beh, questo era secondario! Lunedì sera, ore 21.45, siamo pronti per uscire. E’ incredibile come Masha sappia mutare aspetto secondo le circostanze: può essere una donna di altissima classe, elegante, raffinata, attraente ma molto castigata, e poi, come stasera, può diventare la più volgare delle sgualdrine… i lunghi capelli castani arricciati in boccoli stretti che le circondano il viso ricadendo sulle spalle nude, un corsetto di pelle con ampia scollatura che le lascia scoperte le braccia e non copre l’ombelico, le gambe dalle cosce carnose completamente in vista a causa di una minigonna cortissima fasciate da calze a rete nere, scarpe nere con poco tacco e un pesante rossetto scarlatto che mette fin troppo in evidenza le sue splendide labbra voluttuose. La ammiro per qualche istante, lei mi domanda “Vado bene così..?”. “Sei perfetta amore… una splendida puttana!” Lei mi sorride e aggiunge: “Mi sono anche depilata, ho fatto bene?” “Hai fatto benissimo… ora andiamo troia!” In macchina non parliamo, lei guarda fuori dal finestrino. Una volta sola sono io a rompere il silenzio: “Devi farti scopare da
chiunque stasera, chiaro?” “Sì…” “Non rifiutare niente, nemmeno la sodomia, intesi?” “E’ un po’ che non lo faccio quello… farà male…” “Cazzi tuoi… se qualcuno vuole incularti tu ti fai inculare, chiaro?” “Va bene… ti obbedisco come sempre… amore…” “Brava” poi, dopo una pausa, aggiungo: “E voglio che ricevi lo sperma, ovunque, anche dentro”. “D’accordo…”. Masha rimane in silenzio fino all’arrivo; parcheggio a pochi isolati dal locale, la prendo per mano e ci avviamo. Entriamo al D**** che sono quasi le dieci e mezzo, ma di gente ce ne è già parecchia. Paghiamo l’ingresso, poi passiamo al bar per un veloce drink, e quindi scendiamo le scalette verso la zona più underground, dove stretti
corridoi in penombra coi miri verniciati di nero sono illuminati da piccole candele rosse. Molti camerini sono già popolati di persone di ambo i sessi che si lasciano andare ai loro sogni erotici. Una signora di mezza età adocchia Masha e le rivolge un cenno. Lei mi rivolge uno sguardo interrogativo, per sapere come deve regolarsi. “Ignorala, tu stasera devi essere piena di uomini” le dico. Ci rendiamo conto che due ragazzi ci stanno seguendo da quando eravamo al bar… le cingo la vita con un braccio e la trascino in un camerino, avendo cura di lasciare la porta aperta, e lì iniziamo a baciarci con passione. I due ragazzi ora sono proprio davanti a noi, si vede che sono molto interessati a mia moglie… si danno di gomito quando io le infilo una mano tra le cosce dove so che non ci sono le mutandine, e iniziano a massaggiarsi la patta. E a questo punto Masha prende il comando della situazione! Mi guarda con un sorriso perverso che mi sorprende, poi mi sputa in viso e mi spinge fuori del camerino, esclamando: “Fuori di qui, cornuto! Stasera tu non mi basti!” La guardo sorpreso, lei mi ride in faccia beffarda e intanto si toglie il corsetto di cuoio rimanendo a seno nudo, splendida offerta per i due ragazzi che già si stanno facendo avanti ridendo di me… In un attimo anche la minigonna vola via, e lei rimane in scarpe e autoreggenti a rete, la sua pelle bianchissima e serica che risalta nella
penombra; i due ragazzi sono nel camerino, le mettono le mani addosso, la palpano ovunque, poi uno dei due le mette una mano sulla testa e la spinge ad inginocchiarsi davanti a lui. Masha esita un attimo, giusto il tempo che i due
impiegano ad aprirsi e pantaloni e ad estrarre i membri già eretti, si volta verso di me e mi dice “Ti prego amore… vattene via, vai su al bar e aspettami lì!” “Sì amore, fuori dai coglioni!” esclama uno dei due ragazzi, chiudendo la
porta del camerino. Io faccio in tempo a vedere mia moglie, genuflessa, che accoglie in bocca il suo pene, poi più nulla. Resto per qualche attimo in ascolto… era ciò che volevo, ed ora sono eccitatissimo e folle di gelosia! nessuno parla là dentro per un po’, poi sento una voce maschile esclamare, dopo un rantolo di origine inconfondibile: “Cazzo, questa vacca ha una fame assurda… sborrale pure tu in bocca, che lo ingoia!”, e poi la voce dell’altro che risponde: “Non ci metto molto a schizzare, succhia benissimo… forza puttana, fammi godere… che porca che sei!”. Da lì a poco la porta si apre e i due escono. “Ancora qui tu?” mi fa uno dei due. Io taccio, li guardo ricomporsi, poi guardo la mia Masha, ancora in ginocchio, lo sguardo perso, che si pulisce la bocca di alcune gocce bianche. Mi sorride, mentre l’altro ragazzo, di rimando, mi fa: “Tua moglie, qui, è una vera puttana, sei fortunato stronzo!”. Masha si alza in piedi e, con mia somma eccitazione, la vedo che si toglie le scarpe e si sfila via le calze, lasciando tutti gli indumenti sul pavimento del camerino. Ora è completamente nuda. “Amore, te l’ho detto… VATTENE SU AL BAR!” e così dicendo corre via da me, lungo un corridoio, tutta nuda, per scomparire dietro un angolo, con già un altro uomo alle calcagna. Le obbedisco. Il locale ora è pieno di gente… posso solo immaginare cosa sta succedendo là sotto, mentre, seduto solo ad un tavolino, trangugio un bicchiere di grappa dopo l’altro, per stordirmi. Era quello che volevo, ma mai pensavo che mia moglie, la mia Masha, si sarebbe dedicata con tanta solerzia a soddisfare la mia fantasia… evidentemente le piace pure, penso, è veramente una puttana mia moglie… dio quanto la amo! Seduto al tavolino del bar, preda di un’eccitazione e di una gelosia tanto forti da farmi girare la testa, mi rendo ben conto del trambusto ai piani inferiori, e so con certezza che la causa è mia moglie… Dopo circa tre quarti d’ora che sono lì, tre quarti d’ora di sofferenze indicibili, un tipo arriva al banco del bar, è tutto sudato, ordina da bere e, rivolto a barista, dice “Cazzo, giù c’è una donna che va con tutti, fa di tutto, è incredibile, non si era mai vista prima… pensa che uno le ha pisciato in faccia e lei ha aperto la bocca e ha mandato giù!” “Cazzo…” fa il barista… “quasi quasi mi faccio dare il cambio!” “Guarda che ne vale proprio la pena… è assurda quella lì…” “ma com’è, carina?” “Beh sì, piccolina, carnosa, un gran culo molle e poi una pelle liscissima, morbida… e poi ha quella bocca… prende in bocca tutto, è proprio porca…!” Parlano di mia moglie. Del mio amore. Non resisto. Devo scendere a vedere. Lentamente scendo le scalette che portano ai camerini, alla zona dark… poi,spinto da non so quale impulso, mi denudo e lascio i vestiti in un angolo buio. Il mio pene eretto quasi mi duole. Mi aggiro per un po’ senza trovarla, poi, entrando in una saletta vedo qualcosa che non dimenticherò mai. Masha è lì, sdraiata su un ampio materasso nero, abbracciata ad un uomo enorme, corpulento, muscoloso, la testa abbandonata su una sua spalla. La sua pelle bianca sembra rilucere nella penombra. Lui la cinge con un braccio, si baciano profondamente, e intanto un signore panciuto la possiede alle spalle, in un coito vaginale lento e prolungato. Lei è bellissima, sudata, umida di umori maschili e di urina, la pelle bianco latte, il dolce corpo abbandonato alle carezze dei due uomini. Tutto intorno ci saranno almeno altri quindici maschi tutti nudi ed eccitati. Attendono il loro turno. Si capisce che il tipo enorme a cui mia moglie è abbracciata comanda la situazione e dispone a proprio piacimento del corpo di lei. Mi faccio avanti, mi unisco al gruppo in attesa. L’omone mi nota, forse coglie qualcosa nella mia espressione, come un lampo, fatto sta che indovina subito: “Tu sei suo marito” mi dice. Masha non reagisce, continua a baciarlo. Non riesco a parlare. Annuisco. Lui ride e, rivolto all’uomo che sta penetrando Masha, gli fa: “Sbrigati a venire, che tocca al maritino”. Quello accelera i colpi e in breve le eiacula sulla schiena. “Avanti” fa l’omone, “scopala davanti a noi.” Ancora, Masha è indifferente a me, e quando le vado dietro e la prendo lei resta passiva. Mi abbasso su di lei a baciarle il collo, e le sussurro: “Ti amo tesoro…” e a quel punto lei mi risponde: “Ti amo anche io… ti amo tanto… dai amore, fai veloce che ce ne sono altri…”. Io a questo non resisto, e in breve le irroro la vagina di sperma: è un orgasmo senza piacere, quasi una liberazione, e subito mi ritraggo da lei, per vedere cosa succede. L’omone la bacia più volte, poi le dice ad alta voce: “Ora ti faccio io. Ti inculo di nuovo, ok?” Solo allora noto che è dotato di un pene enorme, e tremo all’idea di mia moglie sodomizzata da quell’arnese! Lei si limita a mettersi prona e a dire: ”Lubrificami bene, non come prima…”. Quindi il tipo si sta per prendere il secondo passaggio nell’ano di Masha! Lui ora le è sopra. Qualcuno gli porge una boccetta di lubrificante, che l’uomo sparge con abbondanza sull’ano di mia moglie, poi con un affondo deciso la penetra. Masha emette un gemito strozzato, poi si abbandona ai colpi del gigante. La guardo negli occhi, lei distoglie lo sguardo voltando la testa. Tutto si svolge in silenzio. L’uomo la monta con calma, la tiene per i fianchi, affondando ogni volta interamente il pene nel retto di lei. Masha ansima, capisco che prova dolore, ma vederla in quella situazione mi fa tornare il cazzo durissimo in un attimo. “Spaccale il culo..” dico all’uomo. “Tranquillo, che la tua sporca mogliettina la apro ben bene… cazzo che vacca che hai sposato…!” e ride sguaiatamente. D’un tratto, l’uomo le dice: “Questa volta ti voglio venire nella bocca. Girati che ci sono quasi, porca.” Esce da lei per metterla pancia in su. Poi le si pone sopra, le infila il glande in bocca e si masturba. Mi guarda e sorride beffardo. “Guarda adesso, stronzo…” mi dice. Masha chiude gli occhi. Lui gode. Le riempie la bocca, poi si ritrae soddisfatto e mi strizza l’occhio dicendo: “Grazie amico…” e rivolto a Masha: “e tu ingoia, stupida puttana!”.
Mia moglie, gli occhi fissi nei miei, obbedisce. Poi, rivolta a tutti i presenti, esclama: “Forza amici… fate vedere a mio marito cosa siete capaci di fare!” e così dicendo spalanca le cosce e solleva il bacino, offrendo alla vista di tutti la sua vagina aperta e arrossata. Un tipo le si avvicina, le accarezza il seno in modo rude. Ha un bicchiere in mano, glielo avvicina alla bocca e le dice: “Tieni puttana, fatti due sorsi di questo…” “Cos’è?” chiede lei. “Rhum…
bello forte… vogliamo che vai fuori di testa!”. Masha gli prende il bicchiere dalle mani e con due grosse sorsate lo svuota. “Ecco…” dice respirando forte, “Ce n’è dell’altro?” Io sono ammutolito da quello che vedo… mia moglie vuole
sballare completamente… Un signore anziano, tutto nudo, il pene floscio che gli ballonzola davanti come un’appendice inutile, le porge un altro bicchiere. “Questa è grappa…”. Lei glielo strappa dalle mani e si scola tutto il contenuto
d’un fiato. E’ nuda, seduta sul divanetto dove chissà quanti uomini l’hanno posseduta, sudata, spettinata, e gira gli occhi intorno a sé, ebbra e eccitata. “E adesso?” domanda a tutti i presenti, “Cosa mi fate?” e nuovamente si sdraia a
prendo le gambe. Un ragazzo le si avvicina e, sorprendentemente, le sputa addosso esclamando: “Sei proprio una sporca baldracca… cazzo che maiala che sei!” e se ne va. Lei si limita a sorridere compiaciuta e si spalma sul ventre la saliva. Non so cosa mi prende… fatto sta che mi avvicino a lei e a mia volta le sputo addosso, sul seno, sussurrando “Amore mio…”. Altri, a quella vista, mi imitano: in breve, sono tutti intorno a mia moglie che a turno la coprono di
sputi insultandola e ridendo, chi sulle gambe, chi sul torace e molti, veramente molti in viso. Lei riceve tutto con grazia e passività totale, spalmando la saliva sulla pelle madida di umori. Qualcuno propone di portarla nella sling, e
a quel punto un paio di mani robuste la sollevano quasi di peso e la mettono in piedi. Un uomo le dice: “Adesso andiamo nella sling” e trascinandola di peso le molla una sonora sculacciata che le strappa un grido di dolore. Poi Masha
chiede: “Cos’è la sling..?” Io lo so ma non le rispondo, l’uomo che la sta trascinando le dice “Ora lo vedi, stupida schiava del cazzo!”. Sulla soglia della sling Masha capisce, e per un attimo esita, osservando le catene infisse nel pavimento e appese al soffitto. “Oh… no… ho paura…” prova a difendersi. Ma l’uomo, aiutato da un ragazzo giovanissimo, la conduce al centro della stanza e la incatena: in piedi, le gambe divaricate assicurate a due anelli al suolo, le
braccia incatenate sollevate verso l’alto, Masha appare come crocifissa, di fatto è assolutamente inerme e completamente aperta alla mercé di chiunque e di qualsiasi pratica. “Ti eccita tua moglie così, cornuto?” mi dice qualcuno. E’
innegabile… mi eccita da matti. Mi avvicino a lei e prendo a baciarla, lei non risponde ai miei baci ma si immedesima completamente nella parte della vittima passiva. Io la penetro in vagina e me la scopo senza riguardo, e intanto le
sbavo in faccia tutta la mia lussuria. “Ora vedrai ,amore, che ti fanno…” le sussurro. “Sì, dai, scopa la tua puttana!” esclamano alle mie spalle. Sto per venire, e accelero il ritmo… ma qualcuno se ne accorge e mi strappa via da lei,
folle di desiderio, prima che possa prendere il mio orgasmo. “No, non venire ancora… devi ass****re a quello che le facciamo e restare eccitato… te la scopi a casa la tua troia!” mi dice quello che mi ha allontanato da lei. Mi faccio in
disparte. Assisto… soffro! Frustano mia moglie! In due le vanno alle spalle e, con due frustini da cavallerizzo, prendono a sferzarle la schiena e le natiche. Per fortuna non troppo forte, non da lasciarle segni, ma le fanno male, questo
è evidente, perché Masha emette gemiti di dolore ad ogni colpo. “Tieni schiava!” le urlano ad ogni sferzata, “te le meriti, puttana che sei! Fare cornuto in questo modo il tuo maritino frocio, devi proprio essere punita!” mi hanno
chiamato “maritino frocio”… chiaro, visto che, in preda all’eccitazione di vedere mia moglie umiliata in quel modo, ho voluto essere con lei in questa tortura, e mi sono inginocchiato davanti al primo che ho trovato e ho preso a
succhiargli il pene! Lei mi guarda, ci scambiamo un’occhiata di intesa, poi Masha dice: “Sì… punitemi… fate vedere a quel succhia cazzi di mio marito come si puniscono le ragazze cattive… e tu succhia amore… fatti venire in bocca!” “Sì
amore, succhia” ripete ironicamente il tipo che sto servendo di bocca, un attimo prima di venire riversandomi nella gola due getti abbondanti di sperma. Io aspetto che finisca di scaricare tutto, poi mi alzo e mi avvicino a Masha… le
capisce e mi dice:” Sì tesoro.. vieni da me… dammelo tutto…” e spalanca a bocca. Io la bacio, e così facendo le sputo in bocca il seme dell’uomo, poi continuiamo a baciarci finchè, un po’ io un po’ lei, abbiamo ingoiato tutto. Le frustate, che si erano interrotte, riprendono subito; io resto vicino a mia moglie, la abbraccio teneramente così da sentire la violenza delle sferzate sul suo corpo adorato. Lei sussulta e si lamenta ad ogni colpo, sento il suo
dolcissimo corpo vibrare per il dolore, vorrei penetrarla così ma non mi viene permesso. "Ti amo... ti amo... ti amo..." le sussurro. Che strana sensazione: Masha è tra le mie braccia, la pelle morbida e calda di lei a contatto con la mia, in un abbraccio dolcissimo che mi fa sentire una tenerezza infinita, e intanto due sconosciuti la stanno martoriando alle spalle con i frustini, le strappano lamenti di dolore, la umiliano al cospetto di una ventina di maschi eccitati! Risate sguaiate continuamente, insulti, volgarità al nostro indirizzo si susseguono, ma noi siamo felici nel nostro abbraccio dolcissimo, ci baciamo teneramente, ci sussurriamo tenerezze, ci giuriamo amore eterno… poi qualcuno mi allontana nuovamente da mia moglie, interrompendo quell’estasi sublime con brutalità. E’ un ragazzo alto e magro. Le si avvicina da davanti, la afferra per i fianchi e la penetra. Mentre la scopa dice ai due dietro: “Continuate a frustarla, questa è solo una schifosa cagna!” e rivolto a lei: “Ti spacco la figa, stronza, e ti faccio una bella sborrata fino nell’utero!”. Lei riceve quel trattamento guardando il ragazzo dritto negli occhi. Quello se ne viene in fretta, insultandola: “Puttana stronza… beccati la mia sborra e vattene a fare in culo, grassona!”. Poi si ritrae, subito sostituito da un uomo grassoccio e sudato, che appena entrato in lei esclama: “Cazzo che figa morbida ha questa! Ci scopi che è una meraviglia!” “Ti piace eh?” dice di rimando qualcuno, e lui subito risponde: “E’ una favola… e guardate che è tutta bagnata, ‘sta maiala è eccitata da matti, è vero bella?”. Masha non risponde, si limita a sorridergli lasciva e a porgere il ventre ai suoi colpi leccandosi le labbra. “Sei una scrofa…” le sussurra quello baciandola e venendo nella sua vagina. Poi esce da lei e, senza alcun preavviso, le punta il pene verso il pube e inizia a pisciare. “Come è calda!” esclama Masha. “Guardate” dice l’uomo, “le piace anche farsi pisciare addosso!”. Intanto le sferzate sono finite. Masha viene liberata dalle catene e fatta sdraiare pancia sotto su un lettino in mezzo alla stanza. Due tipi le divaricano bene le cosce, assaporandone la morbida consistenza, poi uno dei due inizia a possederla da dietro nel sesso. Tutto si svolge in silenzio adesso, soltanto il tipo le dice sommessamente: “Ora la facciamo finita, ti scopiamo tutti così e poi te ne vai a
casa con quell’idiota di tuo marito, ok?” “Fate quello che vi pare…” risponde lei sottovoce. Poi si gira verso di me e mentre gli uomini si alternano dentro di lei ci guardiamo negli occhi in silenzio. Uno dopo l’altro una decina di
maschi prende piacere dentro di lei, ogni volta eiaculandole nella vagina, dilatata e arrossata in modo impressionante. E’ chiaro che adesso i coiti le provocano dolore, e lo sperma che fluisce dall’orifizio per colare sul materasso non serve certo a lenire le sue sofferenze, ma Masha non chiede requie, non si lamenta, lascia che ognuno prenda il proprio sfizio sul suo corpo, dentro il suo sesso. Poi qualcuno la fa girare pancia all’aria e subito il gioco riprende, con
la variante che adesso vogliono finire venendole sul viso. Il primo, il secondo, il terzo… e via così… fa impressione vedere il seme di tutti quegli uomini zampillare sulle labbra, in mezzo agli occhi del mio amore. E’ uno spettacolo di
una brutalità incredibile, vederlo in video non mi aveva fatto la stessa impressione: dal vivo, la donna che si sottopone al bukkake appare come trasfigurata, gli occhi si arrossano per lo sperma che vi entra a contatto, i filamenti colano ovunque, lungo il mento giù sul collo, nelle orecchie, nei capelli. Masha ogni tanto riceve un orgasmo a bocca aperta, dal pene zampillano due, tre, quattro getti che un po’ vanno sul viso, un po’ sulla lingua e un po’ dritti in gola, e lei ingoia tutto quello che riesce a ingoiare. Ma la cosa più impressionante è sentire l’odore che emana da mia moglie: quel forte, deciso aroma di ormoni maschili sembra quasi marchiarla, come un a****le di proprietà dei suoi aguzzini. Mi sorprende parecchio sentirla esclamare, all’ennesimo orgasmo che le viene riversato in faccia: “Che bello… vorrei che foste qui in cento…!” Tutti ridono, uno le dice: “Sei una figa di lusso, sei una vera puttana… se torni qui ti accontentiamo, stronza ninfomane!” Tutto finisce in un lampo, l’ultimo uomo presente le schizzza sperma a fontana sul viso e si allontana, lasciandoci soli. Da un dispenser a parete prendo dei fazzoletti di carta, la aiuto a togliersi il grosso dal viso. Le siedo accanto, cingendola con un braccio. Lei mi bacia… la sua bocca sa di sperma… poi mi abbraccia e mi sussurra: “Sono stata brava?” “Tesoro… sei stata sorprendente…! Ma dimmi: ti è piaciuto?” Masha sorride, con due dita si toglie dal seno delle gocce di sperma e se le porta alla bocca, mangiandole. “Sì… mi è piaciuto molto… e mi ha eccitato tanto vederti succhiare un uomo… ora ti amo ancora di più…” io la accarezzo, la bacio sul collo pieno di seme di estranei, poi lei esclama: “Amore mio… troviamo i nostri vestiti e portami via… portami via… voglio fare l’amore con te a casa… portami via… portami via… portami via…”.... Continue»
Posted by flinn 2 years ago  |  Categories: Group Sex  |  Views: 2360  |  
92%
  |  6

Mia madre gran pompinara


A quei tempi ero sempre triste, perché nonostante fossi un ragazzo carino e simpatico, nessuna ragazza sembrava essere interessata a me, e nemmeno io sembravo aver alcun interesse per le ragazze. Avevo 14 anni suonati e qualche ragazza, nulla di serio, ma soprattutto non avevo ancora fatto l’amore; se lo avessero saputo gli amici, chissà che figura! Non passava giornata, che sentissi il bisogno di sfogare i miei istinti, avevo sempre voglia di scopare, avevo tante videocassette hard, giornali porno e passavo intere giornate a fantasticare. La mattina andavo a lavorare a turno dalle 6.00 alle 14.00, il pomeriggio, tornato, accendevo il televisore e solitamente dopo 2 ore circa mi veniva la voglia di vedere un film porno. Non penso di essere stato il solo ragazzo ad aver desiderato di possedere la propria madre, specialmente se giovane e carina. Spesso infatti sognavo di farmi mia madre, immaginavo di possederla alla pecorina, di farmi fare un bocchino. Che bei sogni ! Quello che non sapevo era che prima o poi sarebbe successo per davvero. Un giorno stavo guardando un film pornografico e mia madre era in terrazzo ad innaffiare le piante. Mi piaceva vedere i miei film sapendo che potevo essere scoperto, che da un momento all’altro, magari in un attimo di abbassamento della guardia, sarebbe potuta entrare mia madre dalla porta del salotto; stavo vedendo una scena particolarmente hard, dove una donna lo prendeva in bocca da più uomini e questi poi terminavano l’amplesso sborrandole tutto il latte in faccia. Sentivo il cazzo indurirsi a poco a poco, ma ciò che mi fece avere un erezione maggiore fu il notare che mia madre si era fermata in un particolare punto del terrazzo, quasi fosse possibile da fuori vedere i riflessi della televisione. Non avevo mai pensato a questo, all’inizio fui spaventato dal fatto che ero stato scoperto, poi iniziai ad eccitarmi come mai prima, avevo il cazzo che sembrava schizzare dai pantaloni. Vidi mia madre che facendo finta di niente, osservava da dietro il vetro la scena alla televisione, non era meravigliata, diciamo piuttosto curiosa, allungava a più riprese il collo. Intanto i protagonisti erano cambiati ed ad una tratto, senza che me ne potessi accorgere, mia madre era sparita dal terrazzo per ricomparire in salotto, proprio mentre con una mano dentro i jeans ero intento a farmi una sega. Avevo il telecomando distante e non potevo fermare la scena, che figuraccia, c’era un primo piano su una ragazza che spompinava un tipo, ero pietrificato non sapevo come reagire, mia madre, lì, dietro di me, guardava senza commentare.
Mia madre non era per niente bloccata, anzi direi che si stava eccitando. Stava guardando il cazzo del protagonista e le parole che le uscirono di bocca furono che un cazzo così lei non lo aveva mai visto e mio padre non ci andava nemmeno vicino, il mio però era da tanto tempo che non lo vedeva! Non credevo alle mie orecchie! Forse sognavo, mia madre che parlava di cazzi, di vedere. Avevo la mente annebbiata, ma mi accorsi di avere ancora la mano dentro i pantaloni e la levai velocemente. Mia madre mi disse che l’aveva sempre sospettato che mi masturbavo davanti ai film porno, ma si aspettava però che la invitassi a vederli prima o poi. Si annoiava così tanto che vedere un po’ di sesso non le avrebbe certo fatto male, visto che lei e mio padre ne facevano così poco da un po’ di tempo. Mia madre si venne a sedere vicino a me, eravamo vicini l’uno a l’altra; non potete sapere come mi sentissi in quel momento, pensavo alle cose più strane, il televisore mi sembrava sfuocato e io avevo il cazzo che traspariva da dentro i pantaloni; nel film intanto un tipo dal cazzo enorme si faceva spompinare da una ragazzina di poco più 18 anni, che roba! Non potevo essere più che eccitato che in quel momento, la ragazza faceva il pompino e intanto uno da dietro glielo metteva nel culo. Mia madre mi dice di continuare in quello che stavo facendo, tanto mica si sarebbe scandalizzata. All’inizio esitai un po’……. che vergogna…… farsi una sega davanti alla propria madre. Non l’avrei mai e poi mai pensato, neanche fosse stata la prima puttana e invece fu quello che incominciai a pensare di lei, mi feci coraggio e mi levai i jeans, che scena: io con il cazzo fuori, un film porno e mia madre li. Finalmente!! Avevo una grande voglia di scopare e mi feci coraggio e presa la sua mano me la portai li, fu bellissimo sentire la sua mano sul mio cazzo, lei iniziò con fare su e giù con la mano. Era bellissimo, mi stava facendo una sega bellissima. Io ero eccitatissimo, sentivo lo sperma salire dai testicoli. All’ improvviso mia madre levò la mano, si cala sul cazzo e incomincia a farmi un bocchino meraviglioso, sentivo la sua bocca calda. Vedevo il mio cazzo scomparire e sentivo un gran caldo, la cosa però stava per terminare subito, sentivo che stavo per venire, era una sensazione bellissima, avevo sempre sognato di farmi fare un pompino, solo che non avrei mai immaginato che sarebbe stata mia madre. Lei pompava e si aiutava con la mano ed io non potevo credere a tutto questo, un’ora prima non avrei mai osato neppure pensare a questo, lo sognavo, ma ora era diventato tutto reale. Mancava ancora poco e mia madre accelerava con la mano, mi scappellava e leccava l’asta, i coglioni, era più brava delle attrici porno dei dvd, chi lo avrebbe mai pensato? Incominciò ad aumentare i movimenti, sentivo la sua bocca aspirare con più foga, finalmente sborrai, gli schizzi non finivano più, vedevo lo sperma uscire dalla sua bocca, colpirla in faccia, bagnarle i capelli, arrivarono in faccia pure a me, lei stava bevendo tutto, sembrava assetata di sperma ed in effetti era così, vedevo ripulire tutta la cappella che colava di calda crema. Finito di leccare tutto, si accorse che avevo dello sperma in faccia e incominciò a leccarmi pure la, è stato bellissimo, mia madre una pompinara. Mia madre mi si avvicina e incomincia a baciarmi, sento la sua lingua dentro la mia bocca, avevo il pensiero di fare qualcosa di male, ma era più forte l’eccitazione, il desiderio di possedere quella donna che fino a qualche ora prima era tutto fuorché una troia. Nel frattempo si era levata la camicetta e il reggiseno; cavolo, che tette che aveva, belle sode e grosse. Iniziai così a leccarle e mentre lo facevo, mia madre era intenta a farmi una sega, vedevo la mano fare su e giù di nuovo, quella mano esperta, ancora giovane che, impugnava il mio cazzo roseo, sentivo il rumore del mio cazzo ancora umido di sperma e saliva, mia madre ad un certo punto si ferma e inizia a fare su e giù con la testa sul mio membro teso. Allora ancora più eccitato le prendo la testa e la forzo a fare più velocemente. La sua lingua avvolgeva completamente il glande rosso, sentivo di nuovo lo sperma pronto ad esplodere e fu così che venni di nuovo e più di prima, vedevo lo sperma attaccarsi sulla faccia e lei a bere tutto: che bello!... Continue»
Posted by antonioeffe80 1 year ago  |  Categories: Anal, Fetish, Taboo  |  Views: 1713  |  
100%